Un ragazzo e il suo genio - Capitolo 06

735Report
Un ragazzo e il suo genio - Capitolo 06

Su suggerimento di Sophie, Matt tornò a casa quella sera. Non volevano rischiare che qualcuno sospettasse che avesse un genio, quindi decisero che probabilmente avrebbe dovuto tenersi lontano da lei in pubblico per un po'. Matt acconsentì, anche se avrebbe preferito non doverlo fare.

Matt si sdraiò sul letto, nudo, pensando a tutto quello che era successo di recente. Molte volte nella sua vita aveva immaginato come sarebbe stata la sua vita se avesse trovato un genio. Naturalmente, una volta raggiunta la pubertà, i suoi pensieri erano rivolti a tutto il sesso che avrebbe fatto. In una certa misura, ciò si era avverato, poiché dubitava fortemente che avrebbe mai avuto un'orgia con un intero corso di educazione fisica femminile senza l'aiuto magico. Probabilmente neanche lui avrebbe trovato una ragazza da un po', ed era felice di avere Sophie. Aveva sempre avuto una cotta per lei, quindi fare sesso con lei era un sogno diventato realtà. Ma poi, per lui, fare sesso con qualcuno era un sogno diventato realtà.

Matt guardò Lumiosa, che era distesa prona, facendogli un pompino. Ne aveva chiesto uno a Sophie, ma lei era più preoccupata di pianificare l'incontro di venerdì, quindi aveva invece ordinato a Lumiosa di dargliene uno. Doveva ammettere che era dannatamente brava in questo. Deve aver fatto migliaia, se non milioni di pompini ai suoi tempi. Alexis aveva detto che i geni esistono fin dagli albori della razza umana, ma cosa significava esattamente? L’Homo Sapiens esiste da circa 100.000 anni, ma i nostri antenati esistevano da molti anni prima. Da quanto tempo nella storia ci sono stati i geni sulla Terra? Da quante centinaia di migliaia di anni esistono Lumiosa, Alexis, Apriya e tutti gli altri geni? Quali meraviglie... e orrori... hanno visto?

Matt non voleva davvero chiederlo a Lumiosa. Da quello che aveva detto, in passato aveva avuto dei Maestri piuttosto malvagi, che probabilmente avevano abusato di lei e torturata per il loro divertimento. Sembrava una ragazza davvero gentile che voleva solo renderlo felice, e lui aveva promesso a se stesso che sarebbe stato gentile con lei in cambio. Si chiedeva cosa avrebbe fatto quando fosse morto. Sophie aveva ottenuto Alexis da un vecchio che apparentemente l'aveva scelta a caso per ottenere la lampada. Matt voleva trasmettere Lumiosa ad un altro Maestro che pensava sarebbe stato gentile con lei. Forse un giorno lui e Sophie avrebbero avuto dei figli, che avrebbero potuto ereditare i loro geni, come Apriya era stata tramandata di padre in figlio.

Matt poi si chiese di Sophie e Alexis. Alexis sembrava davvero una normale adolescente, a parte il potere magico quasi illimitato che esercitava. Erano fondamentalmente migliori amiche. Beh, più come fidanzati finché Sophie non muore e Alexis torna ad essere intrappolata nella sua lampada finché qualcun altro non la trova. Matt si chiese se avessero mai parlato di queste cose. Se Alexis raccontasse a Sophie della sua vita. Probabilmente anche Alexis aveva avuto molti Padroni crudeli, quindi qualcuno come Sophie era probabilmente un sollievo per lei.

Matt fu interrotto nelle sue riflessioni dall'avvicinarsi dell'orgasmo. Gemette e rilasciò il suo carico nella bocca di Lumiosa. Lei ingoiò tutto e si staccò da lui.
"Ti è piaciuto, Maestro?" Lei chiese.
"Oh, moltissimo", rispose Matt, annuendo soddisfatto.
"Vuoi che ti dia piacere ancora un po', Maestro?"
“Non per ora. Per ora, mettiti sotto il piumone con me così possiamo coccolarci.
"Subito, Maestro."

Lumiosa si infilò sotto il piumone e Matt la tenne tra le braccia, baciandola. Chiunque le avesse rubato la lampada e gliel'avesse mandata, gli era grato, poiché era sicuro che Lumiosa fosse più felice quando era fuori a servire, piuttosto che restare addormentata nella sua lampada. Era certamente felice di averla.
"Lumiosa, vorrei poter controllare la mia TV con la mente", desiderò Matt.
"Il tuo desiderio è il mio comando, Maestro", sorrise Lumiosa. Matt poi la voltò verso la TV e la accese con la mente. Passò a una vecchia sitcom in onda e si stese lì, accarezzando Lumiosa mentre la guardavano, massaggiandole il cazzo sul culo e accarezzandole sensualmente lo stomaco. Lumiosa non sembrava capire molto le battute, ma le piaceva passare il tempo con il suo Maestro.

Alla fine Matt spostò le mani sull'inguine di Lumiosa e iniziò a massaggiarle la vagina.
"Maestro..." gemette. "Vuoi che ti dia piacere?"
“No Lumiosa. Stasera ti farò piacere."
"Come desideri, Maestro..." Matt fece scivolare le dita nella vagina di Lumiosa. Non aveva mai toccato una ragazza prima, quindi non era del tutto sicuro della tecnica che c'era dietro. Ma poi, si rese conto, non era necessario.

"Lumiosa, vorrei sapere tutto quello che c'è da sapere su come dare piacere a una ragazza." Immediatamente, la testa di Matt si riempì di conoscenza.
"Oh Maestro..." gemette Lumiosa, sentendo le mani ormai esperte di Matt iniziare a lavorare sulla sua vagina.
"Ti fa sentire bene, Lumiosa?"
"Sì, Maestro..." Matt le strofinò il clitoride e lei strillò.
"Lumiosa, vorrei che quando vieni, non finisse finché non lo ordinerò io."
"Il tuo desiderio è il mio... Ohhhh Maestro..."

Le mani di Matt facevano gli straordinari, le sue dita entravano e uscivano da Lumiosa, strofinando tutto ciò che riuscivano a trovare.
"Maestro, ho intenzione di..." gemette Lumiosa, prima di oltrepassare il limite e gridare per l'orgasmo. Matt teneva le dita dentro di lei e sentiva la sua figa contrarsi attorno ad esse. Come Matt aveva desiderato, Lumiosa continuò a raggiungere l'orgasmo molto più a lungo del normale. Alla fine Matt tirò fuori le dita da lei e scelse di stringerle le tette, montarle il culo e baciarle il collo mentre lei cavalcava il suo orgasmo senza fine.

"Lumiosa, mettiti sulle mani e sulle ginocchia", le sussurrò Matt all'orecchio.
"Sì, Maestro..." gemette in risposta, con la figa sul punto di esplodere di piacere. Si tirò su, probabilmente con l'aiuto magico, e si mise a quattro zampe. Matt poi si posizionò dietro di lei e scivolò nella sua vagina.
"Oh sì..." gemette Matt. "È incredibile..." Matt poteva sentire la vagina di Lumiosa contrarsi in modo orgasmico attorno al suo cazzo, e rimase immobile per qualche minuto, godendosi la sensazione, prima di iniziare a spingere.
"Oh Maestro... È meraviglioso, Maestro..." gemette Lumiosa. Matt le afferrò il culo e la spinse più forte che poteva, dentro e fuori dalla sua figa.
"Oh Dio...Lumiosa, vorrei che la mia stanza fosse insonorizzata!" Gemette di piacere.
"Sì maestro!" gridò Lumiosa.
"Bene, perché sto per... sto per...UhhhhhHHhHhHHhH!"

Matt si spinse in avanti con forza e appoggiò la testa all'indietro mentre irrompeva in lei. Questo, pensò, era ciò che aveva sempre sognato sarebbe stato avere un genio. Sborra enormi quantità di sperma su ragazze sexy che obbediscono a ogni suo comando. Era una felicità.

Una volta che Matt ha finito di venire, è tornato subito a spingere. Dopotutto, ci voleva un sacco di scopate per bruciare una resistenza sessuale illimitata. Aveva intenzione di continuare a scoparla finché non fosse svenuto per la totale stanchezza, ed è esattamente quello che ha fatto. Mentre sparava il suo ennesimo carico contro Lumiosa, le cadde addosso. Riuscì a darle un dolce bacio sul collo, prima di perdere i sensi.

"Ehi Matt, svegliati!" Matt poteva sentire parecchie cose quando si svegliò. La prima era ovviamente la voce che gli parlava, e le mani che lo scuotevano per svegliarlo. Ma poteva anche sentire il suo legno mattutino, che in quel momento veniva spremuto dolcemente da qualcosa di caldo e umido. Poteva sentire un corpo sotto di lui, che respirava regolarmente ed emetteva gemiti morbidi e femminili.

Matt aprì gli occhi e vide il volto di Lumiosa, che era di pura estasi. A Matt venne in mente che, dal momento che si era addormentato mentre la scopava, non le aveva mai ordinato di smettere di venire, quindi lei era stata lì tutta la notte. Non che sembrasse soffrire.
"Lumiosa, smetti di avere orgasmi e vai nella tua lampada a riposare", sussurrò Matt, e lei emise un gemito che era un misto di sollievo, delusione e obbedienza. Matt la baciò, guardandola dritta negli occhi, prima che svanisse nel fumo rosa, che fluttuava nella sua lampada. Matt si girò e sorrise.
"Divertirsi?" gli chiese Alexis, e lui si mise a sedere per guardare il genio nudo.
"Un bel po'", rispose Matt, sedendosi. «Dov'è Sophie?»
"Mi sto preparando per domani", rispose Alexis. “Non mi permette di dirti cosa sta progettando, ma tu sei coinvolto. Mi ha mandato qui per farti alzare per andare a scuola.

"Scuola? Non voglio..."
"Matt, non sappiamo molto di queste persone, quindi non possiamo ancora rivelare tutti i nostri segreti, quindi dobbiamo continuare a far finta che tu sia solo un ragazzo normale e senza genio."
"E allora, devo solo essere normale?"
"Solo per un po. Sicuramente porta Lumiosa a scuola, ma potrebbe non essere una buona idea iniziare un'orgia per l'intera classe oggi."
"Pensavo che i geni dovessero servire gli umani, non comandarli?"
«È Sophie che ti comanda. Sono solo il messaggero."

Alexis poi svanisce, lasciando Matt a prepararsi per la scuola. Pensò che almeno gli avrebbe dato la possibilità di raggiungere Max e Sam. Quando arrivò lì, trovò i suoi amici.
«Dov'è Sophie?» gli chiese Sam.
"Non preoccuparti, è rimasta a casa oggi, quindi sei al sicuro dai pompini fantasma", ha risposto Matt. "Ma ragazzi, ho bisogno di parlarvi di una cosa."
"Che cosa?" chiese Max.
"Bene ragazzi, stanno succedendo delle cose", ha spiegato Matt. "Ragazzi, non avete detto a nessuno di Lumiosa, vero?"
"Ovviamente no!" Sam rispose. “Non tradiremmo mai la tua fiducia in questo modo. E poi, chi ci crederà?»
"Immagino di no", disse Matt. «Ma è davvero importante che voi ragazzi mantenete questo segreto, ok? Voglio dire che."
"Lo promettiamo", disse Max.
"Bene", sorrise Matt. "Andiamo."

I ragazzi entrarono nella lezione di storia e si sedettero. La casa di Matt era proprio accanto ad Amy Barrows. La guardò e la sua mente tornò alla vista del suo culo nudo, che aveva visto attraverso gli occhi di Sophie il giorno prima. Pensò che avrebbe dovuto stare particolarmente attento quando lei era nei paraggi. Per quanto ne sapeva, il signor Brookman poteva leggerle nel pensiero. Forse è una specie di agente dormiente, programmata per trovare i geni? O forse è solo la paranoia che sta prendendo il sopravvento.

Quando la lezione finì, i tre ragazzi andarono insieme alla lezione successiva.
"Ehi Matt, non ho proprio voglia di andare a scuola per il resto della giornata, quindi che ne dici di farci scopare?" gli chiese Max.
"Mi spiace ragazzi, non si può fare", rispose Matt.
"Oh andiamo Matt, fai un favore ai tuoi amici!" disse Sam, cercando di aprire la cerniera dello zaino del suo amico. "La lampada deve essere qui da qualche parte..."
"Non funzionerà per te, quindi non preoccuparti di provarci", ha detto Matt. “Mi dispiace ragazzi, ma sto cercando di non dare nell’occhio con il mio uso della magia. E poi lascio riposare Lumiosa. Ha passato una lunga notte."
"Una lunga notte passata a scoparti, scommetto," disse Max. “Andiamo Matt. A parte i pompini che Sophie ci augurava, non facciamo sesso da lunedì!»
“Questa volta sabato eravate vergini. Vivrai."
"Dice il ragazzo che può scopare quando vuole con il suo genio e la sua bella ragazza", ha detto Max.
"Prometto che mi farò perdonare, ma per il momento niente magia," insistette Matt.

Quando Matt arrivò a casa, Sophie e Alexis erano sdraiate sul suo letto, ad aspettarlo.
"Ci rivedremo, signor Bond", disse Alexis.
"Pensavo che non fosse il momento di scherzare?" chiese Matt.
"Forse qualcuno", sorrise Alexis.
"Alexis, ha ragione, è una cosa seria", lo interruppe Sophie. "Ho deciso una linea di condotta per domani."
"Che è?" chiese Matt.
"Vado alla festa e vedo di cosa si tratta", ha spiegato Sophie. "Nel frattempo tu vai a curiosare in giro e vedi se riesci a liberare quelle 3 lampade che ha."

"Come dovrei farlo?"
“Chiedi a Lumiosa di renderti invisibile. La tua immunità alla magia degli altri dovrebbe renderti impossibile da individuare, anche da parte di un altro genio.
"Dovrebbe?"
"Non posso garantirlo, ma credo di sì", ha detto Alexis. "Non l'ho mai provato."
"Dov'è Lumiosa, comunque?" chiese Sophie.
"Nella sua lampada", rispose Matt. "Volevo darle un po' di tempo per riposare."
"Probabilmente è meglio così, dovremo essere tutti in ottime condizioni per domani", ha detto Sophie.
"Bene, lo farò, festeggerai con altri Maestri", disse Matt.

"Matt, so di aver scherzato prima, ma mi piacerebbe davvero che prendessi sul serio questa situazione", ha detto Alexis. "Mi addolora, e so che addolora anche Lumiosa, sapere che a così tanti geni viene negata la libertà in questo modo."
"Perché dovrebbe darti fastidio?" chiese Matt. "Non li conosci."
"Sono come i miei fratelli", ha risposto Alexis. "Immagina se qualcuno rinchiudesse tua sorella come parte della loro" collezione "di umani."
"Va bene, ho capito", disse Matt. "Lo farò."
"Grazie Matt!" Alexis sorrise e gli diede un grosso bacio.

Alexis e Sophie decisero di restare per la notte, soprattutto perché non scopavano da quasi due giorni. Ecco perché, se fossi entrato nella camera da letto di Matt quel giovedì, avresti trovato Sophie Swift a quattro zampe, sbattuta da dietro dal suo ragazzo. Nel frattempo, il suo genio, Alexis, pomiciava con Matt, mentre lui le massaggiava le tette e lei si masturbava.
"Oh Dio Sophie, sto per... FOTTERE!" Matt gridò, prima di rilasciare il suo sperma nella sua figa. Il desiderio di Sophie di orgasmi simultanei l'ha portata al suo climax, prima di mandare Alexis al suo. Tutti e tre vennero violentemente, prima di crollare in un mucchio di carne sudata. Si baciarono e si coccolarono per un po', godendosi il sentimento l'uno dell'altro.

“Sophie…” disse Matt, accarezzando sensualmente la pelle della sua ragazza.
"Sì?" Chiese, un po' fuori dalla beatitudine post-orgasmica.
"Voglio provare qualcosa e sentirmi libero di dire di no."
"Che cosa?"
“Voglio scambiare i corpi e scopare. Sai, quindi posso sentire il sesso da ragazza e tu puoi sentirlo da ragazzo.
“Ci sono stato, l'ho fatto. Una volta mi sono trasformato nel fidanzato di Megan, Joe, e le ho fatto il cervello. Lascia che te lo dica, capisco perché gli piace così tanto. Quella ragazza ha davvero una bella figa.

"Oh, va bene allora..." disse Matt, deluso. Sophie si limitò a sorridere e a baciarlo.
“Non ho detto di no”, ha detto. “Mi piacerebbe farlo di nuovo.”
"È fantastico!" Matt sorrise. Poi si avvicinò alla sua borsa e tirò fuori la lampada di Lumiosa. Uno strofinamento dopo e lei era seduta in ginocchio sul pavimento.
"Cosa desideri, Maestro?" Lei chiese.
"Sophie e io desideriamo scambiarci i corpi per un po'", ha detto Matt.
"Signorina Sophie, siete d'accordo?" le chiese Lumiosa.
"Sì", rispose. "Fallo, Alexis."

Sia Alexis che Lumiosa schioccarono le dita, ed i loro Maestri sembrarono entrambi storditi per un secondo, prima di tornare alla normalità.
"Ha funzionato?" "Matt" chiese, prima di guardarsi l'inguine. "Beh, prima non avevo un pene, quindi sì."
"Onestamente, 3 anni e dubiti ancora dei miei poteri", ha detto Alexis. "Mi insulti, padrona."
"Oh wow, è strano." Tutti poi guardarono Matt, che era nel corpo di Sophie. Le sue dita erano nella sua figa. "Potrei abituarmi a questo…"
"Dovresti provare ad avere un cazzo dentro", disse Sophie, prima di afferrargli il pene. “Questa cosa sembra decisamente diversa da quella di Joe. È più grande."
"Wow, sto proprio bene," disse Matt, guardandolo, mentre si toccava.
"Perché non ti senti?" Sophie sorrise, prima di saltarle addosso. Sophie le afferrò le tette e scivolò dentro di lei.
"Porca miseria..." gemette Matt. "Mi sembra... strano."
"Parlamelo..." gemette Sophie. "La mia figa è decisamente migliore di quella di Megan... do la colpa a tutta quella magia..."
"Ehi, non guardarmi", disse Alexis. "Tutti i miglioramenti che ti ho dato erano perché li desideravi."
"Lo so, e sono molto grato per loro." Sophie aumentò la velocità. “Quindi, solo per premiarti, prendo spunto dal libro di Matt. Alexis, desidero che tu raggiunga l'orgasmo finché non ti dirò di smetterla.
"Anche tu Lumiosa..." gemette Matt, sentendo Sophie spingersi dentro e fuori dalla sua figa.

I due geni schioccarono le dita e immediatamente gridarono di piacere quando arrivarono. Alexis afferrò Lumiosa e la baciò forte, mentre i due geni si accarezzavano a vicenda. Nel frattempo, i loro padroni continuavano a scoparsi l'un l'altro, godendosi le sensazioni sconosciute che l'appartenenza all'altro sesso procurava.
"Sophie... sto per venire... penso..." gemette Matt.
"Anche io... Eccoci qua..." I due ragazzi gemettero rumorosamente mentre esplodevano. Sophie ha fatto esplodere il suo sperma nella figa di Matt, e Matt ha gemuto mentre sperimentava il suo primo orgasmo femminile.
"Oh wow... è stato strano", gemette Matt quando lei smise di venire. "Ma davvero buono."
"Ora capisci perché mi piace così tanto essere una ragazza", sorrise Sophie, prima di dare un bacio a Matt. "Vuoi andarci di nuovo?" Matt si limitò ad annuire e ripresero a spingere.

Matt e Sophie alla fine si addormentarono l'uno nelle braccia dell'altro. Non si sono ancora presi la briga di tornare indietro, anche se hanno permesso ai loro geni di smettere di raggiungere l'orgasmo e di tornare alle loro lampade. Erano assolutamente esausti, così dormirono fino a mezzogiorno inoltrato. Quando Matt si svegliava la mattina, poteva sentire il pene di Sophie, o meglio, il suo pene, sfregare contro quello di Sophie, o meglio, la sua gamba.

Matt aprì gli occhi e guardò Sophie, che abitava ancora nel corpo di Matt. Matt lo baciò e lui aprì gli occhi.
"Buongiorno", sorrise Sophie, ricambiando il bacio. “Devo ammettere che mi sento piuttosto a mio agio. Potrei coccolarmi più spesso.
"Sì, ma che ne dici di tornare alla normalità?" suggerì Matt e Sophie annuì. I due ragazzi si alzarono e presero le rispettive lampade. Li strofinarono e i loro geni furono evocati.
“Vogliamo tornare alla normalità”, ha detto Sophie.
"Sì, lo sappiamo", disse Matt.
"Il tuo desiderio è il mio comando, Maestro", sorrise Lumiosa.
"Anche il mio", disse Alexis, e un secondo dopo, i due adolescenti erano di nuovo nei loro corpi.
"Sai, non avrei mai pensato che sarei stato così felice di vedere il mio pene", ha osservato Matt.
"Oh sì, perché sono sicura che avere le tette e la figa sia stata una vera tortura per te", disse sarcastica Sophie.
"Non c'è posto come casa, e casa per me significa essere nel mio corpo", ha detto Matt.

Matt e Sophie rimasero insieme per il resto della giornata, ma con l'avvicinarsi della sera iniziarono a prepararsi per l'incontro.
"Va bene Lumiosa, desidero essere completamente invisibile a tutti tranne che a te, Sophie, Alexis e me stesso", ordinò Matt.
"Il tuo desiderio è il mio comando, Maestro", sorrise Lumiosa. Prese la mano di Alexis e i due geni schioccarono le dita.
"Ha funzionato?" chiese Sophie.
"Sì, signorina Sophie", rispose Lumiosa. “Con l’aiuto di Alexis, il mio Maestro non potrà più essere visto da nessuno a parte noi quattro.”
«Va bene, bene», disse Sophie. "Ma Matt, non ti consiglio di portare Lumiosa con te, nel caso la trovassero."
"Beh, e se avessi bisogno di desiderare qualcosa?" chiese Matt.
"Desidero un legame mentale tra voi due", rispose Sophie. "Così puoi pensarle gli auguri."
"Posso farlo?"
"Sì, puoi, Maestro", gli disse Lumiosa. "Lo desideri?"
"Sì, certamente." Matt annuì. Lumiosa schioccò le dita.

"Ciao Maestro", sentì Matt nella sua testa, nella voce di Lumiosa.
"Woah..." disse Matt ad alta voce.
"Pensa solo a mandarmi delle parole", gli pensò Lumiosa.
"Va bene..." pensò Matt. "Lumiosa, puoi sentirmi?"
"Sì, Maestro", pensò, prima di ridacchiare.
"A giudicare dal fatto che voi due siete silenziosi, penso che possiamo supporre che abbia funzionato", disse Alexis e Matt annuì.

Matt, Sophie e Alexis si sono vestiti, Matt ha dovuto desiderare che la sua invisibilità si applicasse anche ai suoi vestiti. I tre si sono poi teletrasportati a casa di Sophie e Alexis li ha portati a casa del signor Brookman con la Ferrari di Sophie.
"Wow, questo posto è davvero carino", disse Sophie quando arrivarono a una grande villa.
"Ho servito la famiglia reale in passato", ha detto Alexis. "Credimi, questo posto non è niente."

Si avvicinarono al cancello e Alexis premette il pulsante dell'interfono.
"Sì, chi è?" Sentirono la voce della signorina Showers dire all'interfono.
"Sophie Swift e Alexis", rispose Alexis.
"Oh bene, il signor Brookman sperava che saresti venuto", disse la signorina Showers. "Procedere."

Il cancello si aprì e Alexis entrò con l'auto. Scesero dall'auto (Matt chiese a Lumiosa di lasciarlo passare attraverso la porta, per evitare che sembrasse aperta senza motivo), e furono accolti dal signor Brookman e dalla signorina Showers, o Apriya, come era conosciuta una volta.
"Benvenuta, signorina Swift", ha detto il signor Brookman. "Sono felice che tu abbia deciso di venire."
"Ho pensato che sarebbe stato bello conoscere il mio nemico", ha detto Sophie.
«Ancora non ti fidi di me, eh?» Ha detto il signor Brookman. “Bene, sistemeremo presto la cosa, quando incontrerai gli altri. Venga con me."

Il signor Brookman li condusse dentro e Matt si separò rapidamente dal gruppo per curiosare intorno. Il signor Brookman condusse Sophie e Alexis in una stanza riccamente decorata, con un grande camino e molti divani e poltrone dall'aspetto comodo. Girovagando per il posto, vide 8 persone, che presume fossero gli altri membri del gruppo e i loro geni. I 4 che pensava fossero i Maestri erano 3 ragazzi e una ragazza, mentre i geni erano 2 ragazzi e 2 ragazze. Sophie osservò che nessuno dimostrava più di vent'anni.

"Sophie, posso presentarti il ​​resto del gruppo", ha detto il signor Brookman. “Questi sono Jürgen, Brian, Sarah e Neil, e i loro geni, Marcio, Lexia, Iago e Ophelia. Ragazzi, lei è Sophie Swift e il suo genio, Alexis."
"Oh Dio..." gemette Alexis.
"Che cosa?" le chiese Sophie. Ha ottenuto rapidamente la sua risposta.
“Alexis, è la più bella che abbia mai visto”, ha detto Marcio, il genio di Jürgen.
“Ciao Marcio…” disse Alexis, ovviamente seccato di vederlo.
"Perché l'ultima volta che ho contemplato la tua bellezza, eri con quel pittore a Firenze", ha detto Marcio, prima di stringere il culo di Alexis. “Forse se i nostri Maestri ci licenziano, possiamo fare una veloce sessione di “recupero”. O uno lungo.
"Per quanto mi piacerebbe", disse Alexis sarcasticamente. "La mia padrona mi ha proibito di fare sesso con chiunque tranne lei." Alexis stava mentendo, ma Sophie capiva perché, quindi non disse nulla. Marcio guardò Sophie e sorrise.
"È un peccato, ma la tua padrona è proprio una bellezza", ha detto.

“Marcio, setz dich!” gli gridò Jürgen. Marcio sembrava seccato.
"Ihr Wunsch ist mir Befehl, Meister", disse, prima di tornare al fianco del suo Maestro.
"Mi scuso per il comportamento del mio genio, ragazze", ha detto Jürgen con un forte accento tedesco. “È sempre stato un tipo volgare. Per favore, siediti."

Alexis e Sophie si avvicinarono a un divano vuoto e si sedettero.
"È un grande piacere conoscerti", ha detto Sarah. “È particolarmente bello incontrare un’altra Maestra. La nostra ultima donna è morta 4 decenni fa”.
"E anche uno così giovane", disse Neil. "Mi fa sperare che la nostra organizzazione sopravviverà a noi cinque."
"Vedi Sophie", spiegò Brian. «A proposito, spero che mi permetterai di chiamarti così. Noi cinque qui siamo tutti in termini di nome. Vedi Sophie, tutti noi qui abbiamo 60 o 70 anni. A tutti noi non restano molti anni. È per questo che eravamo tutti così emozionati quando ti abbiamo scoperto. Una ragazza con un genio che in realtà è vecchia quanto sembra.

"Vuoi qualcosa da bere, Sophie?" le chiese il signor Brookman, o meglio Alex. Poi guardò la signorina Showers, che schioccò le dita. Le porte si aprirono ed entrarono due ragazze nude e MOLTO attraenti, che portavano diverse bottiglie di vino e un bicchiere per Sophie.
"E che mi dici di Alexis?" chiese Sophie.
"Come desideri", disse Alex. La signorina Showers schioccò di nuovo le dita e un'altra ragazza nuda entrò correndo portando un altro bicchiere di vino. Le ragazze poi versarono il vino nei bicchieri per Sophie e Alexis, si inchinarono e se ne andarono.

"Presumo che non siano qui di loro spontanea volontà?" gli chiese Sophie.
“Non del tutto”, rispose Alex, sedendosi su una poltrona. La signorina Showers si avvicinò per fargli un massaggio alle spalle. “Ma non preoccuparti, non mancano a nessuno. Sono stati tramandati attraverso la mia famiglia, come la signorina Showers qui. La ragazza che portò il bicchiere ad Alexis, ad esempio, fu ridotta in schiavitù da mio nonno nel 1830.
“18.30!?” esclamò Sophie, cercando di non sputare il vino. "Come è possibile!?"
"Matematica di base", rispose Alex. "Mio nonno nacque nel 1811 e scoprì la lampada di Apriya nel 1827. Morì nel 1899, trasmettendo tutti i suoi averi al figlio allora 38enne, che trasmise tutto a me quando morì nel 1955."
"Immagino che funzioni, ma come fanno quelle ragazze a essere ancora vive?" chiese Sophie. "Pensavo che le persone dovessero ancora morire al loro tempo?"
"Sì, ma gli esseri umani normali possono essere tenuti in vita finché lo desideriamo", ha spiegato Brian.

-------------------------------

Nel frattempo, Matt stava camminando per la casa, cercando dove potessero essere le lampade. Lungo la strada, incontrò molte ragazze nude, che presume fossero servitrici. O schiavi.
"Lumiosa", pensò Matt al suo genio. "A tutte queste ragazze è stato fatto il lavaggio del cervello per essere qui?"
"Non posso saperlo con certezza, Maestro", rispose Lumiosa. "Ma posso dirti che c'è una barriera magica su tutte le ragazze, presumibilmente messa lì da Apriya, che impedisce ad altri geni di interferire con loro."
"Sembra che il signor Brookman probabilmente li abbia ridotti in schiavitù allora", pensò Matt.

Matt vagava in giro, attraversando le porte come un fantasma, felice che nessuna di quelle serve sembrasse rendersi conto della sua presenza.
"Maestro, posso suggerire di controllare il seminterrato?" gli pensò Lumiosa. "Sembra che sarebbe un posto sensato."
"Buona idea Lumiosa, grazie", pensò Matt. Alla fine riuscì a trovare la strada per le scale che portavano al seminterrato e scese. Dentro c'era molto vino e anche molte scatole. Ma ciò che attirò maggiormente l'attenzione di Matt e Lumiosa fu la grande cassaforte sul retro.
"Maestro, quella cassaforte ha una protezione magica", disse Lumiosa. “Probabilmente è dove sono tenute le lampade, ma mi dispiace che questa protezione magica mi impedirà di aprirla per te o di teletrasportarla via. Mi dispiace così tanto, Maestro.
"Bene, che ne dici se mi rendi super forte e lo realizzo?" suggerì Matt.
«Sarebbe possibile, tranne per il fatto che la cassaforte non sarebbe invisibile, il che significa che verresti catturato facilmente. Temo di non vedere alcun modo in cui tu possa liberare le lampade.
“Giusto…” pensò Matt, deluso. "Bene, in questo caso, vediamo cosa sta combinando Sophie."

-------------------------------

«Allora Sophie, perché non ci racconti come sei arrivata a possedere Alexis?» Ha detto Sarah.
"Ci ho provato, non lo dirà", ha detto loro Alex. "Non credo che si fidi di noi."
"Non c'è davvero bisogno di avere paura", ha detto Brian. "Non abbiamo intenzione di farti del male."
"Sophie, penso che dovremmo dirglielo", disse Alexis alla sua padrona. "Non ci vedo nulla di particolarmente sbagliato."
"Mio Dio, un genio che ha un rapporto di nome con il suo Maestro", ha detto Neil. «Non te lo sogneresti, vero, Ofelia?»
"No, Maestro, sarebbe molto irrispettoso da parte mia", rispose Ofelia, chinando la testa.
"Alexis è la mia migliore amica", ha detto Sophie. "La tratto da pari a pari."
"Che strana ragazza sei", sorrise Sarah. “Io stesso mi diverto quando Iago mi mangia mentre mi dice quanto sono bravo. Non sono fantastico, Iago?»
"Ogni secondo trascorso in tua presenza è un onore incredibile, padrona", rispose Iago. "Ogni giorno ringrazio i poteri forti per avermi permesso di servirvi."
"Bravo ragazzo, Iago", sorrise Sarah.

A questo punto, Sophie e Alexis videro Matt attraversare la porta del soggiorno e sorridere loro, prima di sedersi su una poltrona vuota. Sophie resistette all'impulso di lanciargli un'occhiata del tipo "che diavolo", poiché non voleva che nessuno si accorgesse della sua presenza.
«Allora posso dirti tutto», cedette Sophie. “3 anni fa, stavo tornando a casa, quando ho sentito il bisogno di entrare in una casa. C'era un vecchio morente lì dentro, che mi ha lasciato in eredità Alexis.
"Affascinante", ha detto Alex. "Sono impressionato dal fatto che tu abbia potuto operare in questa città per 3 anni senza che io ti accorgessi."
"Ho cercato di non attirare l'attenzione su di me", ha risposto Sophie.
"Ciò che mi impressiona di più", ha detto Brian. «È che anche il precedente Maestro di Alexis è riuscito a evitare di essere scoperti. Chi era, ragazza? Per quanto tempo ti ha posseduto?"

"Prima di tutto, ho un nome, che apprezzerei che tu usassi", lo derise Alexis. “In secondo luogo, il suo nome era Eric Anderson. Era un soldato che mi trovò a Berlino nel 1945. Era un Maestro molto gentile, proprio come Sophie.
"Beh, almeno Alexis è in possesso del nostro gruppo ora", ha detto Neil. "Almeno, se prendi in considerazione l'idea di unirti a noi, Sophie."

A questo punto, la signorina Showers si chinò e sussurrò qualcosa all’orecchio di Alex.
"Interessante, grazie, signorina Showers", disse, baciandola. "Sembra che abbiamo una spia in mezzo a noi." Gli occhi di Matt si spalancarono, mentre Sophie e Alexis cercavano di apparire opportunamente scioccati per il gruppo.

“Impossibile, lo sapremmo!” - gridò Jürgen.
"Allora guarda gentilmente quella sedia", disse Alex, indicando dove era seduto Matt. "Sembra che ci sia un'impronta a forma umana, che continua a dimenarsi." Tutti guardarono oltre.
"La mia parola!" Sarah sussultò.
"Maestro, questa persona sembra essere immune alla mia magia", gli disse la signorina Showers. "Probabilmente possiedono anche un genio."
"Beh, in tal caso, rivela te stesso, chiunque tu sia", ordinò Alex a Matt. "Se anche tu hai un genio, allora non hai nulla da temere da noi."
"Maestro, vuoi che ti teletrasporti fuori da lì?" chiese Lumiosa a Matt. Sophie aspettava con nervosa anticipazione quello che avrebbe fatto.

"Desidero essere di nuovo visibile", disse Matt, e in un istante lo fu. "Ciao a tutti."
"Sei fortunato ad avere un ragazzo genio, altrimenti probabilmente dovremmo cancellarti la memoria, o peggio", disse Sarah in tono un po' sinistro. «Dove sono, comunque?»
"Lumiosa, desidero che tu ti teletrasporti qui con la tua lampada", comandò Matt. Lumiosa allora apparve subito, inginocchiata accanto a lui, con la sua lampada nella lampada di Matt. Alex vide la lampada e i suoi occhi si spalancarono quando riconobbe che era quella che gli era stata rubata, ma rimase in silenzio a riguardo.
"Quindi chi sei tu?" gli chiese Neil.
"Matt Evans", rispose Matt. "Ho pensato di fare una visita a tutti voi."
"Io sono Brian, e loro sono Sarah, Alex, Neil, Brian e il nostro nuovo membro, Sophie", ha detto Brian.
"Oh, so bene chi sono Alex e Sophie", disse loro Matt. "Hanno avuto una riunione l'altro giorno nel suo ufficio."
"Come lo sai!?" chiese Alex arrabbiato.
"Ti stavo osservando, invisibile", mentì Matt. “Ho sentito qualcosa di molto interessante mentre ero lì. A quanto pare Alex qui ha 3 lampade che sta nascondendo a tutti voi. "

"Non è vero!" protestò Alex.
"C'è una cassaforte magica nel seminterrato nella quale non posso entrare", disse Matt a tutti. "Presumo che sia lì che sono."
"Beh, forse dovremmo dare un'occhiata a questa cassaforte", ha detto Jürgen. «E rimetti Apriya nella sua lampada. Non vogliamo che lei interferisca."
"Molto bene", disse Alex alzandosi. "Signorina Showers, torna nella tua lampada."
"Sì, Maestro", obbedì, svanendo in una nuvola di fumo grigio, che schizzò al piano di sopra dove presumibilmente si trovava la sua lampada.
“Allora andiamo,” Alex si accigliò.

Il gruppo è poi sceso nel seminterrato, dove si trovava la cassaforte.
"Aprilo, Alex", gli ordinò Neil. Alex merely sighed, and opened it. There, sitting there on a cushion, were 3 magical lamps.
“Oh Alex, I’m disappointed with you,” Sarah said.
“Well I think that this ends our meeting for tonight,” Brian said. “I’ll take these lamps and add them to the others. The rest of us will convene to decide what to do about Alex.”

Everyone went back upstairs to get ready to go home.
“Tell me Matt, do you live locally?” Sophie asked him, annoyance obvious in her voice.
“Why yes I do…Sophie, was it?” Matt smirked in response.
“Then please allow me to take you home.” Sophie practically dragged Matt into the car, Lumiosa sitting next to him, while Alexis drove. Sophie waited until they were away before starting her rant.

“You fucking moron!” Lei urlò. “What were you doing in there!?”
“I couldn’t get into the safe, so I came to see what you guys were doing,” Matt replied. “When I got caught, I improvised.”
“That wasn’t in the plan!”
"COSÌ? They seem like nice people Sophie. I don’t think we’re in any danger.”
“Matt, those girls he’s got working at that place have been his family’s slaves for 200 years! And you saw how the others were rude to Alexis. They see their genies as possessions, not people. Hence why they’ve got 217 of them locked up.”
“Well maybe if we join their group, we can gain access to those genies, and get them out of there.”
“Still…I don’t trust them.”
“Sophie, perhaps Matt is right,” Alexis said.
“Alexis, shut up,” Sophie ordered her.

“I get you’re upset, and you don’t trust them, but I really think it might benefit us to stay with them," Matt said. "Didn’t you say you were glad you’d found another guy with a genie?”
“Yes, but these people are different. They’re not like you. I agree we should stay with them, but they’re not our friends. We’re with them to free the captured genies. And then, who knows?”
"Bene allora. Look…I’m sorry.”
"Va tutto bene. Dispiace anche a me. I shouldn’t have shouted.”
“No, avresti dovuto. I went against the plan, and now that Alex guy’s suspicious of me. He’s gonna want to know how I got Lumiosa’s lamp.”
“Well we’ll have to see what happens next. What the other members do.”

They pulled up outside Matt’s house, and he and Lumiosa got out.
“I don’t know what’s going to happen now,” Sophie said. “I suppose we could be together a bit now at least. Just say we hooked up after tonight.”
"Vuoi entrare?" Matt asked. “Not necessarily for sex. Just for cuddles if you want.”
"No, va bene. I just want to go home and rest. Thanks though.”
"Bene allora. Goodnight Sophie.”
“Goodnight Matt.”

The two of them kissed, and parted for the night.

-------------------------------

Author's message: So sorry about not posting a chapter yesterday. I got about half way through before I got tired and went to bed, but you can possibly see why, since this is the longest chapter yet! I hope I got the mix of sex and plot right. I also included the suggestion for Matt and Sophie to swap bodies and have sex.

Just a warning that there almost certainly WON'T be a chapter tomorrow (Friday the 22nd), since I'll be out tomorrow night, but I'll try to get one up on Saturday.

Storie simili

Rahul e Sapna cap. 2:- Sapna prende una botta.

Rahul e Sapna cap. 2:- Sapna prende una botta. Rahul ha accettato il dono di sua madre; Questo è l'inizio della fine per Sapna Disclaimer: questa è un'opera di fantasia completa ambientata in un altro mondo. Se questo non ti è chiaro, allora hai bisogno di un aiuto psichiatrico urgente. Non perdono la violenza nei confronti di altri esseri umani. Questa storia contiene tutti i tipi di violenza, tortura e deviazioni, se questa non è la tua tazza di tè, ti suggerisco di tornare indietro ora. Tags: m/F, bdsm, inc, sad, scat, snuff, tort, ws, cons, rom, humil -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ----------------------------------...

3K I più visti

Likes 0

Amore di uno sconosciuto

Stava piovendo fuori. Il vento soffiava e la pioggia cadeva a dirotto sopra di me. Corsi al telefono e chiamai un amico, chiedendogli se voleva venire a farmi compagnia fino alla fine della tempesta. Quando ho sentito bussare sono corso ad aprire la porta, davanti a me c'era il mio amico Tim e un amico che aveva portato. Spero non ti dispiaccia se porto Stud, anche lui odia le tempeste. Disse mentre mi passava accanto entrando in casa. Chiudendoci la porta alle spalle, andammo in soggiorno. Seduti sul divano ci mettiamo un film per passare il tempo. Sfogliando i canali, Tim...

1.2K I più visti

Likes 0

Ragazza con un segreto

Copyright, 2012 Castlequeen Mio dio, che brutta esperienza. Ballo dei diplomandi. Un bel mese di preparazione, un vestito da duecento dollari che mi farà lavorare per la mamma tutta l'estate, un paio di scarpe da trecento dollari che mi vedranno schiavo del suo negozio di posta/spedizioni/caselle postali fino a quando avrò cinquantasei anni, e non possiamo dimenticare il taglio di capelli da novanta dollari. Cosa ne ho ricavato? Una cena piuttosto mediocre, dei bei balli, una bella foto e il mio ex ragazzo che ora cerca di farmi spegnere. Non sono un pudico, tutt'altro, ma non sarebbe successo. Sono ancora vergine...

1K I più visti

Likes 0

Lana vuole condividere

PRIMA PARTE: Signore, è una specie di scherzo malato? Oh merda. Jake si era svegliato e si era ritrovato legato a braccia aperte sul letto nella sua stanza del dormitorio. Erano le vacanze di primavera, il suo compagno di stanza non c'era più, il campus era vuoto... il che poteva essere una cosa molto positiva o molto CATTIVA. Si leccò le labbra mentre la sua ragazza Lana e la migliore amica della sua ragazza, Jessica, incombevano su di lui. Perché sono nudo? Lana? Alzò lo sguardo sulla sua ragazza. Era bellissima, una mora alta e dalla pelle pallida con seni di...

726 I più visti

Likes 0

La mia ragazza Serena

Sono semplicemente entrato nel mio appartamento, ho consegnato la borsa alla mia ragazza, mi sono seduto sull'altra sedia di fronte alla sua e ho mangiato la mia insalata in silenzio mentre il rumore della televisione filtrava attraverso la stanza altrimenti silenziosa. La guardo mangiare in silenzio mentre fissa lo schermo televisivo. Mi alzo per buttare via l'insalata. Mentre le passo davanti sento i suoi occhi indugiare sul mio corpo. Torno al mio posto in silenzio. Anche indossando una vecchia canottiera e un paio di pantaloni da yoga è ancora bellissima. La sua pelle morbida e cremosa risplende brillantemente dalla luce soffusa...

751 I più visti

Likes 0

Una fredda serata nel campus

Era metà dicembre, tre giorni prima dell'apertura del college per Natale. Le giornate erano diventate davvero brevi e, se vivevi nel mezzo di una foresta di cemento come me, faceva davvero freddo. Allora ero al secondo anno, avevo dato gli esami di fine semestre e cercavo di godermi i pochi giorni che rimanevano prima di tornare tutti a casa. Ma non ci si può divertire altrettanto con un ostello vuoto, la maggior parte dei miei compagni se n'erano già andati nonostante il fatto che il college fosse ancora aperto. Non è così per me, i miei genitori mi spedirebbero il biglietto...

710 I più visti

Likes 0

La mia vita 7 - 3-alcuni con mia sorella e la mia migliore amica

Susan annunciò qualche giorno dopo che avrebbe voluto fare una cosa a tre con me e Colin. Aveva dichiarato che era giusto che lo fossi stato con lei e Lynne e desiderava ampliare i suoi orizzonti. Penso che fosse anche curiosa di vederci insieme e anche se Sue non aveva detto a Colin che li stavo guardando dal buco della serratura quando lei e Colin facevano sesso, ero sicuro che a Colin non sarebbe dispiaciuto condividerla. con Me. Ho dato il suggerimento a Colin più tardi quel pomeriggio, quando è venuto da me e gli ho detto che ero troppo stanco...

645 I più visti

Likes 0

Sam 25

Unità di tempo solare = anno unità di tempo planetario = giorno ------------------------------- Sam era stanco, questo era certo. Lo scontro che aveva avuto con Triot aveva esaurito le ultime sue riserve. La luce del sole che poteva percepire lo stava aiutando, anche se non abbastanza velocemente. La presenza di potere che aveva sentito prima si stava avvicinando. Allungandosi sentì la barriera che aveva eretto. Non il più forte che avesse mai fatto, anche se sperava che resistesse. Un movimento accanto a lui lo fece guardare Thantas, un piccolo gemito risuonava nei suoi pensieri. Mi sento più debole di quando sono...

522 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

459 I più visti

Likes 0

Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.