Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

57Report
Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa



La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei mangiare in abbondanza.

Ci siamo seduti tutti e ci siamo goduti la colazione preparata da Robin. Olivia stava andando a fare shopping con Julie più tardi e io stavo tornando al mio appartamento. Avevo del lavoro da fare e delle pulizie generali dell'appartamento. Allora probabilmente stavo andando a nuotare per un po'.

“Robin, è tutto delizioso. Hai decisamente perfezionato la colazione.”

“Marco, grazie. Sono sicuro che potresti fare di meglio".

“No, è stato davvero ben fatto. Penso di provare a cucinare le cose troppo velocemente per colazione per la maggior parte del tempo.”

"Sono felice che ti sia piaciuto." disse Robin.

"Olivia, cosa cercate oggi tu e Julie?" Ho chiesto.

“Volevo dei sandali e un bikini più nuovo. Julie stava parlando di ottenere una copertura per il suo costume da bagno e potrebbero essere degli elastici per i capelli. Ma potremmo trovare anche altre cose”.

"Pensavo che il tuo costume da bagno fosse nuovo."

"L'ho preso l'anno scorso e penso che uno nuovo si adatterebbe meglio."

"Non spendere troppo", intervenne Robin. "Devi risparmiare un po' dei tuoi soldi per il viaggio di luglio."

“L'ho messo da parte. Inoltre, lo zio Mark mi ha fatto un bel regalo."

"Oh veramente?"

Avevo dato a Olivia solo 50 dollari oltre alla collana. Poi ho pensato alla luce rossa. «Volevo chiederti, Robin, di questa luce rossa che ho visto nella stanza degli ospiti. Sapete cosa lo sta causando?"

“Non sono a conoscenza di una luce. Dove si trova?

«Era vicino alla presa d'aria di ritorno. L'ho visto un paio di volte ma solo per un secondo, poi scompare".

Robin ha chiesto a Olivia: "Hai mai visto una luce rossa nella stanza degli ospiti?"

Olivia esitò e poi disse: "No". Aveva un'espressione perplessa sul viso che sembrò mutarsi in preoccupazione. Ma poi ha continuato dicendo: "Non ricordo di aver visto nessuna luce vicino allo sfiato".

“Beh, immagino che sarà un mistero. Potrei provare a risolverlo la prossima volta che finisco".

Dopo colazione Olivia ed io abbiamo pulito la cucina e poi ci siamo diretti verso le nostre rispettive attività. La mamma di Julie è andata a prendere Olivia proprio alle 10:00 e poi ho salutato Robin in modo che potesse andare a lavorare. Nell'appartamento mi occupavo delle mie pulizie. Non è necessario far funzionare la lavastoviglie più di una volta alla settimana. I vestiti dovevano essere lavati. Per fortuna l'appartamento includeva una piccola lavatrice e asciugatrice. In Corea del Sud sono stato viziato da un servizio di pulizia, sempre pagato dall'azienda. Un ulteriore vantaggio è stato che alcuni degli addetti alle pulizie hanno goduto di un po' di soldi extra. Facevano qualche lavoretto extra quando ero a casa. Può essere piuttosto divertente guardare una ragazza nuda che pulisce la casa. Chinarsi per raccogliere le cose dal pavimento con la giusta angolazione ha reso il tutto ancora più piacevole. Un paio di loro mi davano un'attenzione speciale pulendomi sotto la doccia con un lavoro manuale o un pompino aggiunto. Non mi hanno mai scopato perché quello non era il loro ruolo, ma essere nudi e fare un lavoro manuale era considerato ok dall'azienda.

Le due settimane successive sono state impegnative. Con il lavoro la maggior parte delle volte il mio tempo libero era limitato. Stavamo lavorando a un nuovo processo di produzione che dovevo spiegare al contingente della Corea del Sud. Ho chiamato Robin e Olivia solo per controllarli. Robin era stato invitato da un ragazzo con cui aveva flirtato e sono andati al loro primo appuntamento. Ho chiesto se Olivia aveva bisogno di essere guardata, ma stava andando da Julie per dormire, quindi non ce n'era bisogno.

Alla fine ho rallentato e, a causa del lavoro extra, mi sono stati concessi un paio di giorni in più che mi hanno permesso di avere un weekend di quattro giorni. Si stava avvicinando la fine di luglio e ho pensato che sarebbe stato bello visitare mia sorella. Mentre vivevamo abbastanza vicino, era comunque bello stare lì. Quindi, ho fatto le valigie per un lungo weekend.

Robin mi ha accolto come al solito. Abbiamo passato un po' di tempo a farci prendere e poi è dovuta andare a fare un po' di shopping. Mi sono offerto di andare con lei, ma ha detto che sarebbe andato tutto bene. Mi ha detto di rilassarmi. Olivia era fuori con gli amici a fare shopping, quindi la casa era tranquilla.

Ho pensato a quella luce rossa. Così, ho deciso di fare un po' di indagini. Sono andato nella stanza degli ospiti e ho guardato intorno allo sfiato. Non ho visto nulla. Ho preso la scaletta di Robin e sono salita per dare un'occhiata più da vicino. Ancora niente che assomigliasse a una luce. Quindi, sono andato di sopra e ho misurato dove si trovava lo sfiato. Non ho visto lo sfiato perché c'era un armadio in quella posizione. Ho iniziato a tornare giù per le scale, ma poi ho pensato che forse avrei dovuto guardare nell'armadio.

L'armadio aveva una luce, quindi l'ho acceso e spostato le cose appese fuori mano e ho notato la griglia della ventola. Mi sono messo in ginocchio e ho guardato attraverso lo sfiato e si poteva vedere chiaramente la scrivania nella stanza degli ospiti. Poi ho notato che un paio di feritoie erano un po' più distanti. Niente che dovrebbe essere evidente dalla stanza degli ospiti. Ho curiosato ancora un po' e ho trovato un cuscino appoggiato alla parete laterale.

Ero ancora sconcertato quando ho sentito qualcuno salire i gradini. Strisciai fuori dall'armadio mentre Olivia stava raggiungendo la cima delle scale. Ho iniziato a dire qualcosa, ma poi ho visto il panico sul suo viso. Rimetto in ordine i vestiti. Poi mi voltai verso di lei, congelata e fissandomi. Le ho parlato: "Olivia, cosa sai del semaforo rosso?"

Ha balbettato e si è fermata. Ha iniziato a piangere: "Mi dispiace. Non riuscivo proprio a trattenermi. Cancellerò i file. Per favore, non dirlo a mamma".

Non ero ancora esattamente sicuro di cosa stesse succedendo. Penso di essere stato denso. "Olivia, quali file?"

"Il video che ho fatto mentre ti guardavo."

"Portali qui". Andò nella sua stanza e tornò con una videocamera. “Quando papà se ne andò mi diede la sua videocamera. I file sono sulla fotocamera."

Le ho detto di venire con me nella stanza degli ospiti. Avevo i cavi per collegarlo al mio monitor. Lei lo seguì con riluttanza. Quando sono arrivato, ho collegato l'uscita video al mio monitor e ho trovato i file da riprodurre. Ho scelto l'ultimo per giocare. Quello che ho visto mi ha scioccato, non per quello che è stato visto, ma per il fatto che mia nipote mi aveva filmato. Le feritoie di ventilazione hanno bloccato parte della visuale, ma quel poco spazio ha permesso all'obiettivo di ingrandire e catturarmi mentre mi masturbo alla scrivania dove ho messo il mio computer. Mi aveva visto masturbarmi tre volte. Olivia si sedette sul letto a testa bassa. Sono rimasto sbalordito.

"Olivia, perché?" Riusciva a malapena a parlare. Con voce dolce e timorosa disse: "Mi dispiace. Ero solo curioso dei ragazzi e una notte ti ho sentito fare rumore. Sapevo che potevi guardare nella stanza dall'armadio e sono andato lassù e quando ho guardato attraverso ti ho visto, ehm, mentre ti masturbavi. Non riuscivo a smettere di guardare e sono rimasto lì finché non sei andato a letto. Poi la prossima volta che sei stato qui ho pensato alla macchina fotografica e quando sei andato a letto l'ho portata con me. Sono stato sorpreso ed entusiasta di vederti giocare con la tua, la tua cosa. Quella notte non riuscivo proprio a dormire a pensarci." Si è fermata. Mi guardò e abbassò la testa.

"Beh, dimmi il resto."

“Non c'è molto altro da dire. Ho fatto la stessa cosa altre due volte in modo che il video fosse migliore. Ma la luce non era mai abbastanza buona per vedere bene".

"Cosa hai fatto con il video?"

"L'ho guardato sullo schermo di visualizzazione." Alzò lo sguardo e implorò: "Per favore, non dirlo a mamma. Farò di tutto per farti perdonare. Per favore?"

"Io non so cosa fare. Non avresti dovuto fare video".

"Lo so. Ero solo... ero curioso".

“Ci penserò su e ti farò sapere la mia decisione. E mi tengo la macchina fotografica".

Olivia andò nella sua stanza e vi rimase finché sua madre non la chiamò a cena. La cena è stata molto sottotono. Olivia piangeva ogni volta che dicevo qualcosa. Sua madre le ha chiesto cosa c'era che non andava e lei ha detto che era quel periodo del mese. sapevo meglio.

Almeno ora sapevo cosa aveva causato quelle piccole luci rosse. E avevo la macchina fotografica. E Olivia era disposta a tutto pur di tenere all'oscuro sua madre. Avevo molto su cui riflettere. E ho riflettuto.

Cosa dovrei fare per le avventure cinematografiche di Olivia? Doveva essere qualcosa che avrebbe fermato ulteriori intrusioni. Qualcosa che era uguale o peggiore di quello che aveva fatto. Più pensavo più i miei pensieri si rivolgevano a quelle ragazze nude che correvano in giro a giocare in piscina. Olivia non sapeva che avevo guardato lei e le altre ragazze magre immergersi.

Un piano ha iniziato a formarsi; un piano che sarebbe divertente per me. Potrei implementarlo la prossima volta che andrò a nuotare in piscina. La prossima volta sarebbe stata presto.

Storie simili

Vacanza tropicale_(1)

Vacanza tropicale È stata una notte tranquilla al resort, essendo fuori stagione ea metà settimana. Ma è per questo che eravamo lì: abbiamo risparmiato un sacco di soldi in questo modo. Dopo cena abbiamo deciso di prendere un paio di drink tropicali e dirigerci verso la vasca idromassaggio sul lato nudo del resort. Quando siamo arrivati ​​c'era già un'altra coppia lì, il che mi ha un po' deluso: speravo di fare sesso con mia moglie sotto le stelle. Ma li abbiamo riconosciuti come Tom e Nancy, che si erano conosciuti il ​​giorno prima alla piscina per nudisti, quindi ci siamo salutati...

0 I più visti

Likes 0

Un inaspettato scherzo del destino

Kaden James- Spostò il peso per guardare suo padre, la mano ancora sulla maniglia della porta. Sapeva già cosa stava per dire. Prima che suo padre potesse parlare con suo fratello Kael e sua sorella Kayla entrarono dalla porta del patio. Sebbene Kayla cercasse spesso di nasconderlo, era chiaramente presa da sua madre. Quando aveva 13 anni si è tinta i capelli di un bel colore ramato che ha quasi fatto venire un infarto a suo padre. Indossava anche un pesante trucco per gli occhi che la faceva sembrare più vecchia e sexy. Il modo più semplice per farla incazzare era...

92 I più visti

Likes 0

Il primo trio di mia moglie

Questa storia è successa esattamente 2 anni fa. Io e mia moglie siamo entrambi molto entusiasti del sesso e delle avventure sessuali. Sono fortunato ad avere una moglie così arrapata. Per prima cosa ti spiegherò mia moglie. Il suo nome è vidya (nome cambiato) e ha 28 anni. Veniamo da Cochin in Kerala. Vidya è alta circa 5 piedi e 2 pollici, un corpo snello con tette medie e un fantastico culo rotondo. È bionda e assomiglia leggermente a Aiswarya rai. Sono rahul e ora ho 35 anni e come nelle mie storie precedenti sono alto 5 piedi e 8 pollici...

71 I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

74 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

12 I più visti

Likes 0

Il mio progetto scolastico, MAMMA 2

Il mio progetto scolastico, MAMMA 2 Questa è la seconda parte di questa storia per capirla meglio ti consiglio di leggere la prima parte. I commenti sono i benvenuti. Sabato mattina Sherry si è svegliata alle 7:30. Si sentiva meravigliosa, ma poi si rese conto che aveva lo sperma secco su tutto il sedere. Mio Dio, ho fatto un sogno bagnato la scorsa notte e non mi sono ricordato che le è passato per la mente. La sua figa era dolorante e tesa, e il buco del culo le bruciava un po'. Rimase in piedi a guardare tutto lo sperma secco...

90 I più visti

Likes 0

Swinging con la mamma - Parte 1

[Ciao, mi chiamo Farhan. Ho 19 anni, un ragazzo musulmano che vive in Canada con la mia famiglia composta da mia madre, mio ​​fratello minore e mia sorella minore. Questo è successo di recente e ho pensato di condividere questa esperienza con il mondo. Quando io e mia madre ci parlavamo, era in urdu, ma ho tradotto un po' in inglese per la tua comprensione poiché xnxx è principalmente basato sull'inglese. Questo era prima del Ramadan. Prima di iniziare, ho un corpo abbastanza magro, capelli neri e occhi marroni. Sono alto 5'8 pollici. Mia madre ha lunghi capelli neri, occhi marroni...

34 I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

72 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.