Costretto a scopare mio fratello

760Report
Costretto a scopare mio fratello

Mi sono seduto sul divano del nostro soggiorno a guardare la TV. Recentemente sono avvenute molte rapine nel nostro quartiere.

I miei genitori erano fuori città per un mese, lasciando me e mio fratello di 19 anni a casa da soli. "Rosie?" l'ho sentito chiamare da davanti alla casa.

"Sono nella sala cinema!!" ho chiamato restando al mio posto, con gli occhi incollati alla tv. mentre ascoltavo il giornalista.

Ho sentito vagamente mio fratello entrare nella stanza. "cosa stai guardando?" chiese facendo il giro del divano e lasciando cadere la borsa, prima di lasciarsi cadere nello spazio proprio accanto a me.

"Sto solo prendendo un po' di notizie" ho alzato le spalle, guardando mio fratello con un sorriso. Jake era a 6 piedi mentre io ero solo a 5' 5"

Non ci somigliavamo quasi per niente, ad esempio per i nostri occhi grigio scuro, che abbiamo ricevuto da mia madre. I miei capelli erano quasi neri mentre Jake aveva capelli biondo sporco che gli cadevano sugli occhi in modo così distratto.

Era magro e tonico quasi alla perfezione, il suo corpo cesellato e muscoloso era perfetto. Ma per quanto mi riguarda ero un po' formosa in alcune zone, i miei fianchi erano un po' larghi ma ero ancora in forma, qualcosa per cui molte ragazze della mia scuola mi invidiavano.

Dire che ero innamorato di mio fratello era l'eufemismo dell'anno. Lui era tutto per me. Ha creato il mio mondo e desideravo più di ogni altra cosa che non fossimo imparentati per poter stare con lui.

Era dolce, amorevole, protettivo e soprattutto leale. Anche quando i suoi amici dicevano qualcosa di brutto su di me, li scaricava dov'erano e passava il resto della giornata con me solo per dimostrare che non gli importava cosa pensavano gli altri.

Appoggiai la testa contro la sua spalla, sospirando quando mi avvolse un braccio intorno alla schiena, attirandomi contro il suo petto.

"hai mangiato?" mormorò nella mia tempia, facendomi chiudere gli occhi. scossi la testa, non volevo parlare.

"Ordino una pizza" sussurrò, baciandomi la tempia prima di spostarsi per tirare fuori il cellulare. Compose il numero del cibo da asporto ed elencò i condimenti che desiderava prima di riattaccare e rilassarsi sul divano.

Passarono altri 20 minuti prima che sentissimo suonare il campanello. "Ecco la pizza" sussurrò, scivolando via da dietro di me e scomparendo alla vista per raggiungere la porta.

Potevo semplicemente sentire Jake aprire la porta e salutare il ragazzo alla porta prima di spegnerli.

Dopo 10 minuti senza movimento mi resi conto che Jake non era tornato dopo aver preso la pizza. Accigliato, mi alzai dal divano e uscii dalla tv. camera.

"Jake?" ho chiamato. "il ragazzo della pizza ti ha mangiato o qualcosa del genere?" lo presi in giro, vedendo la porta d'ingresso chiusa.

"Non esattamente" disse una voce sconosciuta alle mie spalle. Mi sono voltato trovandomi faccia a faccia con un uomo che indossava una maschera bianca, l'unica cosa visibile erano i suoi occhi e la punta delle sue labbra.

Ho aperto la bocca per urlare quando mi ha messo una mano sulla bocca, soffocando le mie grida mentre mi afferrava, facendomi girare.

"Non urlerei a meno che tu non voglia perdere il tuo prezioso fratello," mi tubò il ragazzo all'orecchio, ridacchiando quando piagnucolai.

Jake era trattenuto da un altro ragazzo vestito in modo simile al ragazzo che teneva me. Jake aveva un bavaglio in bocca e un coltello alla gola. Dai tagli sulla fronte superiore e sul labbro inferiore di Jake sapevo che non si era arreso senza combattere.

"vai in sala tv" ordinò il ragazzo dietro di me spingendomi in avanti facendomi strada. quando siamo entrati tutti in fila nella stanza, l'uomo che mi tratteneva mi ha spinto in avanti, ma si è tenuto stretto a Jake tenendolo trattenuto.

Mi voltai fissando i due uomini. "che diavolo volete da noi?" Ho guardato male.

ridacchiarono entrambi, quello che mi aveva afferrato si tolse dalla schiena una pistola con un silenziatore attaccato alla punta. "siamo qui per prendere qualche oggetto e per divertirci un po'..." ridacchiò voltandosi a guardare il suo partner.

Jake si irrigidì mentre il ragazzo teneva gli occhi leggermente spalancati per la paura. "Prendi quello che vuoi, ma lasciaci in pace" sussurrai, indicando la tv a schermo piatto. e il sistema audio.

"ah ma dov'è il divertimento?" il ragazzo ridacchiò scuotendo la testa. "Spogliati per noi, perché non lo fai anche tu, tesoro?" sussurrò facendomi cenno con la mano guantata di farlo.

Lo fissai, scuotendo la testa. "vaffanculo!" ho sputato "contando fino a tre, tesoro. o ti spogli o ne metto uno a tuo fratello" minacciò, puntando la pistola alla testa di Jake.

Ho guardato Jake e l'ho visto lottare contro l'altro ragazzo. Amavo così tanto mio fratello da lasciare che gli facessero del male. "Non combattere questo Jake", sussurrai supplicandolo di smettere di combattere. Afferrai l'orlo della maglietta e me la sollevai sopra la testa.

Quando mi sono tolto i pantaloni il ragazzo mi ha fatto cenno di continuare. "Non ho mai detto di fermarmi" ridacchiò cupamente, guardandomi attentamente. Ho sentito le mie guance diventare rosso vivo mentre lentamente mi toglievo la spallina del reggiseno.

Ho cercato di dimenticare il fatto che Jake mi avrebbe visto nudo insieme ad altri due sconosciuti. Ho provato a combattere l'impulso di coprirmi quando le mie mutandine giacevano a terra insieme al resto dei miei vestiti.

Il ragazzo responsabile si fece avanti girandomi intorno mentre osservava ogni centimetro di me.

"così bello, hai un bel pezzo di culo che vive proprio sotto il tuo tetto qui, Jake," ridacchiò il ragazzo, facendomi scorrere scherzosamente una mano sul petto.

Sussultai, alzando lo sguardo quando vidi Jake ringhiare, lottando ancora una volta contro l'altro ragazzo.

"vai sul divano" mi ordinò il ragazzo, facendomi cenno con la pistola di muovermi. Lanciando un gemito ho fatto come ha detto. Mi sono spostato per sedermi quando mi ha fermato. "No, girati e mettiti sul divano come se fossi a cavalcioni su qualcosa" Potevo sentire il divertimento nella voce dell'uomo.

Ho guardato mio fratello e ho visto la sua mascella serrata, i suoi occhi socchiusi in uno sguardo torvo verso il ragazzo che mi stava dando ordini.

Mi sono voltato facendo come aveva detto. Le mie guance bruciarono di un rosso vivo per l'umiliazione mentre mi mettevo in posizione, lasciando che i gomiti appoggiassero sullo schienale del divano, le mani che afferravano i cuscini.

"allarga le gambe" sussurrò il ragazzo. Mordendomi il labbro ho fatto come ha detto.

"non è uno spettacolo?" l'ho sentito mormorare. "che ne dici, Jakey?" Non riuscivo a trovare il coraggio di guardare indietro per vedere la reazione dei miei fratelli.

"Ora tocca a te. spogliati fino alla pelle, Jakey-boy," canticchiò il ragazzo. dopo un minuto di silenzio ho sentito qualcosa di freddo premermi sulla tempia.

"Non farmi scherzare" sussurrò il ragazzo.

Pochi secondi dopo potevo sentire debolmente il rumore di pezzi di vestiti che colpivano il pavimento. Cercavo di dimenticare il fatto che Jake adesso era nudo nella mia stessa stanza.

"Vai dietro a tua sorella. Muoviti!" urlò il ragazzo facendomi sussultare. solo un secondo dopo sentii il calore familiare di mio fratello arrivare dietro di me, le sue gambe sfioravano la pianta dei miei piedi che pendevano dal bordo del divano.

"bene, ora mettiti sul divano. proprio dietro di lei." Il mio rossore si intensificò quando sentii il corpo di Jake premere contro di me. Sapevo che stava cercando di tenere la sua metà inferiore il più lontano possibile da me, ma c'era solo un certo spazio che poteva usare.

"Tony, faresti tu gli onori di casa?" il ragazzo ridacchiò. "sarebbe un piacere" ridacchiò l'altro ragazzo. "che cazzo stai facendo?" Jake si fermò di colpo quando il leader caricò la pistola.


"uh uh, non farei alcun movimento o suono improvviso se fossi in te, Jake" sussurrò. "inoltre potresti anche ringraziarci dopo stasera." ridacchiò.

Per tutto il tempo che stavano parlando stavo cercando di scoprire cosa stessero facendo quando all'improvviso ho sentito qualcosa che cominciava a ficcarmi nel culo.

Automaticamente mi lanciai in avanti e un grido mi sfuggì dalle labbra. "Sono vergine, per favore, non farlo!" piagnucolai guardando il ragazzo con la pistola.

Il ragazzo mi afferrò per i capelli, tirandomi indietro la testa. "Meglio che lo prenda tu tuo fratello piuttosto che noi, non credi?" sogghignò facendomi gemere.

Mi lasciò i capelli, facendomi crollare sul divano mentre le lacrime cominciavano a scivolarmi lungo le guance. Ero grato che fosse qualcuno che amavo e che mi teneva a prendere la mia verginità, ma non avrei mai pensato di perderla in questo modo. che lo perderei davanti a due pazzi pervertiti.

Ancora una volta ho potuto sentire il ragazzo che guidava il pene di mio fratello verso il mio ingresso. istintivamente mi sono allontanato dal tocco.

"stai fermo" ringhiò il ragazzo, spostando la mira su di me. Mordendomi il labbro mi costrinsi a restare fermo, chiudendo gli occhi mentre sentivo la punta di mio fratello scivolare dentro di me.

"Mi dispiace tanto, rosa," mio fratello soffocò mentre l'uomo guidava mio fratello dentro di me finché i suoi fianchi non sfioravano i miei. Ho piagnucolato quando ho sentito la mia barriera rompere un dolore bianco caldo che mi ha colpito il cuore.

"fa male!" piansi, altre lacrime scivolavano lungo le mie guance mentre ancora una volta mi allontanavo dal dolore. "per favore, non farlo" singhiozzai scuotendo la testa, ma l'atto era già compiuto. Non ero più vergine.

Potevo sentire vagamente mio fratello imprecare, piccole gocce d'acqua che cadevano sulla mia spalla e mi resi conto che Jake stava piangendo.

Piangeva perché mi faceva male. "oh Dio, mi dispiace tanto, Rose", sussurrò. i due uomini scoppiarono a ridere. "ecco qua!! non era poi così male!" ridacchiò.

"Tony, lega insieme questi due piccioncini, non vorremmo che andassero da nessuna parte adesso, vero?" ridacchiò.

"no, non lo faremmo" rise. Siamo rimasti fermi mentre il ragazzo ci legava le mani con del nastro adesivo prima di spostarsi sulle nostre gambe. praticamente ha legato insieme i nostri arti prima di afferrare una lunga striscia e avvolgerla attorno al nostro busto per impedirci di allontanarci l'uno dall'altro.

"ora che voi ragazzi siete un po' preoccupati, penso che sia ora di ottenere quello per cui siamo venuti qui," sussurrò. Non so quanto tempo ci hanno messo, ma hanno girato tutta la casa, prendendo le cose che volevano e lasciando il resto.

Per tutto il tempo io e Jake siamo rimasti bloccati sul divano, con il suo cazzo dentro la mia figa che mi riempiva al massimo. "rosa, stai bene?" sussurrò Jake, con la voce densa di dolore.

Annuii, con la voce un po' rauca. "Sì." dissi con un filo di voce. Dopo il dolore iniziale per Jake che mi aveva preso la verginità, il dolore si era attenuato fino a diventare un dolore sordo che si irradiava nel mio profondo.

"Mi dispiace" sussurrò. "Non è colpa tua, Jake" mormorai, appoggiando la testa sulle nostre mani.

"mi dispiace per averci messo in questa situazione e mi dispiace per questo" sussurrò. Quasi come se me lo avesse comandato, ho sentito il suo cazzo indurirsi dentro di me, ho piagnucolato di nuovo, un nuovo tipo di dolore cominciava a sbocciare nel mio profondo.

Mi sentivo come se fosse cresciuto dentro di me, il suo cazzo si allargava fino a sentirmi come se fossi allungato al massimo. "Jake" non ho potuto fare a meno di gemere senza fiato.

Jake emise un sospiro e un gemito gli sfuggì dalle labbra. "ancora preoccupato, vedo" dissero gli uomini, facendoci alzare lo sguardo. loro due rimasero a guardarci divertiti con i loro occhi da quello che potevamo vedere.

"è stato un piacere voi due, ma dobbiamo andare" mi salutarono entrambi e poi girarono i tacchi lasciandoci lì.

"come dovremmo uscire da questa situazione!?" Jake ha gridato "non lo sei!" abbiamo sentito prima che il rumore della porta che si chiudeva dietro di loro incontrasse le nostre orecchie.

"Rose, puoi liberarti in qualche modo?" chiese Jake mentre si spostava dietro di me, cercando di uscire. Ci ho provato, tirandoci le mani e anche chinandomi per iniziare a mordere il nastro.

entrambi abbiamo lottato per un po' contro i nostri legami, senza arrivare da nessuna parte. Il ragazzo ci aveva legato troppo le braccia perché potessi morderlo.

All'improvviso Jake, che stava cercando di separare i nostri busti, scattò in avanti, il suo cazzo scivolò leggermente fuori da me e poi tornò dentro di me. Emisi un forte gemito. il dolore di prima del ritorno, che riscaldava il mio corpo di desiderio.

Jake imprecò da dietro di me, "scusa" sussurrò, indietreggiando di nuovo cercando di liberarsi. ancora una volta finì di scattare in avanti spingendo il suo cazzo dentro di me.

"J-Jake" ansimai. "ti-ti amo così tanto. ti ho amato più di quanto dovrebbe fare una sorella ma non mi interessa" sussurrai, senza capire cosa stavo facendo. i miei fianchi sembravano muoversi da soli. Mi sono premuto contro di lui, spostandomi in modo da strofinare contro il suo cazzo.

"Oh Rose, ti amo" ansimò da dietro di me, il suo respiro caldo mi scaldava il collo e la guancia. "ti senti così maledettamente bene" gemette, ruotando i fianchi verso di me.

Sembrava quasi che la mia figa perdesse. i miei succhi stavano gocciolando fuori dalla mia figa a poco a poco. Gemetti in approvazione quando Jake cominciò a spingersi dentro di me, il suo cazzo scivolava dentro e fuori da me. facendomi bruciare dall'interno.

"Sei così bagnata, Rosie," sussurrò dandomi un bacio sulla spalla mentre cominciava a prendere velocità.

Ho sentito le dita dei piedi curvarsi e la schiena inarcarsi mentre la passione e il piacere raggiungevano il picco dentro di me.

"Jake, sto per- sto per-" piagnucolai tremando mentre tutto il mio corpo andava in overdrive. Mi sentivo come se qualcuno avesse aperto le porte dell'inondazione e come se mi stessi perdendo.

ho urlato quando ho sentito un torrente di liquido uscire dalla mia figa, bagnando il divano, me e Jake. "oh cazzo!" Jake ringhiò, infilandosi nella mia fica spasimante.

Insieme alle spinte di Jakes, il mio corpo continuava a contrarsi, superando l'orgasmo per quella che sembrava un'eternità prima che implorassi Jake di smettere di muoversi.

quando lo ha fatto sono finalmente riuscita a smettere di squirtare, ma questo non mi ha impedito di tremare dalla testa ai piedi. "oh Gesù Cristo!" ho pianto, facendo respiri profondi mentre il mio corpo si calmava.

"Rose, mi hai spruzzato tutto sul cazzo," gemette Jake sulla mia spalla, riuscii solo a piagnucolare in segno di riconoscimento perché Jake stava già spingendo il suo cazzo dentro e fuori di me di nuovo.

"Jake, se continui a farlo, mi farai venire di nuovo," mi lamentai, il mio corpo stava già cominciando a tremare quando lui colpì il mio punto G.

Mi ha sentito tremare e ha continuato a martellarmi dentro, il suo cazzo, sfregandomi proprio contro il punto G, facendomi riscaldare tutti i nervi dal desiderio. "oh mio Dio" sussurrai, mordendomi il labbro mentre assaporavo la sensazione del cazzo di Jake nella mia figa.

"ti piace quello?" grugnì, spingendo più forte i suoi fianchi contro i miei, finché il suono dei nostri fianchi che sbattevano insieme riempì la stanza. "sì! oh proprio lì!" ho urlato, lasciando cadere la testa sulle nostre mani che erano legate insieme.

"Vieni per me, tesoro! Vieni sul mio cazzo", mi ha ordinato Jake, spingendo il suo cazzo più forte nella mia fica. Spinsi indietro i fianchi, rispondendo alle spinte di Jake con le mie.

"Sto venendo" ho urlato sentendo altro liquido caldo riversarsi lungo le mie cosce, inzuppando ancora di più il tessuto del divano mentre tutto il mio corpo si avvolgeva, sussultando e tremando sotto quello di Jake.

"lascialo uscire, tesoro, è così- oh Dio, ti senti così fottutamente bene a venirmi sul cazzo in quel modo!" elogiò Jake, succhiandomi il collo.

Quando mi sono fermato di nuovo, tutto il mio corpo era così sensibile che se qualcuno mi avesse toccato probabilmente avrei cum ancora e ancora solo per quello.

Ancora una volta Jake riprese a spingere, questa volta spingendo il suo cazzo così profondamente e forte nella mia figa fradicia che mi ci volle solo un altro minuto prima che raggiungessi di nuovo l'orgasmo.

Senza fermarsi, Jake ha continuato a pompare dentro e fuori dalla mia figa zampillante, eguagliando le mie grida di estasi mentre rilasciava il suo carico, un'iniezione dopo l'altra del suo sperma, mescolandosi con il mio.

"mungimi il cazzo, tesoro, è tutto!" Jake ringhiò, spingendo mentre la mia figa si stringeva sul suo cazzo pulsante, bloccandolo dentro di me come se la mia figa non avesse mai voluto che se ne andasse.

"Jake!" ho urlato, spingendomi di nuovo sul suo cazzo finché non ho sentito che smetteva di sparare. A quel punto tremavamo entrambi per il peso dei nostri orgasmi congiunti, Jake si accasciò contro la mia schiena e io crollai contro il divano.

"È stato fantastico" sussurrò. "rosie sei incredibile" ridacchiò facendomi ridere. "ti sei divertito solo perché ho urlato il tuo nome" sussurrai facendolo ridere.

"sì, ma mi è piaciuto anche perché mi hai schizzato sul cazzo quattro volte"

"stai zitto." brontolai. "Proviamo solo a liberarci da questi legami, okay" mormorai riprendendo a mordere il nastro.

dopo quasi 4 ore e 3 scopate più tardi, Jake ed io eravamo riusciti a liberarci. avremmo potuto farcela prima se non fossimo stati distratti più volte.

alla fine ero completamente esaurito dal venire così tanto. il divano era completamente inzuppato ma a Jake non importava. pensava che fosse sexy e caldo da morire.

Dopo quello che ci hanno fatto quegli uomini ho dovuto ringraziarli perché nelle settimane successive al ritorno dei miei genitori a casa, io e mio fratello ci siamo scopati a vicenda fino a quando abbiamo iniziato a rimanere senza lenzuola per coprire il letto.

Naturalmente abbiamo chiamato la polizia ma sfortunatamente non hanno mai catturato i ragazzi, ma hanno trovato le nostre cose conservate in un deposito a quasi 20 minuti da casa nostra.

Per quanto riguarda me e Jake, quando i nostri genitori ci lasciano, diciamo solo che passiamo gran parte del nostro tempo preoccupandoci l'uno dell'altro

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

880 I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Gli assassini senza mira, capitolo 1

Il barista era un uomo pesante. Aveva un viso rotondo e carnoso con occhi piccoli e un naso grosso. In quel momento era continuamente infastidito da una mosca, che evidentemente era molto affezionata al suo naso. Apparentemente il bar era vuoto con alcuni ballerini che dondolavano in giro aspettando l'inizio della serata. Alcuni avevano già clienti ed erano impegnati a soddisfare le loro esigenze. La mia testa ha smesso di girare quando ho visto una ballerina in un angolo. Indossava un reggiseno di seta blu scuro con pantaloncini abbinati. La sua pelle d'avorio brillava alla luce delle luci. Aveva un'espressione nervosa...

488 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

2.1K I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Capo cheerleader

Era il calcio di venerdì sera e la nostra squadra del liceo ha appena perso una partita molto combattuta. Vedi, io sono la capo delle cheerleader e il mio ragazzo Jim è il quarterback e il capitano della squadra. Sembra stereotipato ma questo è il liceo. Beh, era decisamente deluso perché ha lanciato il passaggio sbagliato che avrebbe potuto vincere la partita ma l'ha messo a terra 5 piedi davanti al suo migliore amico e in coda alla squadra in end zone. Volevo tirarlo su di morale davvero tanto. Usciamo da più di un anno ormai, da quando eravamo junior. Mi...

1.4K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: capitolo 35

Per coloro che non hanno letto Queen Yavara: Adrianna's Story, ne ho incluso una sinossi di seguito. La storia era un racconto che descriveva in dettaglio la trasformazione e l'evoluzione del personaggio di Adrianna e comprendeva i capitoli dal 28 al 34. Sinossi della storia di Adrianna Adrianna impiega le sue abilità di comandante per governare la popolazione selvaggia di tribù e immigrati Ardeni. Si guadagna il loro rispetto attraverso una brutale dimostrazione di forza e, a sua volta, dimostra agli altri ibridi di essere capace di essere governante, anche se è riluttante a farlo. Ci sono altri sette ibridi che...

691 I più visti

Likes 0

Katie e Giovanni

Kathy sapeva che doveva sbrigarsi, Craig, l'amico di suo marito, la stava aspettando di sotto in cucina. Si voltò e guardò ancora una volta nello specchio a figura intera il costume che indossava alla festa di lavoro quella sera. Suo marito da dieci anni, John, ultimamente aveva lasciato cadere accenni poco sottili sulla sua vecchia uniforme scolastica, chiedendosi ad alta voce se sarebbe riuscita ancora ad indossarla dopo due figli. Con sua grande gioia, Kathy poteva ancora infilarsi nella gonnellino pieghettato, anche se i suoi fianchi e le sue cosce erano appena un po' aperti. Per completare l'effetto della scolaretta cattiva...

532 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.