I segreti di un pigiama party (Parte 2: I segreti del campeggio)

2.3KReport
I segreti di un pigiama party (Parte 2: I segreti del campeggio)

Erano passate alcune settimane dal viaggio in campeggio ed ero ancora sotto shock. Ero sempre stato tranquillo, ma ora mi sono ritrovato ancora più chiuso. Ogni notte ricordavo la mia esperienza nella tenda, J.D. che violentava il mio buco vergine mentre Alex, che avevo sempre considerato il mio migliore amico, mi teneva fermo nonostante le lacrime e l'elemosina. Il mio culo aveva fatto male per diversi giorni dopo, un costante promemoria della punizione che aveva subito. Ma ciò che odiavo di più di questa intera esperienza non aveva nulla a che fare con J.D. o Alex. Per un motivo che non riuscivo a spiegare, quando sognavo o ricordavo JD che mi scopava, mi veniva un'erezione e mi sentivo confuso sul fatto che odiassi l'esperienza o la volessi segretamente. L'avevo chiesto? Perché avevano scelto me? Perché non l'avevo detto a nessuno?

Una mattina mi sono svegliato e mi sono ritrovato sdraiato a letto un sabato mattina. I miei pensieri alla fine si spostarono su quella notte fatidica e mi sentii diventare di nuovo duro. Con disgusto saltai giù dal letto e andai in bagno. Forse una doccia fredda distoglierebbe la mia mente dalle cose. Con mia sorpresa, è successo. Ma la mia vita era destinata a rivivere quella notte, che lo volessi o no. Non sapendo cosa mi aspettava, scesi a cercare della colazione.

***

A colazione ero tranquillo come lo ero stato dal viaggio in campeggio. Mia madre se n'era accorta ma non aveva spinto troppo il problema con mio sollievo. Non sapevo perché, ma il pensiero di raccontare a lei o a chiunque altro di quella notte mi riempiva di terrore.

Il mio telefono vibrava sul tavolo della cucina. Lo guardo e mi congelai: "Alex" lampeggiò sullo schermo. In quello che non avrebbe potuto essere un tempismo peggiore, mia madre ha visto lo schermo e ho potuto vedere l'idea lampeggiare nei suoi occhi prima che avessi la possibilità di nascondere il mio schermo.

“Ehi, cosa vuole Alex, Jason? Dovresti uscire con lui oggi e domani. Ti farebbe bene.

Il pensiero di passare la giornata, per non parlare di una notte con Alex, era nauseante e l'ultima cosa che volevo. “No, va bene mamma. Vedrò cosa vuole dopo".

"Senza senso. È ovvio che ultimamente ti senti giù per qualcosa. Uscire con i tuoi amici farà miracoli. Chiamalo! Fai un pigiama party, li facevi sempre.

Ho passato la maggior parte della mattinata cercando di respingere mia madre, ma più lo facevo e più sospettava che stessi nascondendo qualcosa. Nel tentativo di evitare di parlarle, alla fine ho ceduto e ho risposto ad Alex.

. J: Ciao Alessio.

. R: Ehi amico. È passato un po', vuoi uscire?

. J: Immagino. Le mamme mi spingono ad uscire di casa.

. R: Fantastico.

. Puoi venire adesso se vuoi. Possiamo andare a nuotare o qualcosa del genere. Porta il tuo costume da bagno.

. J: K

. Sii lì tra un po'.

. A: Oh, porta il tuo controller, il mio secondo si comporta in modo strano, ricordi?

. J: K

Non sapevo cosa pensare della conversazione. Come poteva comportarsi in modo così normale, come se non fosse successo niente? Com'era così calmo quando non riuscivo a distogliere la mente da quella notte. A scuola l'avevo evitato, camminando dall'altra parte quando l'ho visto. Per fortuna, JD è andato in un'altra scuola, ma a giudicare dai suoi post su Instagram e Facebook, stava vivendo la vita come al solito. Confuso, mi misi a prepararmi.

***

C'erano tre bandiere rosse che avrebbero dovuto farmi andare via una volta arrivato a casa di Alex.

La prima bandiera rossa che mi ha fatto preoccupare è stata che Alex ha aperto la porta. Essendo stato a casa sua un milione di volte, sono sempre stati i suoi genitori o la sorella ad aprire la porta.

“Giacomo! Vieni in boccio. I miei genitori hanno portato mia sorella a quella fiera della scienza e non torneranno prima di domani, quindi abbiamo la casa tutta per noi".

Merda. La seconda bandiera rossa. Perché ho continuato dentro, non lo saprò mai. Avevo troppa paura per dire che avevo paura, o una parte di me voleva sapere cosa sarebbe successo?

***

Il pomeriggio trascorse lentamente. Alex ha continuato a cercare di comportarsi normalmente mentre io chiaramente ero distante. Abbiamo iniziato giocando ai videogiochi. Quando è stato chiaro che non mi stavo divertendo, ha suggerito di andare nella sua piscina comunitaria. Quindi l'abbiamo fatto. Tutto sembrava così da manuale, come se stessimo seguendo i movimenti. Dopo aver nuotato goffamente per un po', abbiamo iniziato a tornare a casa e finalmente abbiamo iniziato a parlare dell'inevitabile.

“Allora Jason. Ti sei sentito bene?"

"Che cosa?" Sentirsi bene?! Cosa stava fumando?

"Sai. Ai gay piace quella roba. Prendendolo per il culo".

“Amico, come puoi pensare che mi sia piaciuto? Stavo piangendo per l'amor del cazzo!

“Non lo so amico, penso che ti sia piaciuto. Perché altrimenti non lo diresti a nessuno?"

"Che cosa?! Come fai a sapere che non l'ho detto a nessuno?"

"Hai fatto?" Alex si fermò davanti alla porta di casa per guardarmi.

"No."

"Bene. Perché non andrebbe bene per te.

La terza bandiera rossa. Alex aprì la porta d'ingresso.

"Perché non parliamo dentro Jason."

L'ho seguito dentro.

***

Siamo andati nella sua stanza per prendere i nostri vestiti per cambiarci e Alex si è fermato al suo letto. "Ehi Jason, siediti con me."

"Perché?" Ho detto. Sono rimasto in piedi. “Sinceramente, dovrei semplicemente andare. Mi hai ferito e questo atto di essere normale è fottutamente imbarazzante.

“Vieni un uomo, ti è piaciuto. Lo dirai a qualcuno, Jason?"

"Non lo so. Onestamente, probabilmente dovrei. Tu e J.D. siete degli stronzi. Ho iniziato ad afferrare i resti dei miei vestiti quando Alex è balzato in piedi rapidamente e si è mosso verso di me. Sussultai quando si avvicinò e mi afferrò per il polso.

“Jason, ho bisogno che ti calmi e ti comporti bene. Sicuramente non lo stai dicendo a nessuno. Non costringermi a darti una lezione.

"Amico, lascia andare." Il mio cuore ha iniziato a battere. La mia mente è balzata alla notte in cui Alex mi aveva tenuto fermo e ora ho visto lo stesso sguardo nei suoi occhi. “Alex, fermati. Non lo dirò a nessuno".

“Non ti credo Jason. Penso che tu abbia bisogno di un promemoria per spiegare cosa accadrà se lo dici".

"Lascia andare!"

“Giacomo. Ti punirò".

"Per quello. non ho fatto un cazzo! Sei tu quello che deve essere punito".

Poi Alex mi ha ricordato quanto fosse più forte di me. Con la presa sul mio polso mi ha trascinato sul letto, si è seduto e mi ha tirato giù. Ho iniziato a lottare, ma lui mi ha trascinato in grembo senza sforzo, mi ha bloccato il braccio libero e le gambe. Ora ero esposto sopra il suo ginocchio nei miei costumi da bagno bagnati.

“Alex fermati. Sta diventando ridicolo, fottuto pervertito.

Non ha detto una parola. *MACCHIA*

“Alessio! Fanculo che male. Fermare!"

Lui continuò. *SMACK* *SMACK* SMACK*

“Oooh! Alessio!”

Alex iniziò a sculacciare lentamente e metodicamente il mio culo bagnato.

“Sei un bugiardo Jason *SMACK* So che ti è piaciuto quando *SMACK* J.D. ti ha fottuto. *SMACK* E non credo che *SMACK* non parlerai di noi a nessuno. *SMACK* Quindi ti insegnerò *SMACK* una lezione *SMACK* per ricordarti cosa succede ai ragazzi che fanno la spia.

stavo piangendo. Il mio culo era in fiamme. "Per favore Alex, non lo dirò a nessuno."

"Non lo farai quando avrò finito con te."

Alex iniziò a sculacciarmi sul serio. Ogni colpo si diffondeva come un fuoco nel mio culo e faceva un forte schiaffo sui miei bauli bagnati che echeggiavano nella sua stanza. Ogni colpo è stato accolto con un guaito da parte mia e prima che me ne rendessi conto le lacrime mi rigavano il viso.

“OOOOWW. Per favore fermati! Fa male!" Ho provato a dimenarmi e scalciare, ma Alex mi ha bloccato bene ed ero di nuovo impotente. Mi sono ricordato che mi teneva fermo mentre venivo violentata. Questo dolore era diverso, ma Alex non era meno ansioso di vedermi in agonia.

Non so per quanto tempo mi ha sculacciato, ma è sembrata un'eternità. Alla fine i suoi colpi si fermarono e la sua presa si allentò. “Jason, finirò la tua punizione alla vecchia maniera. Con una cintura. Ho emesso un singhiozzo di terrore.

"Per favore no."

“Hai due scelte. Puoi comportarti e prendere la tua punizione come un uomo. Se lo fai ti darò 5 schiacciate. Oppure puoi combattermi. Se lo fai, te ne darò 15. È una tua scelta.

La mia mente correva. Era serio. Potrei correre? No. Era troppo forte e veloce. Fanculo.

"Mi comporterò bene con Alex", dissi mentre le lacrime mi rigavano il viso. Mi ha lasciato alzare. Anche lui si alzò e si avvicinò al suo armadio e afferrò una spessa cintura di pelle marrone, consumata da anni di usura.

«Oh, e un'altra cosa. Questi swat sono culi nudi! Lo guardai con paura.

"Alex andiamo!"

"Adesso!" Egli ha detto. "O ne vuoi 15?" L'ho guardato. Nei suoi occhi ho visto una fame e sapevo che era pronto a picchiarmi finché non mi fossi arreso. Non ho scelta. Lentamente e con cautela tirai giù i miei costumi da bagno. Sussultai mentre l'elastico bagnato scivolava lungo il mio culo frustato. Mentre i miei bauli scendevano, ho visto nello specchio di Alex dall'altra parte della stanza il mio culo è stato esposto rivelando un culo grassoccio, ora rosso. L'evidenza della mia sculacciata era chiara come un giorno per lui. Imbarazzato, ho cercato di voltare le spalle, ma non c'era dove andare. Ha sorriso ai miei tentativi e non ha nascosto di guardarmi il culo e il pene. Ha notato il mio pene flaccido: "Vedo che non ti stai godendo questa parte, eh?" Ha riso. “Ora piegati sul mio letto e preparati per la tua punizione. Sei un bugiardo e meriti di essere frustato".

Esitai, ma l'inevitabilità era chiara nella mia mente e mi sdraiai dolcemente ai piedi del suo letto, esponendo il mio culo alla sua mercé. Il mio corpo nudo era completamente esposto e ancora bagnato dal nostro primo tuffo in piscina. Luccicai dolcemente sotto la luce e Alex rimase in piedi ad ammirare il suo lavoro e la sorpresa che gli stava davanti. Mentre mi guardava, mi preparavo a quello che stava per succedere. Ho nascosto la faccia nel suo letto e ho afferrato le lenzuola in attesa.

“Ora Jason, ricorda, se non ti comporti ne aggiungo altri 10. Capisci?"

“Ye-“ – CRAAACK!!!

“OOOOOWWWWW!” Ho urlato. Il dolore era atroce e non riuscivo a controllarlo. Ho preso a calci e mi sono coperto il culo con le mani.

"Alza le mani! Adesso!" A malincuore ho fatto come mi aveva chiesto. Il mio pianto era ripreso e potevo vedere le macchie bagnate delle mie lacrime sulle sue lenzuola.

PAZZA!!! PAZZA!!! PAZZA!!!

Era più che potevo prendere. Ansimavo, piangevo e cercavo di respirare mentre lui mi frustava. Le mie gambe scalciavano e io afferravo le lenzuola con le mani più forte che potevo. “OOOOWWW! Fa male!!! OOWW!”

“Stai andando alla grande Jason. Un altro, prima di passare all'ultima parte". Cosa intendeva per "ultima parte"?

PAZZA!!! “AAAAGHH!” Sono crollato sul letto, sconfitto e dolorante. Il mio culo non aveva mai sentito un dolore così prima e sono stato sopraffatto. Rimasi lì ansimando, creando un segno d'acqua ancora più grande sulle sue lenzuola dalle mie lacrime. “Hai fatto bene Jason. Hai intenzione di comportarti bene ora?

"S-sì."

"Hai intenzione di dirlo a qualcuno?"

"No. Io – lo prometto. Per favore, non di più.

"Abbiamo finito con la tua sculacciata ora." Mi ha aiutato a tirarmi completamente sul letto, con la testa sul cuscino. Mi sdraiai a pancia in giù per mantenere la pressione del fuoco nel mio culo. Ho sentito un palpito e un fuoco dalle ciglia e mentre mi guardavo indietro ho visto che le mie guance erano di un solido rosso con evidenti strisce dalla cintura. Sono crollato di nuovo sul letto, perdendo le tracce di Alex.

Pochi minuti dopo ho sentito il letto spostarsi. Esausta e dolorante, non ho reagito immediatamente, ma poi ho sentito Alex tirarsi su dietro e sopra di me e ho sentito la sensazione ormai familiare di un pene eretto tra le mie gambe. Ero fuori combattimento. Aveva vinto. Non restava altro da fare che accettare che finalmente avrebbe avuto il suo turno di scoparmi.

“Sei stato un bravo ragazzo Jason. Ora è il momento della tua ricompensa. Il mio respiro è accelerato, ma per il resto non ho mostrato segni di resistenza o movimento. L'ho sentito versare del liquido nella mia fessura, lubrificante senza dubbio. Dovrei essere grato che abbia pensato di usarlo? Si sentiva fresco sul mio culo infuocato ed era gentile mentre lo strofinava attorno al mio buco. Sapevo cosa stava arrivando. Le paure di J.D. che mi tiravano fuori la verginità erano fresche nella mia mente, ma mi sentivo così debole e sconfitto che mi limitai a guardare indietro ad Alex e dissi: "Per favore, sii gentile. Non combatterò". Si limitò ad annuire.

L'ho sentito spingere il suo pene eretto contro il mio buco e iniziare a spingere delicatamente. Ero stretto e non appena ha iniziato a spingere dentro, ho potuto sentire il mio corpo resistere ed è scoppiato un dolore acuto mentre il mio buco protestava per essere stato penetrato. Sussultai e presi le lenzuola. Il dolore era quasi opprimente tra l'allungamento del mio buco del culo e il corpo di Alex che si sfregava contro il mio culo dolorante. Ha continuato a spingere lentamente, ma costantemente dentro di me. Quando arrivò a metà strada, sentii il panico venire su di me. Non di nuovo! Non di nuovo! Il mio respiro accelerò e cominciai a contorcermi, sentendo il suo pene palpitante come una lancia dentro la sua preda.

“Shhh. Va bene Jason. Semplicemente rilassati." Si chinò su di me e mi tenne. Con la faccia premuta contro la mia testa, mi sussurrò all'orecchio: "Andrà tutto bene. Ti ho preso." Poi si è spinto dentro di me, fino alle palle e io ho gridato di dolore per il modo in cui si è allungato e mi ha riempito. "Shhh", ha detto mentre iniziava a scoparmi. Ogni spinta mi faceva male al culo, ma anche ad ogni spinta i suoi fianchi si strofinavano contro le mie guance rosse e luminose, amplificando il dolore della mia sculacciata. Era molto più gentile di J.D. ma la combinazione del dolore era ancora sufficiente per farmi piangere di nuovo. Alex continua a fottermi, il suo respiro mostra il suo evidente piacere di essere dentro di me. “Rilassati e divertiti Jason.”

Come potrei godermela? Ma questa volta stava succedendo qualcosa di diverso. Mentre mi scopava, potevo dire che il mio buco del culo si stava rilassando (o era costretto ad allungarsi) e il dolore stava diminuendo. Sì, le mie chiappe erano ancora in fiamme, ma la sensazione nel mio culo si stava trasformando in qualcosa di quasi... buono? Alex deve aver notato: “Vedi Jason, ti stai divertendo. Sei nato per prendere il cazzo. Ha poi aumentato il ritmo. Ogni spinta mandava un gemito attraverso di me mentre cercavo di capire la sensazione. I suoi grugniti e i miei gemiti si mescolarono insieme nella sua stanza mentre mi teneva e mi bloccava ancora e ancora con il suo cazzo duro come una roccia. Ho iniziato a sentire uno strano formicolio nel culo che non avevo mai sentito prima. Ciascuna delle spinte di Alex ha fatto sì che si costruisse e si costruisse portandomi un nuovo piacere ritrovato. Prima che me ne rendessi conto, ho sentito una pressione nei miei fianchi e ho capito che il mio stesso cazzo stava diventando duro. Tra lo sfregamento sulle lenzuola e Alex che mi martellava le viscere ho capito che mi avrebbe fatto venire.

"Cazzo", ho detto mentre mi rendevo conto. Alex l'ha preso come un segno che stava facendo qualcosa di giusto - lo era - e ha alzato il ritmo ancora una volta. Ho sentito l'orgasmo crescere dentro di me, ma mi sono sentito come mai prima d'ora quando mi ero masturbato. Questa volta il pene di Alex ha aumentato il piacere inviandomi onde d'urto di piacere. Ha costruito fino a quando non sono riuscito a tenerlo. “Oh cazzo. Sto venendo!" Ho pianto. Per la prima volta, il sesso mi ha portato all'orgasmo e il mio corpo ha avuto convulsioni di piacere mentre lo sperma scorreva sulle lenzuola e il mio culo tremava per l'estasi.

"Santo cielo, che figata", esclamò Alex. Il suo ritmo raggiunse un ritmo esasperante, martellandomi come aveva fatto J.D. quando il mio orgasmo era finito. Quando il mio buco del culo si è rafforzato, mi ha fottuto forte. “Vado a venire! Sto venendo. Oh merda. OHHHH!” L'ho sentito speronare il suo cazzo dentro di me facendomi gridare. Il suo cazzo si è gonfiato mentre veniva e potevo persino sentire il vapore del suo sperma che mi sparava dentro. Alex mi ha speronato un paio di volte, gridando di piacere prima di crollare. Siamo entrambi sdraiati lì, ansimante, persi nella pura emozione. Dopo un momento, Alex si è tirato fuori delicatamente e si è rotolato via da me, afferrandomi i tronchi per pulire il suo cazzo e il mio culo di lubrificante e sperma. Mentre me ne stavo lì a respirare affannosamente, contemplando l'estrema gamma di dolore e piacere che avevo appena provato, Alex si sdraiò accanto a me.

"Hai intenzione di mentirmi di nuovo, Jason?"

"No", ho detto. "No, non lo farò."

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

879 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

386 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

726 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: capitolo 35

Per coloro che non hanno letto Queen Yavara: Adrianna's Story, ne ho incluso una sinossi di seguito. La storia era un racconto che descriveva in dettaglio la trasformazione e l'evoluzione del personaggio di Adrianna e comprendeva i capitoli dal 28 al 34. Sinossi della storia di Adrianna Adrianna impiega le sue abilità di comandante per governare la popolazione selvaggia di tribù e immigrati Ardeni. Si guadagna il loro rispetto attraverso una brutale dimostrazione di forza e, a sua volta, dimostra agli altri ibridi di essere capace di essere governante, anche se è riluttante a farlo. Ci sono altri sette ibridi che...

690 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.