I miei migliori studi di sempre, parte 2

854Report
I miei migliori studi di sempre, parte 2

"Benjamin..." La voce dolce di Samantha mi chiamò di nuovo. Oh amico, questa notte continua a migliorare sempre di più per me. In precedenza l'avevo convinta a venire a studiare con me, i miei genitori sono andati in viaggio d'affari per le due settimane successive; i nostri studi si sono trasformati in molto di più, voleva lavorare sui nostri "studi sessuali" e su come sono venuti fuori!!!

"Benjamin..." mi chiama ancora una volta, scendendo lungo il corridoio verso la mia camera da letto. Samantha è quasi insaziabile quando si tratta di sesso; a giudicare dal tono della sua voce, vuole un altro tentativo, supponendo che io non mi alzi e muoia con un sorriso selvaggio sul viso.

Il suo cellulare squilla ancora, l'ultima volta era la nostra amica Tabatha che doveva venire e ha dovuto disdire all'ultimo minuto; questioni legate al lavoro ovviamente. "Ciao... oh, ciao..." la sento parlare, "ce la puoi fare... e loro... stai scherzando... no... wahoo!!!"

In qualche modo, sentendo l'ultimo sfogo da parte sua, sapevo che il mio destino era stato segnato ancora una volta. Lei entra nella mia stanza, sorridendo selvaggiamente, e la lussuria che brucia nei suoi occhi ambrati verso di me. Il leggero clic che fece il suo cellulare quando si chiuse sembrò il coperchio della mia tomba che veniva messo a posto. Ha appena camminato casualmente nella mia direzione, la mano sui fianchi ondeggianti; tutto il suo fantastico corpo nudo lì per me da vedere.

"Uh ok Samantha... cosa sta succedendo adesso..." temevo le notizie a venire; anche se una parte di me era fiduciosa, come aveva detto prima, di portare qui un'altra donna per un viaggio a tre. Forse succederà davvero stasera?

Salendo sul letto accanto a me, si è allungata in modo che potessi vedere ogni centimetro del suo corpo. Appoggiando la testa su una mano, l'altra iniziò a stuzzicarmi il petto attraverso la maglietta, poi si spostò fino al collo e al mento. Ciascuno dei suoi tocchi mi trasmetteva brividi di gioia, ricominciando ad accendere i fuochi selvaggi che erano stati prosciugati in precedenza da questa tigre accanto a me. Il suo gentile accarezzamento ha poi abbracciato le mie guance, le sopracciglia e le orecchie prima di tornare alle mie labbra.

Prendendomi la testa con la mano, si chinò verso di me, avvicinando quelle labbra dolcissime alle mie. Il mio corpo si sentiva di nuovo come una fornace incandescente, il mio cervello si trasformava in budino e scorreva via. Eventuali restrizioni che potrebbero essere tornate bandite all'istante; soprattutto quando ha tirato fuori una mia mano dalle coperte che teneva in una stretta mortale fino al petto.

Li avevo toccati stanotte, eppure la mia mano tremava; quel piccolo tumulo sodo era così caldo e morbido, mentre lo accarezzavo delicatamente, cercando di ricordare quanto le piacesse, mi baciava ancora e ancora sulle labbra. Il suo respiro divenne un po' meno profondo; occhi appena un po' vitrei; il suo corpo si contraeva qua e là.

"Ora Benjamin", chiese, "ti ricordi che Tabatha ha dovuto annullare all'ultimo minuto?"

Ho appena annuito con la testa in senso affermativo.

"Bene", ha continuato, "è in grado di farcela dopo il lavoro, e poiché domani è un fine settimana, abbiamo una sorpresa in più ..." oh no, ecco che arriva la cattiva notizia.

“Avremo altre due ragazze oltre a Tabatha. Pensaci, avrai quattro ragazze stasera; e posso avere sia te che le loro dolci fighe.

Samantha ha iniziato a farmi il solletico sullo stomaco, provocando uno scroscio di risate prima che finalmente riuscissi a trattenerla e ricambiare il favore. Ancora una volta non avrei mai potuto immaginare che sarebbe stata così; a volte così dolce e gentile, giocherellone eppure una tigre selvaggia che aspettava di uscire.

Si rannicchiò contro di me, accarezzandomi la schiena e le spalle. Tutto quello a cui riesco a pensare non sono solo due donne, ma quattro! Come diavolo potrò gestirne quattro? È già stato abbastanza difficile tenere il passo con Samantha stasera. Quattro donne, ora la mia umiliazione quando mi prosciugheranno della vita sarà completa su tutta la linea.

Samantha mi guardò negli occhi, il suo sorriso era ancora luminoso. “Non preoccuparti Benjamin; starai bene; ricorda solo che devi venire dentro ognuno di noi almeno due volte. Questo è quello che ho promesso loro, due volte in modo da fare più pratica possibile. Ora ci vorranno un paio d'ore prima che arrivino...».

Si girò sulla schiena, sostenuta da un grande mix di cuscini; le sue mani mi fecero cenno di avvicinarmi, così mi avvicinai a lei, allungandomi anch'io. Quando alzò gli occhi al cielo e fece un sospiro esasperato, mi chiesi di nuovo cosa c'era che non andava.


********************
"Benjamin", disse tenendo le braccia aperte, "ti voglio sopra di me, non accanto a me..." C'è voluto un po' di tempo, ma alla fine mi sono messa in posizione sopra di lei, le mie braccia sostenevano la maggior parte del mio peso per evitare di appoggiarmi. troppa pressione su di lei. Mettendomi le braccia al collo mi tirò giù e riprese a baciarmi con quei baci di fuoco; in pochissimo tempo la mia virilità aveva raggiunto la massima attenzione.

Ho cominciato a baciarla sulla guancia e sul collo come lei ha fatto con me; le sue guance divennero piuttosto arrossate e vidi i suoi occhi roteare verso l'alto mentre un grande brivido le percorreva il corpo. Aprendo le gambe, ho sentito il suo bacino muoversi contro il mio corpo, scagliando scariche elettriche di eccitazione nel mio cervello fuso a ogni movimento. Ancora una volta la mia gamba iniziò a tremare in attesa nervosa; battito cardiaco accelerato e sangue che brucia per l'eccitazione.

Ho provato a scivolare nella sua femminilità senza fortuna, non mi è mai venuto in mente quanto potesse essere un problema; ancora una volta ho pensato che sarebbe successo naturalmente. Samantha però aveva già previsto che ciò potesse accadere.

«Benjamin», disse, abbracciando con la mano la mia virilità, «lascia che ti guidi in questo momento, la pratica rende perfetti e una donna conosce il proprio corpo meglio di chiunque altro; e no, non è affatto un affronto nei tuoi confronti. Ora, una volta entrato, vai piano e prenditi il ​​​​tuo tempo. Soprattutto SIATE GENTILI!!!”

I suoi baci sul mento e sul collo hanno cominciato a rendermi sempre più eccitato con ciascuno di essi fino a quando un fuoco furioso ha attraversato il mio essere dalla testa ai piedi e nella mia virilità.

Quando mi ha portato alla separazione della sua carne, allentando la parte superiore dentro di lei, ancora una volta mi è sembrato magico. Sentire i suoi muscoli lavorare con i miei, il suo corpo sapere cosa fare, farle uscire piccoli gemiti e risatine mentre mi concentravo sul lento, costante andare avanti e indietro dentro di lei. Chiuse gli occhi, la testa girata di lato, i gemiti ora crescevano da lei, non rumorosi solo in aumento.

Da parte mia, tutto ciò a cui riuscivo a pensare era cercare di accontentarla e sapere ancora una volta che avrei fallito. Il mio respiro era affannoso e duro, la visione danzava mentre una sensazione selvaggia e inebriante lavorava per sostituire ovunque la mia mente fosse scomparsa. Per compiacere questa dea del sesso e della lussuria sotto di me, per essere gentile come ha detto, e tutto questo mentre cercavo di trattenermi il più a lungo possibile.

"Benjamin rallenta", ha diretto, "prenditi il ​​​​tuo tempo, okay, non c'è fretta ... oh sì ..."

Non so cosa sia cambiato se non prenderlo più lentamente, cercando di controllare ogni spinta in entrata e in uscita; non così facile di un lavoro da fare. In un certo senso ero contento che i nostri scherzi non fossero come nei film; tutti suoni ruggenti e dimenarsi su tutto il letto come acrobati e contorsionisti. Il suo bacio successivo sulle mie labbra fece incrociare i miei occhi, strappandole una risata ridacchiante e spingendomi oltre il limite.

Digrignando i denti, il mio corpo sussultò tre o quattro volte mentre entravo dentro di lei. “Mi dispiace Samantha; Non me l'aspettavo quindi…”

Mi baciò di nuovo e mi fece rotolare sulla schiena. «Te l'ho detto Benjamin; Un passo alla volta. È come con me quando ho iniziato a farlo con le ragazze, ci è voluto del tempo per farlo bene. A proposito, stasera potresti aver bisogno di fare un po' di pratica con quelle labbra e quella lingua laggiù su ognuno di noi...

Vedendo lo sguardo inorridito sul mio viso, scoppiò in una massiccia esplosione di risatine. “No Benjamin, non ti farò fare a me in questo momento, finiresti per mangiare parte del tuo sperma con il mio alla fine. Adesso però, dammi la mano…”

Ero abbastanza sicuro di cosa avrebbe fatto questa volta; trascinando la mia mano verso la sua femminilità.

La sua carne era così calda e umida laggiù, specialmente dove le mie dita separavano la sua zona più intima, portando un sorriso crescente sul suo viso. Le ho chiesto dove vuole che la tocchi, e in un punto improvvisamente inizia a tremare un po', ansimando e alzando gli occhi verso l'alto mentre mi afferra il braccio con una mano e di nuovo le lenzuola con le altre.

"Proprio lì... proprio lì... non osare fermarti..." ansimò.

Ho lavorato sul punto il più delicatamente possibile, facendo un movimento vorticoso come mi ha indicato, quindi muovendo l'altra mano per toccare il resto dei suoi punti intimi. Il suo corpo iniziò a tremare, con i fianchi e la schiena che si spingevano verso l'alto a ogni giro che completavo. Sempre più stretta la sua mano mi strinse il braccio, mentre si portava l'altra alla bocca, mordendola per non urlare di gioia.

Le mie dita diventavano sempre più umide dei suoi stessi succhi corporei; una delle sue gambe si mosse con forza sufficiente per colpirmi allo stomaco, togliendomi ogni po' d'aria. Riuscii comunque a rimanere concentrato su di lei, volendo solo fare qualcosa per farle piacere.

L'altro mio paio di dita finì per lavorare nella sua vagina, provocandole ancora più rantoli, finché alla fine continuò a pronunciare nomi celesti uno dopo l'altro.

"Non fermarti... non... non fermarti... oh... oh... oh..." ansimò.

Iniziò un'ultima serie di convulsioni, che la portarono a raggiungere l'orgasmo. Crollò di nuovo sul letto, guardandomi madido di sudore. "Dannazione Benjamin, se puoi farlo adesso, non vedo l'ora di insegnarti a divorare la femminilità di una ragazza."

"Accidenti, Tabatha e Daisy ti ameranno per questo!"

"Daisy... aspetta, non ti riferisci a mia cugina..." sussultai. Non Daisy, una mia cugina stretta che frequenta la stessa scuola di Samantha e me, che ha anche recentemente festeggiato il suo diciottesimo compleanno circa sei mesi fa. Spero di sbagliarmi su questo... mio cugino... tra tutte le persone che potrebbero essere coinvolte...

"Non è solo Daisy, la terza ragazza sarà..." il mio terrore raddoppiò e raddoppiò di nuovo, in qualche modo immaginando cosa avrebbe detto con quel sorriso malvagio sul viso, "... l'altra tua cugina Mindy..."

Questo diventa sempre più un incubo.


*************************
Quindi le ragazze dovevano essere qui entro due ore, eh? Sono più come quattro ore, durante le quali ho fatto una seconda doccia, insieme a un pisolino. Samantha ha suggerito il pisolino, dettando che non ci sarà molto bisogno di dormire quando arriveranno gli altri. Il mio pisolino era pieno di immagini da incubo di ciò che accadrà quando la mia gente e i miei parenti scopriranno che ho scherzato con i miei cugini...

Una di mia zia, madre di Daisy e Mindy; lei odia assolutamente gli uomini, quindi io e mio padre. L'ho appena sognata con in mano una corda annodata, legata alla mia virilità, l'altra estremità a un monster truck e lei fa cenno all'autista di decollare quando la corda colpisce il suolo... inutile dire che è meglio lasciare i risultati all'immaginazione.

La madre di Tabatha era in un altro: era un'istruttrice di Kung-fu. Ero nel dojo al posto di un manichino, lei stava spiegando ai suoi studenti riuniti "Ora classe questa è la tecnica corretta per rompere ogni osso in un corpo umano, uno alla volta e nel modo più doloroso ..."

Stranamente c'era anche la mamma di Samantha, quella che mi tratta come un cucciolo smarrito, chiamandomi continuamente 'bravo ragazzino innocuo', in questo caso mi ha incolpato di 'corrompere la sua bambina' poi mi ha presentato i suoi due mastini chiamati Ripper e Crusher, si specializzarono nel trasformare gli uomini in castroni.

"Sono condannato..." dissi quando Samantha mi svegliò.

"Hai ragione!" la voce che gridava significava solo una cosa, Mindy e gli altri sono qui.

In effetti sono veramente condannato.


*************************
Da quanto mi ha detto Samantha, erano arrivati ​​una ventina di minuti fa, mentre lei stava preparando il nostro solito pasto: panini al tonno e bibite gassate. Una cosa su cui ha represso immediatamente mentre si sedevano in soggiorno è stato quando Mindy, la gemella identica di Daisy, ha chiesto che venisse portato loro l'alcol forte per "rilassarsi". Per fortuna l'ha fermato; i suoi genitori erano stati incredibilmente chiari: niente alcol di alcun tipo.

Qualche cena si è rivelata, mi sono sentito completamente fuori posto mentre le ragazze ridevano e scherzavano tra loro; trangugiando la soda ed essendo così ribaldo con storie di altri uomini che ero assolutamente sbalordito.

Parla di ottenere un'istruzione.

Ho cercato di tenermi alla larga, immaginando di evitare la mia inevitabile esecuzione, eppure Samantha continuava a guardarmi con quel luccichio affamato negli occhi... la tigre si stava svegliando di nuovo. D'altra parte, Mindy continuava a guardarmi con un disprezzo malcelato negli occhi.

All'improvviso le ragazze presero a bisbigliare tra loro, guardandomi a turno, Samantha, Daisy e Tabatha avevano occhi affamati. Samantha sussurrava loro qualcosa, muovendo le mani appena fuori dalla vista e poi arrivavano le risatine o gli sbuffi di dubbio, la maggior parte dei quali da parte di Mindy.

Il cielo mi aiuti, se riesco a malapena a cavarmela con lei, come farò con quattro tigri? Posso immaginare che il mio stesso annientamento sia a portata di mano.

"Oh andiamo Samantha, è impossibile, è un secchione, un nerd e un buono a nulla", il suo sguardo era così selvaggio e arrabbiato che se potesse uccidere, una dozzina di uomini sarebbero morti. “LUI non potrebbe mai farcela, ho accettato questo stupido incontro solo perché sapevo che FALLISCE COMPLETAMENTE. Te lo dico subito, non entrerà mai dentro di me se ho qualcosa da dire al riguardo... solo una donna può far raggiungere l'orgasmo a un'altra donna, non una piccola come... "

“Basta,” Daisy guardò me, poi le altre ragazze e infine Mindy, “Che ne dici di metterlo alla prova, dato che Samantha fa l'affermazione, tu ci fai beffe, allora io o Tabatha dovremmo essere quelli che lo verificano . Dopo tutto, se riesce a farlo solo con le sue mani, allora…”

"Giusto allora", disse Mindy, poi si rivolse a Tabatha, "buona fortuna che ne avrai bisogno."

"Una cosa da capire Benjamin", mi sorrise in modo assolutamente malvagio, "QUANDO fallirai dirò a tutti a scuola che hai davvero dimostrato di essere un impudente ..."

“Mindy”, disse Samantha con rabbia nella voce, “quando ci riesce allora TU devi metterti da parte; qui, sul tavolo, davanti a tutti noi, E mantieni la tua promessa, lui è venuto nella tua femminilità due volte, e forse un'altra volta per l'insulto che gli hai dato.

Mindy improvvisamente esitò, finché Samantha non le fece una serie di schiocchi.

"Va bene, ma quando fallisce Samantha, ti prendo per l'intera notte."

"Affare fatto", Samantha mi guardò con un sorriso rassicurante. Almeno uno di noi era fiducioso.

"Ancora una cosa Mindy", dichiarò Daisy con voce severa, "se non mantieni la tua parola, lo dirò alla mamma, e poi sai che diavolo pagherai per questo. Niente più soldi finti per te e per gli altri con cui ami essere così 'divertente' ai servizi di scorta... "


****************
Fantastico, semplicemente fantastico, ora sono davvero preso da questo casino. Quella che doveva essere una serata intima per me e le quattro signore si è ora trasformata in una sfida. Come al solito, in qualche modo ho incasinato la giornata solo per essere qui; niente di nuovo nella mia vita.

Anche se devo ammetterlo, guardare Tabatha scivolare giù dai pantaloni mi ha fatto arrossire alla grande; mi guardò e sorrise, poi fece l'occhiolino di sostegno. Poi guardando le sue mutandine scivolare giù, facendomela vedere laggiù sono quasi scoppiata in fiamme – mi stavo solo abituando a Samantha la tigre, ora un'altra voleva essere soddisfatta.

Si avvicinò alla mia sedia, quelle sottili trecce dei suoi capelli castani che rimbalzavano; del resto anche il suo seno sotto quella camicia, la stringe come una seconda pelle che minaccia di squarciarsi con un solo respiro. Daisy e Samantha mi guardavano con sorrisi birichini, Mindy si limitava a bruciare.

La cosa successiva che ho saputo è che una maglietta mi è caduta sulla faccia, seguita da qualcos'altro. Ovviamente quando me li sono sfilati, ho visto chiaramente cos'era l'altra cosa: il reggiseno nero di seta di Tabatha, che aveva coperto i suoi seni ora molto scoperti che pendevano lì a pochi centimetri dal mio viso. Si stava già arrampicando sulle mie ginocchia, spostando le gambe per stringersi attorno alla mia schiena.

Ancora una volta la mia gamba iniziò a girare nervosamente; questo provocò uno sbuffo di divertimento da parte di Mindy. Allungai le mani di Tabatha e le guidai dietro il mio collo. Una volta che li aveva bloccati per sostenerli, le mie mani iniziarono ad esplorarle e ad accarezzarle le braccia; toccando delicatamente ogni piega, curva e fessura mentre cercavo un punto che potesse suscitare una sua reazione.

È stato quando sono arrivato al suo collo e poi alle sue guance che ha iniziato a sbattere le palpebre per la sorpresa, apparentemente aspettandosi che mi dirigessi subito a sud per i suoi seni. Ho finto di essere cieco, e che lei è una statua che desidero esaminare con le dita che mi dicono il suo meraviglioso disegno.

Sempre così dolcemente, lentamente, le accarezzai le guance, il naso e poi le sopracciglia dei suoi occhi. Il suo respiro cambiò leggermente, allentandosi un po' e poi facendosi più profondo un paio di volte; sul collo le ho toccato un punto che l'ha fatta sobbalzare, le guance arrossate. Tornando su con le dita, le accarezzai le labbra e ne sentii ogni parte, spostando il bordo esterno verso l'interno e poi giù fino al mento.

Da lì ho lavorato sia al suo osso del seno, passando verso l'esterno ai suoi lati appena sopra quel meraviglioso set di seni. Intendiamoci, ero piuttosto intimidito da loro, appeso a pochi centimetri dalla mia faccia, temendo che un'oscillazione accidentale mi avrebbe spaccato la testa per errore.

Naturalmente le mie preoccupazioni erano infondate, perché quando l'ho toccata a metà dei suoi fianchi, appena sopra l'addome, due piccoli vortici le hanno fatto inarcare la schiena, abbassare la testa e lei mi ha tirato la faccia tra quei deliziosi cumuli di carne per soffocare a morte. Le mie mani schizzarono verso il basso e per qualche motivo questo la fece esplodere ancora di più con una serie di spinte verso il basso dei suoi fianchi.

Poi ho lasciato che le mie dita esplorassero la sua femminilità; Mi aspettavo di avere una reazione come Samantha, morbida e tubante o qualcosa del genere. No, niente del genere è successo con Tabatha.

Tirandomi più a fondo nella valle tra i suoi seni, quella presa più forte del ferro, la sua testa si posò sulla mia spalla. La sua carne era incredibilmente calda, come un fuoco acceso e umido; eppure lei girava e canticchiava a ogni tocco, le mie dita si muovevano in morbidi schemi simili a lettere come Samantha mi ha mostrato prima.

Il mio unico paio di dita ha lavorato sullo stesso punto sensibile come su Samantha; gli altri si facevano strada delicatamente dentro di lei, accarezzando e stuzzicando la carne che si apriva come un velo misterioso ai loro sforzi. Cominciò a respirare più forte, più velocemente e più profondamente, con gli occhi chiusi e le labbra che si mordevano mentre il suo corpo si alzava e si abbassava a tempo con gli sforzi delle mie dita.

Ovviamente ero felice che fosse così estatica, la mia preoccupazione principale era cercare semplicemente di respirare.

"Ecco... ecco... continua... vai... oh... oh... oh... OHHH!" gridò.

Con un ruggito selvaggio di furia appassionata raggiunse il suo culmine, dichiarandolo al mondo intero.



*********************
“Samantha, non stavi scherzando affatto su di lui,” Tabatha si fece vento per un momento. Ovviamente, dato che ero ancora sepolto tra i suoi seni, potevo solo dare un pollice in su di sostegno; non riuscendo a vedere il bagliore pieno di lussuria nei suoi occhi... questo non aveva ancora finito con me.

Samantha e Daisy hanno lanciato grida di vittoria e hanno fatto il consueto batti il ​​cinque; Mindy ha semplicemente guardato con totale incredulità e shock, continuava a dire che non avrebbe mai potuto perdere. Quando le altre ragazze hanno detto a Mindy di abbassare i cassetti e "assumere la posizione", è scoppiata una feroce discussione.

Mentre questo accadeva, Tabatha mi ha liberato dalla sua morsa mortale, permettendomi di respirare senza fiato. Ho pensato che fosse quello per un minuto o due.

Tabatha aveva altre idee.

Veloce come qualsiasi cosa le sue mani slegarono i miei pantaloncini e tirarono fuori la mia virilità, che era in piena attenzione. Ho avuto solo un momento per mormorare un "Oh no" prima che lei mi guidasse dentro di lei, scivolando per tutta la lunghezza e facendomi rapidamente a pezzi con i suoi movimenti su e giù iperrapidi.

Ho guardato Samantha che mi ha fatto un sorriso malizioso di gioia; Daisy e Mindy continuarono la loro discussione. Come potrò mai sopravvivere a questa notte?

Più velocemente di qualsiasi altra cosa le sue azioni mi hanno fatto raggiungere l'orgasmo, senza alcun preavviso da parte mia; solo la spinta improvvisa e inarrestabile a liberarlo dentro di lei. Quando le sono venuto dentro, la mia virilità ha prontamente fatto la fine di un palloncino di piombo, schiantandosi più piatto di un pancake.

“Tabatha non volevo perderlo quindi…”

Mi ha appena baciato con quelle labbra infuocate per farmi sapere che non le importava.


********************
Dovevo chiedermi cosa fosse successo quando la porta d'ingresso si era chiusa di colpo. Solo per un minuto, ho potuto vedere l'immagine di mio padre che mi sorprende con le ragazze qui - lui vestito da vecchio generale, alto e orgoglioso in cima a un masso, che indica il nemico - IO. La sua grande voce che echeggia “distruggi completamente il nemico; ma fallo lentamente dai piedi in su…”

Tabatha era scesa da me e si era avvicinata alle altre ragazze; Devo ammettere che il modo in cui ondeggiavano i suoi fianchi, il sedere nudo dalla forma giusta, ferma e meravigliosa, attirò la mia attenzione. Samantha si voltò e mi guardò ancora una volta, i suoi occhi scintillanti mostravano più fame che mai.

È stato allora che ho notato che Mindy non era qui.

"L'hai preso Daisy?" chiese Samanta.

"Sì," rispose, chiudendo il cellulare mentre faceva un sorriso malizioso. “Ho avuto l'intera sfida e anche lei si è scatenata in video; dovremmo sentire la madre tra circa...(tweet)...ah che...(tweet)...scusami...”

“Sì mamma è quello che è successo, non ha rispettato la sfida come aveva promesso l'altro giorno; no, ho promesso a Sam di venire qui, quindi devo mantenere anche la mia parte... okay...». Il sorriso della margherita divenne sempre più ampio. "Sì mamma, starò attenta, dai solo a Mindy quello che sta arrivando... so che puoi fare di più che farlo... ciao."

Daisy mi ha guardato, vedendo l'orrore sul mio viso – mi sono chiesta cosa mi avrebbe fatto mia zia quando avesse preso d'assalto le porte di casa.

«Benjamin, mamma non farà né dirà nulla su questa faccenda d'ora in poi; si occuperà di Mindy. La mamma può detestare gli uomini, ma odia ancora di più qualcuno che infrange la loro parola, quindi la mia cara sorella avrà un momento molto caldo stasera, proprio non come ti aveva promesso.

“Già basta,” dichiarò Tabatha, “sembra che abbiamo un problema qui. Finora ho già avuto il mio primo dei due con lui e voi due siete ancora completamente vestiti in modo eccessivo. Toccò la camicia da notte di Samantha e gliela sfilò. La vista del suo corpo nudo mi fece battere forte il sangue; il mio cuore è andato in overdrive e ho iniziato a deglutire costantemente sapendo che il mio appuntamento con la distruzione è ora a portata di mano.

Daisy si è divertita un po' di più con me, lanciandomi la maglietta in testa, seguita da tutto il resto proprio mentre le toglievo; ridacchiarono per lo sguardo sul mio viso quando vidi che avevo il suo reggiseno tra le mani.

Qualche movimento di fronte a me ha portato un'altra massiccia serie di sorsi - qualcosa che sta diventando incredibilmente comune stasera. Tabatha era in ginocchio, i capelli raccolti sulla schiena mentre sorrideva come un gatto del Cheshire...

"Oh no, stai per... voglio dire..." Non riuscivo a togliermi le parole dalla gola.

Ha preso la mia virilità in bocca, quelle labbra calde che l'hanno stuzzicata e tormentata riportandola in vita; dove abbia imparato a farlo non ne ho idea, e ad ogni momento riaccendono i fuochi sempre più in alto in tutto il mio corpo, il mio cervello scorre via come l'acqua del bagno nello scarico!

Si sentiva come un aspirapolvere, tanto sono potenti i muscoli della sua bocca; i miei occhi devono essersi incrociati così tanto da girarmi dentro la testa una o due volte. Potevo solo vedermi sgonfiarsi come un palloncino che perde, un guscio raggrinzito!

Come fanno i ragazzi a non morire sul posto quando le donne possono farlo?

Alla fine si è arresa solo per un momento, lasciandomi senza fiato. Tabatha si arrampicò di nuovo velocemente su di me e mi mise le braccia al collo. Proprio come prima che mi trascinasse nella "valle tra i seni" e mi chiedevo quale morte sarebbe avvenuta per prima - martellata a morte dalla sua iperattività o soffocamento.

"Tabatha!" urlò Daisy mentre Tabatha mi faceva scivolare dentro di lei, “Ho ancora bisogno che sopravviva abbastanza a lungo per le mie due volte con lui! Non ucciderlo ancora! IO…"

Nulla dopo quello fu chiaro mentre Tabatha accelerava in un istantaneo hyper-over drive con il suo macinare, pompare e roteare; gemito dopo gemito continuava a crescere in intensità da lei mentre andavamo avanti. Abbastanza presto stava ululando, giuro che ho sentito i lupi nei boschi lontani rispondere alle sue grida!!!

Quelle grida si fondevano con i suoi schiaffi echeggianti e pungenti sulla schiena e sulle spalle; uno dopo l'altro finché non è arrivato un punto siamo scivolati giù dalla sedia. Non ha nemmeno rallentato quando siamo andati a terra! Solo una parola ha chiamato ciò che restava del mio cervello, ninfomane!

Ancora una volta ho raggiunto il mio apice inaspettatamente, il mio sperma le è stato inviato per la seconda volta questa notte. Mi guardò con i suoi occhi selvaggi e pieni di meraviglia e un sorriso intenso, il sudore luccicava su tutto il corpo.

“Samantha mi ha detto che eri qualcosa di speciale e ci posso credere; ancora un po 'ruvida ai bordi, ma che sarà curata con il tempo. Sembra che quei due si stiano già scaldando…”

Guardandoli, non potevo che essere d'accordo sperando di rimanere nascosto; una pura e meravigliosa meraviglia della natura che si verifica che nessun uomo può concepire, figuriamoci sperare di duplicare...

Ho visto Daisy, appoggiata allo schienale del divano, le mani aggrappate al cuscino per tutto il possibile, reagire al tocco ampio e gentile di Samantha sul suo corpo. La sensualità in azione non rende giustizia al suo lavoro; le sue mani si muovevano sulla tela della pelle di Daisy, toccando qui e accarezzando là in perfetta armonia per tirare fuori sussulti, gemiti e gemiti indotti dai brividi.

Dalla fronte alle guance e al mento, le punte delle sue dita turbinavano e si muovevano a spirale. Spalle e braccia furono toccate mentre la più morbida delle pieghe di seta sottilissima sulla pelle. I suoi seni si sollevarono e si ritrassero, abbinandosi a ogni vortice dei suoi occhi e arricciando le sue labbra. Quando le mani di Samantha le hanno raggiunte, il respiro e il salto verso l'alto del corpo di Daisy che ne è derivato sono stati incredibili da vedere... e allora ho capito che non importava quanto fossi riuscita a diventare accanto a Samantha, la dea, non avrebbe avuto importanza.

Ho dovuto voltare la testa dall'altra parte per un momento, ora mi sento più il coglione che sono veramente.

- Tocco!
- Tocco!
- Tocco!

I tre colpi alla mia testa seguiti dalla presa salda di Tabatha mi fecero vedere il suo viso, incontrandomi letteralmente faccia a faccia mentre si chinava su di me. Fantastico, ora vengo giustiziato di sicuro, ho appena insultato l'intera parte femminile della razza umana osando distogliere lo sguardo.

“Benjamin”, mi sussurrò all'orecchio, “capiscilo molto chiaramente, le donne sanno solo come accontentare le donne dato che dopotutto siamo donne; non è un insulto per te o per altri uomini... okay, non è un insulto per uomini come te... uno che è qualcosa di speciale. Ora guarda e divertiti, la maggior parte degli uomini ucciderebbe per essere nella tua posizione.

Sono rimasto sorpreso dal fatto che questa tigre divoratrice e affamata di tutto sia stata così comprensiva e gentile nello spiegarmi questo! Quindi, come mi è stato chiesto, ho lentamente riportato lo sguardo sulla dea dell'amore, Samantha, che ora stava facendo l'amore con Daisy...

Le sue braccia sono avvolte attorno alle cosce di Daisy, la sua lingua lavora tra le pieghe e le profondità di quella zona più intima e piacevole. Mossa dopo mossa potevo vedere Daisy che si contorceva e si agitava, trasformandosi sempre di più in una follia esasperante di vertiginosa passione. Sembrava che Daisy si sciogliesse e scorresse via come fa l'argento vivo in un cucchiaio; malleabile e cedevole. I suoi gemiti sommessi aumentarono di intensità, dicendomi che il momento sarebbe presto arrivato.

Sulla base degli ululati di Tabatha, mi sono solo tappato le orecchie con le dita, pronto a far crollare l'intera casa sopra di noi. Ora, come spiegherei ai miei genitori il conseguente disastro della casa e probabilmente dell'intero isolato?

Tabatha mi prese delicatamente i polsi tra le mani e li allontanò. Guardando quel sorriso malizioso, mi chiedo quale nuovo destino fosse ora a portata di mano per me. Scivolando via da me, si alzò e andò alla sua borsa, quei fianchi ondeggianti richiedevano la stessa attenzione delle attività dell'altra ragazza.

Ecco di nuovo i massicci sorsi, che suonavano come un martellante tamburo appena prima della mia morte. Ho visto una di quelle cose chiamate "giocattoli per ragazze" o chicche "non c'è bisogno di uomini". Non più di un giocattolo vibrante delle dimensioni di una mano; Tabatha guardò me e poi Samantha, o più precisamente, la sua femminilità esposta.

Lo strillo di shock, sorpresa e gioia di Samantha era incredibile da vedere. La sua testa si alzò di scatto dalla sua compiacente Daisy, poi gridò "Benjamin aspetta il tuo... il tuo... oh sì... oh... oh..."

I suoi fianchi iniziarono a oscillare mentre Tabatha toccava ogni punto per far girare Samantha in un paradiso vertiginoso assoluto. Solo la vista di Samantha che reagisce in quel modo, i gemiti morbidi e gentili che si susseguono mentre raggiunge l'orgasmo in un ordine rapido.

Tabatha mi guardò, e il mio disperato scuotimento della testa e delle mani fece ridere tutti e tre. Onestamente ho immaginato che provassero quella cosa su di me! Se poteva fare questo a Samantha, come poteva un uomo osare sperare di sopravvivere?


*************************
“Va bene Daisy,” Tabatha la guardò, “è ora che tu ti metta d'accordo con Benjamin. Ormai dovrebbe essere ben riscaldato. Poi sarà il turno di Samantha di prosciugarlo per la notte…”

Samantha sorrise mentre scuoteva la testa: “Tabatha, l'ho già fatto tre volte stasera, per non parlare di quando quelle sue dita magiche hanno camminato. Come ho detto, Benjamin è qualcosa di speciale. Ha solo bisogno di un po 'più di levigatura dei bordi.

“Comunque Tabatha,” disse, “Se riesci a farlo alzare e cucinare di nuovo possiamo preparare Daisy per l'evento principale di stasera. Sei pronta a perderlo Daisy?

"Uh... lei... sta per... perderlo?" le mie parole sono uscite in un mucchio confuso.

«Benjamin», disse Tabatha, mettendosi di fronte a me, pronto a farmi sciogliere nell'oblio, «stasera Daisy verrà sverginata; perché pensi che Sam l'abbia preparata? Ti aiuteremo a farlo bene, dopotutto c'è una prima volta per tutto nella vita.

Oh noci! Tabatha ha iniziato la sua magia su di me mentre il pensiero di Daisy e della sua vergine femminilità mi turbinava nel cervello; ora lo farò saltare completamente, il momento del completo fallimento è vicino.

“Tabatha, devo imparare come si fa,” sentii Samantha gridare con tono malinconico, “inoltre dobbiamo smetterla di prenderlo in giro così tanto; sai che Daisy è vergine tanto quanto te o me, shish era lì a fare mia cugina quando ho perso la verginità.

Tabatha mi ha preparato abbastanza presto, la mia virilità ancora una volta completamente sull'attenti e il mio cervello ridotto a una polvere fine di totale confusione e caos. Le ragazze prima mi prendevano in giro fino all'orlo del panico per Daisy, e poi mi dicono che non è vergine... cosa credere?

«Benjamin», mi disse Samantha, «lascia che sia Daisy a prendere il controllo per ora. Andrà bene."

Vidi Daisy che veniva verso di me, i suoi piccoli seni che rimbalzavano leggermente avanti e indietro; il sorriso era di un'altra tigre affamata in procinto di divorarmi per i propri bisogni. Si è seduta sulle mie ginocchia e ha mosso le gambe intorno alla mia vita; her forehead came to rest against mine, and I got to see into those deep, lustrous green eyes. One hand of hers went to stroke my cheek, with a softly applied kiss to my nose and brow following.

“Tabatha has a tendency to terrify anyone not used to her…actually she can terrify anyone who is used to her sex drive…” she said.

I half mumbled something that was more of a squeak and chirp in one as she told me to take her nipples into my mouth. “Benjamin,” she said, “Gently, no teeth on them, just put your lips around one and gently put your tongue on it. I’ll guide you the rest of the way.”

So taking one breast in my hand, I put my lips over the nipple, savoring the salty taste of her flesh; she guided me as to how she liked a tongue and lips on the tip. Her other breast I caressed with my hand, looking up at her face to see if I was getting any reaction from her.

Daisy’s hands encompassed my head, holding me in place. Thankfully it was not in a death grip like Tabatha.

Her eyes started flickering about; a soft gasp escaping her lips. I moved my hands to explore her body, silently letting them do their walking; when my thumbs and index finger on each hand swept her back and side at the same time, she gave out a wild giggle and squeal of delight, jumping around like crazy. Her hands shot up to cover her mouth, a look of utter shock on her face.

I held my breath, expecting to get slapped for being so audacious.

Daisy looked over at Samantha. “Blast it you were not joking girl; he CAN do that with those fingers!”

She turned back to me and pulled me into a full bear hug, her lips locking onto mine in full force firestorm!

I felt Tabatha hold my manhood while Daisy slid along its length. Slowly, gently she moved up and down on me, while my hands went to working again on her sides. All I intended to do was find those same spots as before, wanting to hear those squeals of joy again. Yet this time I wound up touching some unknown – to me – spot and pushed Daisy over to the wild side in spades.

Tabatha gripped the side of my chair, hair down on one side, breasts swinging about as her body squirms as well; Samantha is behind her working the feminine magic of making love to her woman style. The air filled with the sweet scent of raw lust and sex, passionate squeals, grunts (mine), and beginnings of howls (Tabatha), joining together.

My eyes felt like they were imploding as I lost it inside Daisy; to my shock I came not once but twice, just as Daisy called out in blissful joy. I collapsed back into the chair as my manhood collapsed for the rest of the night.

Not finished, the girls wound up on the floor, doing a daisy chain as they went to licking and teasing each other: Samantha on Tabatha; Tabatha on Daisy and Daisy on Samantha. I could just barely hear in my exhaustion the ongoing moans and groans, the playful slapping of flesh on flesh, smacking lips and cooing sounds; of course Tabatha just let out her howls of delight – the neighbor’s dog howled in union.

One by one they hit their orgasmic ends, grinning like the sated tigresses they are.

Thankfully Daisy had mercy on me for this night; there was no way I could get it going again with any of them. She just said to me, “there will be another time Benjamin, bet on that. Of all my cousins you are the one who I will take over any others…Samantha is so lucky…”

In bed later that night, I looked at Samantha, stretched out in the nude, and asked her what Daisy meant by her comment of “what I can do with my fingers”?

“Benjamin,” she said, “sometimes you can be so sweetly clueless; that’s one thing I like about you. Think of how many times I asked to rub out a strain or stress in one of my muscles and such; how did I usually act in those occasions?”

I thought back over the last year or so, replaying each of the times – quite a few times actually – and on how she would grasp the base of the chair, her breathing and the look in her eyes…

“Crud,” was all I could say.

“Finally figured it out? You have a gentle enough touch to get most women turned on, look how you did it with me, Tabatha and Daisy. You watch and learn how to do stuff, how we react to it in turn; in addition to following instructions.”

“Now let’s get some sleep,” she said, “the weekend is here and there will be more to do in the days ahead until you’re parents come back.”

“What do you mean?” I asked, “I know you want to keep getting it on with me; or at least that’s what you said…are you planning more ‘surprises’ for me?”

“Benjamin,” she just smiled coyly, humor dancing in her eyes as one hand stroked my hair, and “I intend to bed you as much as I can, as you have seen with sex I’m all but insatiable.”

“As for any other ‘surprises’ in store for you…we shall see.”

She laid her head down on the pillow and drifted off to sleep.

Somehow I have the feeling this remaining two weeks is going to be a marathon for me; assuming I manage to survive Samantha.

“I am so doomed,” I declared.

Samantha muttered a definite “yup.”



(fin)

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

877 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

666 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

386 I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

726 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Il demolitore va avanti

Erano passati circa 8 mesi da quando Jenny era morta, un periodo in cui ero rimasto celibe, in parte per la sensazione che avrei dovuto ancora esserle fedele e in parte per la convinzione che forse ero stato punito per il mio comportamento precedente, tuttavia avendo solo 25 anni vecchio non passò molto tempo prima che iniziassi a sentirmi di nuovo davvero eccitato e cercare di liberare ancora una volta il demolitore divenne una necessità. Il mio appartamento al piano di sopra si affacciava su un nuovo complesso residenziale che era stato costruito su un terreno commerciale bonificato proprio di fronte...

1.1K I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.