Il mio patrigno 2_(1)

684Report
Il mio patrigno 2_(1)

La prima storia ha avuto luogo un mercoledì pomeriggio.

Il giorno dopo sono tornato a casa tardi a causa delle prove in pista. Quando sono arrivato mia madre e il mio patrigno erano in cucina a parlare. “Chris, tesoro, puoi venire qui un minuto. Ti devo parlare. “Sono entrato e mi sono seduto. Mia madre ha spiegato che mia zia Mary, la moglie di mio zio John, che era incinta di 8 mesi, aveva dei problemi e doveva riposare completamente a letto e quindi mamma e nonna sarebbero andate in macchina in Ohio per dare una mano. Mia madre non voleva che sua madre guidasse alla sua età. Probabilmente la mamma sarebbe tornata tra una settimana, mentre la nonna sarebbe rimasta. Mi ha assicurato che avrebbe rifornito il frigorifero con il cibo della tavola calda prima di andarsene. Le ho detto di non preoccuparsi e di fare quello che doveva.

Il mio patrigno ha detto a mia madre "Non preoccuparti cara, staremo bene, vedi cosa serve e torna quando puoi, sono sicuro che Chris ti aiuterà. “Mentre diceva questo, mise la sua grande mano sulla mia spalla provocando una scintilla che mi attraversò.

Sabato mattina ho visto uscire mia madre e mia nonna. Bob era al lavoro, dato che di solito era aperto mezza giornata il sabato, ma non è tornato a casa prima delle 17:00. È entrato con diverse borse.

"Chris, vieni di sopra con me, ti ho comprato delle cose." L'ho seguito chiedendomi cosa avesse dato che di solito non comprava molto per nessuno, incluso se stesso. Si è seduto sul mio letto e ha iniziato a svuotare le borse.

"Ho pensato che potresti aver bisogno di alcune delle tue cose", ha detto. Una borsa conteneva un mucchio di accessori per il trucco e un opuscolo su come applicarlo. C'era un sacco di vestiti, un sacco di gonne corte, pantaloncini corti, alcune magliette femminili, mutandine (per lo più infradito), due reggiseni imbottiti (uno con spalline, uno senza), calze tirate su e un completo da cheerleader con scarpe da ginnastica rosa. Nell'ultima busta c'erano la crema da barba, un rasoio da donna e un kit per clistere.

Ha detto: “Se il tuo culo deve essere riempito devi tenerlo pulito. Ora cosa dici a papà.

"Oh, grazie papà per tutti questi regali." Ho detto.

“Adesso spogliati e vai in bagno” disse. In bagno sono rimasto nella vasca mentre papà mi faceva la barba. Ero per lo più senza peli, solo un po' di peli chiari sulle gambe. Il mio petto, il sedere e lo stomaco erano glabri, poiché la maggior parte dei maschi nella famiglia di mamma non erano pelosi e non mi ero ancora fatto crescere i peli sul viso. Mi ha rasato le gambe e mi ha anche rasato la zona pubica lasciando solo una piccola striscia. Poi mi ha detto di usare il clistere, due volte, e di fare la doccia.

"Quando hai finito, vestiti, sistemati la faccia e scendi a cena", ha detto.

Ho fatto come ha detto, il clistere sembrava strano ma non male. Indosso un perizoma rosa, minigonna nera, reggiseno imbottito, t-shirt e scarpe da ginnastica nuove. Poi mi trucco. Guardandomi allo specchio, avevo un bell'aspetto, ma avrei voluto che i miei capelli fossero più femminili. Non era molto breve, ma non era abbastanza lungo e non aveva molto stile.


Scesi le scale e papà era seduto davanti alla tv a mangiare. Alzandosi, disse: "Mi ero quasi dimenticato... qui". Mi porse una lunga parrucca castana dall'aspetto gradevole, della stessa tonalità dei miei veri capelli.

L'ho indossato e ho detto "Come ti sembra?"

"Davvero bello, andrà bene finché i tuoi capelli non cresceranno di più." Dicendo che mi ha circondato e mi ha messo una collana al collo. Ho guardato il ciondolo e diceva l'angelo di papà.

"Oh grazie" dissi sorridendo.

Sembrava contento e disse: "Grazie a me mangiando la tua cena".

Ero confuso. "È in cucina?" Ho chiesto.

“No, è proprio qui” disse abbassandosi i pantaloni e liberandosi il cazzo. "Stasera a cena prendi la kielbasa polacca."

Si sedette e continuò a mangiare. Mi sono inginocchiato tra le sue cosce. Fammi un favore, Chrissy, toglimi scarpe e pantaloni.

Feci come mi aveva chiesto, poi rivolsi la mia attenzione alla cena. Mi sporsi in avanti e leccai l'asta dal basso verso l'alto prima di far roteare la lingua intorno alla testa di fungo viola.

“Chrissy” ha detto “il suo kielbasa non è un lecca-lecca. Ora prendilo in bocca. Feci come aveva detto, ingoiando la testa e parte dell'asta. Cominciai a muovere la testa su e giù portandomela in fondo alla bocca.

“Brava ragazza” disse “ora che ce l'hai in bocca puoi usare la lingua”. L'ho fatto, il che gli ha procurato gemiti di piacere. L'ho fatto per un po' e la mia bocca ha iniziato a farmi male, ma ho continuato. Dopo aver finito di mangiare papà cominciò a spingermi ancora di più la testa, quasi facendomi soffocare.

“Chrissy” disse “se vuoi essere la donna di casa devi imparare a ingoiare a fondo il mio cazzo. Devi respirare attraverso il naso e rilassare la gola. Ho iniziato a usare il naso e ho cercato di rilassarmi. Papà mi ha spinto giù finché la sua testa non è stata dietro la mia bocca. “Rilassati” disse, poi mi infilò il cazzo in gola finché le mie labbra non incontrarono i suoi ispidi peli pubici. Ho cercato di non farmi prendere dal panico mentre mi teneva la testa lì per un po' prima di lasciarmi alzare. Quando l'ha fatto ho tossito un po' di saliva ma ha detto che ho fatto bene.

Papà poi mi ha detto di sdraiarmi sulla schiena sulla carrozza con la testa fuori dal bordo. Dopo averlo fatto, si è messo a cavalcioni sulla mia testa e ha spinto il suo cazzo dentro di me. In questa posizione è stato in grado di entrare nella mia gola molto più facilmente. Non stavo soffocando così tanto in questo modo, fino a quando, quando era in profondità nelle palle, mi afferrò il collo e lo strinse in modo da poter sentire il suo cazzo dentro di me. Ho iniziato a farmi prendere dal panico ma mi ha detto di stare fermo e ha iniziato a sprofondare dentro di me velocemente. In meno di 10 spinte il suo cazzo cominciò a vomitarmi in gola. È venuto molto ma è andato giù.

Tirando fuori il suo grosso cazzo disse "Ecco il tuo dolce, come ti piace?"

Anche se mi faceva male la gola per questo, ho appena detto "Era delizioso papà, il mio preferito". Sorrise e accarezzò il suo cazzo ancora duro. Sedendosi mi disse che voleva provare alcune nuove posizioni. Mi ha detto di andare a prendere il barattolo di vaselina, così l'ho fatto.

Ha ricoperto il suo cazzo di vaselina e mi ha detto di inginocchiarmi, a cavalcioni su di lui. Dopo averlo fatto, me ne ha strofinato un po' sul buco del culo e ha posizionato il suo cazzo all'ingresso. “Senza allentarti ti farà più male, ma sarà più stretto per me. Prova a non piangere." Egli ha detto. Poi ha inserito la sua enorme testa dentro di me e io ho quasi gridato, ma ho solo stretto la mascella. Una volta che ebbe la testa dentro di me, mi afferrò i fianchi con entrambe le mani e mi guidò fino in fondo. Non ho potuto fare a meno di emettere un gemito di dolore. L'espressione di piacere sul suo viso diceva che si stava divertendo di più. Mi ha fatto alzare di qualche centimetro, poi ha iniziato a pomparmi da sotto, andando fino in fondo a ogni spinta. Questo è andato avanti per un po', ogni tanto si riposava e mi faceva muovere, ma per la maggior parte era lui a scopare. Mentre mi scopava ha cominciato a baciarmi e io ho ricambiato con entusiasmo i suoi baci.

Papà poi mi ha fatto scendere dalle sue ginocchia. Ha messo un cuscino del divano sul pavimento. Mi ha fatto posizionare in modo che la mia testa e le mie spalle fossero sul cuscino e il mio busto e le mie gambe fossero sul divano. Ha detto di averlo visto su un sito porno e voleva provarlo. Poi mi ha ribaltato le gambe in modo che i miei piedi fossero a terra. Di fronte al divano, papà ha messo una gamba su ogni lato di me, ha piegato le ginocchia e ha iniziato a forzare il suo spessore dentro di me. Faceva molto male e l'ho pregato di smettere. Si fermò, rimanendo dentro di me, ma iniziò a colpirmi forte il culo.

“Se piagnucoli, abbronzerò il tuo culo da troia quando avrò finito. Ora tieniti alle mie gambe in modo da non muoverti. Trattenendo le lacrime mi aggrappai ai suoi spessi polpacci.

Con la lotta fuori di me, ha spinto dentro tutti i 7 pollici di spessore. Mi ha afferrato il culo e le cosce e ha iniziato a fottermi forte. Anche se non ho parlato, il suo cazzo mi ha fatto uscire molti gemiti. A papà non importava, anzi sembrava spronarlo di più.

È andato avanti così a lungo che non pensavo di poterne sopportare di più quando papà ha detto "Apri la bocca, è ora di altro dolce", momento in cui si è tirato fuori dal mio culo e ha puntato il suo cazzo sulla mia bocca. Prima di raggiungerlo ha iniziato a venire. Le prime due esplosioni mi hanno colpito in faccia prima che entrasse. Poi ha finito dentro di me e mi ha fatto leccare per pulirlo.

Mi ha detto di salire di sopra e pulire. Mi sono lavato la faccia e mi sono fatto un clistere. Quando ho lasciato il bagno, papà era nella sua stanza a letto. Mi ha detto di entrare, dato che la mamma non c'era potevo dormire con lui. Mi sono spogliata del reggiseno e delle mutandine e mi sono messa sotto le coperte con lui. Mi ha dato il bacio della buonanotte sulle labbra e mi ha stretto a sé ed è così che mi sono addormentato. Mi sono svegliata più tardi e la lampada era accesa e papà mi stava baciando sul collo. Mi ha baciato dappertutto, anche sulle gambe e sul culo. Poi scostò il perizoma e mi leccò il culo, il che mi fece sentire davvero bene. Mentre mi sdraiavo sulla pancia, si è inginocchiato tra le mie gambe e ha messo il suo grosso cazzo dentro di me e mi ha scopato a lungo. Era appoggiato sui gomiti, quindi tutto il suo corpo era sopra di me e mi sentivo bene, anche se la sua pelosità faceva il solletico. È durato a lungo perché era già venuto due volte, ma è stato un bene perché io ero sulla pancia con lui che mi spingeva, sono venuto.

Ha detto che ero una troia e una puttana, ma non mi importava perché mi sentivo così bene. Dopo che è entrato in me non si è tirato fuori. Ci ha appena fatto rotolare sui nostri fianchi ancora dentro di me ed è così che siamo andati a dormire.

Fine della parte 2

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

879 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

386 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

726 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: capitolo 35

Per coloro che non hanno letto Queen Yavara: Adrianna's Story, ne ho incluso una sinossi di seguito. La storia era un racconto che descriveva in dettaglio la trasformazione e l'evoluzione del personaggio di Adrianna e comprendeva i capitoli dal 28 al 34. Sinossi della storia di Adrianna Adrianna impiega le sue abilità di comandante per governare la popolazione selvaggia di tribù e immigrati Ardeni. Si guadagna il loro rispetto attraverso una brutale dimostrazione di forza e, a sua volta, dimostra agli altri ibridi di essere capace di essere governante, anche se è riluttante a farlo. Ci sono altri sette ibridi che...

690 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.