Rotto nella cintura della Bibbia completa

789Report
Rotto nella cintura della Bibbia completa

Ho guardato i giovani giocare a calcio ogni sabato al centro ricreativo locale. Siamo sempre stati lì finché posso ricordare. Mio padre ha allenato la piccola lega di baseball per oltre dieci anni. Faceva del suo meglio con i ragazzini, e io mi sedevo lì e fingevo di leggere, anche se passavo la maggior parte del mio tempo a guardare da sopra il mio libro i giovani che lanciavano il pallone. Dovevi stare attento a non farti prendere, perché quasi tutto era un peccato nella cintura biblica dell'Alabama inferiore.

Perchè non lo so. Anche mio padre aveva i suoi segreti e, diventato maggiorenne com'ero, passavo tutto il tempo a guardare di nascosto le sue riviste pornografiche. Era un periodo strano, stavo imparando a conoscere il mio giovane corpo e tutti i suoi desideri. È stato un conflitto di coscienza, al punto che mi sono masturbato senza mai toccarmi pelle contro pelle. Stavo sdraiato lì a guardare il sesso e strofinare il mio giovane clitoride sensibile attraverso le mie mutandine. I miei primi orgasmi sono stati esilaranti e ne ho avuti diversi.

La mia curiosità si è trasformata in dipendenza e ho speso ogni opportunità disponibile per raccogliere di nascosto qualsiasi materiale erotico su cui potevo mettere le mani. E non appena ho potuto mettere le mani su quel materiale, ho messo le mani su me stesso. La mia masturbazione è diventata un rituale. Ogni volta che facevo il bagno e senza eccezioni, prima di dormire. Presto ho inventato ragioni per essere solo, e ovunque, pubblico o privato; Giocherei con il mio corpo in via di sviluppo. Era solo una questione di tempo prima che accadesse qualcosa, lo vedo ora, ma in quel momento i miei desideri erano troppo potenti e il mio giovane corpo troppo esigente.

Era una bella giornata all'inizio di marzo, la stagione della piccola lega era fresca e nuova e la stagione calcistica era finita, ma i ragazzi stavano ancora gestendo una partita. Mi sono seduto come al solito con una rivista e anche se era solo la tua tipica lettura adolescenziale, le immagini semi erotiche avevano già fatto vagare la mia mente e il mio corpo. Ho provato ad ascoltare mia madre e la sua turbolenta amica Melinda parlare di tutto tranne che di sport, eppure potevo solo sentire la mia giovane donna desiderare e intravedere i ragazzi che si esibiscono nei loro pantaloni da jogging.

Non avevo mai avuto un uomo o un ragazzo dentro di me, e gli scorci dei loro giovani cazzi virili che ondeggiavano con il loro movimento, lasciarono il posto a un'ondata di desiderio e umidità al punto che mi scusai per andare al bagno più vicino.

Ho usato il mio solito metodo, controllo tutte le bancarelle, chiudo a chiave la mia porta e mi tiro giù velocemente i pantaloni ed espongo le mie mutandine bagnate. Ci è voluto solo un momento. L'avevo fatto innumerevoli volte in passato. Ho appena chiuso gli occhi e sono entrato immediatamente nel mio mondo dei sogni erotici. Non avendo vissuto nulla nella realtà, ho riprodotto le immagini dei libri di mio padre mescolate ai volti dei giovani sul campo di calcio. Ci sono voluti solo leggeri colpi delicati sul mio giovane clitoride, ancora attraverso le mie mutandine, per mandare la mia mente, le ginocchia e i capezzoli sodi in una danza erotica. Sono venuto duro e veloce, ho pensato. Mentre la mia mente si stava schiarendo, con la mia giovane figa ancora tremante, ho visto qualcuno in piedi attraverso la fessura del mio box. Era la nostra amica di famiglia Melinda. Rimasi senza parole e ci fu una lunga pausa prima che lei parlasse. "Meglio pulire prima che entri tua madre", disse con un leggero sorriso. Imbarazzato, ho lottato con i miei pantaloni e contemporaneamente con il fermo. "Giovanna", disse Melinda. "Calmati, apri la porta e io ti aiuterò."

Ho raggiunto il chiavistello con le lacrime che mi rigavano il viso. Aprendo la porta lascio ricadere i pantaloni sulle ginocchia. Melinda si allungò delicatamente e sollevò il mio mento caduto e con un caldo sorriso mi asciugò il viso. Ancora una volta mi ha supplicato di calmarmi mentre si inginocchiava per aiutarmi con i miei pantaloni. "Hai bisogno di un po' di pulizia," disse gentilmente prendendo un fazzoletto e asciugandomi l'interno delle cosce. Ho sentito una sensazione di calore invadermi, e all'inizio non ho notato che si era fermata sulle mie mutandine zuppe, sentendo la mia giovane figa eccessivamente calda con il dorso della mano. Non mi sono mosso, anche se ero consapevole del momento. Fu in quel momento che sentimmo mia madre alla porta che chiedeva di noi. Come se Melinda avesse esperienza nell'uscire dalle situazioni in passato, senza esitazione o bobble ha chiuso la cerniera e abbottonato i miei pantaloni con facilità, e ha incontrato rapidamente mia madre alla porta.

Ho aspettato qualche istante prima di lasciare il bagno incerto sulla situazione all'esterno. Nervosamente, sono uscito solo per sentire mia madre ringraziare Melinda per qualcosa che la mia mente confusa non riusciva a comprendere. Poi mi ha baciato la fronte dicendomi che mi avrebbe chiamato domani.
Solo dopo qualche minuto, già in macchina con Melinda, mi ricordai del fidanzamento notturno dei miei genitori e di come avevo implorato di essere esonerato dalla relazione.
Ci vollero diversi minuti, credo, prima che lei rompesse il ghiaccio. "Non preoccuparti per oggi", disse prendendomi la mano e dandomi una leggera stretta "È del tutto naturale." Mi rilassai un po' e appoggiai la testa sulla sua spalla. "Da quanto tempo ti masturbi in pubblico", ha chiesto? Ho quasi pianto di nuovo, e l'avrei fatto fino a quando non avesse ammesso di aver fatto ancora lo stesso. Le ho detto che pensavo di avere un problema, ma lei ha riso e ha rivelato che l'unico problema che avevo erano i genitori eccessivamente oppressivi.

Il viaggio di venti minuti verso casa è stato un punto di svolta nella mia vita. Ha confessato le sue imprese sessuali e ha risposto alle mie numerose domande sul sesso. Spiegò come in particolare amasse un giovane amico nero di suo figlio, e come il suo enorme cazzo di dieci pollici le facesse sentire di nuovo la mia età. Avevo già sentito i miei impulsi primordiali crescere di nuovo, ma quando mi ha comprato il mio primo assaggio di alcol qualcosa è cambiato in quegli impulsi. Non volevo più fantasticare sulle mie imprese, volevo viverle.
Quando siamo arrivati ​​a casa sua, avevo già scolato il mio primo wine-cooler e Melinda ha continuato la sua educazione facendo scattare il mio primo film porno nel videoregistratore. È scomparsa da qualche parte in casa sua e, mentre il nastro suonava, ho iniziato a desiderare che mi toccasse di nuovo, anche se non sapevo come iniziare lo spettacolo.

È tornata al telefono e ha coinvolto una conversazione che ha interrotto bruscamente quando ho guardato nella sua direzione. Mi ha solo chiesto se mi stavo godendo il film e si è seduta accanto a me.
Questa è stata la mia prima visione dal vivo di rapporti sessuali, e la frettolosa pulizia ha fatto poco bene, dato che le mie mutandine erano di nuovo fradice. Mi sono seduto in uno stupore erotico mentre due donne bellissime si mangiavano a vicenda mentre un uomo di colore dal lungo cazzo infilava e tirava fuori il suo fantastico cazzo, centimetro dopo centimetro.


Morivo dalla voglia di giocare ancora con la mia figa vergine, e Melinda, la furba veterana, deve aver realizzato il mio desiderio; si è tirata giù i pantaloni e, con mia lussuriosa gioia, ha iniziato a massaggiarsi la figa gonfia. Non solo lo stavo vedendo per la prima volta su nastro, ma ora, a pochi metri da me, c'era una proiezione dal vivo, pelle a pelle! All'inizio non sapevo come comportarmi e volevo disperatamente toccarmi, o meglio ancora, farmi toccare da lei. Ancora una volta, sapeva esattamente cosa fare.

Melinda si allungò lentamente, lasciando una mano sulla sua figa, e mi baciò sulla bocca. Prova ad immaginare la mia emozione, non ero mai stata baciata e ora c'era una donna che mi baciava dolcemente proprio come avevo sognato... solo con un ragazzo. Quando mi fece scivolare delicatamente la lingua in bocca, gemetti. Non come una bambina, non come gli attori del nastro, ma come una donna che desidera ardentemente perdere la verginità.

Melinda fece scivolare il dito fuori dalla sua figa calda e bagnata e me lo toccò in bocca. Per puro istinto primordiale mi è piaciuto il suo dito e la mia figa si è contratta quando ho avuto il mio primo assaggio di piccante femminilità carica di ormoni.

Con la stessa facilità con cui mi aveva abbottonato e sollevato i pantaloni in precedenza, l'ho sentita rimuoverli rapidamente e senza sforzo. Non mi ero mai toccato direttamente e sono venuto nel momento in cui la sua lingua ha toccato il mio clitoride vergine. In un'ondata di emozione, ho rilasciato anni di fantasie mentali. La sensazione era troppo grande e la mia mente si rilassò in uno stato semicosciente solo per essere interrotta dal mio orgasmo dopo l'orgasmo.

Ho notato a malapena il momento in cui ho perso la mia verginità fisica. Ci fu solo un rapido scatto di dolore che mi riportò indietro abbastanza da rendermi conto che aveva le dita incredibilmente profonde dentro di me. L'istinto ha ripreso il sopravvento, e ho sollevato i miei giovani fianchi e ho raggiunto un altro orgasmo.

Non so per quanto tempo rimasi lì a tremare dopo che lei mi tolse le dita, il tempo ormai era inesistente. Ricordo un debole sorriso mentre si arrampicava su di me mettendo la sua figa a pochi centimetri dalla mia bocca. Rimasi senza fiato mentre i suoi succhi gocciolavano sulle mie labbra. Era come se fossi nato per fare questo, e con entusiasmo ho tirato i suoi fianchi abbastanza da mettere il suo vecchio clitoride sporgente sulle mie labbra. In pochi istanti, e solo dopo qualche blando insegnamento per rallentare, lei è venuta e io ho ingoiato il flusso che usciva dalla sua figa avida.

Rimanemmo seduti un po' immobili e ancora una volta lei ruppe il ghiaccio con un sorriso, subito seguito da un altro drink. Questa volta l'alcol era caldo e rinvigorente, e ho pensato di mettere la bottiglia fresca tra le mie gambe per dissetarmi bruciando, gonfiando e appena fottuta la figa. Non sapevo che la mia educazione era appena iniziata... quando suonò il campanello!

Quando ho sentito il distinto "Ding-Dong" della porta, mi sono subito affrettata verso il bagno più vicino ignorando le suppliche di Melinda di rilassarsi. Ho trovato il mio rifugio nel bagno del corridoio subito dietro l'angolo, e quando il battito del mio cuore martellante è rallentato abbastanza da permettere a un altro suono di entrare nel mio orecchio, ho capito che stava invitando casualmente qualcuno a entrare mentre era ancora completamente nuda. Rimasi paralizzato, cercando di calmare il respiro come se potesse essere sentito. Quando finalmente ho trovato il coraggio di sbirciare fuori dalla porta, sono rimasto completamente scioccato! In piedi nella tana c'era Jamal, il quarterback diciannovenne che avevo passato molti sabati a guardare al centro ricreativo.

Jamal è stato il protagonista atletico delle partite di calcio con la bandiera locale. Era alto circa 6'2 "e aveva un corpo muscoloso naturale che aveva aiutato insieme a allenamenti apparenti. Aveva attirato la mia attenzione diverse volte, così come alcuni scout del college; anche se dubitavo per lo stesso motivo del mio. Avevo visto le sue cosce muscolose flettersi a ogni taglio che faceva, il che fece immediatamente oscillare il suo atleta ovviamente più grande in un movimento poetico. Questo pensiero da solo avrebbe creato un sicuro rifiuto da parte della mia famiglia, deve meno quello che stavo cominciando a guardare.
Melinda l'aveva attirato facilmente alla mia vista nascosta mentre gli baciava il petto sudato mentre strofinava avidamente la sua crescente virilità attraverso i suoi sudori. Non sono sicuro che fosse a conoscenza del suo pubblico, ma so che non avrebbe eseguito l'atto se avessi rifiutato del tutto.
L'ho guardata mentre si inginocchiava e spingeva agevolmente i suoi pantaloni facilmente rimovibili fino alle sue ginocchia. Da sotto le sue mutande compresse floppava la creazione più bella a cui avessi mai assistito. Ondeggiava seducente, a un soffio dalla sua bocca.
Come la professionista che era, lo trasformò facilmente in una posizione più visibile mentre leccava delicatamente la lunghezza della sua asta in crescita. Rabbrividii per lo stupore. A differenza dei film che stavamo guardando, sembravamo lontani dalla realtà, mi chiedevo cosa potesse fare una donna con una creazione del genere. E più la sua virilità si gonfiava, più volevo vedere il culmine della mia domanda ancora giovane.

Melinda aveva Jamal a suo capriccio. Lei leccò tutta la sua lunghezza dalla palla alla testa, fermandosi solo per schioccare la lingua proprio all'estremità. Con quello che giuro era un occhiolino rivolto solo a me, ha messo il braccio sotto la sua bella asta per darmi qualche relazione con quello che stavo per vedere. Il suo magnifico esemplare si estendeva dalla piega del suo braccio fino alla fine del suo polso, e mancava solo un po' di circonferenza fino alla sua ultima dimora. Emisi un rantolo udibile che rivelò la mia posizione. Lui guardò me e poi lei e fece un leggero sorriso. Melinda ha approfittato della situazione. Mi fece un sottile cenno di entrare nella stanza e si alzò, sdraiandosi sul divano.
Non ricordo nemmeno i passi che ho fatto per stare in piedi in fondo al divano. Ricordo solo il piacere umido e caldo che mi percorse una quindicina di centimetri lungo la gamba mentre guidava il suo cazzo verso il bersaglio. E dopo alcuni morbidi sfregamenti longitudinali su e giù per il suo io bagnato, lei guidò la sua testa all'interno, in un gemito inarcando la schiena.

Rimasi incredulo davanti al maestro al lavoro. Appoggiò saldamente i palmi sui suoi addominali duri come una roccia per controllare il suo giovane entusiasmo. Pollice dopo centimetro sollevò il culo dal divano, fermandosi ogni paio di centimetri per allontanarlo quasi da lei, solo per scivolare di nuovo su per guadagnare un altro delizioso centimetro del tutto. I suoi gemiti e il suo respiro stavano diventando insopportabili, mentre guardavo centimetro per centimetro farsi dipingere con le sue escrezioni ormai dense. Non dimenticherò mai la vista, e come, quasi come un pennello, la sua figa dipingeva una spessa lucentezza bagnata sempre più in alto sulla sua magnifica erezione. Come se fosse una leggera lotta, ansimò per il piacere erotico mentre si alzava abbastanza da sentire la parte più esterna della sua palla gonfia che colpiva delicatamente il suo culo gocciolante. Proprio come aveva pianificato, sia lei che Jamal raggiunsero l'apice mentre il culo di Melinda finalmente si fermava fermamente contro il suo corpo muscoloso. Per assicurare il suo potere, strinse delicatamente le sue palle palpitanti che lo fecero oscillare in uno spasmo, inviando un flusso di sperma bianco e fumante inondando la sua circonferenza ormai massima. Rimasi sbalordito mentre le usciva. Mi chiedo come possa scappare visto che sembrava non ci fosse più spazio per niente.

Come per i passi, non ricordo che le mie dita siano entrate nella mia figa. Ma stando lì a guardare mentre ritirava tutti quei centimetri di gioia, li ho trovati sepolti più in profondità che potevano. L'ho visto posare il suo orgoglio sul suo stomaco e ho pensato di essere quasi come un sogno mentre lo guardavo scivolare lentamente in una forma semi dura. Per la prima volta ho avuto la mia figa piena di due dita, e mi sono reso conto che stavo strofinando il palmo della mia mano sul mio clitoride gonfio. Ancora una volta, il suo tempismo è stato impeccabile. Melinda allungò una mano e tolse delicatamente le mie mani dalla mia figa, e con un leggero strattone, mi guidò in ginocchio appoggiando la mia testa sul suo seno ancora sentito.

Con una leggera spinta, fece scivolare la mia testa verso il suo cazzo, e le mie labbra toccarono la sua testa appiccicosa. Per la prima volta nella mia vita, ho assaporato il sesso lussurioso. La miscela di sperma caldo e figa orgasmica multipla aveva un suono distinto. Mi ha fatto girare la testa più del liquore precedente. Istintivamente aprii la bocca e lasciai che il suo cazzo enorme, anche se un po' più piccolo, mi esplorasse la bocca. Non sapevo come trattare questa cosa come Melinda, ma una piccola quantità di pressione che ho applicato con le mie labbra ha costretto un po' di sperma sulla mia lingua che il mio corpo ha cercato di respingere. "Facile", disse. "Rilassati, lascia che si fissi per un momento."
Melinda raggiunse e tirò fuori facilmente il lungo cazzo che avevo a malapena in bocca, e si lasciò cadere dolcemente tra il mio giovane seno duro che si sollevava in giù con la mia crescente eccitazione.

"Non vogliamo che sia completamente duro in questo momento, Joany", e mi ha adagiato sulla schiena.


Come incantato dal suo amante più anziano, Jamal si infilò tra le mie gambe ma non mi toccò. Melinda afferrò il suo cazzo a metà della sua lunghezza permettendo alla testa di toccare il mio clitoride gonfio. Con una pratica incredibile, ha fatto vibrare la sua testa facendo scattare il mio clitoride in direzioni rapide e ordinate che mi hanno immediatamente mandato in un orgasmo straziante. Per la prima volta gemetti così forte che lei mi portò le dita alla bocca come per dire a un bambino di stare zitto. Facendo scivolare le dita sulla mia fronte, la strofinò leggermente e mi fece cenno di rilassarmi.

Melinda gli appoggiò completamente l'avambraccio sul petto per assicurarsi che il suo allievo obbedisse ai comandi, e fece scivolare la sua testa a metà dentro di me. Ho sentito un dolore nella mia figa che sembrava correre lungo i lati del mio addome. Ma qualcosa di strano accadde al dolore durante il suo viaggio. Da qualche parte alla fine della sua difficile situazione, si è trasformato in molteplici ronzii di piacere che sembrano crescere nel mio spirito. Sentii la mia figa contrarsi, confusa dalle diverse sensazioni. Questo improvviso spasmo fece espirare Jamal mentre abbassavo lo sguardo per vedere la sua testa che cercava di formare la mia figa semi provocatoria.

Ancora una volta facendo la sua magia, Melinda ha guidato la sua testa in semicerchi che hanno rilassato la mia giovane femminilità. Con un leggero gesto lei fece scivolare la sua testa dentro di me, e ancora una volta gemetti sonoramente aggrappandomi al morbido divano.

Con un paio di centimetri dentro di me, lei gli strinse il cazzo e io inarcai la schiena come reazione alla sua espansione. Dolore e piacere si stavano mescolando in tutto il mio corpo e, come il primo assaggio di sperma nella mia bocca, la mia testa girava per l'euforia. Gemiti urlavano da qualche parte dentro di me mentre mi sentivo un uomo per la prima volta, e proprio come il mio insegnante ho alzato il culo per sentire ancora di più questa ebbrezza erotica. Melinda iniziò a muovere cautamente la mano su e giù per il cazzo di Jamal e rilasciò leggermente la sua ciocca con l'avambraccio. Potevo sentire le pulsazioni del suo battito cardiaco mentre permetteva al suo cazzo di accettare lentamente il flusso sanguigno ora che gli era stato dato un po' di controllo. Lei lo guidò di un altro centimetro e potei sentire la fibra della mia figa quasi strapparsi e con essa il mio ultimo pezzetto di controllo, innocenza e presa sulla realtà. Non avevo più il controllo. Il dolore aumentava così come il piacere, per tutto il tempo mi aggrappavo al divano e inarcavo la schiena invitandomi centimetro dopo centimetro.

Ormai Jamal era duro per ¾ e già mi sentivo come se potessi aprirmi completamente, eppure in qualche modo sono riuscito a guardare il suo magnifico cazzo che si faceva strada dentro di me. Con una spinta sempre leggera, in realtà si inchinava un po', solo per essere accolta dalla mia figa che in qualche modo si arrendeva. I miei gemiti diventavano più forti e ancora più intensi. Melinda ancora una volta mise la sua mano sulla mia bocca, ma un dito non riuscì a placare la mia agonia erotica. Le ho semplicemente morso la mano e sono venuto.

Il mio primo orgasmo con un uomo è stato indescrivibile. Posso solo raccontarne la natura fisica. La mia figa aveva uno spasmo incontrollabile e ad ogni contrazione Jamal diventava più duro, e ad ogni rilassamento scivolava più in profondità. duro e sbattere contro la mia cervice. Il dolore mi ha fatto spingere nella direzione opposta, ma sono solo rimbalzato giù dal divano e sono tornato più in profondità sul suo cazzo completamente eretto. Questo ciclo di dolore ha nuovamente prodotto un orgasmo furioso al quale ho ceduto, ho rilassato le cosce e, come il mio insegnante prima di me, ho sentito le sue palle dure come la roccia iniziare a schiaffeggiarmi il culo.

Con un grande sussulto, ha spinto il mio culo contro le sue cosce e tutto il sangue ha lasciato la mia testa ed è corso verso la mia figa piena di piacere e dolore. Sono entrato e uscito dalla coscienza ancora una volta, e da qualche parte dall'interno ho sopportato l'agitazione più potente che abbia mai avuto. I miei denti si sono serrati, i miei capezzoli sono diventati così duri che ho pensato che anche loro si sarebbero staccati dal mio corpo. La mia figa si è bloccata sul suo cazzo increspato e ho sentito le sue palle gonfiarsi con tutto il suo accumulo di testosterone. La mia bocca si aprì e dalla mia fica uscì un orgasmo mostruoso che eguagliava solo il mostro che stava preparando la mia fica per una vita di incontri del genere. Ho sentito il suo cazzo pulsare un'ultima volta, e proprio mentre il suo sperma caldo si è riversato su di me, la mia figa picchiata è svenuta. Jamal è crollato su di me, ho sentito il suo cazzo gonfiarsi e il fluido caldo accumularsi nella mia figa cercando una via di fuga ma non c'era spazio. Con un'ultima crescita, ha rilasciato l'ultimo del suo desiderio in me, e incapace di prendere più la mia figa è esplosa la nostra miscela su di lui. La stanza divenne silenziosa.

Quando i miei occhi si sono concentrati diversi minuti dopo, ho trovato il mio insegnante. Si stava masturbando, sconcertata dalla sua creazione.

Storie simili

Le coppie si ritirano

Jon era il ragazzo di tutti i giorni, sposato con sua moglie Grace da sei anni, due figli, ha vissuto nella stessa città per tutta la vita. Amava sua moglie e avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei; e anche lui ha avuto un'ottima vita sessuale. Stavano insieme dal liceo e la scintilla era ancora lì. Hanno fatto alcune cose pazze insieme e lui era aperto a qualsiasi cosa Grace avesse tentato di provare. Così quando è venuta da lui una settimana prima del loro settimo anniversario e gli ha detto che aveva prenotato un viaggio per loro su un'isola tropicale per...

3.3K I più visti

Likes 0

La rosa spinosa Ch.04

Scarlett strinse le labbra carnose mentre si chinava verso la bassa scrivania accanto al suo letto, prendendo la piuma che aspettava lì, immergendola nell'inchiostro nero e picchiettando via l'eccesso prima di prendere nota sulla carta che aspettava accanto a lui, pronunciando le parole ad alta voce con voce sommessa come lui. “Ho scoperto che l'Orcesso, sebbene dominante nella sua natura, può essere sottomesso con la giusta leva. Mentre si sforzano di sembrare responsabili e potenti, un'affermazione certamente accresciuta dalla loro evidente forza e abilità fisica, loro, come la maggior parte che ho trovato, possono essere facilmente manipolati con la promessa del...

926 I più visti

Likes 0

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

912 I più visti

Likes 0

Allenatore Kristen

Mia nipote gioca a softball in una piccola lega sponsorizzata dalla città in cui viviamo. Il suo allenatore, Kristen (non è il suo vero nome), è davvero l'unica cosa divertente delle partite. Kristen è sul lato grosso. Ha una specie di viso grosso su cui si trucca e labbra imbronciate dello stesso colore rosso scuro dei suoi lunghi capelli ricci. Non è quella che definirei una bellezza classica, ma è decisamente fattibile. E se dovessi indovinare, direi che probabilmente aveva tra i primi e i 30 anni. Kristen emana anche l'atmosfera che quando è fuori dal campo, è selvaggia come un...

2.9K I più visti

Likes 0

Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Mia sorella ed io a Natale - parte 2 Il campanello suonò per tutta la casa, strofinando il sonno irrefrenabile dai miei occhi stanchi, sollevai la testa di Charlotte dal mio petto e la posai su un cuscino. Girai la chiave e aprii la porta. Mi porto il dito alle labbra, Charlotte sta dormendo, quanto pensi che sia presto? Ho detto. Uhhh, non così presto disse Leo, avvicinandomi alla faccia il suo hublot. Vieni di sopra dissi. Siamo andati in camera mia e ho fatto la doccia. Cos'è successo alla festa? chiese Leone Un ragazzo l'ha provato con mia sorella dissi...

2.9K I più visti

Likes 0

Mio cugino_(1)

Era un po' che non vedevo mio zio e la sua famiglia. L'ultima volta che ricordo che avevano 5 figli. 3 ragazzi 2 ragazze. Due dei ragazzi erano più grandi di me e gli altri erano più giovani di qualche anno. Ero noto per essere il cattivo di tutta la famiglia. Mia madre aveva detto che dovevo stare a casa dei suoi fratelli per l'estate. Sperando di stare lontano dalla vita di città. Mi andava bene che ho bisogno di una pausa dalla festa visto. Mia madre mi ha lasciato. Ecco qui. Spero davvero che tu ne tragga qualcosa, non so...

3.9K I più visti

Likes 3

La mia dolce causa dell'82

Titolo: “La mia dolce Sue nell'82” Nel 1982 ho vissuto con una donna più giovane di nome Karen e la stavo scopando oltre a incontri occasionali con la sua migliore amica Carla. Aveva diversi anni più di Karen ed entrambe le donne sapevano cosa stava succedendo ma non vedevano alcun problema. Sapevo anche che Karen di tanto in tanto scompariva per un giorno o due con la scusa di andare a sciare a Lake Tahoe quando in realtà era da qualche altra parte. Sapevo quando c'era la neve lassù e quando non c'era. Si stava ancora scopando un suo ex fidanzato...

2.4K I più visti

Likes 0

Tre volte parte 2 (Anche da Julius ovviamente & Copyright anche aprile 2008) Si sedettero e mangiarono il loro pranzo. Gli occhi di Paul si staccavano raramente i suoi seni e Marsha li mostravano deliberatamente lui. Si sedette con loro appoggiandosi sul tavolo con loro capezzoli molto in vista. Quando è andata a prenderli altro caffè, è stata premiata con una vista del suo cazzo, completamente eretto e sporgente dall'inguine. È stato pronto di nuovo e Marsha si meravigliò della resilienza di gioventù. Mentre gli versava il caffè, disse: “Penso che sia mio girati per essere soddisfatto; stai rimanendo indietro con...

963 I più visti

Likes 0

Il mio capo donna

Ciao, mi chiamo Gina, ho 26 anni, capelli neri, ho tette coppa B e sono alta 1,70. A volte ti senti in un certo modo nei confronti dei tuoi superiori. Di solito le ami o le odi, ma credo che il mio capo donna fosse qualcosa di speciale. Era gentile, ma non troppo carina. Lei è 5'9 con capelli e occhi castani. Anche lei aveva un corpo molto carino, con delle belle tette a coppa C, quindi è molto sexy per avere 37 anni. L'ho avuta come capo per circa 3 anni e mi sono masturbato pensando a noi che facevamo...

582 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

546 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.