Lower Greenville Avenue

781Report
Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca.
Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo
e tavoli ancora più affollati nella semioscurità, con le luci lampeggianti e la nebbia che le turbinava intorno alle ginocchia.

Come tutte le ragazze indossava tacchi alti, una minigonna nera attillata, calze nere, una camicetta bianca con una gonna rossa
papillon e una giacca nera lunga fino ai fianchi. I suoi capelli, che avrebbe voluto legare strettamente, erano sciolti
sciolto intorno alla sua testa e che scorre sulle spalle della sua giacca nera in un'onda dorata di seta. Bene, era un bene, più era bella più mance dava, e se i capelli arruffati rendevano il suo lavoro più difficile, ne valeva la pena. Sorrideva costantemente, mostrando i suoi perfetti denti bianchi e le labbra carnose e sensuali, desiderando che piacesse ai clienti. Anche le sue lunghe gambe, perfettamente scolpite e affusolate, erano di grande aiuto nella sua ricerca di punte alte, e anche se soffriva di palpeggiamenti occasionali, sapeva che la minigonna ne valeva la pena. Era un mondo sessista, sospirò, e se le sue lunghe gambe, il suo sedere formoso e il suo bel viso le facevano guadagnare più soldi, beh, chi era lei per lamentarsi.

Mi ha sorriso in abito blu mentre passava. I miei occhi brillavano mentre la guardavo, e lei sapeva che le stavo fissando il sedere e le cosce mentre si muoveva. Ho detto qualcosa che lei non ha capito. Una cosa per cui la musica ad alto volume era buona era il ronzio dei commenti sporchi dei pervertiti. Andò al bar e prese una mezza dozzina di drink per il tavolo sette, gemendo mentre un'altra vecchia canzone da parrucchiera proveniva dall'impianto audio. La discoteca si rivolgeva a una folla di trentenni e quindi suonava musica non per il gusto di una ragazza del college di ventotto anni. Riportò i drink ai tavoli, calcolando mentalmente quale sarebbe stata la sua mancia dal gruppo di persone presenti. Stasera sarebbe stata una buona serata, pensò, il locale era pieno. Si fece strada tra la folla, afferrando solo la punta delle dita di qualcuno mentre cercava di infilargliele sotto la gonna. Li maledisse tutti come vecchi sporchi e passò dall'altra parte, uscendo nell'atrio, poi girando a sinistra e salendo le scale fino al bagno delle donne.

C'era una lunga fila di donne che aspettavano fuori e sapeva che ci sarebbe voluta un'eternità per entrare per usare il telefono
la stanza delle polveri. Si voltò e percorse il corridoio oltre il bagno degli uomini. Proprio dietro l'angolo ce ne sono tre
cabine telefoniche in legno. Anche lassù la musica martella furiosamente, perché la direzione era stata così gentile, o abbastanza stupida, pensò, da installare degli altoparlanti quassù. C'era persino una coppia ubriaca che ballava lungo il corridoio. Entrò in una delle cabine telefoniche e chiuse la porta, attenuando circa il novanta per cento del rumore. Le cabine telefoniche con le pareti e le porte quasi insonorizzate erano una delle poche cose che approvava in quel posto. Fece il numero di casa, disse a sua madre che poteva andare a letto, che non si drogava e che non sarebbe scappata con un arabo unto o un playboy peloso, poi riattaccò con un sospiro. Si voltò e aprì la porta, e fu subito assalita dalla musica assordante. La fece fermare per un secondo, e poi dal nulla qualcuno la spinse di nuovo nella cabina telefonica.

" EHI!" urla, le parole soffocate dalla musica. Sono un ragazzo grosso, le mie braccia grosse, il petto largo e duro. Indossavo un costoso abito di seta, i miei capelli sono ben tagliati e grigi. I miei denti brillarono bianchi mentre la spingo indietro contro il muro e schiaccio le mie labbra contro le sue. Lei impreca e cerca di spingermi via mentre una delle mie mani le afferra i capelli e l'altra scivola tra le sue gambe, spingendola su e giù. "Lasciami andare, stronzo!" ringhia, battendomi sul petto con le sue piccole mani. Le strappai i capelli, spingendole indietro la testa. Ansima per il dolore, poi gorgoglia mentre la mia lingua le schizza in bocca. Le sue spalle sono spinte all'indietro contro l'angolo della cabina telefonica e la sua gamba sinistra è spinta in alto e con forza contro un muro. Allora la mia mano si infila tra le sue cosce, stringendole la figa attraverso le mutandine. Li afferro e glieli strappo con un potente strattone. Cerca di urlare di nuovo ma la mia bocca copre la sua e il mio corpo la schiaccia contro il retro della cabina telefonica. La musica urla intorno a loro e le persone passano nella semioscurità, senza accorgersene o presumendo che fossero una coppia di amanti. Nessuno ha interferito mentre aprivo la cerniera e tiravo fuori il cazzo.

Kim grida per lo shock e la paura quando lo sente premere contro la sua figa nuda. Lotta con nuova furia, ma il suo braccio sinistro è schiacciato tra una parete e il suo corpo e il suo destro viene facilmente spinto indietro dalla mia spalla.
La mia faccia è ruvida, ha bisogno di essere rasata, i miei occhi brillano crudeli mentre la fisso, e poi lei grugnisce e grida di nuovo quando il mio cazzo le entra e si spinge in alto nel suo ventre. Cerca di urlare di nuovo ma la mia bocca si schiaccia
la sua, chiudendola forte mentre la mia lingua scivolava nella sua bocca come un serpente impazzito. I miei fianchi sbattono contro le sue cosce, sbattendo la sua gamba sinistra contro il muro ancora e ancora. Il mio cazzo sale in alto dentro di lei. È lungo e molto spesso. Kim ansima e i suoi occhi si lacrimano per il dolore mentre l'organo grasso la trafigge ripetutamente. La mia mano
afferrandole di nuovo la coscia, spingendola indietro e tenendola contro il muro mentre spingo più dolcemente. La sua mente è in uno stato di shock all'idea che possa essere aggredita proprio qui all'interno del club e nessuno la aiuterà. Non riesce a vedere nulla al di là del mio corpo massiccio. Il suo stesso corpo è protetto dalla vista dei pochi avventori che passano.

Stringo le sue morbide natiche e le mie dita affondano nella carne calda, artigliandole con forza. Piagnucola impotente, poi grugnisce e geme disperata mentre mi sente infilare un dito nel suo buco del culo. Le fanno male l'inguine e le cosce mentre continuo a sbattere contro di lei la parte inferiore del mio corpo. Mantengo fermo il controllo della sua testa, tenendomi stretto ai suoi capelli biondi, eppure anche quando tiene fermo il viso e si sottomette al mio stupro orale continuo a tirarle e torcere i suoi capelli. Finalmente stacco la bocca dalla sua, ridacchiando abbastanza forte perché lei possa sentirla nella piccola cabina insonorizzata. "Sporca puttana," dissi maliziosamente. "Ti piace, piccola? Agitare il culo tutta la notte! Pensi di poterlo fare e non farti fottere, piccola puttana? Voi fottute puttane bionde volete sempre il cazzo comunque." Tiro fuori la lingua e le lecco una lunga scia su un lato del viso, poi le lecco la fronte e lungo la parte inferiore della mascella. Alla fine le lascio andare i capelli e lei geme di sollievo, ma la mia mano scivola tra i nostri corpi e le afferra la tetta destra, schiacciandola attraverso la camicetta.

Le ho strappato la camicia, abbastanza semplice perché si chiudeva sul davanti con bottoni a pressione, poi le ho strappato il reggiseno sottile
e palparle le tette nude mentre il mio cazzo continua a spingersi dentro di lei. Kim aveva smesso di provare a combattere e sta solo aspettando che finisca, la sua mente e il suo corpo sono entrambi intorpiditi dall'improvviso e brutale assalto. Continuo a sbattere il mio cazzo dentro di lei per diversi lunghi minuti prima di gemere e fermarmi con il mio organo sepolto dentro di lei. Immagina i batuffoli appiccicosi di sperma che schizzano dentro di lei e si rannicchia dentro. È sollevata, che ho avuto sperma, che l'attacco è finito. Senza dubbio ora me ne andrei. Non mi sembra però che abbia fretta di farlo. Continuo a leccarle e baciarle il viso, la mia mano che palpa, stringendole i seni, accarezzandole i capezzoli, pizzicandoli e tirandoli in modo che si induriscano. Lei sente il mio cazzo che si ammorbidisce e io mi rilasso all'indietro, ma non ho fatto alcuno sforzo per aprire la porta e lasciare il piccolo séparé, invece le rivolgo un altro orribile sorriso malizioso e la spingo sulle sue spalle, costringendola a inginocchiarsi sul pavimento di la cabina. Lei è di fronte al mio cazzo flaccido e le afferro di nuovo i capelli mentre le strofino il cazzo macchiato di sperma
viso. "Succhiamelo forte di nuovo, Kim, e ti scoperò di nuovo," dissi.

Il suo cuore sprofonda e lei geme nella miseria. Non solo io resto, ma quaggiù lei è quasi invisibile
eventuali passanti, perché i lati della baracca sono tutti di legno fino all'altezza della vita, e di vetro solo da lì. Giù su
le sue ginocchia nessuno può vedere che è nella cabina. Io sobbalzo bruscamente sui suoi capelli e spingo il mio cazzo morbido contro le sue labbra. Non ha altra scelta che aprire la bocca e prendere la cosa dentro. Lo succhia mentre lo aspira, la sua lingua si strofina delicatamente lungo la parte inferiore della testa. Continuo a stringerle i capelli, ora con entrambe le mani mentre sospiro di piacere. La mente di Kim è così completamente intorpidita, quasi distaccata dal suo corpo mentre succhia meccanicamente la mia erezione già in crescita. Presto lei muove le labbra avanti e indietro sull'organo indurito mentre io spingo lentamente dentro e fuori i miei fianchi, fottendole il cazzo in faccia. Le sue mani cadono inerti lungo i fianchi e si limita a inginocchiarsi lì come se fosse anestetizzata mentre io le pompavo la carne densa in bocca.

Le tiro più forte i capelli, costringendo la ragazza stordita ad alzarsi di nuovo in piedi, facendola girare e schiacciandole il viso
prima nel retro della cabina telefonica. Mi sente tirare verso l'alto la sua minigonna e sente le mie mani sul suo culo.
Il mio dito spinge di nuovo nel suo ano, e pompa lentamente, poi si ritira. Un attimo dopo sente il mio cazzo spingere contro il suo piccolo buco rotondo. Ci pensava poco, essendo ormai troppo intorpidita. Il mio cazzo si infila nel suo buco del culo con colpi lenti. Le costringe ad allargare l'ano e il dolore è intensamente acuto, ma non è durato a lungo perché ho spinto la cosa fino in fondo dentro di lei. Sente le mie palle che premono contro le sue natiche mentre le mordo il lato della gola e stringo i fianchi contro di lei. Il mio cazzo si muoveva all'interno del suo retto mentre portavo le mie mani intorno a lei e prendevo a coppa entrambi i seni, stringendoli forte. Comincio lentamente a pompare il mio cazzo, usando colpi brevi all'inizio. La mia mano destra scivola lungo il suo ventre nudo e tra le sue cosce, strofinando la sua fessura, il mio dito alla ricerca della sua clitoride.

Le strofino il pulsante del cazzo mentre le faccio un movimento lento nel suo ano, il mio cazzo pompa lentamente, ora si muove da
da un lato all'altro, i miei pantaloni che sfregano contro la sua morbida carne del culo, la mia cerniera che le pizzica l'apertura anale. Non si muoveva, aveva a malapena la forza o la consapevolezza per alzarsi in piedi. Il suo viso è ancora premuto contro la parete di fondo della cabina telefonica mentre il mio corpo pesante e incorniciato si muove contro di lei. Nel suo stato di ottundimento ci vuole un po' di tempo prima che si renda conto, in modo vago, che il suo corpo sta provando piacere. Si interessò poco, pur riconoscendo i sentimenti piacevoli. I suoi seni sono induriti, infiammati dal calore mentre le mie dita si muovono dentro e intorno a loro, la sua clitoride sfrigola di lussuria mentre le mie dita continuano a strofinare, accarezzare e stringere il bocciolo. Il piacere crebbe, divorando il suo distacco, riportandola lentamente in se stessa, alla consapevolezza della cruda sensualità che le attanagliava i lombi, alle sensazioni di calore fumante che scorreva attraverso di lei, increspandosi su e giù per il suo sistema nervoso.

I suoi occhi lampeggiano per la meraviglia e la costernazione stordita. Sente il suo corpo volare sempre più in alto, la sua pancia
ansante, agitata e furiosa, un enorme vortice di calore sessuale rovente la lacerava. "No," piagnucola. Poi la sua testa scatta all'indietro mentre un improvviso spasmo di lussuria le brucia la spina dorsale. Respira senza fiato, il fiato le manca quasi del tutto. La sua fronte ricadde contro il muro, poi la sua testa si ritrasse di nuovo all'indietro, più in là, la sua schiena si inarcò mentre gli spasmi muscolari le dilaniavano il corpo e la sua mente vacillava sotto le sensazioni frenetiche di una liberazione estatica a tutto volume. Arrivò con un furioso crescendo di stridenti eruzioni sessuali, il suo corpo sussultava e tremava come se stesse subendo una violenta crisi epilettica. Da qualche parte nel bel mezzo di ciò, sente un'ondata di calore liquido esplodere nel suo buco del culo, sentendolo ricoprire le sue viscere con una sostanza appiccicosa e piena di vapore. Non riesce a pensare lucidamente, riesce a malapena a pensare, non conosceva altro che un piacere glorioso che le strappava l'aria dai polmoni ei pensieri dalla sua mente, lasciando dietro di sé una struttura tremante di carne.

Poi sta sprofondando, sempre più giù, sul fondo della cabina, girandosi, con la schiena contro il muro, le gambe divaricate mentre scivola di lato per appoggiarsi al muro, fissando il pavimento con occhi spenti. Me ne sono andato velocemente, ma lei rimane lì, seduta sul pavimento, fissa, i suoi occhi che iniziano a sbattere mentre il suo petto si solleva. Aspirò un grande polmone pieno d'aria e gemette debolmente. Alla fine, dopo diversi minuti, si rimette in piedi traballante e barcolla fuori nella sala buia e la musica a tutto volume, lasciandosi dietro le mutandine strappate.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

879 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

387 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

727 I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Gli assassini senza mira, capitolo 1

Il barista era un uomo pesante. Aveva un viso rotondo e carnoso con occhi piccoli e un naso grosso. In quel momento era continuamente infastidito da una mosca, che evidentemente era molto affezionata al suo naso. Apparentemente il bar era vuoto con alcuni ballerini che dondolavano in giro aspettando l'inizio della serata. Alcuni avevano già clienti ed erano impegnati a soddisfare le loro esigenze. La mia testa ha smesso di girare quando ho visto una ballerina in un angolo. Indossava un reggiseno di seta blu scuro con pantaloncini abbinati. La sua pelle d'avorio brillava alla luce delle luci. Aveva un'espressione nervosa...

488 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.