Mentore di Brandon Capitolo 6

488Report
Mentore di Brandon Capitolo 6

MENTORING BRANDON
Di Bob

Capitolo 6: Il grande gioco, parte 2

Questa era la pratica che poneva fine a tutte le pratiche, o almeno così ci è stato detto. Gli allenatori si sarebbero assicurati che fossimo tutti pronti per la partita con Oskie. Coach Kistner, l'allenatore della linea difensiva/linebacker, lavorava nel gruppo universitario, mentre Coach Marsh era con Jerry e Brandon, insegnando loro le loro responsabilità nel nuovo sistema.
Dopo 45 minuti abbiamo fatto la nostra prima pausa. Brandon si avvicinò e ci inginocchiammo tutti cercando di riprendere fiato. Abbiamo iniziato a parlare con Tom e Jerry delle chiamate difensive che avevano bisogno di sapere. Era una partita importante e io e Tom avevamo bisogno di sapere che capissero come lavoravamo al college.
"Con un'inclinazione di 51, devi ricordare che Bob coprirà il QB mentre tu colmi il divario", ha spiegato Tom a Brandon. "Jerry e io bloccheremo il buco zero e uno in modo che tu possa entrare", ha continuato. Brandon era tutto orecchie, con un sorriso largo un miglio. Non riuscivo davvero a concentrarmi su ciò che Tom stava dicendo mentre guardavo Brandon negli occhi.
Marsh fischiò di nuovo. È tempo per noi di lottare contro un attacco vivo. Avrebbero gestito l'attacco di Oskie in modo da poter avere un'idea di ciò che gestivano. Era un attacco Opzione e quest'anno non avevamo ancora affrontato nessuna squadra che avesse giocato l'Opzione. Ora era il momento di vedere cosa possono fare questi studenti del secondo anno!
Brandon ha fatto un ottimo lavoro nella sua prima mischia. Le volte in cui dovevo guidarlo in posizione, dovevo dargli una pacca sul sedere per spostarlo. È stato un piacere! Abbiamo effettuato una serie di contrasti insieme, toccandoci per una frazione di secondo. Ciò mi mandava elettricità attraverso, specialmente quando lui atterrava su di me, o su di me. L'allenatore K ha commentato tra una giocata e l'altra che grande squadra io e Brandon stavamo formando. Mi resi conto che intendeva come linebacker, ma tutto quello a cui riuscivo a pensare era come fidanzati.
Il primo allenamento era finalmente finito. Abbiamo iniziato a dirigerci verso gli spogliatoi quando Coach Marsh ha chiamato Brandon e Jerry. Trascorreva molto del suo tempo facendo pratica con loro due, il che era comprensibile.
"Allora, cosa pensi di Brandon e Jerry?" chiese Tom.
"Hanno capito tutto molto bene," risposi. "Penso che aiuteranno contro quei cazzi di Oskie. Jerry è veloce lì dentro e Brandon può colpire. Non avevo realizzato quanto fosse uno stallone," dissi, senza realizzare l'allusione che avevo inconsciamente affermato.
Tom sorrise. "Oh, sì, entrambi aiuteranno, di sicuro."
Brandon e Jerry ci hanno raggiunto. Senza fiato, Jerry disse: "L'allenatore vuole che prendiamo gli armadietti nello spogliatoio dell'università. Ci vediamo tra un secondo, ragazzi".
"Va bene," rispose Tom.
Brandon non disse nulla, e nemmeno io, ma sapevamo entrambi cosa stavamo pensando. Avevo un armadietto aperto accanto al mio e sarebbe stato fantastico averlo vicino. Tutti e quattro ci dividiamo non appena raggiungiamo la porta, con Tom e io che andiamo negli spogliatoi e gli altri due che vanno a prendere le loro cose.
Quando entrammo nello spogliatoio, Coach Marsh ci chiamò.
"Voi due dovete assicurarvi che Sickema e Wesley capiscano cosa fare," iniziò. "Hanno bisogno che tu ti assicuri che siano nei posti giusti per il programma chiamato. Hanno fatto bene oggi, ma voi due dovete lavorare con loro. Abbiamo solo due giorni prima della partita e li voglio pronti", ha insistito.
"Certo, coach", disse Tom. "Li esamineremo stasera e saremo pronti per l'allenamento domani."
"Oh, comunque. Li ho fatti trasferire quassù. Adesso sono giocatori universitari e hanno bisogno di stare con noi," disse Marsh. "Ragazzi, avete degli armadietti vicino a voi, vero?"
"Ne ho due vicino a me," rispose subito Tom.
"Ne ho uno vicino a me, coach," aggiunsi.
"Okay, allora assicurati che ci abbiano dentro le loro cose. Wesley dovrebbe essere da te Tom e Sickema da te Andersen," suggerì. Chi ero io per discutere con lui?
Ha parlato ancora un po' del gioco e delle cose che dovevamo fare. Di solito parlava solo con Tom, dato che era lui a chiamare il segnale difensivo, ma sembrava volere che noi due prendessimo il controllo della difesa per questa partita. Quando ebbe finito, ci dirigemmo verso i nostri armadietti.
Proprio in quel momento Brandon e Jerry entrarono con tutta la loro merda. Tom ha fatto cenno a Jerry di seguirlo e io ho guardato Brandon e ho fatto lo stesso. Ci siamo avvicinati agli armadietti e gli ho detto di prendere quello, a soli due distanza dal mio. Aveva un grande sorriso sul viso.
Abbiamo parlato di pratica mentre iniziavamo a toglierci l'attrezzatura. Era tutto così perfetto, ho pensato tra me e me. Nell'ultimo giorno ho guadagnato un super amico, un amante, un nuovo membro del team e un amante che adoravo. Prendiamo i nostri asciugamani e ci dirigiamo verso le docce.
LE DOCCE! All'improvviso sono andato fuori di testa. Come avrei affrontato una doccia con il ragazzo con cui volevo solo fare l'amore? Come avrei nascosto la mia attrazione? Come avrei potuto evitare di diventare duro?
Come se fossimo sintonizzati sulla stessa frequenza, Brandon mi guardò e disse con quello splendido sorriso: "Starai bene".
Lui aveva ragione. Siamo entrati nelle docce e tutti i ragazzi hanno iniziato ad accoglierlo nella squadra. Conoscevano tutti Brandon, ma questa era la prima volta che dovevano indicare che lo accettavano a Varsity. Ci stavamo tutti insaponando e le cose andavano normalmente.
Ogni tanto guardavo Brandon. Un paio di volte ha attirato la mia attenzione (cosa che aveva sempre fatto, credetemi) e ha fatto un cenno con la testa a uno dei ragazzi. Capii cosa intendeva quando vidi Kelly lì, mentre si lavava il cazzo che era mezzo duro.
Ho attirato la sua attenzione quando Dave è entrato nella doccia con Tom. I due stavano quasi ridendo e scherzando. Formavano davvero una coppia fantastica, pensai. Brandon annuì in segno di approvazione, anche se non avevo detto nulla. Li avevo visti entrambi nudi molte volte prima, ma questa era la prima volta che osservavo davvero i loro corpi. Erano entrambi molto belli e davvero molto attraenti.
Non avevo mai lasciato che la mia immaginazione vagasse verso un pensiero sessuale per i miei due coinquilini. Beh, non è un pensiero serio, almeno. Tom sfoggiava un bel cazzo da 6 pollici che ora si pavoneggiava sotto la doccia, mentre Dave era un po' più grande. Non l'avevo mai notato prima, ma sebbene Dave avesse i capelli neri come l'ebano in testa, i suoi peli pubici erano di un colore molto chiaro. Questi due mi stavano davvero eccitando.
Brandon, ovviamente, vide la reazione che questi due stavano avendo su di me e mi guardò accigliato. Uno scherzoso, ma sapevo cosa intendeva. Come a dire non preoccuparti, sei l'unica persona che voglio, ricambiai con un sorriso malizioso.
Ci siamo ritrovati soli, noi quattro, nudi, per la prima volta. Tutti gli altri avevano finito la doccia e si stavano vestendo.
"Allora ragazzi, come è andato lo studio ieri sera?" chiese Dave. Sapevo che si riferiva ad altre cose oltre alla biologia, ma ho sorriso e ho detto: "Fantastico!"
"Voi due volete vedervi stasera per vedere lo spettacolo?" chiese Tom.
"Dovremmo tutti," intervenne Dave.
"Suona bene. Ho bisogno di imparare un paio di cose", ha aggiunto Brandon.
"Va bene!" Tom continuò. "Usiamo la tua stanza, Brandon, dato che Jon avrà un paio di amici stasera prima che escano e non so come possiamo fare qualcosa con lui e i suoi amici lì."
"La stanza è un disastro", ha detto Brandon scherzosamente.
"Oh, posso scommetterci!" dissero simultaneamente Dave e Tom.
Abbiamo riso tutti. Ho cominciato a chiedermi se entrambi sapessero cosa stava succedendo. "Oh, diavolo", ho pensato. Sapevo che era così, proprio da quello che mi ha detto Dave ieri sera. E non mi importava nemmeno, perché mi sarebbe piaciuto gridare a tutti il ​​mio amore per Brandon.
Finiamo tutti di fare la doccia e ci dirigiamo verso i nostri armadietti. Brandon e io ci siamo vestiti velocemente, senza dire nulla, ma ci siamo limitati a guardarci con tenerezza. Siamo andati a cena e noi quattro abbiamo parlato della partita imminente e delle strategie che abbiamo messo in pratica.
Quando tornammo al nostro dormitorio, Brandon andò nella sua stanza e io andai con Dave e Tom a prendere le mie cose. Avevo passato la notte prima nella stanza di Brandon perché Jon usava il mio letto, così pensavano tutti. Dato che Jon sarebbe rimasto fino a domenica, ho deciso di portare con me vestiti, libri e tutto ciò di cui avrei avuto bisogno per restare con Brandon, almeno fino a domenica.
"Lo sai, Bob," disse Tom rompendo il silenzio. "Dato che abbiamo ripassato tutto a cena, non credo che dovremo ripassare nient'altro stasera. Se solo potessi ricordare a Brandon delle chiamate, sarebbe d'aiuto."
"Certo, Tom," risposi. Sapevo che c'era altro da fare oltre al calcio, ma non avevo intenzione di condividerlo nemmeno con i miei migliori amici. Continuai a raccogliere tutte le mie cose mentre Jon entrava.
"Ehi ragazzi, come sono andati gli allenamenti", è stato il suo saluto. "Ho visto il vostro allenamento e voi ragazzi eravate fantastici."
"Grazie, fratello," sbottò Tom. "Uccideremo Oskie, puoi scommetterci."
Eravamo tutti d'accordo e ho cominciato a uscire dalla porta.
"Ehi Bob. Tutto il materiale della conferenza, amico mio", ha detto Jon dandomi una pacca sulla spalla. "Tu e quel nuovo ragazzo punterete davvero al centro. Voi due formate una coppia fantastica."
Ho sorriso pensando al doppio significato e ho mormorato: "Grazie, Jon". Mentre me ne andavo ho visto un grande sorriso sia sul viso di Dave che su quello di Tom. Entrambi avevano colto il doppio senso che avevo io. È stato allora che ho capito che le cose andavano bene con loro e che Brandon e io non avevamo nulla da temere con loro due.
Ho bussato alla porta di Brandon. Non dovevo farlo, ma era la forza dell'abitudine. Quando aprì la porta e mi vide con una bracciata di vestiti, ne afferrò alcuni e si avvicinò per farmi entrare. Aveva liberato un posto sul vecchio letto di Keith perché potessi sistemarli. Abbiamo sistemato i vestiti sul letto e ho cominciato a sistemarli.
Brandon mi ha messo le braccia intorno alla vita e mi ha dato un bacio sulla nuca. Mi teneva stretto e potevo sentire il calore del suo corpo contro il mio. Questa distrazione era ovviamente ciò che aspettavo, ma avevo deciso che era ora che noi due parlassimo di ciò che stava cominciando a succedere a noi due. Sapevo che sarebbe stato difficile resistere alle sue avances, ma per il bene di entrambi sapevo che era la cosa giusta.
"Brandon, dobbiamo parlare," dissi girandomi verso di lui. Le sue braccia ancora attorno alla mia vita mi tenevano vicino. Mentre lo affrontavo, le sue labbra incontrarono le mie e ci baciammo, molto appassionatamente. Le nostre lingue erano come due spermatozoi che cercavano di fecondare un uovo. Si muovevano rapidamente cercando di colpire il loro bersaglio che ho trovato difficile fermare. Tuttavia, sapevo che dovevo farlo. Mi sono tirato indietro e ho detto con enfasi: "Per favore, amore! Dobbiamo parlare".
Potevo vedere il dolore negli occhi di Brandon in quel momento. Lo sguardo sul suo viso era come se fosse stato rifiutato, il che non era mia intenzione.
"Amore, ascolta. Vorrei tanto fare l'amore con te, ma dobbiamo parlare, okay?"
Lui annuì. Fece due passi indietro e si sedette sul letto. "Ok, Bob," disse. "Lo so, ma non posso trattenermi. So che mi sto innamorando e tutto ciò che voglio fare è essere parte di te."
Gli ho sorriso cercando di rassicurarlo che anch'io lo amavo. Spostai una pila di camicie e mi sedetti sull'altro letto di fronte a lui. Lo guardai profondamente negli occhi, sapendo che non c'era nessun altro oltre a lui con cui volevo stare.
"Brandon, vuoi davvero che mi trasferisca qui?" Ho chiesto. "Perché se lo fai, non c'è niente di più che voglio. Ma dobbiamo essere sicuri che sia quello che vogliamo."
"È Bob, altrimenti non l'avrei chiesto."
"Ok, allora ci sono un paio di cose che dobbiamo chiarire. Anche se vorrei tanto stare con te, dobbiamo essere sicuri di riuscire a studiare UN PO'," ho aggiunto scherzando.
"Oh, certo. La scuola viene prima di me, vedo."
"In questo momento, niente viene prima di te, Bran," dissi mentre mi alzavo e andavo verso di lui. Lo baciai sulla guancia e cominciai a dirigermi verso la porta.
"Dove stai andando?" chiese.
Dovevo camminare mentre parlavo. Ogni volta che avevo qualcosa di serio da dire, non riuscivo a stare fermo. "Non vado da nessuna parte," dissi. "Devo chiederti un paio di cose, Brandon, se non ti dispiace?"
"Chiedi pure, Bob. Sembri arrabbiato per qualcosa."
"Niente affatto, tesoro," aggiunsi. L'ho davvero detto a un altro ragazzo? All'improvviso mi sono reso conto che adoravo davvero questo ragazzo prima di me. "Dave e io abbiamo parlato ieri sera e lui mi ha davvero incoraggiato a passare la notte. Mi ha anche detto che Tom ci aveva sorpreso ieri prima di cena. Ha detto che hai visto Tom entrare. Davvero?"
"Ok, lascia che ti dica una cosa. Solo se prometti di non arrabbiarti o di non avere un'idea sbagliata," disse con un'espressione molto cupa in faccia. Non sapevo cosa aspettarmi dopo.
Brandon ha spiegato di aver visto Tom camminare la prima volta che eravamo abbracciati. Ha detto che Tom ha semplicemente sorriso, si è girato ed è uscito dalla porta. Mi ha anche detto che Tom aveva chiuso a chiave la porta prima di uscire.
Quando gli ho chiesto perché non mi avesse detto nulla quando pensavo che Dave avesse detto qualcosa, Brandon ha cambiato atteggiamento. L'espressione sul suo volto divenne molto seria.
"Bob, avevo parlato molto di te con Tom. Sapeva che ti volevo più che come un amico di football", disse Brandon con un tono nella voce che mostrava quanto fosse serio. "Il primo giorno che ti ho incontrato ho detto a Tom che mi piacevi. Mi ha parlato molto di te, delle tue simpatie e antipatie. Mi ha incoraggiato a conoscerti meglio."
Sono stato ripreso di sicuro da questa notizia flash. Principalmente perché mi ha fatto capire quanto Brandon desiderasse ciò che avevamo insieme in quel momento. In secondo luogo perché il mio migliore amico non mi aveva detto nulla a riguardo e aveva promosso questa amicizia. Beh, a quanto pare sapeva che quello che stava dicendo a Brandon di perseguire era qualcosa di più dell'amicizia.
"Vuoi dire che Tom sa che mi volevi," balbettai, "in questo modo?"
"OH, lo fa!" esclamò Brandon.
Non potevo fare a meno di pensare che questo fosse l'inizio della fine per me qui alla CBS, ma in qualche modo sapevo che non era così. Tom deve essere d'accordo con il mio essere "queer" altrimenti non avrebbe mai detto niente a Brandon.
Avevo smesso di camminare ed ero in piedi direttamente di fronte a Brandon, guardando i suoi luminosi occhi azzurri, mentre lui mi guardava. Potevo vedere dallo sguardo sul suo viso che era preoccupato per la mia reazione a ciò che aveva detto. Gli ho messo le mani dietro la testa e l'ho tirato verso di me. La sua guancia era appoggiata al mio stomaco e io l'ho abbracciato per fargli sapere che andava tutto bene.
Dopo circa un minuto che lo tenevo in braccio, le mie mani si spostarono sotto le sue ascelle. Lo tirai giù dal letto e lo avvicinai ancora di più. Ho girato leggermente la testa e l'ho baciato: non un bacio appassionato con la lingua, ma un bacio gentile di amore e affetto.
Per la prima volta sapevo che andava tutto bene. Oh, sapevo che tra me e Brandon andava tutto bene, ma ora sapevo che era accettabile per i due migliori amici che avevo a scuola. Da quello che mi ha detto Brandon, e da quello che Dave aveva detto la sera prima, erano felici per me. Hanno accettato me, la mia sessualità e il mio amante.
Siamo rimasti lì per un po’, guardandoci negli occhi. Le nostre mani si esploravano a vicenda, non per compiere un atto sessuale, ma solo per rassicurarsi a vicenda sulla vicinanza che ognuno di noi sentiva in quel preciso momento. Ho colto l'occasione per sussurrargli all'orecchio "Ti amo". La sua risposta non fu con le parole, ma con il rilassamento che potevo sentire da tutto il suo corpo - un'aura che non avevo mai sperimentato prima da nessun ragazzo con cui ero stata.
Quella notte abbiamo dormito insieme. Non abbiamo fatto sesso ma avevamo orgasmi multipli nella nostra mente, ne sono sicuro. Ci tenevamo stretti, io sdraiata sulla schiena con la sua testa vicino al mio petto. Il mio braccio lo stringeva a me, senza mai lasciarlo andare. Potevo dire che era contento dal respiro rilassato che ho ascoltato tutta la notte. Non credo di aver chiuso occhio, ma stavo dormendo le migliori notti che avessi mai avuto. Avere Brandon è stato un sogno diventato realtà. Uno che non avrei mai voluto finisse.
Verso le 5:30 del mattino successivo, potevo sentire le mucche frusciare nel campo vicino al nostro dormitorio. Come ho detto, non credo di aver dormito davvero, quindi ero in sintonia con ogni suono che ci circondava. Per la prima volta nella mia vita, potevo dire ogni volta che il mio corpo decideva di inviare sangue alle mie estremità inferiori. Ero stato duro per tutta la notte, ma non avevo voglia di fare nulla al riguardo. Tuttavia, ora, la storia era diversa.
Brandon dormiva profondamente, russava un po', ma in modo piacevole. Lo spostai lentamente sul cuscino successivo, assicurandomi di non disturbarlo. Ho tirato indietro le coperte per rivelare questo Adone accanto a me. Giaceva lì sulla schiena, sereno. I miei occhi esplorarono il suo corpo e si fermarono quando notai il contorno molto caratteristico di un pene eretto sotto i suoi slip di cotone. Ho ridacchiato tra me e me sapendo cosa volevo.
Lentamente, girai il mio corpo in modo da essere perpendicolare a lui. La mia testa, direttamente accanto al suo inguine, la mia vicino alla sua faccia. Presi la mano e gli accarezzai la coscia destra. Lo sposto lentamente e delicatamente sulle sue palle e ho appoggiato la mano lì. Li ho presi delicatamente e li ho massaggiati, usando il pollice per toccare il suo membro oh, così duro.
Lo sentivo agitarsi, ma sapevo che stava ancora dormendo. Ho coperto il suo cazzo, ancora negli slip, con la bocca. L'ho sgranocchiato e spostato su e giù per l'asta. Emise un gemito o due e irrigidì leggermente le gambe. Usando la lingua, la feci scivolare nel tessuto sovrapposto finché non potei assaporarlo. L'aroma muschiato per me era ambrosia. Sebbene fossi molto abile nell'usare la lingua, non riuscivo a farla passare attorno alla spessa asta, che era premuta saldamente contro il suo corpo. Ma non sono mai uno che si arrende.
Avvicinai le mani all'elastico delle sue mutande e le feci scivolare leggermente verso il basso. Sono riuscito a liberare il suo cazzo e gli è uscito un po' dallo stomaco. Tuttavia, questo mi bastò per avvolgere la bocca attorno alla splendida testa rossa che stavo osservando. Usai la lingua per circondare il suo glande, dapprima rapidamente, poi lentamente in modo che sentisse le sensazioni che volevo che provasse. Ormai stava perdendo pre-cum e speravo che mi stesse sognando. Il sapore era dolce e salato allo stesso tempo, uno che ho imparato ad assaporare.
Cominciai a muovere la testa su e giù lungo l'asta del suo cazzo, mantenendo sempre il contatto con la lingua. Le mie mani iniziarono a far rotolare i suoi testicoli, massaggiandoli per fornire qualche ulteriore stimolazione. Il mio dito premette contro il perineo in modo da poter esercitare una leggera pressione per procurargli un ulteriore piacere.
Man mano che i miei movimenti diventavano più rapidi, sapevo che non sarebbe passato molto tempo prima che eiaculasse o si svegliasse. Speravo che venisse prima di svegliarsi, però, perché volevo compiacerlo mentre si svegliava. La mia bocca era appoggiata alla punta del suo cazzo, succhiandolo con quella che speravo fosse la giusta quantità di pressione e stimolazione.
Presto ho ricevuto la mia ricompensa per un lavoro ben fatto. Lo sentivo irrigidirsi. Tutto il suo corpo ebbe uno spasmo di gioia mentre mi spruzzava i suoi succhi maschili in bocca. Pensavo che il sapore del suo pre-sperma fosse dolce, ma questo era molto più appagante... e riempiente, potrei aggiungere. Il suo primo sputo fu come un cannone che mi colpì profondamente in fondo alla gola. I suoi fianchi si sollevarono per spingere il suo cazzo più in profondità mentre ciò accadeva, qualcosa a cui non ero affatto contrario. Brandon iniziò a pomparsi dentro di me con lente spinte del suo corpo, permettendomi di assaporare ogni shot che mi stava fornendo.
Per tutto questo tempo non sono riuscito a vedere il suo volto, a causa del modo in cui ero posizionato. Tuttavia, sapevo che era contento e si stava godendo ciò che gli stavo dando. Non era solo una Fellatio; è stato un atto d'amore premuroso e amorevole. Potrei visualizzare il suo volto se fosse sveglio. Il suo sguardo sarebbe di contentezza e piacere, non di lussuria. I suoi occhi fissavano i miei con adorazione mentre il suo orgasmo cominciava a rallentare. Questo bastò a farmi sorridere, dentro di me, sapendo che stavo dando al mio amore tutto me stesso.
Mentre ingoiavo l'ultima goccia del suo sperma, potevo sentire che stava per svegliarsi. Girai rapidamente il mio corpo in modo da poter guardare nei suoi occhi mentre si aprivano per la prima volta quel giorno. Mosse le braccia verso l'alto, allungandole mentre cominciava a svegliarsi. Aprì quei bellissimi occhi azzurri e mi guardò direttamente mentre lo fissavo. Non sembrava affatto scioccato.
Brandon sorrise, cosa che mi fece rabbrividire di piacere. Il suo braccio mi prese la nuca e mi tirò verso di lui permettendo alle mie labbra e alle sue di incontrarsi per il nostro bacio mattutino. La sua lingua mi spaccò le labbra facendosi strada nella mia bocca. Ci siamo baciati per qualche secondo e all'improvviso si è seduto con la schiena dritta.
"L'hai fatto, vero?" chiese. "Non era un sogno! Ne sento il sapore!" esclamò con un ampio sorriso.
Scossi la testa in segno di approvazione, con un sorrisetto e alzando le sopracciglia. Ha assaggiato il suo sperma nella mia bocca e non si poteva negare quello che era successo. Detto questo, mi attirò ancora più vicino e mi baciò ancora più profondamente e più forte. Questo mi diceva che gli era piaciuto il piccolo incontro che avevo appena avuto con lui, come se ne dubitassi.
"Grazie," disse con voce sexy.
"Brandon, ti amo. E... non c'è di che."
Mi ha baciato di nuovo, ma questa volta è stato di ultra-passione. La sua mano cominciò a scivolare lungo il lato del mio stomaco e giù sul mio cazzo. Lo accarezzò e tutto quello che potevo sentire fu: "Ummmmmmmmm".
Non me ne rendevo conto, ma ormai erano le 6:30. L'avevo succhiato e fatto godere per quasi un'ora senza svegliarlo. I miei pensieri mi hanno dato un senso di orgoglio per aver potuto farlo per così tanto tempo PER lui. Volevo così tanto che facesse l'amore con me a questo punto, ma mi resi conto che dovevamo prepararci per la lezione e un'altra ora di sessione non sarebbe stata possibile.
Anche se a questo punto la mia mente era realistica, il mio corpo certamente non aveva lo stesso concetto. Non appena mi ha toccato, ho premuto il mio cazzo nella sua mano. La pressione della sua mano che giocava con me e la sensazione che mi stava dando mi hanno fatto tornare ai miei istinti di base. Lo volevo, ancora una volta.
Ho messo la mia mano sulla sua e l'ho aiutato a giocare con il mio cazzo. Ero così eccitato a questo punto che non me ne sarebbe potuto importare di meno della lezione e ancor meno della colazione. Dopotutto avevo già fatto colazione, no?
Eravamo entrambi in un bacio profondo, le nostre mani si muovevano insieme sulla mia erezione. Ricordo di aver pensato che solo due giorni prima, l'unico che mi aveva toccato in quella zona ero stato io per oltre 3 mesi. E ora avevo qualcuno che mi faceva sentire così meravigliosamente, non solo per le azioni che venivano compiute, ma perché mi amava veramente e onestamente. Questo, di per sé, è stato più piacevole del rilascio previsto.
Con tutto questo che mi passava per la testa non avevo realizzato cosa stesse succedendo. All'improvviso, ho potuto sentire il mio corpo teso e che stavo venendo. La mia testa ricadde sul cuscino e potevo sentire l'afflusso di sperma eiaculato e confinato, non solo nelle mutande, ma sotto entrambe le nostre mani. È stata una sensazione fantastica, ma ero molto arrabbiato e mi vergognavo di aver sparato così velocemente.
"Oh, Brandon, mi dispiace," è tutto ciò che ricordo di aver detto.
"Di cosa, amore?"
"Non volevo venire così in fretta. Oh, cavolo, mi sento malissimo."
"Non sentirti così, Bob. Va tutto bene. Non è un problema, amore."
Mi vergognavo perché non ero mai arrivato così velocemente con nessuno. È stata un'eiaculazione precoce, e questo era un male nella mia mente. Tutti i miei amici a casa si vantavano di quanto avrebbero potuto durare con una ragazza. E venire così velocemente sarebbe stato davvero sbagliato nella loro mente. Ma guardando negli occhi di Brandon potevo dire che le sue parole erano veramente i suoi sentimenti. Non gli importava che fossi venuto così velocemente.
"Almeno ti è piaciuto?" chiese.
"È stato fantastico, ma sono arrivato così in fretta, mi dispiace così tanto", ho risposto.
"Non scusarti di nulla, Bob. Non è l'ultima volta della giornata in cui posso fare l'amore con te," aggiunse Brandon.
Sapevo che anche lui intendeva questo. La cosa non dava fastidio a lui quanto a me. Immagino di essere quello che chiameresti "un donatore". Preferirei di gran lunga compiacere qualcuno che sia contento, ma Brandon, ricordo di aver pensato, era proprio come me in quel senso. Una coppia strana, ho pensato, ma la coppia GIUSTA.
Mi alzai sui gomiti e lo baciai. L'ho ringraziato per aver compreso ed essere, beh, essere LUI. Non avrei potuto creare un abbinamento migliore per me. Brandon mi ha fornito tutto ciò che avevo sempre fantasticato su una relazione. Il sesso era fantastico, ma era secondario. Era un amante premuroso, amorevole e leale. Finalmente ero con qualcuno a cui importava di me.
Entrambi abbiamo guardato l'orologio e siamo saltati giù dal letto. Raccogliamo gli asciugamani e tutto il necessario per la doccia e ci dirigiamo verso i bagni. Quando siamo arrivati ​​lì, Jon stava facendo la doccia. Sono rimasto sorpreso che si fosse alzato così presto, dato che non aveva lezioni o altro a cui andare.
"Ehi, Bob," salutò mentre si radeva. Sembrava davvero molto sexy lì in piedi con la schiuma da barba sul viso, l'asciugamano avvolto intorno alla vita e un grande sorriso. Se non avessi Brandon, prenderei in considerazione l'idea di fare una commedia per quest'uomo. Era forte, ma non così robusto come Tom. Era più carino di suo fratello, ma da quanto potevo vedere, non aveva la personalità che mi piaceva di Tom.
"Ciao Jon. Dormi bene?" Gli ho chiesto.
"Certo. Ragazzi?"
"Ho passato una buona notte, grazie," intervenne Brandon. Il suono della sua voce mi fece sentire che non gli importava troppo di Jon.
Brandon e io ci siamo diretti nelle docce. Erano disponibili solo due docce, poiché a quell'ora del mattino tutti si affrettavano a prepararsi per la lezione. Potevo vedere che Brandon, come me, stava osservando tutti i ragazzi lì in piedi a fare la doccia. Stavamo entrambi guardando la stessa matricola che si insaponava. Ho potuto vedere che era interessato al sito quanto me.
Terry, era una matricola e anche lui faceva parte della squadra di football. A 14 anni era estremamente maturo per la sua età. Il suo corpo era molto tonico. Era alto circa 1,70 ma aveva la forma a V che metteva in mostra tutti i muscoli della parte superiore del corpo. Naturalmente, essendo adolescenti arrapati come Brandon e io, non stavamo davvero guardando quel sito. I nostri occhi erano incollati a il flaccido cazzo da 7" che stava lavando. Ci siamo sorrisi e so che stava pensando la stessa cosa che stavo pensando io in quel momento. Quel pensiero era 'Mi chiedo quanto sarà grande quando le cose si faranno davvero difficili?' Allo stesso tempo, abbiamo riso.
Mentre mi guardavo intorno nella doccia, ho notato un altro occupante che osservava Brandon. I suoi occhi sembravano fissi sul suo cazzo, cosa che devo ammettere era un posto molto piacevole. Mentre Brandon si lavava, questo ragazzo lo fissava direttamente. Notai anche che si stava eccitando parecchio, mentre il suo cazzo si stava sollevando. Non era insolito che durante una doccia di gruppo i ragazzi iniziassero a diventare duri, ma normalmente si voltavano dall'altra parte, non volendo mostrarlo a tutti gli altri. Tuttavia non si stava voltando, il che mi fece sospettare che volesse che Brandon vedesse la sua reazione.
Una fitta di gelosia percorse il mio corpo. Non c'era motivo per cui fossi geloso, perché sapevo che Brandon non era interessato a nessuno tranne me. Tuttavia, stavo provando quelle sensazioni in quel momento, finché non ho notato che Brandon si era voltato, rendendosi conto di quello che stava accadendo. Mentre guardavo il ragazzo che osservava Brandon, ho visto un'espressione di delusione sul suo viso. Ciò ha prodotto un grande sorriso sul mio viso.
Andammo nell'asciugatrice e cominciammo ad asciugarci. Non abbiamo detto molto perché nessuno di noi due voleva che qualcuno sapesse qualcosa della nostra relazione in erba. Nello stendibiancheria c'era anche Terry, che aveva finito di farsi la doccia.
"Ho sentito che voi ragazzi state nella stanza insieme," disse Terry, rompendo il silenzio.
"Beh, il fratello di Tom è qui e Brandon aveva un letto aperto senza Keith, quindi in questo momento sì, lo siamo," gli ho risposto.
"Fantastico," fu tutto ciò che riuscì a trovare come risposta. Rivolse la sua attenzione a Brandon e chiese: "Quando tornerà Keith?"
"Non lo so, Terry," rispose Brandon. "Non credo che lo sia, a dire il vero, da quello che ho sentito da lui."
"Davvero. Allora avrai un letto libero," disse Terry con troppo entusiasmo per i miei gusti.
"Sì, credo di sì," disse Brandon con pochissima convinzione. "Ma penso che Bob verrà nella stanza con me il prossimo semestre."
Sono rimasto un po' sorpreso dal modo pratico con cui ha intervenuto in questa affermazione. So che gli avevo detto che l'avrei fatto, ma non avevamo parlato con Dean Huzinga e non sapevamo se ci avrebbe permesso di dormire insieme. Ma mi ha fatto sentire bene il fatto che fosse pronto ad annunciarlo al resto dei ragazzi.
"Oh," è tutto quello che ho sentito da Terry. Ora che ci ripenso, credo che avrebbe chiesto la stanza con Brandon. All'epoca non lo sapevo, ma Terry e Brandon provenivano dalla stessa città natale e si conoscevano dalla seconda elementare. Erano conoscenti, non amici, ma posso capire perché a Terry sarebbe piaciuto dormire con Brandon.
Ci siamo lavati i denti e poi siamo tornati a vestirci. Sono successe alcune cose giocose, ma sapevamo entrambi che la colazione e la lezione chiamavano, quindi ci siamo concentrati su ciò che dovevamo veramente fare in quel momento. Poco prima di lasciare la stanza per la colazione, ci siamo abbracciati per un momento e ci siamo baciati. Allora sapevo che avrei potuto davvero abituarmi a questa tradizione.
Dopo la colazione, ci siamo diretti entrambi verso le nostre lezioni. La mia lezione su Matrimonio e Famiglia non era così interessante come il giorno prima. Il signor Thompson era probabilmente l'insegnante più bello che avevo alla CBS, quindi non era così difficile riuscire a cavarsela con la maggior parte delle mie lezioni. L'argomento gli piaceva, potevo dirlo, e mi chiedevo se fosse etero o omosessuale. La mia mente si chiedeva nella maggior parte delle mie lezioni, ma in questa classe, almeno, sognava ad occhi aperti sull'argomento.
Ho incontrato Dave a pranzo. Mi stava raccontando di Tom e Jon la sera prima. A quanto pare, stavano litigando tra fratelli incentrato sulla ragazza di Tom, Samantha. Jon era stato contattato da Sam per spiegargli il motivo per cui Tom non aveva chiamato né scritto dall'inizio dell'anno. Tom ha detto a Jon che non erano affari suoi e che non era sicuro di essere più interessato a lei. Jon ha cercato di convincere Tom del contrario. Tutti i tipici commenti da fratello a fratello furono fatti prima che Tom finalmente dicesse a Jon di "andare a quel paese".
Dave rise. "Se solo Jon sapesse", ha detto.
"Sapevi cosa?" Ho chiesto.
"Oh, niente. Solo che Tom e Sam non stanno più insieme. A Tom non interessa affatto lei."
È stato un commento curioso, ho pensato tra me e me. Tutto quello che avevo mai sentito da Tom riguardava Samantha. Sembrava sempre che lei gli piacesse davvero. Aveva parlato molto del sesso, ma sapevo anche che la maggior parte di quelle parole erano solo un pio desiderio. Ma pensavo davvero che fosse ancora con lei.
"Quando è successo?" Ho chiesto. "Tutto quello che sento parlare è Sam!"
"È passato un po', Bob." Dave lasciò le cose così e non avrei più fatto domande. Almeno non avrei chiesto a Dave a riguardo, ma quando ho visto Tom, ho pensato di chiederglielo.
Alle 3:00 eravamo vestiti e eravamo in campo. L'attacco di Oskie veniva nuovamente giocato contro di noi e stavamo esaminando ogni singola formazione progettata dagli allenatori. Brandon stava giocando alla grande, di nuovo. Coach Kistner ci stava davvero allenando ed è stata una bellissima sensazione.
L'allenatore Marsh ha urlato: "L'ultima partita ragazzi, poi le docce!"
Mentre ci mettevamo in fila, l'attacco di Oskie era in una formazione con fucile a pompa a sinistra. Ho guardato Brandon e ho indicato l'appartamento giusto. Lui annuì e cominciò a muoversi con me verso quella zona. Lo snap ha dato il via a tutto il movimento che accompagna un gioco di passaggio veloce. Questa era una debolezza che avevamo avuto nelle partite precedenti; la passata corta e rapida. Coach Marsh stava lavorando sui nostri punti deboli, come fanno tutti i bravi allenatori.
Mentre l'estremità scendeva verso il piano destro, ero proprio lì. Brandon era proprio dietro di me, quindi ho sentito che potevo tentare l'intercettazione e lui avrebbe ripulito se avessi mancato. Ho saltato e la palla era lì, nella mia mano. Immediatamente ho sentito "BALL", che era la nostra richiesta di intercettazione. Sono partito correndo e ho potuto vedere la end zone direttamente davanti a me.
All'improvviso, ero cieco da sinistra. I crumbled to the ground with great force. My mind went blank, my breath short, and my body limp. I had been tackled before, but never like this.
The next thing I remembered was Brandon's voice. "No, no, not this. Oh, please. Coach, Coach," he yelled. "Bob's hurt....my God, he's out! I don't want to loose him! Help him, Coach...Help him!"

NEXT: The Coming Out!– Chapter 7

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

879 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

387 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

727 I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Gli assassini senza mira, capitolo 1

Il barista era un uomo pesante. Aveva un viso rotondo e carnoso con occhi piccoli e un naso grosso. In quel momento era continuamente infastidito da una mosca, che evidentemente era molto affezionata al suo naso. Apparentemente il bar era vuoto con alcuni ballerini che dondolavano in giro aspettando l'inizio della serata. Alcuni avevano già clienti ed erano impegnati a soddisfare le loro esigenze. La mia testa ha smesso di girare quando ho visto una ballerina in un angolo. Indossava un reggiseno di seta blu scuro con pantaloncini abbinati. La sua pelle d'avorio brillava alla luce delle luci. Aveva un'espressione nervosa...

488 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.