Un inaspettato scherzo del destino

1.2KReport
Un inaspettato scherzo del destino

"Kaden James-"

Spostò il peso per guardare suo padre, la mano ancora sulla maniglia della porta. Sapeva già cosa stava per dire. Prima che suo padre potesse parlare con suo fratello Kael e sua sorella Kayla entrarono dalla porta del patio.

Sebbene Kayla cercasse spesso di nasconderlo, era chiaramente presa da sua madre. Quando aveva 13 anni si è tinta i capelli di un bel colore ramato che ha quasi fatto venire un infarto a suo padre. Indossava anche un pesante trucco per gli occhi che la faceva sembrare più vecchia e sexy. Il modo più semplice per farla incazzare era ricordarle quanto assomigliasse e si comportasse come la loro madre. Il loro fratello era l'esatto opposto, non somigliava né alla madre né al padre.

"Dove stai andando?"

“Ho bisogno di uscire per un po'. Prima che tu dica qualcosa, so che Kalina sarà qui presto, ma voi ragazzi mi state facendo impazzire". Kaden ha detto a loro tre

“Beh... cosa ti aspetti da noi Kaden? Siamo ansiosi quanto te di rivederla. Non riesco ancora a credere che siano passati 12 anni da quando mamma e Kalina se ne sono andati", ha detto Kael. Il suo viso si addenta in un cipiglio arrabbiato

Kaden sapeva come si sentiva. Dodici anni fa la loro madre ha fatto le valigie preparandosi a lasciarli. In fondo lo vedevamo tutti arrivare, era stata infelice per molto tempo, pensò. Una cosa che non avevano visto arrivare era che portava con sé la sorella gemella di Kaden, Kalina. Essendo solo 4 all'epoca, non riusciva a capire che non avrebbe mai più rivisto sua madre o sua sorella. Pochi anni dopo la loro partenza, Kayla bruciò tutte le loro foto che riuscì a trovare. Ovviamente papà l'ha messa in punizione per due mesi, ma lei ha sempre detto che valeva la pena vedere come papà non sarebbe mai andato avanti se gli veniva costantemente ricordato di loro. Scoprire che la loro cara vecchia mamma e il suo nuovo marito erano morti è stato per loro una giustizia poetica

"Dannazione" pensò Kaden tra sé e sé. Voglio solo uscire da qui. Si voltò per chiamare i suoi amici Jesse e Matt per vedere se volevano mangiare un boccone sul lungomare. C'erano sempre ragazze del liceo sdraiate sulla spiaggia nei loro minuscoli bikini. Il suo cazzo si contrasse solo a pensarci, era passato troppo tempo dall'ultima volta che aveva scopato.

“Sto andando sul lungomare con alcuni amici. La vecchia femminuccia dovrebbe essere qui alle 4 e non è nemmeno mezzogiorno” disse guardando l'orologio. "Ho un sacco di tempo"

Kaden uscì senza aspettare una risposta. Lo stavano davvero facendo impazzire; chiedendogli come si sentiva a riavere sua sorella nelle loro vite dopo 12 anni. Non ci voglio più pensare. Voglio solo prendere qualcosa da mangiare e spero di trovare una ragazza che sia disposta a rinunciare senza fare storie, pensò.

"Yo KJ!"

“Perché sembri così serio, uomo. Dai che è estate! Non faremo assolutamente nulla per tre mesi, questo dovrebbe farti sorridere". Jesse ha detto ridendo

“Lo so amico... ma mia sorella perduta da tempo verrà a vivere con noi. Ricordare?" gli chiese Kaden

“Oh merda amico è quello oggi? Amico, questi sono i freni ", ha detto Matt

"Andiamo, forza. Andremo in spiaggia a prendere qualche bella ragazza e questo ti distrarrà dall'intera faccenda".

"Questo è tutto ciò che chiedo" ha detto loro come speravamo nel mustang di Matt

Dio amava vivere in California: il tempo era sempre bello e non dovevi mai preoccuparti che le ragazze indossassero troppi vestiti. “Non che fosse difficile farli uscire se lo fosse” pensò tra sé e sé ridendo. Matt, Jesse e Kaden erano facilmente i ragazzi più popolari della loro classe, probabilmente anche dell'intera scuola, e lo usavano a loro vantaggio. Kaden era il capitano della squadra di baseball delle scuole, correva atletica e aveva un 4.0 GPA. Anche gli insegnanti mi amano, pensò con un sorriso sul volto. Soprattutto la signora Gordo, l'insegnante di inglese, che la scorsa settimana durante il pranzo aveva le gambe avvolte intorno alla vita. Aveva sorprendentemente una figa stretta per qualcuno sulla trentina.

La prima cosa che hanno fatto una volta in spiaggia è stata prendere qualcosa da mangiare. Kaden aveva saltato la colazione quella mattina per non dover affrontare gli sguardi ansiosi della sua famiglia. Matt e Jesse erano sempre affamati.

"Amico, guardala" disse Jesse indicando una ragazza vicino al ponte del bagnino

Anche da 50 piedi di distanza Kaden poteva vedere che era bellissima. Indossava pantaloncini molto corti che mettevano in mostra le sue lunghe gambe e le coprivano a malapena il culo. Il suo sguardo si mosse oltre il suo culo con qualche difficoltà atterrando esattamente sui suoi seni. Aveva un bikini che non lasciava nulla all'immaginazione; dovevano essere almeno una coppa C. Il suo cazzo si contrasse e si indurì solo guardandola.

"Accidenti, sta bene" hanno detto

“Ehi, guarda, si sta trasferendo qui. Vado a parlarle" disse Jesse saltando dal suo posto prima che nessuno di noi potesse muoversi.

"Se ti rifiuta, tenterò la fortuna" abbiamo detto io e Matt allo stesso tempo.

Neanche due minuti dopo Jesse tornò verso di noi scuotendo la testa con uno sguardo perplesso sul viso. Non ho potuto fare a meno di ridere.

“Mi ha rifiutato. ME. Amico, guardami. Le ragazze non mi rifiutano mai" sbottò

"Probabilmente si è resa conto che eri un arrogante come- Dove stai andando?" Matt urlò mentre KJ gli camminava accanto
"Per tentare la fortuna" mormorò Kaden a Matt

Un piccolo battito iniziò alla base del suo stomaco che lo sorprese. Non si era mai innervosito parlando con una ragazza prima, probabilmente perché non aveva mai avuto problemi a convincerne una ad accettare di uscire con lui. Ovviamente era uscito con alcune ragazze, era andato a letto con più di poche ma non aveva mai avuto una relazione seria. Qual e il punto? Pensò. Voglio solo scopare ogni tanto e loro vogliono dire alle loro amiche che sono andate a letto con uno dei ragazzi più popolari della scuola.

Lentamente si diresse verso il punto in cui giaceva la ragazza. I suoi capelli scuri erano raccolti sulla spalla sinistra e gran parte del suo viso era coperto dagli occhiali da sole

"Mi chiedevo chi sarebbe venuto dopo" mi ha detto senza voltare la testa

"Sei contento che sia io?" le chiese Kaden accovacciandosi ai suoi piedi.

Dannazione pensò, anche i suoi piedi sono carini. Si era tolta i pantaloncini ed era sdraiata nel costume da bagno più sexy che avesse mai visto. Le sue gambe erano lunghe e ben abbronzate, ed era più che ovvio che la sua figa fosse calva come il giorno in cui è nata

"Non proprio. Non sono davvero uscito da lei sperando di essere preso da un ragazzo a caso.

“Se vieni in spiaggia con quell'aspetto, allora devi subirne le conseguenze”

Rise mentre allungava la mano per abbassare gli occhiali. Guardarla negli occhi era come un pugno nello stomaco, era più che carina: era bellissima. Aveva labbra carnose che un uomo avrebbe voluto avvolgere intorno al suo cazzo. Osservò, eccitato oltre ogni immaginazione, mentre la punta della sua lingua trafitta tracciava le sue labbra carnose.

"Come ti chiami bella ragazza?"

“I miei amici mi chiamano Lizzie. Fammi indovinare... il tuo KJ"

“Come hai saputo-

"Il tuo amico ha detto che era qui con i suoi amici KJ e Matt" ha detto "Non sembri un Matt"

Lei fece scorrere lentamente lo sguardo su e giù per il suo corpo indugiando sul rigonfiamento nei suoi pantaloncini con un piccolo sorriso che le arricciava le labbra

"Cosa c'è laggiù?"

Seguì il suo dito per vedere cosa stava indicando. “È l'altro lato della spiaggia. Quel lato non prende molto sole, quindi l'acqua è sempre gelida. Inoltre è proprietà privata. Il proprietario ha fatto portare quei massi per separare il suo lato da questo lato”

"Vuoi fare una passeggiata?" Ha chiesto seducente

Non poteva fare a meno di ridere. "Fammi indovinare... finiremo laggiù nella proprietà di qualcun altro."

"Andiamo, devi vivere pericolosamente!"

Rimase in piedi avvolgendosi un sarong intorno ai fianchi. Gli afferrò la mano che gli mandò un formicolio lungo il braccio, tirandolo verso le rocce. Guardò i suoi amici salutandoli con due dita. A loro volta gli hanno dato il pollice in su prima di voltarsi per provare con qualche matricola che hanno riconosciuto dalla loro scuola.

"Allora parlami di te stesso" ha chiesto

"Cosa vuoi sapere?

"Nulla"

KJ stese entrambe le coperte sulla sabbia fresca. Lo stava facendo impazzire. Durante l'intera passeggiata, lei strofinava costantemente la mano su e giù per il suo braccio o gli sfiorava il seno sensuale contro di lui. Era duro come una roccia e, considerando i pantaloncini da spiaggia che indossava, sapeva che se ne era accorto. Era ora di tagliare la merda

"Non voglio parlare adesso" disse tirandola in grembo

"Mmm nemmeno io"

La sua bocca trovò la sua nello stesso momento in cui le sue dita trovarono il suo capezzolo. La sentì gemere sommessamente e il bacio divenne selvaggio. Era così duro che si sentiva come se potesse piantare chiodi in una tavola di legno. Entrambi annasparono; lui cerca di farle uscire il top e lei cerca di slacciargli i pantaloncini. Alzai i fianchi aiutandola a toglierci entrambi i glutei. Lei scattò in avanti dimenando il culo contro il suo cazzo. Dio, mi sentivo come se stessi per esplodere. Merda... voglio che questo duri, pensò cercando di calmare i suoi ormoni e fallendo miseramente.

Kaden trascinò la bocca dalla sua piantando baci lungo il suo collo finché non raggiunse il suo seno. Delicatamente la adagiò sulla coperta prendendo uno dei suoi capezzoli in bocca. La sua mano scese sciogliendo i lacci che tenevano insieme i suoi slip del bikini. Muovendo la bocca sull'altro seno, sentì la sua mano circondargli il polso e trascinarlo sulle labbra della sua figa calva.

“Oh Dio... è così bello. Per favore, non fermarti" ha urlato

Guardare il suo viso mentre lui le toccava lentamente le dita quasi lo fece venire in quel momento, guardando mentre la avvicinava sempre di più all'orgasmo. Chinandosi in avanti le prese il capezzolo tra i denti.

“Di nuovo” ansimò “Fingermi di nuovo. Più forte. Più veloce. Allora voglio sentire il tuo cazzo dentro di me”

“Voglio assaggiarti prima”

Lei sussultò quando sentì la mia lingua sul suo clitoride. Non riusciva a credere quanto fosse buona... così dannatamente dolce. Iniziò a inserire le dita nella sua carne calda mentre lei ripeteva il suo nome più e più volte.
È così stretta che non vedevo l'ora che il mio cazzo fosse dentro di lei.

"DIO MIO. Sto venendo!”

Ho fatto roteare la lingua intorno al suo clitoride succhiandolo e mordendolo delicatamente. Poteva sentire le sue mani tra i suoi capelli spingere ulteriormente il viso nella sua figa. I suoi gemiti gli riempirono le orecchie facendogli dolere il cazzo. Tirandosi indietro lentamente, continuò a baciarla ogni centimetro finché la sua bocca non si posò sulla sua e la sua lingua fu nella sua bocca. Gemendo, si sistemò tra le sue gambe, strofinando il suo cazzo duro contro le sue labbra calde e bagnate.

"Ho bisogno di te-Ora" KJ le afferrò i fianchi e spinse profondamente dentro di lei. Una parte di lui voleva andare piano, ma lei era così stretta e calda che non poteva rallentare per salvarsi la vita. I suoi gemiti iniziarono a diventare più forti mentre lui la sbatteva contro più forte ancorandosi con una mano sul suo fianco e l'altra sulla coperta.

Lizzie mosse la mano tra le gambe e trovò il clitoride con le dita. Kaden sapeva che era vicina e ha iniziato a martellarla addosso, sapeva che avrebbe avuto lividi in seguito, ma non riusciva a preoccuparsene.

"Sto venendo" ansimò. Avvolse le gambe strettamente intorno alla sua vita spingendolo ancora più dentro di lei.

"Ugh" Aprì la bocca ma non riuscì a trovare le parole mentre il suo sperma iniziò a sparare in profondità nella sua figa. Non riusciva a ricordare un momento in cui avesse mai sborrato così forte. Lanciando il suo corpo nel suo un'ultima volta, Kaden si spense dentro di lei, poi crollò contro di lei, seppellendo il viso tra i capelli.

Alla fine, Kaden rotolò sulla schiena, portando con sé Lizzie

"È stato fantastico" gli disse, premendogli un bacio sulla spalla

"Oh mio... che ore sono?" Kaden si avvicinò per guardare l'ora sul suo telefono. “Sono le 3:00”

Kaden guardò mentre Liz balzava in piedi cercando di trovare i suoi vestiti. Sentì il suo cazzo indurirsi di nuovo mentre lei si dibatteva nei suoi pantaloncini attillati.

"Per favore dimmi che possiamo vederci più tardi stasera" le chiese Kaden mentre si allacciava il bikini

“Era più che sesso? Gli ha chiesto timidamente

"Era per me"

Kaden sobbalzò sapendo che doveva tornare a casa prima che arrivasse sua sorella. Era più grato a Lizzie di quanto lei si sarebbe mai resa conto. Nelle ultime due ore gli aveva fatto dimenticare tutti i suoi problemi familiari.
Gli ha passato il telefono dicendogli che si aspettava che chiamasse più tardi.

Le posò un rapido bacio sulle labbra prima di partire per una corsa verso casa sua. Non vedeva l'ora che finisse così da poter passare più tempo con Lizzie. Forse potrebbe cimentarsi con l'intera faccenda della relazione.

Si è buttato nella doccia sapendo che aveva solo 10 minuti prima che Kalina arrivasse. Dio avrebbe voluto che questo non accadesse.

"Ti stai avvicinando un po', vero?" chiese suo padre.

Prima che potesse dire qualcosa, sentì bussare alla porta d'ingresso, seguito dal campanello. Richard guardò i suoi figli sedersi al tavolo della cucina mentre andava ad aprire la porta. Il respiro gli si mozzò in gola mentre posava gli occhi sulla figlia che non vedeva da quasi 12 anni. Era bella; assomigliava così tanto a sua madre che pensò con una fitta.

“Entra, entra. Ti stavamo aspettando. So che all'inizio sarà imbarazzante, ma lo supereremo abbastanza presto e poi potremo essere una famiglia". Disse Richard, sperando disperatamente che fosse vero

"Sì, giusto" mormorò Kael

"Va bene tutti... questa è tua sorella Ka-"

“In realtà uso il mio secondo nome, Lizabeth, ora. Lizzie in breve” disse tranquillamente

Kaden si voltò lentamente a guardare sua sorella gemella, quella che pensava di non vedere da 12 anni, ma invece era passata meno di un'ora. Ha fatto sesso con sua sorella. Era come se il mondo gli fosse caduto sulla testa. Guardò con terrore mentre uno sguardo di orrore attraversava il suo viso mentre arrivava alla stessa realizzazione...


Se vuoi un secondo capitolo fammi sapere...

Storie simili

Naked Day - parte 7

Allora, Sandy vuole un po' di cazzo. Ci sono stato, l'ho fatto, dissi con un sorriso. Sandy mi ha puntato il dito medio e ha riso. Beh, ho bisogno di una pausa, ho annunciato. Ho preso un asciugamano per Cindy per pulire il viso dal suo doppio viso, poi ho portato una sedia in fondo al letto. Penso che mi siederò qui e dirigerò. Dannazione, tutti e tre i fratelli Monroe nudi sul mio letto. Cominciamo. Johnny alzati sulla tua schiena e lascia che le tue sorelle lavorino per farti diventare duro di nuovo. Sandy, guarda quanto di questo puoi scendere...

775 I più visti

Likes 1

Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei...

1.1K I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

1.1K I più visti

Likes 0

Benedizione sotto mentite spoglie

L'indimenticabile avvenimento, che sto per raccontarvi, non è una storia di cazzi e tori, piuttosto è il mio primo tentativo sessuale che ho fatto quando studiavo al quarto anno di ingegneria. Per prima cosa mi presento: vivo con mio zio a Lahore. Essendo un contadino il mio fisico è robusto e la pelle è chiara. Molte donne del villaggio erano attratte da me ma non le ho notate in parte per l'inclinazione di mio padre alle attività religiose nel villaggio e in parte per il timore di essere colto in flagrante. Anche allora i miei occhi rimasero assetati di uno sguardo...

1.1K I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

983 I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

1.1K I più visti

Likes 0

Migliori amiche moglie incinta Pt 1

Avevo sempre sentito dire che le donne si arrapavano di più durante la gravidanza, ma non mi rendevo conto di quanto fosse brutto fino a quando il mio migliore amico e sua moglie non rimasero incinta. Da quando sono stato licenziato l'estate scorsa, pago i conti facendo lavori saltuari in giro per la città; tinteggiatura di case, tettoie e falciatura dei prati. Michael, il mio amico, lavora in una fabbrica molto ben pagata, e immagino che abbia deciso di aiutarmi assumendomi per dipingere la sua cucina e il suo bagno, anche se non c'era niente di sbagliato nella vernice. Ero felice...

1.2K I più visti

Likes 1

Rigorosamente di testa

QUESTA E' FANTASIA QUESTO NON E' SUCCESSO DAVVERO. QUESTA E' LA MIA PRIMA STORIA!!! era una calda giornata estiva, stavo appena uscendo dal lavoro e vedo un vecchio amico. era in piedi vicino alla sua macchina. il suo nome è volontà. ora sarà molto facile per gli occhi. è alto circa 6 piedi 2, molto muscoloso, di carnagione scura e carino. ha un sorriso molto caloroso e dà abbracci incredibili. sono alto circa 5 piedi e 5, un po' spesse, tette di taglia 38f, pelle bianca e cremosa molto pallida e ho una personalità straordinaria. Corro da Will e gli do...

951 I più visti

Likes 0

Allenatore Kristen

Mia nipote gioca a softball in una piccola lega sponsorizzata dalla città in cui viviamo. Il suo allenatore, Kristen (non è il suo vero nome), è davvero l'unica cosa divertente delle partite. Kristen è sul lato grosso. Ha una specie di viso grosso su cui si trucca e labbra imbronciate dello stesso colore rosso scuro dei suoi lunghi capelli ricci. Non è quella che definirei una bellezza classica, ma è decisamente fattibile. E se dovessi indovinare, direi che probabilmente aveva tra i primi e i 30 anni. Kristen emana anche l'atmosfera che quando è fuori dal campo, è selvaggia come un...

1.2K I più visti

Likes 0

Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Mia sorella ed io a Natale - parte 2 Il campanello suonò per tutta la casa, strofinando il sonno irrefrenabile dai miei occhi stanchi, sollevai la testa di Charlotte dal mio petto e la posai su un cuscino. Girai la chiave e aprii la porta. Mi porto il dito alle labbra, Charlotte sta dormendo, quanto pensi che sia presto? Ho detto. Uhhh, non così presto disse Leo, avvicinandomi alla faccia il suo hublot. Vieni di sopra dissi. Siamo andati in camera mia e ho fatto la doccia. Cos'è successo alla festa? chiese Leone Un ragazzo l'ha provato con mia sorella dissi...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.