Il mio capo donna

301Report
Il mio capo donna

Ciao, mi chiamo Gina, ho 26 anni, capelli neri, ho tette coppa B e sono alta 1,70. A volte ti senti in un certo modo nei confronti dei tuoi superiori. Di solito le ami o le odi, ma credo che il mio capo donna fosse qualcosa di speciale. Era gentile, ma non troppo carina. Lei è 5'9 con capelli e occhi castani. Anche lei aveva un corpo molto carino, con delle belle tette a coppa C, quindi è molto sexy per avere 37 anni. L'ho avuta come capo per circa 3 anni e mi sono masturbato pensando a noi che facevamo sesso. La cosa più importante è che non so perché ma sono attratto da lei. Quindi ho pensato di fare un salto nel buio e avviare una conversazione nel suo ufficio, per vedere cosa pensava del mio piccolo problema.

"Sig.ra. Taylor, posso parlarti?" Ho chiesto.

“Certo, siediti Gina. E dopo l’orario d’ufficio puoi chiamarmi Erica”, rispose Erica.

Mi sono seduto e ho fatto un respiro profondo, convivevo con questo da anni, quindi ero nervoso.

"Allora, cosa hai in mente, Gina?" chiese Erica.

"Bene Erica, ho parlato con la mia ragazza e lei ha un problema", ho risposto.

"E che problema è?" chiese Erica.

Ho fatto un altro respiro profondo e lei poteva dire che ero nervoso.

"Beh, nell'ultimo anno e mezzo, ha avuto una grande cotta per qualcuno e non sa cosa fare al riguardo", ho risposto.

"Beh, perché non dice a questa persona come si sente?" chiese Erica.

“Beh, ha una cotta per il suo capo. Il suo capo è gentile e tutto il resto, ma è ancora molto timida", ho risposto.

“Oh beh, i capi possono sicuramente diffondere quell'atmosfera. Sono loro che comandano e non rendono facile parlare con loro tutto il tempo, specialmente di qualcosa del genere. Ma immagino che il capo non abbia idea che lei si senta in questo modo?" chiese Erica.

"Per quanto ne sa la mia ragazza, sì", ho risposto.

Poi si alzò e venne verso di me. Si è messa proprio dietro di me, mi ha messo le mani sulle spalle e ha iniziato a massaggiarmi le spalle.

“Bene Gina, se vuoi la mia opinione, penso che la tua ragazza debba dire al suo capo della sua cotta. Voglio dire, si chiederà sempre "e se?" ha sempre bisogno di rischiare”, ha detto Erica.

Poi inspiravo ed espiravo lentamente. Ovviamente sapeva che non stavo parlando della mia ragazza.

"Quindi c'è qualcos'altro di cui vuoi parlare di Gina?" chiese Erica.

Poi ho fatto un altro respiro profondo.

"Erica, sei il miglior capo che abbia mai avuto in vita mia e penso che mi piaci", ho risposto.

"Ma comunque non sei lesbica?" chiese Erica.

"No, non sono mai stato con una donna e non ho mai avuto alcun desiderio di farlo finché non ti ho incontrato, onestamente", risposi.

Poi si è messa davanti a me e si è chinata.

“Beh, penso che tutte le donne attraversino questa esperienza almeno una volta nella vita. Sai che se me lo chiedessi, farei una mossa e vedrei cosa succede. Altrimenti non lo saprà mai e tu hai detto che il capo della tua ragazza era gentile. Quindi penso che dovrebbe provarci e vedere cosa succede, non sei d'accordo?" chiese Erica.

Onestamente non sapevo cosa dire, si stava offrendo?

"Immagino che lo farei", ho risposto.

"Bene", disse Erica poco prima di baciarmi.

Ci siamo baciati per circa 10 secondi.

“Beh, com'è andata? Diresti che questo ha soddisfatto la cotta della tua ragazza, o diresti che ha bisogno di più?" chiese Erica. "Penso che ne avrebbe bisogno di più", ho risposto.

Poi mi prese la mano e mi aiutò ad alzarmi. Mi ha portato alla sua scrivania e mi sono seduto sopra. Poi ci siamo abbracciati e abbiamo iniziato a pomiciare. È diventato chiarissimo, era più che disposta ad aiutarmi, anche se lo presentavo come un problema della mia ragazza. Aveva un bel vestito rosso per un venerdì, quindi penso che questo mi abbia eccitato un po' di più. La faceva sembrare più sexy.

"Quindi, chiamami pazza, ma dirò che stavi parlando di te e di me e non della tua ragazza e del suo capo", ha detto Erica.

“Forse”, risposi.

Mi ha sollevato la maglietta, me l'ha tolta e mi ha guardato nel mio reggiseno nero.

“Wow Gina, hai messo delle belle tette sotto quella maglietta in tutti questi anni. Posso dire che sono coppe B, ma sono comunque davvero carini", ha detto Erica.

Mi ha messo le mani sulla schiena, mi ha tolto lentamente il reggiseno, lo ha lasciato cadere e poi ha fatto un passo indietro.

"Bella Gina", ha detto Erica poco prima di afferrarmi le tette.

Abbiamo iniziato a pomiciare ancora una volta. Le ho messo le mani sulla schiena e ci siamo tenuti stretti entrambi. Le ho tirato su lentamente il vestito e lei ha fatto marcia indietro per poterglielo togliere. Indossava anche un reggiseno blu sexy e il perizoma abbinato. La mia figa era già completamente bagnata, ma questo la rendeva estremamente bagnata. Mentre osservavo le sue tette, si è tolta anche il reggiseno. Poi ho visto le tette più sexy che avessi mai visto in vita mia.

"Quella espressione del viso significa 'Porca miseria, penso che potrei essere lesbica?' se non ti dispiace se te lo chiedo?" chiese Erica.

Non le ho risposto, ho solo chinato la testa e ho afferrato le sue tette. Proprio in quel momento ho leccato i capezzoli di un'altra donna per la prima volta e mi è piaciuto molto. L'ho fatta anche gemere un po'.

“Oh Gina, sai come far sentire bene un'altra donna. Non fermarti adesso, vai avanti", disse Erica.

Ho iniziato a leccarle entrambi i capezzoli, andando avanti e indietro per un minuto, e poi si è sentita piuttosto solleticata. Lei emise un paio di gemiti sommessi mentre teneva gli occhi chiusi. Poi mi sono alzato dalla scrivania e lei ha fatto un passo indietro. Poi mi sono inginocchiato e le ho abbassato lentamente il perizoma.

"Oh, rasata laggiù Erica?" Ho chiesto.

“Preferisco così”, rispose Erica.

Per qualche strana ragione mi sentivo davvero a mio agio con lei. Non ci ho pensato affatto e ho semplicemente infilato la lingua nella sua figa. Onestamente era ancora più umido di quanto pensassi e lei emise immediatamente un forte gemito.

"Oh merda Gina, non avevo idea che potessi mangiare la figa", ha detto Erica.

"Ed è la mia prima volta", ho risposto.

Poi mi ha messo le mani sulla testa e ha rimesso la mia faccia nella sua figa. Ho allargato le labbra della sua figa un po' gonfie e ho infilato la lingua nella sua figa più in profondità che potevo. Lei gridò forte e si appoggiò sulla schiena. Chiuse completamente gli occhi e si mise le mani sulle tette. Davvero, non avevo mai mangiato la figa prima, ma la stavo facendo sentire bene, quindi non avevo intenzione di fermarmi.

“Porca miseria, mia gran lavoratrice, potrei darti una fottuta promozione dopo questo. Continua a scopare il tuo capo come un matto e regalale un orgasmo gigantesco", ha detto Erica.

Le ho leccato la figa senza pietà e lei mi ha rimesso le mani sulla testa. Ho messo le mani sulle sue tette e ho notato che eravamo entrambe molto sudate. Il mio battito cardiaco era alle stelle, ero così dannatamente eccitato e so che lo era anche lei. Questa è stata un'esperienza completamente nuova per me e volevo farla valere. Poi le sue urla sono diventate così forti che ho quasi pensato che saremmo diventati sordi.

"Porca miseria, è fottutamente brava, Gina!" Erica urlò.

Poi ho infilato anche le mie dita nella sua figa e lei respirava regolarmente. Avevo le dita e la lingua nella sua figa e sapevo solo che sarebbe venuto. Quindi ho optato per l'uccisione assoluta: il suo punto G.

“Oh sì, Gina!! Colpiscilo a pieni voti, lascia che il tuo capo ti mostri com'è un orgasmo gigante! Erica urlò.

Poi Erica non ha potuto più sopportare tutto, ha urlato fortissimo e mi è venuta in faccia. Quindi la mia faccia era inzuppata di tutti i suoi succhi. Poi si è alzata e mi ha tirato su con lei. Siamo rimasti lì per un minuto in silenzio.

"Voglio assaggiare i miei succhi da quelle labbra", ha detto Erica.

Poi abbiamo pomiciato appassionatamente per circa 5 minuti di fila. Entrambi ci siamo abbracciati piuttosto strettamente. Dopodiché, ha dato un'occhiata alle mie tette di coppa B.

“Beh, Gina hai le tette da coppa B, ma sei comunque una donna molto sexy. Non lasciare mai che qualcuno ti dica che non sei sexy per questo motivo", disse Erica mentre mi avvolgeva con le braccia.

Poi ci siamo baciati ancora una volta e le nostre tette si sono premute l'una contro l'altra. Aveva le tette più grandi, ma mi piaceva comunque molto. Poi abbassò la testa e cominciò a leccarmi e succhiarmi anche i capezzoli.

“Cavolo, anche tu sei brava Erica. Non mi sono mai leccata i capezzoli in quel modo," dissi.

Le ho messo le mani sulla testa e anche lei ha iniziato a mordermi i capezzoli. Ma faceva un po' male però.

"Ow", dissi.

“Mi dispiace, ma non ho mai fatto sesso con una donna così sexy come te. Quindi immagino di essermi lasciata trasportare”, ha risposto Erica.

Mi sono sdraiato sulla schiena mentre lei si alzava. Mi ha tolto lentamente i pantaloni e la biancheria intima, quindi eravamo entrambi nudi.

"Non completamente rasato, ma mi piace comunque", ha detto Erica.

Poi anche lei si è inginocchiata e ha infilato la lingua nella mia figa. Ho subito emesso dei forti gemiti, non credo di essermi mai sentita così bene in vita mia prima di quel momento. In realtà un'altra donna mi ha mangiato fuori per la prima volta e non sono sicuro che mi sarebbe piaciuto ancora di più, onestamente. In realtà ha iniziato a succhiarmi il clitoride con molta passione.

«Porca miseria, Erica. Sei il miglior capo del pianeta, cazzo", dissi.

"Adoro scopare," rispose Erica.

Abbiamo riso un po' mentre lei allargava le labbra della mia figa. Solo questo mi ha fatto urlare, ma non credo che le piacessero le urla tanto quanto a me.

"E avrò bisogno delle mie orecchie", disse Erica.

"Mi dispiace", ho risposto.

Aveva la lingua in profondità nella mia figa e ha iniziato a muoverla, facendomi gemere e urlare ancora più forte.

"Merda", dissi mentre gemevo.

Mi sono pizzicato i capezzoli un paio di volte e poi mi sono appoggiato a lei. Le ho messo le mani sulla testa e le ho fatto bagnare davvero il viso. Poi in men che non si dica, non ne potevo più, sinceramente. Non ero preparato a trattenerlo e non avrei potuto farlo nemmeno per un altro minuto.

"Merda Erica, esploderò anch'io adesso!" Ho urlato.

Poi è rimasta lì e si è lasciata venire anche sulla sua faccia. Poi, una volta finito, mi sono sdraiato di nuovo sulla schiena. Si è seduta sulla sua scrivania con me e ci siamo baciati ancora qualche volta.

"Beh, quello è stato il miglior sesso della mia vita, niente stronzate", ho detto.

“Niente merda? Davvero, beh, sono felice che la tua prima volta sia stata così dannatamente bella”, rispose Erica.

Poi si è messa sul fianco di fronte a me e mi ha messo di nuovo la mano sulla tetta.

“E quello è stato anche il miglior sesso che abbia mai fatto prima. Se ti stai chiedendo, sono già stato con un paio di donne. Semplicemente mi piace il sesso con loro più che con gli uomini. Non che non mi piaccia il cazzo, non dico assolutamente questo, ma una donna sa quanto piace essere scopata. Quindi, una volta che ho capito che non stavi parlando della tua ragazza, ho colto al volo l'occasione", ha detto Erica.

“Oh, non lo sapevo. Non avrei mai pensato che fossi lesbica, ero semplicemente attratta da te per qualche motivo. Ma non ho mai saputo il perché,” risposi.

"Beh, da quanto tempo ti senti così per me adesso?" chiese Erica.

“Onestamente penso che siano circa 2 anni e mezzo”, ho risposto.

Poi aveva un'espressione davvero sbalordita sul viso.

"Veramente? E lavori qui ormai da 3 anni?" chiese Erica.

"Sì", risposi esitante.

Mi ha dato un altro bacio.

“Beh, non devi più aspettare, ora mi hai tutto per te. Non avevo idea che tu pensassi così per me, onestamente, voglio dire quando è stato esattamente se non ti dispiace se te lo chiedo?" chiese Erica.

“Beh, immagino che sia passato circa un mese da quando ho iniziato a lavorare qui, ti ho sentito fare sesso con il tuo ragazzo qui in questo ufficio. Non potevo fare a meno di ascoltare e masturbarmi onestamente", ho risposto.

Lei rise per un minuto e mi diede un altro bacio.

“Wow, cerco di tenerlo giù quando vengo picchiato. Era sabato, vero?" chiese Erica.

"Si lo era. Penso che fossimo gli unici qui. Pensavi che questa stanza fosse insonorizzata?" Ho chiesto.

"Forse l'ho fatto, o ho semplicemente dimenticato che eri qui, ricordo solo un paio di sabati davvero esuberanti", rispose Erica.

Ci siamo baciati ancora una volta e poi lei ha allungato la mano sulla scrivania per prendere qualcosa.

"Beh, ho sempre desiderato provarlo con un'altra donna qui", ha detto Erica mentre mi mostrava un vibratore.

Si è alzata e ha infilato il dildo nella mia figa in profondità.

"Oh, penso che mi piaccia questa Erica, sei una donna perversa", ho detto.

"Mi piace pensarlo", rispose Erica.

Ha iniziato a spingerlo dentro e fuori dalla mia figa molto velocemente, quindi non ho potuto fare a meno di gemere un po'.

"Oh mio Dio, Erica, è dannatamente bello," dissi mentre mi lamentavo.

Poi si è messa di nuovo su un fianco e mi ha dato un altro paio di baci sulle labbra mentre continuava a infilarlo nella mia figa. Non avevo mai avuto un vibratore dentro di me prima, onestamente, ma l'unica donna con cui volevo fare sesso voleva mettermelo nella figa, quindi non volevo dire di no.

"Merda Erica, dopo tutto quello che ho detto, non ce la faccio più ancora per molto," dissi.

Poi, come previsto, un paio di minuti dopo, sono tornato di nuovo sulla sua scrivania.

"Dovremmo farlo di nuovo prima o poi, Gina", ha detto Erica.

"No merda, dovremmo Erica", ho risposto.

"E sentiti libero di chiamarmi Erica quando cazzo vuoi adesso", disse Erica.

"Lo farò", risposi.

"E forse dovrò rendere questa stanza insonorizzata adesso, non abbiamo bisogno che nessun altro senta quello che stiamo facendo qui.

Poi ci siamo baciati ancora una volta e siamo rimasti sdraiati sulla sua scrivania ancora per qualche minuto. Ed è così che ho iniziato la mia prima relazione lesbica. Ovviamente dovevo ammettere che a quel punto ero almeno bisessuale. Voglio dire, è stato un bel sesso a dir poco, e non volevo che finisse. Quindi abbiamo fatto sesso lì al lavoro parecchie volte e in qualche modo non siamo mai stati scoperti. Stiamo ancora insieme e stiamo parlando di andare a vivere insieme adesso. Inoltre quando abbiamo bisogno di sfogarci un po', siamo entrambi lì, almeno dalle 9 alle 5 e sì, dormire con il capo mi ha fatto guadagnare una promozione.

Storie simili

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

627 I più visti

Likes 0

Lezioni da Allison parte 1

Mia sorella Alison ha sei anni più di me ed è una volpe totale. Ogni estate ricordo che i ragazzi di tutto il nostro quartiere si riunivano a bordo piscina per adulare il suo splendido corpo in bikini. So che molte persone pensano che sia strano pensare alla loro sorella in quel modo, ma non me ne sono mai vergognato. Per quanto mi riguardava, era proprio come qualsiasi altra ragazza, anche se molto più sexy della maggior parte delle altre. Ancora oggi ricordo il sogno più grande che abbia mai fatto come se fosse la scorsa notte. Avevo circa undici anni...

542 I più visti

Likes 1

Divertimento pigiama party parte 1 - la sera prima_(0)

Nota dell'autore: per favore vacci piano con me; questa è la prima volta che scrivo una storia di sesso di qualsiasi tipo. Sto scrivendo della prima volta che il mio fidanzato (che allora era solo il mio ragazzo) ed io abbiamo scopato. Sarà separato in 2 parti, questa è la prima parte Nome: Kate (io) Età: 14 Colore dei capelli e degli occhi: colore artificiale, capelli rossi lunghi fino alle spalle e occhi castani color miele Altezza: 51 Descrizione del corpo: basso per la mia età, leggermente paffuto intorno alla metà, petto di dimensioni medie (36B) Nome: Seth (il mio ragazzo)...

550 I più visti

Likes 0

Io i miei cani e adolescenti rapiti

Il cuore batteva forte, più per l'eccitazione che per la paura di essere scoperto. Ero al sicuro! Nessuno avrebbe potuto vederla salire sul mio furgone. Non potevo credere che la mia fortuna fosse ancora in piedi ed è stato così fottutamente facile! stato facile ma lei era stupida, deliziosa ma stupida. Il lampo del nodo di Bruno seppellì nella figa infiammata di Chandre il suo seme mescolandosi con il mio all'interno di quella fica non più vergine. Mi fece sanguinare il sangue e il mio cazzo si contrasse. Come Chandre aveva supplicato e supplicato. Quando si fermò dopo 2 settimane e...

3.4K I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

2K I più visti

Likes 0

Busto in bocca

Storia di Fbailey numero 168 Busto in bocca Quando ero un bambino mia zia Betty mi dava sempre grandi abbracci e mi stringeva forte dentro di lei e mi stringeva per molto tempo finché non mi dimenavo per scappare. Aveva delle tette davvero grandi e io ero troppo giovane per godermela. La zia Betty aveva o ha quindici anni più di me, quindi quando ho compiuto dieci anni aveva venticinque anni ed io ero abbastanza alta da far entrare la mia testa nella sua enorme scollatura. Anche a lei piaceva. Dopo ogni possibilità che zia Betty aveva, mi premeva la testa...

2.8K I più visti

Likes 0

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

746 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

1.9K I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Cazzo come cani

Kelly nota me e il dobermann durante la passeggiata serale. Partiamo più o meno alla stessa ora, di solito annuendo o sorridendoci quando passiamo. All'inizio è il dobermann che ha catturato il suo interesse. Il mio cane è un animale magnifico e, grazie a Patra, Kelly si interessa molto di lui. Patra è il caro compagno canino di Kelly. Quando Patra è entrata in calore per trovare un compagno, Kelly ha pensato al mio cane. Kelly sapeva dove vivevo; Molte volte mi aveva visto entrare nel cancello di ferro. Entrando nel grande cortile, Kelly cerca il dobermann. Quando nulla si abbatte...

3.4K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.