Solo al lavoro_(1)

1.2KReport
Solo al lavoro_(1)

Tutto è iniziato con una festa di Natale aziendale, ogni anno tutti si riunivano in un bar poco distante dai nostri uffici e si facevano martellare. All'epoca avevo 19 anni, ma sono riuscito a entrare nella folla di colleghi con cui andavo. Ero in azienda da poco più di 6 mesi e questa era la prima volta che passavo davvero del tempo con uno dei miei colleghi fuori dall'ufficio.

Ho lavorato al cimitero con altre 3 persone, ma ero l'unica donna di turno. I ragazzi erano tutti fantastici, ma soprattutto sulla quarantina o più. Il ragazzo più giovane aveva 28 anni all'epoca e ci siamo trovati subito d'accordo. Si chiamava Richard e anche se aveva 9 anni in più avevamo molto in comune, inoltre mi sentivo al sicuro con lui. Era 5'10 "probabilmente 200 libbre, capelli scuri, occhi chiari e sembrava sorridere sempre. Era un pervertito come il resto dei ragazzi ma non mi guardava apertamente come facevano gli altri.

Nei fine settimana io e Richard lavoravamo molto da soli, e quando lo facevamo di solito passavamo la notte a scherzare oa parlare della sua famiglia. Questa notte alla festa di Natale mi sono fatto scivolare da bere per tutta la notte e sono stato piuttosto ubriaco abbastanza velocemente. Sono uscito con Richard per gran parte della notte ed eravamo entrambi estremamente civettuoli.

Con il passare della notte si avvicinava a me, mi toccava più spesso e alcune volte premeva accidentalmente il suo inguine contro di me mentre le persone si muovevano intorno a noi nel bar affollato.

Alla fine della serata ero troppo ubriaco per guidare e Richard si è offerto di accompagnarmi a casa. Per tutto il viaggio fino a casa mia ho potuto sentire i suoi occhi su di me, mi ha detto che stavo bene e mi ha detto che se non fosse sposato sarei stato nei guai. Ho riso e finalmente eravamo a casa mia. Mi ha lasciato e non è successo nient'altro.

Dopo quella notte ho notato che io e Richard flirtavamo più spesso, ma comunque solo un innocuo divertimento. Pochi mesi dopo stiamo lavorando da soli il fine settimana, e lui è molto più aggressivo del normale, stando vicino a me mentre parlavamo, guardandomi apertamente dall'alto in basso, appoggiandomi sottilmente contro muri o angoli.

Mi stavo godendo l'attenzione ma sapevo che era sbagliato, è un uomo sposato. Alla fine gli ho detto che avevo molto da fare e che dovevo tornare alla mia scrivania, ed è stato allora che si è avvicinato per baciarmi. Mi sono allontanato e lui l'ha perso. Mi ha afferrato per i capelli, mi ha tirato verso la mia scrivania, mi ha chiamato per prendermi in giro, ha detto che flirtavo sempre e cercavo di farlo arrabbiare solo per lasciarlo in sospeso e ne era stanco.

Aveva una presa salda sui miei capelli e mi chiamava troia mentre mi trascinava alla mia scrivania. Avevo le lacrime agli occhi per il dolore, ma nel momento in cui la parola troia ha lasciato la sua bocca ho sentito un battito tra le mie gambe. Ero una puttana per aver flirtato con un uomo sposato? Mi è decisamente piaciuto.

Non appena siamo arrivati ​​alla mia scrivania, l'ha ripulita e mi ha spinto contro di essa. Sentii il freddo piano della scrivania premere contro la mia guancia e piagnucolai. Richard si mise dietro di me, mi tenne fermo con una mano e con l'altra mi slacciò i jeans prima di strapparli violentemente.

Non indossavo le mutandine e Richard lo ha fatto notare dicendo

"Niente mutandine al lavoro? Sapevo che eri una troia!"

Fece scivolare la mano tra le mie cosce mentre cercavo di scappare. Mise una mano al centro della mia schiena e mi spinse di nuovo sulla scrivania, togliendomi leggermente il fiato. Ho smesso di lottare abbastanza a lungo da permettergli di mettere la sua mano tra le mie cosce.

"Ti sta piacendo, vero troia?" sputò

Ho sentito che il suo si era strofinato contro la mia figa e potevo sentire che ero bagnato. Era sbagliato e sapevo che dovevo scappare, ma il mio corpo lo voleva. Erano passati alcuni mesi dall'ultima volta che avevo fatto sesso e il mio corpo ne soffriva.

"Sei così bagnata qui dietro troia! Sapevo che avevi bisogno di un po' di cazzo!" disse mentre faceva scivolare un dito nella mia figa stretta.

Tutto quello che riuscivo a fare era piagnucolare e piangere mentre mi toccava lentamente la fica dentro e fuori. Ho provato a lottare ma era così forte e non ho potuto fare a meno che si sentisse bene.

Fece scivolare un altro dito dentro di me e io emisi un gemito

"Ti piace quella troia?" chiese.

Ha iniziato a toccarmi sempre più velocemente, l'altra mano ancora sulla mia schiena che mi teneva contro la mia scrivania. Ho lottato più che potevo lottando per fermarlo, implorandolo di smetterla, piagnucolando, singhiozzando e gemendo.

Ho sentito il mio corpo stringersi ed è successo. Sono venuto, e sono venuto duro. Ho visto macchie mentre il mio corpo si tendeva e si rilassava. Per tutto il tempo Richard mi ha toccato la figa velocemente e con forza.

"Esatto troia! Vieni per me!" ringhiò.

Poi si chinò su di me e mi sussurrò all'orecchio.

"Sei la mia cagna ora e ti prenderò!"

Mi mordicchiò il collo mentre si allontanava e il mio corpo rabbrividì.

Ha tolto la mano dalla mia figa fradicia solo per sostituirla con il suo cazzo molto duro. Non mi ero nemmeno reso conto che si fosse tolto i pantaloni. Ha cercato di infilare completamente il suo cazzo dentro di me, ma anche se ero bagnato ero troppo stretto e lo ha detto.

"Dannazione troia hai una figa stretta! Sta solo implorando di essere allungato" grugnì

Continuava a scivolare avanti e indietro forzando più del suo cazzo dentro di me ad ogni spinta.

Spinta
Spinta
Spinta

"Sei così fottutamente stretto" grugnì

Spinta
Spinta
Spinta

"Così bagnato! Ti senti così bene!" gemette

Gli unici suoni nella stanza erano i suoi grugniti, i leggeri schiaffi dei nostri corpi e lo squish umido tra le mie gambe mentre usava la mia figa fradicia per il suo piacere.

Per quanto ho cercato di combattere i sentimenti non ci sono riuscito. Sebbene Richard non fosse enorme, era decisamente grosso e il suo cazzo mi stava allungando in modo doloroso ma piacevole e ho iniziato a gemere.

"è vero troia, sapevo che ti sarebbe piaciuto!" Richard grugnì

"Sapevo che saresti stata una gran chiavata" disse mentre si fidava di me.

"Esatto, spingi il culo dentro di me, sapevo che lo volevi troia!" grugnì e mi strinse forte i fianchi.

Questo mi ha sorpreso perché non mi rendevo conto che stavo respingendo. Il mio corpo aveva il pilota automatico e il suo cazzo invadente stava colpendo proprio il punto giusto. Stavo ansimando e gemendo, mi ha scopato forte e velocemente, e ho sentito un altro orgasmo crescere e ho lasciato che mi colpisse. Gemevo e urlavo mentre Richard usava la mia fica. Nessuna gentilezza, nessun riguardo per il mio piacere. Solo pura lussuria animale e spinte. Mi stava usando per il suo piacere e io lo adoravo. Mi ha scopato forte e velocemente, pompandomi dentro il più profondamente possibile.

Continuò a pompare dentro di me ancora per un po' prima che improvvisamente si staccasse da me, mi afferrò per i capelli e mi costrinse ad inginocchiarmi. Mi ha scopato la bocca con lo stesso riguardo con cui ha fatto la mia figa. Duro e veloce, senza curarsi di me. Volendo solo venire.

"Sto per venire cagna! Faresti meglio a ingoiarlo tutto!" ringhiò contro di me.

Poi ho sentito il suo cazzo gonfiarsi e mi ha inondato la bocca con un enorme carico di sperma e l'ho ingoiato tutto.

Alla fine mi lasciò andare i capelli e io crollai sul pavimento. Se ne andò sedendosi sulla sua scrivania ansimando mentre io giacevo sul pavimento piangendo.

Dopo qualche minuto si alzò, mi afferrò di nuovo per i capelli e mi riportò alla mia scrivania. Mi ha costretto sulla schiena. Ho ancora lottato ma senza più forza. Mi ha inchiodato e ha spinto di nuovo il suo grosso cazzo nella mia figa ben usata. Mi ha scopato forte e velocemente, grugnendo e ansimando mentre lo faceva. Mi ha sollevato il top e mi ha strappato il reggiseno.

"Ho sognato queste grosse fottute tette e sono anche meglio di quanto immaginassi!" gemette mentre le stringeva forte e seppelliva la faccia in esse.

Stava succhiando e mordendomi le tette ei capezzoli mentre mi picchiava brutalmente la figa. Stavo per venire di nuovo. Ha succhiato forte il mio capezzolo sinistro mordendolo e tirandolo indietro mentre lo faceva e io sono esplosa, venendo forte su tutto il suo cazzo.

"uuuuuuuhhhnnn oh Dio!" era tutto quello che potevo dire.

"Spero che tu abbia preso la pillola puttana!" disse Richard mentre lo sentivo venire dentro di me.

Dopodiché è andato in bagno, lasciandomi sola. Sono andato anche in bagno e mi sono ripulito. Ero un disastro, trucco che scorreva, lacrime su tutto il viso, sperma secco ai lati della bocca.

Mi sono ripulito e sono uscito. Richard era al suo mazzo a lavorare come se niente fosse. Mi ha guardato e ha sorriso, poi è tornato a lavorare. Mi sono seduto alla mia scrivania e ho fatto lo stesso.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

878 I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

666 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

386 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

726 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Il demolitore va avanti

Erano passati circa 8 mesi da quando Jenny era morta, un periodo in cui ero rimasto celibe, in parte per la sensazione che avrei dovuto ancora esserle fedele e in parte per la convinzione che forse ero stato punito per il mio comportamento precedente, tuttavia avendo solo 25 anni vecchio non passò molto tempo prima che iniziassi a sentirmi di nuovo davvero eccitato e cercare di liberare ancora una volta il demolitore divenne una necessità. Il mio appartamento al piano di sopra si affacciava su un nuovo complesso residenziale che era stato costruito su un terreno commerciale bonificato proprio di fronte...

1.1K I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.