The Switch (modificato e ripubblicato)

104Report
The Switch (modificato e ripubblicato)

INTRODUZIONE: Mi scuso per tutti gli errori. In realtà non avevo intenzione di pubblicarlo quando l'ho fatto. Stavo ancora modificando quando l'ho postato per sbaglio. Ho avuto alcune difficoltà con il computer. Ringrazio quasi tutti per i loro commenti (l'eccezione sono le persone che usano le storie per pubblicare commenti in cerca di ragazze? Davvero! Funziona anche così??) Ho quasi finito con il capitolo 2 (che ha dei bei colpi di scena che spero tu mi piacerà) ma mi sono fermato a ripulire un po' il capitolo 1 e a ripubblicarlo. Spero che questo sia più facile da leggere. Grazie ancora a tutti quelli che hanno letto e quelli che hanno commentato.



L'INTERRUTTORE - CAPITOLO UNO

Jessica sedeva nella sua stanza, le nocche bianche per aver spremuto la merda dalla piccola statua che teneva in mano. Era l'unica cosa che riceveva dal patrimonio di sua nonna. In effetti, era l'unica cosa che avesse mai ricevuto dal lato della famiglia di sua madre. Ricordava a malapena sua nonna, eppure aveva deciso che questa piccola statua dall'aspetto di Tiki andasse a sua nipote. Si adattava perfettamente alla sua mano e lei lo stringeva quando si arrabbiava. In qualche modo sembrava sempre sentirsi meglio dopo. Era così arrabbiata con Ryan, il suo fratellastro, che voleva urlare. I loro genitori (il padre di Jessica e la madre di Ryan) stavano festeggiando il loro primo anniversario e trascorrevano un lungo weekend di quattro giorni in un vigneto nel nord della California, lasciandoli soli. I loro genitori hanno lasciato Ryan al comando anche se Jessica aveva due mesi in più, Ryan era il "Responsabile", hanno detto. Più come un noioso, leccaculo, fottuto Boy Scout oOne, se glielo chiedi. Sapeva che era una serata scolastica e non si poteva uscire la sera della scuola. Quelle erano le regole. Nessuna eccezione! Seriamente però! Chi lo saprebbe? I loro genitori se n'erano andati e se non avesse detto niente, nessuno se ne sarebbe accorto.

Ryan, il piccolo goody-two-shoes, ha detto che l'avrebbe detto se fosse uscita. Dio! odiava vivere qui. Jessica adorava la casa. Voglio dire cosa non è amare bene! La casa era enorme, piscina, sala giochi, home theatre! Ottimo quartiere! Erano le persone che non sopportava. Suo padre sposa "quella donna". Sembrava abbastanza carina ed era molto carina. Aveva un buon lavoro come infermiera. In realtà non era cattiva, ma non ha mai permesso a Jessica di farla franca. Era solo che Jessica era abituata alla sua vita precedente, dove le era permesso di fare quello che voleva per la maggior parte. Suo padre ha dovuto lavorare a lungo per sostenerli. Quando era a casa, Jessica era "la bambina di papà" e non poteva sbagliare. Anche se si fosse messa nei guai, non era mai stato qualcosa da cui un sorriso e qualche fossetta non potevano tirarla fuori. Lo aveva avvolto attorno al suo mignolo.

Non menzionare nemmeno la necessità di trasferirsi in un'altra scuola e fare nuove amicizie. Le ci è voluto tutto l'anno per trovare e infiltrarsi nella "lista A" nella sua nuova scuola. Ora per sentirsi dire che poteva uscire con i suoi amici? Jessica era degna di essere legata! Aveva visto abbastanza spettacoli di CSI per sapere che non se la sarebbe mai cavata uccidendolo. Vengono sempre beccati e con la sua carnagione olivastra sarebbe orribile in una delle tute arancioni. Doveva inventarsi qualcosa. Aveva provato di tutto. È arrivata persino a offrirsi di metterlo in contatto con una delle sue amiche. Ha detto di no! Seriamente, lei e le sue amiche erano facilmente quattro delle ragazze più sexy della scuola e lui disse di no. Ha pensato che doveva essere gay! Non ci potrebbe essere altra spiegazione! Jessica pensò che avrebbe aspettato fino a dopo cena e poi avrebbe provato ancora una volta a convincere Ryan a lasciarla uscire con i suoi amici.

Ryan era in cucina a preparare la cena e borbottare tra sé. “Che cagna egoista ed egocentrica! Non aveva rispetto per i loro genitori o per questa casa. L'unico motivo per cui avevano la casa in primo luogo era a causa della causa per la morte ingiusta del padre di Ryan. Era un vigile del fuoco e quando la sua stazione ha risposto a un incendio strutturale in un impianto di produzione locale, non avevano idea che l'azienda non avesse smaltito i loro prodotti chimici di scarto ma li avesse semplicemente stoccati nel seminterrato fino a quando gli affari non fossero ripresi e avrebbero potuto riprendere ad avere i loro rifiuti smaltiti correttamente. Nessuno si aspettava l'incendio e i vigili del fuoco non avevano idea della quantità di combustibili che erano sotto di loro quando sono entrati nell'edificio. Il posto si è acceso come una candela romana prendendo la vita di due vigili del fuoco nel processo. Il padre di Ryan era uno di loro. Scambierebbe volentieri tutto per riavere suo padre. Anche se per un solo giorno.

La madre di Jessica è scappata quando era solo una bambina. Apparentemente, era una festaiola e si sentiva troppo giovane quando è rimasta incinta di Jessica, quindi l'ha lasciata con suo padre e non si è più saputo nulla. Ryan aveva quasi 11 anni quando suo padre morì, era il giorno prima del suo undicesimo compleanno, a volte Ryan si sentiva dispiaciuto per Jessica per non avere una madre, ma quella non era una scusa per trattare sua madre come l'aiutante a casa sua.

Ryan aveva un rapporto buono e forte con sua madre. Le parlava di tutto. Aveva imparato che se faceva le sue faccende senza che glielo dicessero, prendeva buoni voti, obbediva alle regole di sua madre senza discutere, si era guadagnato la sua fiducia. Ryan non era un boy scout, intendiamoci! Ok! Beh, tecnicamente era un boy scout, quando era più giovane. Ma si era anche guadagnato alcuni nuovi distintivi di merito per feste, baldoria e semplici malizia che non avevano mai avuto negli scout. Fintanto che diceva a sua madre che sarebbe andato a una festa, e se c'era da bere, non aveva il coprifuoco, quindi non sarebbe stato tentato di bere e guidare. Poteva anche chiamare sua madre se avesse avuto bisogno di un passaggio. A qualsiasi ora della notte da qualsiasi luogo e non sarebbe mai stato nei guai. Jessica ha usato la manipolazione e l'inganno per ottenere ciò che voleva e la mamma l'avrebbe colta nelle sue bugie.

Quando la cena fu pronta, Ryan chiamò Jessica e cominciò a mettere il cibo in tavola. Quando Ryan era più giovane, lui e sua madre cucinavano insieme quando lei era a casa. A volte passavano tutto il giorno a cucinare in modo da avere sempre il cibo pronto per il resto della settimana e man mano che cresceva cucinavano a turno. Ognuno di loro cerca di sorprendere l'altro con qualche piatto culinario nuovo o esotico. Stasera ha preparato una bella insalata con noci e mirtilli rossi secchi seguita dal piatto principale di pasta capelli d'angelo con gamberi all'aglio, pomodori e zucchine con pane all'aglio. Niente di stravagante ma era uno dei preferiti di Jessica! Ok! Forse sperava che questo avrebbe allentato parte della tensione di prima.

Jessica finì di lavarsi e scese le scale per cenare. Ha subito notato che Ryan aveva fatto uno dei suoi preferiti. Sbuffò un po' tra sé e sé, ma a quanto pare era abbastanza forte perché Ryan la sentisse perché lui sollevò un sopracciglio verso di lei mentre si sedeva. Era ancora molto arrabbiata con lui e non aveva intenzione di dargli la soddisfazione di pensare che il suo patetico tentativo di offerta di pace avrebbe funzionato su di lei. Jessica finì per prima, sciacquò il piatto e lo mise in lavastoviglie senza dire una parola e salì le scale verso la sua stanza. Ryan sentì la sua porta chiudersi sbattendo.

Ryan aveva appena finito di pulire il tavolo e ha avviato la lavastoviglie quando è apparsa Jessica e, a giudicare dal suo abbigliamento, aveva intenzione di uscire, che si fosse messa nei guai o meno. Ryan non ha detto una parola. Si è appena tolto lo strofinaccio dalla spalla e l'ha appeso, le è passato accanto senza nemmeno guardarla e ha acceso la TV. Potevi sentire la tensione irradiarsi da ogni poro del corpo di Jessica. Il suo volto si rasserenò e guardò Ryan con quell'aria di superiorità che aveva visto tante volte a scuola, da parte sua e del suo piccolo “clic” di amici, che rivolgevano ad altri studenti e ultimamente lei lo indirizzava verso sua madre. La voce di Jessica abbinava il suo sguardo a una maglietta. Ovviamente qualcosa che ha passato innumerevoli ore a perfezionare. "Me ne vado" fu tutto ciò che disse. Quella merda non ha funzionato con Ryan. Non aveva intenzione di abboccare. Jessica afferrò la maniglia della porta e stava per girarla per andarsene, quando si fermò. Lei lo guardò male e parlò di nuovo. Non hai intenzione di fermarmi o dire qualcosa? Ryan la guardò con calma e disse: “No! È la vostra scelta. Non sono tuo padre e tu sei consapevole delle conseguenze” e ha appena ripreso a navigare sul suo canale.

Jessica si frugò in tasca, stringendo la sua statua mentre la rabbia le ribolliva dentro. Aprì la bocca e sbottò la prima cosa che le venne in mente. Sai, le cose andavano meglio prima che tu e tua madre entraste nelle nostre vite! Era così! L'ultima goccia! Ryan ne aveva avuto abbastanza! Odiava perdere la calma in quel modo. Per lui la rabbia era un'emozione più che un'intelligenza e di solito era più intelligente che lasciarsi trascinare al suo livello. Per favore, non lasciare che ti impedisca di andartene! Le ha gridato! Fu allora che si scatenò l'inferno. Entrambi si urlano addosso e Jessica lancia la bomba "F" come una parola su tre dalla sua bocca. Mentre le urla aumentavano, la più stretta Jessica stringeva la statua in tasca! Più forte lo stringeva, più diventava caldo, il che aiutava solo ad alimentare la sua stessa rabbia. Arrivò al punto in cui entrambi stavano urlando a squarciagola l'un l'altro, le facce arrossate con i pugni serrati. Sembrava andare avanti all'infinito, anche se era solo per un paio di minuti. Proprio quando la loro rabbia sembrava raggiungere il picco, entrambi sembravano finire la loro tirata con la stessa identica frase! "Vorrei che per una volta tu potessi vedere le cose dalla mia prospettiva" Non appena le parole hanno lasciato la bocca di Jessica, la statua è sembrata in fiamme! Lo ha rilasciato immediatamente ed è caduto a terra. Quando ha colpito il pavimento, la corrente si è interrotta in tutta la casa, immediatamente seguita da un accecante lampo di luce. Sia Ryan che Jessica sono stati buttati giù dai loro piedi e poi tutto è diventato buio………..



Ryan si è svegliato sentendosi come se fosse stato investito da un treno. Tutta l'elettricità in casa era fuori servizio, quindi non aveva idea di quanto tempo fosse rimasto privo di sensi. Scosse la testa cercando di togliere le ragnatele. Tra il dolore e le stelle che vedeva, trovava difficile orientarsi. Ha cercato di raggiungere il seminterrato. e sono stato girato un paio di volte e ho dovuto tornare indietro. Alla fine, ha trovato la scatola dei fusibili, TUTTI gli interruttori sono stati attivati. Quindi, uno per uno, ha iniziato a ripristinare ogni interruttore. Quando finalmente lanciò l'ultima, sentì un urlo dal piano di sopra. Ryan fu preso dal panico e scoppiò di corsa. L'urlo che aveva sentito non sembrava quello di Jessica. Il che poteva significare solo che c'era qualcun altro in casa? Ryan saltò su per le scale, giù per il corridoio e si fermò bruscamente nel soggiorno. Non ci sarebbe stato nulla che avrebbe potuto paragonare l'espressione scioccata sul suo volto con la sola eccezione dell'espressione scioccata della persona che ora gli stava di fronte. Che era lui stesso!!

Jessica si è svegliata quando si è accesa la TV. Aveva un gran mal di testa. Si sentiva come se avesse i postumi di una sbornia con il ricordo del buon tempo. Posò la mano sul camino per tenersi in equilibrio mentre cercava di alzarsi. Mise l'altra mano sul mantello e si tirò in piedi. Gli orologi lampeggiavano tutti, quindi non aveva idea di quanto tempo sarebbe rimasta fuori casa. Jessica si voltò per guardarsi allo specchio, poi si guardò alle spalle e poi di nuovo allo specchio e urlò. Poi si è pizzicata e si è schiaffeggiata la faccia, cercando di svegliarsi. Sentì lo schianto di una porta seguito da passi di corsa lungo il corridoio. Si voltò verso la sala da cui provenivano i passi, e fu allora che passò dallo shock all'orrore. Mentre si vedeva dietro l'angolo e si fermava sbandando proprio davanti a lei. Doppelganger è stato l'ultimo però che Jessica ha avuto prima di svenire.

Ryan si guardò allo specchio e vide il riflesso di Jessica e non il suo proprio prima di vedersi cadere e possibilmente colpire il camino, senza pensare che balzò in avanti nel tentativo di riprendersi prima di cadere. È arrivato in tempo ma ha trascurato di tenere conto del fatto che il corpo di Jessica non era abbastanza forte per sollevare il suo ed entrambi sono caduti all'indietro sul tappeto. Ryan cercò di spostarsi sul divano, borbottando tra sé per tutto il tempo che o Jessica aveva bisogno di allenarsi di più o che lui aveva bisogno di perdere peso. Cercare di spostare il suo telaio da 6'2 "205 libbre con Jessica 5'6" e forse il corpo da 115 libbre era una cagna!
Ryan andò in bagno, prese un panno e lo inumidì. Entrò nell'armadietto dei medicinali e tirò fuori l'aspirina. Ne prese due per Jessica e due per sé, che prese immediatamente, prese anche dei sali profumati,

Ryan è tornato giù per le scale e ha messo l'asciugamano sulla testa di Jessica, che in realtà era la sua testa, e lo ha fatto con le sue mani che in realtà erano di Jessica!!! Questo è solo un modo per dare di matto, pensò tra sé. Dovrei essere fuori di testa in questo momento o almeno svenire accanto a Jessica, o me stesso o qualsiasi altra cosa. Ryan ha ispezionato la maggior parte della casa e ha impostato gli orologi sull'ora corretta, quindi è tornato a controllare Jessica.

Sulla via del ritorno ha calpestato qualcosa! Dannazione che male, pensò mentre si massaggiava il piede. Wow, la pelle di Jessica è davvero morbida! I piedi di Ryan erano piuttosto ruvidi rispetto a quelli di Jessica. Essendo del sud della California, ha trascorso molto tempo fuori e in spiaggia, facendo surf o giocando a pallavolo dove non puoi fare a meno di avere la pelle dura. Ryan si abbassò e recuperò l'oggetto dal pavimento. Era lunga circa 3 pollici e forse ¾ di diametro, una statuetta che gli ricordava quelle di cui aveva letto sull'Isola di Pasqua. Strano che non l'avesse mai visto prima, quindi lo mise sul tavolino per evitare di calpestarlo di nuovo. Jessica era ancora fuori, quindi ha aperto i sali profumati e gliel'ha agitato sotto il naso.

Jessica è quasi saltata fuori dalla sua pelle quando ha inalato l'odore di ammoniaca. Le prime parole che uscirono dalla sua bocca furono, ovviamente, "Che cazzo sta succedendo qui?" Jessica era sempre più presa dal panico ogni momento che passava. Ryan, insicuro su cosa dire in quel momento, vide le lacrime sgorgare nei suoi occhi, in realtà, erano i suoi occhi e lui stesso stava attraversando un periodo difficile per non dare di matto. Si prese mentalmente nota di assicurarsi di non piangere davanti a nessuno. Sperava che fosse solo il manierismo di Jessica sul suo corpo a renderlo un po' debole. Non è un bell'aspetto per lui. Ryan attirò Jessica a sé, abbracciandola e cullandola mentre le accarezzava dolcemente la testa. Ryan prese un fazzoletto dal tavolino e lo porse a Jessica che lo prese e iniziò ad asciugarsi gli occhi con esso. Mentre i suoi singhiozzi rallentavano, disse "Devo sembrare un procione" e si soffiò il naso. Ryan ha appena detto "sembrava bella e che fortunatamente non indossava il mascara oggi". Jessica gli diede una leggera pacca sulla spalla; Ryan poteva davvero sentirla sorridere.


Dopo una decina di minuti, Ryan suggerì di dormire un po', era quasi l'1:30 del mattino e domani dovevano andare a scuola. Erano entrambi esausti fisicamente ed emotivamente. Jessica ha cercato di discutere con lui, ma le mancavano la forza e la convinzione per resistere. Mentre salivano le scale, a Jessica venne improvvisamente in mente di chiedere informazioni su come dormire. Ryan ci pensò su per qualche istante, poi suggerì di dormire nella sua stanza e lei nella sua. In questo modo, se ci svegliassimo nei nostri letti, sapremmo se tornassimo indietro. In caso contrario, non è cambiato nulla e possiamo provare a capire cosa è successo e perché con le teste più lucide. "Non so voi", ha detto Ryan. "Ma ho ancora mal di testa." Jessica annuì d'accordo mentre Ryan l'aiutava nella sua stanza. Tirò fuori un paio di pantaloncini sportivi e una maglietta ampia e morbida per farle dormire, Ryan le disse buonanotte e lasciò la sua stanza e si diresse verso la stanza di Jessica.

Jessica era troppo stanca anche solo per pensare a cosa sarebbe successo oggi. Riusciva a malapena a tenere gli occhi aperti. Si è appena tolta i vestiti, ha indossato i pantaloncini e la maglietta che Ryan le aveva preparato e si è lasciata cadere sul letto senza nemmeno spegnere la luce. Aveva solo un pensiero fugace mentre si metteva a suo agio, ragazzo, questo letto è comodo. Avrebbe dovuto convincere suo padre a procurarle uno di questi, e poi si sarebbe addormentata.

Ryan entrò nella stanza di Jessica e accese la luce. Santo schifo! Borbottò ad alta voce tra sé. La stanza era un disastro. Mi è sembrato che Jessica avesse provato diversi abiti prima di decidere su quello che indossava ora. Ogni abito precedentemente ritenuto indegno è stato scartato a caso sul pavimento. Ryan non era dell'umore giusto per occuparsene in questo momento, quindi ha appena spento la luce e ha iniziato a togliersi i vestiti. Ha pensato che sarebbe semplicemente andato "commando", cosa che di solito faceva comunque in estate. Andava tutto bene finché non ha provato a togliersi il reggiseno. Ora è una cosa toglierle un reggiseno da ragazza quando stavi pomiciando. Lo aveva fatto molte volte prima. Toglierti uno si stava rivelando molto più difficile e pericoloso di quanto si aspettasse. Cadde due volte cercando di sollevarsi dietro di sé con la mano mentre si torceva la parte superiore del corpo. Stufo, Ryan attraversò il corridoio per chiedere aiuto a Jessica vedendo che la luce era ancora accesa. Gessica? Potresti…." fu tutto ciò che uscì. Si vide svenuto sul letto. Si avvicinò e la coprì con una coperta e spense la luce. Ryan, frustrato a questo punto, si è semplicemente tolto le spalline e si è fatto scivolare il reggiseno sui fianchi e ha afferrato le mutande mentre passava in un colpo solo e le ha gettate sul pavimento con il resto dei vestiti. Si infilò nel letto, si sdraiò sulla schiena e chiuse gli occhi.

Dopo la dissolutezza del reggiseno, Ryan ha scoperto che la sua mente vagava. Le implicazioni di quello che era successo erano appena note e cominciavano a farsi sentire. Cercò di ricordare tutti i film che aveva visto dove si scambiavano corpi. La maggior parte erano stupidi e davvero incredibili! Anche se Ryan ha dovuto ammettere che ora li trovava piuttosto credibili!! Dovevano essere almeno una dozzina. La maggior parte con padre e figli o il cambio di posto tra madre e figlia. Ricordava quello con Rob Snyder, anche se il titolo gli sfuggiva. Aveva 15 anni quando lo vide allora e ricordò di aver pensato a cosa avrebbe fatto in quella situazione. Ryan aveva sempre fantasticato su come sarebbe stato essere una ragazza, poter avere orgasmi multipli! Quando aveva 15 anni non era raro per lui il Jack-off 3-4 volte al giorno! Se avesse potuto avere orgasmi multipli allora, dubitava che avrebbe mai lasciato la sua stanza. SEMPRE!! Ora aveva più autocontrollo rispetto a quando aveva 15 anni, ma la sua fantasia era affascinante come sempre. Ancora di più ora che qualcosa, che era così lontano dal regno delle possibilità, era ormai a portata di mano.

Ryan stava letteralmente tremando solo al pensiero di toccare il corpo di Jessica, che ora occupava. Per sentire quello che sente una donna! In realtà stava iniziando a dare di matto. Ryan ha pensato al corpo di Jessica e al suo aspetto solo una volta e quella è stata la prima volta che l'ha incontrata quasi 2 anni fa. Era sexy! Ma una volta che ha scoperto che mocciosa arrogante fosse, lo ha completamente spento! Fu solo in quel momento che capì veramente cosa significasse la frase "la bellezza è solo superficiale". Ryan ha basato tutte le sue opinioni sulle donne sulle sue osservazioni su sua madre. Charlotte, sua madre, era una donna bellissima dentro e fuori. Ryan pensava solo che la bellezza fosse creata all'interno di una persona e irradiata verso l'esterno. Quella bellezza era un riflesso del tipo di persona che erano, il che faceva sembrare bello tutto ciò che facevano. Un equilibrio di bellezza, grazia e armonia all'interno di se stessi. Questo era il motivo principale per cui Ryan usciva raramente. Doveva ancora trovare qualcuno con quell'equilibrio che stava cercando. C'erano ragazze con cui era amico che avevano una bellezza interiore ma si consideravano imperfette o poco attraenti, erano le loro stesse insicurezze a renderle meno attraenti. Non il loro aspetto esteriore percepito.

Ryan si calmò e abbassò lentamente le mani sui suoi seni. La sua stessa eccitazione e anticipazione stavano causando un sovraccarico sensoriale. Perché non appena le punte delle sue dita le toccarono i capezzoli, il suo corpo rabbrividì per quello che lui poteva solo supporre fosse il suo primo orgasmo. Non riusciva a decidere quale si stava divertendo di più? Era la sensazione dei suoi capezzoli tra le punte delle sue dita o la sensazione delle sue morbide dita che giocavano con i suoi capezzoli? Le liberò il capezzolo dalla mano sinistra e fece scorrere le dita tra i suoi seni, giù sullo stomaco. Stava ansimando dolcemente quando si fermò appena sopra il suo tumulo. Aveva i peli pubici tagliati corti in una pista di atterraggio lunga e stretta. Le sue dita dei piedi si stavano arricciando per l'anticipazione. Ryan prese il suo dito medio e lo mise proprio in fondo alla sua fessura e lo spinse dentro in modo molto gentile. Non appena lo fece, sentì un piccolo rivolo di liquido scorrergli tra le guance. "Dio mio!" Ryan rimase senza fiato. Con tutte le nuove sensazioni che stava provando, non si era reso conto di essere fradicio. Si portò il dito alle labbra e si assaggiò. Aveva un sapore dolce con un leggero sapore. Aveva già fatto sesso orale; in effetti gli è piaciuto molto. Non c'era niente come la sensazione che provava nel dare a una ragazza orgasmi multipli. Come i fiocchi di neve, nessuno ha lo stesso sapore.

Ryan riportò il dito sul fondo delle sue labbra e le accarezzò dolcemente la fessura. La sua mano destra le pizzicava ancora delicatamente il capezzolo destro. Quando il suo dito si avvicinò al suo clitoride, Ryan usò un po' più di pressione affondando un po' di più e colpì leggermente il suo clitoride mentre il suo dito vi scivolava sopra. Era tutto ciò che serviva. I suoi fianchi si sollevarono istintivamente provocando ancora più pressione. Il suo corpo ebbe delle convulsioni e tremò in modo incontrollabile mentre si sentiva come se fosse stato fulminato dal puro piacere. Solo ora si rese conto di aver trattenuto il respiro in attesa. Tra i suoi polmoni che ansimavano per l'aria e il suo corpo che ancora si contorceva per l'orgasmo, si sentiva come se stesse per svenire. Ryan si è appena sdraiato per riprendere fiato.

Merda di Holly! Pensò tra sé, era meglio di quanto avesse mai immaginato e sperava di aver appena iniziato. Ryan voleva assolutamente capire cosa avesse causato questo bizzarro fenomeno, ma ogni senso di urgenza era svanito. Aveva decisamente bisogno di tempo per esplorare ulteriormente questo aspetto. C'era una grande macchia bagnata sotto di lui, ma non gli importava. Si è semplicemente girato su un lato, ha chiuso gli occhi e si è addormentato sorridendo.


Continua…………

Storie simili

Wendy e Miss West iii

Il terzo di tre Wendy è stata condotta con gli occhi bendati dalla signorina West verso una porta sul retro dell'ufficio. La signorina West inserì una chiave e aprì la pesante porta di quercia di quello che dall'esterno sembrerebbe essere un magazzino vicino all'ufficio principale. Entrando, se Wendy avesse potuto vedere, avrebbe visto una piccola stanza, circa 6 piedi quadrati, dipinta di nero con anelli di metallo fissati a varie altezze lungo le pareti e in vari punti al soffitto. La stanza era illuminata con faretti orientati in tutte le direzioni. Wendy era in piedi al centro della stanza molto illuminata...

1.1K I più visti

Likes 2

Vacanza tropicale_(1)

Vacanza tropicale È stata una notte tranquilla al resort, essendo fuori stagione ea metà settimana. Ma è per questo che eravamo lì: abbiamo risparmiato un sacco di soldi in questo modo. Dopo cena abbiamo deciso di prendere un paio di drink tropicali e dirigerci verso la vasca idromassaggio sul lato nudo del resort. Quando siamo arrivati ​​c'era già un'altra coppia lì, il che mi ha un po' deluso: speravo di fare sesso con mia moglie sotto le stelle. Ma li abbiamo riconosciuti come Tom e Nancy, che si erano conosciuti il ​​giorno prima alla piscina per nudisti, quindi ci siamo salutati...

1.6K I più visti

Likes 2

Naked Day - parte 7

Allora, Sandy vuole un po' di cazzo. Ci sono stato, l'ho fatto, dissi con un sorriso. Sandy mi ha puntato il dito medio e ha riso. Beh, ho bisogno di una pausa, ho annunciato. Ho preso un asciugamano per Cindy per pulire il viso dal suo doppio viso, poi ho portato una sedia in fondo al letto. Penso che mi siederò qui e dirigerò. Dannazione, tutti e tre i fratelli Monroe nudi sul mio letto. Cominciamo. Johnny alzati sulla tua schiena e lascia che le tue sorelle lavorino per farti diventare duro di nuovo. Sandy, guarda quanto di questo puoi scendere...

1.1K I più visti

Likes 1

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

1.5K I più visti

Likes 0

LA VENDETTA È DOLCE???

Ehi, Peg, vieni qui e aiutami per un minuto, per favore, gridò suo marito John dall'interno del garage!?! Peg Burton si alzò dalle ginocchia mentre stava piantando alcune giovani piante di pomodoro nel suo giardino , e dopo essersi alzata e aver lasciato cadere i guanti a terra, ha camminato per una decina di piedi fino al garage in cerca di suo marito!!! John, chiese piano, dove sei, perché le luci sono spente, vieni avanti adesso, smettila di scherzare!!! Si voltò con cautela, guardando in ogni angolo e fessura del grande edificio a due stalli, ma proprio quando stava per sgattaiolare...

1.5K I più visti

Likes 1

Impegnando Alpha Kappa Betta Sorority

Finalmente ho finito di trasferirmi nella mia stanza del dormitorio! Sono così entusiasta di ricominciare finalmente da capo e di lasciarmi alle spalle il liceo e tutte le persone che mi hanno maltrattato. Il mio migliore amico Casey è uno dei miei coinquilini, siamo stati accoppiati con altre due persone a caso. Spero che non siano cretini. Comunque, io e Casey siamo migliori amici da quando ho memoria. Ha già finito di fare le valigie e stiamo per andare a esplorare l'università una volta uscito dalla doccia. Sono così eccitato, non vedo l'ora! Lo sento finalmente finire in bagno e ne...

1.4K I più visti

Likes 0

Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei...

1.4K I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

1.2K I più visti

Likes 0

Un discorso di papà e figlia.. Parte 1

Un discorso di papà e figlia Di Sugar Daddy 8/03/15 Tutte le opere sono scritte in copia Non giudicarmi. So che dopo questa storia non diventerò il padre dell'anno, ma è così. Sono sempre stato attratto dalle ragazze più giovani. Non ho mai veramente assecondato i miei impulsi, tranne una volta con mio cugino più giovane. Ma questa è una storia per un'altra volta. Ma tornando a questa storia, sono un uomo divorziato con due figli. Entrambe sono ragazze una otto Julie e Brandy la più grande. Mia moglie ed io abbiamo divorziato circa un anno fa. Le ho lasciato la...

1.6K I più visti

Likes 1

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

257 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.