Toman dei Cherokee 3

221Report
Toman dei Cherokee 3

Atohi mi lasciò mentre tornava al villaggio. Ero ancora lì, accanto al sentiero. La giornata di oggi mi ha sicuramente aperto gli occhi, questo è certo! Pensando al corpo nudo di Naci ho scosso la testa mentre sentivo parti della mia anatomia crescere fino a raggiungere dimensioni dolorose!

<Quindi sembra che tu ti sia fatto un nuovo amico, questo è un bene. Ricorda solo che non devi rivelare chi o cosa sei. Una volta posizionata la bolla, nessuno sarà in grado di vedere o sentire ciò che facciamo al suo interno.> Ho sentito Pops nella mia testa. <A proposito, quello che ha detto il giovane Atohi è vero, ti picchiano davvero. Non prendere alla leggera la minaccia!>

Rimasi a bocca aperta quando sentii dei movimenti dietro di me sul sentiero. Stavano arrivando diverse donne, che si fermarono un attimo per chiedermi se avevo visto una coppia di maschi entrare nel villaggio poco tempo fa. Ancora un po' stordito ho detto loro di no sinceramente. Le donne più anziane mi guardarono, poi annuirono e andarono avanti. Naci era in fondo al gruppo e sorrideva leggermente mentre passava.

<Quindi, si fida di te tanto quanto pensavo. Questa è una buona cosa. Toman dobbiamo fare tutto il possibile per proteggere queste persone. Ciò che stanno facendo per noi potrebbe garantire la loro distruzione. Sono sicuro che non c'è bisogno di ricordartelo!> I pensieri di papà mi tornarono di nuovo.

<Sto facendo tutto quello che posso, papà. Come ho detto, mi sento come se avessi una maledizione su di me o qualcosa del genere! > Ormai stavo davvero iniziando a sentirmi frustrato per tutto quello che era successo.

<Lo so, ti avevo detto che ci avrei approfondito, per ora prova ad andare avanti. Posso suggerirti di PROVARE a non attirare più l'attenzione su di te?> Mi disse papà.

<Come se ci provassi, papà!> stavo quasi urlando nella mia mente.

Proprio in quel momento sentii più movimento lungo il sentiero. Tornando indietro vidi presto diversi maschi più giovani che si dirigevano verso il villaggio. Uno in particolare attirò la mia attenzione, Malak con il braccio fasciato. Superandone solo alcuni mi venne uno sguardo accaldato, anche se quello di Malak avrebbe potuto sciogliere il metallo.

Fermandosi davanti a me ringhiò: "Ti pentirai di non avermi ucciso, straniero! I tuoi giorni qui sono contati, me ne assicurerò!"

Annuii senza paura, rispondendo: "Solo se sei un codardo come penso e mi attacchi nel sonno!"

Questo ovviamente attirò più di qualche risatina da parte di alcuni dei maschi con lui. "Vedremo quando sarai morto ai miei piedi!"

"No, a meno che tu non porti un piccolo esercito perché hai paura di affrontarmi di nuovo! No, penso che dovresti semplicemente tenere il broncio e lasciare stare quelli di noi con vero onore!" dissi di nuovo con voce ancora più bassa, suscitando qualche risatina.

Il volto di Malak era rosso dalla rabbia mentre molti degli altri lo trascinavano via. Ho sentito molti di loro sussurrargli che lo avrei ucciso così com'era. "No, non faccio il prepotente né combatto i deboli e gli indifesi come fa ed è lui!" Ho scattato ai pochi che avevano parlato.

Con gli occhi spalancati lo trascinarono tutti velocemente lasciandomi di nuovo solo con i miei pensieri. Ebbene, pensavo di essere solo con i miei pensieri quando ho sentito un sospiro. <Penso di iniziare a capire cosa intendi, Toman. Solo stando lì i guai ti hanno trovato!> Oh merda! Avevo dimenticato che papà mi stava "parlando".

<Vedi papà? Te l'ho detto, non lo cerco mai, sembra proprio che cerchi me!> pensai a papà ancora fremente di rabbia per l'audacia di Malak e dei suoi scagnozzi.

<Questa è un'altra cosa, Toman.> Papà mi ha detto, <il tuo potere ha la tendenza ad essere collegato alle tue emozioni.>

Rimasi a bocca aperta: <Papà, stai parlando di quello che penso che tu sia? Mio Dio! Non c'è da stupirsi che il consiglio stia cercando di uccidermi!>

<Di cosa stai parlando?> Ho sentito la domanda di papà.

<Papà, non sono così stupido da aver sentito parlare del potere selvaggio!> Gli ho ripensato e poi ho sussultato: <Sono un pericolo per tutti! > Adesso le lacrime cominciavano a scendere dai miei occhi. <Sono una bestia che merito di-->

Sussulto di nuovo quando sento uno schiaffo extra forte sul mio viso. Ancora una volta stavo volando attraverso la distesa della foresta. Mi sono fermato ai piedi di Pops, con un'espressione estremamente arrabbiata sul viso.

"Non potrò mai più sentire quelle stronzate uscire dalla tua bocca, mi senti?! Manchi di rispetto a tutta la tua famiglia mentre lo fai! Ti sto addestrando; quindi non sei una bestia, anche se mi riservo comunque il diritto di porre fine alla tua vita se lo dovessi fare." a! Adesso alza il culo, prendi altra legna da ardere. Questa volta guarda dove diavolo vai e cosa fai!"

Tirandomi su, annuii con la testa abbassata, le lacrime ancora scendevano dai miei occhi. "Farò del mio meglio, papà."

Mi sono allontanato mantenendo tutti i miei pensieri al minimo. Ho trascorso il resto della giornata osservando molti dei maschi più anziani mentre si esercitavano con i loro archi. Poi ne ho guardati alcuni mentre realizzavano lo stesso tipo di archi. Raccogliendo alcuni pezzi di legno scelto ho iniziato a fare come avevo osservato. Ben presto ebbi un arco piuttosto grande che quasi non riuscivo a tendere.

Atohi si avvicinò pochi istanti dopo con gli occhi enormi. "Toman! Cosa stai facendo con quello? Non ci è ancora permesso avere armi degli adulti."

"Di cosa stai parlando? L'ho fatto io, anche se ho qualche problema a disegnarlo." Glielo dissi mentre i suoi occhi diventavano ancora più grandi.

"Non è possibile!" disse Atohi stupito. "Ci vogliono molte lune per realizzare quell'abilità!" Ha preso l'arco che avevo fatto tra le sue mani toccandolo come se fosse una sacra reliquia! "Questa è un'arma di ottima qualità! Stai scherzando con me! Capisco! Hai trovato questa e stavi proprio guardandola!"

«Uh... no. L'ho fatto, non è stato poi così difficile." Dissi ad Atohi mentre la sua bocca si apriva ancora di più.

"Devo mostrarlo a papà! È un lavoro eccellente quanto il suo!" disse Atohi poi si fermò quando allungai la mano e gli strappai l'arco dalle mani.

"NO!" L'ho detto ad Atohi. "Sono già considerato una insolita stranezza nel villaggio. Non voglio peggiorare le cose mostrando un'abilità che rivaleggia con quella di uno dei maschi più anziani."

"Questo ti porterebbe un grande onore!" Atohi ha detto.

"No, convincerebbe quelli che non sono già contro di me che sono più malvagio. Lo terremo tra noi due. Forse più tardi potremo dire qualcosa, ma non ora." L'ho detto ad Atohi onestamente.

Scuotendo la testa speravo che tenesse la bocca chiusa. Conoscendo la mia fortuna, se la sarebbe lasciata scappare facilmente. Cavolo, pensavo di aver davvero bisogno di un incantesimo di silenzio! Scuotendo la testa mi sono allontanato potevo sperare comunque!

Pochi giorni dopo Pops completò la bolla, come la chiamava lui. Portandomi dentro, mi agitò la mano. "Voglio che tu chiuda gli occhi, senta dentro. Senti tutto il tuo potere, guarda più da vicino e vedi l'energia che esce da te."

Ho fatto come aveva detto papà guardandomi dentro, poi ho continuato ad entrare finché non sono arrivato in un punto dove una miriade di fili colorati uscivano da quello che sembrava essere un buco. "Lo vedo, papà, il buco da cui proviene tutto il mio potere. Cosa vuoi che faccia?" Mi sentivo come se Pops fosse scioccato.

"Riesci davvero a vedere da dove viene il tuo potere? Sorprendente! Sei lontano quanto lo era tuo padre. Guarda il tuo potere; voglio che tu senta il modo in cui vibra. Bene, ora voglio che tu lo modifichi in modo che sia è completamente diverso da quello che è adesso." Me lo ha detto papà.

Annuendo ho sentito le leggere vibrazioni che c'erano. Allungandomi ho fatto vibrare i fili più della leggera vibrazione che avevano. Ho sentito papà sussultare, poi ho sentito una barriera circondarmi. "Così, papà? Ho chiesto.

"NO!" L'ho sentito gridare. "Devi farli vibrare leggermente. Più forte vibreranno, più facile sarà per loro trovarti!"

Annuii mentre toccavo ogni filo colorato, ognuno a sua volta rallentando fino a tornare a quello che era stato. Ancora una volta ho sentito Pops sussultare quando tutti i fili hanno rallentato. Ancora una volta li ho toccati tutti allo stesso tempo sentendoli vibrare tutti in modo leggermente diverso. "Ecco, papà, è meglio?" Ho chiesto.

"Non pensavo che ce l'avresti fatta al primo tentativo. Dovrai mostrarmi come hai fatto più tardi." Ho annuito mentre allungavo la mano verso Pops vedendo tutti i colori provenienti da lui. Poi ho notato qualcosa di strano. Sembrava che parte del potere di Pop fosse stato tagliato. Scuotendo la testa ho potuto vedere che la capacità di vedere effettivamente il potere di un altro era disattivata. Scrollando le spalle, ho allungato la mano e l'ho aperto delicatamente, poi mi sono ritirato, non aveva senso essere schiaffeggiato di nuovo.

Siamo andati avanti ancora per qualche ora, papà mi ha mostrato come cambiare la mia firma. Avevamo finalmente finito quando Pops rimase senza fiato. "Cosa diavolo?" disse improvvisamente papà. "Mio Dio! Oh mio Dio! È proprio come l'ha descritto!" Poi Pops mi ha guardato direttamente, oh merda! "Cosa mi hai fatto T
Per l'uomo?!"

Mi sono ritirato temendo che papà mi avrebbe davvero ucciso adesso. Tremando gli ho detto: "Io... mi dispiace, papà! Pensavo che avresti voluto poter vedere. Mi dispiace tanto, papà!" Chinai la testa aspettandomi il dolore da un momento all'altro.

"Questo mi stavi dicendo. I fili colorati! Mio Dio! Tuo padre ne parlava! Pensavo
aveva perso la testa, ora lo vedo! Ogni filo è un potere di un utente! Mio Dio Toman! Hai il doppio di quello che ho io!" disse Pops.

"Molti dei vostri sono bloccati, come lo è la maggior parte dei maghi." Gliel'ho detto. "Non ne ho mai incontrato un altro con così tante abilità aperte come me. Anche il preside non ne ha tante quanto voi, papà. Temo però che, aprendo quella, potreste scoprire qualche altra abilità nei prossimi giorni."

Papà si stava massaggiando il mento mentre ci pensava. "Non hai idea di cosa potrebbero essere?" Chiese.

"No, mi dispiace papà, posso farlo tra un giorno o due, ma non adesso." Gliel'ho detto.

"Da quanto tempo hai questa capacità?" chiese papà.

Rimasi in silenzio un momento mentre ci pensavo. "Penso che sia iniziato qualche anno fa. Sembra che più lo uso più diventa forte. È un po' come quando guardavo i ragazzi combattere l'altro giorno. Più guardavo, più potevo fare." dissi a un pop a bocca aperta.

"Quindi il combattimento non è stato un colpo di fortuna. Li stavi osservando prima di saltare dentro, vero?" chiese papà.

"Certo, papà, ti avevo detto che mi sarei tenuto alla larga da tutti. Sai che, per quanto odiato, non voglio dare a nessuno altre armi da usare contro di me." L'ho detto a papà un po' esasperato.

Papà annuì, poi mi guardò con uno sguardo interrogativo. "Va bene Toman, cos'altro stai guardando?"

Devo aver avuto un'espressione estremamente sorpresa sul viso quando papà ha iniziato a ridacchiare. Scossi la testa, come diavolo faceva sempre a farlo! Con un sospiro gli dissi: "Oggi stavo guardando molti degli uomini più anziani fare gli archi. All'improvviso mi è sembrato facile, quindi ne ho realizzato uno mio". Ho allungato la mano e l'ho tirato a me. Pops ha annuito con la testa quando l'ho fatto con facilità.

Pops lo guardò e iniziò ad annuire in segno di approvazione. Poi la sua testa scattò: "Chi altro lo sa?"

Ancora una volta rimasi a bocca aperta mentre fissavo papà. "Atohi si è avvicinato dopo che l'ho finito. Ha detto che avrei dovuto mostrarlo a suo padre, che ne avrei tratto molto onore. Gli ho detto di no, che ero già considerato una insolita stranezza nel villaggio. Non l'ho fatto. Non voglio peggiorare le cose mostrando un'abilità che rivaleggia con quella di uno dei maschi più anziani."

La testa di papà annuiva finché non arrivai alla parte su Atohi; Gli ho detto che avrei voluto avere la mia magia per fare un incantesimo di silenzio. "No, penso che dovresti concedergli il beneficio del dubbio. Puoi sempre negare di poterlo fare, anche se questo potrebbe rendere Atohi nemico."

"Spero solo che riesca a tenere la bocca chiusa. Ho davvero abbastanza cose contro di me adesso senza che venga aggiunto altro." L'ho detto a papà, un po' preoccupato, che avrebbe dovuto interferire di nuovo per me. "Non sono proprio sicuro che Pops, senza le mie capacità, non riesca proprio a leggerlo."

Pops sorrise poi disse: "Imparerai Toman, imparerai. Non dovrebbe volerci così tanto tempo se inizi davvero ad ascoltare di più e a lamentarti di meno".

Concludendo la giornata, ho lasciato Pops in giro per dare la mia prima occhiata al villaggio. Fu in quel momento che mi resi conto di quanto fosse lontana la periferia del villaggio. Mentre avanzavo verso il villaggio ero stupito di quanto fossero organizzate queste persone. Qui pensavo che fossero quasi selvaggi, accidenti mi sbagliavo.

Presto notai un tepee verso il centro di tutto un po' più grande del resto. Avevo iniziato a dirigermi incuriosito quando diversi guerrieri mi fermarono. "Allora Toman stai cercando di dare un'occhiata alla tua futura sposa."

I miei occhi si sono spalancati quando ho chiesto: "Vuoi dire che quella è la casa di Tall Bear?"

Gli uomini ridacchiarono un po' poi annuirono: "Molti di noi sono stati solo informati del fatto che non sei abituato alle nostre usanze. Una cosa che potresti voler ricordare al giovane Toman è che non ti è permesso vedere o stare da solo con la tua futura sposa. Almeno non senza suo padre lì." Gli altri con lui annuirono anche se i loro occhi brillavano di un po' di malizia. "Allora vuoi vedere?" chiese l'uomo.

Ci ho pensato per un momento poi qualcosa che aveva detto Atohi mi è venuto in mente. "No, non penso di voler usare un jhatakedaar chhadee su di me in questo momento." L'ho detto agli uomini.

Tutti loro hanno avuto grandi sorrisi sui loro volti poi hanno alzato le spalle mentre hanno iniziato a muoversi. "Ricorda solo il giovane Toman, a volte il dolore vale quanto guadagnato in primo luogo!"

Lo guardai come se avesse perso la testa. Le botte che mi avrebbero dato non erano niente in confronto a quelle che mi avrebbero fatto papà. Quindi continuando (evitando il tepee di Alto Orso) ho fatto un cenno a molti dei giovani maschi che erano lì quando ho sconfitto Malak. Molti mi si sono avvicinati dandomi pacche sulle spalle. Pochi minuti dopo mi capitò di passare davanti a un altro grande tepee. Annuendo, stavo passando quando ho sentito una voce.

"Non sei il benvenuto qui, straniero!" La voce disse. "Dovresti tornare da dove sei venuto!" Voltandomi stavo fissando dritto negli occhi il padre di Malak!

"Ti piacerebbe, vero? Allora tuo figlio potrebbe fare il prepotente con il resto dei ragazzi più piccoli!" dissi a denti stretti. "Non sono qui per combattere, sto solo camminando. Sei tu che fai dei gesti minacciosi verso di me!" Sputai completamente disgustato dal fatto che l'uomo approvasse il fatto che suo figlio facesse il prepotente nei confronti dei deboli.

"Ho tutto il diritto di ucciderti dove ti trovi! Il danno che hai fatto a mio figlio, alla mia famiglia e a me non sarà perdonato!" Detto questo l'uomo estrasse un grosso coltello avanzando verso di me.

"Allora vedo che sei una donna spaventata!" dissi ricordandomi di una provocazione durante la lotta in cerchio. "Attacchi un avversario disarmato, hai così tanta paura di me? Uno molto più giovane di te?"

Allungando una mano accanto alla sua gamba estrasse un grosso coltello dall'aspetto sinistro. Lanciandomela rise, "eccolo ora sei armato; vediamo se riesci a sconfiggermi con la stessa facilità con cui hai sconfitto mio figlio!" Ancora ridendo si lanciò verso di me, aspettando fino all'ultimo minuto in cui mi avvicinai. L'uomo rise mentre invertiva la direzione e mi seguiva colpendomi la gola.

Abbassandomi gli appoggiai entrambe le mani più forte che potevo sullo stomaco. Sono rimasto sorpreso quando l'uomo ha solo grugnito quando l'ho colpito. Sorridendo ancora di più, si avvicinò di nuovo a me dondolandosi cercando di tagliarmi il petto. Evitai a malapena il colpo mentre lampeggiava nelle vicinanze.

Continuando a perseguitarmi, l'uomo rise più forte, "sei bravo giovane Toman, anche se penso che non sei abbastanza bravo!" All'improvviso l'uomo si è alzato mirando di nuovo alla mia gola, così come all'improvviso ha ruotato oscillando in basso direttamente verso il mio stomaco! Cadendo a terra, sollevai entrambe le gambe più forte che potevo contro il suo plesso solare. Ovviamente avevo sacrificato la mia posizione quando mi aveva tagliato la gamba.

L'uomo sussultò poi cadde all'indietro conati di vomito e vomito. Alzandomi zoppicai verso l'uomo tirando indietro la mano e colpendolo alla nuca. Non avevo notato che più di pochi guerrieri stavano guardando. È stato allora che ho sentito i sussulti mentre l'uomo cadeva a terra privo di sensi.

"Padre!" Ho sentito Malak urlare come poteva correndo fuori dal loro tepee. Guardandomi potevo vedere l'odio e la rabbia sul suo volto. "Ti ucciderò!" Disse facendo un passo verso di me.

"Puoi provarci, con solo mezzo braccio, anche se ti garantisco che ti farò molto più male dell'ultima volta! Non sono ferito da nessuna parte quanto te, se desideri provare!" dissi minacciosamente. "Ti consiglio di portare via tuo padre da qui prima che altri vogliano fare di lui un esempio.

"Non oserebbero! Mio padre è un grande guerriero, nessuno lo toccherebbe!" Malak mi ringhiò.

"Non ne sarei così sicuro; ne ha attaccato uno molto più giovane di lui. Non sono nemmeno un adulto. Come pensi che la tribù lo vedrà? Soprattutto dopo che io, un semplice giovane, l'ho messo KO? Direi oggi si è disonorato abbastanza, proprio come hai fatto tu nella nostra battaglia!" Sputai a Malak mentre iniziavo a voltarmi.

Ho sentito un ululato stridente poi ho visto Malak avviarsi verso di me con il coltello di suo padre. "Ti sventro! Nessuno parla di mio padre in quel modo!" Sospirai mentre lo guardavo avanzare. Ho finto di alzarmi, poi mi sono abbassato facendogli cadere il coltello di mano.

Portando la mia alla sua gola ringhiai: "Arrenditi!"

"Mai! Non mi arrenderò mai a un estraneo come te!" urlò Malak in risposta.

"Bene!" ho detto mentre lo ammanettavo lungo la testa facendogli perdere i sensi.

Lasciando cadere Malak ho iniziato a zoppicare quando ho attirato lo sguardo di Pops. Oh merda! Papà mi scuoierà vivo.

"Sembra che tu sia di nuovo ferito, giovane Toman," ho sentito dire Alto Orso dietro di me. Guardando in basso ho visto per la prima volta che ero tagliato, ma non così profondamente come pensavo.

Inchinandomi profondamente a Tall Bear ho risposto: "Sì, signore, mi scuso per tutti i problemi in cui mi sembra di essere incappato. Proverò..." In quel periodo ho sentito il mondo iniziare a girare mentre mi girava la testa. Dannazione! Immagino di aver perso più sangue di quanto pensassi!

Ho sentito diverse paia di mani afferrarmi mentre iniziavo a tracciare una linea d'api verso il terreno. Scuotendo la testa pensavo che questo non fosse il modo per conoscere meglio tutti.

Sono passate diverse ore, anche se per me avrebbero potuto anche essere giorni in cui mi sono svegliato di soprassalto. Disorientato per qualche istante fissai perso i muri attorno a me.

<Non so cosa farò con te, ragazzo,> venne il pensiero di Pops.

<Ehi papà, stavo camminando quando ha iniziato a fare dei gesti minacciosi nei miei confronti.> ho risposto.

Pops sospirando continuò: <Conosco Toman, lo so. Avevo paura che tentasse qualcosa anche se non pensavo che sarebbe stato così veloce. Ho iniziato a esaminare ciò di cui abbiamo parlato prima. Per ora non ho trovato molto ma sto ancora cercando. Temo che rimarrai lì qualche giorno per guarire.>

<Va bene, papà. Magari potresti aggiornarmi sulle usanze locali così non faccio più errori?> chiesi.

<Sì, penso che sarebbe una buona idea. Sembra che tu abbia già abbastanza problemi a seguirti senza invitarne altri.> Rispose papà. Poi ho sentito Pops che mi metteva in mente tutto ciò che poteva su dove eravamo e cosa fare. Beh, ha iniziato perché è stato un po' travolgente quando ho smesso di svenire di nuovo.

Storie simili

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

627 I più visti

Likes 0

Lezioni da Allison parte 1

Mia sorella Alison ha sei anni più di me ed è una volpe totale. Ogni estate ricordo che i ragazzi di tutto il nostro quartiere si riunivano a bordo piscina per adulare il suo splendido corpo in bikini. So che molte persone pensano che sia strano pensare alla loro sorella in quel modo, ma non me ne sono mai vergognato. Per quanto mi riguardava, era proprio come qualsiasi altra ragazza, anche se molto più sexy della maggior parte delle altre. Ancora oggi ricordo il sogno più grande che abbia mai fatto come se fosse la scorsa notte. Avevo circa undici anni...

542 I più visti

Likes 1

Divertimento pigiama party parte 1 - la sera prima_(0)

Nota dell'autore: per favore vacci piano con me; questa è la prima volta che scrivo una storia di sesso di qualsiasi tipo. Sto scrivendo della prima volta che il mio fidanzato (che allora era solo il mio ragazzo) ed io abbiamo scopato. Sarà separato in 2 parti, questa è la prima parte Nome: Kate (io) Età: 14 Colore dei capelli e degli occhi: colore artificiale, capelli rossi lunghi fino alle spalle e occhi castani color miele Altezza: 51 Descrizione del corpo: basso per la mia età, leggermente paffuto intorno alla metà, petto di dimensioni medie (36B) Nome: Seth (il mio ragazzo)...

550 I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Io i miei cani e adolescenti rapiti

Il cuore batteva forte, più per l'eccitazione che per la paura di essere scoperto. Ero al sicuro! Nessuno avrebbe potuto vederla salire sul mio furgone. Non potevo credere che la mia fortuna fosse ancora in piedi ed è stato così fottutamente facile! stato facile ma lei era stupida, deliziosa ma stupida. Il lampo del nodo di Bruno seppellì nella figa infiammata di Chandre il suo seme mescolandosi con il mio all'interno di quella fica non più vergine. Mi fece sanguinare il sangue e il mio cazzo si contrasse. Come Chandre aveva supplicato e supplicato. Quando si fermò dopo 2 settimane e...

3.4K I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

2K I più visti

Likes 0

Busto in bocca

Storia di Fbailey numero 168 Busto in bocca Quando ero un bambino mia zia Betty mi dava sempre grandi abbracci e mi stringeva forte dentro di lei e mi stringeva per molto tempo finché non mi dimenavo per scappare. Aveva delle tette davvero grandi e io ero troppo giovane per godermela. La zia Betty aveva o ha quindici anni più di me, quindi quando ho compiuto dieci anni aveva venticinque anni ed io ero abbastanza alta da far entrare la mia testa nella sua enorme scollatura. Anche a lei piaceva. Dopo ogni possibilità che zia Betty aveva, mi premeva la testa...

2.8K I più visti

Likes 0

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

746 I più visti

Likes 0

Il mio capo donna

Ciao, mi chiamo Gina, ho 26 anni, capelli neri, ho tette coppa B e sono alta 1,70. A volte ti senti in un certo modo nei confronti dei tuoi superiori. Di solito le ami o le odi, ma credo che il mio capo donna fosse qualcosa di speciale. Era gentile, ma non troppo carina. Lei è 5'9 con capelli e occhi castani. Anche lei aveva un corpo molto carino, con delle belle tette a coppa C, quindi è molto sexy per avere 37 anni. L'ho avuta come capo per circa 3 anni e mi sono masturbato pensando a noi che facevamo...

301 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.