Connessione con la madre Cap 5

992Report
Connessione con la madre Cap 5

Collegamento con la madre

Capitolo 5

“Penso che sia abbastanza Ian. Ho un disperato bisogno di bere.»
Si alzò la camicetta e si sistemò la gonna. Le sue calze, la cintura e i tacchi erano ancora al loro posto, quindi potevamo spostarci abbastanza rapidamente nel corridoio e fino al front office e all'ingresso. Quando ci siamo alzati per andare ci sono stati strani commenti come: geniale; lussureggiante; fottutamente stupendo; vieni di nuovo (o è stato di nuovo cum?); Grazie; quando sarai la prossima volta giù?
L'ultima è quella che sapevo non dover rispondere. Per essere precisi su questo avrebbe attirato folle in anticipo. Meglio lasciare che gli scommettitori vadano nella speranza.
Mentre uscivamo in strada nella luce del tardo pomeriggio, controllai che si sentisse bene. Mi ha rassicurato con un abbraccio e ci siamo avvicinati a me controllando di non essere seguiti. Non avevo mai conosciuto brutte esperienze al club ma era una mia naturale prudenza.
Ci siamo abbracciati fino al pub da cui eravamo partiti nel primo pomeriggio, il suo locale. C'erano alcuni dei suoi conoscenti lì, ma nessuno era stato nel club per quanto ne sapevamo. Ho ripreso la mia normale distanza da lei dato che era il suo locale e lei mi ha dato un'espressione leggermente costernata ma ha sorriso sapendo che probabilmente era pieno di tatto farlo.
Presi i drink al bar e la raggiunsi sul divano verso cui di solito si dirigeva. Un doppio gin tonic non era il suo solito, ma lo annegò quasi in uno e ne chiese un altro.
Al mio ritorno ho bevuto un bel sorso della mia birra e ci siamo accomodati con disinvoltura sul divano.
"Ian è stato fantastico, semplicemente fantastico." Le strinsi la mano in riconoscimento dei suoi sentimenti. Si è semplicemente crogiolata nel suo puro fascino, sorridendomi come se avesse appena consumato tutta la crema e non potesse fermare il raggiante. È stata la perfetta introduzione al club per una donna. Essere stata fidanzata come lei, avere il controllo e non essere spinta dagli uomini.
"Spero di essere stato bene per te Ian?"
“Jean, (l'ho chiamata con il suo nome in pubblico – le è piaciuto molto) sei stata fantastica, ma ricorda che è stato per il tuo divertimento. Chiunque altro, incluso me che scendo, è fantastico ma non è la cosa più importante: il tuo divertimento è la chiave.
Poi ci siamo seduti e abbiamo ricordato gli incidenti. Amava masturbare lo sconosciuto accanto a lei. "Divertente ma potente" sono state le sue parole. Ma il suo momento migliore è stato farsi venire di fronte a tutto quel pubblico che la desiderava mentre si allenava totalmente disinibita davanti a loro.
Improvvisamente sono diventato serio e preoccupato. Uno dei ragazzi del club era entrato e stava ordinando al bar. Si voltò e ci vide. Mi sono alzato dopo aver dato alla mamma una rassicurante stretta di mano e sono andato da lui dopo averlo cronometrato. Ha chiesto se poteva offrirci da bere. Ho notato che era in soggezione e molto rispettoso. Ho detto che poteva, ma che volevamo restare soli piuttosto che in compagnia. Lo ha pienamente accettato e ha affermato di rispettare la nostra privacy. Non era un habitué e ovviamente non abitava in zona. Incrociò lo sguardo di Jean, inghiottì i resti della sua pinta, sorrise e se ne andò dicendomi a bassa voce che sperava che saremmo stati di nuovo lì. Appena uscito mi ha dato la sua carta con un numero di cellulare. L'ho messo in tasca.
Jean era curioso di lui. Le piacevano i suoi modi e il suo comportamento, avendo notato che mi aveva dato la sua carta.
"Potresti telefonargli poco prima che andiamo la prossima volta, Ian."
Quella fu la più sporca battuta che avessi sentito uscire dalla sua bocca. Guardandomi intorno l'ho baciata sulla guancia e le ho chiesto cosa volesse adesso. “Tu Ian. Devo andare. mi sento dilagante.
Siamo partiti e abbiamo preso un taxi per tornare a casa. Ci siamo succhiati la lingua a vicenda nel bisogno urgente quando ci siamo ritrovati negli appartamenti. Il tassista mi ha fatto l'occhiolino mentre lo pagavo. "Vorrei essere nei tuoi panni amico!"
Entrando, la mamma mi ha strappato i jeans per raggiungermi. Le ho aperto la camicetta strappando i bottoni per metterle le mani sulle tette. Si tolse la gonna lasciandosi le calze, la cintura ei tacchi. Spingendola in soggiorno l'ho girata verso il divano, le ho tenuto aperte le chiappe e le ho toccato con la lingua la fessura scura oltre a toccarle la clitoride. Bagnata fradicia mi ha urlato: “Ian ora fottimi, ho bisogno di te in me, fottimi. Voglio solo il tuo cazzo nella mia fica. Fallo."
Scivolando dentro di lei, sentii il mio cazzo a casa, nella sua fica stretta che non aveva avuto nessun altro cazzo dentro di sé da mesi, se non da anni. Era molto bagnata e sono affondato fino alla sua cervice, spingendo la testa mentre la afferravo per l'elsa. Mi rilassai, non più ansioso di scoparla come mi resi conto di esserlo stato nelle ultime settimane, forse preoccupato che potesse rifiutare all'ultimo momento.
Da questa deliziosa posizione alla pecorina potevo guardarle il culo e toccarle la clitoride. Si stava avvicinando mentre le strofinavo la protuberanza più febbrilmente. All'improvviso ha urlato: "sì mio caro figliolo, cazzo, è proprio quello che ho sognato per anni e lo sto facendo con te, adorabile bastardo. Cazzo, cazzo oh cazzo è così sì sto venendo si oh cazzo sisss.
È crollata intorno a me ed è caduta sui cuscini dalla sua posizione inginocchiata. Mi sono adattato per rimanere in lei, intento a far cadere il mio carico su di lei piuttosto che su di lei.
Si è concentrata sul mio pistonare la figa senza sosta. Mi sono reso conto che mi sentivo molto aggressivo ora che ero sicuro della sua totale accettazione dei nostri bisogni incestuosi. Ho iniziato a schiaffeggiarle le chiappe. “Adorabile Ian di più, più ne ho un disperato bisogno. Feriscimi, rendimi dolorante, lo voglio così tanto. Ho bagnato il mio dito indice nei suoi succhi di fica accanto al mio cazzo e l'ho portato al suo retto e l'ho spinto ma ha resistito.
“Sporco di merda Ian. Si fallo. Dita il mio buco. Scopami anche lì, Ian. Non ci provo da anni, Ian, sto morendo di fame. Continuai a toccarle il culo inflessibile mentre le conficcavo il cazzo dentro. Ha iniziato a tremare di nuovo quando sono tornato sulla sua clitoride con il dito, muovendolo rapidamente mentre raggiungeva un altro climax, questa volta silenzioso e ansante con il suo respiro mentre sparavo il mio sperma nella sua fica ricettiva. Ero distrutto dall'emozione e dalla stanchezza per la tensione delle ultime ore nel trattenere i suoi sentimenti e occuparmi di lei nel caso si fosse bloccata.
Ora siamo crollati insieme e siamo scivolati in un sonnellino per quelli che sembravano secoli ma in realtà erano solo pochi istanti.
Ci siamo svegliati rinfrescati e completamente fradici di sudorazione e divorazione sessuale l'un l'altro.
Abbiamo condiviso un po' d'acqua per riempire la nostra sete. Si inginocchiò davanti al divano e mi passò le mani sulle cosce nude. Ha avvicinato la bocca al mio cazzo e ha leccato lo sperma rimanente dalla punta e ha proceduto a ripulire. Non ha avuto problemi a coinvolgere il mio cazzo flaccido. Ben presto ha iniziato a rispondere alla sua pulizia delicata che si è presto convertita in succhiare e pulire la mia asta con la mano. Scivolando sul pavimento con lei, mi sono avvicinato alla sua fica e ho iniziato a ricambiare mentre mi stava facendo di nuovo sballare. Ho scoperto che il mio sperma gocciolava da lei e l'ho asciugato con la lingua. Stava assaporando il mio cazzo, ma gemette quando ricominciai a leccarle la clitoride. Ho iniziato a passare dalla sua clitoride al suo retto con la mia lingua.
"Ian è fantastico oh fallo fallo, lo adoro."
"Che cosa?"
"La tua lingua sul mio culo, sì proprio lì."
Infilai le mie dita nella sua fica per prendere lo sperma rimanente ei suoi succhi e mi spostai nel suo retto per depositare la mia presa nel suo buco. Il suo retto era molto resistente alle mie dita, anche con un solo dito. Puttana stretta.
Ripensamento. Prendi il lubrificante dalla mia camera da letto che normalmente porto al club quando vado da solo. Rassicurandola vado subito e torno con essa. Inondi generosamente il suo retto con il meraviglioso liquido (batte la vaselina) e il mio cazzo dopo averla fatta irrigidire di nuovo con il suo succhiare. Ci solleviamo in modo che sia a cavalcioni di un bracciolo del divano, sporgendosi in avanti per esporre quelle deliziose guance alla mia vista e alla mia invasione.
Comincio a perforare il suo orifizio anale, spingendo il mio pene dolcemente ma con fermezza nella tana umida e luccicante in cui intendo trovarmi. Lei mi sta ancora resistendo inavvertitamente ma i suoi gemiti suggeriscono che mi vuole davvero lì.
"Delicatamente Ian, è quasi vergine lì, ma ti voglio così tanto in me." Continuo a farmi strada. Solo la punta del mio pene circonciso sta penetrando un po' verso l'interno ora. La testa ora è dentro e mi fermo mentre si abitua. Sta molto fermamente concentrata sul permettermi di entrare come se dovesse andare dall'altra parte se defeca, ma no.
Il lubrificante sta facendo il suo lavoro e molto lentamente scopro che sto scivolando inesorabilmente in avanti nel suo stretto buco rosso scuro.
“Oh Ian, la pressione è esattamente ciò che voglio, ma so che sto resistendo. Cosa sta succedendo adesso? Sei ancora lì nel mio culo perché non mi sento rilassato come se fossi nella mia fica. Ahi, mi è sembrata una grande spinta, adorabile bastardo. Sì, sei il mio bastardo, un vero bastardo. Mi sento come se stessi per cagare dappertutto, ma non può essere così, vero?
“No, ci sono quasi mamma, rilassati e cerca di abituarti. Non voglio farti del male, ma ho bisogno di scavare in profondità per infilare il cazzo dentro di te. Oh dio, ci sono quasi, attraverso il tuo anello meravigliosamente stretto e mi avvicino alle tue chiappe - fantastico. Voglio parlartene, è così sporco. Adoro stare nella sporcizia con te, fottuta stronza di merda. Sono lì fino in fondo ed è fottutamente meraviglioso. Ho sognato di farlo da quando ero un adolescente e ora finalmente lo stiamo facendo: scopare il tuo culo stretto attraverso il tuo meraviglioso buco che è giusto per me e spero per te.
“Oh, è Ian. È. Mi sento meglio ora che sei lì. Anch'io ho sognato questo, Ian. Ora fottimi a morte come faresti con la mia fica. Non preoccuparti per me adesso fallo e basta. Sì, schiaffeggiami anche il culo. Oh Gesù questo è fantastico. Lascia che mi prenda cura di me mentre lasci cadere il tuo carico, Ian. Dai cazzo, cazzo, cazzo oh sì, è così bello che mi sto masturbando stupidamente Ian è così dannatamente bello. Oh, posso sentire che stai superando Ian, questo è tutto oh sì, oh sì. Oh ti amo mio figlio sporco così tanto Oh dio sissss. . . . . .
Sono crollato supino sul bracciolo del divano. Ha appena assorbito il mio peso mentre scendevamo entrambi dai nostri quasi reciproci orgasmi. Sesso brillante o era amore o scopare o entrambi?
Entrambi abbiamo notato che il mio cazzo scivolava fuori lentamente. L'ho guardato ed entrambi l'abbiamo sentito scivolare via, pulito come un fischio. Senza alcuna esitazione balzò alla testa con la bocca e mi inghiottì pulendola per me, anche se era incontaminata. Si ritirò lentamente. Per completare il cerchio sono saltato alla sua bocca e le ho parlato con la lingua per mostrarle il mio amore sessuale.
Ci siamo trasferiti nel suo letto e siamo scivolati nell'oblio avvolti insieme mentre la prendevo a cucchiaiate.
Mi sono svegliato e mi sono ritrovato solo. Era sabato e lei era andata al lavoro almeno un'ora prima che mi svegliassi. Sotto la doccia mi sono lavata via il sudore ei residui secchi della nostra serata e mi sono sentita stranamente sazia. In cucina ho trovato un biglietto in cui diceva che non voleva andare al lavoro, mi avrebbe visto più tardi dopo avermi telefonato e le avrei spogliato il letto e avrei acceso la lavatrice.
Tornai a letto e feci una telefonata a casa dalla famiglia. I ragazzi erano fuori Gillian mi ha informato e cosa stavo combinando a Londra? Volevo davvero raccontarle tutto, ma ero stranamente diffidente anche se di recente avevamo condiviso la sua relazione con suo fratello.
Ho deciso di parlarle del club. Era molto curiosa che non l'avessi menzionato prima. Ho trasmesso lentamente i dettagli sul club, accorciando il tempo in cui l'avevo frequentato abbastanza recentemente, anche se sono stato un po' vago al riguardo. Voleva sapere cos'era successo laggiù. Mi sono masturbato e sono venuto? Le ho raccontato della scena gay lì. Ci sono entrato? Non proprio. Che cosa significa? Le ho detto come mi lasciavo accarezzare dai ragazzi. E li hai accarezzati? Era proprio lì e non si vedeva alcuna volgarità, almeno non al telefono. Di tanto in tanto li accarezzavo. E sei caduto su di loro o loro su di te? Ci sto davvero entrando, ho pensato.
Dove sei ora ho chiesto?
"Sul mio letto."
"Logorante?"
"Una maglietta, e questo è tutto."
"E dov'è la tua mano libera?"
“Se vuoi sapere che è intorno al mio capezzolo, mi stai facendo andare avanti. Ti voglio, merda.
"Bene."
"Quando ti vedrò?"
"Come va il prossimo fine settimana?"
"Mi piacerebbe?"
"Pensavo fossi sollevato dal fatto che fossi venuto a Londra per lavorare."
"Lo ero, ma l'ultima volta che sei stato qui, pensavo che andassimo molto d'accordo rispetto a prima."
"Come?"
"Beh, tu più attento con i bambini e con me."
"E?"
"In realtà ci siamo connessi l'uno con l'altro."
"Posso certamente essere d'accordo con questo."
"E come sta tuo fratello?" Ho notato che il mio cazzo si stava agitando e lo stavo accarezzando con noncuranza.
"Lui sta bene."
"È stato di nuovo in giro?"
"SÌ."
"BENE?"
"Beh, cosa Ian?" Stava diventando timida con me?
«Quando è venuto a trovarti?»
«Qualche notte fa. È rimasto a cena.»
"Sembri riluttante a parlarmene, Gillian?"
"Non voglio farti del male Ian."
“Guarda Gillian, hai visto com'ero quando me ne hai parlato allora. Ho avuto un'erezione fumante e ne ho una adesso, quindi di cosa si tratta?"
"Ok, ho capito il tuo punto e grazie per la comprensione, quindi lascia che te lo dica."
«È arrivato verso le nove, piuttosto tardi per cena ei bambini erano a letto. Sembrava molto timido e quasi colpevole senza dire perché. Ho scelto di non chiedergli neanche perché. Avevo deciso di non indossare più il reggiseno e la mia gonna era bella e corta ei miei soliti tacchi bassi. Ho bevuto qualcosa prima che arrivasse e si è bevuto un paio di bicchieri abbastanza velocemente. Durante la cena ho visto come mi prendeva i seni premuti contro la mia maglietta. Ho osservato come sembrava guardare loro piuttosto che il mio viso. Ho pensato di prenderlo in giro un po'. Arrossì. Ho detto che va bene, non mi dispiace che li guardi. Meno arrossendo più contorcendosi sulla sedia.
“Abbiamo finito di cenare e sono andato con il mio vino alla poltrona e ho incrociato le gambe mentre si sedeva di fronte a me. Potevo vedere che si stava sentendo a disagio sulla sedia e sembrava essere un po' teso. Sono diventato brusco e gli ho chiesto cosa volesse. Mi ha risposto che voleva che toccassi le mie tette e lo lasciassi guardare. Perché, ho chiesto, dovrei farlo? È per questo che si stava masturbando da solo? Esitante e ovviamente sconcertato, accettò di averlo fatto. Fantasie eh? Sì, ha detto.
“Senza rispondere ho cominciato ad accarezzarmi, prima con una mano e poi con entrambe, incoraggiando poi i capezzoli con le dita. Era totalmente fisso nella sua attenzione. Notai la sua erezione e lo guardai. Sembrò cogliere un suggerimento e tirò giù la cerniera e tirò fuori la sua erezione per mostrarmelo. Perché non ti seghi e io continuerò a giocare con questi.
“Ero sulla poltrona quando si è alzato in piedi sopra di me. Ha iniziato a masturbarsi seriamente in piedi vicino alla mia faccia, ma non ho offerto la mia bocca. Mi sono solo concentrato sui miei seni tirando la maglietta sopra per farmi strofinare i capezzoli più direttamente.
“Cos'altro ha fantasticato? Quello che sta facendo ora è stata la sua risposta. “Quindi masturbarsi molto vicino alla mia faccia mentre mi stringevo i capezzoli era il suo modo di scendere. Ho alzato la gonna. Ha visto la mia fica rasata (sì, mi sono rasato per vedere come ti piace). Sono arrivato al mio clitoride con una mano l'altra rimanendo sui miei capezzoli incrociati ma soprattutto sul mio capezzolo destro, il più sensibile.
“Mi ha detto di andare a sdraiarmi sul pavimento. Ovviamente mi voleva supino e passivo, ma ho continuato a masturbarmi il clitoride ei capezzoli con la maglietta sopra il seno e la gonna intorno alla vita. Mi sentivo totalmente esposto e vulnerabile, ma sempre più arrapato con tutto il mio lavoro con le dita.
“Ha continuato a masturbarsi, ma più lentamente. Chiusi gli occhi momentaneamente concentrandomi sul mio sperma in erba.
“Improvvisamente ho sentito un calore sulla pancia, poi sul seno. Aprendo gli occhi su di lui che mi piscia addosso e ora sul mio viso e sugli occhiali. Ha poi spruzzato su di me fino alla mia fica e ritorno. Proprio quando ha finito sulla mia bocca e sulle mie guance, sono caduto in un enorme sperma autoindotto. Tutto il mio corpo deve essersi congelato mentre entravo nelle mie fantasticherie.
“Sono rimasto lì nel mio stato post-cum e calmo con me stesso. Ricominciò a masturbarmi il suo pene duro sul petto e sulla testa, circa un metro sopra di me, ancora con le scarpe e i jeans intorno alle caviglie. Si è avvicinato proprio in quel momento e ha proceduto a rilasciare il suo sperma sul mio viso e sui seni attento a spruzzare senza perdere il mio corpo.
“Non ho detto niente e l'ho solo guardato. Era molto imbarazzato dopo la sborra, si è tirato su i jeans, ha mormorato qualcosa sul fatto di avermi preso un asciugamano, gli ho detto di non disturbare ed è uscito di casa imbronciato con un grazie e un arrivederci. Ovviamente non sapeva affatto come prendersi cura di una donna. Per fortuna ho preferito badare a me stesso. Deve aver bevuto un sacco prima di arrivare. Ero fradicio così come il pavimento. Grazie a dio per pavimenti in pino invece di tappeti.
"Come ti sei sentito per lui?" Ho chiesto.
“Ero un po' incazzato per il suo atteggiamento. So che si masturberà per mesi. Se sono caritatevole, penso che si sentisse in colpa. So che ti saresti preso cura di me.
"Come ti senti ora?"
“Fantastico che io sia di nuovo in contatto con te Ian. Heh, dimmi di più su questo club in cui vai. Da quanto tempo ci vai?
Ho fatto un salto. "Circa cinque anni, quando andavo a trovare la mamma da solo."
"Veramente. Perché non me l'hai detto prima?" Ero da mamma solo da circa tre mesi.
“Non pensavo che avresti voluto che ci andassi. Ma sembra che stiamo arando nuovi campi della nostra relazione.
Certamente lo siamo. Non riesco a capire come non ci siamo collegati presto. "Non hai detto se ti sei abbattuto sugli uomini, Ian."
"Io non. Lo considero come rischio troppo lontano. Né li lascio scendere su di me.
"E le donne lì, Ian?"
Questo era un terreno potenzialmente rischioso. "Cosa intendi?"
“Non battere su Ian – sai cosa intendo.
"Si lo fanno."
«Cazzo, vero?
"SÌ." Ma allo stesso tempo chiedendosi come avrebbe reagito.
"Solo?"
«No con un uomo.» Ho quindi iniziato a raccontarle la storia che avevo raccontato alla mamma sulla prima donna che ho visto andare lì quando sono andato, cosa che è accaduta molto tempo dopo che ero andato per la prima volta.
Ho riportato i dettagli. Continuava a chiedere di più come se suonassero; godersi il loro partner, altri uomini, se sì come, e poi che dire di me. Ho lentamente svelato la storia di come la prima donna mi è venuta addosso e di come si è spostata nella parte anteriore della stanza con me vicino a lei e lei nuda ora e con cui si giocava.
“Oh cazzo Ian, hai il mio clitoride che va, merda. Sto venendo. Oh cazzo è così buono, così fottutamente buono. Sìssss.
È rimasta molto silenziosa per quello che sembrava un'eternità al telefono, ma deve essere stato circa un minuto o giù di lì.
"Stai bene Gillian?"
“Oh, Ian, ora sono in un posto incantevole grazie a te. Penso che mi piacerebbe venire a stare da te da Jean qualche fine settimana, Ian, a patto che possa occuparsi di me e che possiamo parcheggiare i bambini. Forse provare anche quel tuo club?
"Cosa ti sta succedendo Gillian, sei cambiata."
“Hai cambiato atteggiamento nei miei confronti, Ian. All'improvviso sono un essere sessuale per te e non semplicemente una mamma che si prende cura dei tuoi figli quando sei via.
“Dovremmo assolutamente esplorare questa idea. La mamma potrebbe anche superare la sua gelosia nei tuoi confronti, ma sono un po' cauto al riguardo.
“Beh, Ian, di certo non mi offenderò più. Lo facevo quando cercava di escludermi.
Le possibilità cominciarono ad emergere nella mia mente.

Storie simili

Il club capannone (parte 4)

Prima di tutto, scuse enormi per il ritardo nella produzione della parte 4. Crisi inaspettata con influenza familiare dappertutto. Tutti meglio ora, così posso rispondere all'ultima serie di feedback..... Trainers nel Regno Unito si riferisce a calzature sportive.....Nike, Adidas, Puma ecc. Non credo che ci siano altre domande, così via con la parte 4. Questo coinvolge Finn, che vedo ancora di tanto in tanto. In effetti, ha riparato il mio PC l'anno scorso. Progetta siti web e altre cose tecniche che mi lasciano sconcertato. Non ha idea che sto scrivendo questo, e ovviamente ho cambiato il suo nome (in qualcosa di...

2.2K I più visti

Likes 0

Pookies prima volta con papà

Ciao la storia che stai per leggere è una storia vera su di me e mio papà che amo con tutto il cuore. questa è la mia prima storia quindi i commenti sono ben accetti. Era una settimana prima del mio 21esimo compleanno e papà mi ha detto che aveva in programma qualcosa di speciale per me (adoro quando papà lo fa). Ma prima lascia che ti parli di me e di mio padre, mia madre è nera e mio padre è bianco, quindi questo mi rende birazziale. Sono 5'9 con capelli neri corti un po 'come Keyshia Cole con occhi...

1.3K I più visti

Likes 1

The Switch (modificato e ripubblicato)

INTRODUZIONE: Mi scuso per tutti gli errori. In realtà non avevo intenzione di pubblicarlo quando l'ho fatto. Stavo ancora modificando quando l'ho postato per sbaglio. Ho avuto alcune difficoltà con il computer. Ringrazio quasi tutti per i loro commenti (l'eccezione sono le persone che usano le storie per pubblicare commenti in cerca di ragazze? Davvero! Funziona anche così??) Ho quasi finito con il capitolo 2 (che ha dei bei colpi di scena che spero tu mi piacerà) ma mi sono fermato a ripulire un po' il capitolo 1 e a ripubblicarlo. Spero che questo sia più facile da leggere. Grazie ancora...

1.4K I più visti

Likes 0

Io e i miei fratelli Capitolo IX

IX. Spettacoli di sesso Non appena tornai in cucina, arrivarono Marty e Donny, poco dopo che Louise e Bobby si presentarono. Quasi subito stavamo mangiando e ridendo perché sembrava che tutti avessimo qualcosa di stupido da dire. Louise ha detto qualcosa su Bobby che si è aggrovigliato nel lenzuolo e le è sembrato così divertente che riusciva a malapena a spiegarlo. Marty disse: Mi sarebbe piaciuto averlo visto? Da lì siamo entrati in una discussione sulla visione del porno. Quello che voglio vedere, disse Louise, è un vero spettacolo di sesso, non uno di quegli spettacoli porno. Louise, guardi molto porno?...

1.2K I più visti

Likes 0

DOMENICA SEXY>

“È davvero alto nove pollici e spesso? Pensi che gli piacerebbe un pompino da una donna sulla cinquantina? Ero molto bravo a farlo nel fiore degli anni, anche se non ho mai avuto un uomo con un'erezione di nove pollici. Ti piacerebbe vedermi soffiare la sua erezione di nove pollici, ha chiesto percependo il mio interesse. Glielo chiederò e ti risponderò, le ho detto eccitato al pensiero di guardare una donna di dieci anni più grande, ancora sessualmente attraente, portare all'orgasmo la spessa erezione di nove pollici del mio uomo mentre guardavo. Più tardi, lo stesso giorno, Sarah si è emozionata...

1.3K I più visti

Likes 0

Notte silenziosa...

Nicole era sdraiata sul letto quando suo marito, Rick, è tornato a casa dal lavoro venerdì sera. L'unica cosa che indossava era un reggiseno nero, perizoma nero e calze a rete abbinate. Quando entrò in camera da letto, la vide sdraiata lì profondamente addormentata. Mentre stava lì e guardava quanto fosse bella, iniziò ad eccitarsi. Si spogliò e salì sul letto accanto a lei. Il suo movimento nel letto la fece semplicemente allontanare da lui. Si sentiva in colpa per aver impiegato così tanto tempo in ufficio, ma c'era un incontro importante a cui doveva partecipare. Cominciò a farle scorrere le...

1K I più visti

Likes 0

Lana vuole condividere

PRIMA PARTE: Signore, è una specie di scherzo malato? Oh merda. Jake si era svegliato e si era ritrovato legato a braccia aperte sul letto nella sua stanza del dormitorio. Erano le vacanze di primavera, il suo compagno di stanza non c'era più, il campus era vuoto... il che poteva essere una cosa molto positiva o molto CATTIVA. Si leccò le labbra mentre la sua ragazza Lana e la migliore amica della sua ragazza, Jessica, incombevano su di lui. Perché sono nudo? Lana? Alzò lo sguardo sulla sua ragazza. Era bellissima, una mora alta e dalla pelle pallida con seni di...

669 I più visti

Likes 0

Realizzare la sua fantasia

L'ho osservata dalla finestra. Era appena arrivata a casa e stava scendendo dalla macchina. Percorse il vialetto e in pochi secondi sarebbe stata davanti alla porta. Pochi secondi dopo era in casa. Conoscevo la sua routine: uscire di casa alle 6, tornare a casa alle 17,30, doccia, cena, tv, letto. Immancabilmente, ogni notte. Non aveva un marito, né un fidanzato, né animali domestici, questa signora era chiusa in se stessa... il che era perfetto per me. Vedi, avevo dei progetti per lei. Ho sentito la porta d'ingresso chiudersi dalla sua camera da letto al piano di sopra. Mi diressi dolcemente verso...

629 I più visti

Likes 0

Mia figlia Miriam cap06

Capitolo 6 Jen era più che pronta a mettere in atto il piano di Dave. La volta successiva che i suoi genitori Barry e Cathy uscirono e la lasciarono sola, lei si precipitò dritta verso la scatola nascosta dei film sporchi. Ha scelto il film tra ragazze e ha iniziato a guardarlo. La settimana scorsa, quando l'ha visto per la prima volta, non era molto interessata a guardarlo. Ora non vedeva l'ora di vedere l'azione. Stava per organizzare uno spettacolo per i suoi genitori che li avrebbe fatti eccitare moltissimo. Mentre guardava quel film, l'azione la stava davvero facendo eccitare. Stava...

560 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

399 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.