Nato di nuovo parte 2

578Report
Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy.


Roy disse: "Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano".


"Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare", e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: "Non può, non lo farebbe".


Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: "Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo".


Ho detto: "Sono aperto alle idee".


Tutti erano silenziosi e poi ho detto: "Propongo a Roy di avere un giudice che ascolterà questo in confidenza".


Sì, ma poi non può essere coinvolto nel prendere decisioni su questo caso".
Ok, prima fai riesumare il mio corpo e fai eseguire il test del DNA con i risultati forniti alla più alta corte del paese.
In secondo luogo, tutte le principali religioni verificano il DNA.


Poi mia moglie deve essere registrata come non mia madre usando le informazioni sul DNA.


Roy ha detto: “Ma lei è tua madre non biologica, ma ti ha cresciuto, ti hai cambiato i pannolini fasciato le tue ginocchia sbucciate in piedi accanto al tuo letto ad assisterti durante le tue malattie infantili. Tutto ciò le dà il diritto di essere chiamata tua madre. Questo non è diverso da come ti avesse adottato. "

Ho detto: “Roy hai ragione, questa è una situazione davvero interessante. Qui sappiamo tutti che è mia moglie, ma come hai sottolineato è anche mia madre".


Roy ha detto: “Pensiamo a questo, abbiamo tutti bisogno di tempo per capire il modo migliore per procedere.


Con ciò abbiamo aggiornato il nostro incontro poiché è durato tutto il giorno. Roy se ne andò e io baciai appassionatamente mia moglie, i nostri genitori lo videro e decisero che anche loro avrebbero dovuto andarsene. Mary e io abbiamo ordinato da asporto per cena. È arrivato e dopo aver mangiato abbiamo fatto l'amore e Mary ha detto quando abbiamo finito: "Come faremo a superare tutto questo?"


"Amore mio, stiamo bene, niente in questo mondo può separarci, siamo stati fatti per stare insieme per sempre io essere qui con te ne è la prova."

Mentre ero sdraiato ad accarezzare il suo bel corpo e ci siamo dati baci per baci, ci siamo addormentati. La mattina dopo, mentre mi svegliavo, ho sentito queste labbra carnose che mi succhiavano il cazzo. Quando ero duro si è alzata e ha posizionato il mio cazzo nel suo buco dell'amore e ha iniziato a cavalcare il mio albero duro. Poco prima che il sonno si allontanasse dai miei occhi la sentii gemere e poi un altro gemito con un tono diverso accanto a me. I miei occhi si sono aperti ed ecco la mamma che mi cavalcava e toccava Mary. La mamma ha detto: "Fottimi per bene, figlio di puttana, sono così eccitato e ti voglio così tanto figlio".


Mary disse: "Marie salvane un po' per me, sono sua madre e voglio anche lui come figlio di puttana".


Sentendo questo ho svuotato il mio Jizz dentro la mamma e lei è venuta urlando: "Mio dio, è stato favoloso, sei il miglior figlio di puttana mio figlio e tu mia figlia, ti meriti questo vieni per la mamma, so che lo vuoi."


Mary si dimenava gemendo così tanto che non riusciva a parlare in modo coerente e ha sparato i suoi succhi di sperma schizzando in aria. Mentre squirtava, la mamma disse: "Ecco qua mia piccola troia che ami questo vero?"


Mary ha afferrato Marie, l'ha tirata via da me e si è sdraiata sopra lo stile missionario di Marie. Questo ha funzionato per me, ero duro come una roccia e mi sono arrampicato su loro due inchiodandoli sul posto.


Il mio cazzo scivolò dentro Mary e l'ho scopata forte sbattendola dentro più profondamente che mai, poi mi sono tirata fuori e lei ha piagnucolato e sono entrata mamma speronandoglielo lei stava gemendo e io sono tornato a speronare Mary. Ho continuato così alternando la quarta e la seconda. Entrambi mi chiamavano figlio di puttana e imploravano il mio cazzo.


Mary è arrivata per prima urlando: "Tu figlio di puttana, sono tua". Poi Marie cum ma non poteva muoversi con Mary e il mio peso su di lei. Mary ha detto: "Sborra troia con il cazzo di nostro figlio che ti scopa" e tutto quello che la mamma poteva fare era sdraiarsi lì e vivere questa nuova esperienza. Sborro dando due spruzzi duri in Mary e poi rapidamente tirai fuori ed entrai nella mamma dandole il resto. Sono rotolato via, poi Mary si è rotolata su di me e ho avuto una donna su ciascun lato che ha immediatamente iniziato a leccarmi l'asta una su ciascun lato.


Quando hanno finito ho detto: "Cosa c'è con questa roba di mia moglie?" Mamma e Mary erano appoggiate su un gomito e Mary disse:
“È come se l'avvocato avesse detto che sono tua moglie, lo sappiamo tutti, ma ti ho cresciuto, ti sei vestito, ti sei vestito, hai lavato il tuo pisello, io sono tua madre due. Se ci pensi, ho seppellito mio marito e tua madre e ti ho cresciuto. Anche se sei il mio marito sempre amorevole, sono una moglie e una madre sempre amorevole. Inoltre mi hai appena scopato e come chiamano un figlio che si scopa sua madre?"


Marie e Mary avevano entrambe questo largo sorriso stampato in faccia.


Ho riso della loro logica e ho detto dov'è la carta steno appallottolata ce ne deve essere un sacco per te per capirlo mamma.


Con quello ho sentito immediatamente la mia tetta contorta. "Ahi a cosa serviva?"


"Questo perché ora sono tua moglie."



"Come faccio a saperlo?"


La mamma ridendo disse: "Figliolo, sta a te capirlo".



Ci siamo alzati per fare una doccia ed eravamo seduti con gli accappatoi addosso quando la migliore amica di Mary è entrata passeggiando. Si è fermata di colpo quando ha visto il sito.

Faccia rossa cremisi e balbettando ha detto: "A.. um... immagino che avrei dovuto bussare".


Mary balzò in piedi, l'abbracciò in un abbraccio emotivo e la baciò dicendo: "No tesoro, ma è meglio che si sieda".


Jean che sembrava stordita e scioccata si mosse come uno zombie mentre la mamma andava alla credenza e tirava fuori il brandy.

Mary disse: "Jean, stiamo insieme da dieci anni".


Jean tracannò il suo brandy e disse: "Sì e pensavo che mi amassi, solo me, non tuo figlio e tua suocera, sì, è semplicemente schifoso. Inoltre dovremmo essere privati, non questo", e ha iniziato a piangere.


Mary si è alzata ed è andata ad abbracciarla e ha detto: “Lasciami in pace non voglio più vederti e lei è andata ad alzarsi.


Dissi: "Ottimo amante, non le dai nemmeno la possibilità di spiegare che pensavo che mia moglie avesse un gusto migliore di quello".


Jean stava andando verso la porta quando si fermò di colpo mi guardò, poi Jean, poi io e la sua bocca rimase aperta. Mary la riportò alla sua sedia e la mamma le versò un altro brandy.


Ha bevuto il brandy, poi ha guardato Jean e ha detto: "Ma questo è l'incesto come potresti o puoi. Sono tutto per la scelta professionale, ma questo non può essere. "


Mary disse: "Jean ascolterai Brent mio marito, può spiegarlo meglio di me".


Spiega cosa è abbastanza ovvio che tu abbia incesto con tuo figlio, hai bisogno di un aiuto professionale, sei andato oltre. Ci sono poche carte in meno nel mazzo di carte come forse cinquanta.


Mary disse: "Va bene, ma ascoltalo, lascia che ti mostri la prova, poi decidi tu. Sei tu quello che è irrazionale e butta via una relazione che abbiamo costruito in più di dieci anni. Non valgo almeno quindici minuti per vedere la verità su quello che sta succedendo?"


Jean si lasciò cadere sulla sedia e disse: "Hai ragione, sto ascoltando".


Ho iniziato e ho detto: “Prima di tutto è molto importante la definizione del dizionario di DNA.


Acido desossiribonucleico, un materiale autoreplicante presente in quasi tutti gli organismi viventi come principale costituente dei cromosomi.


È il portatore di informazioni genetiche. Questo come probabilmente no dalla televisione è unico come un'impronta digitale, ancora di più".


“Sì, quindi cosa. Cosa c'entra questo con qualcosa?"


Ho detto: “Ha a che fare con tutto. Per favore ascolta e puoi fare domande più tardi. Ecco il mio DNA attuale, ecco il DNA di Mary, ecco quello che chiameresti il ​​DNA dei miei nonni
E lei è il DNA di un medaglione dei miei capelli quando ero bambino quarant'anni fa".

Jean disse: "Quaranta anni fa?"


"Zitto e leggi."


Jean guardò e il suo viso divenne rosso e poi bianco, la sua bocca era spalancata e io sorrisi e dissi: "Mia moglie, il mio cazzo si adatterebbe bene a quella bocca aperta".


Jean era persa a leggere e rileggere e alla fine ha detto: "Quindi Brent non è tuo figlio, è tuo", guardando la mamma.


Jean ha detto: "Allora, come hai fatto a convincere Mary a ottenere un certificato di nascita e a fingere la morte di Brent. L'hai fatto mettere in uno stato criogenico per vent'anni?"


Jean ha detto: "Quindi ora hai questo stallone ventenne che si prende cura di te bene, non dirò una parola e mi dispiace per aver pensato a quello che ho fatto."


Ho riso poi mamma e Mary e ho detto che avete letto le prove ma ve le siete perse e ho spiegato che la criogenia non esisteva ancora e su Grace.
La sua bocca si aprì di nuovo e questa volta dissi: "La prossima volta che lo fai posso riempirlo con il mio cazzo?"


Questo l'ha riportata alla realtà e lei è diventata rossa. "Mary, vedo che i fatti ci sono tranne uno e se non ci fosse nessuno in quella tomba."


Mary ha detto: “Jen di questo sono sicura che l'abbiamo seppellito è stato steso all'agenzia di pompe funebri per tre giorni, le persone che lo hanno colpito sono state imprigionate. Sì, è lì o ciò che è rimasto di lui è", e Mary iniziò a piangere, non a piangere, ma a piangere. Ci è voluto del brandy e noi tre per calmarla.
Jean ha detto: "Mi dispiace, ti credo".


Dissi: "Jean era un punto valido e il nostro avvocato sta facendo riesumare il corpo perché abbiamo problemi molto più grandi".



"Cosa intendi?" Jean ti abbiamo preso in nostra fiducia e spero che ce l'abbiamo, questo è molto complicato.


Jean guardò con sguardo interrogativo su di lei.


Jean Sono sicuro che Mary ti ha detto di Grace e di me essendo nata doveva essere una femmina eppure eccomi qui al momento della mia morte sono uscito dalla sua fica un ragazzo. Ora è facile dimostrare che non sono suo e questo dove mi lascia?"
Sono una non-entità. Posso provare di essere figlio di mamma e papà, ma non c'è traccia della mia nascita, quindi nessun certificato di nascita".


Jean ha detto, Oh mio Dio, vedo che dilemma. Hai una domanda?"


"Beh, non posso dire di essere lì, figlio di quarant'anni, quel figlio ha un certificato di morte".


All'improvviso Mary si è alzata e ha baciato Jean, sei un genio un genio assoluto amore mio".


Amore mio, moglie mia, qual è la rivelazione che mi manca".


Chiedi ai tuoi genitori di dichiarare di aver partorito in casa e di aver dimenticato di registrarti e ora che hai bisogno di un numero di previdenza sociale devi essere registrato. Non è una bugia perché sei lì, figliolo, e loro l'hanno fatto o Marie ti ha fatto nascere".


Il mio amore che potrebbe funzionare chiama Roy fallo venire qui e vedremo.
Jean ha detto: "Dovrei andarmene".


Ho detto: "Assolutamente non la tua parte in questo momento". Mary andò da lei abbracciandola "Benvenuto in famiglia amore mio".


Circa un'ora dopo e Roy è arrivato, abbiamo esposto il piano ed era molto scettico. Ha detto: "Non posso essere coinvolto in una bugia".


“Roy, dobbiamo esprimere abilmente questo con la verità che sono nato vent'anni fa, il che è vero.
Il DNA dimostra che sono i miei genitori biologici.

Il motivo per cui mi iscrivo così tanti anni dopo è che è solo ora che Brent Johnson ha bisogno di un numero di previdenza sociale".


Roy ha detto: "È tutto vero e speriamo che funzioni".


"Roy lo spero o l'alternativa è avere tutti i fanatici religiosi del mondo alle nostre porte, inclusa la tua come nostro avvocato."


"Cielo non voglia." Con questo abbiamo scaricato i forum da internet, papà e mamma li hanno firmati e Roy se n'è andato.


È stato un enorme sollievo e poche settimane dopo è stato rilasciato il certificato di nascita e poche settimane dopo è arrivato il mio numero di previdenza sociale e poi ho ottenuto la mia tessera sanitaria e la patente di guida. Io e mia moglie facevamo l'amore in ogni stanza della casa e ovviamente ogni tre giorni facevo il figlio di puttana.


La nostra camera da letto principale era enorme, non solo avevamo il letto a baldacchino king size, ma avevamo un tavolo e due sedie imbottite insieme alla mia scrivania avvolgibile con la mia sedia girevole.


Stavo ancora facendo i miei corsi di collage volendo diventare una guardia forestale. Anche dopo tutto questo tempo era ancora il mio obiettivo. Quel giorno in particolare ho lasciato l'auto in officina per la manutenzione ordinaria. In classe la mattina il nostro professore non si sentiva bene e ha cancellato la nostra lezione che mi ha dato il resto della giornata libera. Ho preso un taxi e mi sono fermato al negozio di fiori e ho preso un mazzo di mamme per Mary, erano dei bei fiori, ma posso anche dire che li sto prendendo per mia madre così potrei essere un figlio di puttana.

Il taxi mi ha lasciato per strada e sono andato in cucina dalla porta del patio, non ho visto Mary, quindi ho pensato che potesse essere uscita. Ho tagliato i fiori, li ho messi in un vaso e li ho messi sul tavolo come centrotavola. Decido di togliermi i vestiti della scuola e di indossare la vestaglia in modo da essere pronta quando Mary torna a casa. Mi stavo spogliando mentre camminavo ed ero nudo quando sono entrato in camera da letto. C'era un sito in cui mia moglie e Jean nudi nella posizione del sessantanove si mangiavano a vicenda.


Mi sono seduto tranquillamente sulla sedia imbottita e ho guardato questo fantastico spettacolo per una buona mezz'ora. Ho guardato i contorni di Jean erano molto belli, grandi tette, corpo ben tonico uguale alla mia Mary.


Mi stavo accarezzando guardando mentre salivano a un climax sempre più in alto finché entrambi non urlavano Pensavo che i finestrini si sarebbero frantumati si rotolavano l'uno dall'altro si voltavano e si stavano baciando.


Si stavano accarezzando le tette l'un l'altro, si torcevano e si lamentavano ancora, urlavano di nuovo quando venivano, poi Jean mi vide e afferrò la coperta con cui coprirsi.
Ho applaudito e ho detto: "Mamma e Jean è stata la cosa più eccitante che ho visto dal vivo almeno".


Mary ha detto: "Tu figlio di puttana", e io l'ho interrotta e ho detto: "Hai ragione, sono colpevole, lo confesso, sono un figlio di puttana".


Jean si è rifatto e Mary ha detto: "Porta qui il tuo culo".


"Sì mamma sto arrivando", e ho attraversato la stanza con il mio cazzo duro di sette pollici che mi ha colpito la gamba da un lato all'altro.

Jean ha detto: "Ti sta davvero scopando?"

Jean, sai che è mio marito e sai che sono sua madre perché mio marito fa l'amore appassionatamente con me e poiché sono sua madre mi scopa facendo di lui il mio figlio di puttana.
Jean mi ha guardato con il lenzuolo fino alle spalle e ha detto: "Mary ho pensato o credo di non aver mai pensato che avresti avuto rapporti sessuali con lui".


"Per prima cosa togliamo questo figlio dal modo in cui si sdraia a faccia in giù sul letto." L'ho fatto e ho sentito un colpo, "Eri un cattivo ragazzo, non ci hai detto che eri nella stanza." Mary ha preso il braccio di Jean e ha fatto sbattere la sua mano sul mio culo e poi si sono alternati lo sapevo anche se i colpi non erano duri le mie guance stavano diventando calde e rosse.


Ho detto: "Mi dispiace mamma".


"Jean è come la mia amorevole sorella cosa hai da dirle?"


Zia Jean, hai un corpo fantastico e mi dispiace di non aver annunciato la mia presenza.


Jean ha usato le sue mani ha sentito il mio culo, le guance loro ha raggiunto le sue mani giù tra le mie gambe sentendo le mie palle e poi il mio albero facendomi gemere.


Jean ha detto: "Rotolati" e mentre lo facevo mi ha messo leggermente un cuscino sul viso e mi ha detto di strisciare al centro del letto, cosa che ho fatto prontamente e per tutto il tempo mi stava spremendo il cazzo.
Jean ha detto: "L'amore striscia su questo pozzo e affondalo nella tua figa".

"Sì signora Jean." È lì che ho scoperto che mia moglie era una sottomessa, una vera sottomessa a questa donna. Poi mi ha detto di accarezzare le tette di Mary e morderle i capezzoli. Mi stavo divertendo, quindi l'ho lasciata andare e ho anche risposto "Sì padrona", mentre giocavamo.


Mary stava cavalcando la mia pole ma io volevo cavalcare Jean quindi ho cercato di non prestare attenzione a quello che stava facendo Mary per godermi questo nuovo premio. Jean ha detto: "Voglio leccare la mia figa". Jean si è inginocchiata a cavalcioni sul mio viso, ha tirato fuori il cuscino e ha detto lecca schiava”.

Ho detto: "Sì padrona" e ho messo le mie mani intorno alla sua schiena e ho iniziato a leccare dal suo bocciolo di rosa al cappuccio del suo clitoride. Dopo soli tre minuti ha iniziato a tremare e ha detto che è abbastanza schiava.


Ho continuato ad andare lei ha cercato di allontanarsi ma avevo bloccato le mie dita nella parte bassa della sua schiena non stava andando da nessuna parte il fluido ha iniziato a scorrere e ho mosso le gambe liberando la metà inferiore del mio corpo. Continuando verso il suo secondo orgasmo era ansimante e senza fiato. Poi sento oh no…. oh merda ah e..e..e……, stava venendo di nuovo mentre mi alzavo e affondavo il mio cazzo fino in fondo in lei e l'avevo sbattuta forte per un altro minuto e siamo venuti entrambi insieme.
Sono rimasto duro, quindi ho continuato a scoparla e lei è esplosa di nuovo schizzando dappertutto e poi ha detto: "Basta, per favore non più".


Ho detto: "Non più cosa?" e ho continuato a picchiarla. "Per favore, Brent, non ne posso più."

“Allora rispondimi schiavo vero e proprio e ho iniziato a scoparla il più velocemente possibile.


È venuta di nuovo e ha detto: "Per favore padroneggia il mio padrone, smettila, non ne posso più di quel cazzo magistrale". Ho smesso di spostarmi sul suo corpo e ho detto: "Pulisci il cazzo del tuo padrone" e senza esitazione lei mi leccò e mi succhiò perfettamente.


Dopodiché l'ho aiutata ad alzarsi in piedi e mentre il lenzuolo cadeva via non ha provato a raccoglierlo, è rimasta lì e ho detto "Zia Jean hai un bel corpo e le ho accarezzato il seno e le ho attorcigliato i capezzoli facendola gemere". . Tutto quello che poteva ottenere è "Sì maestro".


“Mary, mia moglie, andiamo a fare la doccia e portiamo con noi la nostra ragazza, potresti trovare un uso per lei.


"Sì maestro, grazie maestro." Sotto la doccia Jean mi insaponò tutto con reverenza e Mary fece fatica a mettermi vicino un asciugamano. Quando è arrivato il momento di sciacquarmi, Mary e Jean hanno messo entrambe le mani sullo spruzzatore e Mary ha detto: "Lascia andare la ragazza o subisci le conseguenze".


Non lo sapevo allora, ma quello è il momento in cui mia moglie non era più schiava di nessuno tranne me.



Abbiamo lasciato la doccia e siamo usciti a fare colazione. Jean andò in camera da letto per vestirsi e io dissi: "Donna dove pensi di andare?"


"Maestro, posso avere il tuo permesso di vestirti?"


"Ragazza sei completamente vestita mentre sei a casa nostra e ragazza che include te."

Balbettando disse: "Maestro, d'ora in poi vivrò qui?"


"A meno che tu non abbia un'obiezione, ragazza."

È volata tra le mie braccia oh no mio padrone, mi piace qui, ed essere vicino a voi due è il mio sogno, sono il tuo padrone di schiavi.


Bene, questo sta diventando più interessante di giorno in giorno. "La zia Jean inizia la colazione e la mamma puoi aiutarla. Non sono sicuro che sappia dove si trova ogni cosa. Ci siamo seduti e stavamo mangiando quando la mamma è entrata ha visto Mary e Jean che mangiavano nudi e ha detto: "Oh, mi dispiace, credo che avrei dovuto bussare questa volta".


"Mamma entra, siediti, zia Jean, prendile una tazza di tè con il miele."


"Sì padrone subito padrone."


“Mary, spiega alla mamma cosa è successo stamattina.


Mary ha detto a mamma che era una sottomessa e Jean era il suo padrone fino a quando mio marito non l'ha presa e ora non vuole altro che mio marito e servire me e lui per quella materia. Marie, se non conoscessi Jean e io siamo amanti da più di dieci anni come lo siamo stati noi".


Jean tornò versò il tè alla mamma e andò a rimetterlo sul fornello e io dissi: "Stai lì, la mamma potrebbe voler esplorare la ragazza".


La mamma le strinse le tette e si spostò per toccarle la figa. La mamma disse: "Ragazza, questa figa è fradicia".


Sì, padrona, è stata opera di tuo figlio.


La mamma ha detto: "Vai a finire la colazione prima che si raffreddi".

Jean ha continuato a stare lì e ho detto "Un ordine da uno di questi due è uguale a un ordine da me".


"Sì maestro, grazie maestro", e attraversò la stanza e riportò la spatola. L'ha messo in mano alla mamma e ha detto: "Mi dispiace padrona" e si china tenendosi le caviglie.


La mamma mi guarda e io ho detto: "Sta aspettando la tua correzione, devi dargliela". La mamma si batte il culo con la spatola e dice: "Eccoti corretto". Jean non si muove rimane al suo posto e ho detto: "Mamma ha bisogno di essere colpita, è ciò che le piace".
"Figliolo come fai a saperlo"


“Ero un adolescente due volte, ricordo, ho passato molto tempo su quei siti xxx. Credimi, questo è ciò che lei desidera ardentemente, alcuni saranno soddisfatti con il rosso rosato, ma la maggior parte desidera i lividi e alcuni addirittura vogliono il sangue.


La mamma l'ha colpita duramente e Jean ha detto: "Un'amante grazie per avermi corretto". Colpisci di nuovo e Jean ha detto. "Due signore grazie per avermi corretto." Dopo cinque colpi il suo culo era rosso rosato con alcuni lividi i suoi succhi di fica scorrevano come acqua lungo la gamba.


"Ora madre mia, immagino che tu voglia che tua madre di puttana soddisfi i tuoi bisogni?"


Per favore, figlio mio, ho bisogno di te, ho preso in braccio la mamma e l'ho adagiata gentilmente sul letto matrimoniale king size e ho detto: "Mary mia moglie ha quella ragazza che ti mangia mentre giochi con le tette di mamma".


“Sì mio marito con piacere. Ok, ragazza, hai sentito il nostro padrone arrivare a farlo e farlo bene o te ne darò dieci con la spatola e non quelli leggeri come quelli che ti ha dato mamma.


Jean ha iniziato con Mary mentre io mi prendevo il mio tempo a succhiare le tette e il collo della mamma. Il lamento che stava facendo era incredibile mentre mi lasciavo cadere sulla sua figa, era un po' secca ma la fica dei jeans era vicino e la sua era fradicia quindi l'ho raccolta e l'ho applicata al suo clitoride presto la mamma stava producendo il suo l'ho leccata a il suo primo orgasmo e mentre stava venendo vicino al secondo ho spinto il mio cazzo nella sua figa sorprendentemente stretta il mio cazzo ha spinto da parte i suoi muscoli della fica ed è stato fantastico. In men che non si dica si contorceva come un pesce.


Ho detto: "Come sta il tuo figlio di puttana del personale". Figliolo, sei un dieci, sono pronto ad esplodere, fottimi, stronzo, speronalo a casa, figlio mio, ti amo.

Con quello la mia lingua ha trovato la sua bocca e ci siamo baciati mentre esplodeva lei ha urlato e ho continuato a martellarle la fica bagnata e lei è venuta una seconda volta quasi svenuta. Ho tirato fuori il mio cazzo e Mary era lì per succhiarmelo mentre Jean faceva venire Mary per la quarta volta.


Le ho sussurrato all'orecchio e ho cantato come se avessi preso una tigre per la coda. Mary scoppiò a ridere istericamente.
Mary disse: "Ma è il contrario, il mio amore è la tigre in questa famiglia". Ci siamo addormentati per un paio d'ore Jean ai miei piedi Mary e mamma su entrambi i lati con una mano sul mio cazzo mentre dormivano. Ci siamo alzati per fare la doccia e ho scopato Jean da dietro con lei piegata sotto la doccia. Più tardi quel giorno abbiamo chiamato un camion per traslochi per portare qui la roba dei jeans, la maggior parte era immagazzinata perché non avevamo bisogno di mobili.

Quella sera, mentre sedevo intorno al camino a gas, dissi: "Mary, come mai Jean e non un ragazzo che eri e sei abbastanza bello?"
“Brent, ho dovuto allevare te e non ho infastidito nessuno con i tuoi valori. Potevo sentire dentro quello che Brent voleva mio marito, non chiedermi come ho fatto". Era una bella serata guardare le fiamme sfarfallare sulla pelle di Jean e Mary. Ogni notte facevo l'amore appassionatamente con mia moglie e ogni giorno ero un figlio di puttana per entrambi e facevo a modo mio con Jean. Eravamo felici come poteva essere. I miei corsi erano quasi terminati e per l'estate facevo il ranger, occupandomi di molti laghi e strade forestali.
Ho pensato che ci sono voluti solo 40 anni per arrivare qui, ma ero qui. Non dovevo lavorare ma come Mary nuova questa era la mia passione. Un fine settimana di luglio decido di portare Mary Jean e mamma al lago, i ragazzi non volevano andare, le partite di baseball erano più importanti. Ho preso lo Yukon con il gommone di pattuglia. Poteva trasportare 15 persone e aveva due motori fuoribordo da ottanta cavalli.
Ho contattato via radio la torre della foresta quando sono arrivato al lago. Eravamo a circa 15 miglia dalla strada di accesso chiusa. La strada aveva due cancelli di sicurezza. E il rischio di incendio era estremo.


Non c'era motivo per cui qualcuno tornasse qui. Ho lanciato la barca dalla rampa gestita dalla compagnia di legname. Ho comunicato via radio affermando che ci stavamo dirigendo verso la stazione 5 del deserto e che saremmo stati lì per i prossimi tre giorni. Una volta al largo ho detto ok signore strip. La mamma ha detto: "Beh, non siamo noi". Jean e Mary erano quasi spogliate e la mamma non aveva iniziato. Mi sono tolta la tuta da lavoro e lei era ancora vestita. Eravamo ben al largo nel lago e io l'ho guardata e ho guardato l'acqua. Lei lo vide e disse: "Non oseresti".
Prima che venisse detta un'altra parola, stavo ridendo e l'ho presa in braccio e la mamma ha detto: "Mettimi giù figlio di puttana", mentre la gettavo in mare.


Mary disse: "Questo è esattamente ciò che è la mia cara suocera".


La mamma ha iniziato a tremare e ha detto: "Bastardo, pagherai per questo".
Sì amore mio e anche tu il costo per tornare in barca sono i tuoi vestiti.


Pungi mentre si spoglia dei suoi vestiti. nudo ora ho messo la scala sopra il lato. Quando è salita a bordo l'ho baciata era arrabbiata e ha cercato di fermarmi ma io ero troppo forte e quando le nostre lingue si sono intrecciate si è sciolta tra le mie braccia. “Mamma ti amo e non ti farei del male per niente al mondo voi tre siete il mio mondo. Guardati intorno tutta la bellezza nascosta. Stavamo andando verso quell'isola a circa un miglio da qui, è il centro morto di questo enorme lago.


Siamo arrivati ​​al lago e io sono andato a slacciare i lucchetti della cabina Jean e Mary sono andati ad aprire tutte le finestre. La mamma mi aiutava con la spesa e mi pizzicava il culo quando poteva. Nei nostri numerosi viaggi di ritorno alla barca l'ho fermata per un bacio profondo e le ho massaggiato il seno facendola gemere di desiderio. "Per favore, Brent, portami qui e ora." Ho sentito la sua figa e questa volta era bagnata così l'ho girata e l'ho entrata da dietro. Si lamentava e veniva rapidamente mentre continuavo a speronarla. Ho detto: "Sono perdonato il mio amore?"
Lei non ha detto niente e io ho piantato il mio cazzo in profondità dentro di lei e con un forte ansimare, "Sì figlio mio figlio di puttana, tutto è perdonato." Ho continuato fino a quando le sue gambe hanno iniziato a cedere e l'ho aiutata a sedersi per recuperare. Mary è venuta per assicurarsi che la mamma stesse bene. Jean accese la stufa a legna e ci mise delle bistecche. Ho fatto a pezzi un po' di legna e ho acceso il fuoco esterno. Una volta che era a buon punto alcune patate venivano avvolte in carta stagnola e messe sotto la brace.


Mary rimase ben lontana dal fuoco. Ho detto qual è il problema mia E Mary?"


Oh zitto mio marito. Jean disse: "Di cosa si tratta. Ho detto: "Non molto solo nella mia vita precedente è stata marchiata con una E a un falò proprio come questo".


"In nessun modo avrei visto che sono stato su ogni centimetro del suo corpo."
"Cosa vuoi scommettere schiavo."


Jean ha detto: "Vincerò questa scommessa, scommettiamo i nostri culi che vinco e che potrò usare una cinghia per il tuo culo, tu vinci e tu prendi il mio culo vergine".
"Affare."


Jean ha detto: "Ok, dov'è questa presunta cicatrice".


"Mary, mia moglie, mostrale la cicatrice."


Mary allargò i peli pubici esponendo la cicatrice. "Oh mio Dio, non l'avevo mai visto prima."


Ho detto: "Sarà divertente prendere quello schiavo del culo".


Jean chinò la testa e con la paura nella voce disse: "Sì maestro". La bistecca era cotta e le patate che abbiamo biforcato dalla brace. Abbiamo mangiato tutti benissimo e stavamo seduti intorno al fuoco il cielo era bellissimo milioni di stelle. Avevo un braccio intorno a Mary e l'altro intorno alla mamma. Abbiamo parlato della mia infanzia e di tutto ciò che ricordavo mentre dormivo e di quanto deve essere stata dura.


Dissi: "È stato davvero qualcosa avere un vivido ricordo di essere un adulto e di fare l'amore con mia moglie e poi svegliarsi nella nebbia con tutto che si dissolve in pochi secondi".
Jean ha detto: "È così fantastico maestro quello che pensavi sia successo", si è schiaffeggiata sul braccio e ha ucciso una zanzara. Qualche altro schiaffo e ho messo un secchio d'acqua sul fuoco, ho mescolato le braci e poi ho svuotato il secondo secchio per assicurarmi di andare in spiaggia e riempirne altri due e gettarne uno sul fuoco che era sicuramente spento.


Una volta dentro gli schermi erano dentro e avevamo luci a led ad energia solare. Ci siamo seduti a tavola La mamma si è seduta sul letto ha detto che si sentiva un po' fuori di testa. Mary ha controllato la sua temperatura e il polso sembrava tutto a posto.


Jean disse: "Maestro, cosa pensavi che fosse realmente accaduto".


Jean, so che suona così e credimi, ho pensato a lungo e intensamente a questa domanda.
Credo che non sarei dovuto morire in quell'incidente e che sono stato tirato fuori prima che fosse finito, forse l'entità stava cercando di salvarmi dal dolore. Qualunque sia la ragione, se l'entità avesse lasciato che si svolgesse, sarei vissuto ed è per questo che stavo assorbendo la luce che sembrava così pacifica e tranquilla l'istante successivo stavo uscendo dal grembo di Maria soffocato da tutto quel fluido.


“Ora ero un ragazzo, non Grace. Credo che il supremo l'abbia fatto per me o per me".

Jean disse: "Maestro che è profondo".

Mary disse: "Non me l'avevi mai detto mio marito".



Ho detto: "Sto ancora venendo a patti con questo".


"Beh, mio ​​marito mi sentivo fuori all'inizio, pensavo di star male come mamma qui, quindi mi sono messo alla prova e ho avuto una malattia di nove mesi."


Mi sono precipitato al suo fianco, mi sono inginocchiato e ho detto che nostra Grazia sta per nascere.


"Brent amore mio, potrebbe essere un altro ragazzo fantastico come te."


No, amore mio, sarà Grace con vent'anni di ritardo, ma sarà grazia".


Ci siamo abbracciati e baciati e siamo andati a letto. La notte trascorse velocemente ei raggi del mattino illuminarono la cabina. Ho guardato il lago di vetro, non un'increspatura, era come guardare uno specchio. Sono andato al gabinetto e stavo rientrando quando Mary ha urlato. Sono venuta di corsa "È mamma, ho guardato che i suoi occhi erano dilatati, stava fissando ma non c'era nessuno a casa.


"Prendi la nostra roba e portala sulla barca." Ho portato la barella, abbiamo vestito la mamma e l'abbiamo sollevata sulla barella. Ci siamo vestiti tutti e abbiamo portato la mamma sulla barca e l'abbiamo sistemata in cabina sull'imbracatura fatta apposta per la barella. Ho acceso i due motori che hanno ruggito in vita e siamo andati a tutto gas attraverso il lago. Ho trasmesso via radio in anticipo e hanno avuto difficoltà a sentire le sirene. Li ho tagliati abbastanza a lungo da far passare il messaggio per l'elicottero della linea di vita. Con entrambi i motori spenti ci sono voluti solo pochi minuti prima che la rampa di lancio fosse sul posto. Quando sono atterrato abbiamo appena avuto il tempo di far salire la barca sul rimorchio quando questo enorme elicottero rosso e bianco stava arrivando alla radio ha detto che era la guardia costiera e per noi tutti gli altri ranger si sarebbero presi cura della barca e del veicolo.


La mamma è stata messa in sicurezza e alla flebo è stato dato il permesso di amministrare il colpo speciale per ridurre al minimo i danni dell'ictus. Eravamo appena in volo quando ho visto il capitano e un paio di colleghi atterrare per prendersi cura della barca.


Siamo atterrati sul tetto dell'ospedale e ci siamo adattati a malapena, questa attrezzatura era enorme. Quando siamo usciti in emergenza, Mary è andata da papà per aggiornarlo mentre io stavo con mamma.
Quando papà è entrato in emergenza, la mamma si stava avvicinando al suo discorso un po' confuso ma stava formando le parole, quella scena funziona davvero.


Il Capitano è arrivato circa un'ora dopo e ha detto che tutto era assicurato e ha chiesto come stava la mamma. Dissi: "Credo che starà bene, le hanno sparato in tempo". Siamo entrati e l'abbiamo vista per alcuni minuti e il capitano Grimes ha detto: "Prenditi tutto il tempo che ti serve, ti abbiamo coperto figliolo". Ci siamo stretti la mano e se n'è andato. Quel pomeriggio hanno portato la mamma in una stanza privata e siamo andati tutti a casa tranne che papà che non voleva lasciarla.
Nel giro di pochi giorni si è alzata in giro e ha parlato come se non fosse mai successo tranne che per una leggera zoppia che è l'unico effetto residuo dell'ictus.


Tornati a casa le cose si sono sistemate e dopo che la mamma è tornata a casa, la casa si è di nuovo eccitata con la notizia che Mary era incinta. Ci siamo sposati la settimana successiva. Avevo Roy severo il nostro avvocato come testimone e Mary aveva Jean come damigella d'onore. È stata una cerimonia tranquilla e la vita è andata avanti. It wasn’t even a month when Jean came in with the news she was pregnant.


Shortly after that news I was playing with Jean one evening and while kissing her I sunk my gelled finger into her ass. She jumped and said what do you think your doing.


“Slave I am taking what you promised just keeping you honest slave as I continued with a second finger I squeezed more gel on her ass and she screamed at the third finger intrusion.


“No stop I cant take it please no master I can’t.” I continued my cock hard as a rock now knowing I was taking a virgin ass. After a few minutes I lubed my cock and lined up with her rosebud my knob went in past her sphincter and she screamed “Take it out master your hurting me.” I did not take it out but held it there motionless she was moving and I said, “The more you move the more pain you get now be still my slut.”


“Please master take it out I will be your willing slut your whore anything but take it out.” Her movements had me about half way into her ass she finally resigned herself to the fact I was taking her virgin ass. Within five minutes I was all the way in she whimpered and then her muscles started to relax as I slowly started to fuck her ass. It wasn’t long before the moans of pain turned to that of pleasure.


I could feel her muscles working my shaft and reached around and fingered her sloppy clit. As she was just about to explode I pulled out and held my cock just outside her rosebud. “Please master I beg you finish your worthless slave off.”
“Oh no my slave I am doing what you ask first I took my cock out and what was it you said?”
“Master I don’t remember, please fuck my ass I need you master.”


I poked her spinster and my knob went inside I did that a couple of times and said “You are my slut my whore.”


Yes master I am your slut your whore anything I need your shaft, drive it into my ass make your slut of a whore cum.”


With that I added more lube and rammed my cock deep in her bowels within a minute she was doing her normal flapping like a flounder out of water.


“Come on my slut show you master how much you love my shaft in your ass,” as I started squirting pulse after pulse of my baby batter in her ass.



When I finished I rolled off panting for air and Jean crawled over and started licking my shaft clean. She managed to get me hard and I decided to make love to my wife.


She said, “Would it help if I said I had a headache.”


I looked at her and said, “Do you have a headache?”


Mary said, “No my husband,” and the love making was on I took her missionary then from behind then from one side then the other finally finished after many orgasms with my love on top of me she fell off and Jean sucked my dead cock clean and we fell asleep. Next morning I woke to being sucked again and then I felt my cock sinking into this pussy slowly it fucked me not in any kind of rush state as my eyes opened here was mom riding me she whispered I just had to have my motherfucker. After a while she came and rolled off exhausted and I said, “Mom you need to be careful.”


“You’re my mother fucker and I will have you service me as much as I want. I raised you for twenty years so you owe me twenty years of fucking satisfaction.”


I said, “Can’t argue with that my mommy guess you will be eighty five on your last fuck.”

“I will be at least one hundred you saucy pup.”


“Yes my mommy how foolish of me and we hugged and laughed waking Mary up. Mary seen mom and said Marie you shouldn’t be doing this, honey help me out here.”


“My love your on your own here mommy already laid down the law to me I am to be her mother fucker at least until she is one hundred years old, so you argue with her I am not.”


“Marie we do not want to loose you. Marie you can’t be doing these strenuous exercise.”


“Maybe your right Mary.” I actually thought Mary was winning this argument and Mary said, “Dam straight I am right.”

“All right dear as she rolled on her back legs spread eat me out while I rest and you can savor our mother fuckers cum and if your real nice you can straddle my face and I will get some nice licks on that pregnant pussy.”


I laughed out loud and seen mom won again Mary face turned red knowing she had been beaten by mom again.


Mom said, “Get to it or I can have our slave do it and you will miss out.”


Mary was beat she so wanted to eat her out as its been a while at least all of three weeks she said, “Marie you are an exasperating mother fucker,” as she descends between her legs and starts licking.


“That’s it my daughter your doing great god that feels nice lick up from the rosebud dear get all that motherfuckers cum for us to savor.”


Within a few minutes Mary got mom off but she kept going and a second orgasm was building stronger than the first Mom screamed and closed her legs she went limp passed out from the pleasure.


A moment later Mom opened her eyes she was propped up with pillows and a cold ice wrapped in a small towel on her head. Mom said, “What happened I got a little dizzy.”


Mary said angrily, ”Kind of, you sure did you were out like a light bulb turned off. I told you Marie you need to take it easy; this stud is too much for you right now. We will have to feed you this motherfucker in small douses if you want to see your next birthday.”


Mom said, “I was just a little dizzy.”


Mom I know you are stubborn but Mary my wife is right she knows what is best for you may not be what you want will boo hoo we always don’t get what we want but she will make sure you get what you need.”


I took one of the ice cubes from the towel and put it to her lips so she could feel the smooth cold wetness on her mouth.


“Thank you Brent I needed that.”


“Yes you did.” I moved the cube down on her nipple and run it around several times making her nipple stand erect I did the same with the other and Mary grabbed her hands and held them not allowing her to stop me.


I said, “That is for not listening to Mary to start with my adorable wench.”


Mom with tears in her eyes said, “Mary I know you are right I just cant face that this part of my life is over I love you guys so much what am I to do?”


Mary hugged her and said, “Its not permanently over just need to rest and get much better than you are now then we will have moderate fun even with mother fucker here.”


The weeks passed I went back to work and became close to Ben he was a full ranger about 2 years older than me. He was always talking about something not that he was a braggart even though he was supper smart. I learned more about the forest in a few months with Ben than I did in 3 years of collage.
We were becoming really close. He had had a few girlfriends but they didn’t last. He often joked about having a harem just to watch the girls dance. That was a topic that came up often. Another topic was reincarnation. It was mainly him I really did not want to go there he was a good friend and I trusted him but not that much we were talking about the rest of our lives.


Anyway Ben’s birthday was approaching and Mary said about a party for him. I said it would mainly be the staff from work there were a few girls and about 15 rangers. I talked to them all and we were going to give Ben a surprise party. It was January. So I said to Ben how about we go to the cabin out on officers lake for the weekend.


Ben said, “I would feel like a third wheel.”


“Don’t be crazy you’re my best friend and you have met Mary a few time and I think you enjoyed her company also her friend Jean is nice to.”


“Hey man your not trying to pair me up are you because I am not interested.”


“Ben I promise we are not, just looking for a fun weekend. We can ice fish snare a few rabbits use the snowmobiles or the track machine as I need to take that out anyway to fix that bottom set of steps to the tower. It is slow at work and this is something that needs to be done so we can go out Thursday fix the steps Friday shouldn’t take more than the morning then come in Monday afternoon. I was out there a few times this week so I got the materials we may as well get it done. Ben agreed and I told the Captain we were all set to fix those stairs. Thursday morning we loaded up the vehicles the guys from work wouldn’t let Mary lift a finger being seven months along she really had a big belly.

We got down to lake about eleven and Jean and Mary in matching white snowsuits climbed into the track machine. It took almost an hour going across the lake it was a beautiful clear day about 25 below Celsius. The sun glaring off the ice the ice was over sixteen inches thick. You could drive a tank on it. Ben seen my tracks from earlier that week and as we got to the island and we could smell smoke.


I said, “Ben check that out before we unload he went around the corner of the building to a big yell surprise the whole staff was there including the helicopter on the landing pad making them only minutes away from home base if needed. This was Bens 25t birthday consider a man by any standard now. Yes his adolescence was gone he was now starting the time where his future meant more than a hot date.


The afternoon went and the cards were given and the cake was cut and passed around. The staff opened up a flat of bear and one can was given to everybody and everybody but the pilot and Caption had a second. The crew unloaded the track machine and set everything up.


By four o’clock the sun was getting ready to set so the other track machine took off for the beach and a half hour later the helicopter left.


We sat by the fire but even with our suits as night fell we were getting cold so the girls went inside and Ben and I used snow to kill the bonfire. The steam was all that was herd and soon that dissipated into the peaceful quiet of the wilderness. Ben and I went into the shed and hooked up the Honda generator we stated it and plugged in the charger for the batteries the led lights all came on.


Ben came over before we went inside and he through his arms around me and said, “Man I have never had such a wonderful surprise in all my life it was the greatest and heartfelt I will remember it always and am so indebted to you I can never repay you. You are the absolute best.”


I said, “Ben this is only the beginning as they say you aint seen nothing yet. However I am not gay or Bi that I know of at least not yet but the weekend is still young.”


Bill let go like I was a hot piece of steal and we both looked at each other and laughed.
Ben said, “Maybe we should get in so they don’t thing we are doing anything.” We laughed and went into the camp. Inside it was huge with four queen size bunk beds Jean had a curtain up separating her side from where Ben was sleeping. I said, “Ben not really a wall but guess it will do.”


Ben said, “It would do better if it had a light on her wall behind the curtain.”


“Oh master do you want me to?”


Bens head flew up looked at her then looked at me and Jean said, “Opp’s.


Ben looked at me and I said, “That is one of the many things that we decided as my best friend you should know.”


”One of the things. You own a slave there is nothing more monument than that this is not real is it my friend.”

Jean said, “It is real I will do anything for my mistress and master.”


Ben said, “I know your rich did you go buy a real honest to goodness slave.”


Ben looked at Mary and at me and I said, “Shall we have supper then we can get into this you only are getting a spur my friend. Is bacon and eggs good for supper?”


Ben nodded like in a stupor and I said slave make us bacon and eggs and put some coffee on.”


“Yes master right away sir.”


“Jean get the brandy out for our friend please.”


“Yes Mistress.”


Ben sat with his jaw dropped and mouth opened just staring.


I said, “My wife A while ago we were in the shed and he hugged me now he is sitting there at the table with his mouth open is he locking for my cock to fill it.”


With that Ben came fully conscious and shut his mouth as Mary, Jean and I laughed to split a gut.


“Very funny you drop a bomb on a fellow like this its like I would like to know the W5 who, what, where, when, and why.”

Jean cooked the bacon and I brought bens mind back to the steps we needed to fix. He was having a hard time concentrating and many a time he said, “A slave a real slave.” Then looked back at the sketches I had drawn.


Mary laughed as Jean poured him a coffee and Mary spiked it with brandy.


During supper Ben had some of his senses and said so is this slavery sexual?”


Jean said, “ Mr. Ben, why of course silly he is my master and Mary my mistress.”


Ben said, “You have sex with Mary too?”


Jean said, “Of course Mr. Ben we have had intimate relations since master Brent was a pre teen.”


“Were you having sex with master back then?”


Jean said, “Of course not Mr. Ben what do you think I am.”


Ben went to speak again and I said, “Ben my friend please let us explain, like I said you are looking at such a minute part of this.”


Ben what I am about to tell you is the absolute truth and I can prove it as a mater of fact most of the proof is in that briefcase.”


Ben shook his head and I said, “Go outside take a leak then come back in giving the cold air a chance to clear your head you are going to need it.”


Mary said, “Ben do you want my husband to go out and hold it for you?” Mary and I started laughing and Ben went outside and in a few minutes was back. “Dam it is crisp out there.”


I said, “The wood box is full so we are good for a day.

Ben sat down and I said, “Are you ready?”


“Ben I know you, like me, you believe in the supreme one, call him god or whatever but that entity exists.”


“I believe in the light and paradise on another plane of existence. 21 years ago in March my wife was with child and all the scans were done we were having a girl.”


Ben caught that and said “We.”


“Ben let that be for a moment. Anyway as I was saying her husband was called as she went into labor. Her husband got on his scooter as he was in university taking his degree in forestry his life long goal since childhood was to be a forest ranger.”


Ben said, “Like you are.”
I said, “Yes,” and anyway during this trip a truck with no brakes hit a car which hit the scooter and the next thing Mary’s husband seen was a bright white peaceful light and then was choking and drowning coming out of Mary’s womb as a boy not a girl. When this baby tried to talk tell his wife he was there all that came out was baby cries.”


“Growing up when the boy slept he knew Mary was his wife but as he woke it faded by the time he was fully awake.”


“When he was 18 back at the lake while swimming under the water with his mother he realized he was Mary’s wife and Ben that is basically where we are today my wife is pregnant and I know it will be Grace just 20 years later.“

“I believe that an entity serving the supreme one took me before the outcome that night and I would of survived and put me in Mary’s body and replaced Grace.”

Storie simili

Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei...

723 I più visti

Likes 0

Balla con una concubina, parte seconda

Sono passate due settimane dal mio incidente nelle caverne. Si pensava che Nancy fosse scomparsa dalla sua famiglia, ma non potevo dire loro la verità. Conoscete quella su lei che ha accettato un patto da qualche gingillo magico e poi ha ordinato ai suoi scagnozzi di violentarmi. È ancora stupro se mi sono divertito fino in fondo? Forse ero uno di quei tipi sottomessi? Chissà? Ad ogni modo, appena sono riuscito a guadagnare abbastanza forze per lasciare il motel, sono scappato. Stuart e la sua amica con il fisico perfetto hanno cercato di fermarmi, mi hanno detto che c'erano molte cose...

469 I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

602 I più visti

Likes 0

Rigorosamente di testa

QUESTA E' FANTASIA QUESTO NON E' SUCCESSO DAVVERO. QUESTA E' LA MIA PRIMA STORIA!!! era una calda giornata estiva, stavo appena uscendo dal lavoro e vedo un vecchio amico. era in piedi vicino alla sua macchina. il suo nome è volontà. ora sarà molto facile per gli occhi. è alto circa 6 piedi 2, molto muscoloso, di carnagione scura e carino. ha un sorriso molto caloroso e dà abbracci incredibili. sono alto circa 5 piedi e 5, un po' spesse, tette di taglia 38f, pelle bianca e cremosa molto pallida e ho una personalità straordinaria. Corro da Will e gli do...

526 I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

699 I più visti

Likes 0

Il mio progetto scolastico, MAMMA 2

Il mio progetto scolastico, MAMMA 2 Questa è la seconda parte di questa storia per capirla meglio ti consiglio di leggere la prima parte. I commenti sono i benvenuti. Sabato mattina Sherry si è svegliata alle 7:30. Si sentiva meravigliosa, ma poi si rese conto che aveva lo sperma secco su tutto il sedere. Mio Dio, ho fatto un sogno bagnato la scorsa notte e non mi sono ricordato che le è passato per la mente. La sua figa era dolorante e tesa, e il buco del culo le bruciava un po'. Rimase in piedi a guardare tutto lo sperma secco...

808 I più visti

Likes 0

Wendy e Miss West iii

Il terzo di tre Wendy è stata condotta con gli occhi bendati dalla signorina West verso una porta sul retro dell'ufficio. La signorina West inserì una chiave e aprì la pesante porta di quercia di quello che dall'esterno sembrerebbe essere un magazzino vicino all'ufficio principale. Entrando, se Wendy avesse potuto vedere, avrebbe visto una piccola stanza, circa 6 piedi quadrati, dipinta di nero con anelli di metallo fissati a varie altezze lungo le pareti e in vari punti al soffitto. La stanza era illuminata con faretti orientati in tutte le direzioni. Wendy era in piedi al centro della stanza molto illuminata...

564 I più visti

Likes 1

Maturo per la raccolta - Parte 4

Maturo per la raccolta - Parte 4 Di Kevin Moore Bryan mi ha legato al letto in un tempo doppio, e poi ha recuperato una fotocamera Pentax Spotmatic dall'armadio - in seguito ho scoperto che quell'uomo era un fotografo professionista e che i bum-boy e la pornografia erano le sue due principali passioni nella vita. Mentre armeggiava con la telecamera, un uomo di colore nudo è entrato nella stanza. «Piacere da parte tua a presentarti finalmente, Lloyd», disse Bryan. Kevin avrebbe potuto essere sdraiato qui per ore, in attesa di un vero furto reale da parte del mamba nero. «Culo con...

576 I più visti

Likes 0

Migliori amiche moglie incinta Pt 1

Avevo sempre sentito dire che le donne si arrapavano di più durante la gravidanza, ma non mi rendevo conto di quanto fosse brutto fino a quando il mio migliore amico e sua moglie non rimasero incinta. Da quando sono stato licenziato l'estate scorsa, pago i conti facendo lavori saltuari in giro per la città; tinteggiatura di case, tettoie e falciatura dei prati. Michael, il mio amico, lavora in una fabbrica molto ben pagata, e immagino che abbia deciso di aiutarmi assumendomi per dipingere la sua cucina e il suo bagno, anche se non c'era niente di sbagliato nella vernice. Ero felice...

755 I più visti

Likes 1

Il primo trio di mia moglie

Questa storia è successa esattamente 2 anni fa. Io e mia moglie siamo entrambi molto entusiasti del sesso e delle avventure sessuali. Sono fortunato ad avere una moglie così arrapata. Per prima cosa ti spiegherò mia moglie. Il suo nome è vidya (nome cambiato) e ha 28 anni. Veniamo da Cochin in Kerala. Vidya è alta circa 5 piedi e 2 pollici, un corpo snello con tette medie e un fantastico culo rotondo. È bionda e assomiglia leggermente a Aiswarya rai. Sono rahul e ora ho 35 anni e come nelle mie storie precedenti sono alto 5 piedi e 8 pollici...

873 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.