Il risveglio di Sara Parte 4

662Report
Il risveglio di Sara Parte 4

Il primo paragrafo è che Sara sta ancora ricordando. Dopodiché torna da lei nel letto dove è iniziata la storia.


Le prossime settimane hanno portato più o meno lo stesso. Durante la settimana andava a scuola ma nei fine settimana aspettava che papà andasse al lavoro per poter continuare a conoscere il sesso. Ha studiato i video e letto i forum. Stava imparando velocemente come far venire un uomo ed era disperata nel provarlo per davvero, ma l'unico uomo che voleva era suo padre.

Sara aprì gli occhi per scoprire che la sua porta era di nuovo chiusa. Papà deve essere tornato a letto. Si chiese cosa stesse facendo là fuori ogni notte mentre la guardava. Gran parte di lei osava sperare che fosse eccitato da lei e che fosse fuori dalla sua porta a controllare il suo corpo. Cercò di respingere quei pensieri dato che non voleva nutrire le sue speranze se non era quello che stava facendo. Aveva comunque bisogno di riposarsi un po'. L'indomani era domenica e papà aveva appena cambiato lavoro, quindi ora sarebbe stato libero la domenica. Aveva pianificato per l'ultima settimana come avrebbe scoperto se lui la voleva o meno come lei voleva lui. Aveva bisogno di essere al suo gioco domani per non sbagliare e rovinare tutto ciò che aveva pianificato. Sara si rannicchiò nel suo cuscino e chiuse gli occhi sorridendo mentre ripercorreva i suoi piani ancora una volta.

Mark si svegliò alle nove del mattino successivo. Era così felice di avere la domenica libera adesso. Aveva l'impressione che nelle ultime settimane lui e Sara si fossero un po' allontanati e stava iniziando a chiedersi se forse lei avesse capito cosa stava facendo fuori dalla sua porta quella notte. Continuava a ripetersi che era impossibile, ma la preoccupazione cresceva comunque dentro di lui. Pensava che oggi avrebbero potuto passare un po' di tempo insieme. Poteva portarla fuori nella foresta dietro casa loro e potevano parlare di cose. Cercò di pensare a che tipo di cose piacessero alle adolescenti di questi tempi, ma non ne aveva davvero idea. Forse sarebbe stato meglio se avesse cercato di evitarla, pensò. Stava iniziando a preoccuparsi di non riuscire più a controllarsi quando era con lei. La cosa peggiore che potesse fare era stare da solo con lei. Dopotutto è domenica. Potrei restare a casa e guardare il calcio tutto il giorno. "Mark sei geniale" pensò. A Sara non sono mai piaciuti molto gli sport e probabilmente sarebbe andata a cercare qualcos'altro da fare se avesse acceso il gioco. Questo risolve tutto, passo la mia giornata davanti alla tv e non bramo Sara.

Era seduto in soggiorno a sorseggiare un caffè quando lei entrò. Gli ci volle tutta la forza mentale che aveva per non guardarla a bocca aperta. Era in piedi di fronte a lui con un paio di pantaloncini di jeans attillati, una minuscola canotta che le aderiva strettamente al seno e aveva i capelli raccolti in trecce. Ogni centimetro di lei urlava delizioso sesso proibito. Da quando aveva iniziato a vestirsi in quel modo? Sua madre aveva sempre scelto i suoi vestiti e si era assicurata che tutto ciò che Sara possedeva fosse quasi ridicolmente conservatore. Il suo cuore batteva all'impazzata e dovette distogliere lo sguardo.

"Buongiorno tesoro" disse cercando di non balbettare.

"Buongiorno papà" rispose.

Poi, dopo aver preso un respiro calmante, si voltò a guardare nella sua direzione. Aveva il sorriso più bello che avesse mai visto sul suo viso. Iniziò lentamente a camminare verso di lui e poi si lasciò cadere sul divano accanto a lui. Era seduta così vicina che poteva sentire il suo profumo appena fatto la doccia. Poi gli appoggiò la testa sulla spalla e aspettò che lui la guardasse.

Una volta che l'ha fatto, lei ha chiesto "cosa faremo oggi papà? Non dobbiamo quasi passare del tempo insieme, quindi oggi ti voglio tutto per me".

Oh merda, non era affatto quello di cui aveva bisogno. Non solo si era vestita in un modo che lo avrebbe lasciato così duro tutto il giorno al punto che temeva che la mancanza di sangue gli avrebbe provocato danni cerebrali, ma ora voleva passare l'intera giornata con lui.

"Beh, ho pensato di passare la giornata a guardare alcuni dei giochi. Sono sicuro che ti divertiresti molto di più fuori o magari a leggere un libro, giusto"? chiese.

"Oh andiamo papà. Mi sei mancato." Si avvicinò a lui e poi gli gettò le gambe in grembo e gli avvolse le braccia intorno al collo. "Ci saranno altre partite più tardi. Fuori è bellissimo. Potremmo fare una passeggiata." Avvicinò il viso al suo. "Piuttosto per favore papà"?

Le sue gambe si muovevano avanti e indietro. Ogni movimento sfregava la testa del suo cazzo che ora pulsava nei suoi pantaloni. "Ok ok ma è meglio che andiamo" disse sperando che lei muovesse le gambe prima che lo facesse venire nei pantaloni.

"Sei il migliore" disse chinandosi per dargli un bacio veloce sulla guancia.

Con suo sollievo e la delusione del suo cazzo ora dolorante lei mosse le gambe e saltò giù dal divano e si diresse verso la porta. La guardò mentre si allontanava. Sembrava che stesse dimenando il culo mentre camminava e ogni passo dimenante faceva salire la stoffa dei suoi pantaloncini e gli dava quasi un'occhiata a ogni guancia soda. Questa passeggiata sarebbe stata un inferno, pensò.

Sara quasi ridacchiò mentre si dirigeva verso la porta. Sapeva che stava mostrando molta pelle nel suo vestitino e poteva quasi sentire gli occhi di papà su di lei mentre allungava la mano verso la maniglia della porta. La fase uno era completa, pensò.

Si diressero verso la piccola foresta che fiancheggiava la loro proprietà. Mark ha deciso di fare un passo più veloce di Sara. Se avesse fissato il suo culo per un minuto in più, sapeva solo che la sua testa sarebbe esplosa. Di tanto in tanto le lanciava un'occhiata, il che era quasi altrettanto brutto dato che i suoi seni rimbalzavano dolcemente ad ogni passo, ma fortunatamente aveva indossato gli occhiali da sole, quindi si sentiva sicuro che lei non lo avrebbe visto mentre li fissava.

Avevano percorso qualche chilometro e non avevano parlato molto. Sara gli raccontò della scuola e di una ragazza con cui aveva iniziato a uscire da poco. Le parlò un po' di lavoro, ma per lo più cercò di rimanere in silenzio. Stavano per tornare indietro quando Sara corse verso un albero che cresceva più alto di tutti gli altri nella piccola foresta.

"Ehi papà vieni qui" gridò.

Mark si fece strada maledicendo silenziosamente il fatto di essere di nuovo dietro di lei. "Oh fantastico" pensò mentre si avvicinava "sta saltellando su e giù".

"Aiutami a salire su questo albero papà" disse quasi implorando.

"Tesoro, non penso sia una buona idea. E se cadi e ti fai male"

"Non lo prometto. Ci salivo sempre, ma ho bisogno di una spinta", ha detto.

"Oh va bene, ma stai attenta Sara" si inginocchiò e unì le mani a coppa per farle mettere il piede dentro.

"Umm papà... cosa stai facendo? Prendimi solo per la vita e sollevami"
Stava sorridendo forse il sorriso più grande che avesse mai visto. Come sarebbe uscito da questo? Non solo era solo con lei ora voleva che lui la afferrasse per la vita. Poteva fingere un infortunio, pensava. Di 'che la mia schiena si stava comportando male. Buon dio penserà che la chiamo grassa se lo faccio. Mantieni la calma e sollevala. Non deve essere sessuale se non lo fai in quel modo.

Si avvicinò dietro di lei e le mise delicatamente le mani sulla vita. "Ok pronta? Uno. Due. Tre" su tre la sollevò in alto e guardò mentre le sue mani afferravano il ramo più basso. Rimase lì per un secondo e sembrò lottare per tirarsi su.

"Ehi papà dammi una piccola spinta in più per favore" gli gridò.

Mark cercò di afferrarle il piede e spingerla su, ma le sue gambe continuavano a scalciare. "Devi smetterla di prendere a calci Sara. Non riesco ad afferrarti il ​​piede"

"Spingimi solo il culo, papà. Sbrigati, sto iniziando a scivolare"

Oh dio no... alzò lo sguardo e vide il suo culo perfetto che lo fissava. Veloce veloce veloce. Basta farla finita. Alzandosi, allungò la mano e le mise entrambe le mani sul sedere. Dovette trattenersi dallo stringere quando la sentì muovere il culo tra le sue mani. Alla fine si tirò su e si arrampicò sul primo ramo.

Sara fissò suo padre e sorrise. Stava andando alla perfezione, pensò. Prima lo aveva sorpreso uscendo quasi nel nulla e ora non solo l'aveva fatta afferrare per la vita, ma le aveva anche messo le mani sul sedere. Sembrava così frustrato che lei quasi si sentì male, ma se il suo piano avesse funzionato avrebbe avuto bisogno di lui avvolto così forte che non sarebbe stato in grado di pensare lucidamente. Completata la fase due.

Mark non era mai stato così felice e così triste nel vedere la sua casa come lo era stato quando finalmente erano tornati a casa. Era felice di potersi sedere e guardare una partita senza il culo perfetto di sua figlia in faccia per tutto il tempo ed era triste perché... beh, per lo stesso motivo. Mark andò e si lasciò cadere sul divano e prese il telecomando.

"No no papà. Ho fame. Vieni a preparare il pranzo con me" disse Sara.

Davvero non lo avrebbe perso di vista, vero? Gemette teatralmente mentre le passava accanto entrando in cucina.

"Stai gemendo, signore?" lo prese in giro. Poi, con sua sorpresa, lei gli diede uno schiaffo sul sedere. "Non ce ne sarà più" disse ridendo.

Che cazzo stava succedendo. Non era affatto da Sara. Ora che ci pensava, l'intera dannata giornata era stata strana. Sara non si è mai vestita così, non ha mai chiesto aiuto, soprattutto del tipo che significava che qualcuno doveva afferrarle il culo per aiutarla e non ha mai parlato così. Sembrava giocosa... quasi civettuola. Ma flirtare con lui? No, è solo di buon umore. Forse la sua nuova amica a scuola si comporta così e la sta solo contagiando.

La guardò mentre preparava un'insalata per loro. Rimase lì ad affettare le verdure e con sua sorpresa stava ballando. Principalmente stava solo muovendo il culo nella sua direzione. Lo stava facendo apposta? Ha deciso di provarlo. Mark le si avvicinò e le chiese "è questa la tua idea di ballare"?

Ha iniziato a ridere "Sì. Si chiama scuotere il sedere."

Si lasciò sfuggire una piccola risata e cercò di rallentare il suo cuore. "Beh, non ci sarà nessun bottino che trema in casa mia" disse e le diede uno schiaffo sul sedere molto simile a quello che gli aveva dato lei. Aspettò di vedere la sua reazione.

È diventata rossa e lui sapeva di aver fatto una cazzata alla grande. Poi andò al lavandino e riempì un bicchiere d'acqua. Oh dio sta per piangere, pensò. Cominciò a scusarsi "Sara I...." Lei si voltò verso di lui con un grande sorriso sul viso. "Tesoro, non l'ho fatto..." lo interruppe di nuovo mentre si avvicinava e gli versava l'acqua sulla testa. Poi scoppiò a ridere.

Rimase lì scioccato. Pensava di averla ferita o spaventata, ma lei l'aveva preso come uno scherzo. Beh, se voleva essere giocosa "oh questo significa guerra", lui correva al frigorifero a prendere la grande brocca d'acqua mentre lei strillava e correva verso la porta principale. Era appena arrivata nel loro cortile quando lui l'aveva presa. La strinse forte con un braccio e le tenne la brocca sopra la testa.

"Sai che se lo scarichi su di me, prenderai anche te"? Disse sorridendo.

"Sono disposto a correre il rischio" disse mentre lasciava che l'acqua fredda le scorresse sulla testa. Poteva sentire anche se stesso bagnarsi, ma non gli importava. Lei si dimenava tra le sue braccia e lui poteva sentire il suo sedere premuto contro di lui mentre lo muoveva avanti e indietro.

Si voltò verso di lui e lui poté vedere la sua maglietta che le si aggrappava strettamente. I suoi capezzoli erano ora duri per l'acqua fredda. Anche i suoi pantaloncini erano fradici. Si è precipitata su di lui così in fretta che non ha potuto reagire e lo ha placcato a terra. Si mise a cavalcioni su di lui e iniziò a premere il suo corpo contro di lui. Per un secondo osò sperare che lei stesse cercando di toccare il suo corpo, ma si rese conto che stava cercando di bagnare il resto del suo corpo usando i suoi vestiti fradici.

"Guarda papà. Mi hai bagnato tutto" disse Sara sorridendo.

Mark pensava che il suo cuore si fosse fermato. L'aveva davvero appena detto? La povera ragazza ovviamente non ha mai sentito parlare di allusioni sessuali. Poteva sentire il suo cazzo ricominciare a diventare duro e questa volta lei era seduta proprio sopra di lui. Doveva spostarla in fretta. La afferrò e la strinse a sé e poi rotolò in modo da trovarsi sopra di lei. Lei lo guardò sorridendo.

"Prendila" disse la sua mente. "Lei lo vuole. Sei cieco? Fallo. Scopala adesso"

Mark le prese i polsi tra le mani e li inchiodò a terra. Con sua sorpresa lei emise quello che suonò come un piccolo gemito. Il suo cuore batteva ancora, disse "andiamo a mangiare"

Strisciò via da lei e l'aiutò ad alzarsi. Stava sorridendo di nuovo quel sorriso gigantesco. Si chinò e gli diede un bacio sulla guancia "sembra fantastico papà" disse. Poi corse verso casa.

Sara osservava suo padre mentre pranzava. Stava ancora cercando di aumentare la tensione, ma per un secondo pensò che lui ne avesse troppa. Quando le aveva bloccato i polsi a terra, lei aveva quasi spinto i fianchi verso di lui. Il modo in cui l'aveva guardata quando lei gli aveva detto che l'aveva bagnata era impagabile. Era quasi totalmente certa che anche lui la volesse. Ma la giornata non era ancora finita e lei aveva ancora qualche asso nella manica.

Storie simili

Rahul e Sapna cap. 2:- Sapna prende una botta.

Rahul e Sapna cap. 2:- Sapna prende una botta. Rahul ha accettato il dono di sua madre; Questo è l'inizio della fine per Sapna Disclaimer: questa è un'opera di fantasia completa ambientata in un altro mondo. Se questo non ti è chiaro, allora hai bisogno di un aiuto psichiatrico urgente. Non perdono la violenza nei confronti di altri esseri umani. Questa storia contiene tutti i tipi di violenza, tortura e deviazioni, se questa non è la tua tazza di tè, ti suggerisco di tornare indietro ora. Tags: m/F, bdsm, inc, sad, scat, snuff, tort, ws, cons, rom, humil -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ----------------------------------...

3K I più visti

Likes 0

Amore di uno sconosciuto

Stava piovendo fuori. Il vento soffiava e la pioggia cadeva a dirotto sopra di me. Corsi al telefono e chiamai un amico, chiedendogli se voleva venire a farmi compagnia fino alla fine della tempesta. Quando ho sentito bussare sono corso ad aprire la porta, davanti a me c'era il mio amico Tim e un amico che aveva portato. Spero non ti dispiaccia se porto Stud, anche lui odia le tempeste. Disse mentre mi passava accanto entrando in casa. Chiudendoci la porta alle spalle, andammo in soggiorno. Seduti sul divano ci mettiamo un film per passare il tempo. Sfogliando i canali, Tim...

1.2K I più visti

Likes 0

Ragazza con un segreto

Copyright, 2012 Castlequeen Mio dio, che brutta esperienza. Ballo dei diplomandi. Un bel mese di preparazione, un vestito da duecento dollari che mi farà lavorare per la mamma tutta l'estate, un paio di scarpe da trecento dollari che mi vedranno schiavo del suo negozio di posta/spedizioni/caselle postali fino a quando avrò cinquantasei anni, e non possiamo dimenticare il taglio di capelli da novanta dollari. Cosa ne ho ricavato? Una cena piuttosto mediocre, dei bei balli, una bella foto e il mio ex ragazzo che ora cerca di farmi spegnere. Non sono un pudico, tutt'altro, ma non sarebbe successo. Sono ancora vergine...

1K I più visti

Likes 0

Lana vuole condividere

PRIMA PARTE: Signore, è una specie di scherzo malato? Oh merda. Jake si era svegliato e si era ritrovato legato a braccia aperte sul letto nella sua stanza del dormitorio. Erano le vacanze di primavera, il suo compagno di stanza non c'era più, il campus era vuoto... il che poteva essere una cosa molto positiva o molto CATTIVA. Si leccò le labbra mentre la sua ragazza Lana e la migliore amica della sua ragazza, Jessica, incombevano su di lui. Perché sono nudo? Lana? Alzò lo sguardo sulla sua ragazza. Era bellissima, una mora alta e dalla pelle pallida con seni di...

726 I più visti

Likes 0

La mia ragazza Serena

Sono semplicemente entrato nel mio appartamento, ho consegnato la borsa alla mia ragazza, mi sono seduto sull'altra sedia di fronte alla sua e ho mangiato la mia insalata in silenzio mentre il rumore della televisione filtrava attraverso la stanza altrimenti silenziosa. La guardo mangiare in silenzio mentre fissa lo schermo televisivo. Mi alzo per buttare via l'insalata. Mentre le passo davanti sento i suoi occhi indugiare sul mio corpo. Torno al mio posto in silenzio. Anche indossando una vecchia canottiera e un paio di pantaloni da yoga è ancora bellissima. La sua pelle morbida e cremosa risplende brillantemente dalla luce soffusa...

751 I più visti

Likes 0

Una fredda serata nel campus

Era metà dicembre, tre giorni prima dell'apertura del college per Natale. Le giornate erano diventate davvero brevi e, se vivevi nel mezzo di una foresta di cemento come me, faceva davvero freddo. Allora ero al secondo anno, avevo dato gli esami di fine semestre e cercavo di godermi i pochi giorni che rimanevano prima di tornare tutti a casa. Ma non ci si può divertire altrettanto con un ostello vuoto, la maggior parte dei miei compagni se n'erano già andati nonostante il fatto che il college fosse ancora aperto. Non è così per me, i miei genitori mi spedirebbero il biglietto...

710 I più visti

Likes 0

La mia vita 7 - 3-alcuni con mia sorella e la mia migliore amica

Susan annunciò qualche giorno dopo che avrebbe voluto fare una cosa a tre con me e Colin. Aveva dichiarato che era giusto che lo fossi stato con lei e Lynne e desiderava ampliare i suoi orizzonti. Penso che fosse anche curiosa di vederci insieme e anche se Sue non aveva detto a Colin che li stavo guardando dal buco della serratura quando lei e Colin facevano sesso, ero sicuro che a Colin non sarebbe dispiaciuto condividerla. con Me. Ho dato il suggerimento a Colin più tardi quel pomeriggio, quando è venuto da me e gli ho detto che ero troppo stanco...

645 I più visti

Likes 0

Sam 25

Unità di tempo solare = anno unità di tempo planetario = giorno ------------------------------- Sam era stanco, questo era certo. Lo scontro che aveva avuto con Triot aveva esaurito le ultime sue riserve. La luce del sole che poteva percepire lo stava aiutando, anche se non abbastanza velocemente. La presenza di potere che aveva sentito prima si stava avvicinando. Allungandosi sentì la barriera che aveva eretto. Non il più forte che avesse mai fatto, anche se sperava che resistesse. Un movimento accanto a lui lo fece guardare Thantas, un piccolo gemito risuonava nei suoi pensieri. Mi sento più debole di quando sono...

522 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

459 I più visti

Likes 0

Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.