Catena di errori: secondo giorno

638Report
Catena di errori: secondo giorno

Devin: 15 anni. 5 “7 ½”. Capelli color sabbia, castani. Occhi marroni.
Nora: 16 anni. 5 “7”. Lunghi capelli neri. Occhi azzurri.
Rosa: 18 anni. 5 “8”. Capelli castani semilunghi, solitamente tenuti in una coda di cavallo. Occhi azzurri (come sua madre e sua sorella).

Le cose erano strane dopo quella notte tra me e Nora, per una buona ragione. Lei però ha mantenuto la promessa. Non lo ha detto a nessuno, nemmeno a Rose. Anche Rose non ha percepito nulla. Potrei dire se questa fosse una buona cosa o no. Da quel giorno mi faceva molto male la testa e i miei pensieri diventavano sempre più contorti. Mi stavo spaventando.

Dato che eravamo in pausa estiva, non avevo la scuola in cui ritirarmi. Tutto quello che avevo erano la mia stanza e la mia mente ed entrambe mi ricordavano quello che avevo fatto a Nora. Qualcosa nella mia testa sembrava diffondersi nel mio cervello e mi controllava. Mi sentivo debole al riguardo.

Eravamo tutti seduti a tavola e mangiavamo la colazione che Rose aveva preparato. A metà, Nora ci disse che era piena e che avrebbe fatto la doccia di sopra. Sapevo che stava cercando di farlo in anticipo, nel caso Rose se ne andasse più tardi, lasciandola sola con me. La cosa mi ha fatto arrabbiare un po' perché non avevo intenzione di violentarla. No, a meno che non abbia fatto qualcosa che mi ha fatto arrabbiare, come ieri, la notte o adesso. Cinque minuti dopo mi ritrovai a dire a mia sorella che avevo finito anch'io, a mettere il piatto nel lavandino e a sgattaiolare di sopra. Ho sentito la doccia scorrere e l'ho vista come un'opportunità. Entrai nel bagno, chiusi la porta dietro di me, mi spogliai e nascosi i miei vestiti nella cesta.

Nora non si era ancora accorta che ero lì. Aprii silenziosamente le tende della doccia, scivolando nella doccia. Era abbastanza ignara dato che era rivolta verso il soffione della doccia e per un momento la guardai mentre si puliva, poi faceva scivolare l'asciugamano tra le gambe. Lei sussultò e poi sospirò.

Non potevo resistere, l'ho afferrata da dietro, coprendole la bocca e mentre lei lanciava un urlo soffocato
.
"Sono io", le dissi, cercando di consolarla. Non avevo preso in considerazione il fatto che ero qualcosa da temere. Mi sono premuto contro di lei, lasciando che il mio cazzo, che si stava rapidamente indurendo; premere contro il suo culo sodo.

La feci voltare e mettermi in ginocchio.

"Succhiami finché non dico basta", ho comandato. Esitò, la sua bocca a pochi centimetri dal mio cazzo.

Ho tenuto il cazzo in mano, afferrandole la parte posteriore della testa e spingendolo in bocca, lei ha avuto un conato di vomito.

"Allora fallo", le ringhiai mentre lei annaspava per riprendere fiato. Lei obbedì con riluttanza, succhiandomi lentamente, dondolando la testa avanti e indietro. Mi è piaciuta la sensazione di bagnato che avvolgeva il mio strumento di tempra.

Grugnii mentre mi succhiava sempre di più. Ho avuto un'erezione enorme. L'ho afferrata per la nuca e l'ho staccata da me. Alzò lo sguardo con orrore, pensando di aver fatto qualcosa di sbagliato.

"Hai fatto bene", le assicurai, dicendole di guardare il muro e appoggiarci le mani con il sedere in fuori. L'ho accarezzato mentre infilavo un dito nella sua figa, sentendo che diventava più bagnata. Lei gemette.

"Come ti fa sentire?" Le ho chiesto..

"Bene," disse subito mentre sgroppava contro il mio dito. Ho aggiunto un altro dito per buona misura.

"Pronto per il mio cazzo?" le ho chiesto, tenendo il cazzo nell'altra mano.

Si guardò alle spalle, guardò il mio cazzo e si morse il labbro. Accidenti, era sexy! Non ho nemmeno aspettato una risposta e mi sono inserito lentamente in lei, considerando che era leggermente dolorante, ma si sentiva dannatamente troppo bene mentre la sua caverna bagnata mi avvolgeva strettamente. Ho accelerato, tenendomi ai suoi fianchi per fare leva. Le sue mani si trasformarono lentamente in pugni sul muro mentre assorbiva ogni spinta. Mi chinai leggermente, succhiandole il collo mentre l'acqua mi scorreva addosso da dietro, inzuppandomi i capelli. Mi sono lasciato prendere la mano e le ho infilato un dito nel buco del culo e sono stato costretto a soffocare con la mano l'urlo che le usciva dalla bocca.

Le ho sbattuto la testa contro il muro per non essersi controllata e lei ha lanciato un grido contro la mia mano. Ho deciso che aveva bisogno di essere punita e l'ho tirata fuori, facendole scivolare la punta nel buco del culo. Lei gemette nella mia mano, cercando di staccarsi da me. Ho spostato la mano che non era sulla sua bocca e l'ho fatta scivolare sotto il braccio da dietro, afferrandole il seno. Il respiro di mia sorella si fermò mentre la palpavo delicatamente e la forzavo sempre di più dentro di lei.

"Nora, stai bene lì?" sento dire a Rose. Mi blocco, ma lentamente mi tiro fuori da Nora. Nora si voltò verso di me e io la fissai intensamente.

"Sì, sto bene", disse, non troppo convincente. Cominciai a digrignare i denti contro di lei.

"Sei sicuro? Pensavo di averti sentito urlare", chiese Rose.

"Sì, sono proprio scivolata", mentì Nora.

Nonostante quella terribile bugia, Rose non sospettava nulla.

“Scusa, probabilmente vorrai continuare a fare la doccia, ma ho provato a cercare Devin per chiedergli se avesse sentito qualcosa e non sono riuscito a trovarlo. Quindi sono venuto qui solo per controllarti di persona. Proverò a cercarlo di nuovo. Non è che sia scomparso", Rose rise e sentii la porta chiudersi.

“Merda,” imprecai sottovoce. Il mio cazzo era ancora duro, ma dovevo uscire, quindi ho resistito alla tentazione di scopare Nora ulteriormente. Saltai fuori dalla doccia, avvolgendomi un asciugamano attorno alla vita e guardando fuori per assicurarmi che Rose non fosse lì. Ho sentito dei passi al piano di sotto e velocemente, ma con cautela, mi sono affrettato verso la stanza di mia madre dall'altra parte del corridoio. Ho aperto la porta e mi sono fermato al centro della stanza.

"MI CERCHI, ROSA?" Ho chiamato.

Si affrettò su per le scale e mi guardò confusa.

"Cosa stai facendo qui?" lei chiese.

«Stavo facendo la doccia, ma ti ho sentito mentre uscivo. Prima dovevo prendere un asciugamano", le dissi.

“Perché non di sotto?”, chiese.

"La mamma ha uno shampoo migliore", ho mentito.

Lei ridacchiò e poi abbassò lo sguardo; Ho seguito i suoi occhi per vedere il mio cazzo ancora sollevarsi con orgoglio. In qualche modo ero imbarazzato nonostante avessi fatto quello che avevo fatto a mia sorella solo pochi minuti prima. In un certo senso, anch'io ero eccitato.

Alzai lo sguardo e fissai direttamente Rose. Rose era una persona davvero carina e ti fermavi a pensarci. Per prima cosa, il suo seno era enorme. Non lo sapevo per certo, ma probabilmente sì. Doveva essere almeno di coppa D. Per non parlare della sua figura a clessidra che probabilmente ha ereditato da te, in contrasto con il corpo minuto di Nora e il seno da coppa B. . Se passo un altro momento ad osservare mia sorella, potrei essermi fatto esplodere proprio lì. Per fortuna Rose ha trovato una scusa per andarsene e lo ha fatto.

L'ho guardata dondolare il culo mentre lasciava la mia stanza e mi chiedevo se lo avesse fatto apposta. Andai nel bagno, stando davanti allo specchio. Ho avvolto la mano attorno al mio cazzo e mi sono masturbato forte mentre mi guardavo allo specchio. Ho usato il mio liquido pre-eiaculazione come lubrificante mentre mi massaggiavo ancora più forte, continuando a fissarmi. Ho sorriso mentre scaricavo il mio carico sul lavandino e sullo specchio. Poi mi sono guardato di nuovo, solo che ho visto qualcun altro. Era come se il mio corpo fosse diventato la casa di due persone diverse.

***

Più tardi quella notte mi sono svegliato con un paio di labbra dolci e seducenti. Ho alzato la testa per averne di più e ho sentito una risatina sommessa dal mio partner sconosciuto. Sentii una mano sul mio petto che lentamente scivolò fino alla cintura dei miei boxer. Tremavo in attesa mentre la mano scivolava più in basso, toccando il mio cazzo dalla punta alle palle. Ero sveglio solo a metà, ma la mia metà inferiore aveva una risposta completa. Ho aperto gli occhi per vederne un paio di blu brillante, che mi fissavano e tutto sembrava mettersi a fuoco.

~
Leggi la descrizione del personaggio per ottenere il finale. A chi dovrebbero appartenere gli occhi azzurri? Onestamente non so se essere del tutto onesto con te. Probabilmente non pubblicherò questo post ogni giorno, quindi goditelo finché puoi. Sono stato disconnesso la prima volta che ho pubblicato questo messaggio, quindi ho dovuto riscriverlo e non avevo voglia di controllarlo troppo attentamente.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

877 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

666 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

386 I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

726 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Il demolitore va avanti

Erano passati circa 8 mesi da quando Jenny era morta, un periodo in cui ero rimasto celibe, in parte per la sensazione che avrei dovuto ancora esserle fedele e in parte per la convinzione che forse ero stato punito per il mio comportamento precedente, tuttavia avendo solo 25 anni vecchio non passò molto tempo prima che iniziassi a sentirmi di nuovo davvero eccitato e cercare di liberare ancora una volta il demolitore divenne una necessità. Il mio appartamento al piano di sopra si affacciava su un nuovo complesso residenziale che era stato costruito su un terreno commerciale bonificato proprio di fronte...

1.1K I più visti

Likes 0

I miei migliori studi di sempre, parte 2

Benjamin... La voce dolce di Samantha mi chiamò di nuovo. Oh amico, questa notte continua a migliorare sempre di più per me. In precedenza l'avevo convinta a venire a studiare con me, i miei genitori sono andati in viaggio d'affari per le due settimane successive; i nostri studi si sono trasformati in molto di più, voleva lavorare sui nostri studi sessuali e su come sono venuti fuori!!! Benjamin... mi chiama ancora una volta, scendendo lungo il corridoio verso la mia camera da letto. Samantha è quasi insaziabile quando si tratta di sesso; a giudicare dal tono della sua voce, vuole un...

854 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.