La sposa vergine del capitano Hirst

502Report
La sposa vergine del capitano Hirst

La sposa vergine del capitano Hirst

La stanza fu improvvisamente silenziosa, tutto imperniato sul giro di una carta. Lord Cashmire mi guardò attentamente mentre giravo la mia ultima carta. Un asso.

Il colore svanì dal suo volto.

“Ma stavi bluffando, che nervi sul collo” balbettò.

“Nervi mio Signore”, lo assicurai, “Solo nervi, potresti aver avuto una mano migliore.

"Mio Dio Cashers, hai perso tutto!" esclamò Bunty Buntingthorpe.

Mi guardai intorno mentre Mallinson in qualità di cameriere, o Croupier come lo chiamano i francesi, spingeva verso di me l'immensa pila di fiches e il biglietto di Cashmire. Non ero particolarmente emozionato, volevo solo dare una lezione a quel vecchio pazzo.

"Buon Dio Cashers", intervenne Lord Althwaite, "Hai semplicemente scommesso il tuo patrimonio e hai perso!"

"Ha barato!" Cashmire protestò: "Il suo collo!"

"Non è proprio un imbroglio, vecchio mio," rise Allthwaite, "L'asso nella manica è un imbroglio, non i muscoli flaccidi del collo."

"Chiedo l'opportunità di riconquistarlo!" Il cashmere imperversava.

"In effetti, cosa volevi scommettere?" ho azzardato.

"Tua figlia, forse tutte e cinque?" suggerì Bunty.

"Sì, l'onore della figlia contro il patrimonio!" ha insistito.

Ho concordato. Ha perso. Ancora. Svenne. Salutai i miei amici e mi ritirai nel mio alloggio.

Bunty mi svegliò il giorno dopo. Ha insistito perché andassi immediatamente al Cashmire Park per ritirare il mio premio.

Ho concordato. Siamo arrivati ​​a mezzogiorno. Lord Cashmire ci ha accolto. "Quindi quale sceglierai?"

Ci ha portato nella sala ritiro.

"Temo che oltre a perdere il mio patrimonio in una partita a poker, ieri sera ho anche scommesso sull'onore di mia figlia", ha spiegato, "Non ho specificato quale figlia, quindi il Capitano Hirst è venuto a scegliere."

"Ah, Signore Mio, siamo venuti per discutere la questione", ho spiegato.

"Quindi scegli", ordinò agitando il braccio verso una panoplia di figlie.

“Sono parlato per me”, ha detto il maggiore, “Come sono io”, ha detto un altro. Uno dopo l'altro abbassarono gli occhi. Il più giovane sostenne il mio sguardo. "Non ho l'età!" disse con fermezza.

"Il tuo nome?" Ho chiesto.

“Amelia!” lei rispose.

"E sarai maggiorenne tra tre anni quando tornerò dall'India?" Ho chiesto.

"Certamente", sbottò lei con gli occhi fiammeggianti.

"Allora sceglierò te, mia cara", affermai, "ci sposeremo al mio ritorno e prenderemo il tuo onore, fino ad allora affiderò la gestione del mio patrimonio alle tue abili mani."

"Non toglierai mai il mio onore!" inveì.

Li ho salutati. Tre anni dopo mi avrebbero dimenticato.

Ci imbarcammo per l'India l'indomani e non tornai per tre lunghi e sanguinosi anni.

Il nostro reggimento stanco della battaglia sbarcò a Portsmouth tre anni e otto mesi esatti dopo la partenza. Avevo molto da fare. Il nostro corpo ufficiali decimato dai selvaggi del passo Khyber e dalle infezioni e malattie malariche che abbondano in quella terra abbandonata da Dio.

Partii come capitano e ritornai come colonnello, sicuramente per ritornare al grado di maggiore quando l'ufficio di guerra venne a conoscenza della mia promozione sul campo.

È stato Bunty a ricordarmi Lord Cashmire e la tenuta. Bunty al mio fianco per tutta la campagna, un vero amico.

Siamo andati al Cashmire Park pochi giorni dopo l'atterraggio. Bunty ha dichiarato di apprezzare il secondo figlio di Cashmire, quindi siamo andati di buon umore.

Lord Cashmire ci ha incontrato. Piegato e con gli occhi annebbiati. Era completamente confuso. Lady Cashmire doveva parlare per lui.

"Dovrei scusarmi per mio marito, capitano", disse con tono pacato, "ma non lo farò perché è un uomo distrutto".

“Mi dispiace sentirlo”, risposi.

"Davvero, è tutta colpa tua!" sbottò.

"Guardate, mia signora, sono venuto per risolvere la questione, non ho mai cercato di impossessarmi delle vostre proprietà." Ho spiegato: "Insegna solo la lezione del male del gioco d'azzardo".

“Bene, dillo ad Amelia. Lei è rovinata e mio marito è un uomo distrutto, Capitano distrutto. protestò.

"Allora dove troverò Ameila?" ho chiesto.

"Da qualche parte non la troverai mai", ci ha detto senza mezzi termini. "Non appena ha saputo che eri a casa, ha deciso che non avresti mai dovuto prendere il suo onore."

“Ma dove, un Monastero?” domandai

"No, Capitano, purtroppo no", disse tristemente Sua Signoria, "Ora risiede in un osceno osceno vicino al Portsmouth Dockyard."

"Cosa, cosa stai dicendo?" ho chiesto.

"Lei non si sarebbe sottomessa a te", rispose Sua Signoria, "Voleva farla finita ma ha deciso di non farlo perché voleva vederti soffrire".

Mi sono seduto senza che mi chiedessero: "Buon Dio, non volevo dire, forse l'avrei corteggiata ma non l'avrei mai forzata, sai,..."

"Beh, avresti dovuto dirglielo!" Lady Cashmire ha insistito.

È stato terribile: "Dove la troverò?" ho chiesto

"L'Agamemnon, vicino al lungomare", mi informò Lord Cashmire, "dice che le piace molto".

Mi sono sentito male.

Siamo fuggiti. Siamo tornati a Portsmouth per cercare Amelia. Sapevamo dell'Agamennone, era famigerato, prendeva il nome da un Man o War da 64 cannoni per attirare i marinai.

L'abbiamo trovato facilmente. Un grande edificio piuttosto squallido vicino ai cancelli dell'arsenale navale e nonostante l'ora, non ancora le 5 dell'orologio, era già pieno di marinai ubriachi e puttane di base.

Siamo entrati: "Non dovremmo entrare, signori", ha insistito il portiere, "Non c'è rispetto per gli ufficiali lì dentro, signori".

“Ti ringrazio ma ho affari con una signora!” Ho insistito.

"Non ci sono signore qui, signori, solo Remi." disse: "Ma non lasciare che io stia tra te e il tuo piacere".

Siamo entrati nell'oscurità. i marinai sedevano sulle panchine dissetandosi con birra acquosa invece del solito succo di lime e grog. Le signore, se tale termine poteva essere applicato alle donne vili, alzavano le gonne per poche monete per mostrare i lombi scoperti e lasciare che gli uomini toccassero le loro parti intime.

Un bacio osceno sulle labbra, una parola tranquilla e un marinaio fortunato avrebbero portato una ragazza su per le scale in un luogo privato di qualcuno del genere. A volte un gruppo di marinai portava con sé una ragazza ridacchiante su per le scale.

Una ragazza alzò lo sguardo dalle sue compagne: "Oh guarda, un ufficiale!" rise: “E cosa vuoi, signore! Colpisci una ragazza nel culo come fai con Batman, scommetto!

"Ragazza insolente, non colpirei un batman più di quanto metterei il mio membro nella bocca di un pitone", affermai, "Cerco Amelia!"

"Oh Dio", disse. "Oh mio signore, sei tu quel Capitano, vero?" ansimò: "Ha detto che eri malvagio e brutto come un mostro e un asino, ma sei ent, vero?"

"Tu la conosci?" Ho chiesto, lei ha annuito. "Allora portami da lei!" ho chiesto.

"Guarda, è salita non più di dieci minuti fa," disse, "con alcuni marinai."

"Portami da lei, dico", ho chiesto. esitò. Le ho dato una moneta d'argento, lei me l'ha restituita.

"Ti mostrerò dove", ordinò, "Seguimi, dammi solo due soldi per il disturbo."

Ho fatto come ha detto. L'ho seguita su per le scale, oltre stanze dove i suoni della passione risuonavano e riverberavano attraverso le porte inadeguate, lungo corridoi sporchi e macchiati di assi del pavimento scricchiolanti e di nuovo su stanze più piccole e meschine.

La nostra guida ha aperto una porta. La piccola stanza angusta era piena di marinai. Il soffitto scendeva lungo un lato dove la stanza era addossata al tetto. Un letto di ferro occupava gran parte dello spazio e una giovane ragazza dai capelli biondi giaceva sul materasso sporco e macchiato. Il suo corto grembiule, un tempo bianco, le girava su e giù intorno alla vita, rivelando i suoi monticelli su cui due marinai stavano succhiando mentre un terzo aveva il membro saldamente incastrato nelle viscere della ragazza, e cercava di spingerlo ancora più dentro.

Ero scioccato dal fatto che Amelia potesse arrivare a questo.

"Oops scusa, ho sbagliato!" la nostra guida sorrise.

La stanza successiva era simile. Il soffitto era nuovamente inclinato, un letto di ferro con un materasso macchiato riempiva quella che era stata la stanza della servitù e i marinai riempivano lo spazio in eccesso. Questa volta la ragazza era inginocchiata sul letto e solo un marinaio la serviva con il membro piantato saldamente nel sedere.

"Ohh, scusa", disse goffamente la nostra ragazza, "Deve essere il prossimo."

Non lo era, andammo avanti finché finalmente una porta si aprì.

Rimasi completamente incredulo. La stanza era uguale alle altre ma la ragazza non era a letto. Era tra due marinai. Le sue gambe e le sue braccia avvolsero un ragazzo fortunato sul cui membro fu chiaramente impalata mentre il suo compagno di bordo in piedi dietro di lei aveva chiaramente il membro forzato in profondità nel suo sedere. Stava ridendo. I suoi denti erano di un bianco abbagliante, i suoi capelli dorati vorticosi, i suoi monti erano schiacciati contro il petto del marinaio poiché, a parte le calze, era completamente nuda.

Mi guardò: "Ciao John, sei il prossimo?" lei chiese.

Le mie ginocchia cedettero: "No, sì", sbraitai.

"Allora aspetta fuori, per favore, ho dei gentiluomini da compiacere, e loro hanno me da compiacere!" Afferrò il marinaio più saldamente e si spinse contro di lui con ancora più forza, costringendolo sempre più a fondo: "Dammelo", disse, "Sai che lo vuoi".

I suoi occhi si spalancarono quando il marinaio raggiunse il punto di rilascio e mentre lo faceva riuscì a baciarlo completamente sulle labbra ma in qualche modo riuscì comunque a fissarmi.

Rimasi sulla soglia paralizzato. "Mi aspetto che cambieranno fine la prossima volta", ha detto la mia ragazza, "devo allattare il tuo membro per renderti bello e rigido, pronto per quando sarà libera?"

"Ah, no, grazie", dissi sinceramente perché la mia linfa era già completamente risalita.

"Ohhh, vedo che sei un ragazzone, non è vero?" ridacchiò, "Ti scoppierai i pantaloni se non avrai sollievo presto!"

“Non riesco a capire”, ho confessato. La mia ragazza ha chiuso la porta. C'era una piccola panca di legno. Ci siamo seduti insieme.

"Vedi, ci sono donne e ci sono donne", spiegò, "ad alcuni piace vedere bene e ad altri no, alcuni fingono che gli piaccia vedere bene ma non lo fanno e alcuni fingono di no e si amareggiano quando non capiscono." Abbastanza."

"Di cosa stai blaterando?" ho chiesto.

"Beh, Amelia è come me, non ne ho mai abbastanza e nemmeno lei può", disse la ragazza, "Vorrei solo che tutti i miei gentiluomini fossero gentiluomini", aggiunse filosoficamente.

Abbiamo aspettato pazientemente. Apparve uno degli uomini del bar, aprì la porta di Amelia. "Il tempo è scaduto, ti vogliono giù al numero quattro per uno speciale", annunciò.

Amelia si era avvolta in un abito quando è emersa: "Dovrai aspettare, perché non vieni a guardare, potrebbe piacerti", ha spiegato.

L'ho seguita, è venuta anche la ragazza, "Sarà meglio che mi prenda cura di te", mi ha detto in tono disponibile, "Potresti aver bisogno di un po' di sollievo!"

Amelia scomparve attraverso una porta: "Non posso entrare, vieni con me allo spioncino", suggerì la mia ragazza.

Feci come aveva detto. Una porta conduceva a uno stretto corridoio buio con piccoli spioncini ricavati con discrezione nelle pareti. "Di solito costa due centesimi", ha aggiunto.

La stanza era spoglia. Il panno oleato del pavimento che è stato appena pulito. Sette o otto uomini aspettavano lì. Entrò Amelia. Indossava uno dei suoi vecchi vestiti. sembrava una signora in tutto e per tutto, tranne che la scollatura era così profonda che i suoi seni erano completamente nudi e la parte anteriore era tagliata via per mostrare la sua fessura e la collinetta.

"Chi è il primo?" lei chiese.

Lei sceglie. Lei gli sfilò la cintura, gli abbassò i calzoni e cominciò a succhiargli il membro, un altro gli allentò i calzoni e lei lo afferrò con la mano sinistra poi un terzo allentò i suoi e lei lo afferrò con la mano destra.

Allora anche gli altri uomini abbassarono i pantaloni, non solo si abbassarono ma si gettarono a terra e cominciarono a calciare. Amelia ha cambiato signori. allattando e accarezzando uomini diversi fino a quando tutti i loro membri divennero duri come la roccia e poi, con loro tutti raggruppati attorno, li fece cadere oltre il bordo, il loro seme le schizzò il viso, i suoi occhi, il suo vestito ovunque. Anche la sua pancia da dove l'ha raccolta e l'ha forzata nella sua fessura. Sentivo il suo sguardo noioso dentro di me.

Gli uomini si vestirono, si asciugarono sul suo vestito e lasciarono la stanza.

"Ti è piaciuto, John?" chiese Amelia mentre fissava il mio spioncino. "Josie ti ha dato il cambio mentre guardavi?"

"No", risposi con la voce rotta.

"Allora entra e lascia che ti dia il cambio", si offrì.

"Voglio solo parlare." Io spiegai.

"Lo so, e per te è molto più facile quando hai sei pollici di cazzo solido dentro di me", disse consapevolmente, "Voi uomini siete tutti uguali."

La mia ragazza Josie mi ha aiutato a scivolare fuori dallo stretto corridoio e a dirigermi verso il punto in cui Amelia aspettava.

Lei sorrise, si tolse la veste e si mise davanti a me in una posa provocatoria: "Allora tira fuori il tuo membro", ordinò, "O vuoi sporcarti i pantaloni?"

«Voglio parlare», dissi debolmente.

Rimasi lì inutilmente. La mia ragazza mi ha sbottonato i pantaloni. Il mio membro si era già irrigidito al suo tocco.

Amelia rise di me. "Oh mio signore, è tutto quello che hai."

La ragazza ha risposto: "È un bel cazzo", ha detto mentre mi accarezzava.

"Non volevo che ciò accadesse", dissi sinceramente, "volevo corteggiarti e se non avessi risposto lo avrei fatto."

"Non hai pensato oltre al mio innamorarmi perdutamente di te, vero?" Amelia sfidò.

“Lo speravo”, risposi.

"Beh, ho deciso che non avresti dovuto avere il mio onore", rise, "Così sono sgattaiolata via e ho fatto in modo che Madame vendesse il mio onore al miglior offerente."

"Le è piaciuto, le è piaciuto molto", ha aggiunto la mia ragazza.

"Mi piace", ha ammesso Amelia, "adoro la sensazione di un membro solido che preme e pulsa e il piacere che offre al gentiluomo." Si sdraiò e allargò le gambe prima di aprire le labbra al suo grembo per permettermi di vedere direttamente le sue viscere, "E so quanto sei disperato per infilare il tuo membro nel profondo di me, ma, John," disse. “Non puoi, te lo proibisco!” e lei rise.

La mia ragazza mi accarezzò dolcemente il membro. Stava già piangendo del lubrificante. Amelia si sollevò e si prese i seni a coppa formando un canale.

"Ti piacerebbe infilare il tuo coso tra le mie tette e spruzzarmi della crema addosso?" lo provocò.

La mia ragazza mi ha strizzato le palle. Il mio membro è scoppiato. La mia crema d'amore è schizzata sulla gamba di Amelia. La mia ragazza se lo è asciugato sul dito e, a sua volta, ha asciugato le dita nelle parti di Amelia.

"EHI!" Amelia protestò in modo poco convincente, ma l'atto fu fatto.

Mi sentivo sgonfio.

"Volevo corteggiarti", ho ripetuto, "non ci avrei mai pensato".

"Bugiardo, volevi violentarmi," disse Amelia, "Volevi una vergine timida e riservata, così non avrebbe mai saputo quanto sia inadeguato il tuo membro."

"Oh, pensa come dannatamente bene," mormorai, "Sei una puttana vile, ed è tutta colpa mia." Qualcosa di umido mi cadde sulla gamba nuda. Mi resi conto che stavo piangendo.

La ragazza mi tenne vicino: "Va tutto bene, signore", disse, "Amelia è una puttana, signore, non avresti mai potuto renderla felice con la tua modesta virilità".

"Ma se fosse rimasta casta non lo avrebbe mai saputo", sbraitai.

"E se non ti fossi comportato in modo così abissale non avrei mai saputo," disse Amelia, "Non avrei mai provato l'emozione di far spargere il seme a un gentiluomo prima ancora di montarmi, o di avere due membri dentro di me contemporaneamente, o di avere un uomo dopo l'altro fa la fila per montarmi.

Ho singhiozzato.

"Sei un gentiluomo che desidera essere umiliato?" Amelia chiese: "A chi piace il gatto a nove code sul culo nudo? Alcuni lo fanno. Pagano molto bene. Sai che potrei farti una tariffa speciale, legarti al letto e lasciarti morire di fame mentre i topi ti mangiano le dita dei piedi e..."

"Abbastanza!" Ho protestato. Raccolsi le mie cose e mi vestii, con la mente chiusa alle continue divagazioni.

"Saresti dovuto venire non appena hai attraccato", insistette Amelia. “Prima di vedere la mia vocazione”.

"Butterò tutta la tua famiglia nella fogna", sbottò.

"Oh bene, mandami le mie sorelle più piccole," suggerì Amelia, non sapevo se per scherzo o sul serio, "Ma non quelle più grandi perché sono troppo brutte per attirare un uomo, mandale all'ospizio con madre e padre." .”

"Ti ringrazio per il tuo valido consiglio", risposi.

"E non dare referenze allo staff," aggiunse Amelia, "Se sono una puttana non c'è motivo al mondo che dovrebbero avere una posizione superiore."

“Allora ti auguro una buona giornata”, ho insistito, e dopo aver controllato che il mio abbigliamento fosse corretto, mi sono congedato.

"Tornerà", disse speranzosa la ragazza.

"È rovinata", risposi, le offrii una moneta d'oro, "Ti ringrazio per la tua gentilezza", dissi.

"Sono sempre qui se hai bisogno di me", disse tristemente. "Arrivederci."

================================================== ========

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

880 I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Gli assassini senza mira, capitolo 1

Il barista era un uomo pesante. Aveva un viso rotondo e carnoso con occhi piccoli e un naso grosso. In quel momento era continuamente infastidito da una mosca, che evidentemente era molto affezionata al suo naso. Apparentemente il bar era vuoto con alcuni ballerini che dondolavano in giro aspettando l'inizio della serata. Alcuni avevano già clienti ed erano impegnati a soddisfare le loro esigenze. La mia testa ha smesso di girare quando ho visto una ballerina in un angolo. Indossava un reggiseno di seta blu scuro con pantaloncini abbinati. La sua pelle d'avorio brillava alla luce delle luci. Aveva un'espressione nervosa...

488 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

2.1K I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Capo cheerleader

Era il calcio di venerdì sera e la nostra squadra del liceo ha appena perso una partita molto combattuta. Vedi, io sono la capo delle cheerleader e il mio ragazzo Jim è il quarterback e il capitano della squadra. Sembra stereotipato ma questo è il liceo. Beh, era decisamente deluso perché ha lanciato il passaggio sbagliato che avrebbe potuto vincere la partita ma l'ha messo a terra 5 piedi davanti al suo migliore amico e in coda alla squadra in end zone. Volevo tirarlo su di morale davvero tanto. Usciamo da più di un anno ormai, da quando eravamo junior. Mi...

1.4K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: capitolo 35

Per coloro che non hanno letto Queen Yavara: Adrianna's Story, ne ho incluso una sinossi di seguito. La storia era un racconto che descriveva in dettaglio la trasformazione e l'evoluzione del personaggio di Adrianna e comprendeva i capitoli dal 28 al 34. Sinossi della storia di Adrianna Adrianna impiega le sue abilità di comandante per governare la popolazione selvaggia di tribù e immigrati Ardeni. Si guadagna il loro rispetto attraverso una brutale dimostrazione di forza e, a sua volta, dimostra agli altri ibridi di essere capace di essere governante, anche se è riluttante a farlo. Ci sono altri sette ibridi che...

691 I più visti

Likes 0

Katie e Giovanni

Kathy sapeva che doveva sbrigarsi, Craig, l'amico di suo marito, la stava aspettando di sotto in cucina. Si voltò e guardò ancora una volta nello specchio a figura intera il costume che indossava alla festa di lavoro quella sera. Suo marito da dieci anni, John, ultimamente aveva lasciato cadere accenni poco sottili sulla sua vecchia uniforme scolastica, chiedendosi ad alta voce se sarebbe riuscita ancora ad indossarla dopo due figli. Con sua grande gioia, Kathy poteva ancora infilarsi nella gonnellino pieghettato, anche se i suoi fianchi e le sue cosce erano appena un po' aperti. Per completare l'effetto della scolaretta cattiva...

532 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.