Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

420Report
Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. "Strano." Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè.
"Buongiorno testa assonnata." disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. "Mi dispiace per ieri sera piccola." Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se fosse il vino, o il sole, o entrambi. Non riuscivo proprio a tenere gli occhi aperti".
“Va bene piccola. Ho appena guardato un po' di TV e sono andato a letto". Ho evitato il problema "Le ragazze dormono ancora?" Stavo guardando fuori dalla finestra sul retro
Si è avvicinata a me con la caffettiera per riempire la mia tazza. “Non lo so. Andrò a scoprirlo". Posò la caffettiera su un tavolino vicino alla porta sul retro e si diresse verso il cottage degli ospiti.
L'ho vista aprire la porta e sparire dentro proprio mentre squillava il telefono. "Ciao" ho detto nel ricevitore.
"Ciao capo, mi dispiace chiamare così presto." Era Don.
"Oh nessun problema. Ero già sveglio. Allora, come va?" dissi, sperando che lo rendesse breve e dolce.
«Be', stiamo venendo a prendere Alex. È sveglia?" Sembrava quasi frettoloso, o come se ci fosse qualcosa che non andava.
"Non lo so, Leesha è scesa per vedere se c'era qualche movimento." Guardai in direzione del cottage e tutte e quattro le donne si stavano dirigendo verso la casa. “Aspetta un attimo Don, si sono alzati e si sono diretti a casa. Puoi aspettare un secondo, darò il telefono ad Alex.
"Ok amico." Lui ha risposto.
"Alex, tuo padre è al telefono." Ho chiamato quando la porta sul retro si è aperta.
"Va bene zio Mark." Saltellava con la maglietta e potevo dire che non aveva niente sotto, a parte gli slip del bikini. Mi sorrise mentre prendeva il telefono.
"Ciao papà... Ok... Ma... non posso restare qui, voi ragazzi resterete via tutto il giorno, e io dovrò cambiarmi e... zio Mark?" ha detto in quella scolaretta sexy in difficoltà.
"Sì." Ho risposto sul mio giornale.
“I miei genitori oggi devono andare in città per incontrare degli amici. Andrebbe bene se restassi qui con Sally mentre loro sono via?" Aveva quello sguardo implorante, imbronciato, da cagnolino sulla faccia. Mi chiedevo segretamente se queste ragazze sapessero cosa mi ha fatto.
Ho guardato nella direzione di Misha per l'approvazione, e lei ha annuito. “Certo tesoro. Non penso che stiamo facendo nulla però. Potresti annoiarti".
"Penso che starò bene." Ridacchiò leggermente mentre si rimetteva il telefono all'orecchio. “Ha detto che andava bene papà... ok... certo che è proprio qui. Vuole parlare con te". Disse mentre mi porgeva il telefono.
"Sì Don."
"Sei sicuro che non sia un partner problematico?" Lui mi ha chiesto.
“Sì, ne sono sicuro, nessun problema. Chiamaci quando ti avvicini al ritorno e possiamo avere le sue cose pronte.
“Ok amico, lo faremo. Ci vediamo dopo." Sembrava sollevato come se non la volesse davvero con loro comunque.
Ho premuto il pulsante di fine chiamata sul telefono e l'ho appoggiato sul tavolo. "Ok tesoro, sei nostro per la giornata." ho annunciato. Sia lei che Sally iniziarono a saltare su e giù per la gioia.
"Beh, dobbiamo tornare a casa." disse Patty. Era in piedi accanto a Mandy, entrambi già vestiti.
"Grazie per averci permesso di rimanere da voi ragazzi." disse Mandy raccogliendo il suo fagotto di costume da bagno e asciugamano. Hanno fatto il giro salutando le altre due ragazze, poi io e mia moglie.
"Sì", ha detto Patty, mentre mi passava accanto, "mi sono divertito moltissimo". Mi fece l'occhiolino mentre usciva dalla porta.
Ho appena sorriso e mi sono aggiustato la vestaglia, sperando che il mio cazzo non fosse diventato notevolmente eretto mentre mi ricordavo degli eventi delle notti precedenti.
La colazione è stata servita, le docce sono state fatte e le ragazze sono tornate in piscina a prendere il sole.
Dopo poco tempo, Leesha scese le scale per annunciare che stava andando a casa della nonna. “Questo è il mio fine settimana per sedermi con lei. Non dovrei stare via troppo a lungo. Mi baciò mentre passava. "C'è del peperoncino nel congelatore, o voi ragazzi potete uscire o qualcosa del genere."
"Andrà tutto bene." Ho detto: "Penso di poter gestire due ragazze adolescenti".
Leesha uscì dalla porta d'ingresso della casa, e poco dopo sentii la porta del garage aprirsi, la Cadillac ruggire in vita, e poi tornò il silenzio. "Penso che andrò a fare una nuotata io stesso." dissi tra me e me guardando fuori dalla porta scorrevole a vetri sul retro le due adorabili oziare vicino alla mia piscina.


Leesha aveva appena lasciato il vialetto. Si guardò nello specchietto retrovisore, come per assicurarsi di non essere seguita. Prese il cellulare dalla borsa e lo mise nel vano portaoggetti. Raggiunse la consolle centrale e prese un altro telefono. Premette il numero uno per la chiamata rapida e premette "PARLA". Ascoltò nervosamente prima uno squillo, poi due. Alla fine, al terzo squillo, un uomo rispose.
"Ciao?" Disse la voce.
"Ciao bello." disse Leesha seducente. "Sto arrivando. Sei pronto per me?"
“Baby, sono sempre pronto per te. Qual è il tuo piacere oggi? Un po' di romanticismo, o forse un po' di erotismo, forse un po' di bondage?"
"Oh Franco, sai che adoro il tuo accento." Leesha si stava già strofinando l'interno delle cosce in attesa. "Mi fa impazzire."
“Oui, mia cara, guidi e stai al sicuro. Sarò qui quando arriverai e ho qualcosa di speciale da dirti". disse Franco.
"Ok, arrivo tra pochi minuti." Premette il pulsante di fine corsa e cercò di concentrarsi sulla guida.
Leesha ha incontrato Franco circa due anni fa mentre lavorava in una libreria che vendeva edizioni rare e da collezione. Franco era entrato cercando di trovare un certo volume, ed è successo. L'ha sedotta proprio lì nel suo ufficio solo con i suoi occhi. Poco tempo dopo, un appuntamento, poi due, e poi è diventato ogni altra domenica negli ultimi diciotto mesi. Amava ancora suo marito, ma la scintilla si era spenta nelle loro vite. Sentiva che non aveva la passione o la spinta per starle dietro, e devo ammettere che, dopo i suoi fine settimana con Franco, non era dell'umore giusto per nient'altro che una sveltina per impedire a suo marito di insospettirsi .
Ha negoziato le ultime curve su per la collina su cui viveva Franco, e poi ha accelerato il Caddy nel suo vialetto. La stava aspettando sulla soglia del suo costoso appartamento.
Scese dalla macchina e si diresse verso il punto in cui Franco era in piedi solo in accappatoio. Lo baciò appassionatamente mentre le sue mani si infilavano nella sua veste. Ha raggiunto e ha trovato quello che stava cercando. Il suo membro era già semieretto e lei gli diede una leggera stretta. "Sembra che io sia troppo vestito." Commentò spezzare il bacio e scivolare oltre di lui attraverso la porta.
Una volta dentro, l'afferrò da dietro prendendola tra le braccia e si diresse al piano di sopra. Era come una piuma tra le sue braccia, si sentiva al sicuro, sexy e lussuriosa. Una volta entrati nel soppalco al piano di sopra, la adagiò delicatamente sul letto, si alzò e si tolse la vestaglia.
Il suo cazzo ora eretto si stagliava dritto per quasi dieci pollici interi. Si inginocchiò davanti a lei sul letto e le tolse le scarpe una ad una, baciandole e accarezzandole ogni piede mentre lo rimetteva a terra. Le baciò dolcemente i polpacci, strofinando delicatamente i muscoli mentre andava. Posò la testa sul cuscino e rabbrividì per l'attenzione che il suo amante francese le stava prestando. Sollevò delicatamente la gonna corta verso l'alto e scoprì che non aveva le mutandine. La sua figa glabra e gocciolante che gli aveva già dato così tanto piacere in passato, lo fissava, aprendosi leggermente, aspettando con ansia il tocco dell'amante. Agganciò le dita alla cintura della sua gonna e lentamente la tirò via dal suo corpo in attesa. Sollevò la parte superiore del corpo e si tolse la maglietta, quindi si sdraiò di nuovo, completamente esposta. I suoi capezzoli erano duri e formicolanti e la sua figa era in fiamme. Ha continuato il suo assalto alla parte superiore delle cosce, allargando leggermente le gambe. Le sue mani superarono l'osso pubico e si posarono sul suo addome. Lei allargò le gambe per lasciarlo fare a modo suo. La sua bocca raggiunse il suo buco fumante. Lasciò che la sua lingua danzasse attorno alle sue labbra sensibili, le sue mani protese verso l'alto per toccarle i seni ansanti.
Leesha ora respirava pesantemente in attesa della sua prossima mossa. Sentì la sua lingua tuffarsi nelle parti più interne della sua figa bagnata fradicia. Fu tutto ciò che serviva, e sentì i primi brividi di orgasmo iniziare a contorcersi nel suo corpo. I suoi lombi erano in fiamme e la sua mente vacillava, mentre un'ondata dopo l'altra di intenso piacere la investiva. La sua fica fumante esplose in un orgasmo e un fluido dolce e bollente si precipitò fuori. Franco leccò e bevve il suo clitoride, e fece del suo meglio per catturare l'intero eiaculato femminile che gli esplose sul viso e sul mento. Il suo corpo iniziò a rilassarsi, mentre l'orgasmo si placò.
Franco ha spostato i suoi baci sul suo stomaco, poi su ogni seno succulento, prestando particolare attenzione a ogni capezzolo pronunciato, inviando onde d'urto attraverso il corpo di Leesha. La punta del suo massiccio membro sfiorò il suo clitoride gonfio, portandola quasi di nuovo sull'orlo dell'eruzione. Franco fissò negli occhi il suo amante e sbatté il suo cazzo palpitante nella sua figa gocciolante fino all'elsa. Leesha strillò per l'invasione, ma premette i fianchi sui suoi per la massima penetrazione.
"Fottimi piccola, fottimi forte." implorò Leesha. "Voglio il tuo cazzo, tutto."
Franco iniziò un ritmo di colpi lunghi. Iniziò con una lenta ritirata, e poi un potente tuffo. Leesha ha affrontato le sue spinte con le sue, rastrellandogli le unghie sulla schiena e le natiche potenti.
Franco si sentì stringere le palle e sapeva che non sarebbe passato molto tempo prima che arrivasse. Lui accelerò il passo e le stava sbattendo la carne contro abbastanza forte da spingerla attraverso il letto.
"Sì piccola, sborra per me." cantò Leesha sentendo crescere il proprio orgasmo. “Sborra per me piccola. Voglio tutto, riempimi”. Leesha sentì la prima ondata di piacere nel profondo dell'addome. Franco spinse un'ultima volta e gemette sonoramente quando il suo seme eruttò in profondità nella sua cavità. Leesha non si trattenne più ed esplose in orgasmo allo stesso tempo tenendo Franco stretto a lei.
Rimasero immobili per un po', non volendo muoversi e interrompere l'estasi che li avvolgeva. Alla fine Franco respirò, gli spinse ulteriormente il cazzo, se possibile. Leesha sobbalzò al rinnovato piacere. Alla fine crollò su di lei, ei loro corpi sudati si modellarono insieme come uno.
Poco tempo dopo, Franco si staccò da Leesha e si sdraiarono fianco a fianco nell'ultimo bagliore. "Leesha, mia dolcezza, te l'avevo detto che avevo delle novità per te." ha cominciato Franco.
“Mmm, qualsiasi cosa amore mio. Dimmi tutto." tubò Leesha.
"Il mio lavoro qui in America è quasi finito e tornerò in Francia".
"Quando devi andare?" chiese Leesha, con una certa preoccupazione nella voce.
"Il prossimo mese. Inizierò il processo di trasloco. Il mio sostituto arriverà tra due settimane per iniziare la sua formazione. L'ho scoperto solo la scorsa settimana". Si voltò verso di lei e le sfiorò con la mano il viso ora rattristato.
Leesha veniva fatto a pezzi all'interno. Si era innamorata di Franco. Era diventato la sua unica ragione di vita nelle ultime settimane dopo la morte di sua sorella. Era diventato il suo confidente, la sua roccia. Leesha iniziò a piangere. "Oh piccola, non posso credere che stia succedendo."
Franco si asciugò le lacrime. "Voglio che tu venga con me." Sbottò. “Voglio riportarti nella mia casa sulle Alpi. Mi prenderò cura di te mio amore”.
Leesha guardò in profondità negli occhi di Franco. "E mio marito?" Lei rispose. “Non potevo semplicemente alzarmi e andarmene così velocemente. Non capirebbe. Mi odierebbe. Mi odierei". Stava parlando più a se stessa che a Franco a questo punto. "Non potrei, vero?" Andò avanti e indietro con se stessa per quella che sembrò un'eternità. "Come glielo direi?" Ora stava progettando una risposta. Aveva deciso.
Leesha e Franco hanno fatto di nuovo l'amore, e poi si è fatta la doccia. Cercò di lasciare che la paura e l'agonia che provava lavi via. Non sapeva come, ma voleva, no, doveva andare in Francia con Franco. Lei lo amava. Quando ha lasciato l'appartamento di Franco, ha raggiunto il vano portaoggetti per prendere il cellulare. La luce lampeggiava e sullo schermo vide "una chiamata persa".


Dopo che Leesha se ne fu andata, andai di sopra e mi misi il costume da bagno. Ho afferrato il cordless mentre uscivo dalla porta e mi sono diretto verso la piscina. Alex e Sally erano sdraiati su un paio delle tante sedie a sdraio intorno alla piscina, prendendo il sole. Scelsi una sedia dall'altra parte della piscina e mi misi gli occhiali scuri per proteggermi gli occhi dal sole e per assicurarmi che non potessero vedere quello che stavo guardando. Guardavo le ragazze sdraiate al sole, ricordando gli eventi della notte prima. Erano così giovani, così vivaci, così vivi. La parola giovane era ciò che mi è rimasto impresso nella mente. Erano solo bambini e, visti gli eventi con Sally qualche settimana fa, e con Alex la sera prima, questo mi ha reso un molestatore. Ho iniziato ad avere visioni di manette, polizia e prigione. Cosa avevo fatto?
Il suono dello squillo del telefono mi ha strappato al disprezzo di me stesso. "Ciao." Ho risposto.
"Marchio?" Era la nonna di Leesha.
"Ehi nonna, come stanno andando le cose?" ho gridato al telefono. La nonna ha ottantaquattro anni e inizia a perdere le facoltà, ma la sua mente è ancora acuta come una virata.
“Non molto bene qui. C'è Leesha?" Sembrava un po' sconvolta.
"Uh, no nonna, dovrebbe essere laggiù."
“Oh aspetta un minuto, ho un'altra chiamata. Ciao." E la nonna ha riattaccato.
"È strano." mi dicevo ad alta voce. Ho composto il numero di cellulare di Leesha. Squillò quattro volte e andò alla segreteria telefonica. Non ho lasciato un messaggio. Il suo telefono alla segreteria telefonica mi ha detto che non era dove aveva detto che sarebbe andata. Speravo solo che stesse bene.
Mi sono alzato dalla sedia e sono tornato in casa. Mi sono cambiata dal mio costume da bagno con dei jeans e una maglietta. Sono tornato in piscina e ho detto a Sally che sarei tornato subito.
"È tutto ok?" Lei mi ha chiesto.
“Sì tesoro, va bene, ho solo qualcosa che devo fare. Tornerò a breve".
"Ok, ci vediamo quando torni." Lei rispose.
"Ragazzi, non restate qui fuori troppo a lungo, il sole è caldo oggi." dissi mentre tornavo in casa.
Presi le chiavi dalla scrivania e mi diressi verso il garage. Ho fatto marcia indietro con il mio vecchio pickup e mi sono diretto lungo il vialetto di ciottoli. Una volta diretto a casa della nonna, ho tenuto gli occhi aperti per eventuali segni di disturbo lungo i lati della strada. Tirai fuori il cellulare, chiamai la linea non di emergenza dello sceriffo e gli chiesi se ci fossero stati incidenti segnalati lungo la statale novantasette. Lo spedizioniere mi ha assicurato che non ce n'è stato.
"Dove potrebbe essere?" mi chiedevo tra me e me, pensando al peggio.
Sono arrivato fino alla casa della nonna e, con mia grande sorpresa, l'auto di Carla era nel vialetto. Scesi dal camion e salii balzando le scale della veranda. Senza fiato, bussai alla porta d'ingresso.
"Leesha è qui?" Ho chiesto a Carla quando la porta si è aperta.
“No Mark, questo non è il suo weekend. Non l'ho vista".
"Questo non è il suo fine settimana?" Sembravo perplesso.
“No, il suo fine settimana è stato lo scorso fine settimana. Charles ne tira uno, io ne tiro due e Leesha l'altro. Carla iniziò a sembrare preoccupata. "Marco, cosa c'è che non va?"
"Pensavo che Leesha avesse due fine settimana al mese?" Ora mi chiedevo perché Leesha avrebbe mentito su questo.
"No. Dov'è lei Mark?" Carla adesso si stava preoccupando.
"Non lo so." Ho detto. “Ma lo scoprirò. Scusate se vi ho disturbato ragazzi. Saluta la nonna da parte mia, vero?" Scesi i gradini e tornai sul camion.
Non sapevo dove altro guardare, o cosa potesse fare. Da quanto tempo aveva solo un fine settimana? Perché mi stava mentendo?
Sono tornato a casa, ho rimesso le chiavi sulla scrivania e ho visto le ragazze ammucchiate sul divano a guardare la TV.
"Qualcuno chiama?" Ho chiesto. Ero abbastanza sicuro di quale fosse la risposta.
“No nessuno. Hai fatto tutto?"
Rimasi lì a guardare nella direzione della TV, ma senza vederla davvero. Ero perso nei miei pensieri su dove fosse mia moglie, cosa stesse facendo e persino con chi.
"Zio Marco?" Sally fischiò per attirare la mia attenzione.
"Uh... sì... cosa?" balbettai.
"Hai fatto tutto?" Me lo ha chiesto di nuovo.
"Uh, sì tesoro, ho fatto tutto." dissi mentre mi voltavo verso la mia scrivania.
Mi sono seduto sulla sedia della scrivania e ho acceso il mio computer portatile. Sono andato online e ho controllato il conto in banca. Era tutto ancora lì, come doveva essere. Ho controllato la mia e-mail di lavoro, la mia e-mail personale. Non c'era niente da lei di recente. Ho guardato l'orologio e lei era via da poco più di tre ore. Ero perplesso. Non sapevo cosa le fosse successo, o dove fosse. La conoscenza di quale fosse il programma con sua nonna era inquietante.
«Lo scoprirò abbastanza presto quando tornerà a casa. Se torna a casa". Ho pensato.
Il resto del pomeriggio trascorse senza incidenti. Don e Brenda vennero a prendere Alex verso le cinque e mezza. Ho preparato del pollo per cena, e io e Sally abbiamo mangiato. Verso le sette e mezza, Sally mi annunciò che era stanca, che stava andando in camera sua a leggere, e probabilmente si sarebbe addormentata. Leesha dovrebbe essere a casa per le otto e un quarto circa.
Puntualmente alle otto e un quarto, proprio come aveva fatto ogni volta che doveva sedersi con sua nonna, ho sentito il Caddy salire dal vialetto. Mi sono alzato dalla scrivania e sono andato alla porta del garage attraverso la cucina per incontrarla. Ho aperto la porta e l'ho vista guardarsi allo specchio. Ha girato la testa e il suo viso è diventato bianco quando mi ha visto.
Sono uscito dalla porta e l'ho lasciata chiudere dietro di me. Leesha spense il motore della Cadillac e scese.
"Come sta la nonna?" Le ho chiesto.
“Sta bene. Afferrando una cosa o l'altra come al solito. Come state ragazzi?" Mi chiese, inclinando la testa verso l'alto per un bacio.
Rimasi solo fermo e la guardai. "So che oggi non eri dalla nonna Leesha." Le ho quasi urlato contro. "Dove cazzo eri?" Abbassò la testa e fece un passo indietro da me.
"Dobbiamo parlare." Disse, spingendomi oltre, mentre entrava in casa.
Posò la borsa sul bancone della cucina e si voltò. "Mi sono innamorato di qualcuno Mark." La notizia mi ha colpito come un mattone.
Mi sono seduto al tavolo della cucina con un tonfo. Appoggio i gomiti sul tavolo e la faccia tra le mani. "Il ragazzo francese della libreria?" Ho chiesto.
"Lo sapevi?" Sembrava scioccata.
Non sapevo davvero che lo avesse scopato, ma sapevo che c'era un'attrazione lì. "Lo so." Ho detto. "Da quanto tempo va avanti?" Ho chiesto, non sono sicuro di voler sapere la risposta.
"Da circa due mesi prima di lasciare la libreria." Aveva la testa bassa per la vergogna. “Mi rende felice Marco. Non che tu non lo faccia, ma solo in modi diversi. Alzò lo sguardo verso di me, una lacrima che le rigava il viso. "Ora mi odi, vero?"
“Mi sono alzato dal tavolo e sono andato nella sua direzione. "Non ti odio piccola." Riuscii a dire senza urlarle contro. L'ho abbracciata e l'ho abbracciata. Mi abbracciò forte e fece un grande sospiro. Ho abbassato la testa e le ho sussurrato all'orecchio. "Puoi avere la macchina, vattene da casa mia, stanotte." L'ho detto con molta calma. Non ho gridato, né urlato. L'ho abbracciata forte, poi l'ho rilasciata e me ne sono andato dirigendomi fuori dalla cucina. Mi sono fermato poco prima di entrare nel mio studio della tana. “Prendi dei vestiti per ora, gli avvocati scopriranno il resto più tardi. Addio Leesha. Entrai nel mio ufficio di casa e chiusi la porta.
Pochi minuti dopo, ha aperto la porta del mio ufficio. Ero seduto alla mia scrivania, fissando il mio laptop, senza fare nulla. “Ho detto addio a Sally. Non sono andato nei dettagli. Ma le ho detto che ne avremmo parlato più tardi. La manderò a chiamare quando arrivo dove sto andando, se vuoi.»
"Andrà tutto bene." Le ho detto. “Risolveremo tutto con il resto delle cose. Puoi chiudere la porta mentre esci? dissi piuttosto freddamente.
Non ha risposto, si è semplicemente allontanata con la sua valigia che rotolava dietro di lei.

Mi sono seduto alla mia scrivania, pensando a quello che era appena successo. Mia moglie mi aveva appena lasciato per un altro uomo. Una sfilza di emozioni mi ha attraversato. Ero arrabbiato, ero molto arrabbiato. Mi sono fatto male anche io. Sapevo che le cose tra noi non erano perfette, ma pensavo che fosse molto più felice con me di così. Ero confuso, per quello che avevo fatto di sbagliato. Ho avuto successo, mi sono tenuta in forma, mi sono affezionata e mi sono presa cura di lei. O almeno pensavo di averlo fatto. Ho iniziato a piangere. Le lacrime mi rigavano il viso. Ero così sicuro di noi. Saremmo stati insieme per sempre. Non so per quanto tempo ero stato seduto lì a pensare. "Cosa ho fatto di sbagliato?" Alzai lo sguardo verso il soffitto, come per chiedere a Dio.
"Non hai fatto niente di male." Era la voce di Sally.
Ho cercato di ricompormi. "Quanto tempo sei stato lì?" chiesi, tirando su col naso e allungando la mano per prendere un fazzoletto.
"Non molto". Si avvicinò alla mia scrivania. "Non voglio andare in Francia, zio Mark." Disse girando intorno allo schienale della mia sedia.
"Francia?" Mi guardai alle spalle proprio mentre lei mi abbracciava da dietro. "Chi ha parlato della Francia?"
"Zia Leesha ha detto che mi avrebbe mandato a chiamare quando si fosse stabilita in Francia." Posò la testa sulla mia spalla. “Ha cercato di dirmi che mi sarebbe piaciuto questo Franco. Già non mi piace, perché ti ha ferito. Non farmi andare zio Mark. Per favore?"
"Nessuno andrà in Francia tesoro, beh, accetta tua zia Leesha." Metto la mia mano sulla sua. "Staremo bene." dissi, cercando di convincere me stesso più di lei.
"So che lo faremo". Mi ha baciato sulla guancia. "Torno a letto, a meno che tu non voglia parlare?" Lei chiese.
“No, tesoro, starò bene. Ho alcune cose da fare per il lavoro domani e devo occuparmi di altre cose. "Notte tesoro." Ho cercato di raccogliere la mia determinazione per il mio prossimo compito. Sally è uscita dalla tana e io mi sono messa al lavoro.
Ho aperto il sito web della mia banca e ho notato che Leesha si era fermata a un bancomat quando era uscita di casa. Ha tirato fuori il limite, quattrocento dollari, e poi si è fermata a fare benzina per la sua macchina. Ho fatto clic sul pulsante "Effettua trasferimento" e trasferito tutti i soldi dal conto corrente, tranne mille dollari, in un conto che non era un conto cointestato che avevo aperto per i regali e qualsiasi altra cosa che avrei non voleva che nessun altro avesse accesso a. I mille dollari che ho lasciato lì erano in modo che non sospettasse che avessi svuotato il conto e anche per assicurarsi che non avesse ripulito il conto lei stessa. Sospettavo che avrebbe comunque ottenuto metà di tutto, ma non volevo che lo prendesse in questo momento. Avevo i miei dubbi sul fatto che avrebbe effettivamente cancellato il conto, ma non sapevo nulla di questo Franco. Una volta che fui ragionevolmente sicuro di aver messo al sicuro le mie finanze, mi diressi al piano di sopra per andare a letto.
Mi sono svegliato la mattina dopo con il ronzio della sveglia. Per abitudine, girai velocemente intorno al letto per premere il pulsante snooze, poi strisciai di nuovo nel letto e tornai indietro, cercando Leesha. Con mia sorpresa, c'era qualcuno lì. La forma scivolò dietro di me come un cucchiaio e mi mise un braccio intorno alla vita. Mi sono svegliato di soprassalto e mi sono girato per vedere Sally sdraiata accanto a me. Mi sono alzato in fretta e mi sono messo la vestaglia. Il movimento che ho fatto l'ha svegliata.
"Buon giorno." Disse assonnata.
Mi stropicciai gli occhi per assicurarmi di vedere quello che stavo vedendo. Indossava una camicia da notte con Topolino sul davanti. Si è tolta le coperte da sola. "Cosa stai facendo qui?" chiesi, cercando di contenere il mio imbarazzo.
"Ho fatto un brutto sogno, quindi sono venuto qui a dormire con te." Mi ha guardato con quegli occhi da cucciolo. "Non ti dispiace vero?"
"Svegliami solo e dimmelo la prossima volta così posso mettermi dei vestiti." ho diretto. “Non sei più un bambino. Non è giusto che tu vada a letto con un uomo di quarant'anni.
"Ok scusa." Ha supplicato. “Non lo farò più. Ero solo spaventato, tutto qui". Si alzò dal letto e uscì dalla camera da letto.
Poi il pensiero mi ha colpito. Mi metto la mano sulla fronte. "Cosa devo fare con Sally?" mi sono chiesto. Di solito Leesha era a casa, quindi non pensavo nemmeno a qualcuno che fosse qui per stare con lei. Aveva sedici anni, ma ancora. Non aveva davvero amici o niente da fare tutto il giorno, ma pensa a cose che probabilmente l'avrebbero messa nei guai. Dovrei stare a casa dal lavoro, credo.
Ho preso il telefono sul comodino e ho composto il numero di Alan. "Bocciolo mattutino". Ho detto.
“Che cazzo hai che non va? Sembri una merda". Potrei dire che era nella sua macchina, probabilmente andando al lavoro.
"La storia è lunga e dolorosa amico, e non voglio davvero entrarci ora." Ho emesso un sospiro. “Qualcuno verrà in città nei prossimi giorni? Chiunque importante intendo.
“Non che io sappia amico. È tutto ok?" Sembrava preoccupato.
“No, non proprio, avrò bisogno di assentarmi dall'ufficio per qualche giorno. Puoi rispondere alle mie chiamate e farmi sapere se sta succedendo qualcosa di importante? Ho risposto.
C'è stata una pausa. “Certo amico, mi occuperò io di tutto. Ti consideri solo in vacanza. Ti serve qualcosa?"
“Solo un po' di tempo, e un buon…” Interruppi la frase. Non volevo davvero entrare nel merito in quel momento, e sapevo che se il mio migliore amico avesse pensato che avessi bisogno di lui, sarebbe corso subito. Quindi, non sarebbe stato fatto nulla al lavoro. “Starò bene amico. Molte grazie. Te ne devo uno.
“Oh sciocchezze, a cosa servono gli amici? Ci penserò io, amico". Mi ha rassicurato.
Riattaccai il telefono e mi sedetti sul letto. Non sapevo se dovevo semplicemente arrampicarmi e far sparire il mondo, o se dovevo vestirmi e cercare un consulente legale per l'imminente divorzio. Ho deciso che probabilmente dovevo alzarmi e affrontare i fatti. Leesha stava per divorziare da me e non c'era niente che potessi fare per fermarlo. Quel che è fatto è fatto.
Mi sono vestito con dei pantaloncini e una maglietta da golf, e sono sceso al piano di sotto. Sally era seduta al tavolo della cucina e fissava un pompelmo.
“Ehi ragazzo, buone notizie. Oggi resto a casa". Le ho messo la mano sulla schiena e l'ho baciata in cima alla testa.
"Non volevo farti arrabbiare stamattina." Stava quasi piangendo.
“Oh tesoro, non mi hai fatto arrabbiare. Semplicemente non me lo aspettavo, tutto qui". Mi sono seduto sulla sedia di fronte a lei. "Senti ragazzo, tutta questa roba con Leesha mi sta facendo impazzire in questo momento." Le ho messo una mano sotto il mento e l'ho costretta a guardarmi. “Starò bene e tornerò alla normalità prima che tu te ne accorga. Non volevo saltarti addosso stamattina. Le ho asciugato una lacrima dall'occhio.
"Semplicemente non so cosa mi succederà". Ha iniziato a piangere. “Mia madre è morta, poi zia Leesha ti prende in giro. Si trasferisce in Francia e io non voglio andare in Francia". Lei riabbassò la testa.
Mi sono avvicinato alla sedia accanto a lei e le ho messo un braccio intorno alla spalla. “Penso che nessuno possa farti andare in Francia se non vuoi. Oggi chiamo il mio avvocato e cercherò di assicurarmi che non sia necessario.
“Voglio stare qui con te. Mi sento al sicuro qui”. Mi avvolse tra le braccia e si appoggiò alla mia spalla.
"Allora è quello che accadrà". Le sorrisi e le asciugai una lacrima dal viso. “Tu mangi, poi ti vesti e noi ce ne andiamo da qui per un po'. Ho delle commissioni da sbrigare e potremmo dover andare all'ufficio dell'avvocato, quindi non mettere niente di troppo corto, ok? Ridacchiai cercando di sembrare allegra, anche se volevo solo urlare.
"Ok." Si asciugò la faccia e iniziò a mangiare il pompelmo davanti a lei.
Sono andato nella mia tana e ho cercato il numero di telefono del mio avvocato nel Rolodex. Ho guardato l'orologio. "Le nove e dieci, dovrebbe essere lì ormai." Ho preso il telefono e ho composto il numero. "Chet?" Ho detto. "Mark Davis qui."
“Ehi Mark, è da tanto che non ci vediamo. Che cosa succede?" Chiese.
“Probabilmente avrò bisogno del tuo aiuto. Leesha sta divorziando da me.
"Oh no, odio sentirlo." Disse con tono premuroso.
"Beh, le cose accadono." Ho detto: "Ma ho una piccola complicazione. Abbiamo assunto la tutela di nostra nipote. È la figlia della defunta sorella di Leesha. Leesha vuole portarla in Francia con lei, ma non vuole andare". Ho cercato di mettere tutto in poche parole per lui sapendo quanto è impegnato.
"Quanti anni ha la nipote?" Non ha nemmeno sussultato. Forse non sarebbe stato così difficile.
“Ha sedici anni. Vuole davvero restare qui con me". Ho visto Sally scendere le scale e le ho fatto cenno di entrare nella tana.
“Hmm... Ok, ho alcune idee. Puoi venire in ufficio oggi?" Alla fine ha detto.
"Sicuro. Ci saremo entrambi. Grazie Chet. dissi, sentendomi un po' sollevato dal fatto che non sarebbe stato un grosso problema come pensavo.
“Non ringraziarmi ancora amico. Aspetta di ricevere il conto". Ha riso.
"Non vedo l'ora." Ho deriso.
"Sono qui tutto il giorno, quindi ogni momento va bene per me."
“Ok Chet, saremo lì tra poco. Ciao, per ora." Riattaccai e guardai Sally in piedi davanti a me.
"Buone notizie?" Lei chiese.
«Può darsi, Chet ci sta lavorando. Dice di avere alcune idee". Mi sono alzato e ho fatto il giro della scrivania. "È un vestito carino." Ho accennato, passandola. "Fammi mettere le scarpe e andiamo."
Lanciai un'occhiata a Sally che era ancora di fronte a me. Aveva davvero un culo perfetto in quei pantaloncini. Mi sono messo le scarpe e ho preso le chiavi.
Siamo saliti sul camioncino e ho acceso il motore mentre si apriva la porta del garage. Sono uscito dal garage e mi sono diretto verso la città.
Ci è voluta quasi un'ora per arrivare all'ufficio di Chet, ed eravamo entrambi silenziosi per quasi tutto il tragitto. Ho portato il camion in un parcheggio fuori dall'enorme edificio degli uffici e ho messo alcune monete nel parchimetro. Una volta al trentaquattresimo piano, trovammo l'ufficio di Chet senza problemi.
"Ciao Stacy." esclamai.
"Mark, non ti vedo da sempre." Si alzò e fece il giro della scrivania per abbracciarmi.
“Non dal momento del grande affare con G.E. eh? È da un po." Ho rotto l'abbraccio e ho messo la mano sulla schiena di Sally. «Stacy, questa è Sally, mia nipote. Sally, questa è Stacy.
Una volta completate le presentazioni. Stacy ci ha fatto cenno di andare nell'ufficio di Chet "Arriverà subito. Sta parlando con uno dei partner". Si sedette di nuovo alla sua scrivania. "È stato un piacere conoscerti Sally." Disse mentre rispondeva al telefono che squillava.
Chet entrò pochi minuti dopo. «Marco, vecchio amico. Come va?" ha allungato la mano e abbiamo tremato. "Questa dev'essere tua nipote?" disse già allungando la mano.
"Sì, questa è Sally." Ho presentato.
"Fantastico, siediti ragazzi." He went back around his desk, and sat in his chair. “I got a few questions. When you guys took over guardianship, did you sign or did Leesha sign, or both?”
My face lit up because I knew where he was going with it. “I signed it. Leesha wasn’t even there.”
Chet looked directly at Sally. “There ya go pretty lady.” He pointed in my direction. “You’re all his, legally.” He clasped his hands in triumph. “Next problem?”
Sally smiled wide, and moved to the edge of her seat. “Just like that? I don’t have to go with Leesha to France?” It was the first time I’d ever heard her use Leesha’s name without putting “Aunt” in front of it.
“Not if you don’t want to. Now if this thing goes to court, the judge will ask you where you want to go. You’re sixteen, and that makes you old enough to make the decision.” He put his feet on his desk. “Now if Leesha pushes the issue, I’ll argue that your Uncle Mark here, has sole guardianship, and in this state, that is indisputable if only one party signs the guardianship document.” Chet looked rather proud of his self, and put his hands behind his head. “There’s also emancipation, if that falls through.”
“What’s that?” Sally asked.
Chet began to explain. “Since your folks died, and basically left you without parents, and you’re now sixteen years old. In this state, you can be what’s called emancipated. This means that legally, you’d be an adult. Now there are some pro’s and con’s to this, so we really only want to do that if it’s necessary.”
Sally simply nodded her head and sat back in her chair, satisfied that she didn’t have to go to France.
“Sally, could you give your Uncle Mark and me a few minutes please?” Chet asked. “There’s a soda machine down the hall. Stacy can show you where it is.”
Sally nodded her head and stood up. "Sicuro. Posso farlo. I’ll just wait outside till you’re done.” She touched me on the shoulder as she went past.
Chet grabbed a stack of papers on his desk, and tossed them in my direction. “Leesha’s already been busy.” He said, pointing to the papers. “These were faxed over about fifteen minutes before you got here.”
I picked up the stack of papers, and saw “DAVIS VS. DAVIS” typed across the top. “She already filed?” I asked in amazement.
"Sì." Chet said leaning back in his chair. “I gotta call her lawyer, but it looks like she’s not asking for anything.” He winked at me.
“Nothing?” I asked back.
“According to all of this, she wants to be let back into the house, escorted if you desire, to get her clothes and a few mementos, and that’s it.”
“This Franco fuck must be loaded if she doesn’t want anything.” I commented flipping through the pages. “Can you call her lawyer now?” I tossed the stack back in his direction. “Could this be over today?”
“For all practical purposes, yes. That is, of course, if there aren’t any problems where Sally’s concerned. She wasn’t mentioned in the papers, and Leesha’s already signed them. It’ll take a day or two to get things through the courts, but yea, it will be over.”
“Call him.” I directed. “Lets get this over with.”
I heard Chet talking with her attorney. He said yes, and no a lot, and at one point gave me the thumbs up sign. He talked briefly about Sally, and then winked at me.
“Ok, I’ll let him know that she’s going to come over.” He made the ok sign with his thumb and forefinger, and covered up the phone.
“Can she go over there now and get her stuff?” He asked me. I gave him the ok for her to do that. There really wasn’t anything there that I wanted that couldn’t be replaced She could have just about everything, just not all of my money, and not Sally.
“You too. If only they were all this easy.” He tossed the papers back in my direction, then handed me a pen. “He’s signing them now, and I’ll fax you copies, and have a courier drop them off at your office.” He hung up the phone. “Dirt bag.” He mumbled under his breath.
I signed the papers, and gave them back to him. “What was said about Sally?”
“She was in the office, and told her lawyer that she would only take her if she wanted to go with her, but she wasn’t going to force her.”
“So that’s it?” I questioned, thinking that it couldn’t possibly be that easy to get divorced after eight years of marriage. “We’re divorced?”
“Welcome to the land of irreconcilable differences.” He said getting up with the papers. He left the office momentarily “Sally, you can come back in now dear, we’re done.” I heard him say. Sally followed him into the office. “You guys go out and celebrate, or whatever and I’ll get you copies in the mail once I get the final decree. Leesha is headed to the house now, so you may want to be gone for a few hours, unless, you’re worried about what she might take.”
“I’m not worried about it. Believe it or not, I still trust her.” I managed a little smile, as the gravity of what had happened today sunk in. “You ready kiddo?” I asked Sally. She grabbed a hold of my hand, and we left the office.
Once we were back in the pickup, she leaned over and kissed me on the cheek. “What was that for?” I turned towards her and asked.
She smiled, and gave me another kiss on the lips. “The first one was for wanting me.”
“And the second?” I asked putting the truck in reverse.
“The second was for WANTING me.” She bit her bottom lip, then scooted over into the center of the seat to be closer to me.

End of Part III

Storie simili

Naked Day - parte 7

Allora, Sandy vuole un po' di cazzo. Ci sono stato, l'ho fatto, dissi con un sorriso. Sandy mi ha puntato il dito medio e ha riso. Beh, ho bisogno di una pausa, ho annunciato. Ho preso un asciugamano per Cindy per pulire il viso dal suo doppio viso, poi ho portato una sedia in fondo al letto. Penso che mi siederò qui e dirigerò. Dannazione, tutti e tre i fratelli Monroe nudi sul mio letto. Cominciamo. Johnny alzati sulla tua schiena e lascia che le tue sorelle lavorino per farti diventare duro di nuovo. Sandy, guarda quanto di questo puoi scendere...

289 I più visti

Likes 0

Il club capannone (parte 4)

Prima di tutto, scuse enormi per il ritardo nella produzione della parte 4. Crisi inaspettata con influenza familiare dappertutto. Tutti meglio ora, così posso rispondere all'ultima serie di feedback..... Trainers nel Regno Unito si riferisce a calzature sportive.....Nike, Adidas, Puma ecc. Non credo che ci siano altre domande, così via con la parte 4. Questo coinvolge Finn, che vedo ancora di tanto in tanto. In effetti, ha riparato il mio PC l'anno scorso. Progetta siti web e altre cose tecniche che mi lasciano sconcertato. Non ha idea che sto scrivendo questo, e ovviamente ho cambiato il suo nome (in qualcosa di...

479 I più visti

Likes 0

Wendy e Miss West iii

Il terzo di tre Wendy è stata condotta con gli occhi bendati dalla signorina West verso una porta sul retro dell'ufficio. La signorina West inserì una chiave e aprì la pesante porta di quercia di quello che dall'esterno sembrerebbe essere un magazzino vicino all'ufficio principale. Entrando, se Wendy avesse potuto vedere, avrebbe visto una piccola stanza, circa 6 piedi quadrati, dipinta di nero con anelli di metallo fissati a varie altezze lungo le pareti e in vari punti al soffitto. La stanza era illuminata con faretti orientati in tutte le direzioni. Wendy era in piedi al centro della stanza molto illuminata...

399 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

407 I più visti

Likes 0

Balla con una concubina, parte seconda

Sono passate due settimane dal mio incidente nelle caverne. Si pensava che Nancy fosse scomparsa dalla sua famiglia, ma non potevo dire loro la verità. Conoscete quella su lei che ha accettato un patto da qualche gingillo magico e poi ha ordinato ai suoi scagnozzi di violentarmi. È ancora stupro se mi sono divertito fino in fondo? Forse ero uno di quei tipi sottomessi? Chissà? Ad ogni modo, appena sono riuscito a guadagnare abbastanza forze per lasciare il motel, sono scappato. Stuart e la sua amica con il fisico perfetto hanno cercato di fermarmi, mi hanno detto che c'erano molte cose...

301 I più visti

Likes 0

Un discorso di papà e figlia.. Parte 1

Un discorso di papà e figlia Di Sugar Daddy 8/03/15 Tutte le opere sono scritte in copia Non giudicarmi. So che dopo questa storia non diventerò il padre dell'anno, ma è così. Sono sempre stato attratto dalle ragazze più giovani. Non ho mai veramente assecondato i miei impulsi, tranne una volta con mio cugino più giovane. Ma questa è una storia per un'altra volta. Ma tornando a questa storia, sono un uomo divorziato con due figli. Entrambe sono ragazze una otto Julie e Brandy la più grande. Mia moglie ed io abbiamo divorziato circa un anno fa. Le ho lasciato la...

609 I più visti

Likes 0

Vacanza tropicale_(1)

Vacanza tropicale È stata una notte tranquilla al resort, essendo fuori stagione ea metà settimana. Ma è per questo che eravamo lì: abbiamo risparmiato un sacco di soldi in questo modo. Dopo cena abbiamo deciso di prendere un paio di drink tropicali e dirigerci verso la vasca idromassaggio sul lato nudo del resort. Quando siamo arrivati ​​c'era già un'altra coppia lì, il che mi ha un po' deluso: speravo di fare sesso con mia moglie sotto le stelle. Ma li abbiamo riconosciuti come Tom e Nancy, che si erano conosciuti il ​​giorno prima alla piscina per nudisti, quindi ci siamo salutati...

610 I più visti

Likes 1

Impegnando Alpha Kappa Betta Sorority

Finalmente ho finito di trasferirmi nella mia stanza del dormitorio! Sono così entusiasta di ricominciare finalmente da capo e di lasciarmi alle spalle il liceo e tutte le persone che mi hanno maltrattato. Il mio migliore amico Casey è uno dei miei coinquilini, siamo stati accoppiati con altre due persone a caso. Spero che non siano cretini. Comunque, io e Casey siamo migliori amici da quando ho memoria. Ha già finito di fare le valigie e stiamo per andare a esplorare l'università una volta uscito dalla doccia. Sono così eccitato, non vedo l'ora! Lo sento finalmente finire in bagno e ne...

536 I più visti

Likes 0

Benedizione sotto mentite spoglie

L'indimenticabile avvenimento, che sto per raccontarvi, non è una storia di cazzi e tori, piuttosto è il mio primo tentativo sessuale che ho fatto quando studiavo al quarto anno di ingegneria. Per prima cosa mi presento: vivo con mio zio a Lahore. Essendo un contadino il mio fisico è robusto e la pelle è chiara. Molte donne del villaggio erano attratte da me ma non le ho notate in parte per l'inclinazione di mio padre alle attività religiose nel villaggio e in parte per il timore di essere colto in flagrante. Anche allora i miei occhi rimasero assetati di uno sguardo...

497 I più visti

Likes 0

Il mio progetto scolastico, MAMMA 2

Il mio progetto scolastico, MAMMA 2 Questa è la seconda parte di questa storia per capirla meglio ti consiglio di leggere la prima parte. I commenti sono i benvenuti. Sabato mattina Sherry si è svegliata alle 7:30. Si sentiva meravigliosa, ma poi si rese conto che aveva lo sperma secco su tutto il sedere. Mio Dio, ho fatto un sogno bagnato la scorsa notte e non mi sono ricordato che le è passato per la mente. La sua figa era dolorante e tesa, e il buco del culo le bruciava un po'. Rimase in piedi a guardare tutto lo sperma secco...

606 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.