Io e l'incesto - La proposta

383Report
Io e l'incesto - La proposta

Io e l'incesto – La proposta
(MFf, conc, mostra, inc)

Questa storia è lo sforzo cooperativo di 4 donne. È stato sviluppato da discussioni su cosa sarebbe potuto essere se il loro background e le loro esperienze fossero stati un po' più diversi ed entusiasmanti quando erano molto più giovani. Niente nella storia riflette in alcun modo eventi accaduti nelle loro vite. Ciò significa che la storia è finzione e non è vera.

Mi chiamo Gwen e sono coinvolta nell'incesto da molti anni. Posso davvero dire che penso sia stato di grande valore per me che mio padre abbia preso la mia verginità e mi abbia insegnato come ha fatto lui. Il suo era un metodo molto tenero e mi ha insegnato che un uomo può essere amorevole e gentile quando fa sesso e che dovrei aspettarmi che i miei bisogni siano soddisfatti proprio come dovrebbe fare il maschio in un accoppiamento.

Quando sono cresciuto, Ero preparato quando alcuni dei miei appuntamenti hanno iniziato a suggerirmi di fare di più che partecipare a un evento sportivo o a un incontro sociale di grandi gruppi. Dei 17 ragazzi con cui sono uscita, solo 3 hanno messo le mani sul mio corpo e solo 2 sono riusciti a infilarsi nei miei pantaloni. Il primo era Greg e il secondo era mio marito Martin. Martin sapeva di Greg e lo conosceva effettivamente al liceo, poi entrambi frequentarono lo stesso college e lì diventarono buoni amici. È stato solo quando Martin e io siamo diventati una coppia, quando erano a casa da scuola e gli ho concesso dei favori che gli ho raccontato di Greg e di quello che avevamo fatto. È stato un po' più tardi che gli ho raccontato del mio rapporto con mio padre.

I miei anni più teneri sono stati segnati dall'amore di entrambi i miei genitori. Questo amore sembrava crescere quando avevo quasi 14 anni e nella nostra famiglia si verificò un'emergenza sanitaria. Ero totalmente ignaro che i miei genitori avessero qualche idea che potesse coinvolgere me e il sesso. Una sera, dopo cena, mamma e papà mi chiamarono in soggiorno dalla mia stanza dove studiavo.

Quando scesi in soggiorno, la mamma mi disse di sedermi e mi suggerì di sedermi accanto a mio padre sul divano. Questa notte lei era in poltrona e papà era sul divano. Ho pensato che fosse un po' strano, dato che di solito sedeva nella sua poltrona, ma mi sono seduto come mi era stato chiesto. Dopo che mi sono sistemato, mio ​​padre mi ha messo un braccio sulle spalle e mi ha avvicinato un po' a lui.

Noi tre siamo rimasti seduti lì per quella che sembrava un'ora incinta, ma sono passati solo forse 30 secondi prima che mia madre rompesse il silenzio. “Gwen”, iniziò, “sai che ultimamente ho avuto alcuni problemi di salute e ora devo sottopormi a un intervento chirurgico. Tuo padre e io ne abbiamo parlato e abbiamo deciso che ti chiederemo di fare qualcosa per aiutarci.

Ero scioccato dal fatto che la mamma fosse così malata ed ero preoccupata che sarebbe morta. Dopo averci pensato un po’, le ho chiesto proprio quella cosa: “Mamma, morirai?”

"No, tesoro, non morirò, ma alcune cose cambieranno nel mio corpo ed è per questo che abbiamo deciso di portartelo adesso", mi ha detto.

"Come mi coinvolge", ho chiesto?

Mia madre ci pensò per qualche secondo e poi cominciò: “L’intervento chirurgico che devo sottopormi è quello di rimuovere la maggior parte dei miei organi femminili. Hanno trovato un tumore sul mio utero e alcune cellule pretumorali sul fondo della mia vagina, quindi il medico dice che deve asportare anche una parte della mia vagina.

Esitò ancora qualche secondo, poi fece un respiro profondo prima di continuare: “Ciò significa che io e tuo padre non potremo più fare sesso tradizionale. Voglio che possa godersi ciò che veramente merita, ma voglio che possa farlo in tutta sicurezza. Troppe donne nel mondo oggi non sono molto selettive riguardo a chi scelgono come partner sessuale, quindi sarebbe pericoloso farlo con la maggior parte di loro.

"Ma mamma, come mi coinvolge questo", ho chiesto di nuovo?

“Per favore, non mettermi fretta”, mi disse mia madre, “per me è già abbastanza difficile iniziare”.

Fece un altro respiro e continuò: “Tuo padre e io abbiamo parlato e vogliamo chiederti un favore. Dato che non potrò più fargli sesso dopo l'operazione, mi chiedevo se saresti disposto a farlo con lui in modo che possa fare sesso quando ne ha bisogno senza doversi preoccupare di ottenere qualcosa da qualche donna che abbiamo conosciuto. Non lo so."

Ora era il mio turno di sedermi lì, scioccato. Alla fine, quando mi sono ripreso abbastanza, ho chiesto: "Bene, e se rimango incinta?"

Alla fine mio padre è intervenuto per dirmi: “Tesoro, prima di iniziare, tua madre ti porterebbe dal medico e ti farebbe prendere la pillola anticoncezionale. In questo modo non dovremmo preoccuparci di quando sei fertile e quando non lo sei”.

Ero ancora sotto shock per quello che mi stavano chiedendo, ma non ero del tutto ignorante in fatto di sesso. Ne avevo seguito una lezione a scuola nel corso di salute femminile e alcuni dei miei amici a volte ne parlavano. Alcune delle cose che hanno detto mi hanno fatto riflettere, e quando ero sotto la doccia o a letto avevo iniziato a massaggiarmi da qualche mese. Per questo motivo sapevo qualcosa dei sentimenti che provano le ragazze e mi piacevano. “Posso pensarci un po’ prima di rispondere”, ho chiesto?

“Sì, passerà ancora quasi un mese prima che tua madre debba andare in ospedale”, mi ha detto papà, “quindi c’è tempo prima che tu debba prendere una decisione”.

Non so perché ho detto quello che ho fatto dopo, ma all'improvviso ho sbottato: "C'è un modo in cui potrei guardarvi mentre lo fate, così so un po' di più su cosa dovrei fare?"

La mamma guardò papà ed entrambi rimasero seduti in silenzio. Alla fine, la mamma mi ha detto: “Gwen, sai che non puoi dire niente a nessuno, né a tuo padre ed io saremmo entrambi in grossi guai e probabilmente finiremmo in prigione”.

"Lo so mamma, ti prometto che non dirò niente a nessuno, croce del mio cuore."

La mamma guardò mio padre e gli chiese: “Howard, ti andrebbe bene se lo facessimo? Almeno poteva vedere un po’ come farlo e come appaiono gli adulti quando sono maturi”.

"Se non ti dispiace, immagino che andrebbe bene", ha risposto. "Quando vuoi farlo?" le chiese?

"Perché non ci facciamo tutti la doccia ogni tanto e poi ci incontriamo nella nostra camera da letto", ci ha detto.

Mamma e papà andarono nella loro stanza e chiusero la porta. Sono andato nella mia stanza, ho preso un asciugamano e l'accappatoio e poi sono andato nel bagno che uso. Mamma e papà avevano il bagno privato accanto alla camera da letto.

Ho fatto la doccia, sono andata in camera mia e mi sono messa un reggiseno e delle mutandine pulite, poi mi sono infilata la camicia da notte dalla testa. Mi sono rimessa la vestaglia, poi sono andata alla porta di mamma e papà e ho bussato. Ho aspettato una risposta poi ho aperto la porta ed sono entrata.

Quando entrai, mamma e papà erano entrambi seduti sul letto con addosso il pigiama. La mamma si allontanò un po' da papà e diede una pacca sul letto prima di chiedermi di sedermi in mezzo a loro. Mi sono seduto e ho incrociato le mani in grembo perché ero un po' nervoso.

La mamma mi ha guardato e mi ha chiesto: “Gwen, sei sicura di volerlo fare davvero? Sai che non puoi dire niente a nessuno di quello che facciamo?"

"So che devo mantenere quello che facciamo qui, mamma", le ho detto, "ma voglio aiutare anche te e papà".

"Lo so tesoro, ma è una cosa molto seria e dobbiamo esserne sicuri."

"Lo so, mamma, ne sono sicuro."

"Gwen, cosa vuoi vedere e sapere", ha chiesto la mamma.

Ci ho pensato un po' e poi le ho detto: “Voglio vedere che aspetto ha papà e come si adatta a una ragazza. Immagino di voler vedere esattamente come lo fa", le ho detto.

La mamma poi ha detto a papà: "Perché non ci spogliamo e le mostriamo i nostri corpi così almeno sa che aspetto abbiamo prima di fare qualsiasi altra cosa".

Senza rispondere, papà si alzò e si tolse il pigiama. Allora stava lì nudo perché non indossava niente sotto. La mamma fece lo stesso, ma aveva ancora le mutandine addosso ma il suo seno ora era nudo. Ho avuto difficoltà a tenere gli occhi lontani dal pene di papà perché non ne avevo mai visto uno vero prima.

La mamma mi guardò e vide dove stavo guardando. "Sembra che ti aspettassi", chiese?

“È piuttosto piccolo. Pensavo che dovesse essere molto più grande", dissi.

"Quando viene stimolato diventa duro, cresce e si alza in piedi", mi ha detto. "In questo momento non è ancora stimolato."

Lei si allungò e iniziò a strofinargli un po' il pene, ma ancora non fece nulla di diverso. Alla fine, papà si è avvicinato e ha messo la mano nelle mutandine della mamma e ha iniziato a massaggiarla un po’. Eppure non ha iniziato a diventare più grande. Alla fine, mia madre gli chiese: “Howard, qual è il problema?”

Non lo so, immagino che sia il fatto di avere Gwen qui nella stanza che mi impedisce di diventare duro", le disse.

"Pensi che farla aspettare fuori dalla porta finché non diventi duro sarebbe d'aiuto", gli chiese?

“Non lo so, forse è solo che sembra che siamo entrambi in mostra senza vestiti e lei è seduta lì con i suoi vestiti addosso. Se fosse come noi, forse mi aiuterebbe”, ha detto.

“Gwen, pensi che potresti toglierti i vestiti così da essere come me e tuo padre? Forse questo aiuterebbe”, mi ha detto.

Ero riluttante, ma dato che li avevo già visti senza vestiti, volevo vederne di più, quindi gliel'ho detto. "Immagino che potrei, ma mi toccherà", ho chiesto?

“No tesoro, stasera non ti toccherò. Saremo solo io e tua madre", mi ha informato papà.

Ci ho pensato un po', poi mi sono alzata e ho cominciato a togliermi la vestaglia e il vestito. Quando furono entrambi sulla sedia vicino alla scrivania, mi allungai dietro la schiena e mi tolsi il reggiseno. All'epoca non ne avevo molto, ma ce n'era abbastanza da far risaltare un po' le mie camicie, quindi di solito indossavo reggiseni per nascondere i capezzoli quando diventavano duri. Quando mi sono tolto, ho fatto scivolare le dita sotto la cintura delle mie mutandine e le ho spinte lungo le gambe finché non sono cadute da sole intorno alle mie caviglie, poi ne sono uscito.

Stavo un po' di traverso, così papà non poteva vedere il mio cespuglio finché non mi sono voltata e ho fatto un paio di passi indietro verso il letto. Ho guardato gli occhi di papà e li ho visti scendere fino al punto in cui le mie gambe si uniscono. Da quando avevo solo 13, quasi 14 anni avevo solo un po' di pelo sopra la figa e quando mi guardavo allo specchio potevo vedere facilmente la fessura tra le mie labbra. So che papà stava guardando quello e ho sentito una specie di formicolio allo stomaco, come quando mi massaggiavo. Volevo toccarmi, ma sapevo che non potevo mentre ero lì con mamma e papà nella loro camera da letto.

Mi sono seduto sul letto accanto a mamma. Papà le si parò davanti e lei ricominciò a massaggiarlo. Questa volta ho visto il suo pene iniziare a diventare un po' duro e sporgere dal suo corpo. Ora stava iniziando a diventare più grande come pensavo dovesse apparire. Le mamme si girarono e si sdraiarono sul letto sulla schiena e allargarono le gambe. "Ora Howard, penso che entrerà", gli disse.

Si inginocchiò sul letto tra le sue gambe. La mamma allungò una mano e gli guidò il pene tra le labbra. Gli strofinò il pene su e giù un paio di volte, poi ne appoggiò l'estremità verso il fondo delle labbra. Papà ha spinto il suo corpo verso di lei e ho visto il suo pene iniziare a scivolare dentro di lei e scomparire.

La mamma guardava papà e lui la guardava dall'alto. Non riuscivo a vedere molto ora stando accanto a loro, quindi mi sono spostato ai piedi del letto in modo da poter guardare tra le gambe di mio padre. Lì potevo vedere il suo pene entrare e uscire dalla vagina di mia madre. Ci sono volute 4 o 5 volte prima che il suo pene entrasse completamente. Una volta fatto, a volte i suoi testicoli sbattevano contro le labbra della mamma emettendo un suono che schiaffeggiava o schioccava. Emetteva anche una specie di suono sferzante mentre il suo pene entrava e usciva dalla vagina della mamma.

Guardarli fare sesso mi stava facendo cose che non avevo mai provato prima. Quando mi sono massaggiato, mi sono sentito bene, ma non ho mai sentito il forte formicolio che stava iniziando in me. Era nel fondo del mio stomaco, nella mia figa e persino nel mio seno. Mentre papà spingeva dentro e fuori la mamma, ho dovuto mettermi le dita tra le labbra e massaggiarmi. Guardare il pene di papà entrare e uscire da mamma, mi ha fatto venire voglia di raggiungere il clitoride e infilare un dito nella mia stessa vagina. All'inizio fece un po' male, ma presto cominciò a sentirmi davvero bene.

Mentre continuavo a guardare mamma e papà, ho sentito delle farfalle formarsi dentro di me come non avevo mai sentito prima. Alla fine è diventato così forte che mi sentivo come se stessi per svenire. Sembrava che le mie ginocchia stessero per crollare; la sensazione è diventata così forte che ho dovuto smettere di massaggiarmi.

Mi ci è voluto un po' prima di rendermi conto che mamma e papà lo stavano ancora facendo e ho reindirizzato la mia attenzione al suo pene e alla vagina della mamma. Papà ha impiegato circa un altro minuto prima che smettesse di entrare e uscire e spingesse con forza nella vagina della mamma. Potevo vedere le sue gambe sussultare in modo strano. Fu allora che mi resi conto che quello che stavo vedendo era lui che pompava il suo sperma in mia madre. Ha avuto il suo culmine.

L'ho guardato e finalmente l'ho visto estrarre il pene dalla vagina di mamma. Era di nuovo sospeso tra le sue gambe. Ho visto il luccichio dei loro succhi e qualcosa che gocciolava dall'estremità sul lenzuolo sotto di loro. Papà si sporse in avanti e si sdraiò, metà sopra e metà fuori, con il fianco sul letto accanto a lei. Si baciarono un paio di volte e poi rimasero immobili per un po'.

Passarono un paio di minuti prima che la mamma finalmente parlasse dicendo: "Gwen, sei riuscita a vedere cosa ha fatto tuo padre con il suo pene?"

“Sì, mamma”, le ho detto, “fa male quando lo fa?”

“Beh, mi ha fatto un po’ male perché il suo pene colpiva vicino al tumore. La prima volta potrebbe farti male se il tuo imene sta ancora bloccando la tua vagina, ma dopo non farà più male e inizierai a divertirti davvero ad averlo dentro di te. Ti darà una sensazione completa tra le gambe e renderà i tuoi sentimenti molto forti. Se tuo padre lavora con te, ad un certo punto sentirai persino che i buoni sentimenti diventano così forti che penserai che sverrai se diventano più forti. Questo si chiama climax.

"Hai altre domande", ha chiesto papà?

"Non proprio", gli ho detto, "potrei averne un po' più tardi però."

"Ok, se lo fai, non esitare a chiedere a nessuno di noi", ha detto la mamma.

Ho raccolto i miei vestiti. Mentre lo facevo, mi chinai intenzionalmente con le gambe leggermente divaricate per permettere a mio padre di vedere meglio tra le mie gambe. Poi sono andato nella mia stanza e ho chiuso la porta.

Gettai i miei vestiti sulla panca e mi lasciai cadere sul letto. Le mie ginocchia si avvicinarono immediatamente al petto e si allargarono per fare spazio alle dita. Nei cinque minuti successivi sono arrivato ad altri 2 climax pensando a quello che avevo appena visto e immaginando come si sarebbe sentito il pene di papà spingendo dentro di me invece che in quello di mamma. Il secondo è stato così forte che penso di essere svenuto per qualche secondo. Quando finalmente ho ripreso la lucidità, mi sono girata, mi sono coperta con le coperte e mi sono addormentata con la luce della stanza ancora accesa.

La cosa successiva che ho sentito è stata quando ho sentito la mamma dire: "Sta dormendo". Spense la luce e richiuse la porta. Ho guardato l'orologio e ho visto che era appena passata mezzanotte, più di tre ore da quando guardavo mio padre e mia madre fare sesso.

La prossima volta: la mia prima volta

Storie simili

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

627 I più visti

Likes 0

Lezioni da Allison parte 1

Mia sorella Alison ha sei anni più di me ed è una volpe totale. Ogni estate ricordo che i ragazzi di tutto il nostro quartiere si riunivano a bordo piscina per adulare il suo splendido corpo in bikini. So che molte persone pensano che sia strano pensare alla loro sorella in quel modo, ma non me ne sono mai vergognato. Per quanto mi riguardava, era proprio come qualsiasi altra ragazza, anche se molto più sexy della maggior parte delle altre. Ancora oggi ricordo il sogno più grande che abbia mai fatto come se fosse la scorsa notte. Avevo circa undici anni...

542 I più visti

Likes 1

Divertimento pigiama party parte 1 - la sera prima_(0)

Nota dell'autore: per favore vacci piano con me; questa è la prima volta che scrivo una storia di sesso di qualsiasi tipo. Sto scrivendo della prima volta che il mio fidanzato (che allora era solo il mio ragazzo) ed io abbiamo scopato. Sarà separato in 2 parti, questa è la prima parte Nome: Kate (io) Età: 14 Colore dei capelli e degli occhi: colore artificiale, capelli rossi lunghi fino alle spalle e occhi castani color miele Altezza: 51 Descrizione del corpo: basso per la mia età, leggermente paffuto intorno alla metà, petto di dimensioni medie (36B) Nome: Seth (il mio ragazzo)...

550 I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Io i miei cani e adolescenti rapiti

Il cuore batteva forte, più per l'eccitazione che per la paura di essere scoperto. Ero al sicuro! Nessuno avrebbe potuto vederla salire sul mio furgone. Non potevo credere che la mia fortuna fosse ancora in piedi ed è stato così fottutamente facile! stato facile ma lei era stupida, deliziosa ma stupida. Il lampo del nodo di Bruno seppellì nella figa infiammata di Chandre il suo seme mescolandosi con il mio all'interno di quella fica non più vergine. Mi fece sanguinare il sangue e il mio cazzo si contrasse. Come Chandre aveva supplicato e supplicato. Quando si fermò dopo 2 settimane e...

3.4K I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

2K I più visti

Likes 0

Busto in bocca

Storia di Fbailey numero 168 Busto in bocca Quando ero un bambino mia zia Betty mi dava sempre grandi abbracci e mi stringeva forte dentro di lei e mi stringeva per molto tempo finché non mi dimenavo per scappare. Aveva delle tette davvero grandi e io ero troppo giovane per godermela. La zia Betty aveva o ha quindici anni più di me, quindi quando ho compiuto dieci anni aveva venticinque anni ed io ero abbastanza alta da far entrare la mia testa nella sua enorme scollatura. Anche a lei piaceva. Dopo ogni possibilità che zia Betty aveva, mi premeva la testa...

2.8K I più visti

Likes 0

Capo cheerleader

Era il calcio di venerdì sera e la nostra squadra del liceo ha appena perso una partita molto combattuta. Vedi, io sono la capo delle cheerleader e il mio ragazzo Jim è il quarterback e il capitano della squadra. Sembra stereotipato ma questo è il liceo. Beh, era decisamente deluso perché ha lanciato il passaggio sbagliato che avrebbe potuto vincere la partita ma l'ha messo a terra 5 piedi davanti al suo migliore amico e in coda alla squadra in end zone. Volevo tirarlo su di morale davvero tanto. Usciamo da più di un anno ormai, da quando eravamo junior. Mi...

1.2K I più visti

Likes 0

Cugina Jenna

Era il fine settimana del Memorial Day e mia nonna, zia, zio, cugino Jenna, mio ​​padre e io siamo andati al nord per lavorare. Metti dentro le barche, pulisci la casa per l'estate, falcia il prato, ecc. Negli ultimi sette anni sono cresciuto sessualmente attratto da mio cugino. Forse è perché non sono mai uscito, non ho ancora fatto sesso. Jenna ha 22 anni e io quasi 22, quindi volevo vederla nuda e scoparla da quando avevo quasi 15 anni. Qualunque sia il caso, voglio scoparmela. Ovviamente ci sono anche altre ragazze che voglio scopare, ma qualcosa in Jenna mi spinge...

1.1K I più visti

Likes 1

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

746 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.