Futa nudo a scuola 07 - Il problema del futa nudo 4: la soluzione del futa nudo di Randi

812Report
Futa nudo a scuola 07 - Il problema del futa nudo 4: la soluzione del futa nudo di Randi

Futa nudo a scuola – Il problema del futa nudo

Capitolo tre: La soluzione Futa nuda di Randi

Di miopenname3000

Diritto d'autore 2019

Settimana di Randi Bjork, mercoledì

Ho appoggiato il mio corpo ricoperto di sperma contro la mia amante della futa, Keisha Rowbottom. Il futa nero più anziano e più sexy insegnava anche inglese e allenava il mio club di dibattito al Rogers College. Aveva fatto in modo che quasi tutti i futa della scuola mi scopassero durante la pausa pranzo.

Mi verrebbero nella figa. Il mio buco del culo. La mia bocca. Ho ingoiato litri del loro succo. È stato rivestito in esso. I miei grossi seni ondeggiavano. Futa-spunk ha arruffato i miei capelli biondi. Mi sentivo completamente sporcato da esso. Le stavo sporcando i vestiti mentre mi aggrappavo al suo braccio.

"Dove stiamo andando?" Gemetti, ancora disorientato dalla passione della gangbang.

"Bagno della facoltà", disse, rivolgendomi un sorriso angelico. Aveva appena visto così tanti futa scopare la mia carne di ventenne e non pensava che fossi una troia. Mi aveva visto nei momenti più sfrenati e vergognosi e non mi disprezzava.

L'intero college ne era stato testimone.

Grazie a Guanting Chan, il capo del club A/V, è stato trasmesso in tutto il campus e trasmesso in streaming su Internet. L'avrebbero persino prodotto come porno e venduto per raccogliere più soldi per il college, unendosi alla collezione di altri porno con stelle studentesche che avevano prodotto.

I cambiamenti in America negli ultimi anni sono stati radicali. Era eccitante che studentesse birichine potessero fare porno e farsi sostenere dall'amministrazione della scuola.

"Pensi che questo abbia risolto il problema?" chiesi mentre tirava fuori una chiave dalla tasca della gonna. Aprì il bagno della facoltà e lo aprì. Era vicino alla loro sala relax. Non ero mai stato qui.

«Lo scopriremo», disse. "Ma prima, ti puliamo."

«Grazie», dissi mentre chiudeva a chiave la porta dietro di sé.

Era un luogo sorprendentemente noioso. Il bagno della facoltà aveva un'aria mistica, ma era solo un bagno monouso. C'erano un gabinetto e un orinatoio, per quei futa-professori come Keisha, un lavandino, e nell'angolo c'era una doccia aperta, il pavimento drenava lì.

Barcollai verso di esso, afferrando le maniglie mentre i vestiti del mio amante frusciavano. Le voltai lo sguardo e sorrisi mentre si spogliava nuda. Era una futa sexy e anziana. Aveva un decennio su di me e non mi importava. Non dovevamo più nascondere il nostro amore. L'abbiamo nascosto agli studenti, al mio migliore amico, ma è stata una nostra scelta.

La mia scelta.

La vergogna mi pervase.

Quel calore fu inghiottito dalla gioia di vedere i seni a forma di lacrima di Keisha entrare in vista quando si tolse il reggiseno. Le sue tette color caffè avevano un'oscillazione deliziosa. Erano sode ma non rotonde come alcune ragazze o futa. Erano adorabili, i suoi capezzoli più scuri spingevano forte davanti a lei.

Sorrisi quando si aprì la cerniera della gonna e ne uscì, il suo cazzo nero che tendeva la parte anteriore delle sue mutandine lilla. Avevano una fica diversa da quella di una ragazza, dando spazio a quel qualcosa in più che rendeva i futa così speciali.

I loro clitoridi.

Gemetti quando vide il suo. Si abbassò le mutandine, il suo cazzo schizzò fuori, pulsando davanti a lei. gemetti di gioia. I miei fianchi si muovevano da una parte all'altra, la sborra gocciolava fuori dalla mia figa mentre usciva dalle mutandine. Il suo cazzo sporgeva dal suo folto cespuglio, nascondendo le pieghe rosa della sua figa.

"Mmm, sei il migliore, lo sai?" Le ho chiesto.

«È facile dare il meglio di te per la ragazza che ami», disse, avvicinandosi a me.

«Anche dopo tutto questo?» Ho chiesto.

Si fermò davanti a me. Aveva pochi centimetri di altezza su di me. Ho sentito la punta del suo cazzo da ragazza che mi spingeva la pancia ricoperta di sperma. «Anche dopo tutto questo.»

Mi superò e aprì la doccia. Rimasi senza fiato quando uno spruzzo di acqua fredda mi colpì prima che il caldo si precipitasse a raggiungerlo. I miei brividi si trasformarono in sospiri di gioia. Ho appoggiato la testa all'indietro nello spray, lasciando che inzuppasse i miei riccioli biondi e mi lavasse via lo sperma. Rivoli d'acqua mi scorrevano sulle spalle e sul viso. Scesero lungo i miei grandi seni, arando i filamenti di sperma che adornavano il mio corpo.

Mi voltai, lasciando che lo spray cadesse sulle mie tette ora. Gemetti quando le mani di Keisha scivolarono sulle mie tette d'avorio, lavando via lo sperma perlaceo. È venuto via con facilità, anche le parti che si erano asciugate in scaglie argentee. Il suo tocco era caldo come l'acqua.

E molto, molto più cattivo.

La fissai negli occhi scuri mentre rabbrividivo. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro mentre le sue dita danzavano sulle mie tette. Mi sfiorò i capezzoli rosa, mandando scosse di passione nella mia figa. Gemetti, la mia fica si contraeva. Il calore mi attraversò.

Ho fatto le fusa deliziato. Il cuore mi martellava nel petto mentre le sue dita raggiungevano i miei capezzoli. Li ha modificati. Li contorti. Li ha tirati. Gemetti, i miei capezzoli pulsavano e dolevano. Quel meraviglioso piacere è salito dalla mia fica alla mia fica.

"Mmm, c'è più di me che è sporco delle mie tette", ho fatto le fusa.

"E?" chiese prima di chinarsi e succhiare un capezzolo che aveva ancora un po' di futa-cum su di loro.

Gemetti mentre lei allattava. Le sue labbra si incavarono attorno al mio nocciolo. Gemo, i miei fianchi si muovono avanti e indietro. Il mio strappo si strinse forte. Le sue labbra erano così birichine. Le sue mani mi accarezzarono la pancia, lavando via lo sperma.

Tubai di gioia, l'acqua mi scorreva lungo il fianco, la schiena. Si è rovesciato sulla mia groppa. Ha lavato via lo sperma dalla mia fessura ed è gocciolato sulla mia fica. Avevo così tanto sperma sepolto nella mia figa. Ho appoggiato le mani sulle sue spalle scure. Le mie dita pallide si aggrapparono a lei.

"Keisha!" Gemetti mentre la sua lingua turbinava attorno al mio capezzolo. "Ti amo. Spero che tu lo sappia.

La sua bocca si staccò dalla mia protuberanza. "Io faccio."

Mi accarezzò i fianchi mentre si rimetteva in piedi davanti a me. Le sue mani scivolarono sui miei fianchi, aiutandomi a lavare via le macchie di sperma. La fissai, l'acqua mi scorreva sul seno sinistro. Perline gocciolavano dal mio capezzolo. Le sue mani scivolarono sulle mie cosce, lavandole mentre mi muovevo avanti e indietro.

"Mmm, c'è un sacco di sperma in te", fece le fusa e si sporse in avanti.

"Decine di carichi", gemetti. "Ho perso le tracce".

«Anch'io», gemette. "Fortunatamente per me, ripulirti è qualcosa che posso fare come professore poiché questo era un evento sponsorizzato da un club di dibattito e prendermi cura di te è una mia responsabilità."

«Me fortunato», ansimai. Non potevamo fare sesso nella proprietà del nostro college o agli eventi scolastici, ma eravamo liberi fuori dal campus grazie alle modifiche alle regole che il mio amico Staci ha fatto implementare al college.

Rimasi senza fiato mentre il mio amante si infilava il naso nella mia figa rasata. Le sue labbra premette sulla mia fica. Gemetti mentre mi baciava la vulva. Ha sbaciucchiato su e giù per la mia fessura. Rabbrividii, l'acqua mi accarezzava il corpo mentre amava la mia fica.

I suoi baci sfioravano le labbra della mia figa. Mi ha sfiorato il clitoride. Lo sperma dentro di me è fuoriuscito. Lei gemette e poi la sua lingua scivolò fuori. La sentivo raccogliere lo sperma del futas mentre leccava le mie pieghe.

Mi ha trasmesso una tale corsa inebriante.

Questa passione selvaggia.

Gemetti, i miei fianchi si dimenavano da una parte all'altra mentre lei leccava e leccava la mia fica. Mi ha preso in giro. Rabbrividii, il cuore mi martellava nel petto. La sua lingua si infilò nelle profondità della mia fica. È stato incredibile. piagnucolai. Il cuore mi martellava nel petto. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro. Questa inebriante ondata di calore mi attraversò.

I miei occhi sbatterono. La sua lingua saettò tra le mie pieghe. Mi ha preso in giro. Mi ha leccato. La sua lingua leccava e lambiva le mie parti birichine. Questo incredibile caldo mi ha fatto sgroppare e rabbrividire. I miei seni sussultavano mentre banchettava con me.

"Keisha!" sussultai. "Fai...? Ti piace davvero leccare tutto quello sperma dalla mia fica?"

"Tanto!" gemette. "Mmm, stiamo entrambi mostrando i nostri lati stravaganti l'un l'altro, vero?"

"SÌ!"

È stata una cosa meravigliosa da fare. Per condividere questo con lei. Gemetti mentre sentivo la sua lingua guizzare dentro e fuori dalle mie pieghe. Mi ha preso in giro. Ha infilato la lingua in profondità nella mia fica. Ha agitato la lingua dentro di me. I miei fianchi danzavano avanti e indietro. Gemetti mentre lei mi afferrava il sedere. Ha tirato la mia fica contro la sua bocca.

Il mio orgasmo cresceva e cresceva mentre mi leccava. Ha guidato la sua lingua dentro e fuori dalla mia carne. Quella sorpresa incredibile è esplosa dentro di me. Rabbrividii, piagnucolando, i miei fianchi che danzavano da una parte all'altra. Era la cosa migliore del mondo.

La gioia che mi farebbe urlare a squarciagola. Non vedevo l'ora di provarlo. Rabbrividii, il mio cuore batteva sempre più forte. Questa delizia malvagia costruita e costruita nella mia fica. Mi farebbe ansimare, gemere, gridare in estasi. Sarebbe incredibile. Rabbrividii, impaziente. Assaporandolo. Questa incredibile corsa che mi divorerebbe.

"Keisha!" sussultai. "Sto per venire!"

"Bene!" gemette.

La sua lingua svolazzava tra le mie pieghe. Ha tirato fuori tutto lo sperma dentro di me. Mi ha pulito la figa e mi ha fatto impazzire. La mia clitoride le ha sfiorato il naso. Scintille sono esplose dentro di me. Rabbrividii e piagnucolai. Questo calore mi ha attraversato. Era questa incredibile delizia.

Le ho schiacciato la fica sulla faccia. La sua lingua era incredibile. È stato stupefacente. Mi ha accarezzato le labbra della figa. Il mio clitoride. Mi ha saccheggiato ovunque. I miei seni si sollevarono, l'acqua mi uscì dai capezzoli. Ho tremato, sul punto di esplodere.

"Si si!" ho urlato. "Oh, Keisha!"

Sono venuto. La mia figa ha avuto le convulsioni. La mia fica si contorceva e aveva le convulsioni. Il piacere è salito attraverso la mia carne. Ho afferrato la sua trama di capelli scuri. Mi sono tenuto stretto mentre l'estasi bruciava nella mia carne. La mia fica ebbe le convulsioni, bagnandosi il viso con i miei succhi.

"Ti amo!" gemetti.

"Mmm, inzuppami di quell'amore!" gemette e premette il viso contro la mia fica.

Ho afferrato l'impianto idraulico della doccia per il supporto. Ho afferrato l'acciaio inossidabile mentre le onde dell'estasi si increspavano nel mio corpo. Le onde si sono abbattute nella mia mente. Hanno annegato i miei pensieri. Le stelle esplodono attraverso la mia vista.

"Keisha!"

Si alzò davanti a me, baciandomi. Il suo seno a forma di lacrima premette contro le mie grandi tette morbide. Mi spinse indietro finché non sentii piastrelle fredde nella schiena. Ho assaporato la mia passione pungente sulla sua bocca. Assaporai il sapore mentre il suo cazzo da ragazza pulsava contro il mio ventre.

Questo è stato incredibile. Ero stordito da questa passione. Ho tremato mentre tirava indietro i fianchi. Il suo cazzo mi ha trascinato giù per lo stomaco. L'ho sentito prendermi in giro. Mi ha fatto rabbrividire. Gemetti mentre lei lo premeva sulle labbra della mia figa.

Si è spinta dentro di me.

Ho rotto il nostro bacio, ansimando, "Keisha, le regole!"

"Non mi interessa," gemette mentre il suo cazzo mi sbatteva dentro. "Farò l'amore con la mia ragazza sexy."

Le sorrisi, le mie mani a coppa sul suo viso scuro mentre la mia figa si contraeva attorno al suo grosso cazzo di futa. "Ti amo tanto."

Mi ha baciato di nuovo mentre entrava nella mia fica convulsa. Il mio orgasmo esplose di nuovo dentro di me. Il suo grosso cazzo mi ha riempito. Agganciai la mia gamba sinistra attorno al suo fianco, aggrappandomi a lei mentre le nostre lingue duellavano. Ci siamo baciati con passione selvaggia.

La spinta del suo cazzo ha mantenuto il piacere incresparsi dentro di me. La mia carne si contrasse intorno a lei mentre le nostre lingue duellavano. La doccia schizzava sul suo fianco, lo spruzzo che colpiva la mia pelle. Piccole gocce di calore che mi facevano rabbrividire.

Le nostre lingue hanno duellato.

I nostri capezzoli si baciarono.

Ha spinto il suo cazzo sempre più velocemente nella mia figa. La mia carne in preda alle convulsioni accoglieva ogni sua spinta. Mi sono divertito in esso. Questo calore meraviglioso mi ha attraversato. Gemetti, il mio cuore rimbombava sotto i miei seni, pompando passione attraverso di me.

Ho continuato a venire.

È stato stupefacente.

La mia mente bevve nella beatitudine mentre seppelliva profondamente e duramente dentro di me. Si è tuffata ancora e ancora dentro di me. Il suo grosso cazzo mi ha fatto piacere. Mi aggrappai al mio oscuro amante. L'ho assaporata, la mia fica che si agitava attorno al suo futa-cazzo.

Ha rotto il bacio, ansimando, "Randi!"

"Si si!" gemetti di gioia. “Ooh, Keisha, dammelo. Scarica quello sperma dentro di me.

«Ci ​​sto arrivando» ansimò. "Sei una figa... è incredibile."

"Mmm, anche dopo che tutti quei futa l'hanno usato?" sussultai.

"Soprattutto dopo tutti quei futa!" gemette, le sue mani afferrarono il mio culo, stringendo e impastando la mia pancia bagnata.

Le sorrisi, un altro orgasmo mi scoppiò dentro.

Il piacere mi travolse, agitato dal suo cazzo che si tuffava dentro di me ancora e ancora. Si seppellì forte e in profondità dentro di me. È stato incredibile da provare. La beatitudine mi travolse. Rabbrividii, la mia figa accoglieva il suo cazzo da ragazza nelle mie profondità.

Volevo che il suo sperma sparasse dentro di me.

Mi aggrappai a lei, la mia mano scivolava lungo la sua schiena bagnata. Afferrai il delizioso rigonfiamento della sua groppa, tirandola forte. Mi ha sbattuto addosso. Ha spinto il suo cazzo da ragazza in profondità nella mia fica. Gemetti, la mia figa si stringeva su di lei.

"Keisha!" piagnucolai. “Oh, Keisha, sì, sì! Vieni dentro di me! Voglio sentirti uscire da me tutto il giorno!

"Randì!" gemette.

Mi ha sbattuto addosso. Il suo cazzo è sepolto in profondità nella mia fica convulsa. Mi riempì fino in fondo mentre il piacere mi sfrecciava fuori. Gemette contro la mia nuca, premendo il suo corpo contro di me. I nostri capezzoli si sono spazzolati.

Il suo sperma ha sparato nella mia fica.

Rimasi senza fiato alla prima esplosione del suo futacum nella mia fica. Quel meraviglioso calore mi pervase. La mia testa si muoveva avanti e indietro. La mia figa ebbe le convulsioni, contorcendosi attorno a quel grosso cazzo. Ho piagnucolato e gemuto. Mi sono crogiolato in questa incredibile beatitudine.

Mi ha attraversato. È stato incredibile. Un caldo feroce che mi faceva sussultare e tremare. I miei occhi si chiusero contro la beatitudine. La mia figa gioì. Questa incredibile delizia è esplosa nel mio corpo. È stato incredibile.

Una delizia.

"Oh, Randi," gemette mentre la mia fica le mungeva il cazzo. Ho spremuto ogni goccia del suo sperma. Rabbrividii contro di lei, aggrappandomi forte. “Oh, mio ​​delizioso Randi.

“Keisha,” piagnucolai, chiudendo gli occhi. "Sono così felice di averti."

Ansimava contro di me mentre il mio orgasmo raggiungeva il picco. Ho raggiunto quel piacevole pinnacolo e poi sono sceso. L'ho tenuta. Questa giornata è stata così selvaggia. Non potevo credere a tutto quello che avevamo fatto. È stato un piacere così intenso. L'ho tenuta stretta.

Le mie dita le sfregarono su e giù per la schiena, tracciando l'acqua che le scorreva sulla pelle. Il mio corpo ronzava di gioia. Mi ha baciato il collo per circa un minuto prima di staccarsi. Si staccò da me, gemendo entrambi.

"Dovremmo andare in classe", ha detto. “Gli ho detto che saremmo arrivati ​​in ritardo, ma...”

Ho sorriso. "Giusto. Inoltre, dobbiamo vedere se funziona.

“Lo ha fatto. Vedrai."

Aveva già piantato degli asciugamani qui. Ci siamo asciugati a vicenda con la soffice delizia. Poi si è vestita mentre io tremavo, il suo sperma mi ha riempito la figa. Una piccola parte della sua passione è trapelata, ma mi stavo tenendo stretto.

Volevo assaporarlo in me.

"Ti amo, Keisha", dissi, volendo dirglielo un'ultima volta prima che dovessimo mettere in piedi la facciata di studente e professore.

Mi sorrise, mi prese il mento e mi baciò.

Fluttuai lungo il corridoio accanto a lei dopo quel bacio. Il mio autocontrollo si è allentato e una linea di futa-cum mi è gocciolata lungo le cosce. I miei piedi nudi si posarono sul pavimento mentre i suoi tacchi ticchettavano. Era abbastanza nei corridoi con le lezioni in corso.

Abbiamo raggiunto la sua classe e lei ha aperto la porta.

"Grazie, signorina Rowbottom", dissi e mi lanciai in un fragoroso applauso.

"Eccola!" esultò Liese, la futa bionda e tettona era in piedi e batteva forte le mani. Mi sono ricordata che mi scopava durante la gangbang. «Ecco il nostro capitano. Sabato ci condurrà a schiacciare la Betel!»

"Sì!" gridò Annalee. Il mio migliore amico mi ha sorriso. “Mmm, sei diventato cattivo. Sono venuto due volte a guardare.

"Era caldo fotterti il ​​culo!" disse Marion Steele. Aveva un gran sorriso stampato in faccia.

"Sei la mia eroina, Randi", piagnucolò Tina Walker. “Non posso crederci. Hai affrontato tutti quei futa mentre andava in onda. Vorrei averci pensato! Era stata scelta la prima settimana del Programma.

"Va bene, va bene", disse la signora Rowbottom, agitando le mani. "Dobbiamo calmarci in modo che la signorina Bjork possa esercitarsi con la sua apertura."

rabbrividii. Eccolo. Il momento della verità. Nessun vibratore che si agita nella mia figa. Nessun cazzo mi fotte. Solo tutti i loro occhi sulla mia carne nuda. Presi dalla borsa i biglietti da visita che Annalee mi porgeva. Abbassai lo sguardo su di loro e alzai lo sguardo.

Le parole sgorgarono da me. Una confusione di suoni. Non stavo solo parlando con sicurezza, ma stavo parlando velocemente. Nel dibattito, avevi solo un periodo di tempo limitato, quindi dovevi stipare quante più idee possibile. Tutti farebbero stampare il tuo discorso per seguirlo. Le mie parole sono uscite da me.

L'ho fatto. Avevo mostrato al mondo chi ero. Quanto erano depravate e stravaganti le mie fantasie. Non mi avevano rifiutato. Mi sentivo così rilassato quassù nudo. Ho superato il mio discorso di apertura e mi sono sentito così euforico mentre mi incoraggiavano.

Nessuno di loro pensava che fossi sporco o disgustoso. Pensavano che fossi una ragazza calda e sexy.

"Stiamo andando a prendere a calci i culi puzzolenti di Bethel!" esultò Liese.

Ho sorriso con lei. Sì, lo faremmo.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Sabato

Giovedì e venerdì sono trascorsi in una confusione di preparazione e sesso. Ero nel programma e mi sono divertito. A Keisha non importava, infatti ha mangiato la mia figa piena di sperma due volte una volta che eravamo a casa sua. Potrei dover continuare a trovare qualche futa discreto per fottermi per soddisfare l'appetito vizioso del mio amante.

Ero rilassato mentre mi muovevo per i corridoi. Non mi importava dei palpeggiamenti. Mi ha fatto accaldare e bagnare, ma la vergogna non mi ha impedito di parlare. Potevo finalmente restituire quelle risposte quando futas mi diceva qualcosa di malvagio.

"Ehi, Randi, cosa ti piace di più: nel culo o nella fica?" Shelena mi ha chiesto una volta, venendo e prendendomi il culo.

“Mmm, Pussy, Shelena, ma quale preferisci quando la squadra di football ti fa una gangbang? Culo o figa?"

“Non lascio che mi facciano una gangbang,” mormorò Shelena. Se fosse stata bianca, scommetto che le sue guance sarebbero diventate rosse. "Sono il quarterback."

"Giusto, quindi ti deve piacere chinarti e prenderlo nel culo", dissi, facendole un dolce sorriso. "Ti godi quel grosso futa-cazzo che ti sbatte contro da dietro."

Una risatina echeggiò attraverso il corridoio. Si allontanò rigidamente.

"Sì, quella è l'andatura di una futa che si è appena presa un enorme cazzo nel culo", ho chiamato.

Annalee ridacchiò accanto a me. "Sei così cattivo, Randi."

Le ho fatto l'occhiolino.

È stato perfetto. Ero pronto per il gioco del dibattito. Volevo andare con Keisha all'incontro, ma sarebbe stato sospetto. Era l'ultima cosa per cui mi sentivo in colpa. Soprattutto con Annalee. Non sapevo come dirle che frequentavo in segreto il nostro allenatore di dibattito da quasi un anno.

“Non posso credere che andrai nudo all'incontro”, disse mentre ci guidava verso il Bethel College dove si teneva l'incontro.

«Forse non è l'idea più brillante che abbia mai avuto», ammisi. “Grazie alla dea per il tuo riscaldamento funziona. Pensavo che i miei morsi si sarebbero congelati correndo dalla mia porta di casa alla tua macchina.

Lei scosse la testa. Era la fine di gennaio e c'era una brina su tutto ciò che era ancora nell'ombra. Metà degli alberi sempreverdi che lampeggiavano luccicavano e l'altra metà gocciolava acqua dal sole del mattino.

«Almeno portavo le scarpe», dissi.

Lei scosse la testa. “Beh, immagino che tu abbia dovuto dare a Bethel una sorta di vantaggio. Oppure si lagnerebbero tutti di come hai imbrogliato quando gli prendiamo a calci in culo.

Ho sorriso e annuito.

Raggiungemmo presto la Betel. Fortunatamente, Annalee è stata così gentile da lasciarmi sul marciapiede. Scattai verso la porta e irruppi dentro. "Grazie alla fottuta Dea," gemetti mentre il calore turbinava intorno a me. "Devono avere qui il Programma."

"Oh, wow, non sapevo che uno degli oratori di Rogers sarebbe stato nudo", ha detto una persona con un leggero accento britannico. Ho guardato oltre per vedere una futa indiana che non conoscevo, la sua pelle di un marrone intenso. Indossava un maglione peloso e una gonna scozzese che le scendeva ben oltre le ginocchia.

Ho aperto la bocca per dire qualcosa quando la vergogna mi ha colpito. Era della Betel. Non mi aveva visto scatenarmi. Non mi aveva visto fare gangbanging. Volevo dire qualcosa, ma la mia lingua sembrava piombo e il panico mi pervase.

"Stai bene?" chiese, regalandomi un dolce sorriso. “Immagino che sarei piuttosto imbarazzato se dovessi andare nudo tutto il giorno. Voglio dire, wow, le tue tette sono adorabili.

La futa fissava i miei seni con la fame negli occhi. Mi fece oscillare su e giù, facendomi rabbrividire. piagnucolai. Volevo fuggire e nascondermi. Volevo coprire le mie grandi tette. Il cuore mi rimbombò nel petto quando sentii il suo sguardo che mi fissava.

Non poteva succedere.

Deglutii mentre si muoveva verso di me. “Sono le stesse regole per il nostro Programma. Posso toccarti le tette o...? Piegò le dita. “Forse non dovrei. Voglio dire, siamo avversari.

La mia umiliazione si è gonfiata dentro di me. Non pensava che fossi abbastanza bravo da essere toccato. Quel caldo dolore si è formato nelle profondità della mia figa. Mi pulsavano i capezzoli. Adesso erano duri, e non per il freddo. Deglutii, tutto il mio corpo tremava.

Questo era folle.

"Chandra!" qualcuno ha chiamato.

Rabbrividii quando la futa girò la testa verso presumibilmente dove si stava svolgendo l'evento di dibattito. Mi guardò di nuovo, i suoi occhi guizzavano su e giù per il mio corpo. "Beh, spero che tu sia più loquace durante l'evento, a meno che... tu sia qui solo per distrarci."

Le sue parole mi fecero quasi trasalire. Mi vedeva solo come una puttana. Qualcosa di sporco e cattivo. Una troia vergognosa qui solo per mostrare i suoi grossi seni e la figa succosa. Le mie dita tremarono. Volevo prendermi i seni e farli oscillare sul suo viso.

“Randì?” Annalee chiamò da dietro di me mentre Chandra si voltava ed entrava nella stanza. "Randi, stai tremando."

Mi voltai verso la mia amica e le gettai le braccia intorno alle spalle quando si avvicinò. "Abbiamo un grosso problema".

"Che cosa?" lei chiese. "Oh no. Non dirmi che il tuo problema è tornato.

Ho annuito con la testa.

"Pensavo che l'avessi preso a calci in culo."

"Si, anch'io."

«Merda», mormorò. "Dai. Andiamo a parlare con la signorina Rowbottom. Scommetto che può aiutarti.»

Il mio amico mi ha tenuto per mano e mi ha condotto nella stanza dove si è tenuto l'evento. Era un'aula grande, non un auditorium. Gli eventi di dibattito non erano esattamente il tipo di competizione più popolare. Non abbiamo attirato l'attenzione di una partita di calcio o di basket.

Il che era triste dato che almeno il nostro evento era di natura scolastica. A differenza delle squadre sportive.

Nella parte anteriore c'erano i posti dove si sarebbero sedute le nostre squadre. Tre scrivanie inclinate l'una di fronte all'altra e alla folla. I posti dei giudici erano davanti con il pubblico dietro di loro. Rabbrividii mentre tutti mi guardavano. C'erano più che semplici studenti qui. C'erano i loro genitori.

Ho visto donne anziane e futa che mi fissavano scioccate o interessate. Le mie guance bruciavano mentre i miei grandi seni sussultavano e si sollevavano. Tutti hanno visto il mio vergognoso corpo da puttana in mostra. Potevano vedere quanto mi stavo bagnando? Il calore gocciolava fuori dalla mia figa. Quel rivolo succoso e cremoso che mi stava opacizzando il cespuglio e ricoprendo le mie cosce interne. Devo brillare per la mia sfrenata eccitazione.

«Ehi», disse Liese, la futa bionda che mi guardava maliziosamente. "Mmm, adoro quelle tette, Randi."

«Piantala», mormorò Annalee. «Dov'è la signorina Rowbottom?»

"Il bagno, credo." Liese mi lanciò un'occhiata. "Perché?"

Annalee inarcò il sopracciglio.

"Oh, cazzo." Liese si avvicinò a me. “Randi, qual è il grosso problema? Dovresti averlo superato. Sei stato coinvolto in una gangbanging davanti all'intero corpo studentesco e...”

"È tutta la tua squadra?" chiese una voce.

Mi voltai per vedere un'alta futa con una camicetta color bronzo e una gonna lunga, l'inizio di un rigonfiamento che tendeva la parte anteriore del suo vestito mentre guardava i miei grandi seni. Rabbrividii, sentendo il fremito della mia carne soffice per il leggero tremito che mi attraversava.

"È un membro?" chiese la futa.

«Randi Bjork», disse Annalee, «il nostro capitano. È stata scelta per il programma del nostro college questa settimana. Sai... Evento scolastico.

"Giusto, giusto", disse il giudice, i suoi occhi salivano sulle mie tette. "Sono sicuro che lei è un vanto per la tua squadra."

Volevo dire qualcosa, una risposta spiritosa, ma la mia lingua era aggrovigliata dall'umiliazione. Mi vedeva come una puttana e... e... Il panico mi ha preso. Tutto il mio corpo tremava. Il mio respiro accelerò. Ho risucchiato l'aria troppo in fretta mentre il giudice si allontanava.

«Okay, respira e basta», borbottò Annalee. “Basta respirare. Stai bene. Respira e basta. Ecco qua.»

Inspirai mentre mi chinavo, appoggiando le mani sulle ginocchia. Ero così consapevole che tutti mi guardassero. I miei seni ondeggiavano con l'alzarsi e l'abbassarsi delle mie tette. Il mondo girava intorno a me. Potevo sentire tutti parlare. Macchie di oscurità danzavano davanti alla mia visione.

«Dea, è quasi ora», borbottò Liese. "La loro squadra è pronta."

Alzai lo sguardo e vidi Chandra alla scrivania centrale, il loro capitano. La futa indiana mi guardava insieme a un'altra futa, snella e bianca con i capelli biondi raccolti sulla nuca. Gli occhi azzurri scrutarono il mio corpo. Sussurravano tra loro.

Probabilmente pensava che fossi una troia assoluta.

Il terzo membro era una ragazza che aveva le braccia conserte e mi ha sparato con un pugnale. Portava gli occhiali e il suo seno non sembrava affatto sviluppato. Seni piccoli che la sua camicetta ampia non riusciva a lusingare. Perché tutti dovevano fissarmi?

"Va bene", disse la signorina Rowbottom, "cosa c'è che non va con la signorina Bjork?"

"Dobbiamo rimandare", sibilò Annalee. "Sta avendo i suoi problemi."

La signorina Rowbottom gemette in quella che sembrava realizzazione. "Tutti questi estranei qui."

«Forse potremmo chiedere di riprodurre un breve video», mormorò Liese. "Mostra la sua gangbang."

"L'A/V club sta ancora montando il filmato insieme", ha detto Annalee. “Ieri ho parlato con Guanting. Io, uh, volevo la mia copia e...” Le parole del mio amico si spensero. «Be', oggi non arriva. Non ci aiuterà. Suo."

«Merda», mormorò di nuovo Liese.

"Lingua, signora Haber", mormorò il mio amante della futa. "Va bene, ci penserò io..."

"Grazie per essere venuto", disse una voce attraverso l'altoparlante. Era il giudice capo che mi aveva appena guardato. "SM. Rowbottom, devi prendere posto. Sono sicuro che hai preparato abbastanza i tuoi studenti per l'evento.

La signorina Rowbottom mi ha lanciato questo sguardo senza speranza. Deglutì e poi si ritirò. Di fronte a noi, l'altra squadra stava prendendo posto. Dovevamo fare lo stesso, ma io rimasi lì impotente, la mia mente che lottava per trovare una soluzione. Qualcosa che mi tirerebbe fuori da tutto questo. Doveva esserci una regola. Qualcosa che potrei sfruttare.

Ero nel programma. Cosa significava per le mie responsabilità? Potrei uscire dall'essere nudo?

NO.

«Mi scusi, signorina Randi Bjork», disse il giudice capo. “Devi sederti. A meno che non ci sia qualcosa che devi chiedere.»

qualcosa che potrei chiedere...

I miei occhi si spalancarono. Fissai il giudice e, con il massimo sforzo, costrinsi la mia lingua di piombo a muoversi. Le mie labbra si spalancarono mentre gridavo: "Sollievo!"

Il giudice capo sbatté le palpebre. “Sollievo, signorina Bjork, per...”

Volevo continuare a parlare, a spiegarmi, ma sentivo tutti quegli occhi addosso. Tremavo, deglutendo, lottando per formare le parole che dovevo fare. Ho dovuto dare la mia argomentazione. Questo è stato un evento di dibattito.

"Fa parte del programma del nostro college", ha detto la signora Rowbottom, venendo in nostro soccorso. "Può chiedere sollievo a causa dello stress che l'andare nuda può imporre a una giovane donna".

"Sollievo?" chiese il giudice. "Che tipo di sollievo?"

"Sollievo sessuale", ha detto la signorina Rowbottom, guardandomi. "Può masturbarsi o farsi saziare da volontari".

"Sei un genio", sussurrò Annalee.

Ho annuito e ho attraversato il palco. Sentivo quel dolore crescente, sfrenato, da puttana gonfiarsi attraverso la mia carne. Stavo per fare qualcosa di cattivo. La mia lingua si sciolse mentre fissavo Chandra e la futa bionda della sua squadra. Mi infilo una mano tra le cosce e mi tocco la fica.

Era abbastanza.

"Che ne dici, Chandra?" chiesi, affondando un dito nella mia fica. "Vuoi bagnare il tuo cazzo nella mia figa?" Tirai fuori il dito, mostrando la crema luccicante. “Hai un futa-cazzo abbastanza grande da saziare la mia figa? E tu, bionda?"

La futa indiana scattò in piedi. Il suo cazzo tendeva la sua gonna scozzese. Deglutì e poi lanciò un'occhiata alla futa bionda. "Allora, Margherita?"

Daisy, la futa snella e bionda annuì con un sorriso impaziente.

«Be', voglio dire», disse il giudice capo. “Immagino che dobbiamo permetterle di farlo. Abbiamo bisogno che questa sia una competizione leale”.

"Mmm, così giusto", ho fatto le fusa. “Dai, mettiti a nudo. Fammi vedere quei grossi cazzi. Mmm, entrambi mi farete venire così forte.

"Futas", mormorò la ragazza della loro squadra, lanciandomi uno sguardo feroce.

Le strizzai l'occhio, sentendomi così libero in questo momento. E una volta che tutti avessero visto quanto potevo essere una puttana, sarei stata in grado di esibirmi. La mia figa gocciolava succhi, travolgendo il mio cespuglio. I rivoli mi scorrevano lungo le cosce mentre i due futa correvano a spogliarsi nudi.

Chandra si è tolta il maglione. Aveva una camicetta sotto con una cravatta. Lo allentò e poi attaccò i bottoni, mostrando le sue tette rotonde. Come molte futa, non si preoccupava del reggiseno. Aveva delle tette deliziose, che sembravano così attraenti con la sua pelle bruno-rossastra. I suoi capezzoli erano di una tonalità più scura, spingendo forte verso di me.

Feci le fusa di gioia, pizzicando entrambe le mie protuberanze. I miei fianchi si muovevano avanti e indietro, l'ondata di gioia mi attraversava. La mia fica era in fiamme. I succhi mi gocciolavano lungo le cosce. Gemetti, il cuore mi martellava nel petto. Le mie dita dei piedi si piegarono contro il pavimento.

Daisy aveva il seno piccolo. Piccoli coni che erano così carini. I suoi capezzoli rosa erano piccoli come bottoni. Aveva un rossore roseo sulle guance mentre si abbassava la gonna lunga, il suo cazzo di futa tendeva un paio di mutandine bianche da scolaretta. Poi li ha spinti via. Il suo cazzo saltellava lungo e snello.

“Mmm, è carino,” dissi, afferrandole l'uccello e accarezzandolo. "Vuoi fare qualcosa di veramente selvaggio con questo cazzo, vero?"

Lei annuì, questo sguardo impaziente nei suoi occhi.

Sono caduto in ginocchio davanti a lei e ho allattato il suo cazzo mentre Chandra lottava per spogliarsi completamente nuda. I suoi seni rotondi sussultarono mentre apriva la cerniera della gonna scozzese. Aveva i collant sotto, le calze di nylon scure aggrappate alle sue mutandine rosa che le tenevano il futa-cazzo. L'ho vista spogliarsi con la coda dell'occhio mentre allattavo il cazzo di Daisy.

Daisy mi afferrò i capelli, tenendosi stretta ai miei riccioli biondi mentre mi fotteva la bocca. I suoi piccoli seni tremavano sopra la sua testa. Chandra si srotolò le calze di nylon con cura, chiaramente non voleva correre. Se le tolse e si abbassò di corsa le mutandine.

"Puoi scoparla forte, Chandra!" un genitore solidale ha pianto dal pubblico.

Chandra arrossì e si aggiustò gli occhiali.

Staccai la bocca dal cazzo di Daisy e mi voltai verso Chandra. La futa tremò. Aveva la mia età o forse un anno in più. Aveva questo sguardo tremante di paura e soggezione negli occhi. Non aveva mai fatto niente del genere prima.

L'ho afferrata per i fianchi e l'ho spinta di nuovo sulla scrivania. "Mmm, il tuo grosso cazzo farà stare bene la mia figa, vero?"

"S-sì," gemette lei, i suoi seni rotondi tremavano.

"Questo è quello che pensavo, sexy futa", ho fatto le fusa e sono salito sulla scrivania, a cavalcioni su di lei.

Rimase senza fiato quando le feci scivolare le braccia intorno alla testa. Ho premuto il suo viso contro i miei grandi seni. Gemette di gioia, la montatura dei suoi occhiali sfregava sulle mie tette. Il suo futa-dick spinto verso l'alto, pungolando l'ingresso della mia figa.

Ho fatto scivolare il suo clitoride a casa nella mia figa mentre guardavo la folla. Al mio futa-amante. La signorina Rowbottom sorrise, annuendo con la testa. Il suo cazzo le tendeva la gonna. La amerei così tanto stasera. È stata fantastica. Ero così felice di averla avuta.

Il mio futa-dick ha inghiottito ogni centimetro del cazzo di Chandra. Gemette contro le mie tette, il suo cazzo pulsava dentro di me. Mi dimenavo avanti e indietro, assaporando la sua circonferenza dentro di me. Un'ondata di piacere mi attraversò mentre lanciavo uno sguardo alle mie spalle.

"Ora tocca a te", dissi alla bionda. "Infila il tuo cazzo nella mia figa, Daisy."

"Che cosa?" ansimò la bionda snella. "Ma... ma... Chandra è già in te."

"Che troia", ha detto il terzo membro della squadra.

«Esatto», gemetti. “Sono una troia e voglio entrambi i tuoi cazzi dentro di me. Allungami.»

Daisy sprang forward. I didn't know if I could do this, but neither were the biggest futas I'd fucked. I bet I could take them both in my twat. I wanted to find out. I shuddered as I felt Daisy's dick nudging at the entrance to my pussy. She pressed in right there, thrusting hard.

I gasped as my pussy lips widened. Her girl-dick pressed into me, stretching and stretching me open with Chandra's shaft. Pleasure surged through me. This wild passion that rushed through me. I couldn't believe how intense this felt.

More and more of her futa-dick penetrated me. I groaned, my cunt squeezing down on both their cocks as Daisy's penetrated into my depths. My head shook from side to side, feeling it sliding into me, joining Chandra's already in me.

“Oh, wow,” gasped Chandra. She pulled her head from my tits, her dark eyes widening. “Daisy!”

“I know!” Daisy whimpered as her cock slid home in me. I felt her blonde bush rubbing into my rump. “That's incredible. She's so tight.”

“Yes, yes,” I gasped and raised my body up with my thighs.

My pussy slid up both their dicks. I felt their two shafts in me. It was an incredible delight. They stretched me open. My cunt quivered about them. I whimpered and then slammed down both their futa-cocks, taking them to the hilt in me.

The friction was incredible. My pussy drank it in. The flutter of delight washed through me. I whimpered, stirring my hips from side to side. My cunt rejoiced, drinking in this amazing caress of their hot cocks filling my twat.

“Oh, yes, yes,” I whimpered. “Oh, that's good. Mmm, how do you like that? Eh? How do you like being in my naughty pussy!”

“Amazing!” whimpered Chandra. Her dark-red hands cupped my ivory tits. She squeezed them. She leaned in and sucked on my pale, pink nipple.

I gasped, my cunt clenching down on both their dicks, squeezing them together in my twat as I slid down their girths. The pleasure rippled through me. I groaned, my heart hammering in my chest. I shook my head from side to side, reveling in this amazing passion.

Two futa-dicks were in me.

My clit throbbed when I bottomed out on them, Chandra's wiry pubic hair teasing my labia and bud. She sucked hard on my nipple, worshiping it while her hands kneaded my big tits. I groaned, riding their dicks faster.

Daisy thrust into me as I rose up. She buried to the hilt in me, her cock sliding past Chandra's. The Indian futa moaned around my nub. I groaned, my toes curling. As Daisy drew back, I slammed my hips down, chasing her shaft.

“Oh, that's hot,” gasped Daisy. Her hands grabbed my hips. “Oh, wow, Randi, your pussy's so hot.”

“Mmm, are you going to cum in my pussy?” I asked, glancing at my futa-lover.

Ms. Rowbottom watched with hungry eyes.

“Are you going to fire your futa-jizz into my cunt?” I moaned. “Mix it with Chandra's spunk.”

“Hell, yes!” gasped Daisy.

She thrust again as I reached the pinnacle of their dicks. She buried into me, sliding past Chandra's. Then she pulled back as I slammed down, massaging half my pussy in a way different from Chandra's cock. È stato incredibile. My silky flesh squeezed them together. They both throbbed inside of me.

Chandra moaned. Her fingers dug into my tits. She sucked hard on my nipple. The jolts of electricity zapped down to my cunt stuffed with their dicks. The desk creaked. My blonde hair danced around my head as everyone watched.

“That's it, Chandra,” the futa's parent called. “Please that White whore.”

“She is a big whore,” Ms. Rowbottom said with pride.

I shuddered and beamed at her. “Oh, yes, yes, I love having big futa-dicks in me. I'm going to cum on both your cocks and milk you dry!”

"SÌ!" Daisy moaned, her hips thrusting forward, driving her dick deep into my cunt. Her furry bush smacked into my rump.

My pleasure built faster and faster. I shuddered, my hips stirring from side to side as I brought myself closer and closer to that wonderful moment of my orgasm. I squeezed my cunt around on Daisy's dick spearing into me while working up and down Chandra's cock.

They were both in me. Stimulating me. My moans echoed. Chandra sucked hard on my nipples. Her finger kneaded my heavy tits. My clit drank in her wiry pubic hair. Everything was driving me closer and closer to my orgasm.

“Watch me cum on their dicks!” I howled to the audience.

“I'm watching!” Liese called.

Ms. Rowbottom winked at me.

I shuddered, sliding up Chandra's dick as Daisy's slammed to the hilt in me again. I chased her futa-cock, sliding down Chandra's girth. The Indian futa moaned about my nipple while my pussy drank in the friction.

È stato incredibile. My body quivered.

I came.

“Yes, yes, yes!” I howled as my pussy went wild about both their cocks.

I stayed impaled on Chandra's dick while Daisy fucked me. I held the Indian futa to my breasts as the pleasure rippled through my body. The waves of rapture swept through me as my cunt convulsed around both their dicks.

“Oh, yes, Randi!” moaned Daisy as she slammed into me. “Oh, yes, yes!”

“Cum in me!” I moaned. “Flood me with all your jizz! Mmm, you're both such sexy futa!”

Chandra squealed around my nipple. Her futa-dick erupted in me. I felt it pulsing as her hot jizz spurted into my depths. Daisy gasped and slammed to the hilt in me, sliding up her teammate's erupting girl-cock.

"SÌ!" howled Daisy.

More cum spurted into me. My pussy writhed around their exploding dicks. Two streams of girl-jizz splashed against my cervix. Their mix of futa-spunk swirled around inside my double-stuffed twat. My mind melted beneath the onslaught of rapture that rippled out of my cunt.

È stato incredibile.

I was a slut, and everyone saw me. They both groaned as they flooded me with all their jizz. My cunt wrung them dry. I hit that wonderful plateau of rapture. I hung there at the pinnacle of my ecstasy. And then I collapsed.

“Oh, my goddess, I needed that relief!” I moaned as Daisy ripped her girl-dick out of me.

“I need it,” muttered the head judge, her cheeks flaming. “So you're ready to begin.”

“Yes, I am,” I said with ease.

With futa-cum dripping out of me, I delivered my opening with flawless speed. I felt so naughty as their jizz ran down my thighs. My opponents were a little more wooden, their cheeks blushing. I flustered them a bit. Knocked them off their game. I didn't mean to, it wasn't like we needed the edge, but they both were just staring at me with these looks of puppy dog love. The third member of the team, Brenda, was aggressive and won the most points for her team as she glared at me.

I didn't care. I could hold my head high after doing something so shameful and slutty. There was nothing wrong with a girl having a good time and getting her cunt stretched out by two futas' dicks.

With Annalee and Liese's help, we won the event. Exhilaration shot through me. Our debate club was firing on all cylinders. Liese buried her face between my tits in celebration while I giggled. Annalee arched her eyebrow at me while Ms. Rowbottom watched on with a look of love and pride.

As things were winding down, I took my best friend aside and brought her to my futa-professor. Holding Annalee's hand, I knew it was time to finally come clean to my friend. She had witnessed be doing every other act that had me embarrassed.

I could finally admit this last thing.

“Annalee,” I said, taking Ms. Rowbottom's hand. “There is something I need to tell you. I'm dating Keisha.”

My futa-lover arched an eyebrow in surprise.

“Oh, that's wonderful,” Annalee squealed, clapping her hands.

“For almost a year,” I added, my cheeks going pink. “I should have told you, but—”

Instead of the anger I expected, she hugged me tight and squealed in joy. I blinked, taken aback by her reaction. I hesitantly hugged her back, my cheeks burning bright as she bounced against me, my naked breasts rubbing into her blouse.

“You're not mad I kept it from you?” Ho chiesto.

“Nope,” she said, breaking the hug. “You broke college's rules and were secretly dating our professor. I get why you didn't tell anyone. Mmm, in fact, it's kinda hot.”

I smiled at her. “Um, would you like to watch us have sex?”

My friend winked at me.

I was glad I went into the Program. I learned a lot about myself, my emotions, and about my relationship with Keisha. It was stronger than I ever thought. It was deep and powerful and I didn't want to lose her. I wanted to love her every day for the rest of my life.

I wanted to be her naughty, little slut.

To be continued in the next Naked in School Tale...

Storie simili

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

9 I più visti

Likes 0

Mentore di Brandon Capitolo 6

MENTORING BRANDON Di Bob Capitolo 6: Il grande gioco, parte 2 Questa era la pratica che poneva fine a tutte le pratiche, o almeno così ci è stato detto. Gli allenatori si sarebbero assicurati che fossimo tutti pronti per la partita con Oskie. Coach Kistner, l'allenatore della linea difensiva/linebacker, lavorava nel gruppo universitario, mentre Coach Marsh era con Jerry e Brandon, insegnando loro le loro responsabilità nel nuovo sistema. Dopo 45 minuti abbiamo fatto la nostra prima pausa. Brandon si avvicinò e ci inginocchiammo tutti cercando di riprendere fiato. Abbiamo iniziato a parlare con Tom e Jerry delle chiamate difensive che...

315 I più visti

Likes 1

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.7K I più visti

Likes 0

Osa in una relazione pt.3

Era sabato mattina e il sole splendeva nella nostra stanza. Ho guardato di lato e ho potuto vedere la mia bellissima ragazza che dormiva accanto a me, e i ricordi della scorsa notte hanno iniziato a riaffiorare, il che mi ha fatto arrapare. Questo mi ha fatto venire in mente un'idea, iniziare la giornata con una delle cose che voleva provare. Ho preso le lenzuola da sopra di lei e ho iniziato a baciarle i piedi. Hmm baby, bel modo di svegliarsi... mi sorrise con gli occhi semiaperti Pensavo di iniziare la tua giornata adorando i tuoi piedi come volevi, cosa...

1.1K I più visti

Likes 0

Tre volte parte 2 (Anche da Julius ovviamente & Copyright anche aprile 2008) Si sedettero e mangiarono il loro pranzo. Gli occhi di Paul si staccavano raramente i suoi seni e Marsha li mostravano deliberatamente lui. Si sedette con loro appoggiandosi sul tavolo con loro capezzoli molto in vista. Quando è andata a prenderli altro caffè, è stata premiata con una vista del suo cazzo, completamente eretto e sporgente dall'inguine. È stato pronto di nuovo e Marsha si meravigliò della resilienza di gioventù. Mentre gli versava il caffè, disse: “Penso che sia mio girati per essere soddisfatto; stai rimanendo indietro con...

706 I più visti

Likes 0

La richiesta di Sabrina_(1)

Le estati sono sempre state una seccatura per me. Non fraintendetemi, ho fatto delle cose divertenti con la mia famiglia crescendo, ma non sono mai uscito con i miei amici, la maggior parte delle volte o ero troppo occupato o loro erano occupati, quindi non mi sono allenato. Ora ho diciannove anni e ho finito il mio primo anno di college e un'altra estate si sta trascinando. Sono solo a casa mia a rilassarmi mentre la mia famiglia è fuori a fare le proprie cose. Guardando un episodio in replica di CSI avevo visto una cinquantina di volte che il mio...

772 I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

2.3K I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

2.2K I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.