L'infermiera del campo, parte 5

759Report
L'infermiera del campo, parte 5

L'infermiera del campo: Capitolo 5 - La canoa

di Nightshade

[Le continue avventure di Chris Mattson, RN in un campo di cheerleader per sole ragazze in alto sulle montagne a ovest. Solo Chris è un maschio. Lascia che il divertimento continui.]


Janet era a colazione la mattina dopo. Mi ha rivolto un timido saluto e ho notato che si è seduta molto lentamente e dolcemente. Le sorrisi di rimando e lei notò che la guardavo sedersi. Lei arrossì di una bellissima sfumatura di rosa, poi si fece coraggio e mi lanciò un bacio dall'altra parte della stanza. Non credo che nessuno dei campeggiatori se ne sia accorto, ma un paio di membri dello staff hanno sorriso consapevolmente nella mia direzione.

Ho ricevuto una chiamata per venire nell'ufficio di Janet per una riunione del personale delle 10:10 quella mattina. Pensavo che il tempo fosse strano, ma era una donna impegnata e doveva recuperare il tempo perso il giorno prima. Ho ripulito per la riunione del personale e sono arrivato in tempo. Entrando nell'ufficio esterno, non ho visto nessuno. Entrai nella sala conferenze.

Sandra, l'assistente topo, non era più topo. Rimase lì nella stanza, appoggiata al tavolo. I suoi capelli non erano raccolti in una crocchia, ma le pendevano in onde sexy intorno al viso e sulle spalle. Era truccata, solo un tocco, per mettere in risalto labbra e occhi. Ma non è stato questo il grande cambiamento. Era quello che indossava. O non indossava.

Erano finiti i tweed e i tailleur pantalone, gli abiti da lavoro efficienti. Questa mattina indossava una mezza T che era di circa due taglie più piccola. E niente reggiseno. L'orlo inferiore della maglietta corta mostrava la maggior parte delle sue grandi tette morbide che sussultavano ad ogni respiro che prendeva. E respirava velocemente.

Indossava anche un paio di pantaloncini larghi con taglio alto su ciascun fianco e fatti di un tessuto di nylon scivoloso. Anche se erano sciolti, si attaccavano al suo corpo come vernice. Era ovvio che non indossava biancheria intima e che era umida all'inguine.

Lasciò che la guardassi per un momento, sorridendo e arrossendo per l'effetto visibile che stava avendo su di me. La gamba destra dei miei pantaloncini era sporgente e improvvisamente è diventata troppo corta per coprire tutte le mie parti. Sandra si leccò le labbra quando vide la grande testa viola spuntare alla luce del giorno.

Apparentemente non aveva ancora seguito il corso di spogliarello veloce al campo, perché si è semplicemente lanciata contro di me dalla sua posizione al tavolo della conferenza. Le sue braccia avvolte intorno al mio collo e le sue gambe avvolte intorno alla mia vita. Non ha detto niente. Mi ha appena baciato molto forte diverse volte, e poi ha resistito. Stretto. In attesa.

Cosa dovevo fare? Ho lottato per abbassare i pantaloncini e liberare il mostro che era cresciuto nella mia gamba dei pantaloni. Mi ha aiutato dimenandosi. Tuttavia, non mi lasciava andare la vita con le gambe, e mi chiedevo come avrei fatto a entrare nella sua figa, quando la situazione si sarebbe risolta da sola. I suoi pantaloncini larghi scivolarono di lato e all'improvviso pianse di gioia mentre lo sentiva scivolare facilmente nella sua fica. Era ancora più stretta di ieri sera. Con l'allenamento che aveva fatto ieri sera e ora di nuovo stamattina, ero sicuro che i suoi muscoli della fica sarebbero stati doloranti. Ma a lei non sembrava importare. Abbassai lo sguardo sul suo viso e i suoi occhi erano ben chiusi. Era totalmente concentrata su questa scopata.

Era un po' più pesante di alcune delle piccole ragazze e donne minuscole che avevo fatto cavalcare il mio cazzo in quel modo così l'ho girata e ho appoggiato il mio sedere sul tavolo della conferenza e ho sostenuto il nostro peso appoggiandoci contro. Le ha anche fornito una piattaforma più stabile per i suoi movimenti di avvitamento sempre più selvaggi. È stato quando ho alzato lo sguardo dopo aver visto le sue tette rimbalzare e il suo viso contorcersi che il mio membro ha sussultato e ha quasi disarcionato l'assistente trasformato.

Janet era in piedi appena dentro la porta a guardarci scopare. I miei occhi si sono spalancati per la sorpresa quando l'ho vista, ma poi mi ha fatto un sorriso che mi ha fatto capire che andava bene andare avanti. In effetti, ha dato una stretta ai suoi piccoli seni attraverso il top aderente con una mano e con l'altra si è accarezzata la fica attraverso i pantaloncini mentre stava lì a guardare. Stavo per venire quando si leccò seducentemente le labbra con quella minuscola lingua rosa, facendola scorrere intorno alle labbra due o tre volte. Mi sono ricordato come mi sentivo sul mio cazzo e un brivido mi ha percorso la schiena.

Poi ho quasi iniziato a ridere. Eccomi qui, a scopare una bellissima donna che avevo appena aiutato, speravo, la sera prima a superare un problema di immagine di me stesso, mentre allo stesso tempo fantasticavo sulla bocca di un'altra donna sul mio cazzo. Non pensavo che avrebbe aiutato l'immagine di Sandra se avessi riso, o se avesse scoperto cosa stavo pensando, quindi ho fatto una smorfia a Janet per farle sapere che sapevo cosa stava facendo. Lei sorrise maliziosamente e smise di accarezzarsi. Non ha smesso di guardare.

"Eh, Sandra,"

“Chiamami Sandy. Non mi sento più una Sandra. Sandra non è stata fottuta abbastanza. Sandi verrà fottuto un sacco. Mi sento una Sandi», mi interruppe.

"Va bene, Sandi", risposi. "A che ora è la riunione? La vera riunione del personale.

“10:30. Spero di averci lasciato abbastanza tempo. Volevo che fossi in anticipo. Perché ci hai messo così tanto tempo ad arrivare qui?" Fece una pausa. “Dio, mi dispiace. Non so cosa mi sia preso. Avere il tuo cazzo nella mia fica fa qualcosa per me, sai?

“Non scusarti, Sandi. È bello essere dentro di te. Ma pensi che sia giusto per gli altri fare incontri “speciali” come questo?”

È tornata un po' di Sandra. "Giusto? Giusto? Pensi che sia giusto che tutte le altre ragazze ricevano tutta l'attenzione, che vengano scelte per le squadre di incoraggiamento? Tutto quello che ho sempre voluto essere era uno di loro, ma...” Si ridusse e seppellì la testa nel mio petto.

Le ho baciato la parte superiore della testa. Sapevo cosa avrebbe detto, quindi ho finito per lei. ".ma non ci hai mai provato, vero?"

Singhiozzò e scosse la testa. "Sapevo di non essere abbastanza bravo."

Ho abbassato la mano, le ho afferrato il mento e le ho sollevato la testa. "E adesso.?"

Aprì gli occhi e mi guardò. Ho visto un fuoco che ardeva in loro. Ha smesso di piangere. E non ha mai smesso di ruotare i fianchi sul mio cazzo. “D'ora in poi, cercherò quello che voglio. Come questo." Ha indicato il mio cazzo duro stringendolo con i suoi muscoli interni. “E se questo non è giusto, merda dura. Possono fare i propri arrangiamenti.

Ho sorriso. Janet sorrise. Ho baciato la fronte di Sandi. "Brava ragazza", dissi. Poi mi sono chinato e le ho sussurrato. “Se vuoi che venga prima, basta chiedere. Farò tutto il possibile per te. OK?"

“Ah, Cri! Grazie! OH! Sto arrivando. Sandi si è aggrappato a me come una sanguisuga su un cazzo. Potevo sentire la sua fica che mi risucchiava più a fondo nel suo corpo. Rabbrividì e palpitò sul mio cazzo dilagante per diversi minuti e poi si sollevò dal mio alto membro.

«Grazie, signor Mattson.» Si chinò e mi pulì il cazzo con la lingua e la bocca, succhiandomi persino le palle. Tre volte. Sobbalzò solo leggermente quando sentì la lingua di Janet che le puliva l'interno delle cosce. Ma i gemiti che ha fatto con la sua bocca intorno al mio cazzo mi hanno quasi fatto esplodere. Janet era ostacolata dai cortometraggi di Sandi, ma era ovvio che a entrambi piaceva quello che stava succedendo. E che sarebbe successo di nuovo, più tardi. Senza i pantaloncini.

Sandi ha interrotto i suoi sforzi di pulizia e mi ha guardato con una domanda negli occhi. Potevo vedere i primi margini di dubbio sulla sua sessualità insinuarsi di nuovo.

"Entrambi. È perfettamente normale che ti piacciano entrambi, Sandi. Sei una donna attraente. Sia agli uomini che alle donne. Divertirsi. E se scopri che ti piace, fallo, come hai appena fatto con me.

Sandi ha strizzato il mio cazzo in risposta e mi ha fatto uno dei migliori pompini che abbia mai avuto. Aveva imparato molto negli ultimi due giorni. Quando mi ha infilato un dito nel culo e mi ha massaggiato la ghiandola prostatica, ho sorpreso tutti e tre e le ho riempito la bocca con un secchio di sperma. Non ha sprecato una goccia e ha dovuto solo condividere con Janet perché Janet l'ha subito baciata forte sulla bocca e ha infilato la lingua dentro per prendere un po' del mio succo. Duellarono a lungo prima che Janet si tirasse indietro e sospirasse.

"Pensi di poter annullare la riunione del personale, Sandi?"

Sandi gemette. “Sono già in viaggio. Dovremo sistemarci, signorina Crandell.»

“Perché, Sandi! Come puoi chiamarmi "Miss Crandell", quando sono qui con il tuo succo di figa sulla faccia? Chiamami Janet, va bene?

Le due donne si abbracciarono. Ero dimenticato, il mio cazzo semirigido era ancora fuori dai miei pantaloncini.

«E tu», mi disse Janet, «metti via quella cosa. Ha causato abbastanza "problemi" per ora.

La riunione del personale è stata deludente. Anche se un paio di membri dello staff con sensi olfattivi sensibili hanno annusato l'aria e mi hanno lanciato uno sguardo strano. Apparentemente l'aroma pungente delle secrezioni di Sandi era ancora percepibile.

Il resto della giornata passò. Vorrei dire senza incidenti, ma durante la mattinata le carezze intime e le sensazioni da parte del personale si sono fatte un po' più insistenti e frenetiche. Ero in uno stato di eccitazione quasi costante per tutto il giorno. La testa gonfia del mio cazzo era chiaramente visibile e in bella mostra sotto il risvolto dei miei pantaloncini. Insieme a diversi pollici di albero. I membri dello staff si sono assicurati che la mia gamba dei pantaloni fosse arrotolata il più possibile. Julie ha persino fatto scivolare le sue minuscole dita sotto il polsino arrotolato e ha tirato fuori un testicolo. Ho provato a rimetterlo sotto copertura, ma dopo che ognuno dei successivi ha fatto la stessa cosa, ho rinunciato. Qualcosa era successo e volevano che uscisse. Chi ero io per combatterlo, comunque?

Poi i campeggiatori hanno iniziato a venire da me. All'inizio sembravano piuttosto timidi, ma non sembravano preoccuparsi del fatto che stavo uscendo per vederli. In effetti, molti di loro hanno copiato l'esempio dei loro leader e hanno iniziato ad accarezzarlo e sentirlo quando sono venuti a farmi una domanda. O ogni volta che passavano a portata di mano, o trovavano una scusa per sedersi e macinarsi sulle mie ginocchia.

Ero perplesso su quello che stava succedendo. Ho notato che i campeggiatori erano più giovani, ma ho pensato che le ragazze più grandi avessero tutte una lezione o qualcosa del genere. I volti innocenti dei piccoli adolescenti mi infiammavano e stavo diventando disperato per scopare qualcosa. Proprio quando le cose sarebbero state pronte a sfuggire di mano, uno del personale sarebbe venuto a prendermi saldamente in mano. Non mi ha reso meno eccitato, ma ho capito che qualsiasi cazzo da fare oggi era a loro discrezione, non mia.

Non ha aiutato il fatto che Janet sia rimasta nel mio campo visivo per tutto il tempo, ma non mi ha mai permesso di avvicinarmi a lei. Non mi ha mai toccato. Ha appena guardato l'intero processo di presa in giro con un sorriso divertito sul viso. Diverse volte durante il giorno giuro che ha detto ad alcuni dei campeggiatori più giovani di venire a "tormentarmi" in un modo particolarmente delicato o in un altro. Era difficile non arare quelle fiche strette quando mi tenevano saldamente nella stretta delle loro piccole mani e mi guardavano con quegli occhi deliziosamente diabolicamente sorridenti e mi facevano la domanda più banale che si potesse immaginare. Ero in paradiso e all'inferno allo stesso tempo, e penso che Janet lo sapesse.

E poi si è fermato. Come una luce che si spegne. Subito dopo pranzo. Le ragazze venivano dritte da me, si allontanavano un po' e non si toccavano. Di volta in volta. Non ero sicuro di cosa fosse più eccitante: il toccante o lo stuzzicante. Non ha fatto alcuna differenza per me. Ero duro come una roccia, a prescindere. Stavo cominciando ad amare questi piccoli giochi sessuali che stavano facendo, che Janet stava dirigendo. Ha mantenuto tutto a un livello amichevole con tutti che sapevano cosa stava succedendo e nessuno si è fatto male ai propri sentimenti.

Sapevo che tutti i segreti erano stati svelati quando la prima ragazza quella notte mi ha baciato sul naso e ha detto: "Voglio quello che ha Melody", e poi si è spogliata e si è seduta sulla mia faccia. Così hanno fatto la seconda ragazza e la terza. Ma questo tipo di servizio richiedeva più tempo e si stava facendo tardi. Gli ultimi visitatori notturni iniziarono a entrare nella mia stanza a coppie. Uno si sedeva sulla mia faccia, l'altro si arrampicava sul mio cazzo. Alcuni di loro hanno persino iniziato a baciarsi e ad accarezzarsi mentre li servivo. Sono sicuro che molte attività sono continuate nel dormitorio più tardi quella notte. E quando ebbero finito, lo Skipper venne a trovarmi.

È scivolata dentro ed era nuda tra le mie braccia prima che la sentissi. Era lì all'improvviso e all'inizio ho pensato che fosse un sogno. Ma i sogni non si sentono così bene, e questo è stato fantastico. Ci siamo baciati e ho assaggiato un nuovo sapore.

"Vedo che hai avuto un altro incontro con Sandi, Skipper."

"Uh Huh. Ho pensato che avesse bisogno di una buona masticazione. Lei rise. "Non sembrava troppo arrabbiata per questo, però."

"L'ha fatto anche a te?"

"No, non ancora. Non credo che sia pronta per questo. Ancora. È davvero una persona che impara in fretta, sai.

Sono rimasto in silenzio. "La prossima volta, posso guardare?"

Ho preso una stoccata nelle costole. "Ti ecciterebbe, marinaio?"

"Solo immaginare voi due che fate l'amore l'uno con l'altro mi fa diventare duro." L'ho abbracciata più forte a me. "Pensare a te mi rende ancora più difficile, però." Ho pensato a quanto doveva essere stata dolorante dopo il nostro ultimo incontro. "Cosa ti piacerebbe fare stanotte? O vuoi solo coccolarti?"

"Abbraccio? Questo è per i wimp. A meno che tu non riesca a tirarlo su, marinaio. Poi tornerò da Sandi. Potrebbe essere pronta a quest'ora. Stava prendendo in giro, mentre giaceva direttamente sul mio cazzo duro come una roccia. Doveva averle fatto male allo stomaco, la stava pungolando così forte.

"Allora, qual è il tuo piacere, signora?"

Si chinò e mi baciò il mento. «Lo voglio nel culo» disse infine con voce calma ma ferma. “L'ultima volta ha fatto un male da morire, ma mi è piaciuto anche a me. Imparerò a rilassarmi come mi ha detto Julie e porterò quel mostro fin lassù. E ama ogni fottuto centimetro. Ti spiace riportarmi lì?"

Mi dispiace? Mi stava offrendo il miglior culo che avessi mai scopato e voleva sapere se mi dispiaceva? Pensava che fossi pazzo? Diavolo, no, non mi importava. Ma non volevo sembrare troppo ansioso.

“Umm, ne sei sicuro? Non vorrei ferirti di nuovo. Non devi farlo per me. Voglio solo te. Solo tu, comunque.

Si sollevò e posizionò il buco del culo sopra la punta del mio cazzo. Si abbassò cautamente fino a quando circa tre pollici furono dentro di lei. Si era pre-lubrificata il culo con abbastanza gel in modo che una parte di esso fuoriuscisse e scorresse lungo l'asta esposta del mio cazzo, preparandolo per una penetrazione più profonda. Con un grugnito deciso prese il resto del mio cazzo palpitante in profondità nei suoi recessi rettali.

"Era meglio?"

“Ehi, mi fa sempre bene. È stato meglio per te?"

"Oh Dio! Sìssssss. Non lo senti? Non riesco a fermare gli spasmi. Mi attraversano semplicemente, uno dopo l'altro. Cominciano dal mio cesso e arrivano alle dita dei piedi e delle mani e alla punta dei miei capezzoli. Anche i miei capelli sono strani, come se fossero vivi. Dio, adoro questo. Quasi quanto nella mia fica. In un certo senso, anche di più. È diverso, tipo. E non fa male neanche adesso.

Non si era ancora mossa. «Tirati un po' su e poi scivola di nuovo giù, Skipper. Fottiti nel culo. Lo ha fatto, e ho fatto scivolare la mia mano sotto la sua figa aperta e vuota. L'ho lasciata impalarsi sul mio dito medio teso mentre scivolava lungo la mia asta. Con il pollice ho trovato e premuto sulla sua clitoride. È diventata selvaggia. Pensavo che il mio dito si sarebbe rotto, lo stava stringendo così forte. Stava ridendo, singhiozzando, urlando, piagnucolando e così via tutto in una volta. Finché il suo sistema finalmente si è esaurito di tutta la sua tensione accumulata e lei si è rilassata sul mio petto.

"Marinaio?"

"Cosa, Capitano?"

“Guardare tutte quelle ragazze che ti prendono in giro tutto il giorno mi ha davvero eccitato. Non mi ero reso conto di quanto.

“Pensi che sia stata una buona idea con le ragazze? In pieno giorno e tutto il resto? Voglio dire, e l'esposizione? Supponiamo che uno di loro fosse stato scioccato?

“Ehi, nessuna di quelle ragazzine aveva mai visto un cazzo vero prima d'ora. Erano curiosi e mi avevano chiesto com'era la cosa di un uomo, se era dura o morbida, calda, appiccicosa e così via. Ho solo pensato di dare loro la possibilità di vederne uno davvero buono.

"Vuoi dire che quelle ragazze erano tutte vergini?" Ripensai a quanto sembravano giovani. E così curiosa e desiderosa e... Ridacchiò mentre il mio cazzo sembrava gonfiarsi fino al doppio della sua dimensione normale nel suo culo.

“Bene, per ora sono vergini. Chissà se saranno ancora intatti alla fine del campo». Scivolò su e giù un po' sul mio cazzo. «Ma prima che tu possa occupartene, ho un altro compito di cui devi occuparti. Se sei all'altezza, per così dire.

"La tua fica?" chiesi, speranzosa.

"Beh, anche quello, ma non pensavo fosse un lavoro ingrato, bastardo!" Mi colpì il petto con i suoi piccoli pugni con finta rabbia. "NO. Ho bisogno che tu "aggiusti" uno del personale. Diana. Non so cosa le sia successo.

Cercai di immaginare Diane nella mia mente. Tutto quello che ho ottenuto è stata una bionda estroversa senza volto con le tette alte e potenti. Avevo sentito commenti su un lavoro al silicone, ma qualcosa non corrispondeva del tutto alla sua personalità e al lavoro con le tette. Inoltre, non ricordavo che fosse una delle partecipanti attive della mia tortura quel giorno. O di lei che è venuta prima per un esame. Era sempre abbastanza amichevole, allegra, estroversa, ben parlata. Ma non eccitato? Dammi una pausa. O era tremendamente autodisciplinata o aveva un filo allentato da qualche parte.

Lo Skipper stava continuando: “Voglio che passi un po' di tempo con lei. Quanto ti serve. Suggerirei una gita in canoa attraverso il lago, se non ti dispiace il mio suggerimento.

“Facciamo chiarezza. Stai bene con questo? chiesi, ancora non credendo alla mia fortuna o all'atteggiamento di questa donna.

"Marinaio? Mi ami?" mi chiese piano.

«Sì», risposi subito. Non ho dovuto pensarci. Era vero.

“Allora, mi sta bene. Fai tutto il necessario per renderla felice, a meno di un impegno ", ha istruito. "Ma prima, girami e fottimi il culo, vuoi, marinaio?"

Obbedisci sempre allo skipper, diceva il mio manuale di addestramento. Così ho fatto.

Il giorno dopo, dopo pranzo, sono andato al porto e ho trovato Diane che mi aspettava con uno zaino. Una canoa era già stata caricata di cibo e un sacco a pelo. Solo una borsa. Diane mi fissò intensamente e con una punta di disgusto o disgusto quando vide l'unica borsa, ma non disse nulla. In effetti, sembrava davvero allegra e mi avrebbe ingannato, ma avevo visto quel qualcosa di strano nei suoi occhi. Caricammo il resto della nostra attrezzatura sulla canoa e partimmo attraverso il lago vitreo.

A circa un miglio dall'inizio del viaggio, entrambi abbiamo iniziato a sudare. Ci siamo presi una pausa e ci siamo tolti le felpe. Ciò mi ha lasciato a torso nudo e Diane nel bikini più piccolo che avessi mai visto. Di sicuro non era timida nel mostrare il suo corpo! Era estremamente bionda, come lo sono alcune bionde, e mi sono sporto in avanti per strofinarle la crema solare sulle spalle. Quando l'ho toccata, ho sentito una contrazione o un brivido, come se volesse di riflesso allontanarsi. Poi si rilassò, mi guardò da sopra la spalla e mi lanciò uno sguardo così ardente che le sarei saltata addosso in quel momento se non fosse stato che tutti i pezzi non si incastravano bene. Le sorrisi di rimando, finii di applicare la crema solare e indicai la sponda opposta. Giuro che sembrava perplessa che non avessi fatto niente.

Arrivammo sull'altra sponda e trovammo una spiaggia in una bella radura. Abbiamo tirato su la barca, scaricato la nostra attrezzatura e allestito un piccolo campo. Ho lasciato il sacco a pelo sulla barca. Fatto ciò, ho srotolato un asciugamano sulla spiaggia, mi sono tolto il costume da bagno e ho gridato da sopra la spalla mentre mi tuffavo nell'acqua fresca: "L'ultimo a entrare è un uovo marcio!"

Ha risposto alla sfida infantile. Si tolse i pantaloncini e mi raggiunse in acqua. Non so se sia stato intenzionale da parte sua o meno, ma la sua tuta non era pensata per l'acqua. Era bianco e fragile e diventava quasi trasparente quando si bagnava, esponendo il suo fascino a chiunque guardasse. Ma non l'ho fatto. OK, ho cercato davvero di non farlo, ma saresti in grado di non guardare una donna seminuda che gioca nell'acqua con te? Ho cercato di costringermi diligentemente a guardarla direttamente negli occhi quando la guardavo. Ma è stato difficile. Avevo pensato che il suo bikini fosse piccolo. I suoi fondi quasi non esistevano. Erano essenzialmente un laccio intorno alla vita e un secondo laccio attraverso il cavallo con un'ampia fascia di stoffa sottile sul davanti. Quello stava funzionando sempre più lontano tra le sue cuntlips mentre saltavamo e sguazzavamo nell'acqua fresca. Era bella come completamente nuda.

È stata una delle cose più difficili che abbia mai fatto non accettare le sue sfacciate offerte di contatto e, lo sapevo, di sesso. In qualche modo, sapevo che dovevo farglielo chiedere. Implora per questo. Altrimenti mi considererebbe solo un altro maschio aggressivo.

Quando siamo usciti dall'acqua, sono crollato sul mio asciugamano nella sabbia e mi sono sdraiato a prendere il sole caldo. Avevo la testa girata dall'altra parte, ma potevo dire dallo strascicare e dal riorganizzare che era sorpresa che non stessimo facendo l'azione sporca. Sorrisi tra me e me. Era come un gioco.

Non so per quanto tempo siamo rimasti lì, ma all'improvviso è diventato molto buio. E bagnato. Una tempesta si era abbattuta sul lago e si era posata proprio sopra di noi. I nostri zaini erano impermeabili e tutto il resto tranne gli asciugamani e noi eravamo al coperto, ma ci stavamo bagnando. So che eravamo appena stati in acqua, ma in qualche modo questo era più umido.

Sono andato alla canoa e ho chiamato Diane. Ho ribaltato la canoa e l'ho spinta sotto di essa, poi sono strisciato dietro di lei. Sotto era abbastanza spazioso, ma non c'era modo che potessimo sdraiarci senza toccarci l'un l'altro. Ho steso a terra i cuscini della panca e ho usato il sacco a pelo come cuscino per le nostre teste. Ci siamo sdraiati fianco a fianco sul letto di fortuna e ci siamo preparati ad aspettare la fine della tempesta.

Non si è fermato. Era finalmente troppo buio per tornare quella notte. Siamo rimasti bloccati per la notte dall'altra parte del lago.

Penso che alla fine ci siamo stancati di non parlare. So che Diane non era una persona normalmente tranquilla, e mi è capitato di parlare anche io, a volte. Penso che potrebbe essere iniziato quando alla fine ha smesso di evitarmi e mi ha messo un braccio intorno al collo. Non era per passione, ma per conforto. Le sorrisi, mi appoggiai allo schienale e chiusi gli occhi. Penso che sia stato allora che ha iniziato a parlare. Penso che mi abbia chiesto perché non le avevo fatto niente. Sapeva cosa stava succedendo al campo, incoraggiava persino le sue ragazze ad approfittare delle loro visite programmate. Allora perché non avevo provato niente con lei?

Ho dovuto pensare a quello. Le ho detto che avevo la sensazione che non volesse davvero che facessi qualcosa, che non le sarebbe piaciuto. Potrebbe averlo aspettato, potrebbe anche aver accettato le mie avances per senso del dovere o obbligo verso qualcuno o verso di me, ma non pensavo che volesse davvero fare sesso. O qualsiasi contatto, se è per questo.

Perché piangono sempre? Almeno sapevo di essere sulla strada giusta quando ho sentito le gocce salate cadere sul mio braccio. Ma non avevo idea di quanto fosse incasinata questa giovane donna. La sua storia era semplice, ma devastante.

Da bambina, aveva sempre desiderato essere una cheerleader. Sua madre, lei stessa una bella donna, era stata una cheerleader al liceo e poi si era sposata presto e aveva avuto Diane. Man mano che Diane diventava la splendida creatura che era, sua madre l'ha incoraggiata e aiutata il più possibile. Tranne due cose.

La prima era che, per qualche ragione, la madre di Diane era convinta che i capezzoli che si vedevano attraverso i suoi vestiti fossero di pessimo gusto e, peggio, malvagi. Quindi, non appena Diane iniziava a sviluppare i capezzoli, sua madre li metteva del nastro adesivo prima delle partite in modo che non si vedessero. Man mano che Diane cresceva e i suoi capezzoli diventavano più prominenti, iniziò a usare del nastro adesivo sempre più pesante, che non solo causava a Diane un notevole imbarazzo, ma era anche doloroso da rimuovere. E non sempre ha avuto successo. Una notte, dopo un applauso particolarmente eccitante, i temuti capezzoli spuntarono attraverso il nastro. La madre e il padre di Diane avevano assistito a quella partita. Entrambi sono entrati nel campo da basket e l'hanno trascinata a casa. Era incredibilmente imbarazzata dalle loro azioni.

Quando tornarono a casa, sua madre la chiuse a chiave nella sua stanza per circa un'ora e poi spalancò la porta e si precipitò nella stanza. Le ha fatto togliere il maglione e il reggiseno e poi sua madre le ha strappato il nastro dal seno. Poi ha sollevato due piccoli cilindri. Erano circa un quarto di pollice intorno e circa mezzo pollice di lunghezza. Erano sezioni di tassello di legno. Sua madre premette uno dei tasselli contro il suo capezzolo destro, costringendolo a capovolgersi su se stesso. Ha spinto fino a quando il tassello non è stato a filo con la superficie anteriore del suo seno e poi ci ha messo sopra un pezzo di nastro adesivo per tenerlo in posizione. Ha ripetuto il processo con l'altro seno.

Diana era in lacrime. Ha fatto male. Terribilmente. Ma sua madre ha detto che questo era l'unico modo in cui poteva essere di nuovo una cheerleader in pubblico. Quindi ne ha sofferto, arrivando finalmente a inserire lei stessa gli stantuffi prima dei giochi.

La seconda cosa che sua madre aveva fatto a Diane era di instillare in lei un'assoluta paura di qualsiasi sentimento piacevole, oltre che sexy. Lo aveva fatto sculacciandosi non solo le dita, ma anche il clitoride quando era una ragazzina ed era stata sorpresa dalla madre mentre esplorava il proprio corpo nella vasca da bagno. Più tardi, quando era più grande ed era stata sorpresa a imbrogliare se stessa, si era versata dell'acqua bollente, non proprio bollente, sulla zona vaginale. Era stata ustionata dieci volte, finché non aveva semplicemente perso la voglia di masturbarsi.

Io, per esempio, sono rimasto stupito dalla sua tenacia. Avrei smesso dopo essere stato bruciato una, forse due volte. Ma ha confermato i miei sospetti che ci fosse una donna appassionata nascosta nel profondo di questo corpo che giaceva accanto a me. Ora, come tirarlo fuori?

"Diane, cosa posso fare per te?" chiesi nell'oscurità. "Cosa vorresti che facessi?"

"Niente. Niente funziona. Sembra tutto bla.

"Posso almeno fare un tentativo?"

Lei mi ha guardato. "Perché? Perché preoccuparsi?"

"Perché mi importa di te. Odio vederti perdere quel lato della tua vita.

“Ma che mi dici di Janet? Pensavo ti importasse di lei.

'PERICOLO! PERICOLO! Tuffo! Tuffati!' esplose nella mia testa. Ho risposto con attenzione, ma onestamente. “Ci tengo molto a Janet. Ma ha pensato che avrei potuto aiutarti.»

"Come? Fottendomi nel culo? Non funziona, ho provato. No, grazie», disse amaramente.

«È stato un tiro da quattro soldi, Diane.»

"Scusa. Ma ho sentito dire che è quello che ti piace.

"Io faccio. Ma mi piacciono tutti i tipi di sesso. Anale compreso. Ma va bene solo se il partner è disposto. Hai mai sentito di me che costringo qualcuno?

Ci fu un lungo silenzio. Infine, “No. Questo mi ha sempre lasciato perplesso. Se l'avessi fatto, potrei odiarti. Ma ognuna delle mie ragazze è pazzamente innamorata di te. E il tuo cazzo. Mi dicono tutto e nessuno di loro ha lasciato intendere che gli hai fatto fare qualcosa che non gli piaceva.

Restiamo sdraiati lì per un po'. La pioggia batteva sul nostro tetto, sulla canoa, e potevamo sentire i suoni della foresta intorno a noi. Le onde lambiscono la spiaggia a pochi metri da dove ci sdraiamo. Faceva sorprendentemente caldo nonostante la tempesta ed eravamo entrambi ancora in costume da bagno.

"Chris, mi baceresti?" Quasi non la sentivo. Mi aveva voltato le spalle e la sentivo piangere silenziosamente. Era il genere di cose che fanno le donne che ti spezzano il cuore. Faresti qualsiasi cosa per impedirgli di piangere in quel modo.

Mi chinai su di lei per baciarla e lei voltò la testa dall'altra parte. Nella debole luce potevo vedere le sue guance arrossate.

“Non lì. Laggiù."

Tombola! Aveva chiesto qualcosa che voleva. Mi sono tenuto sotto controllo in modo da non sembrare affrettato e ho iniziato a vagare lungo il suo bel corpo. Arrivai al suo petto e strofinai con il muso uno dei pezzi di stoffa sopra il suo seno, scoprendolo fino alle mie labbra. Le ho succhiato la tetta e ho succhiato lo stantuffo di legno. Dannazione se non li indossava ancora. Lo sputo.

«Nemmeno lì.»

Sono passato all'altra tetta. Abbastanza sicuro, ne ho succhiato un altro pezzo di legno.

"Inferiore. Smettila di prendermi in giro, Chris.

La guardai nella penombra. «Fa parte del divertimento, Diane. Lo vuoi. Lo voglio. Lo capirai. Ma è più divertente se non sai quando. O preferisci che ti attacchi e basta?

"NO. No, hai ragione. Dio, è difficile. Solo... continua così, immagino.

"Sei sicuro? Posso smettere, se non ti piace.

“È proprio così. Mi piace. Per favore, non fermarti.

Poi mi sono concentrato sul suo ombelico. Cominciò a muoversi, ma microscopicamente. Ma era movimento.

«Più in basso, Chris. Succhiami la cosa. Per favore, smettila di prendermi in giro.

"La tua 'cosa'?", le chiesi, sorridendo.

"La mia vagina e il mio clitoride." Fece una pausa. “Va bene, merda. Succhiami la fica! Ecco, è questo che vuoi sentire?

"È questo che vuoi che succhi?" Ho risposto al fuoco.

“Sì, dannazione! Ora fallo e basta. Fece una pausa, imbarazzata dal suo tono. "Per favore, signor Mattson?"

L'ultima supplica è stata fatta con una voce così piccola che non avrei potuto rifiutare. E non avevo intenzione di rifiutarla. Ho abbassato la bocca sulle labbra della sua fica e subito mi sono incastrata la lingua sotto il fondo del bikini. Ho slegato a due lati e ho tolto l'insignificante rivestimento. Le ho spinto su le gambe e lei le ha fatte scivolare su una delle traverse della canoa sopra le nostre teste. Le sollevò le ginocchia in alto e in fuori, spalancandola davanti a me. Ho abbassato la bocca sulla sua scatola ora esposta e ho iniziato a banchettare.

Sono andato lentamente. Qualcosa mi diceva che sarei rimasto lì per un po', ma in quel momento non avevo idea di quanto tempo ci sarebbe voluto. La fica di Diane era asciutta. Beh, non asciutto, ma neanche bagnato. Mentre leccavo, succhiavo, colpivo e pungolavo, di tanto in tanto lei sospirava, ma a parte questo non c'era risposta. Di tanto in tanto si spostava in un'altra posizione per mettersi a proprio agio, ma non c'era una risposta orgasmica da parte sua. Ma nemmeno lei mi ha mai chiesto di smettere. Certo, se fossi stata al suo posto con un ragazzo disposto a leccarmi la figa tutta la notte, non gli avrei chiesto di smetterla. Suppongo.

Comunque, è esattamente quello che ho fatto. L'ho mangiata tutta la notte. Certo, non mi è sembrato così tanto tempo che ero impegnato a fare ciò che amo quasi più del scopare. Ma è arrivata la prima luce ed eravamo ancora lì. Cominciavo a pensare che fosse senza speranza. Poi è iniziato. Il primo cambiamento è avvenuto verso le 6:00. Improvvisamente, ho ottenuto una reazione da lei.

“Oooooohhhhhh. Dio, Chris, guarda!»

Ho alzato la testa. "Quello che è successo?"

“Il mio capezzolo è spuntato! Tutto da solo! Dio, sembra così diverso. Così buono!"

Un'ora dopo è spuntato fuori il secondo capezzolo. Erano fantastici, in piedi a circa un centimetro dai suoi grossi seni sodi, rigidi e rossi di rabbia nella luce del mattino. Li stava fissando con stupore.

"Non avrei mai pensato di rivederli." Ne parlava come se fossero vecchi amici che se n'erano andati. In un certo senso lo erano.

«Diane, baciali», le dissi.

Mentre tornavo a lavorare nella sua figa, ha fatto quella mossa incredibilmente sexy che fanno le donne e si è messa a coppa i seni e li ha portati alle labbra. La sua piccola lingua appuntita le uscì di soppiatto dalla bocca e schioccò contro il capezzolo destro. Si irrigidì e inarcò la schiena. Fece schioccare la lingua contro quella sinistra e si irrigidì di nuovo.

Avevo alzato la testa quando si era irrigidita la prima volta. Mentre mi piegavo di nuovo al mio compito, ricevetti un'altra grande sorpresa. E intendo dire enorme. Her clit had stiffened as well and popped up. It was about the size of my little finger. It was a good two inches long or longer and about as thick. It took a little convincing on my part that it wasn’t a male cock, and I sucked it into my mouth. I got a little squeal. I sucked harder and rimmed it with my tongue. I got a louder squeal. I bobbed my head up and down on it, sucked it and nipped it with my teeth. She came. A small, short, tiny shuddering orgasm, but she did come.

I licked up her flow of cum juice and began tongue fucking her in earnest now. Even though my jaw was sore and my tongue was beginning to ache, I kept going. At eight o’clock she had her second orgasm. Still nothing to write home about to Mom, but for her it was earth shattering. When she finished trembling, she lay still. I continued petting her cunt with shriveled fingers and a tired tongue.

Suddenly, she lifted those strong cheerleader legs and raised the canoe off of us and kicked it out of the way. She grabbed my ears and pulled me up to her so we lay face to face, with me on top of her.

“Fuck me, Chris. Fuck me now.”

That was going to be easy to do, as when I had slid up her body, my hard cock had partially penetrated into her pussy. A slow thrust of my hips buried it to the hilt.

Niente.

I had expected some reaction, at least. She didn’t even sigh or anything. I looked down at her face. It looked like she was gritting her teeth.

“Hey, Diane, relax! I won’t tell your mother if you enjoy yourself. But don’t quit on me now!”

She glared at me reflexively, defensive of the attack on her mother. But then she smiled as she realized her teeth were clenched. Her face softened.

“It’s so hard for me to let go. And this has never worked before. I’m afraid...”

“I know. Just take your time. I’m in no hurry.”

“What about all those young girls who didn’t get their turns last night? Don’t you want to get back to them and their tight pussies?”

“What? And miss out on this fantastic piece of ass?” I gave a sharp thrust into her cunt. This time she gave an imperceptible groan. “Besides, they’ll just be hornier when we get back. There’s nothing like a horny woman.”

She gave a short laugh. “You’re a baaad boy, Mr. Mattson!” And then she started moving her hips on her own, experimentally at first, trying to fuck herself on my cock.

I have mentioned it takes me a long time, about two hours, to orgasm and that I can stay hard between bouts. So when I say I came three times, that calculates out to a six-hour fuck session. But by the end of those six hours, she was finally beginning to come alive. I heard moans and groans and she was beginning to shriek when she came. But I was just about at the end of my strength. I was thinking of renaming the place to Camp Raw-Raw-Raw.

When she pushed me off of her and rolled me onto my elbows and knees, I didn’t resist. When she kneeled up behind me, it still didn’t register. The slick finger up my ass got me wondering what was going on, and when she bellied up to my ass, I began to squirm. I wasn’t into this. I told her so. She told me she wouldn’t tell anyone, but that if I let her do me, she would let me do her. I was still unsure, but by that time I felt the slender shaft of her clit slide into my ass. She groaned. It was too late. I was deflowered.

“Oh, God. That feels great! Ooohhh, you’re so tight. It’s like you’re sucking on it and squeezing it and OOOOHhhhhh! YYYYeeessssss!”

Diane didn’t stop thrusting even as she came and it led her to her next climax, and then again. Finally, she leaned over my back, rubbing her now firmly erect nipples into my straining back muscles. She reached around and grasped my still hard cock. She had lubricant in her hand and it was a tremendously good feeling as she jerked me off while fucking my ass. To say I didn’t enjoy it wouldn’t be true, but I didn’t think I would do it again. But the feeling of her hard breasts pressing into my back and her hand slicking up and down my prick only augmented the strange feeling of being invaded from behind. It felt good, but I didn’t come.

After her fourth or fifth building climax, she pulled out. She knelt down as I had been and offered up her ass to me. It was gorgeous. Full and round, her fleshy orbs quivered with the spasms of her last orgasm. I didn’t have to be invited twice. I brought the head of my rampant cock to her tiny tight pink orifice, and pushed it in. She grunted, but did not pull away. I stopped and rested until I felt her begin to push back, taking in the rest of my shaft. I slowly eased forward. She expelled her breath in a great big whoosh and began to immediately lunge back and forth on my cock. Her head was whipping her long blonde hair into a tangled frenzy. Her boobs were jiggling like mounds of firm Jell-O. She fucked herself for a while and then froze.

The whole forest got strangely quiet. Then I heard a sound like I had never heard before. It started out as a high pitched whine that slowly dropped in pitch. It was just like the sound that the WWII bombs made when they fell from the airplanes in the old movies. As the sound came into normal range, it changed to a Whoop, Whoop, Whoop, Whoop sound, each whoop rising in pitch at the end like the song of the whooping crane. The whooping finally faded. I realized that the sounds were coming from Diane. And that she had just about squeezed my prick off with that climax.

“Wow! Do it again, Chris. I want to do it again! That was great!”

The second time came sooner, but the noise she made was the same. After this one she pulled off my prick.

“We’d better get back now, Chris, or we’ll never make it back before dark. It’s getting late.” She was energized from her orgasms and looked as fresh as when we had started out. All those sleepless hours before...

I looked at my watch. It was about three o’clock in the afternoon. We still had about three hours to get back. We loaded the canoe and pushed it into the water. I started to get in the back as before, but Diane had other ideas. She directed me to lay down on my back the floor of the canoe with my legs up and over the sides. She got in and straddled my cock, letting it slide up into her cunt. She shoved off and began to paddle towards the camp. With each stroke, she shifted the paddle from one side to the other. As she shifted, she would lift up on my cock and then plunge back down. After a while she looked down at me.

“Well, don’t just lay there, grab onto my tits!” Of course, I complied. She paddled a bit longer and then sang her climax song again. The canoe coasted for a while. She panted, trying to catch her breath. I could feel the tension leaving her body as she became more and more relaxed after each cum. And she got more energy. She lifted up and let my cock slip out of her, and I thought that was the end of it. But she reached down and held me upright and then settled back down, this time letting me slide up her shit chute. She turned and paddled away from the camp this time, like a sail boat would tack into the wind to make headway. She paddled and fucked herself until she sang her song again, and then she shifted me back into her cunt and paddled back towards camp.

Back and forth we tacked all afternoon, the cries of the falling bombs and whooping cranes resounding up and down the hidden valley throughout the journey home. For my part, I held on to those smooth orbs as long as I could, but eventually gravity, the gentle rocking of the boat as it meandered back to camp, and the lack of sleep got the best of me. I must have passed out and gone to sleep. Not the worst way to go, if I do say so myself.

The bumping of the canoe against the dock roused me slightly from my sleep and I looked up into the concerned faces of the staff leaning over looking down at me as I lay in the bottom of the canoe. In my best Ricky Ricardo impression I looked up at Janet and said’ “Oh Lucy, I’m hooome.” And immediately went back to sleep.

Mission accomplished.

=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-

End of chapter

I hope you enjoyed it....

Storie simili

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

9 I più visti

Likes 0

Mentore di Brandon Capitolo 6

MENTORING BRANDON Di Bob Capitolo 6: Il grande gioco, parte 2 Questa era la pratica che poneva fine a tutte le pratiche, o almeno così ci è stato detto. Gli allenatori si sarebbero assicurati che fossimo tutti pronti per la partita con Oskie. Coach Kistner, l'allenatore della linea difensiva/linebacker, lavorava nel gruppo universitario, mentre Coach Marsh era con Jerry e Brandon, insegnando loro le loro responsabilità nel nuovo sistema. Dopo 45 minuti abbiamo fatto la nostra prima pausa. Brandon si avvicinò e ci inginocchiammo tutti cercando di riprendere fiato. Abbiamo iniziato a parlare con Tom e Jerry delle chiamate difensive che...

315 I più visti

Likes 1

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.7K I più visti

Likes 0

Osa in una relazione pt.3

Era sabato mattina e il sole splendeva nella nostra stanza. Ho guardato di lato e ho potuto vedere la mia bellissima ragazza che dormiva accanto a me, e i ricordi della scorsa notte hanno iniziato a riaffiorare, il che mi ha fatto arrapare. Questo mi ha fatto venire in mente un'idea, iniziare la giornata con una delle cose che voleva provare. Ho preso le lenzuola da sopra di lei e ho iniziato a baciarle i piedi. Hmm baby, bel modo di svegliarsi... mi sorrise con gli occhi semiaperti Pensavo di iniziare la tua giornata adorando i tuoi piedi come volevi, cosa...

1.1K I più visti

Likes 0

Tre volte parte 2 (Anche da Julius ovviamente & Copyright anche aprile 2008) Si sedettero e mangiarono il loro pranzo. Gli occhi di Paul si staccavano raramente i suoi seni e Marsha li mostravano deliberatamente lui. Si sedette con loro appoggiandosi sul tavolo con loro capezzoli molto in vista. Quando è andata a prenderli altro caffè, è stata premiata con una vista del suo cazzo, completamente eretto e sporgente dall'inguine. È stato pronto di nuovo e Marsha si meravigliò della resilienza di gioventù. Mentre gli versava il caffè, disse: “Penso che sia mio girati per essere soddisfatto; stai rimanendo indietro con...

706 I più visti

Likes 0

La richiesta di Sabrina_(1)

Le estati sono sempre state una seccatura per me. Non fraintendetemi, ho fatto delle cose divertenti con la mia famiglia crescendo, ma non sono mai uscito con i miei amici, la maggior parte delle volte o ero troppo occupato o loro erano occupati, quindi non mi sono allenato. Ora ho diciannove anni e ho finito il mio primo anno di college e un'altra estate si sta trascinando. Sono solo a casa mia a rilassarmi mentre la mia famiglia è fuori a fare le proprie cose. Guardando un episodio in replica di CSI avevo visto una cinquantina di volte che il mio...

772 I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

2.3K I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

2.2K I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Jason capitolo finale

CAPITOLO VENTUNESIMO L'e-mail di Betty diceva: Sono appena uscita dall'ospedale dieci giorni fa e dovevo dire a qualcuno cosa mi è successo. Dal momento che sei sempre stato un buon ascoltatore e non hai mai dato giudizi. Ricordi che ti ho detto che io e mio marito abbiamo allevato alani puri? Bene, ora abbiamo una sessantina dei migliori danesi del mondo. Comunque circa tre settimane fa mio marito mi ha svegliato verso le sei del mattino scopandomi nel culo (amava scoparmi lì e lo faceva abbastanza spesso). Non facevamo sesso da circa cinque giorni e quando è venuto si è davvero...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.