Al servizio dell'Orda

2.8KReport
Al servizio dell'Orda

Mi sono svegliato nudo, era strano. Ero andato a letto in pigiama; quando vivi con i tuoi genitori e due fratelli più piccoli devi farlo. Sembrava che non ci fosse niente sopra di me, niente piumino o coperte, solo una leggera brezza che tracciava il mio giovane corpo sodo. Il letto sotto di me era setoso e piacevole, ma questo non compensava la stranezza generale della situazione. Mi misi a sedere e aprii gli occhi per essere accolto da una vista ancora più strana. Di certo non ero nella mia camera da letto a nord di Londra; invece mi sembrava di essere in un grande padiglione di seta viola dai lati aperti, seduto su un enorme letto rotondo di almeno sei metri di larghezza. Oltre i confini del padiglione si potevano vedere altre tende più semplici in file che si estendevano a perdita d'occhio, punteggiate solo da piccoli boschetti di alberi occasionali. Né ero solo in questo strano posto, molte persone si accalcavano fuori che si muovevano per strade mal definite con ogni sorta di compiti e vestite in modo molto strano. Tuttavia, la mia attenzione è stata immediatamente attirata da coloro che condividono con me il padiglione viola. Decine di donne nude o quasi nude ciondolavano sul letto o su cuscini, divani o sedie intorno. Questo è per lo più che si rilassavano, alcuni si truccavano, si vestivano o si masturbavano di tutte le cose. Confuso com'ero, fu un sollievo quando una voce dietro di me disse
"Quindi tu sei la nuova ragazza", mi voltai per vedere una bellissima giovane donna, la sua pelle era pallida come l'alabastro, un fatto che i pochi ritagli di seta che indossava non facevano nulla per nascondere. Era seduta un po' dietro di me con le gambe rannicchiate sotto di lei e una mano delicata su un fianco.

"Ehm, credo di sì, voglio dire..." balbettai
"Sei confuso, lo so", la interruppe la donna, "certo che lo sei, all'inizio lo sono tutti, non preoccuparti. Mi aspetto che tu voglia sapere dove sei. Ho annuito.
"Questo è un padiglione del piacere al servizio dell'orda dell'empio signore Sameal", questo non ha chiarito nulla e si è mostrato chiaramente sul mio viso perché poi ha detto
"Ah vedo che non hai sentito parlare dell'orda, da che mondo sei ragazza?"
«Ehm, Terra, suppongo», risposi
“Hmm, non ne ho sentito parlare, ha senso. Mi spiego allora. Lord Sameal è un principe demone, un angelo caduto in disgrazia. È sfuggito ai vincoli dell'inferno alcuni decenni fa e con il suo esercito di demoni ha conquistato interi mondi. Molte razze ora servono nell'orda infinita. I guerrieri diventano irrequieti tra le conquiste ed è qui che entriamo in gioco. Serviamo per dare piacere ai guerrieri, per rivivere il loro stress attraverso l'uso del nostro corpo. Uno dei maghi dei principi ha lanciato un incantesimo per cogliere a caso candidati idonei da tutti i mondi, ora ha scelto te.

Tutto questo come puoi immaginare mi ha lasciato senza parole, ero quasi sicuro che fosse tutto un sogno ma allo stesso tempo sembrava tutto fin troppo reale. La donna, chiunque fosse, sembrava accettare il mio silenzio per accettazione perché si è avvicinata a me
"Ora vediamo, sei un essere umano, direi sui sedici anni", rifletteva la sua voce mentre mi fissava. Facendo scorrere le sue dita tra i miei capelli ha continuato "capelli scuri, folti e ben curati, bene", i miei occhi si sono spalancati per lo shock mentre le sue mani si sono spostate dai miei capelli al mio seno.
"Seno di taglia media, sodo, flessibile", la sua voce suonava di approvazione e le sue dita erano gentili, non era del tutto sgradevole ma comunque strano oltre ogni immaginazione. Rimasi congelata per lo shock finché non fece scorrere le mani tra le mie gambe. Tornando indietro con un guaito, arrossii
"Cosa stai facendo!?" Ho quasi urlato. L'espressione del suo viso era metà esasperata metà divertita
"Beh, dobbiamo darti un'occhiata per sapere per chi sei appropriato",
“Non puoi, no! Non sono una puttana! ho urlato

Il divertimento era scomparso dal suo viso, disse in tono severo
“Sei un servitore dell'orda; sei quello che diciamo che sei. Se non sei una puttana, allora perché hai quel collare intorno al collo? A questo la mia mano volò alla gola, certo che c'era una fascia intorno ad essa, leggera e liscia al tatto. Non sembrava metallo, ma non sembrava nemmeno probabile che si staccasse da un semplice tiro. Alzando gli occhi al cielo, la donna mi lanciò uno specchio da uno dei tanti tavolini per cosmetici sparsi in giro.
"Il tuo colletto è bianco", ha detto, uno sguardo allo specchio ha mostrato che era vero
"Il mio è rosso", ho guardato e lei aveva davvero un colletto molto simile a quello che indossavo in un profondo cremisi
“i colori indicano il rango, il bianco è il più basso, il viola il più alto tranne che per la stessa padrona Lilith, principessa del piacere, che indossa l'oro. Attualmente sei subordinato a coloro che indossano il giallo, il blu, il rosso, il viola e l'oro. Se sei obbediente e dimostri attitudine al tuo lavoro avanzerai, ti verranno dati migliori clienti, più rispetto, migliori razioni; non farlo e sarai punito. Fai parte della ragazza dell'orda, la disciplina militare vale per tutti.

"Non ho chiesto questo, non voglio questo", gemetti
"L'incantesimo sceglie solo quelli adatti al lavoro, sei vergine?"
“Beh, no,” ammisi
"In effetti sei piuttosto una puttana?"
"No! Beh... più o meno,” dissi con un timido mezzo sorriso. La donna annuì
“Pensavo di sì, lo siamo tutti. Mi chiamo Batha'niss, qual è il tuo?"
“Emma,” dissi
“Beh Emma ascolta bene. Sono la puttana più anziana in questo padiglione, ce ne sono molte molte di più perché l'orda è forte di molte migliaia. Obbedirai a me e per il momento a tutti gli altri. Ogni giorno avrai alcuni clienti prenotati adatti alla tua bassa reputazione, potresti trovarli sgradevoli ma non importa affatto, devi comunque servirli. Mentre rimani nel padiglione solo i clienti possono entrare. Se te ne vai, tuttavia, stai attento, il tuo grado è inferiore al guerriero più cattivo e tutti possono fotterti a loro piacimento. Deve aver visto la preoccupazione sul mio viso per quell'osservazione perché ha sorriso e ha detto
“Non preoccuparti, potresti scoprire che ti diverti perché altrimenti non saresti stato chiamato a servire. Se non lavori sodo e presto potresti guadagnare un grado tale che solo gli ufficiali possono fotterti senza il tuo permesso. Fino ad allora, però, attenzione, tutti sono tuoi superiori.

“Va bene, ok,” stavo iniziando ad accettare la situazione, sembrava che non ci fosse nient'altro da fare e non ero ancora sicuro che non fosse un sogno.
"Che ne dici di rimanere incinta o di malattie?" ho chiesto
"Non preoccuparti, molti dell'orda non sono umani e quindi non possono fecondarti, per il resto abbiamo un incantatore che fa pozioni per contrastare sia la gravidanza che tutte le malattie conosciute del tipo. Altre domande?
“Sì, che tipo di sesso devo fare? Cosa devo fare?" questa domanda sembrava quasi confondere Batha'niss
“Perché, tutto; verrai fottuto nella tua figa, nella tua bocca, nel tuo seno e nel tuo culo. Non c'è niente di fuori limite se non danneggiarti in modo permanente, che la principessa non permetterà. Non commettere errori sei un giocattolo del cazzo, una schiava del sesso e finché non avanzi di uno dei gradi più bassi. Anch'io sono un giocattolo del cazzo, ma sono al livello di capitano e quindi posso essere giocato solo da coloro che sono ancora più in alto a meno che non me ne congedo. Ora decorati, la parata mattutina per le compagnie di questo battaglione volge al termine, avrai clienti entro un'ora".

Senza una migliore opzione ovvia, ho iniziato a fare come diceva il colletto rosso, trovando un trucco adatto e poi dei vestiti. Non c'era nulla di non scarso nell'estremo; Sono finita con un perizoma di seta blu trasparente e un piccolo top dello stesso materiale che copriva a malapena le mie tette.

"Nuova troia!" chiamata una delle altre ragazze, ho guardato e ho visto una creatura alta con la forma e le proporzioni di una bella donna umana ma ricoperta di squame vermiglie e con una testa che univa i lineamenti di una donna e di un serpente, per non parlare di una coda. Anche se mostruosa era una creatura di bellezza e mi sono trovata eccitata mio malgrado, al collo indossava un colletto blu e sapevo che mi superava. Inoltre "troia" sembrava essere un modo normale di rivolgersi l'un l'altro nel padiglione, quindi ho semplicemente detto
"Che cosa?" se alla ragazza lucertola importava della mia brusca risposta non l'ha fatto vedere
"I tuoi primi stronzi sono qui", disse indicando una coppia di guerrieri che entravano nel padiglione. Altri gruppi simili erano già entrati in precedenza e già molte delle mie colleghe puttane giacevano sdraiate sul grande letto in ogni sorta di posizione compromettente. Con occhio diffidente guardavo quelli che mi avrebbero scomposto allo stesso modo.

Ero in uno shock. Uno di loro sembrava abbastanza normale, un omone a torso nudo e corporatura da atleta. Era nero con una grande ascia appesa alla spalla che potevo vederlo consegnare a una delle guardie del padiglione. Il suo compagno, invece, era tutta un'altra cosa. Il primo era umano, se con una natura barbara l'avevo visto solo prima nei film, il secondo no. Anche con le spalle curve era alto almeno quanto il barbaro. Quelle spalle erano enormi e molto muscolose proprio come le sue braccia che pendevano basse come quelle di una scimmia. La sua pelle era verde oliva scuro e la sua mascella inferiore sporgeva con lunghe zanne rivolte verso l'alto come zanne, ora sapevo cosa intendeva Batha'niss quando diceva che alcuni clienti potevano essere sgradevoli.

"È un... cos'è?" Ho chiesto a una ragazza accanto a me con un colletto giallo
"Un ork", disse dopo una rapida occhiata, "cazzi grossi, ma possono essere piuttosto brutali. Buona fortuna." Detto ciò, è tornata ad applicare l'eye liner. Sapendo che non avevo molta scelta in materia, ho fatto un po' di coraggio e mi sono fatto avvicinare a loro due. Da vicino erano ancora più grandi, l'uomo ha superato i miei 5'5 "di un piede libero e l'orco era ancora più grande.

"Uhm, ciao", ho detto, incerto su come iniziare. I maschi però sembravano sapere esattamente cosa stavano facendo. Incombente il barbaro guardava e me dall'alto e sorridevo
“Figa fresca, adorabile,” la sua voce rimbombò profondamente come mi aspettavo e mi fece venire i brividi lungo la schiena. Il loro odore era pungente, chiaramente il deodorante non era stato inventato qui, ma la sua pura mascolinità aveva un potere tutto suo. L'ork era diverso, non migliore di certo, mai quello, ma con una forza tutta sua. Forse erano feromoni o qualcosa che non so, non sono uno scienziato, quello che so è che l'idea di essere fottuti da questi due ha smesso di farmi indietreggiare e mi ha fatto eccitare anche. Quando le mie labbra inferiori iniziarono a inumidirsi, le grandi narici dell'orco si contrassero
"Lei è pronta, le piace", grugnì con un linguaggio umano mutilato ma intelligibile, che in un certo senso era confortante, almeno era intelligente, non un animale.

L'uomo non ha risposto verbalmente invece senza preavviso mi ha semplicemente preso in braccio e mi ha gettato su una spalla facendomi strillare di sorpresa. In parte ero un po' offeso dalla sua totale mancanza di rispetto per me, ma allo stesso tempo la sua virilità era eccitante a livello primordiale, i giocatori di rugby più burloni con cui ero uscito non erano niente per questo ragazzo. Improvvisamente sono stato gettato sul morbido letto di seta e mi sono seduto lì per un secondo sbalordito, e poi mi sono ricordato di cosa avrei dovuto fare. Con una risatina inconscia guardai il grande rigonfiamento del perizoma di pelle che era tutto ciò che l'uomo indossava. Allungando la mano l'ho spostato da parte per rivelare un cazzo lungo e grosso. Il cazzo del barbaro era già mezzo eretto; chiudendo una manina attorno ad essa avvicinai la bocca. Ero bravo a succhiare il cazzo; Anche a me è piaciuto farlo. Inoltre quando esci con ragazzi più grandi quando hai quattordici anni e vuoi mantenere la verginità ancora per un po', devi davvero esercitarti. La mia piccola lingua rosa balenò fuori leccando la testa prima di scendere lungo l'asta e infine scendere verso le palle. Ne presi uno in bocca, facendolo rotolare con la lingua, sopra di me la bestia di un uomo ringhiò contenta. Dopo un momento ho rilasciato la palla e sono tornato al cazzo, tracciando la mia lingua per tutta la sua lunghezza prima di inghiottire la testa con le mie labbra umide. Il cazzo ora si stava indurendo, crescendo nella mia bocca. Sopra di me il barbaro afferrò una manciata dei miei capelli e mi spinse in avanti, inghiottendo profondamente. Faceva male, ma dio era sexy.

Poi ho avuto una vera sorpresa. Senza preavviso una mano enorme mi ha afferrato il culo e mi ha tirato giù così che ho dovuto lasciare andare il cazzo dell'uomo per sostenermi sulle mani e sulle ginocchia.
"Puttana stai ferma!" si lamentò il suo rombo basso, distorcendomi la faccia in modo che la mia bocca potesse ancora una volta accettare la sua asta ora completamente eretta. La mano dietro non era finita però, con un rapido strattone ha strappato via il mio setoso perizoma lasciando tutti i miei buchi aperti al mondo, doveva essere l'orco che conoscevo. Pochi secondi dopo le mie gambe irresistibili sono state divaricate mostrando i miei buchi del cazzo ancora meglio.

"Figa brava", il rombo dell'orco risuonò dietro di me, a conferma di ciò che già sapevo. Mentre continuavo a succhiare felicemente sulla spessa bacchetta dell'umano, sentii una grande lingua bagnata sfiorare la mia fessura, bagnandola ancora di più. Tuttavia, ogni speranza che avevo di mangiare fuori è stata delusa quando pochi istanti dopo una testa grande e spessa ha iniziato a sondare l'ingresso del mio grembo. Non mi aspettavo che l'ork fosse delicato, non lo era. Con una sola spinta il cazzo più grande che avessi mai preso è stato infilato nella mia fica, umida o no ho gridato per il dolore. L'umano non avrebbe un camion con quello, tirandomi la testa in avanti mi ha speronato il suo cazzo in gola, scopandomi in faccia. Avevo sempre pensato che fosse solo un'altra parola per un pompino, mi sbagliavo. Almeno sette pollici furono spinti ripetutamente lungo il mio collo bianco come il giglio mentre il bruto boccheggiava e grugniva sopra di me. Non era niente però per il cazzo furioso che stavo per ottenere da dietro. Il cazzo dell'orco non poteva essere inferiore a nove pollici ed era largo con esso, avrei giurato alla cieca che non avrei potuto prendere un mostro del genere ma la mia fica golosa si è spalancata per accettarlo. Ogni spinta portava dolore ma con essa veniva piacere, l'enorme canna mi riempiva come nient'altro e potevo sentire un climax che si preparava.

Gemevo intorno al cazzo nella mia bocca mentre lo golavo a fondo, solo quando soffocavo mi lasciava emergere e poi non per molto. È stato doloroso e degradante, ma in qualche modo questo lo ha reso ancora più eccitante, forse Batha'niss aveva ragione, forse appartenevo a questo posto. I grugniti e i sospiri del barbaro sono diventati più forti e veloci finché senza una parola ha iniziato a vomitare sperma dritto in gola. Tirandolo leggermente fuori me lo ha spruzzato in bocca prima di uscire tutti insieme e rilasciare un filo sul mio viso. Ho ingoiato quello che avevo in bocca, a tutti i miei ragazzi era piaciuto e un uomo era un uomo. Adesso, in grado di respirare, potevo anche gemere mentre l'orco continuava a fottermi con sorprendente resistenza. Le sue mani vagavano per il mio corpo agile, stringendomi i fianchi, la pancia e il seno. Apparentemente stanca di avere qualcosa tra lui e il mio corpo, la bestia mi ha strappato via la parte superiore lasciandomi nuda tranne che per il colletto bianco intorno al collo. Avendo bisogno e tirando le mie tette nude, l'ork ha mostrato poca abilità e meno preoccupazione per me, ma le sue dimensioni e la rapidità di costruzione delle sue spinte erano vicine a mandarmi oltre il limite. Con un improvviso ruggito di trionfo o di soddisfazione, l'orco ha scatenato una vera marea di sperma denso nella mia figa. Molto più sperma di quello che qualsiasi essere umano potrebbe produrre mi ha incollato le interiora fino a quando non ha iniziato a fuoriuscire. Questo alla fine mi ha mandato su e come caldo, come sperma appiccicoso spruzzato prima dentro di me e poi sul mio culo e sulla schiena sono venuto anch'io, gemendo come la puttana che ero ora.

Alla fine del mio enorme orgasmo le mie braccia cedettero e mi sdraiai sul letto, ricoperta dallo sperma di due specie. Apparentemente soddisfatti i due guerrieri lasciati senza una parola, avevano ottenuto ciò per cui erano venuti. Rimasi lì per diversi minuti prima che una figa di alabastro si presentasse alla mia faccia. Alzando lo sguardo ho visto che apparteneva a Batha'niss, stava sorridendo.
"Ti è piaciuto il tuo primo, poi vero?" Non dissi nulla, ma lei annuì "Bene, alcuni no, ma hai le caratteristiche di una puttana molto brava, forse anche una cortigiana un giorno. Non c'è tempo per sdraiarsi lì però siediti. A malincuore l'ho fatto. Batha'niss era quasi completamente nuda e aveva una goccia di sperma sulle sue sensuali labbra rosse; a quanto pareva anche lei aveva appena finito con un cliente che però faceva meno pasticci del mio. Per abitudine mi battevo il labbro dove c'era lo sperma sul suo. Con un dito sollevò delicatamente la goccia e me la porse
"Prova", la guardai confusa, così lei lo tenne più vicino e con voce più seria insistette "Prova". Avevo già un boccone di sperma e quindi non mi dispiaceva troppo, succhiando la punta del suo dito leccai la sostanza dal sapore migliore che avessi mai avuto in bocca. Dove lo sperma umano era salato, questo era dolce e delizioso
"Che cos'è?" ho chiesto
“Elf cum, un capitano dei ranger elfici ha onorato la mia bocca con il suo cazzo. Voglio solo mostrarti, salire di livello e ci sono vantaggi. Ora, anche se sei ancora la puttana più bassa dell'orda, fatti pulire, presto avrai più clienti.

Storie simili

Le coppie si ritirano

Jon era il ragazzo di tutti i giorni, sposato con sua moglie Grace da sei anni, due figli, ha vissuto nella stessa città per tutta la vita. Amava sua moglie e avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei; e anche lui ha avuto un'ottima vita sessuale. Stavano insieme dal liceo e la scintilla era ancora lì. Hanno fatto alcune cose pazze insieme e lui era aperto a qualsiasi cosa Grace avesse tentato di provare. Così quando è venuta da lui una settimana prima del loro settimo anniversario e gli ha detto che aveva prenotato un viaggio per loro su un'isola tropicale per...

3.3K I più visti

Likes 0

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

911 I più visti

Likes 0

La rosa spinosa Ch.04

Scarlett strinse le labbra carnose mentre si chinava verso la bassa scrivania accanto al suo letto, prendendo la piuma che aspettava lì, immergendola nell'inchiostro nero e picchiettando via l'eccesso prima di prendere nota sulla carta che aspettava accanto a lui, pronunciando le parole ad alta voce con voce sommessa come lui. “Ho scoperto che l'Orcesso, sebbene dominante nella sua natura, può essere sottomesso con la giusta leva. Mentre si sforzano di sembrare responsabili e potenti, un'affermazione certamente accresciuta dalla loro evidente forza e abilità fisica, loro, come la maggior parte che ho trovato, possono essere facilmente manipolati con la promessa del...

926 I più visti

Likes 0

Allenatore Kristen

Mia nipote gioca a softball in una piccola lega sponsorizzata dalla città in cui viviamo. Il suo allenatore, Kristen (non è il suo vero nome), è davvero l'unica cosa divertente delle partite. Kristen è sul lato grosso. Ha una specie di viso grosso su cui si trucca e labbra imbronciate dello stesso colore rosso scuro dei suoi lunghi capelli ricci. Non è quella che definirei una bellezza classica, ma è decisamente fattibile. E se dovessi indovinare, direi che probabilmente aveva tra i primi e i 30 anni. Kristen emana anche l'atmosfera che quando è fuori dal campo, è selvaggia come un...

2.9K I più visti

Likes 0

Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Mia sorella ed io a Natale - parte 2 Il campanello suonò per tutta la casa, strofinando il sonno irrefrenabile dai miei occhi stanchi, sollevai la testa di Charlotte dal mio petto e la posai su un cuscino. Girai la chiave e aprii la porta. Mi porto il dito alle labbra, Charlotte sta dormendo, quanto pensi che sia presto? Ho detto. Uhhh, non così presto disse Leo, avvicinandomi alla faccia il suo hublot. Vieni di sopra dissi. Siamo andati in camera mia e ho fatto la doccia. Cos'è successo alla festa? chiese Leone Un ragazzo l'ha provato con mia sorella dissi...

2.9K I più visti

Likes 0

Mio cugino_(1)

Era un po' che non vedevo mio zio e la sua famiglia. L'ultima volta che ricordo che avevano 5 figli. 3 ragazzi 2 ragazze. Due dei ragazzi erano più grandi di me e gli altri erano più giovani di qualche anno. Ero noto per essere il cattivo di tutta la famiglia. Mia madre aveva detto che dovevo stare a casa dei suoi fratelli per l'estate. Sperando di stare lontano dalla vita di città. Mi andava bene che ho bisogno di una pausa dalla festa visto. Mia madre mi ha lasciato. Ecco qui. Spero davvero che tu ne tragga qualcosa, non so...

3.9K I più visti

Likes 3

La mia dolce causa dell'82

Titolo: “La mia dolce Sue nell'82” Nel 1982 ho vissuto con una donna più giovane di nome Karen e la stavo scopando oltre a incontri occasionali con la sua migliore amica Carla. Aveva diversi anni più di Karen ed entrambe le donne sapevano cosa stava succedendo ma non vedevano alcun problema. Sapevo anche che Karen di tanto in tanto scompariva per un giorno o due con la scusa di andare a sciare a Lake Tahoe quando in realtà era da qualche altra parte. Sapevo quando c'era la neve lassù e quando non c'era. Si stava ancora scopando un suo ex fidanzato...

2.4K I più visti

Likes 0

Tre volte parte 2 (Anche da Julius ovviamente & Copyright anche aprile 2008) Si sedettero e mangiarono il loro pranzo. Gli occhi di Paul si staccavano raramente i suoi seni e Marsha li mostravano deliberatamente lui. Si sedette con loro appoggiandosi sul tavolo con loro capezzoli molto in vista. Quando è andata a prenderli altro caffè, è stata premiata con una vista del suo cazzo, completamente eretto e sporgente dall'inguine. È stato pronto di nuovo e Marsha si meravigliò della resilienza di gioventù. Mentre gli versava il caffè, disse: “Penso che sia mio girati per essere soddisfatto; stai rimanendo indietro con...

963 I più visti

Likes 0

Il mio capo donna

Ciao, mi chiamo Gina, ho 26 anni, capelli neri, ho tette coppa B e sono alta 1,70. A volte ti senti in un certo modo nei confronti dei tuoi superiori. Di solito le ami o le odi, ma credo che il mio capo donna fosse qualcosa di speciale. Era gentile, ma non troppo carina. Lei è 5'9 con capelli e occhi castani. Anche lei aveva un corpo molto carino, con delle belle tette a coppa C, quindi è molto sexy per avere 37 anni. L'ho avuta come capo per circa 3 anni e mi sono masturbato pensando a noi che facevamo...

582 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

546 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.