Michelle_(2)

305Report
Michelle_(2)

Era buio. Pioveva. Ero stanco.

Ero anche nervoso. Ho pensato di annullare l'intera faccenda, ma è andata così
ormai era troppo tardi.

Stava aspettando.

Sbirciai attraverso il parabrezza schizzato di pioggia, tra i cigolii
tergicristalli nel vano tentativo di distinguere i nomi scritti sul soffitto
segnali stradali.

"Dovrei davvero procurarmi degli occhiali," mormorai tra me e me guardandomi gli occhi
strizzai gli occhi per vedere attraverso la pioggia battente.

Questa era la prima volta che incontravo una ragazza su Internet. E
anche se ci scambiavamo regolarmente e-mail e parlavamo persino
telefono un paio di volte, sono rimasto più che sorpreso quando ha chiamato
prima quella sera, chiedendomi di andarla a prendere. Certo, un sesso
invitare è una cosa difficile a cui rinunciare, anche se ero stanco.

La mia macchina procedeva con cautela mentre scrutavo i marciapiedi alla ricerca di qualsiasi segno
di lei. Ho guardato l'orologio. Ero in ritardo. Forse si era stancata
di aspettare e partire? Penso che nel profondo è quello che speravo
per. Ho guardato il mio cellulare.

Nessun messaggio.

Stavo per svoltare in una strada laterale e tornare a casa quando la vidi.

Lei esattamente come l'aveva descritta. Cappotto viola. Stivali neri. In piedi
l'angolo tra Georgia e 4th.

Mentre accostavo la macchina di lato, ho iniziato a sentirmi un po' inquietante. Io sono
sicuramente tutti gli astanti penserebbero che stavo rimorchiando una prostituta. Come io
abbassò il finestrino, fece qualche passo incerto verso di me,
rannicchiato sotto un grande ombrello nero.

"Damone?" gridò attraverso il rumore della pioggia che cadeva.

"Ciao," risposi con un sorriso. Era imperativo sorridere. Io non
voglio spaventarla adesso.

Senza ulteriore esitazione, si affrettò verso la macchina, con i tacchi alti
stivali neri che risuonavano sul pavimento bagnato. Sembrava goffa e
a disagio, come se non fosse abituata a indossare calzature del genere.

"Scusa, sono in ritardo," le chiesi scusa mentre apriva la portiera del passeggero. "Avevo
è difficile trovare la strada giusta.

"Oh, va bene," rispose mentre piegava l'ombrello e saliva
nel sedile.

Quando la porta si chiuse presto tornammo al mio appartamento.

"Allora," cominciò, guardandomi con un sorriso. "Finalmente ci incontriamo."

Ho annuito. La stavo esaminando, senza cercare di essere ovvio. Lei
era alta per una ragazza asiatica, alta circa un metro e settantacinque. Con lei
con gli stivali molto probabilmente ha superato facilmente 6 piedi. Lei non era così
attraente come l'avevano fatta sembrare le sue foto, ma doveva essere così
previsto. Probabilmente provava la stessa cosa per me.

I suoi alti stivali neri, lucidi per l'umidità della pioggia, le si avvicinarono
ginocchia, lasciando il posto a un paio di calze nere che terminavano a metà coscia.
Mi sono subito eccitato.

Anche se il suo lungo cappotto viola le scendeva ben sotto la vita, potevo farlo
dire che indossava una gonna molto piccola. Dagli scorci che ho potuto
anche questo sembrava essere viola, anche se di una tonalità diversa. Suo
i capelli neri erano raccolti con cura, permettendomi una visione chiara del suo tondo,
viso carino di cui le sue labbra imbronciate e rosa erano le più riconoscibili
caratteristica.

Il suo nome era Michelle.

"Quindi sono quello che ti aspettavi?" chiese, con un sorriso.

I miei occhi la scrutarono dalla testa ai piedi, prima di rispondere.

"Le mie aspettative sono state superate", ho mentito.

Michelle fece una risatina sommessa.

Ci sono voluti solo circa 30 secondi per affrontare l'argomento della conversazione
sesso.

"Allora quanto tempo è passato dall'ultima volta che hai scopato?" chiese, scorrendo a
lunga ciocca di capelli scuri dagli occhi.

Aggrottai la fronte in contemplazione mentre riflettevo sulla domanda.

"Circa due settimane, immagino. Perché?"

"Mi stavo solo chiedendo," Michelle disse piano mentre girava la testa per guardare
fuori dalla finestra.

Seguirono alcuni secondi di silenzio prima che parlassi di nuovo.

"Quanto tempo è passato per te?" Ho chiesto.

"Onestamente?"

"Sì."

"Circa trenta minuti."

Girai la testa sorpreso.

"Sei serio?"

Michelle annuì, un sorriso imbarazzato si allargò sul suo viso. IO
ho subito sentito un afflusso di sangue al mio cazzo.

"Piccola troia," dissi ridendo. "E un ragazzo non era abbastanza per
Voi?"

"No," ribatté lei con un sorriso soddisfatto. "Dopo che mi ha scopato,
tutto quello a cui riuscivo a pensare era chiamarti."

"Sai..." cominciai. "Avresti potuto chiamarmi prima di scoparlo."


"Ti dà fastidio?" chiese Michelle, cominciando a mostrare un po' di vergogna
la sua faccia.

"Niente affatto in realtà," risposi, placando ogni paura che potesse avere
mi aveva fatto pensare negativamente di lei.

Venti minuti di chiacchiere imbarazzanti dopo, arrivammo al mio appartamento.
Ho parcheggiato la macchina e ci siamo diretti all'interno, correndo per evitare di cadere
piovere. Quando aprii la porta del mio appartamento, Michelle entrò senza porta
segno di disagio.

"Wow, è piccola," esclamò, chinandosi per aprire la cerniera della sua grande
stivali neri.

"Sì," ho concordato, gettando le chiavi sul tavolo.

Michelle attraversò la stanza e si sentì a suo agio sedendosi
il piccolo divano nero mentre si toglieva il cappotto.

"Posso offrirti qualcosa da bere?" le ho offerto, con lo sguardo attratto da lei
calza le gambe rivestite.

"L'acqua va bene."

Le ho dato una bottiglia d'acqua prima di prepararmi qualcosa di più forte.
Sentivo che un po' di vodka sarebbe stata utile per superare la mia
inibizioni. In effetti, ero un po' indeciso su come procedere.
Dovrei prima fare una chiacchierata? Oppure si aspettava semplicemente che tutto andasse bene
ad esso?

Dopo un momento di contemplazione ho deciso una tattica che potesse facilitare
tutta la notte.

"Che ne dici se metto un porno?"

Michelle sorrise e annuì con entusiasmo. Lo sapevo dai nostri vari
e-mail e chat dicendo che era una grande fan dei film sporchi.

"Qualche richiesta?" chiesi sedendomi al computer.

"Solo qualcosa che pensi mi piacerà."

"Wow," dissi, alzando le mani per scherzo. "È utile."

Michelle ridacchiò mentre beveva un sorso d'acqua

"Ok", ho ribadito. "Vuoi qualcosa di veramente sporco... o qualcosa di a
ancora un po'...vaniglia."

"Sporco!" lei sorrise. "A patto che contenga qualcosa di anale."

Ho sorriso. Anche se Michelle non aveva mai provato il sesso anale prima, lo aveva fatto
mostrato grande interesse per l’argomento durante le nostre numerose conversazioni.

"Nessun problema", ho risposto, sfogliando i vari titoli porno su
il mio computer. "Penso che ogni film che ho qui contenga dell'anale."

Dopo aver scelto un titolo appropriato ho avviato il film sul mio computer
che alimentava la TV a grande schermo nell'angolo della stanza. Come il
mi apparvero le immagini e salii sul letto mentre Michelle rimase
seduto sul divano.

"Non ti siedi accanto a me?" chiese, dando una pacca sul posto accanto
suo.

"A dire il vero preferirei che venissi qui," risposi, sorseggiando un sorso
la mia bevanda. "Il letto è molto più comodo."

Immediatamente lei si alzò e andò a sedersi sul bordo del letto.


"Wow," esclamò, sprofondando sul morbido materasso. "Questo è
davvero, davvero morbido!"

Annuii in segno di consenso mentre Michelle saliva sul letto, sdraiandosi su di lei
pancia rivolta verso la TV con la testa appoggiata tra le mani come una piccola
bambino che guarda i cartoni animati del sabato mattina. Mentre continuavamo a guardare, I
ho trovato i miei occhi divisi tra le immagini pornografiche sullo schermo televisivo e
Michelle. Dato il modo in cui giaceva, la gonna le arrivava alta
gambe che mi danno una visione del suo bel culetto mentre viene preso a coppa da un paio di
piccole mutandine di cotone gialle. Le mutandine stavano andando piuttosto in alto
beh, aggrappandosi all'area tra le sue guance perfettamente rotonde, e poi
lasciando il posto ad aree simmetriche di pelle dall'aspetto liscio che formavano un
piega, separando le gambe e il culo. Potevo anche vederne le cime
calze nere, che cominciavano a provocarmi un formicolio nei pantaloni
il mio cazzo cominciò lentamente a prendere vita.

Mi stava prendendo in giro? Sembrava essere completamente paralizzata dal
film, totalmente ignaro dell'opinione che stava avendo su di me. Era tempo. IO
Trangugiai il resto del mio drink e posai il bicchiere sul comodino
tavolo. Poi strisciai giù dal letto a testa in giù, avvicinandomi e
più vicino alla mia destinazione finale. Il mio aveva toccato il morbido tessuto di
le sue calze mentre abbassavo la testa e premevo le labbra contro la schiena
della sua coscia.

"Hehe," ridacchiò Michelle, guardandosi alle spalle. "Ti conoscevo
non riuscirei a resistere a lungo."

"O si?" Tornai, tirando fuori la lingua per leccarle l'interno
coscia. "È questo che stavi cercando di fare? Prendermi in giro?"

"Ummm, più come... attirarti."

"Beh, considerami 'allettato.'"

Detto questo ho continuato ad esplorare il fondoschiena di Michelle mentre la allargava
gambe un po' più distanti. Le mie labbra si baciarono lungo il retro
le sue gambe mentre le alzavo ancora un po' la gonna. Potevo sentirla
emisi gemiti sottili mentre la mia lingua la stuzzicava sfarfallando lungo il
piega tra la guancia e la gamba. La mia mano l'ha accarezzata dolcemente,
culo rotondo, che scorre dolcemente sulla sua pelle nuda e sulla fessura coperta dalle mutandine.
Le ho dato una stretta alla guancia tesa mentre continuavo a baciarla. La mia mano impegnata
poi si spostò sull'altra guancia stringendola brevemente e lentamente
infilando le dita sotto l'elastico della sua biancheria intima e tirando
metterli da parte. Il tessuto stretto si allungò facilmente, scoprendola lentamente
piccolo stronzo ai miei occhi indiscreti. Le mie labbra lo seguirono, tracciando un percorso
direttamente tra le sue guance sode prima di separarsi e permettere alla mia lingua
per scagliarsi contro il suo buco esposto.

"Mmmmm," fece le fusa, sentendo la mia lingua calda e bagnata scivolare sulla sua vergine
buco. "Non hai idea di quanto tempo lo aspettavo."

Ho risposto alla sua ammirazione tirandole più lontano le mutandine e
annidando il mio viso tra le sue guance, piantandole un lungo, amorevole bacio
la sua piccola stella stretta. Ancora una volta gemette e ancora una volta mi sentii incoraggiata
mi ha tirato fuori la lingua, colpendo e pungolando la piccola apertura liscia
lussuria crescente.

"Voglio sedermi sulla tua faccia," sbottò inaspettatamente.

"Uhhhh," balbettai, togliendo la faccia dal suo culo. "Sicuro."

Senza nemmeno una parola, mi sono sdraiato obbedientemente sul letto
Michelle si girò e cominciò a togliersi la biancheria intima. Il mio cuore era
battendo con anticipazione mentre strisciava verso di me, sorridendo. Come lei
si avvicinò, tirò su la gonna attorno ai fianchi svelando una figa
completamente privo di pelo, ad eccezione di una piccola foglia
toppa sopra il cavallo. Con un unico, fluido movimento, Michelle oscillò
una gamba sopra la mia testa e abbassò la sua figa sulla mia bocca. Lei
mosse leggermente i fianchi quando le morbide labbra della sua figa entrarono in contatto
la mia bocca. Immediatamente, la mia lingua scattò fuori, aprendo le sue morbide pieghe e
seppellendosi nel suo buco bagnato.

Gemetti di piacere mentre la assaggiavo, le mie labbra succhiavano la sua figa come la mia
la lingua si fece strada dentro di lei. Lei si abbassò e afferrò
con lussuria verso i miei capelli, i suoi fianchi che dondolavano lentamente mentre cominciava a digrignare
se stessa in faccia. Le mie mani le afferrarono saldamente le natiche mentre io
ho fatto del mio meglio per spingere la lingua il più possibile dentro di lei.

All'improvviso, si sollevò dal mio viso mentre la fissavo con
curiosità. Senza una parola, Michelle invertì la sua posizione in modo che lei
ora era rivolto ai miei piedi. Lei abbassò leggermente il corpo prima di raggiungere
indietro, allargando le natiche e abbassando il buco del culo esposto
giù sulla mia bocca in attesa.

Gemetti in approvazione per l'atto osceno di Michelle mentre le mie labbra si avvicinavano ancora una volta
a contatto con il suo buco del culo perfettamente liscio. La mia lingua scattò di nuovo
fuori, questa volta ballando attorno all'apertura increspata, stuzzicandola
leccate veloci e bagnate.

"Mmmm," gemette, sporgendosi in avanti e facendomi alzare la testa
per mantenere la mia lingua calda a contatto con il suo buco del culo.

Poi ho sentito le sue mani sui miei pantaloni. Il mio respiro si accelerò, come Michelle
ho aperto i bottoni dei jeans e ho abbassato la cerniera. La sua mano
mi sono infilato nei pantaloni, tenendo il cazzo teso fuori dalle mutande,
dandogli pressioni intermittenti come per testarne le dimensioni e la fermezza.
La mia lingua continuava a sferzarle il sedere mentre lei iniziava a spingerle entrambe
i miei jeans e la biancheria intima mi scendono sui fianchi. Ho alzato il culo
assistenza e Michelle finalmente liberarono il mio cazzo palpitante che balzò
avanti per schiaffeggiarmi lo stomaco. Le sue dita delicate trovarono
si fanno strada verso la mia asta, avvolgendola attorno e sollevandola fino a puntare
verso l'alto.

"Mmmmm, Damon!" esclamò. "Hai un bellissimo cazzo!"

"Grazie," risposi tra le leccate della sua figa e del suo buco del culo.

Dopo avergli dato alcuni colpi lenti, Michelle si sporse in avanti e succhiò
la testa in bocca. Potevo sentire la sua lingua suonare circondando la punta
mentre succhiava piano, ricoprendolo di saliva umida e calda. A poco a poco, lei
ha fatto scorrere le sue labbra lungo tutta la mia asta, prendendo più del mio cazzo dentro
la sua bocca affamata.

"Succhiami il clitoride," ordinò con fermezza, sistemandosi in un 69 stabile
posizione.

Ho risposto obbedientemente, succhiando il suo piccolo bottone carnoso nella mia bocca
Michelle ha fatto scivolare il mio cazzo nel suo. Ho chiuso le mie labbra attorno al suo clitoride,
succhiandolo mentre gemeva attorno al mio cazzo. La sua mano trovò presto la sua strada
alle mie palle, che presto vennero dolcemente strizzate e accarezzate come lei
le labbra scivolarono su e giù lungo la mia asta. Le sue natiche venivano squarciate
dalle mie mani impazienti mentre continuavo a lavorare sul suo clitoride con irremovibile
diligenza. Potevo sentire il suo anello della lingua correre lungo il mio cazzo quando lei
allungò la mano e guidò una delle mie mani verso il suo buco del culo. Michelle
gemette di nuovo quando il mio dito toccò il suo anello sensibile, bagnato dal mio
lingua e scivolò facilmente all'interno. Il suo piccolo sedere stretto si strinse
intorno alle mie nocche e mi ha dato un colpo particolarmente forte sulle palle
stretta. Ho iniziato a spingere il dito dentro e fuori mentre le succhiavo il clitoride
facendola rispondere prendendo il mio cazzo in profondità nella sua gola.

"Uuuugggghhhhhh," gemette con un grido acuto e incomprensibile
mentre si spingeva di nuovo sulla mia faccia.

La mia mano è rimasta intrappolata tra il suo culo e la mia faccia, e sono stato costretto a farlo
ritira il mio dito dalla sua piccola e stretta prigione. Cominciò il corpo di Michelle
per tremare e lei si spinse ancora più indietro, tagliandomi completamente via
fornitura d'aria. Ho faticato a prendere fiato, ma la sua figa mi copriva
completamente la mia bocca. Strillò ancora una volta, prima che presto si sentisse lo strano suono
cedette il posto ad un sospiro rilassato e soddisfatto e lei mosse il culo lungo il mio
viso, permettendomi di respirare ancora una volta.

"Mmmmm," gemette con soddisfazione mentre cominciava a far scivolare il suo buco del culo
sulle mie labbra. "È stato carino."

La mia lingua scattò ancora una volta fuori, colpendo il suo piccolo orifizio con perversione
entusiasmo, mentre lentamente accarezzava il mio cazzo dolorante con la mano. Lei
ho persino spinto il suo culo contro la mia faccia nel tentativo di riceverne di più
della mia lingua calda e bagnata nel suo insaziabile buco del culo.

"Voglio che tu mi scopi così tanto," disse piano ma con fermezza nel mezzo
lecca il mio cazzo.

"MmmmmHmmmm," risposi d'accordo, gemendo nel suo culo. "Voglio
vaffanculo così tanto."

"Come mi vuoi?" chiese Michelle, allontanando il suo sedere dal mio
lingua impegnata.

"Mettiti sulle mani e sulle ginocchia", dissi semplicemente, più come un ordine che come un
suggerimento.

Obbedientemente, assunse la posizione. La sua schiena si inarcò in modo sexy,
posa da troia con la minigonna raccolta intorno alla vita. La sua fessura era
luccicante di eccitazione mentre mi toglievo il resto dei vestiti, rigirandomi
disfarli con cura sul pavimento della camera da letto. Allora ho preso un preservativo
dal comodino.

Mentre mi avvicinavo non potevo fare a meno di chinarmi e far scorrere la lingua verso l'alto
la sua figa bagnata prima di pugnalarle nuovamente il buco del culo.

"Mi dispiace," mi scusai, alzandomi in ginocchio dietro di lei. "Non potevo proprio
resistere. Adoro dannatamente leccarti la figa."

"Oh, va bene," disse con una risatina, mentre mi arrotolavo il preservativo
cazzo. "Sembra che ti piaccia anche il mio culo."

"Sì," concordai con enfasi prima di sputarmi sulla mano e strofinarla
sopra l'asta del mio cazzo.

Mi sono messo in posizione e ho usato una mano per allargare l'ingorgo di Michelle
labbra della figa mentre appoggiavo la punta all'ingresso, spingendo lentamente. Facilmente,
scivolò dentro, le pareti della sua figa erano viscide di fluidi. Ne ho dati alcuni brevi,
spinte delicate prima di forzarlo fino in fondo, premendo i miei fianchi
saldamente contro il suo sedere mentre seppellivo la mia lunghezza dentro di lei.

"Ooooh sì," tubò. "Questo è quello che stavo aspettando."

"Oh sì," ho ribattuto. "È tutto quello che stavi aspettando?"

"Hehe....Noooo."

Ho iniziato a scopare Michelle, tenendo i suoi fianchi saldamente tra le mani mentre mi muovevo
dentro e fuori con colpi lenti e costanti.

"Cos'altro non vedi l'ora?" ho insistito, allargandole il culo
le guance divaricate per poter vedere il suo seducente bocciolo di rosa.

Ancora una volta ridacchiò.

"Sai...."

"Dillo. Voglio sentirtelo dire."

"Io..." cominciò, la voce interrotta da sottili sussulti di piacere. "IO
voglio... che... tu... mi... scopi... il... culo."

Ho sorriso.

Mantenendo un ritmo costante, mi leccai il pollice e lo appoggiai contro di lei
piccolo, piccolo buco nero.

"Sì?" Ho continuato. "Vuoi il mio cazzo qui?"

Mentre parlo le premo il pollice nel sedere, facendolo muovere oltre lei
anello costrittivo del muscolo.

"SÌ!" ansimò. "È tutto ciò a cui ho pensato."

"Va bene...." dissi, facendo scivolare il pollice più in profondità. "Forse se lo sei
Bene."

Michelle gemette con esagerata delusione mentre le lanciavo una battuta scherzosa
schiaffo sul culo.

"Va bene," concesse, ravvivata all'improvviso dalla sensazione della mia mano nuda
colpendo la sua pelle nuda. "Farò tutto quello che vuoi."

Ancora una volta ho sorriso. Dopotutto sarebbe stata una bella serata.

Ho continuato ad aumentare il ritmo mentre Michelle mi spingeva.

"Più forte!" gemette dopo circa 10 minuti di scopata solida. "Mi piace
sentire le tue palle che mi schiaffeggiano."

Ho obbedito senza dire una parola, penetrando nella sua figa con forza crescente
mentre continuava a gemere di approvazione. Come una goccia di sudore cominciò a farlo
forma sulla mia fronte, sapevo che non avrei potuto resistere ancora a lungo.

"Voglio venirti in bocca!" Ho sbottato, sopraffatto dal sesso
energia.

"Va bene," disse, guardandosi alle spalle. "Voglio che tu venga
nella mia bocca!"

Ancora qualche spinta ed era giunto il momento. Freneticamente, ho tirato il mio cazzo
dalla sua figa deliziosamente bagnata e si affrettò ad arrotolare la vestibilità attillata
preservativo dal mio cazzo. Lottando per impedire che il mio sperma fuoriesca
prematuramente, ho stretto le dita attorno alla base del mio cazzo mentre
ha strappato via il preservativo. Michelle si voltò immediatamente, aprendola
bocca mentre mi guardava con desiderio negli occhi. Proprio come la prima goccia di
lo sperma cominciò a fuoriuscire, spinsi i fianchi in avanti e li contrassi
muscoli pelvici, inviando un forte colpo di fluido bianco cremoso direttamente dentro
la sua bocca. Prima che potessi fare qualsiasi altra cosa, si avvolse le labbra
attorno al mio cazzo mentre continuavo a carezzarlo, mandando ondate di sperma
oltre le sue labbra che succhiano. Sopraffatto dal climax a cui ho afferrato la schiena
la sua testa, tenendola ferma mentre il mio pugno batteva con furia
schioccandole di tanto in tanto contro la bocca mentre lottava per assorbire
tutto il mio carico costante e in streaming.

Quando il mio orgasmo si è calmato, la maggiore sensibilità del mio cazzo mi ha fatto sì
allontanarsi bruscamente mentre Michelle alza lo sguardo, lasciando scorrere un po' dello sperma
lungo il mento e giù sul letto. Continuò a mantenere il contatto visivo
mentre teneva la bocca aperta, costringendomi a vedere i miei succhi raccolti
la sua lingua prima di chiudere le labbra e ingoiare l'intero carico.


Crollai di nuovo sul letto, sudato e stanco, mentre Michelle si rannicchiava
accanto a me. Mentre la stanza si riempiva solo dei suoni del nostro
il respiro e i deboli suoni della fottuta emanazione della TV, I
rendersi conto di quanto fosse rumoroso il porno.

"Penso che sia meglio abbassarlo," dissi, prendendo il telecomando

controllo. "I vicini penseranno che stiamo facendo un'orgia
qui o qualcosa del genere."

Michelle rise mentre cominciava a togliersi il resto dei suoi vestiti.

"Whoa," dissi, voltandomi per riconoscere le sue azioni. "Che cosa fai?
pensi di fare?"

Mi lanciò uno sguardo turbato, mentre mi lanciava la maglietta in faccia.

"Oh, non abbiamo ancora finito", affermò categoricamente. "Penso che ci sia
qualcos'altro che mi hai promesso stasera?"

"Non lo so..." dissi comicamente. "È già passata l'ora di andare a dormire..."

Michelle sorrise e mi diede scherzosamente un pugno sul braccio.

"Bene," cominciò. "Credo che se hai davvero bisogno di dormire posso farlo
lascia che tu. Immagino che tu sia molto più grande di me e che i vecchi abbiano bisogno del loro
riposo."

Ho riso dei suoi commenti provocatori. In un certo senso lo era un po'
VERO. Dato che Michelle aveva 21 anni, io avevo quasi 9 anni più di lei. IO
ha deciso di stare al gioco.

"Sì" dissi fingendo uno sbadiglio. "Penso di aver bisogno di dormire un po'.
Forse puoi chiamare un altro dei tuoi "amici di Internet" affinché venga a prenderti
su."

"O si?" disse avvicinandosi un po'. "E poi forse lo lascerò fare
uno dei miei altri "amici di Internet" sarà il primo a scoparmi stretto
culetto vergine?"

Fissai il soffitto per un breve momento prima di voltarmi
affrontarla.

"Bene, va bene..." cominciai. "Se davvero vuoi che lo faccia... allora io
indovina... possiamo farcela."

Michelle poteva percepire la giocosità nella mia voce e sorrise
risposta.

"Veramente?" chiese speranzosa.

"Sì. Però avrò bisogno di un po' di tempo per... riprendermi."

"Oh, va bene," ribatté lei con un sorriso. "In realtà lo sono
comunque mi sto impegnando abbastanza per il momento."

Dopo che ha guardato in basso, ho seguito la sua linea visiva per vederla
dita impegnate al lavoro tra le sue gambe.

Feci una breve risata prima di parlare di nuovo.

"Wow," ho esclamato. "Sei... una... ragazza... arrapata."

Michelle ha semplicemente alzato le spalle e mi ha rivolto un sorriso timido. È stato allora che io
notò l'altro braccio dietro il corpo.

"Ehi," dissi, stringendo gli occhi con sospetto. "Cosa fai indietro?
Là?"

"Niente," rispose con una risatina, incapace di mantenere la calma
viso. Mi sono seduto e ho guardato il suo corpo per vedere le sue dita
la mano destra infilata tra le natiche. Mi sono spostato giù dal letto
guardala meglio mentre continuava a toccarsi il culo spudoratamente
e figa all'unisono.

"Tu... sporca... ragazzina..." dissi con stupore mentre mi tiravo indietro
una delle sue guance carnose per darmi una visione chiara della sua snellezza
un dito che scivola dentro e fuori dal suo piccolo buco del culo stretto.

"Allora," disse, ridacchiando. "Sei già pronto?"

"Oh, ci sto arrivando."

Mentre continuavo a osservare l'esibizione sexy di Michelle, la mia mano vagò
verso il basso per afferrare il mio cazzo che stava già cominciando a crescere
irrigidirsi ancora una volta. Lei mi sorrise prima di girarsi su di lei
pancia e poi alzarsi a quattro zampe. Mentre sentivo il mio cazzo crescere
più grande nella mia mano, i miei occhi rimasero fissi su Michelle come le sue dita
ha continuato a penetrarsi la figa e il culo in tandem.

"Non pensarci," dissi, avvicinandomi al comodino.

Ho aperto il cassetto e ho recuperato una bottiglia di lubrificante che avevo nascosto
dentro. Quando Michelle vide la bottiglia sorrise in risposta.


"Sei sicuro di essere pronto per questo?" chiesi, tornando in posizione
dietro di lei.

"SÌ!" rispose con enfasi, fugando ogni dubbio nella mia mente.

Sorrisi mentre aprivo la bottiglia. Tenendolo sollevato, ho iniziato a farlo
spruzza il liquido trasparente sul sedere di Michelle sul fondo
coccige. Lei fece una risatina debole mentre il lubrificante iniziava a rallentare
cola giù tra le sue guance, facendosi strada fino al dito che era
ancora sepolta fino alle nocche nel profondo del suo stesso culo. Quando iniziò a ritirarla
dito, il fluido si raccolse attorno al dito, rivestendolo mentre spingeva
di nuovo dentro.

"Oooooohhhh," fece le fusa, facendo scorrere dentro e fuori il dito ricoperto di lubrificante
il suo buco del culo vergine.

Osservavo affascinato mentre spruzzavo un po' di lubrificante nel mio
mano e cominciò ad accarezzarmi l'asta, ricoprendola con la parte scivolosa
sostanza. Mi sono avvicinato, il cazzo mi pulsava in mano, dolorante
entra nell'irresistibile piccolo orifizio di Michelle. La guardai
dito, luccicante di lubrificante, che scivola dentro e fuori, spingendosi più in profondità
con ogni spinta.

Mi abbassai e le presi la mano, invitandola gentilmente a farlo
ritirare. Con riluttanza lo fece, liberando il dito con facilità.
Potevo quasi percepire l'attesa crescere nel suo corpo mentre lei
in attesa. Dopo mesi di e-mail sporche e conversazioni sessuali telefoniche
stava per accadere. Volevo inculare Michelle.

Afferrando saldamente il mio cazzo, ho fatto scivolare la testa su e giù per la sua fessura bagnata
prima di trovare la sua piccola stella stretta. Lentamente, ho iniziato a spingere.

"Merda," imprecai, mentre il mio cazzo scivolava verso la sua figa. "Penso
usato troppo lubrificante."

Ancora una volta ho provato, solo per far scivolare il mio cazzo tra le sue natiche
suscitando una risata divertita in entrambi.

"Va bene," affermai con ferma risolutezza. "La terza volta è il fascino."

Tenendo il pugno chiuso contro il suo buco del culo, ho spinto lentamente in avanti,
sbattendo la testa del mio cazzo contro il suo culo volenteroso ma difficile. IO
mi mordicchiai il labbro inferiore con devota concentrazione mentre sentivo il suo buco stretto
cedi gradualmente e permetti al mio cazzo di penetrare nella sua parte più privata
orifizi corporei.

"Uhhhhhhhggggg," gemette Michelle, mentre la mia testa scivolava nel suo culo. IO
non potevo dire che il gemito fosse di piacere o di disagio.

"Gioca con la tua figa," ho suggerito, fermandomi solo brevemente prima di spingere
più del mio cazzo nel suo buco del culo.

Ha seguito il mio consiglio, ma sentivo che qualcosa non andava. Il suo corpo
sembrava teso e apprensivo.

"Stai bene?" ho chiesto, fermando brevemente l'invasione anale del mio cazzo.

"Sì," rispose docilmente e poco convincente. "Continuare."

Ancora una volta ho ripreso, usando una mano per guidare lentamente il mio cazzo più in profondità
Il buco del culo chiuso di Michelle. Forse ero un po' troppo zelante, o...
forse semplicemente non era pronta, ma dopo qualche altro secondo, strisciò
in avanti dal mio cazzo tenendole cautamente la mano contro di lei di recente
foro alesato.

"Ahhhhgggg," imprecò frustrata. "Non posso...è...troppo doloroso."


Sebbene fossi deluso, ho cercato di nasconderlo nella mia preoccupazione
Il benessere di Michelle.

"Va bene," ho offerto in segno di condoglianze. "Le ragazze di solito hanno difficoltà
quando lo provano per la prima volta."

Michelle emise un lamento istrionico mentre si guardava indietro
la sua spalla con un'espressione timida, da cucciolo di cane.

"Ma voglio farlo così tanto," implorò, battendo la mano contro
il materasso per la frustrazione. "Ed... è stato... bello. È semplicemente
Quello...."

"Lo so," dissi, offrendogli conforto. "Va bene. Anzi, proviamoci
qualcos'altro."

L'interesse di Michelle sembrava aver raggiunto il culmine quando tornai ancora una volta al
comodino accanto al mio letto. Questa volta ho frugato un po' più a fondo
trovare quello che cercavo. Dietro i preservativi, le manette e
bende e altro armamentario, ho trovato quello che cercavo.

"Resta lì", dissi a Michelle, che ora era in posizione distesa su un fianco
rivolto lontano da me.

Dal cassetto ho tirato fuori un plug anale rosa lungo 5 pollici che avevo
acquistato su internet qualche tempo prima. L'avevo comprato per usarlo
con una precedente "amica" anche se era arrivato troppo tardi per noi
per farne uso. L'ho appoggiato sul letto, mentre Michelle rimaneva sdraiata
dalla sua parte, ovviamente curiosa di cosa avevo in mente. Poi ho recuperato
un altro preservativo ha aperto la confezione. Ho notato che aveva un odore simile
arance. «Deve provenire dalla confezione di varietà tropicale che avevo comprato l'ultima volta
mese,' ho pensato tra me e me mentre me lo facevo rotolare sul cazzo. Ho applicato il
lubrificare abbondantemente sia la spina che il mio cazzo ricoperto di gomma prima
tornando lentamente al corpo in attesa di Michelle. Quando iniziarono le mie dita scivolose
per esplorare la sua figa e il suo culo, sospirò soddisfatta. L'ho convinta a farlo
rotolarsi un po' per avere accesso alla sua figa, cosa che io
penetrato con le mie dita prima di sostituirle con il mio cazzo. Una volta
La figa di Michelle ha ingoiato la mia intera lunghezza cinque o sei volte
immergendomi lentamente e metodicamente, presi il tappo di gomma rosa e lo posizionai
la punta stretta contro il suo buco del culo non conforme.

"Oooh," sbottò quando sentì la punta affusolata sfiorarla bagnata,
bordo muscolare.

Con il mio cazzo completamente sepolto dentro di lei, ho iniziato a ruotare la spina
Gliel'ho infilato lentamente su per il culo. Poiché il giocattolo di plastica era molto di più
aerodinamico e un po' più piccolo del mio cazzo, lo ha fatto scivolare
piccolo sforzo. Michelle spostò il corpo e sospirò di piacere,
ovviamente godendosi la sensazione di avere entrambi i buchi riempiti.

Quando i miei fianchi iniziarono a dondolarsi con spinte brevi e veloci, forzai la spina
più in profondità facendo sì che il suo buco del culo si allarghi sempre di più. Era quasi
completamente dentro di lei adesso mentre strillava in estasi. Il più largo
parte del giocattolo presto superò il suo anello stretto e muscoloso permettendogli di farlo
serrare attorno alla base molto più stretta che poi seguì. ho sorriso
con soddisfazione, vedendo il giocattolo di gomma rosa completamente incastonato
Il buco del culo di Michelle con solo la base piatta visibile.

"Come ci si sente?" ho chiesto, ruotando la spina nel suo culo.
"Mmmmm," fece le fusa con desiderio. "Così maledettamente buono!"

Mentre tiravo il plug anale, ho iniziato a scoparle la figa con maggiore forza
vitalità, fermandosi di tanto in tanto per muovere il giocattolo di plastica
dentro il suo culo.

"O si!" gridò. "Fottimi! Fottimi forte!"

Ancora una volta obbedii, tenendo la spina saldamente sepolta dentro di lei mentre la sbattevo
i miei fianchi nel suo culo.

"Uh! Uh! Uh! Uh! Uh!" sbottò ad ogni spinta, finché non la sentii
il corpo teso ancora una volta.

Ed è stato allora che ho sentito la sensazione sessuale più strana che abbia mai avuto
mai sentito. La sua figa si è stretta attorno al mio cazzo come una morsa. IL
la forza era così forte che sentivo come se potesse davvero recidermi l'uccello
dal mio corpo. Ho provato a tirarmi fuori, ma la presa ferrea della sua fica ha resistito
me sul posto finché il suo orgasmo non si è calmato. Solo allora ho potuto
riprendere la mia spinta, avvicinandomi al mio secondo climax del
notte.

Ancora qualche spinta energica e sbattei il mio corpo contro il suo, gemendo
in modo incontrollabile mentre versavo una grossa quantità di sperma nel preservativo. 'Fanculo,
Odio i preservativi,' ho pensato tra me e me, mentre riprendevo fiato, il mio cazzo
ancora sepolto nella figa devastata di Michelle.

Lentamente, ho estratto il plug dal suo culo, seguito dal suo cazzo
figa. Michelle si girò sorridendo, gli occhi chiusi contenta. IO
sdraiato sul letto, lasciando il preservativo sul cazzo, ma sistemandolo
plug anale sul comodino accanto a me.

Adesso ero ufficialmente stanco.

Speravo che Michelle si sentisse allo stesso modo, perché non era possibile che lo fossi
farò un altro giro, e sicuramente non avevo voglia di accompagnarla
dall'altra parte della città per riportarla a casa. Fortunatamente, si è raggomitolata
accanto a me e chiuse gli occhi.

Presto ci addormentammo entrambi.

* * * * * * * * * * * * * * Quando mi svegliai era silenzio
buio fuori. Mi stropicciai gli occhi tristemente mentre lanciavo un'occhiata al
orologio.

"5:38," gemetti, rotolando all'indietro solo per ritrovarmi bloccato
Il corpo addormentato di Michelle.

Imprecai silenziosamente me stessa mentre lottavo per trovare un posto comodo
posizione. Per quanto mi piacesse "dormire" con le ragazze, in realtà lo odiavo
dormire con loro. Mi girai e chiusi di nuovo gli occhi, giurando di farlo
comprare un letto più grande.

* * * * * * * * * * * * *

Quando mi svegliai, fuori c'era la luce. Potevo sentire gli uccelli
cinguettio. Raggi di luce splendevano attraverso gli spazi aperti del mio
le persiane mentre seppellivo la testa sotto le coperte per scappare di nuovo nella mia
mondo isolato di confortante oscurità.

Poi ho sentito un corpo spostarsi accanto a me e mi sono ricordato che c'era
qualcun altro a letto con me. Gemetti silenziosamente tra me e me, senza volerlo
impegnarsi nelle umili chiacchiere che spesso seguono le notti di
sensualità. Per un momento ho pensato che se avessi semplicemente finto di esserlo
dormendo, poi avrebbe chiamato un taxi e sarebbe tornata a casa.

Passarono dieci minuti.

Poi passarono venti minuti.

Poi trenta.

Poi un'ora. Stavo diventando irrequieto.

Mi girai e guardai Michelle. Sembrava irrequieta ma silenziosa
dormire. Tristemente, mi alzai dal letto e andai al
bagno, sperando che dopo una lunga doccia potessi tornare a trovarla
andata con una bella nota concisa al suo posto.

Non molta fortuna.

Quando uscii dal bagno, con un asciugamano intorno alla vita, fui catturato
un'improvvisa ondata di aria fredda che mi ha ricordato di chiudere prima le finestre
andare a dormire. Mentre percorrevo il corridoio per tornare nella stanza principale,
Ho visto Michelle rannicchiata tra le coperte con la testa che spuntava fuori
sopra le coperte, sorridente con espressione assonnata.

"Buongiorno," dissi, rimettendomi a letto, ancora un po' umido
dalla doccia.

"Mmmm, Buongiorno," rispose, allungando le braccia in modo prolungato
sbadiglio.

Sono seguiti circa 30 minuti di conversazione casuale, senza nessuno dei due
menzionando gli avvenimenti della sera precedente.

"Allora..." cominciai, sedendomi sul letto. "Vuoi un passaggio a casa?"

Michelle gemette e mi lanciò un'espressione imbronciata.

"Che cosa?" chiesi, aggrottando la fronte con finta preoccupazione.

Sapevo cosa voleva. Per qualche motivo le ragazze sembrano amare il sesso mattutino,
e in quel momento sapevo che avrei dovuto dargliene almeno uno
altro orgasmo prima di poterla portare a casa.

"OH?" Ho continuato scherzosamente. "C'è qualcos'altro che vorresti
prima che tu vada?"

"Forseeeee...," rispose timidamente, tirando le coperte fino a metà
coprirle il viso arrossato.

"E cosa sarebbe?" chiesi, incrociando le braccia al petto.
"Io... voglio... provarci di nuovo."

"Eh?" Balbettai, completamente colto di sorpresa dalla sua risposta.

"Voglio provarci di nuovo", ha ribadito, questa volta rispondendo con qualcosa di più
convinzione.

"Vuoi dire...?"

"SÌ."

"Nel tuo...?"

"SÌ!"

"Wow," esclamai, scuotendo la testa incredula. "Umm, okay. Sì, io
immagino che possiamo riprovarci..."

"Oh? E allora? Adesso non vuoi fottermi il culo?"

Ho riso mentre respingevo il suo commento insinuante.

"No, no, no. Certo che lo voglio. È solo che... se non potessi
occupatene ieri sera allora..."

"Beh, voglio provarci," affermò con fermezza, interrompendomi.

Potrei dire che Michelle era abituata a fare a modo suo. Ho gettato le mani
rassegnato.

"Okay, allora. Facciamolo. Ma prima ....."

"Che cosa?" chiese, i suoi occhi si spalancano di curiosità.

"Penso ..." ho continuato, sorridendo. "Voglio davvero che tu metta il mio cazzo
nella tua bocca."

Michelle sorrise. Sapevo che le piaceva la mia idea.

Senza una parola, si muoveva sul letto, spingendo le coperte nude
corpo. Solo il pensiero di avere le labbra imbronciate di Michelle.
io ancora una volta avevo già iniziato la corsa familiare del sangue nel mio
cazzo. Mentre mi sistemavo in una posizione comoda, si è messa
tra le mie gambe, sdraiato sullo stomaco e prendendo il mio cazzo in crescita in lei
mano. Gli diede qualche tratto lento mentre guardava la mia aspettativa
viso. Ho messo le mani dietro la testa, sistemandomi con un contenuto
Sorridi mentre la guardavo piantare un bacio morbido proprio alla fine del mio cazzo.
Michelle lasciò che le sue labbra indugiano lì per un momento prima di permettere lentamente
loro si diffondono, portando la testa nella sua bocca calda e bagnata. Finalmente lei
Si è rotto il contatto visivo mentre le sue labbra scendevano lungo il mio albero, la sua lingua
scivolando lungo la parte inferiore. Mentre raggiungeva la base, dove le sue dita
Erano avvolti attorno al mio cazzo, ho sentito il suo anello per lingua che si muoveva
intorno alla sua bocca.

"Gioca con le mie palle", ho suggerito mentre guardavo le sue labbra bocche e rosa
scivolando su e giù per il mio albero bagnato.

Con l'altra mano, ha allungato la mano e ha coperto le mie palle sensibili,
accarezzando le dita lungo la parte inferiore prima di dare loro un gentile
stretta. Ho sussultato mentre continuava a schiacciare, forse anche un po '
difficile. Stavo per chiederle di smettere quando ha abbassato la testa e corse
la sua lingua sopra le mie palle, inviando un piacevole brivido in tutto il mio
corpo. Gemetti in approvazione mentre le labbra e la lingua le coprivano di morbide
Lecca e baci prima di riportare la sua attenzione sul mio cazzo.

"Mmmm, sei abbastanza bravo in questo," dissi dolcemente mentre le sue labbra ancora una volta
avvolto attorno al mio cazzo.

"Hehe," ridacchiò, la sua voce carina smorzata dal mio cazzo in bocca.
"Grazie."

Quando ha iniziato a complimentarsi con le sue labbra succhianti con colpi lenti e lunghi
La sua mano potevo sentirmi gonfiare in bocca. Ho raggiunto
Muovi qualche ciocche di capelli dal viso, dandomi una visione migliore.

"Mi piace vedere", ho spiegato quando mi ha gettato gli occhi
curiosità.

Dopo circa dieci minuti consecutivi del lavoro orale di Michelle, lo ero
Sufficientemente ha funzionato per intensificare la situazione.

"Okay," disse, afferrando un preservativo dal tavolo notturno. "Voglio che tu
arrivare in cima."

Conformativa, Michelle ha dato al mio cazzo qualche altro colpo prima di alzarsi
alle sue ginocchia.

"In che modo vuoi che affronti?" chiese mentre rotolavo il preservativo
sul mio cazzo palpitante e bagnato.

"Quel modo." Ho ordinato, riferendomi alla fine del letto.

Mi ha dato un altro sorriso amoroso prima di lanciare una gamba sul mio corpo,
tenendosi in una posizione accovacciata direttamente sopra il mio cazzo in attesa.
Mentre lo tenevo rivolto verso l'alto, Michelle allungò la mano per guidare la testa
Nel suo piccolo buco umido, abbassando lentamente il suo corpo verso il basso. Suo
La figa mi afferrò il cazzo mentre guardavo le sue labbra scivolare lungo la mia lunghezza.
Una volta era completamente discesa e il mio cazzo era saldamente incorporato dentro
Lei, ho rilasciato provvisoriamente la mia presa sul mio albero.

Mettendo le mani sulle mie cosce per equilibrio, Michelle ha iniziato a muoversi
se stessa su e giù sul mio cazzo, mostrando una notevole dimostrazione di gamba
resistenza muscolare. La sensazione era incredibile, mentre la guardavo poco
Il culo rotondo sale ripetutamente e scende, la sua figa scivola su e giù
facilmente. Ho notato che il suo respiro diventa più veloce man mano che aumentava
la pace.

"Giocherai con il mio culo?" Ansimò, guardando indietro a metà strada su di lei
spalla.

"Forse ..." ho risposto, anche se stavo già leccando le dita
preparazione. "... se dici per favore."

"Per favore," riportò con esitazione. "Per favore gioca con il mio stronzo."

Quelle poche parole mi hanno acceso ancora di più e ho rapidamente rimosso il mio bagnato
Dita dalla mia bocca e le misero sopra la sua apertura stretta e anale.
Michelle fece le fusa con gratitudine come massaggiava il suo piccolo butthole
Con movimenti lenti e circolari del pollice.

"Dentro", ansimò di nuovo. "Mettilo dentro."

Ancora una volta ho rispettato, sostituendo il pollice con il dito medio, contorcendolo
oltre l'anello muscolare stretto di Michelle. Ha gettato la testa di nuovo
Blitighe lussuriose mentre sentiva il dito scivolare senza intoppi nel suo buco del culo.

"Oh sì," gemette, sporgendosi in avanti per permettermi di andare più in profondità.
"Questo è ciò che mi piace!"

Mentre Michelle continuava a rimbalzare su e giù per il mio cazzo, mi tenei la mano
Fa

"Mmmmm", fece le fusa, diventando più eccitata dal secondo. "Non vedo l'ora
per avere il tuo cazzo nel culo. "

Mi sono sentito vicino all'orgasmo.

Vado presto a venire, "ho avvertito, vicino al climax a causa di Michelle
Contrancando il butthole che mi tensò attorno al dito.

"Noooooo," gridò fuori, fermando tutto il movimento. "Non ancora."

Ero sull'orlo. Mi sentivo come un altro movimento mi avesse inviato
sulla cima.

"Okay" ansimò, cercando con tutta la mia forza di volontà di non venire. "Scendere.
Lentamente."

Feci un respiro profondo mentre Michelle si sollevava con cautela dal mio cazzo.
Mentre scivolavo libero, il mio cazzo mi cadde allo stomaco con uno "schiaffo" bagnato. Lei
Sat inginocchiandosi davanti a me impaziente mentre aspettavo il mio imminente
climax per placare.

"Okay" dissi con sollievo. "Penso che stiamo bene."

"Sì," disse Michelle, ridendo. "È stato vicino."

"Sì, mi dispiace per questo. Ora ... dov'eravamo?"

"Penso ..." iniziò Michelle, mentre un sorriso birichino apparve su di lei
viso. "Stavi per piegarmi."

"Oh, vero?" Ho replicato in un maniero in giro.

"Sì!" Ha convocato allegramente un'espressione timida ancora una volta.
"E..."

"Che cosa?" ho chiesto.

"Potresti usare di nuovo il buttplug su di me?"

"Certo! Quindi prendo che ti sia piaciuto la scorsa notte?"

"L'ho adorato! Anche se ... voglio ancora provare il tuo cazzo nel culo."

"Nessun problema", ho affermato, allungando la mano per afferrare la spina rosa, in gomma e
la bottiglia di lubrificante. "Però userò prima la spina. Dovrebbe aiutare
Ti rilassi e ti abitui alla sensazione. Renderà più facile quando io
In realtà ti fotti nel culo. "

Michelle non poteva nascondere il suo entusiasmo.

"Come mi vuoi?" chiese, il suo viso raggiante di eccitazione.

"Sulle mani e le ginocchia", risposi semplicemente, lanciando il cappuccio
il lubrificante.

Mentre Michelle ha assunto la mia posizione preferita, ho coperto il giocattolo con lubrificante
preparazione. Pochi secondi dopo eravamo impegnati in un replay del
notte precedente con il mio cazzo nella sua figa e la spina rosa e di gomma
sepolto comodamente nel suo culo stretto.

"Mmmmm" gemette, mentre il mio cazzo si tuffava dentro e fuori. "Adoro questo!"

"Oh sì? Ti piace avere entrambi i buchi riempiti?"

"Mmmm, lo adoro."

Le ho dato uno schiaffo fermo sul culo, suscitando uno strillo sorpreso
La bocca di Michelle.

"Scommetto che vorresti che questo fosse un cazzo nel culo, vero?"

Ancora una volta, le ho abbattuto la mano sul culo.

"SÌ!" Si sbottò mentre sorridevo a me stesso.

Ho continuato a scopare i suoi buchi mentre si toccava attraverso due
orgasmi successivi. Era allora ora di riprovare.

"Siete pronti?" Ho chiesto, ruotando la spina nel suo buco del culo.

"Sì", rispose fermamente. "Facciamolo."

Lentamente, ho ritirato il giocattolo di gomma, guardando il suo bufino rosa chiudere
fino a un nodo stretto. Mentre tiravo fuori il mio cazzo dal suo immergersi
Figa bagnata, mi sono staccato il preservativo e l'ho gettato da parte. Dopo l'applicazione
Una generosa quantità di lubrificante sul mio cazzo nudo, mi sono alzato alle ginocchia
dietro di lei.

Agganciando saldamente il mio albero in mano, ho guidato la testa da Michelle
apertura strettamente chiusa. Spingendo lentamente ma con forza, il suo stronzo
iniziò gradualmente a cedere, accettando il mio cazzo pulsante nel suo stretto
profondità.

"Uhhhhhhhhhh," gemette mentre il mio cazzo scomparve lentamente nelle sue affamate
culo.

"Stai bene", ho chiesto, fermando la mia penetrazione anale per controllarla
stato.

"Sì", rispose con sicurezza. "Continuare."

Ho sorriso di sollievo e ho ripreso allungando il culo con il mio invaso
cazzo. Dopo alcuni minuti di cauta spinta sono stato in grado di riempirla
ASS ASSE COMPLETAMENTE mentre continuava a gemere con un divertimento crescente.
Lentamente e metodicamente, ho iniziato a scopare il culo vergine di Michelle.

"Come si sente il mio culo?" chiese la sua voce leggermente smorzata dal
le coperte il viso era sepolto.

"Così fottutamente buono!" Ho esclamato, costruendo una velocità crescente. La mia eccitazione
stava cominciando a raggiungere il picco. Ho schiaffeggiato il culo di Michelle un paio di volte in più
Ha fatto le fusa in approvazione.

"Come si sente il mio cazzo nel culo?" Ho quindi chiesto, desiderandolo sentirla
esprimere alcune parole sporche delle sue.

"Così buono!" Lei ansimò, il respiro divenne poco profondo e lavorava. "Io amo
Mi ha scopato il culo! "

"Sì? Ti fa sentire sporco?"

"SÌ!"

"Ti fa sentire una troia?"

"SÌ!" Gridò di nuovo mentre mi immergevo ripetutamente nel suo minuscolo
apertura. "Mi sento così troia quando mi scopi il culo!"

"Hai intenzione di lasciarmi scopare ogni volta che voglio?"

"Sì! Il mio culo è tuo! Voglio essere il tuo culo sporco-culo!"

Questo era esattamente il tipo di discorso che speravo di sentire.

"Bene", ho sibilando, allungando la mano per afferrare una manciata di capelli. "Mantenere
Parlando così finché non ti sborro nel culo. "

"Cazzo sì!" Gridò, la sua voce divenne sfilacciata e instabile. "IO
Vuoi che mi scopi come una piccola troia sporca e sborra nel mio buco del culo! "

Le schiaffeggiai di nuovo il culo e le tirai i capelli, incoraggiandola a farlo
Continua.

"Oh si!" Esclamò, ovviamente godendo del trattamento approssimativo. "Fanculo
Come una puttana! Usami! Usa il mio piccolo stronzo stretto e poi riempimi
pieno di sperma! "

Questo è tutto. Non potevo più trattenere la marea.

Con un ultimo gemito, il mio cazzo è scivolato in profondità nel culo di Michelle, spruzzando
I suoi interni di sperma. L'ho tenuto lì, completamente sepolto, come il mio
Il cazzo ha continuato a polso, versando un'inondazione infinita di liquido cremoso
Nel suo buco ben scoperto. Michelle gemette piacevolmente come il mio corpo
Si contrasse un'ultima volta e il mio palo scivoloso scivolò fuori dal suo culo.

Mentre siamo crollati nel letto, ho sentito un'ondata di fatica spazzare
il mio corpo. La mia eccitazione presto si dissipò, solo per essere sostituita con il
Disinteresse post-coitale che gli uomini sentono generalmente seguire il sesso.

"Bene," dissi, finalmente salendo dal mio sonnolento stato. "Immagino che dovrei
Portati a casa ora prima di addormentarmi di nuovo. "

"Ok", rispose timidamente.

Sembrava delusa.

Dopo una lunga ricerca, siamo stati in grado di individuare tutti i nostri sparsi
Abbigliamento e visti usciti per la nostra strada. Il disco era lungo, ma da allora
Era domenica mattina presto c'era poco traffico da contendere
con. Mentre l'ho lasciata a casa sua, abbiamo detto un paio di imbarazzanti
Addio e ha chiuso la porta.

Scossi la testa con stupore mentre andavo via. Mi ero appena incontrato
Michelle. Dalla scorsa notte le avevo leccato la figa, le leccava il culo,
Le scoptò la figa, le scoptò il culo e le venne in bocca.

Non ci eravamo nemmeno baciati una volta.

"Wow", mi dissi, mentre cercavo i miei occhiali da sole. "Questa Internet
La cosa degli appuntamenti potrebbe essere utile dopo tutto.

Fine


Invia commenti o suggerimenti a [email protected]

Storie simili

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

627 I più visti

Likes 0

Lezioni da Allison parte 1

Mia sorella Alison ha sei anni più di me ed è una volpe totale. Ogni estate ricordo che i ragazzi di tutto il nostro quartiere si riunivano a bordo piscina per adulare il suo splendido corpo in bikini. So che molte persone pensano che sia strano pensare alla loro sorella in quel modo, ma non me ne sono mai vergognato. Per quanto mi riguardava, era proprio come qualsiasi altra ragazza, anche se molto più sexy della maggior parte delle altre. Ancora oggi ricordo il sogno più grande che abbia mai fatto come se fosse la scorsa notte. Avevo circa undici anni...

542 I più visti

Likes 1

Divertimento pigiama party parte 1 - la sera prima_(0)

Nota dell'autore: per favore vacci piano con me; questa è la prima volta che scrivo una storia di sesso di qualsiasi tipo. Sto scrivendo della prima volta che il mio fidanzato (che allora era solo il mio ragazzo) ed io abbiamo scopato. Sarà separato in 2 parti, questa è la prima parte Nome: Kate (io) Età: 14 Colore dei capelli e degli occhi: colore artificiale, capelli rossi lunghi fino alle spalle e occhi castani color miele Altezza: 51 Descrizione del corpo: basso per la mia età, leggermente paffuto intorno alla metà, petto di dimensioni medie (36B) Nome: Seth (il mio ragazzo)...

550 I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Io i miei cani e adolescenti rapiti

Il cuore batteva forte, più per l'eccitazione che per la paura di essere scoperto. Ero al sicuro! Nessuno avrebbe potuto vederla salire sul mio furgone. Non potevo credere che la mia fortuna fosse ancora in piedi ed è stato così fottutamente facile! stato facile ma lei era stupida, deliziosa ma stupida. Il lampo del nodo di Bruno seppellì nella figa infiammata di Chandre il suo seme mescolandosi con il mio all'interno di quella fica non più vergine. Mi fece sanguinare il sangue e il mio cazzo si contrasse. Come Chandre aveva supplicato e supplicato. Quando si fermò dopo 2 settimane e...

3.4K I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

2K I più visti

Likes 0

Busto in bocca

Storia di Fbailey numero 168 Busto in bocca Quando ero un bambino mia zia Betty mi dava sempre grandi abbracci e mi stringeva forte dentro di lei e mi stringeva per molto tempo finché non mi dimenavo per scappare. Aveva delle tette davvero grandi e io ero troppo giovane per godermela. La zia Betty aveva o ha quindici anni più di me, quindi quando ho compiuto dieci anni aveva venticinque anni ed io ero abbastanza alta da far entrare la mia testa nella sua enorme scollatura. Anche a lei piaceva. Dopo ogni possibilità che zia Betty aveva, mi premeva la testa...

2.8K I più visti

Likes 0

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

746 I più visti

Likes 0

Il mio capo donna

Ciao, mi chiamo Gina, ho 26 anni, capelli neri, ho tette coppa B e sono alta 1,70. A volte ti senti in un certo modo nei confronti dei tuoi superiori. Di solito le ami o le odi, ma credo che il mio capo donna fosse qualcosa di speciale. Era gentile, ma non troppo carina. Lei è 5'9 con capelli e occhi castani. Anche lei aveva un corpo molto carino, con delle belle tette a coppa C, quindi è molto sexy per avere 37 anni. L'ho avuta come capo per circa 3 anni e mi sono masturbato pensando a noi che facevamo...

301 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.