La mamma asiatica Jenny e suo figlio Chris Serie 3: Parte 5

961Report
La mamma asiatica Jenny e suo figlio Chris Serie 3: Parte 5

Mi sono svegliato al dolce testo della sveglia del mio telefono, i miei occhi si sono subito resi conto che ero nella stanza di mio figlio. A causa delle poche bottiglie di birra, il russare di Charles era più forte del solito ieri sera, e alle 3:30 avevo rinunciato del tutto, intrufolandomi da Chris per chiudere gli occhi.

Avevo volutamente impostato la sveglia alle 7:45, solo per assicurarmi di svegliarmi prima di mio marito. Potrei essermi divertito a tradire Charles baciando e toccando suo figlio di fronte a lui, ma non volevo che sapesse che io e Chris stavamo facendo molto di più. Inoltre, c'era anche mia figlia di cui preoccuparsi. E per quanto sia ingenua, probabilmente sarebbe difficile spiegare perché la mamma lasci la stanza di suo fratello con nient'altro che una canotta e mutandine.

Tuttavia, alzarsi dal letto si stava rivelando piuttosto impegnativo. Ero così caldo e accogliente sdraiato accanto a Chris, condividendo una coperta confortante tra di noi. E il fatto che la sua stanza fosse molto più piccola della mia camera da letto principale, ha davvero contribuito a preservare il calore dall'aria fredda di febbraio all'esterno.

Ma dopo diversi minuti di ulteriore procrastinazione, alla fine ho morso il proiettile e mi sono alzato con un movimento rapido.

“Eh? Mamma?"

“Oh, mi dispiace tesoro. Non volevo svegliarti” mi sono scusato.

"Uggh, va bene" ha risposto, ancora mezzo addormentato. "Adesso prepariamo i pancake?"

“Non ancora, sono solo le 7:45. Torna a dormire. Ti sveglierò tra un'ora o due!”

"Sei sicuro?"

Il mio istinto mi diceva di dire “no, alzati davvero. La mamma vuole scherzare! ma vedere l'espressione di stupore sul suo viso mi ha fatto sentire troppo in colpa perché le parole uscissero.

“Sì, torna a dormire. Ho ancora alcune cose che devo fare prima"

"Grazie mamma" sorrise, allungandosi per afferrare delicatamente la mia mano, piantando un dolce bacio.

Me ne sono andato furtivamente come un'avventura di una notte da una stanza del dormitorio del college. E sorprendentemente, è stato davvero emozionante perché non l'avevo mai sperimentato prima. L'unica differenza, ovviamente, era che invece di voler evitare altri studenti e vicini, stavo solo cercando di evitare mia figlia e mio marito; quindi stessa cosa davvero.

In realtà c'erano alcune faccende che dovevo fare, che insieme a una sessione di yoga occupavano gran parte della mattina presto. Quando ho finito, Jessie si era svegliata; portando uno zaino pieno delle sue nuove matite colorate e carta bianca, lasciandosi cadere sul divano davanti ai cartoni animati mattutini.

Sorprendentemente, Chris l'ha seguita giù solo pochi minuti dopo, risparmiandomi un viaggio al piano di sopra.

“Già sveglia tesoro? Stavo solo per prenderti” dissi, tirando fuori gli ingredienti di cui avevamo bisogno e disponendoli sul bancone della cucina.

"Sì. Jessie mi ha svegliato” rispose, lanciando un'occhiata a sua sorella prima di avvicinarsi a me per un bacio mattutino.

"Devo semplicemente buttarli nel cesto della biancheria?" chiese, cullando il mio paio di pantaloncini da corsa rosa. Solo guardandoli ora mi sono ricordato di averli sfilati la scorsa notte quando mi sono rannicchiata contro Chris a letto.

“Perché non l'hai semplicemente gettato nel tuo cesto, tesoro? L'avrei preso più tardi! ridacchiai.

"Bene, nel caso in cui papà lo trovi"

«Credi che tuo padre sarebbe così gentile da fare il bucato? Non sono sicuro che sappia nemmeno come funziona la macchina! Ho riso.

«Voglio dire, nel caso in cui vada a curiosare. Non voglio che pensi... sai...»

"che ti stai fottendo la tua mamma?!" esclamai, finendo la sua frase.

Non avevo detto a Chris che suo padre in realtà stava curiosando, spiandoci mentre pomiciavamo la scorsa notte. Una parte di me temeva che Chris avrebbe iniziato a comportarsi in modo diverso, mentre una parte molto più grande sentiva semplicemente che sarebbe stato molto più eccitante se non lo sapesse. Era stato così divertente usare Chris per stuzzicare mio marito che volevo farlo di nuovo.

"O che sto rubando i tuoi pantaloncini per masturbarti o qualcosa del genere" ridacchiò.

"Mmm" annuii sarcastico. "Perché sarebbe molto peggio per lui che scoprire che sua moglie ha passato la serata a fottere il cervello a suo figlio!"

“Psh. Con il modo in cui ti sei comportato sono sicuro che sia già sospettoso” ha risposto, dimostrando ancora una volta quanto sia intelligente.

"Tu la pensi così?!" Ho sorriso.

Mi guardò con lieve stupore, entrambi sorpresi, ma allo stesso tempo completamente in attesa della mia reazione.

“Accidenti mamma, ti spegni mai?! Dovrei essere l'adolescente irresponsabile qui! ha riso.

"Sì, ma perché la tua strana e non, mamma diventa!" Ridacchiai, afferrandogli rudemente la maglietta e attirandolo a sé per un bacio profondo.

"Ma penso che inizi a piacerti scherzare davanti a tuo padre!" ridacchiai.

“Eh. È - è più vedere quanto sei troia che mi eccita ", ha corretto.

“Oh, è così, tesoro?! Ti piace vedere la mamma comportarsi da troia davanti a tuo padre?" chiesi, massaggiando la tenda in pantaloni della tuta.

"Voglio dire quello sguardo nei tuoi occhi ogni volta che mi usi per stuzzicare papà... è così eccitante!"

Ero di fronte a mia figlia, sperando davvero che girasse la testa verso la cucina e ci vedesse; non sarebbe nemmeno esattamente il primo. Chris e io ci siamo baciati così tanto in casa che Jessie ci si era abituata, non sbattendo nemmeno le palpebre quando lo vedeva più.

Ma la maggior parte di quelli erano solo brevi baci, che non duravano mai più di pochi secondi. È stata solo quella volta in vacanza che ci ha sorpresi a pomiciare. Quindi, naturalmente, ero curioso di vedere come avrebbe reagito vedendo me e Chris che ci baciavamo adesso. Perché se non ne avesse fatto un grosso problema, allora Chris e io potremmo farlo di nuovo liberamente in futuro.

Ma l'idea era del tutto inutile; Jessie era così immersa nelle sue attività da prestare attenzione altrove.

"Volevi scopare la mamma prima di iniziare?"

"Jessie è proprio dietro di noi" rispose con un sorriso, spalancando gli occhi.

“Possiamo andare da qualche altra parte”

"NO. va bene"

"Sei sicuro? Che ne dici di un pompino?

Ho adorato quanto fosse diventata casuale questa domanda. Era come se gli avessi chiesto se voleva uno spuntino.

“Iniziamo con i pancake. In realtà sono piuttosto affamato” sorrise.

Non è stata una sorpresa considerando tutta l'energia che ha usato la scorsa notte. Inoltre, anche tutti i "fluidi" che aveva perso.

"Sicuro!" esclamai.

“Ok cominciamo setacciando la farina” dissi. “Ecco, te lo mostro prima. Teniamo semplicemente il setaccio con una mano e picchiettiamo delicatamente il lato con l'altra ”ho dimostrato.

"Qual è lo scopo del setaccio?"

“Rende la farina molto più leggera; meglio per mescolare le cose. Quindi se stiamo facendo una torta o una pastella, è molto necessario ”risposi.

La risatina di Chris mi ha fatto alzare lo sguardo da quello che stavo facendo.

"Cosa c'è di così divertente?" Ho sorriso.

“Niente” continuò ridendo. "Sei così carino quando sei serio!"

Potevo sentire il rosso scorrere dritto sulle mie guance!

Anche Chris deve averlo capito.

“Awww! Mamma, stai arrossendo! egli esclamò.

“Zitto! Fai attenzione qui! Questo è importante!" Ho risposto, ma incapace di nascondere il mio enorme sorriso.

"Sì signora!" Chris ha scherzato, salutandomi come un sergente istruttore.

“È così che ti comporti a scuola con i tuoi insegnanti? È un miracolo che tu sia bravo come studente quanto te!

"Cosa posso dire, sono così intelligente!" disse sarcastico.

“Bene, signore. Vediamo quanto sono buone le tue abilità matematiche!" Ho risposto al fuoco. “Stiamo facendo 10 frittelle. Ho scritto la ricetta per 4 sul bancone. Ora vai a regolarlo!

"SÌ!" salutò di nuovo, facendomi ridere.

Ho guardato attentamente mentre Chris faceva i passaggi successivi per mescolare lo zucchero, il sale e il lievito mentre il burro iniziava a sciogliersi sulla piastra sul fornello.

"Qual è il prossimo?"

"Aggiungi il burro, le uova e il latte" ho ordinato.

"Questo è facile!" ha proclamato.

"Rilassati tesoro, sono solo frittelle" sorrisi, aspettando che la pastella diventasse liscia.

"È fatta?" chiesi, infilando un dito sul bordo e assaggiando il composto.

"Mmm... bello e liscio" gemetti. "Vuoi un campione?"

Chris annuì, schiudendo le labbra.

Ma invece di infilare il dito nella sua bocca in attesa, l'ho pulito scherzosamente sulla sua guancia.

"Mamma!" esclamò, non se lo aspettava.

Ho solo risposto ridendo subdolamente, tirando fuori la lingua per stuzzicarlo di più.

"Oh, è acceso!" ridacchiò.

Posò la scodella di pastella e ne raccolse lui stesso due dita, correndo dietro di me. Ho tentato di scappare, ma la mia posizione era scomoda, intrappolata in un angolo.

"SÌ!"

"Augh!" Ho urlato, ridendo nello stesso momento in cui ho sentito il mix di pancake spalmato sulla mia faccia.

"Come osi?!" chiesi, fingendo rabbia.

Rapidamente ho spinto Chris da parte e sono andato a prenderne ancora io stesso, ma Chris è stato veloce, abbracciandomi da dietro e afferrandomi entrambi i polsi.

Abbiamo riso e ridacchiato insieme, con me che alla fine mi sono arreso e mi sono girato, baciandolo forte sulle labbra.

“mmmm. Se avessi saputo che cucinare sarebbe stato così divertente, mi sarei iscritto molto prima ", ha detto Chris leccandomi la guancia per ripulire il casino.

"Poi di nuovo, con te mamma, non sono sicuro di quanto avremmo fatto"

"Oh, moriremmo tutti di fame e dovremmo ordinare cibo da asporto ogni sera!" Ho sorriso, riconoscendo quanto fosse vera la sua affermazione.

E come per dimostrare il mio punto, gli ho afferrato la mano destra e l'ho spostata sul mio sedere.

Mentre Chris non ha notato nulla di straordinario, io avevo intenzioni più ingannevoli. Nella nostra piccola lotta, aveva ottenuto più farina bianca sulla sua mano destra, una mano che ora aveva un palmo pieno del mio culo. Non potevo esserne sicuro, ma speravo, forse anche pregando, che lasciasse una bella impronta di mano sui miei pantaloni da yoga neri affinché mio marito potesse vederla quando sarebbe sceso.

Quindi, non appena ho sentito Chris dargli una bella stretta, ho interrotto lentamente il nostro abbraccio, assicurandomi che non rovinasse le prove.

"Pronto a cucinare adesso?"

"Sì" Chris annuì.

Con tutto pronto, cucinare i veri pancake è stato abbastanza facile, ci vuole solo un po' di pazienza dato che avevamo così tanta pastella.

Questo si è rivelato un vantaggio sorprendente. Quando ne restarono tre, l'aroma dei pancake appena cucinati doveva essersi fatto strada al piano di sopra, svegliando mio marito.

È sceso proprio mentre stavamo finendo, con tutti i segni di una tipica sbornia. E dopo aver dato una rapida occhiata a noi, si versò una tazza di caffè e si sedette nel soggiorno Barcalounger.

"Potresti abbassare un po' il volume, tesoro?" L'ho sentito chiedere.

“Tesoro, hai fame? Vieni a fare colazione” gridai, vedendo che era un buon momento per tenere mio marito da solo.

Si avvicinò di corsa, ma il suo sorriso svanì rapidamente quando vide suo fratello vicino alla stufa.

"Li hai fatti tu?" chiese con condiscendenza.

“Sì, molto speciale. Solo per te!" la prese in giro Chris, porgendole un piatto di 2 frittelle.

"Mamma! Chris ha messo qualcosa di disgustoso nei miei pancake?

"Oh tesoro, smettila di prendere in giro tua sorella!" Sospirai. «E tesoro, non essere così credulone. Stanno bene, la mamma lo stava guardando"

"Non tutto il tempo!" Chris ha scherzato, fingendo una risata malvagia a sua sorella.

"Dio mio!" esclamai con un sorriso, dando un pugno sul braccio a Chris.

"Ahi!" strillò.

“Smettila di scherzare e finisci qui” dissi andando in bagno.

Entravo e uscivo molto velocemente, rimanendo solo per controllare che le prove di Chris che mi palpava il culo fossero ancora lì; era. Dopo averlo visto, ho subito sorriso, uscendo dalla porta verso il soggiorno.

“La colazione è pronta” annunciai piano, fingendo di controllare le piante di casa che avevo sul bancone della TV.

Mi sono assicurata di prendermi il mio tempo, assicurandomi che mio marito non se ne perdesse. Solo quando ho sentito che era abbastanza lungo mi sono voltato. E subito ho avuto tutte le conferme di cui avevo bisogno; Gli occhi di Charles si spostarono istantaneamente dalla mia vita al mio viso, la bocca spalancata per lo shock.

"Sei ancora qui? Non vuoi la colazione?" Ho chiesto.

"Hai fatto i pancake?"

"Ce l'ho fatta con Chris" risposi, con appena un accenno di sorriso.

"Qualcosa non va?" chiesi innocentemente, quasi sfidandolo a dire qualcosa.

“No” riuscì a balbettare, andando in cucina.

Cazzo, mi sentivo così bene! Ne è valsa la pena vedere l'espressione completa di sgomento sul suo viso!

Quindi, dopo aver impiegato qualche secondo per ricompormi, mi sono diretto anch'io al tavolo della colazione.

"ah ah ah ah!" Mia figlia ha riso.

"Hmm?" Sorrisi voltandomi a guardarla.

"Mamma, hai un'impronta di mano sul sedere!" ridacchiò.

"Io faccio?" dissi, al gioco.

Ho finto di sembrare imbarazzato, lanciando un'occhiata a mio marito. Charles stava bevendo la sua tazza di caffè e non ha risposto. Nel frattempo, Chris stava guardando il suo piatto di cibo, le guance arrossate, entrambi gli uomini sapevano chi era il responsabile.

"Oh... credo che abbiamo fatto un po' di confusione quando abbiamo cucinato!" dissi, ridendo per giocarci.

“Chris l'ha fatto?! Ti ha toccato il sedere mamma?!” insistette ancora di più, ignara di tutta la tensione che c'era tra noi.

"Non lo so, forse..."

"guarda che ha ancora la farina sulla mano!" aggiunse, indicando suo fratello.

“Eww Chris! Hai toccato il sedere della mamma! Spero che tu l'abbia fatto dopo aver finito di cucinare! ha scherzato.

Chris sembrava sempre più a disagio, per una volta si comportava come suo padre, riempiendosi la bocca con un grosso boccone di frittelle.

“Va bene, basta prendere in giro! Sono sicuro che non intendeva farlo! dissi, cercando di salvare la situazione.

Sorrise orgogliosa a suo fratello, godendosi di aver assistito a questo scambio, lasciando il resto di noi a mangiare in un silenzio imbarazzato.

"Whoa, tesoro, dove stai andando?"

"Ho finito. Vado di sopra a disegnare di più! annunciò, correndo a prendere la sua roba e dirigendosi al piano di sopra.

Noi tre sedemmo e mangiammo in silenzio al bancone della cucina. E mentre la tensione tra Chris e Charles era responsabile del loro silenzio, la mia era perché la mia mente era su altre cose; chiedendomi come avrei potuto tradire ancora di più mio marito.

"Miele? Dopo colazione, pensi di poter fare un massaggio ai piedi alla mamma? Penso di essermi allenato un po' troppo stamattina e tu hai già fatto un ottimo lavoro!" Sorrisi voltandomi a guardarlo.

"si certo! Comunque ho quasi finito! dichiarò Chris, spingendo da parte il suo piatto mezzo mangiato, felice di sfuggire al tavolo scomodo.

"Grande! Sai dov'è la bottiglia di-"

"olio per massaggi? Nell'armadio del bagno al piano di sopra giusto? Lo prendo! esclamò, schizzando fuori dal suo posto.

Mio marito è stato lasciato a tavola da solo quando ho iniziato a migrare verso il soggiorno. Stavo solo pregando che rimanesse lì fino al ritorno di Chris, e che potessero iniziare le vere prese in giro!

Fortunatamente Chris è stato veloce, impiegando solo mezzo minuto per correre di sopra e tornare. Ero già sul divano per 3 persone, con la schiena contro l'estremità in modo da poter affrontare mio marito in cucina. Chris si è subito seduto dall'altra parte, si è girato verso di me in modo da dare le spalle a suo padre e mi ha afferrato delicatamente i piedi tra i palmi delle mani.

Proprio mentre stava per mettere l'olio, si fermò, portando lentamente i miei piedi vicino al suo naso, e inspirò.

"Uughh" gemette, il suo corpo tremava.

"Non hai fatto la doccia dopo l'allenamento, mamma?" lui ha sussurrato.

"mm-mm" ho sorriso, scuotendo la testa no. “I piedi della mamma puzzano? Scommetto che sono tutti coperti di sudore secco! ho preso in giro.

Chris deglutì, spostando la testa di lato come se volesse guardare suo padre, ma si fermò di colpo. Potevo vedere l'enigma che aveva; da una parte voleva afferrarmi entrambi i piedi e spingere le dita dei piedi verso il suo naso, prendendone grandi e lunghe boccate. Ma dall'altro, con suo padre che guardava, non poteva essere così audace.

Stavo solo sorridendo, aspettando di vedere cosa avrebbe vinto; il suo cervello o il suo pene!

E come la maggior parte dei ragazzi adolescenti, il pene ha prevalso rapidamente. Chris mi ha tenuto i piedi uniti e ha abbassato la testa in avanti, gemendo mentre inalava il fetore.

Quando ha rialzato la testa, la sua faccia sembrava un tossicodipendente che aveva finalmente trovato la sua dose dopo aver aspettato diverse ore. Mi ha fatto così bagnato!

Dopo qualche altra boccata da parte di Chris, iniziò il massaggio vero e proprio. Iniziò dolcemente, strofinando dolcemente prima l'olio da massaggio, coprendo generosamente entrambi i piedi. Una volta soddisfatto, Chris ha iniziato a lavorare le mie piante dei piedi e la parte superiore del mio piede, calmando i muscoli con le dita.

“Uuff! È fantastico, tesoro! gemetti piano.

"Grazie mamma" Chris sorrise.

“Non ti dispiace vero, tesoro? Spero che la mamma non interrompa la tua mattinata! chiesi sarcastico.

"Oh, no, va bene mamma"

"sei sicuro?" lo stuzzicai ulteriormente.

"sì" sorrise. “oltre alla mamma, sai che non dirò mai di no a massaggiarti i piedi” sussurrò.

"Awww!" esclamai ad alta voce.

Non stavo fissando mio marito, ma dalla mia visione periferica potevo dire che ci stava osservando da vicino. Stava ancora fingendo di leggere il giornale mentre mangiava, e anche se abbassò la testa, non aiutò a nascondere il fatto che i suoi occhi guardavano verso di noi. E poiché il nostro livello di conversazione non era troppo alto, Charles stava sforzando il collo cercando di ascoltare.

“Ti piace la pedicure di mamma? L'ho appena fatto di recente ”ho chiesto sarcastico, a volume più alto. Era tutto per spettacolo. Dopotutto, ormai da mesi Chris sceglieva a mano il colore delle mie dita dei piedi. Quasi come un cucciolo, aspettava irrequieto a casa che tornassi dal salone, con un paio di dita dipinte di fresco da adorare.

"Sì! Questa sfumatura di rosso sembra davvero carina, un po' come un'anguria matura” sorrise, al gioco.

"Tu la pensi così? Che ne dici di dargli una leccata e vedere se ha anche il sapore di uno! Risi scherzosamente, puntando il piede destro verso la sua bocca.

Chris, sorprendendomi, non ha mostrato alcuna esitazione, succhiandosi subito l'alluce in bocca e facendo roteare la lingua. Penso che il fatto che non mi sono fatto la doccia dopo l'allenamento abbia molto a che fare con quanto fosse eccitato!

“Ahhh! Mi fa il solletico!" Ridacchiai, rendendo la mia voce ancora più civettuola.

Chris stava al gioco, abbandonando la sua mano sul mio piede sinistro e afferrando il mio destro con entrambi. Poi, come se fossimo soli, ha cominciato a baciarmi e leccarmi il resto delle dita dei piedi, una per una. Ho risposto dimenandomi come una scolaretta, come se volessi liberarmi dal suo "solletico".

Per tutto il tempo, ho fissato Chris con un sorriso gigantesco stampato in faccia. E sullo sfondo, potevo vedere mio marito seduto a disagio al suo posto. È stato come un incidente d'auto, dove vuoi distogliere lo sguardo ma non puoi, che i tuoi occhi sono semplicemente paralizzati dalla vista di fronte a te. Mio marito aveva lo stesso aspetto. E con la schiena di Chris che gli bloccava la visuale, non riusciva a capire se i miei piedi fossero davvero nella bocca di suo figlio o proprio davanti alla sua faccia.

Insieme alle mie risate, ho aggiunto lentamente gemiti sensuali. Erano sottili, mescolandosi con il morbido rumore di risucchio e risucchio delle labbra di Chris.

"Allora, qual è il verdetto?" ridacchiai. "O hai bisogno di più tempo?"

“beh…” rispose, lasciando che la sua voce si affievolisse mentre iniziava a leccarmi tra le dita dei piedi.

L'espressione di Chris era cambiata da quando abbiamo iniziato. Il sorriso giocoso si era trasformato in uno sguardo molto più appassionato e lussurioso. Si stava decisamente divertendo completamente adesso! Vedendo i desideri oscuri negli occhi di Chris, gli ho rivolto un sorriso malvagio. Ho spostato il mio piede sinistro, completamente bloccato dalla vista di mio marito, proprio sull'inguine di Chris, strofinando dolcemente sul suo cazzo. Ha risposto cambiando posizione, portando il ginocchio destro sul divano, il suo corpo ora completamente rivolto verso di me. Ho trovato molto rapidamente la cintura dei suoi sudori con le dita dei piedi e l'ho spinta più in basso, liberando infine il suo cazzo.

Devo ammetterlo, è stato un po' sorprendente vedere Chris lasciarmi andare così lontano, ma di sicuro non mi sarei lamentato! Deve aver trovato l'intero scenario eccitante quanto me, e con noi che facevamo sempre di più davanti a suo padre senza una risposta, anche Chris si era abituato.

Delicatamente, ho strofinato la testa del suo cazzo con la suola, spalmando la sua pre-eiaculazione sulla pianta del mio piede. Da lì, ho usato le dita dei piedi per giocare con la sua asta, strofinandola e accarezzandola delicatamente. L'attenzione di Chris però non ha mai lasciato il mio piede destro, mentre li accarezzava sempre più lascivamente con la bocca.

Charles, d'altra parte, aveva effettivamente iniziato a sporgersi alla sua sinistra, cercando di creare un angolo in cui potesse vedere cosa stava realmente accadendo. Sembrava completamente preso dalla nostra audacia, ma non poteva andarsene. Beh, se voleva davvero vederlo, tanto valeva dargli un occhio!

Volevo così disperatamente respingere Chris, rendendolo abbastanza magro in modo che mio marito potesse vedere il modo in cui stavo stuzzicando il cazzo di suo figlio con le dita dei piedi. Ma sapevo che sarebbe stato davvero troppo. Charles potrebbe essere stato un buono a nulla, ma anche lui reagirebbe se lo vedesse. Così, invece, ho deciso su qualcos'altro.

“Sembri a disagio seduto così tesoro? Rendiamolo un po 'più semplice! Sorrisi, rimettendo il suo cazzo nel suo nascondiglio e facendo oscillare entrambe le gambe sul pavimento.

Prima che potesse rispondere, mi chinai in avanti e lo baciai intensamente sulla bocca. Sentendomi fiducioso dal fatto che Charles ci avesse già visto pomiciare ieri e non avesse detto nulla, ho tenuto gli occhi chiusi, affondando la lingua nella bocca di Chris, mentre mio marito guardava dalla cucina.

"Perché non ti siedi tesoro?" assicurai, girando delicatamente Chris finché non fu seduto normalmente sul divano, rivolto verso la TV. Rapidamente, in modo da poter nascondere la sua furia dura, ho messo entrambi i piedi sulle sue gambe mentre tornavo al mio posto.

Ora, mio ​​marito aveva una visione chiara di tutto. Era ancora direttamente di fronte a me, e con il corpo di Chris che non bloccava più la sua visuale, poteva vedere chiaramente dove erano i miei piedi. I nostri occhi si incrociarono per un secondo, con me che gli lanciavo un sorriso e riportavo la mia attenzione su Chris.

“Tesoro, potresti aggiungere altro olio? Sembra essersi prosciugato!

"Certo mamma" rispose Chris, completamente sotto il mio controllo ora.

Charles era piegato in avanti sul tavolo, il piatto della colazione e il giornale messi da parte, osservando suo figlio gocciolare lentamente olio da massaggio sui miei piedi e poi unirli con le dita. Immediatamente gemetti.

Chris era così sotto il mio incantesimo che non sono nemmeno sicuro che si ricordasse di avere un padre, tanto meno che ci stesse osservando. Approfittando di ciò, ho iniziato a muovere leggermente il piede sinistro più in alto.

“Lavora su quest'altro tesoro! È un po' più dolorante! Ho sorriso.

Chris ha subito obbedito e, una volta che il suo obiettivo è stato lì, ho messo in atto il mio piano. Ancora una volta, l'altro mio piede è andato al suo inguine, ma questa volta in bella vista. Chris ha provato a protestare e ad allontanarsi, ma l'ho pizzicato forte sulla coscia, facendogli sapere chi comandava.

L'ho lasciato riposare delicatamente sul cazzo duro come la roccia di Chris, con solo un sottile strato di sudore tra di noi. E allo stesso tempo, la mia stessa mano è passata tra le mie gambe, le dita che mi circondavano delicatamente la figa fuori dai pantaloncini. Charles era così concentrato sul massaggio delle mani di Chris che mi ha costretto a strofinare più deliberatamente, enfatizzando il movimento sul mio inguine.

Alla fine, i suoi occhi saettarono sul punto, si gonfiarono per lo shock e si precipitarono immediatamente a incontrare i miei.

Non avevo espressione sul mio viso, lo fissavo solo di rimando, sfidandolo a venire a fare qualcosa. Era il mio modo di dire "e pensavi che tuo figlio che mi afferrava il culo fosse brutto!"

Non era eccessivamente sfacciato; Non mi stavo sfregando le mani in modo osceno in cerchi completi come se fossi da solo, per lo più semplicemente facendo scorrere le dita su e giù. Tuttavia, dovrebbe essere più che sufficiente per lui per capire la mia intenzione. Eppure Charles mi ha sorpreso fissandomi altrettanto impassibile, senza muoversi altrettanto bene.

Quindi, per portarlo al livello successivo, ho aggiunto lentamente più movimenti del polso, strofinando il dito medio contro il mio clitoride. Charles deglutì.

E mentre il nostro sguardo in basso continuava, non ho mai smesso di darmi piacere né ho rimosso il piede dall'erezione di suo figlio. La tensione nella stanza era al massimo, tutti completamente silenziosi, a parte il suono dell'olio lubrificante che mi massaggiava il piede sinistro.

Avevo già deciso; Non avrei rotto. Se avesse continuato a guardare, l'avrei portato oltre, facendo scivolare la mano nei pantaloncini e toccandomi. Da lì, allontanavo il mio piede sinistro dalla mano di Chris, unendolo all'altro sul suo inguine. E invece di sdraiarmi sul suo cazzo, farei metodicamente una sega con i piedi a suo figlio attraverso i suoi sudori. E se Charles fosse deciso a continuare a fissarlo, io...

*Squillo!*

I miei pensieri sono stati interrotti dal telefono di mio marito, ponendo immediatamente fine alla nostra battaglia di volontà. Ci vollero alcuni squilli prima che Charles riconoscesse cosa stava succedendo, rispose ed entrò nella sala da pranzo, chiudendo la porta.

Immediatamente, ho afferrato Chris, trascinandolo sopra di me per un bacio.

"Scopami!" ho comandato.

"Che cosa?! NO! Papà potrebbe...»

"Stai zitto e dai quel cazzo alla mamma!" esclamai, allontanando le sue mani dalla protezione del suo prezioso bene.

“Mamma, lo voglio anch'io! Fidati di me!" disse, fissandomi profondamente negli occhi. "Ma papà torna subito!"

La mia testa si stava confondendo, a malapena in grado di prendere una decisione razionale.

"Bene! Tira fuori quel cazzo! La mamma ha bisogno almeno di un assaggio! dissi, suonando posseduto.

Questa volta Chris non ha combattuto molto, e io gli avevo tirato fuori il cazzo e mi ero infilato tutto in gola in pochi secondi.

“Auffhhh!!!” Gemetti forte, senza curarmi se mio marito tornava e ci vedeva.

Chris almeno ha avuto la sensibilità di afferrare un cuscino e bloccare la vista dalla cucina se mio marito fosse tornato, facendo del suo meglio per non urlare.

Ma quando ho iniziato a farmi fottere sulla sua grossa verga, alla fine ha emesso un gemito di passione.

“Cazzo!! Mamma!! Sto per venire! Sto per – OH Fuckkk!!”

Erano passati mesi da quando era arrivato così velocemente a un pompino, cogliendomi di sorpresa. Ha iniziato a spararmi il suo carico in gola, facendomi soffocare e tossire violentemente. Ma anche ancora, ho tenuto la bocca incollata sulla sua virilità, determinata a mungerlo prima.

Quando finalmente ho ripreso fiato, la mia bocca era un disastro; grondante di saliva e sperma. Ce n'erano dei fili, che pendevano dalla mia guancia al mio collo.

“Gesù mamma! Sembri una troia in questo momento! esclamò Chris, cercando freneticamente di afferrare dei fazzoletti di carta e pulirmi.

Stavo solo ridendo tutto il tempo, senza preoccuparmi del mondo.

Quindi, ovviamente, il tempismo di mio marito è stato perfetto, aprendo la porta della sala da pranzo ed entrando di nuovo in cucina. Chris era appena riuscito a mettere via il suo cazzo sgonfio.

"Jason ha chiamato" disse, guardandomi. “Ho invitato lui e un altro partner dell'azienda, Gary, a guardare una partita della NBA. Saranno qui nel tardo pomeriggio però per un drink"

Avevo la sensazione che questo fosse il suo modo di succhiare alcuni degli altri partner nel suo lavoro, oltre a tenere sotto controllo le mie azioni introducendo ospiti in casa; due piccioni con una fava.

“E me lo stai dicendo adesso? Presumo che restino a cena” chiesi frustrato, asciugandomi un po' dello sperma avanzato dalla mia faccia. Non credo che potesse dire da dove si trovava, ma onestamente non mi importava.

"Beh, eri impegnato ieri sera, quindi..." disse severamente.

"Oh giusto! Ero ”ho risposto con un sorriso, cambiando rapidamente il comportamento di mio marito.

"Va bene, sistemerò qualcosa" dissi.

“Grazie per il massaggio, tesoro! Ha davvero aiutato la mamma! Ho sorriso, chinandomi e baciando di nuovo Chris sulle labbra e, all'insaputa di mio marito, gli ho fatto scivolare di nuovo in bocca un po' dello sperma di mio figlio.

"Per ora, penso di aver bisogno di una doccia rilassante!" Ridacchiai, camminando davanti a Charles e salendo le scale.

Ho afferrato il mio ipad e mi sono fatto un bagno caldo, emergendo nell'acqua rilassante. Sfortunatamente, ha fatto poco per le ardenti richieste che la mia figa aveva ancora, urlando per essere riempita. Volevo così tanto mandare un messaggio a Chris, dicendogli di venire a scopare la sua mamma stupidamente.

Ma sapendo che era impossibile in questo momento, ho deciso per la cosa migliore da fare, prendere il mio dildo di vetro e inviare un videomessaggio a mia sorella.

"Come va troia?" salutai scherzosamente.

"Non male. E tu? Fanculo mio nipote oggi?

La sua consegna impassibile mi ha fatto ridere, portando una sensazione di calore attraverso il mio corpo.

“No, ma gli ho fatto un footjob davanti a mio marito” dissi con nonchalance, abbellendo la verità.

Lily afferrò immediatamente il telefono, fissandomi confusa.

"Che cazzo?!" esclamò.

L'intero schermo tremò mentre si muoveva per il suo appartamento, finalmente sedendosi di nuovo immobile quando si arrampicò sul letto.

"Sei serio? Che cazzo è successo?!”

Ho riso all'istante, amando il fatto di poterla ancora sorprendere.

“Va bene, va bene! Non era un vero footjob, Chris aveva ancora i suoi sudori. Ma l'ho toccato davanti a suo padre!

"Oh mio dio sorellina, sei ufficialmente la più grande troia del mondo!" esclamò.

"Ha... quando ha... com'è iniziato?" finalmente riuscì a chiedere.

"Beh, sai come ti ho detto che io e Chris ci siamo baciati davanti a Charles?"

"Sì?"

"Beh, stamattina, dato che non ho avuto la possibilità di scopare Chris, mi sentivo... avventuroso"

"E Charles cosa, è rimasto lì ?!" chiese scioccata.

“Cosa farà? La sua promozione verrà annunciata tra una settimana, credo. Considerando quello che fa, cosa pensi che accadrà se la sua azienda scopre che la sua perfetta immagine di piccola famiglia è una completa bugia; che sua moglie si scopa suo figlio perché lo stesso Charles va a letto con la sua segretaria di 23 anni? risposi con aria di sfida.

"Voglio dire, immagino che abbia senso" balbettò Lily.

"Quindi... lui sa di voi due?"

“Sa che sto flirtando intenzionalmente con Chris. E dopo oggi, sa che i baci potrebbero non essere l'unica cosa a cui sono aperto con mio figlio ", ridacchiai. "ma lui non sa che stiamo scopando"

“Oh, e ho dimenticato di dirtelo. In realtà ieri mi stava spiando!

"Cosa veramente?!" esclamò Lily.

"Sì. Ieri sera stava fingendo di fare la doccia mentre in realtà sbirciava dal bagno, guardando cosa stavo facendo!

'Dio mio! Quindi cosa hai fatto?

Ho sorriso subito.

“Beh, ho fatto finta di non accorgermene. E poi, uh... ho invitato Chris ad aiutarmi a "aggiustare" qualcosa" ho sorriso. "Abbiamo finito per pomiciare per circa un minuto o giù di lì"

“Aspetta, come pomiciare?! Come il modo in cui vi ho sorpresi a farlo?!

'Mhm' ridacchiai. "Ho persino tirato Chris fino al collo e gli ho quasi fatto un succhiotto."

Quando la conversazione ha cominciato a scaldarsi, ho fatto scivolare silenziosamente il dildo di vetro nella mia figa, cercando di sembrare discreto. Ma le increspature dell'acqua del bagno mi tradivano.

"Che cos'è? Quel suono?"

"Che suono?" Ho finto ignoranza.

"Oh mio Dio, ti stai fottendo in questo momento ?!"

Scoppiai a ridere tirando fuori dall'acqua il mio dildo di vetro e mostrandolo alla telecamera.

"Immagino di non essere l'unico!" mia sorella ridacchiò, abbassando la telecamera e sollevando le coperte per mostrare le proprie dita infilate nella sua figa.

“mia, mia Lily? Ti stai compiacendo al pensiero di tua sorella e tuo nipote? Che ragazza cattiva! Scherzavo.

"Sì, sono io quello cattivo!" ha risposto. "Sono sorpreso che Chris non sia lì con te, a sbatterti contro la figa mentre parliamo"

"Spero che!"

"Stesso!" Lily ridacchiò.

"Sì?" chiesi eccitato.

La mia mente corse all'istante a quando quella era una realtà e non vedevo l'ora di rivederlo. Mi era già piaciuto il nostro rapporto a tre, ma ad essere onesti, faceva quasi più caldo solo seduto accanto a loro, guardando mio figlio che faceva urlare mia sorella in estasi.

"Uh Huh! Mi manca quel suo cazzo... soprattutto dopo quanto allenamento ci hai messo!"

“perché non vieni a trovarci. I’m sure your nephew will be excited!” I giggled, trying to hide my own excitement.

“What about Charles? Isn’t he going to be there?”

“Mostly no. He’s been home late these last few weeks, usually coming back already eaten dinner with a certain, womanly fragrance on him. Plus he’ll be traveling more, that’s for sure”

“I’ve been meaning to ask you. What…what’s the situation like with you and him? Cuz you said he knows that you know about his affair, right?”

“Well I never deliberately said it aloud, so he’s never openly admitted it either. But…there’s been enough clues from me that he knows I’m aware”

“So…are you two-“

“getting divorced? No. I mean its not like it’s a super bad deal for him now” I said.

Lily responded with a perplexed look, not sure what I meant.

“I mean all he cares about right now is getting that promotion. And recently, I see why. His job is basically going to be socializing with clients- taking them to dinner, golfing, or clubs; making sure they have a good time before talking about business. And with that blond bimbo by his side, he’s got something to show off and play around with when he wants” I answered.

“He’s probably been dreaming of a life like that ever since he was a small pimply teenager” I scoffed.

My sister was slowly nodding her head.

“If we were to get divorced, it would jeopardize his job already, so there’s no way he would even think about calling out me and Chris publicly. So in that regard, he’d actually be paying us alimony anyways. Then there’s telling his parents…and it just gets really messy. As it is now, its much better for him. He keeps the image of a good father and husband to his company, can happily drink and party with his clients, and no longer fears me finding out about his affair”

“huh”

“yeah, like honestly, I know I’ve done something that’s terrible and unforgivable, but he’s not getting the short end of the stick. Yes, I’ve completely abandoned our marriage vows, but he did the same long before me”

“Anyways, enough about that, how’s your own boy-toy” I asked.

“He’s learning” she nodded, making us both giggle. “He’s still young so just good, but not great in bed yet, but there’s time.”

“So not as good as Chris, huh?” I teased.

“maybe not, but the sex is undoubtedly hotter. You have no idea how it feels to be fucking a boy. I mean a boy, he’s younger than Chris!” esclamò.

“Yeah, tell me more?” I laughed, playing with myself again.

“Well he’s not the only one. You know my bitchy boss?”

I nodded yes.

“Well I kinda made her son my personal little sex slave for a few days and then from there…let’s just say I’ve experimented elsewhere, to varying degrees” she laughed.

“and you call me a slut?! How many virginities have you taken!”

“not that many! Most of them I just make out with or let them feel me up!” she added. “God, some of them were so naïve that just kissing me had them wetting their pants!”

“Sounds hot! And makes me feel bad for not starting things with Chris when he was a little younger!”

“Oh please, Sis! With how much you demand from his cock, I’d be surprised if it still works in a year or two much less starting earlier!” she joked.

“Oh, no worries there! My son’s an absolute stud in the bedroom. He puts his father to complete shame!” I proudly proclaimed.

“Oh my god, I can’t believe this is how you talk now! If I heard these words come out of your mouth just a year ago, I would’ve checked you into a psychiatric hospital for testing!”

“What?! It’s the truth and you know it!” esclamai. “I’m absolutely obsessed with his cock! Using it whenever I want, however I want!”

“You’re getting me excited too!” my sister laughed.

“So, come on up! I promise Chris’ll give you a proper fucking!”

“Oh that sounds hot! Ok let’s do it!”

"Grande! Charles will be gone for a meeting sometime in the next week after his promotion. I”ll figure out the details and let you know when”

“A meeting or a “meeting?””

“who cares? He can fuck his secretary all he wants, as long as I’m getting the same with his son!”

“Ok, okay! You convinced me! Should it be just for a long weekend then?”

“Can you get off longer than that? Whatever it is, we can figure it out later!”

"Fanculo! My pussy is dripping just thinking about it!”

“Should I let you go then?” I giggled.

“Yeah, we can talk tomorrow. I’m gonna go find Timmy and have him eat me out for the next hour! Bye slut!”

I always loved talking to my sister. It’s just that now the subjects have changed, that’s all.

I fought over telling Chris or not, but settled on waiting for another night to spring the good news. There were still some motherly errands and work I needed to complete before Charles’ guests arrived.

While I was busy cleaning the house, Charles was on his laptop most of the day, looking over basketball articles and stats. I found it a little odd until I realized that he was basically cramming for an exam, trying to look “educated’ on the subject for when his co-workers arrived. Just seeing his concentration only reconfirmed how much he wanted this promotion.

“You don’t have to get dressed up or anything. They’re just coming over for the game, nothing formal” my husband said, looking over at the attire I had on.

I giggled. “Actually, I have to go drop Jessie off. And the last thing I need is those mothers gossiping and judging her because I showed up in sweats”

“I’m sure you can imagine what a nasty rumor can do to a reputation” I grinned at him.

“I’ll wait downstairs. They should be here soon” he mumbled, not wanting to continue this conversation.

After being satisfied with the result in the mirror, I left for my daughter’s room.

“Hey sweetheart, do you have everything you need for your sleepover“

“mom! You should knock first!” she pouted.

“Sorry!” I apologized, forgetting her newfound desire for privacy.

But as for getting dressed, I didn’t have to worry too much. Jessie already had most of her outfit done just lacking her socks and shoes, reminding me that I needed to pick a pair myself out.

“I’ll leave you to it then, young lady” I smiled.

With those two occupied, I decided to go check up on Chris, hoping for a little fun before I had to leave.

“How’s it going honey?” I greeted.

"OH. Hey mom” he answered, turning around form a desk full of books. “Oh you’re going out?”


I had on a simple white blouse and a black pencil skirt that went just below the knee, along with matching black stockings. It wasn’t anything over the top, but I guess still noticeably different from my usual outfit at home.

“Yeah, I have to go drop off your sister. Does mommy look good?” I teased.

“Of course! You look like a sexy lawyer, mom” he smiled, hugging and kissing me.

“Really?!” I grinned. “Because mommy’s head’s filled with all types of illegal thoughts!” I smirked.

I was still horny from earlier in the morning.

“Should mommy take off her panties?” I joked.

Chris didn’t answer and just made a light chuckle at my joke. His hands however did reach for my ass, feeling me up over my skirt.

“Mom, I’m ready to - Blah!” My daughter joked, making a vial face when she saw us kissing.

In my own haste I had forgotten to close the door, marking the second time my daughter caught us making out.

“Are you going to touch mom’s butt again?!” she said bantering with her brother.

To keep it playful, I smiled right at Jessie, rotating my hips to show that her brother’s hand was already there.

“Eww! Mamma! You’re letting him touch your butt!” lei rise.

“So? Maybe your brother likes it?!” I said, blowing a raspberry at her.

“Do you Chris?! Do you like touching mom’s butt?!”

“uh –“ he hesitated, leaving all the opening my daughter needed.

“You do! Fate!" esclamò. “That’s gross Chris!”

“Well mommy likes when your brother does it” I said, smiling at Chris.

But before my daughter could ask too many questions, I quickly changed the subject.

“Are you ready to go?”

“Yeah”

“Ok sweetie, why don’t you go wait downstairs for a bit while mommy picks out a pair of shoes”

“Is Chris going to help?!” she teased.

“maybe!” I smiled, walking over to her and booping her nose. “Now go wait downstairs, mommy’ll be there very soon”

Jessie rolled her eyes but followed my instructions, grabbed her backpack and sleeping bag, heading downstairs.

“Come on honey, let’s go pick out mommy a pair of heels!” I exclaimed, grabbing him and heading to my bedroom.

I tried a few on for Chris, modeling them for him. In the meantime, I could hear from the laughter downstairs that Charles’ guests had arrived.

“Don’t just stare at my feet honey! Which one?!” I giggled, seeing that familiar look of lust in his eyes.

“Sorry, mom. My mind keeps going elsewhere” he chuckled. “I think the pair you tried on before is the best”

“These?” I said, holding them up.

"Sì. Nice and open to show off your pedicure, and not too high, the white matches your blouse too”

“Aww! How thoughtful!” I giggled, giving him a kiss. “Want to help mommy put them on?”

“What about -“

“it’s alright” I smirked, taking a seat on the ottoman seat.

“I don’t know mom. I don’t think we should. Dad’s friends are here, I think” he chuckled.

Despite his words, he did drop to one knee, carefully slipping my feet into the heels and buckling them tightly around my ankle. But as he got up, I quickly pulled him against my body, planting a deep kiss on his lips.

“Can you taste the flavor of mommy’s lipstick?” I teased.

“I’m gonna need more sampling” he shot back with a smile, pulling my left leg up, against his hip.

“mmm. Cherry” he answered, his hand sliding up and down my stocking covered thighs.

It didn’t take long until his palm found my ass again, kneading the flesh as his fingertips snuck underneath my panties. I could feel him digging into my crack, his middle finger quickly finding my asshole as he slid the first two inches inside.

“Oh, is that what my baby boy wants” I giggled. “Do you want to fuck mommy’s ass before I leave?!”

“I’d love to, but there’s not enough time” he panted.

“Okay then, but let’s at least take care of that bulge in your pants” I giggled. “I’m sure you wouldn’t want to walk downstairs with that thing!”

Not giving Chris much of an option, I instantly dropped to my knees, getting his cock out of his sweats in seconds. And true to my word, I didn’t look to tease or edge Chris, not this time, going straight for deepthroating.

“Auuggh!” he exclaimed, his body convulsing from the pleasure my mouth brought him.

“Fuck, mom!”

It was only hearing Chris’ attempt to be quiet that I remembered my husband was still waiting downstairs for us to leave, no doubt fearing that his guests would see something they shouldn’t.

And as if he read my mind, he began climbing up the stairs. I could tell from the squeaking of the hardwood that Charles was being deliberately slow. I don’t know if it was to give us ample warning to stop what we were doing or if he himself had no desire to catch us doing something he didn’t want to see.

Regardless, it allowed plenty of time for Chris and I to cover ourselves backup, with me stuffing Chris’ erection back into his pants. But just as Chris thought I was done and was about to walk out the closet, I surprised him by embracing him with another hug and kiss. Even as the sound of his father’s footsteps came into the bedroom, I stood my ground defiantly.

“Are you done Jen?” Charles asked, glaring at me.

There was no hint of surprise in his voice. Not this time. He undoubtedly knew that we would be making out and was probably hoping that the sternness of his words, combined with his head on approach, would deter us. Sorry, but not good enough.

I made him wait for a few seconds longer, continuing to moan into Chris’ mouth. And since he already knew, I had no intention of moving Chris’ hand from the top of my ass, leaving it there for my husband to see.

“Thanks for helping mommy pick out some shoes!” I smiled at Chris. “Why don’t you get back to your schoolwork, I’ll come and bring you a snack after dropping off your sister!”

Chris nodded his head before quietly walking past his father and exiting the closet.

With just the two of us again, I could feel the tension building. There was no doubt in my mind that I had definitely pushed it too far. But at the same time, that was always my intention. It not only tuned me on cuckolding my husband, but it was also humorous; with his guests downstairs, how much humiliation could he take before popping.

"Che cosa?!" I asked rhetorically. “I thought you asked me to behave in front of your co-workers. You didn’t say anything about before” I grinned.

With my husband’s attention focused on me, I casually began fixing my skirt and stockings, hoping that it would fill his thoughts with horror images of his son’s hands roaming up and down my body. I wanted him to envision Chris groping my ass freely, all while I whispered sweet words of encouragement.

The two of us slowly descended the stairs, and by the time we got to the bottom, were completely in sync, ready to fool anyone as a happy couple.

“Oh hello! I’m Charles wife, Jenny! Nice to meet you both!” I exclaimed with a huge fake smile.

Right away I could tell both of them were staring at me, their eyes filled with lustful intentions. And despite the fact that I had started getting used to these looks from other men, it was still surprising seeing it in my own home.

Jason’s eyes were slightly more acceptable, marveling at the beauty of my face and smile. His older friend Gary on the other hand was gawking at my legs and the hem of my skirt; imagining what I’d look like without them.

I had intended to give both men a polite hug, but seeing their hungry eyes grossed me out too much, and I settle for handshakes instead.

“And I was wondering where Jessie got her beauty from! Will you be joining us tonight?” Gary asked.

"Oh no! I’m afraid I’m not much of a basketball fan” I responded.

“I have to drop off my daughter for a sleepover anyways and then start dinner. Make yourself comfortable!” Ho sorriso.

“Ok, see you in a bit dear” my husband said.

And in an act that completely surprised me, Charles leaned over and planted a big kiss on my mouth. It wasn’t too long or anything, but had caught me completely off guard.

And when he broke it off, I could see the slight smirk on his face. I guess this was his way of getting back at me, now testing if I would do anything about it.

I responded with a stone cold expression and glare, holding it there for a few seconds. Slowly, that grin on Charles’ face began to disappear, his mind fully realizing the monumental fuck up he just made.

I still had no idea how I was going to punish him, but all the rage building inside was easily going to make it happen.

“Well have fun. I’ll be back in a bit to make dinner” I said, staring right at my husband, threatening him with my eyes.

He quickly looked away, ushering his guests into the living room sofa while I gathered Jessie and left for the garage.

“That fucking pig! I can’t believe he just kissed me!” I fumed to myself.

“Mom – mom!”

“Huh?” I asked, taking a second to register her question.

“Mom, how come you have to get dressed up to drop me off?”

“Oh” I said. “Well, you know how you want to look good in front of your friends? Not wear anything with princesses or flowers on them?” I said, half-teasing the fact that she wanted to dress more like a grown-up now.

“mhm” she nodded.

“Well I’m doing the same for when I meet Tina’s parents and the other mom’s that are dropping off your friends”

“oh! I get it!” she smiled, buckling herself up in the car.

“Yeah, good sweetie! You wouldn’t want me to wear just sweats when I drop you off, do you? Then the other girls will tease you about it!”

“hmm. Sì! Thanks mom!” esclamò.

I looked over at her, relieved that her aptitude for conversation was helping me cool my head off.

“So, is that why Chris helped you pick out shoes? So you’ll look good?”

“Exactly!” I said, happy to spin it in a positive way.

“Your brother’s really popular with the girls so his eye for fashion is good!” Ho aggiunto. It was half true I suppose; Chris didn’t have much of a fashion sense but remembering the way the cheerleader the other night looked at him, he probably wouldn’t do too badly with the ladies at school if he was interested.

“Yeah” Jessie sighed.

"Che cosa?" I asked, confused. “What do you mean by that sweetie?”

“Oh, just that one of my friends thinks he’s cute. Don’t tell him though!” she quickly said.

“Really?!” I giggled.

“What about you sweetie?!” I grinned brightly, looking over at her.

“EWw, no! Chris’ is a dork!” lei rise.

"SÌ! Mommy agrees!” I laughed loudly. “Your brother is very much a dork!”

The two of us enjoyed a rare moment together as girls, and not just mother/daughter.

“Mom, do you really like it when Chris touches your butt?” she asked curiously. “or were you just teasing me!”

“no, mommy likes it” I said, unable to hide a smile.

“Really? Why?”

“Well…remember how you were little and you liked mommy massaging your ears when you were scared of thunderstorms. And then it would make you feel calmer and better?”

“You mean it’s like that?!”

“sort of” I giggled.

“But how come you guys kiss too?”

This was the first time she had really started to ask these questions. Maybe it had to with her age and growing up, or maybe it was just simply because of the laugh we shared opened her up more.

“I kiss you too, sweetie!” I said, hoping it would satisfy her.

But as expected, Jessie was stubborn and pressed forward.

“It’s not the same mom! You and Chris kiss like people in the movies do!”

“Well that’s because your brother’s a good kisser” I smiled, trying to act normal. “Just like how sometimes mommy wants a hug from you, sometimes mommy will want kisses with your brother”

“But you never kiss dad like that?”

“That’s because” I whispered, motioning her to lean closer. “Daddy’s a bad kisser!”

Jessie instantly burst out laughing.

"Veramente?"

“Mhm!” Ho annuito. “Your brother’s much better at it!”

Jessie continued to giggled, too naïve and innocent to find the situation anything more than just funny; completely missing the possibility that something was very wrong with what I said.

“But just remember never to bring it up in front of daddy” I winked.

"Perché?"

“Because he doesn’t like getting reminded that he’s a bad kisser. It’s embarrassing for him!”

“Okay!” lei rise.

The rest of the car ride over was short but equally joyous, with the conversation quickly turning towards what she and her friends had planned for the evening. Before we knew it, we had arrived at her friend’s house.

I made a few minutes of small talk as I dropped Jessie off but to be honest, my mind was still going back on my husband; or more specifically, how to get back at him.

Because if he honestly thought that I wouldn’t cause a scene or do anything outlandish on the account of his guests, then he severely underestimated how far I’ve come!

The entire drive back home was just my mind filling up with ways of teasing him; me inviting Chris down for dinner only to grab his collar and suck on my son’s lips and tongue in front of everyone. Or casually mention how his “mistress” had called and wanted to know if he was free tomorrow.

I had wanted to slowly reveal to Charles what Chris and I were up to, but seeing how he thought he could push back against me, maybe I should speed it up a bit. No, I won’t let him know every little secret, but at least enough to shock and suppress his newfound “confidence.” If seeing his son massage my feet while I subtly masturbated wasn’t enough, thank maybe he needed to see more!

When I got home, I went directly upstairs, not even saying hello again, my mind set on vengeance.

I immediately headed for my closet, scanning for what outfit would fit best. Part of me wanted to dress extra slutty, but knew I couldn’t go overboard. I wanted to embarrass Charles, not exactly seduce his co-workers. In the end, I settled for a pair of very tight black leggings and extra small T-shirt. Beneath the leggings, I made sure to wear a white G string, knowing full well that it would show whenever I bent over. Additionally, the leggings were skintight, showing off the perfect curves of my ass and legs. Beneath my T-shirt, I went with a silk bra. I knew for a fact that if I ever got “excited”, neither the fabric of the bra or the T-shirt would do anything to hide my perky nipples.

I confidently descended the steps and turned the corner, heading for the kitchen. Within seconds, the boisterous atmosphere of the living room died down a notch. I made sure not to directly look, pretending to be busy washing some vegetables by the sink, but from the corner of my eye I could see them; all three men were looking in my direction, no doubt stunned at the outfit I had on.

Once I felt they had enough of a preview, I decided to take the next step, heading towards the living room.

“I apologize but there’s not much time to cook a proper meal, so I hope some simple Italian pasta will be okay” I smiled.

I slowly bent forward, carefully gathering together the empty bottles of beer on the coffee table. Since my T-shirt didn’t leave enough of a gap to show any cleavage, I would have to make up with it on the other end. So gradually, I maneuvered myself around the couch area, cleaning up the table as I bent over. I made sure that both Jason and Gary each got a good look at my luscious ass, teasing their eyes just long enough without making it look intentional. And just to make sure my husband knew this was on purpose, I gave him a devilish grin as I passed by him.

He gulped, taking a big exhale of breath.

“Well guys, is that okay?” I asked again, standing in front of them.

"Sì. Yeah, sure” Jason nodded.

“Pasta’s fine with me too” said Gary, unable to hide his lecherous grin.

"Grande! Let me know if you guys need anything and I’ll come bring it to you!” I smiled, leaving back to the kitchen.

Slowly, the three of them started conversing again, trying to act as if they weren’t all staring at my ass. Every few minutes or so, my eyes would turn towards my husband, watching him squirm in his seat, terrified of what I would do next.

Over the next half hour, I quickly whipped up a Caesar salad and shrimp Alfredo with freshly boiled linguini pasta, enough to serve five before calling Chris down for dinner.

As soon as he stepped into the kitchen, he gave me the same look as the other men.

“Jenny, do you need any –“

“No, go ahead and take your seat at the dining table! What kind of host would I be if I let you help!” Ho sorriso.

“Chris, do you mind helping mommy set the table?” Ho sorriso.

Before he could answer, I moved in, planting a soft, gentle kiss on my son’s lips.

Charles’ heart nearly leapt out of his chest, terrified that I would let it linger. But luckily I still had enough reason to know not to, breaking it off after a quick smooch.

And as soon as I did, I smirked at my husband again, just leaving a friendly reminder that I could destroy his career at any second if I wished to.

“Sure…sure mom” Chris managed to mutter out, quickly grabbing the bowl of pasta and looking straight down, not making eye contact with anyone else.

I on the other hand, proudly kept my chin up, smiling at both guests as if nothing was out of the ordinary. Jason and Gary both quickly nodded their heads awkwardly and followed Chris into the dining room.

Normally, Chris and I would sit on the same side, him on my left. But with our guests present, it just so happened that we sat directly across each other, with Jason across from Gary, and my husband at the head of the table.

I hadn’t noticed before, but now so close together, it was quite clear that the men hadn’t exactly held off on the alcohol. While none of them seemed drunk, that familiar pungent smell of beer was easily noticeable. Fortunately, it came with the caveat that conversation was much smoother. Gary seemed to carry the brunt of it, with the rest of us adults chiming in from time to time depending on the topic.

And although I hadn’t intended to, I was really getting turn on. Most of it was from kissing Chris in front of my husband’s co-workers, but some of it, as much as I didn’t want to admit, was from me teasing them with my outfit. It wasn’t even anything too sexual, no flashing of my legs or cleavage. But still, just knowing that both these men, married men I should add, were taking glances at me made me feel hot.

I had zero intention of reciprocating any of this attention of course, yet, the effect it was having between my legs was undeniable; I felt so fucking slutty teasing them like this!

Soon, when the conversation turned towards sports, occupying all three of their attention, mine turned towards Chris. With what happened this morning still so fresh in my memory, I gently, without giving anything away, lifted my right foot up and extended it forward, onto his lap.

Chris, who was minding his own business, eating his pasta, all of a sudden twitched in his seat, his eyes rising immediately to meet mine.

I flashed him a devilish grin back, doing my best to cover it with my glass of wine.

He immediately took a look to his right, seeing everyone else temporarily preoccupied to pay attention to us before exhaling a sigh of relief.

Afraid that he would slap my foot away, I hastily pushed it forward more, pressing my toes against his groin. Through his sweats, I could feel that his cock wasn’t hard yet, my play toy still sleeping; but that would easily change.

Even as Chris fidgeted in his seat, I continued, gently massaging his crouch until I felt his cock beginning to harden. Having done this a few times already, I knew it would only be a few more seconds before he submitted to my will and cooperated.

And to help it along, whenever Chris’ eyes came back to me, I made sure to look extra sexy, extending my tongue out sexily as I ate my noodles. Even with my salad, I made sure to seductively lick off the creamy, white ranch dressing from my fork.

It didn’t take long before Chris’ libido won, too turned on from watching me. He sneakily dropped his left hand below the table, taking a hold of my foot.

I grinned wickedly at him, tongue slowly circling my lips to clean off any alfredo sauce.

He started by just putting more pressure on his cock, fingers sliding in between my toes at the same time. To compliment him, I slid further forward on my seat, allowing my toes to reach the waistband of his sweats.

Chris knew what I want

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

879 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

387 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

727 I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Gli assassini senza mira, capitolo 1

Il barista era un uomo pesante. Aveva un viso rotondo e carnoso con occhi piccoli e un naso grosso. In quel momento era continuamente infastidito da una mosca, che evidentemente era molto affezionata al suo naso. Apparentemente il bar era vuoto con alcuni ballerini che dondolavano in giro aspettando l'inizio della serata. Alcuni avevano già clienti ed erano impegnati a soddisfare le loro esigenze. La mia testa ha smesso di girare quando ho visto una ballerina in un angolo. Indossava un reggiseno di seta blu scuro con pantaloncini abbinati. La sua pelle d'avorio brillava alla luce delle luci. Aveva un'espressione nervosa...

488 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.