Realizzare la sua fantasia

623Report
Realizzare la sua fantasia

L'ho osservata dalla finestra. Era appena arrivata a casa e stava scendendo dalla macchina. Percorse il vialetto e in pochi secondi sarebbe stata davanti alla porta. Pochi secondi dopo era in casa. Conoscevo la sua routine: uscire di casa alle 6, tornare a casa alle 17,30, doccia, cena, tv, letto. Immancabilmente, ogni notte. Non aveva un marito, né un fidanzato, né animali domestici, questa signora era chiusa in se stessa... il che era perfetto per me. Vedi, avevo dei progetti per lei.

Ho sentito la porta d'ingresso chiudersi dalla sua camera da letto al piano di sopra. Mi diressi dolcemente verso il suo armadio e chiusi la porta senza chiuderla. Controllai di nuovo le mie scorte in tasca solo per assicurarmi di avere tutto ciò di cui avevo bisogno.

Sally, secondo la posta sul bancone della cucina, salì le scale fino alla sua camera da letto. Attraverso le stecche dell'anta dell'armadio la osservai mentre si toglieva la giacca da lavoro e la appoggiava su una sedia accanto al letto. I suoi capelli rossi erano corti e lisci che le arrivavano appena sopra le spalle. La pelle delle sue braccia era pallida e lentigginosa, speravo che lo fosse anche il resto del suo corpo, non vedevo l'ora di assaporare quella pelle cremosa. Stavo già diventando duro.

Sally si tolse la camicia da lavoro e la gettò nella cesta accanto al letto. Il suo reggiseno era verde smeraldo e quasi trasparente. Si tolse la gonna e la mise sopra la giacca rivelando le mutandine di pizzo verde smeraldo abbinate. A 5'2" aveva un corpo atletico, sodo e tonico dal tempo trascorso in palestra, sospettavo. Proprio come speravo, era cremosa e lentigginosa. Ho iniziato ad accarezzarmi attraverso i jeans e ho sentito il mio pre-cum trasudare in anticipazione.

Con un movimento rapido ha slacciato il reggiseno e mi ha dato la prima occhiata a quelle magnifiche tette. Piccolo, probabilmente un 32 A, ma non sono schizzinoso. In effetti, troppa carne di cinciallegra è solo un ostacolo. Le sue tette erano ricoperte da capezzoli già duri e rosa brillante che probabilmente amavano gli abusi. Bene, perché stasera riceveranno qualche insulto, ho pensato. Si mise davanti allo specchio e li strinse. Questo è tutto, tesoro, ho pensato, metti su uno spettacolo per me. Si prese le tette a coppa e diede un pizzicotto a ciascun capezzolo, poi infilò la mano nella cassettiera e tirò fuori qualcosa che non avevo nemmeno pensato di controllare prima, un vibratore lungo e sottile con una scatola di controllo collegata da una corda. Le cose stavano sicuramente diventando interessanti. Sally posò il vibratore sul comò e si voltò verso il bagno adiacente.

Sono scese le sue mutandine offrendomi la migliore visione del suo culo ben fatto. Mio Dio, non vedo l'ora di procurarmi quei globi perfetti, ho pensato. I miei occhi esploravano tutto e avrei giurato che la sua figa fosse già bagnata e rasata! Sally è scomparsa nel bagno e ho sentito la doccia aprirsi. Quando fui sicuro che fosse sotto la doccia, strisciai fuori dal mio nascondiglio e presi le sue mutandine. Guardando nel bagno ho notato che potevo vederla attraverso la tenda della doccia mentre si lavava i capelli. Ho preso quel momento per annusare le sue mutandine, erano muschiate, un po' speziate e decisamente bagnate. Ho liberato il mio cazzo e ho usato le sue mutandine per una mini sega, solo pochi colpi mentre immaginavo cosa le avrei fatto.

La doccia si è spenta. FANCULO!

Mi voltai velocemente e tornai silenziosamente al mio nascondiglio nel suo armadio, la porta si chiuse proprio mentre lei entrava nella sua stanza asciugandosi i capelli. Sally non si è nemmeno fermata, bene, non sa che sono qui. Andò al comò e tirò fuori dei pantaloni del pigiama e una maglietta, poi li portò a letto. Osservavo attentamente aspettando il mio momento. Si piegò leggermente per infilare la gamba sinistra nei pantaloni. Ora!

Ho aperto silenziosamente la porta, ho attraversato la distanza e ho avvolto il mio braccio sinistro intorno alla sua vita intrappolandole le braccia. La mia mano destra le coprì immediatamente la bocca soffocando l'urlo. La sollevai in aria e la tenni stretta. Si dimenò per un minuto poi si rilassò, singhiozzando, con le dita dei piedi appena fuori dalla portata del pavimento.

"Sai perché sono qui." Le ho detto. “Hai due scelte. Uno: asseconda quello che ti dico, obbediscimi e magari vieni anche qualche volta. Due: resisti e ti farò così male che ti sveglierai in ospedale… se ti svegli.” Ho continuato a coprirle la bocca per un minuto per far sì che le informazioni penetrassero. "Hai deciso?" Ho chiesto. Lei annuì ancora singhiozzando. "Hai intenzione di combattere con me?" Sally scosse la testa.

“Bene”, le ho detto, “ora ti tolgo la mano dalla bocca. Prova a urlare, urlare, parlare, farà rumore in qualsiasi modo e ti farò del male. Ho tolto la mano e la sua testa è caduta singhiozzando. Ho messo la mano in tasca e ho tolto le manette. Ho piegato Sally sul letto, le ho portato la mano destra dietro la schiena e l'ho ammanettata velocemente, poi le ho afferrato la mano sinistra e l'ho ammanettata. Ho ispezionato attentamente le manette per assicurarmi che non le avrebbero fatto male, quindi le ho chiuse due volte quando ero soddisfatto. Durante tutto questo continuò a piangere e a tremare. Poi ho tirato fuori una benda, non posso permetterle di vedermi o cosa sta succedendo, dopo tutto, e gliel'ho legata intorno agli occhi controllando che non potesse vedere.

Facendo un passo indietro, ho ammirato il mio premio. Pelle cremosa, lentiggini, capelli infuocati, figa rasata e gocciolante, un buco del culo che chiedeva di essere leccato e abbastanza carne sul culo a cui aggrapparsi. Questo sarà divertente.

“Ora, mettiamo in chiaro alcune cose. ti scoperò; succederà, non importa quello che fai, non importa quello che dici, verrai fregato. Ho tutto il fine settimana per abusare di te. Sally emise un gemito basso e ricominciò a singhiozzare. “Durante questa dura prova avrò bisogno di chiamarti in qualcosa... che ne dici di Troia? Ti piace il tuo nuovo nome, Troia?" Le ho chiesto. Lei annuì appena. SMACCO! La mia mano destra ha lasciato un bel segno rosso sulla pelle lattiginosa del suo sedere facendola sobbalzare ed emettere un forte strillo di sorpresa.

“Mi risponderai, troia. Ti piace il tuo nuovo nome?" Lei annuì lentamente e gracchiò "S-sì". Questa troia avrebbe avuto bisogno di un po' di allenamento. "Sì cosa?" Ho chiesto. Sally sembrava confusa ma rispose "Sì... M-padrone?" "Brava ragazza troia, hai risposto proprio come volevo." Le ho detto. Sally emise un leggero sospiro e sembrò leggermente sollevata.

Andai dall'altra parte del letto. La testa di Sally seguì il punto in cui camminavo, ascoltando attentamente qualsiasi indizio su ciò che sarebbe successo dopo. Ho preso due dei cuscini sul suo letto e li ho impilati al centro. Poi sono tornato dietro Sally. Lei si irrigidì. L'ho presa in braccio mentre emetteva un piccolo suono spaventato, più leggero di quanto mi aspettassi, e posava la faccia sul letto con la pancia sui cuscini che sostenevano in aria il suo meraviglioso didietro scopabile.

Facendo un passo indietro, sono rimasto nuovamente colpito da quanto fosse straordinaria questa donna ammanettata, bendata e singhiozzante sul suo letto. Ho colto l'occasione per togliermi i vestiti. A 5'11” trascorro anch'io un po' di tempo in palestra. Non sono un idiota muscoloso né un maratoneta emaciato; Ho solo qualche chilo in più di muscoli e purtroppo qualche grammo di grasso in più sullo stomaco da perdere.

Fissando la sua figa fradicia non potevo più trattenermi. Mi sono seduto sul letto dietro Sally facendola irrigidire per la paura. Ho avvicinato il viso alla sua figa e ho visto il suo buco del culo stringersi. Cominciai a baciarle le labbra esterne e la sentii smettere di singhiozzare. Ho baciato le sue labbra esterne e ho iniziato a leccarle le labbra interne. Le sue labbra interne erano di un rosso intenso e sporgevano creando un bel cappuccio. A turno, ho succhiato le sue labbra interne. Il respiro di Sally era cambiato. Il suo profumo speziato combinato con il bagnoschiuma al cetriolo mi stava facendo impazzire. La mia lingua si è fatta strada verso il suo buco. Sally respirò profondamente e lo trattenne. La mia lingua è penetrata nella sua figa ed ha esplorato le sue profondità. Sally espirò e gemette. Immagino che le piacesse essere violentata.

"Ti piace questa troia?" Le ho chiesto. "Vaffanculo." Lei ha risposto. SMACCO! La mia mano sinistra ha lasciato un'impronta rossa corrispondente sull'altra guancia del suo culo. "Risposta sbagliata, troia." Le ho detto. "VAFFANCULO MAESTRO!" Ha urlato. "Non preoccuparti, lo farai." L'ho informata.

La mia lingua ha continuato il suo assalto al buco della sua figa prima di spostarsi verso il clitoride. Le ho succhiato il clitoride e ho sentito Sally mormorare "Oh Dio". Mentre le succhiavo il clitoride, lei cominciò a muovere leggermente i fianchi. Poi ho avvicinato la mia bocca al suo buco del culo. Poteva sentire il mio respiro sulla porta sul retro e si irrigidì in risposta. Le mie labbra baciarono dolcemente il suo ano assaporando la sensazione del suo stretto anello gommoso. La mia lingua cominciò a muoversi attorno al suo buco del culo facendo sì che Sally ripetesse "Oh merda, oh merda, oh merda" sottovoce. Lentamente ho esercitato una pressione sul suo buco del culo con la lingua e l'ho sentito aprirsi leggermente. A poco a poco la mia lingua si fece strada dentro di lei mentre si rilassava al mio assalto orale.

All'improvviso mi alzai dal letto e andai a recuperare il vibratore che aveva lasciato sul comò. Era più sottile del mio cazzo ma un po' più lungo. Il lubrificante era ancora nella tasca dei pantaloni, l'ho recuperato e ne ho applicato un po' al vibratore. Di nuovo sul letto Sally ascoltò attentamente allungando la testa da una parte e dall'altra. Il succo della sua figa colava sui cuscini, era davvero una troia!

Vibratore in mano mi sono avvicinato di nuovo al fondoschiena di Sally. Quando la punta del vibratore fu posizionata all'ingresso del suo buco del culo, lei squittì: "Per favore, no, nessuno è stato lì prima... Maestro." Ha aggiunto rapidamente. "Cosa ti ho detto prima, Slut, succederà, seguilo." L'ho informata. La sua testa ricadde sul letto e ricominciò a singhiozzare stringendo le mani.

Delicatamente ho spinto in avanti il ​​vibratore. Andava lentamente ma continuava a scivolare dentro di lei col passare del tempo. Quando ne ebbe preso circa la metà cominciai a scoparla. All'inizio sibilava ogni volta che entrava, ma alla fine iniziò a grugnire sommessamente e poi a girare i fianchi per soddisfare le mie spinte. Ho lavorato il vibratore più a fondo ad ogni spinta finché tutto ciò che rimaneva era l'estremità con il filo che usciva. Ho lasciato il vibratore sepolto nel suo culo e ho preso la scatola di controllo portandola al livello più basso. Sally quasi saltò giù dal letto e cominciò una serie di parole incoerenti dicendo "Oh mio Dio, oh mio Dio, oh cazzo sì, oh cazzo, non l'ho mai saputo, oh merda!" Dopo un minuto Sally gridò: “Sto arrivando! Sto arrivando!" La figa di Sally schizzava solo un po' di liquido sul suo letto. Uno squirter, carino!

Lasciando il vibratore nelle sue viscere, l'ho spento e poi l'ho fatta scendere dal letto mettendola in ginocchio. Era spaventata e respirava affannosamente, nonostante le scosse di assestamento del suo orgasmo. Ho aspettato finché il suo respiro non ha rallentato, poi ho detto: "È ora che tu faccia qualcosa per me, troia". "Cosa vuoi... Maestro." Lei chiese. Mi sono messo di fronte a lei e ho messo il mio cazzo sulla sua guancia sinistra. Lei si allontanò. SMACCO! La mia mano sinistra colpì la sua guancia destra abbastanza forte da farle sapere di non muoversi di nuovo, questa volta non c'era nessun segno. Ancora una volta ho messo il mio cazzo sulla sua guancia e ho iniziato a strofinarglielo sul viso. Era così bella inginocchiata davanti a me con il labbro inferiore tremante.

"Aprire." Le ho detto. Esitò. SMACCO! Questa volta sulla guancia destra. Ha aperto immediatamente. Il mio cazzo si fermò all'ingresso della sua bocca e si strofinò attorno alle sue labbra aperte spalmandovi sopra del precum come lucidalabbra, poi entrai. Mio Dio, la sua bocca era calda. Ha subito iniziato a succhiare e a strofinare la parte inferiore del mio cazzo con la lingua. Le mie mani sono andate su entrambi i lati della sua testa e ho iniziato a scoparle la faccia. All'inizio lentamente, così da potersi abituare alla mia circonferenza, poi un po' più velocemente. "Merda, sai davvero come succhiare il cazzo, troia." Le ho fatto i complimenti. Un confuso “Mmphh ooo maffuh” fu tutto ciò che riuscì a dire. Il mio cazzo è finito in fondo alla sua gola e lei ha avuto un conato di vomito, le lacrime cominciavano ad apparire da sotto la benda, ma lei non si è arresa. Dopo aver scopato la sua bocca per qualche minuto, l'ho sentito. Ho accelerato e le ho detto "Verrò, troia, faresti meglio a ingoiare tutto". Poi sono scoppiato. La mia venuta venne fuori con una forza che avevo avvertito solo poche volte in vita mia, facendo sobbalzare Sally. Ancora e ancora sgorgava. Ho sentito Sally emettere suoni di deglutizione. Quando finalmente ebbi finito, mi ritirai dalla sua bocca ben scopata e mi sedetti sulla sedia su cui prima si era messa la giacca.

Sally sprofondò ancora di più e si sedette sul pavimento. Ad un certo punto il vibratore le era uscito dal culo. Sembrava maltrattata, stanca e la sua bocca era rossa e bagnata. Mentre riprendevamo fiato, ammirai ancora un po' il suo corpo.

“Allora dimmi, troia, perché non hai un uomo nella tua vita? Merda, non hai nemmeno un animale domestico! Le ho chiesto. “Non ho tempo. Questo e sono troppo timido per parlare con qualcuno, voglio dire, perché mai dovrebbero volermi... Maestro?" lei ha risposto. "Hai un corpo meraviglioso, troia, un corpo pensato per scopare." Ho risposto. "Dimmi, che tipo di esperienza sessuale hai comunque?"

Sally sospirò e disse: “Beh, a parte alcuni fidanzati che ho avuto al liceo e all'università, e quella volta con quella ragazza, in realtà non ne ho nessuno. Tranne il mio Maestro del vibratore. Ragazza? Ho pensato. "Dimmi di più sulla tua esperienza da ragazza, Troia." “Niente da dire davvero. Ero a una festa al college, c'era un'altra ragazza lì. Era divertente e pensavo che saremmo diventati amici. Bene, abbiamo bevuto un po' tutti e due e lei mi ha baciato. Essendo al college, l'ho baciata e siamo finiti in una camera da letto. La sua storia stava dando una seconda ventata al mio cazzo. "Abbiamo continuato a baciarci e lei mi ha tolto i vestiti." I suoi capezzoli stavano diventando duri e il suo respiro stava diventando più profondo. "Mi ha mangiato la figa ed è stata la prima persona a darmi un orgasmo in quel modo." I suoi capezzoli erano rigidi e orgogliosi.

"Striscia verso il suono della mia voce, Troia." Ho comandato. Lei ha risposto: "Maestro, ho le mani ammanettate, come...?" "Usa le ginocchia." Le ho detto. Lei avanzò strascicando i piedi. "Fermati, ora alzati, troia." “Non posso Maestro.” L'ho aiutata a stare di fronte a me. Le sue tette erano all'altezza perfetta perché potessi abusarne. Le mie mani le massaggiarono i seni e le pizzicarono un capezzolo. Il respiro di Sally divenne ancora più profondo. Ho succhiato un capezzolo in bocca e ho fatto roteare la lingua attorno ad esso assaporando la sensazione. Sally emise un dolce "Ohhhhh". L'altra mano le pizzicò il capezzolo mentre mordevo quello che avevo in bocca. "Oh Dio." Sally gemette. Le ho chiesto "Ti piace che i tuoi capezzoli subiscano abusi?" "Oh Dio, sì, Maestro, mi fa impazzire." Lei ha risposto. "Bene." dissi e continuai a tirare, torcere, mordere e pizzicare i suoi capezzoli ormai rossi. Nel frattempo Sally aveva cominciato a contorcersi, rigirarsi e gemere. All'improvviso gridò: "Oh Dio, sto arrivando di nuovo!" Le sue ginocchia tremarono e lei cadde, inginocchiandosi ancora una volta sul pavimento. Non sapevo nemmeno che fosse possibile e la guardavo con stupore mentre respirava durante il suo climax. La lascio riprendersi per qualche minuto prima di riprenderla in braccio e rimetterla sui cuscini del letto.

Ho recuperato il vibratore e ho riapplicato un po' di lubrificante prima di reinserirlo nel suo intestino. Poi ho impostato l'impostazione più bassa e mi sono inginocchiato dietro di lei allineando il mio cazzo con la sua figa. Sally aveva iniziato a gemere quando avevo acceso il vibratore e continuava a gemere. Mi sono spinto dentro di lei. Lei emise un “Ahhhhhhhhh! Troppo grande, sei troppo grande!” mentre mi seppellivo fino in fondo. Merda. Non stava scherzando. Questa è stata la figa più stretta che abbia mai sentito. Pensavo che la sua bocca fosse calda, la sua figa era praticamente in fiamme. Mi ha afferrato e non mi ha lasciato andare.

Sedermi lì con il mio cazzo dentro e sentire il ronzio del vibratore attraverso la membrana che separa il suo culo dalla figa è stata una delle migliori sensazioni che abbia mai provato. Mi sono ritirato in punta e ho iniziato a scopare il mio premio. Altri due orgasmi dopo, era in un'altra terra quando mi sono fermato e ho ritirato il mio cazzo dalla sua figa. Le ho tolto il vibratore dal culo spegnendolo. C'era un'altra cosa che volevo fare, ma volevo che fosse coerente. Sono andato in bagno e ho pulito il vibratore. Quando sono tornato, il respiro di Sally era di nuovo rallentato. Aveva i capelli appiccicati alla testa e il corpo luccicava di sudore. La sua bocca era aperta e sembrava stanca.

Mi sono avvicinato al letto e lei ha gracchiato: “Per favore, per favore, basta, Maestro, basta, non ne posso più”. "Troia, te l'ho detto, non resistermi." Ho detto. Ho posizionato il vibratore all'ingresso della sua figa e ho spinto. Scivolò dentro. La sua figa era cruda e rossa per la scopata e il suo buco del culo era allentato con una leggera apertura. Ho applicato del lubrificante al mio cazzo e le ho spruzzato un po' nel culo. Poi ho premuto la testa contro il suo buco del culo. “Per favore, Maestro, non lì, non lì!” Lei implorò con rinnovata forza e fece una leggera lotta. SMACCO! SMACCO! SMACCO! "Troia, devi davvero imparare a stare al tuo posto." dissi mentre le davo una pacca sul sedere. Ora le sue natiche si abbinavano alla sua figa, rossa e bellissima.

Ancora una volta ho posizionato il mio cazzo sul suo sfintere. Questa volta si irrigidì, ma questo era tutto. Ho applicato una leggera pressione e ho sentito il suo anello cedere gradualmente il posto al mio intruso lubrificato. Seppellì di nuovo il viso nel letto ed emise un gemito più profondo di quanto credessi possibile per una donna. La mia testa di cazzo era appena spuntata dentro, lì mi sono sistemato per un minuto. Lentamente andai avanti. Sally continuò il suo gemito basso e profondo. Il mio cazzo scivolò oltre il suo anello. Ho iniziato a darle brevi colpi lenti dentro e fuori per abituarla a farsi inculare da un cazzo. Alla fine ho toccato il fondo. Sally esclamò: "Oh mio Dio, è completamente dentro... come?" "Il corpo fa cose incredibili quando è acceso, le ho detto." Pensavo che la sua figa fosse stretta, il suo culo praticamente le faceva male mentre la sentivo flettersi e allentarsi. Non sarebbe durato a lungo, lo sapevo.

Ho raggiunto il controllo del vibratore e l'ho riacceso, poi ho iniziato a scoparle profondamente il culo. Sally grugniva ad ogni spinta. Appena un minuto dopo aver acceso il vibratore, ha iniziato a tremare e l'ho sentita urlare ancora più forte: "SANTA MERDA, STO ARRIVANDO! AHH AHHH AHHH AHHHHHH!” Questo era troppo per me, il suo culo già stretto si stringeva ripetutamente sul mio cazzo, mungendomelo. Il succo della sua fica sgorgò sulle mie palle, inzuppandole. Ho ringhiato e le ho sparato nel culo mentre lei cavalcava il suo orgasmo. A poco a poco il mio orgasmo lasciò il posto al dolore e mi ritirai dal culo di Sally disattivando il controllo del vibratore e rimuovendolo dalla sua figa mentre mi sdraiavo accanto a lei.

Ho afferrato la chiave delle manette e le ho liberato la mano destra. Lo spostò verso l'alto per rimuovere la maschera e mi sorrise. "Non sono mai stato scopato così in tutta la mia vita!" Ha esclamato. “Grazie per aver risposto al mio post sul forum. E' vero quello che hai detto? Hai davvero tutto il fine settimana?" Lei chiese. Ho semplicemente sorriso e ho detto: "Sì". "Bene", disse appoggiando la testa sul mio petto, "perché ci sono ancora alcune cose che mi piacerebbe provare."

Grazie per aver letto, per favore fatemi sapere cosa ne pensate.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

877 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

666 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

386 I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

726 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Il demolitore va avanti

Erano passati circa 8 mesi da quando Jenny era morta, un periodo in cui ero rimasto celibe, in parte per la sensazione che avrei dovuto ancora esserle fedele e in parte per la convinzione che forse ero stato punito per il mio comportamento precedente, tuttavia avendo solo 25 anni vecchio non passò molto tempo prima che iniziassi a sentirmi di nuovo davvero eccitato e cercare di liberare ancora una volta il demolitore divenne una necessità. Il mio appartamento al piano di sopra si affacciava su un nuovo complesso residenziale che era stato costruito su un terreno commerciale bonificato proprio di fronte...

1.1K I più visti

Likes 0

I miei migliori studi di sempre, parte 2

Benjamin... La voce dolce di Samantha mi chiamò di nuovo. Oh amico, questa notte continua a migliorare sempre di più per me. In precedenza l'avevo convinta a venire a studiare con me, i miei genitori sono andati in viaggio d'affari per le due settimane successive; i nostri studi si sono trasformati in molto di più, voleva lavorare sui nostri studi sessuali e su come sono venuti fuori!!! Benjamin... mi chiama ancora una volta, scendendo lungo il corridoio verso la mia camera da letto. Samantha è quasi insaziabile quando si tratta di sesso; a giudicare dal tono della sua voce, vuole un...

854 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.