Balla con una concubina, parte seconda

291Report
Balla con una concubina, parte seconda

Sono passate due settimane dal mio "incidente" nelle caverne. Si pensava che Nancy fosse scomparsa dalla sua famiglia, ma non potevo dire loro la verità. Conoscete quella su lei che ha accettato un patto da qualche gingillo magico e poi ha ordinato ai suoi scagnozzi di violentarmi. È ancora stupro se mi sono divertito fino in fondo? Forse ero uno di quei tipi sottomessi? Chissà? Ad ogni modo, appena sono riuscito a guadagnare abbastanza forze per lasciare il motel, sono scappato. Stuart e la sua amica con il fisico perfetto hanno cercato di fermarmi, mi hanno detto che c'erano molte cose che non sapevo e che avevo bisogno di sentirle. Fanculo!

Dopo aver esaurito tutte le opzioni e sapere che Stuart mi avrebbe trovato nel mio appartamento, mi sono schiantato a casa del mio ex ragazzo Gary. Era felice di lasciarmi restare finché non avessi sistemato la mia merda, la sua fidanzata Clare d'altra parte non tanto. Ho aiutato in casa, cucinando e pulendo. Mi sono schiantato nella camera degli ospiti che si trovava adiacente alla loro stanza. Le pareti erano sottili e si sentivano che ci passavano addosso ogni notte, basti dire che mi stavo sditalinando per dormire ogni notte. Una ragazza ha bisogno che tu sappia e Clare che geme ogni dettaglio del suo culo mentre viene alesato mi fa accendere il motore.

Stavo andando al supermercato quando ho ricevuto un messaggio da Stuart: "Non fidarti di nessuno, tutto sarà presto rivelato". Continuano a parlare di questi dettagli che dovevo sapere, ma anche al motel urlavano avanti e indietro che stavano cercando di trovare un modo per spiegarmeli gentilmente. Avevo ventisette anni, per l'amor di Dio, posso cavarmela da solo.

Ho messo il telefono in modalità silenziosa, ho parcheggiato e sono entrato. Per tutto il tempo che sono stato dentro ho continuato a chiedermi se avrei dovuto rispondere. Voglio dire, è la cosa educata da fare, giusto?

"Se fossi in te sceglierei quelli maturi, quelli sembrano morti da un po'." Qualcuno mi ha colpito da dietro: "Il biologico è la strada da percorrere".

Mi sono guardato intorno per sbattere la testa con quest'uomo. Sorrise mentre lo facevo strofinando delicatamente la sua zucca. Aveva un complesso oscuro e sembrava di origine africana anche se parlava con un accento britannico. Il suo viso era severo ma i suoi occhi sembravano così invitanti. Era piuttosto ben costruito, cosa che sapevo fosse il risultato di diverse ore in palestra.

"Oh, mi dispiace tanto," dissi allungandomi per toccargli la fronte; "Non sei ferito, vero? Ho un sacco di cose per la testa."

"Va tutto bene," disse, "nei tempi antichi quella era probabilmente una proposta di matrimonio. Da una bella donna come te lo chiamo un complimento."

"Devi essere un vero incantatore anche tu." Ridacchiai e iniziai ad arricciare i capelli. Stavo ridacchiando e flirtando? Nel fottuto supermercato? Il signor Alto, bruno e bello, stava avendo un bel effetto su di me.

"Oh che lo sono davvero," disse con un sorriso che avrebbe fatto cadere le mutandine alle donne più tese, "che ne dici se ti aiuto?
"Certo, roba bollente." Gli strizzai l'occhio: "Vuoi accompagnarmi al corridoio dei surgelati?"

"Con piacere, signorina" disse.

Siamo scappati via e potrei giurare che siamo rimasti lì per ore. Sembrava davvero carino; qui mi stavo connettendo a questo sconosciuto completamente casuale, sembrava onesto. Avevo bisogno di essere onesto nella vita e il fatto che fosse praticamente irresistibile mi aiutava. Continuavo a chiedergli di raggiungere molti scaffali alti dandomi abbastanza tempo per dare un'occhiata al suo culo. Sì, anche le ragazze lo fanno. La cosa divertente è che non ci siamo mai scambiati i nomi. Ha capito abbastanza presto, proprio quando pensavo di invitare guai si è chinato in avanti e mi ha baciato. Era anche un bel bacio, la bella addormentata probabilmente avrebbe avuto un infarto.

Quindi eccomi qui a pomiciare con questo ragazzo che ho appena incontrato chiedendomi quanto grande e pieno mi avrebbe reso il suo cazzo, ma lo sapevo meglio.

"Sto diventando davvero caldo e infastidito, tutto grazie a te ovviamente." Ho detto spingendolo via, "ma non credi che sia un po' troppo casuale."

"Stai pensando troppo," mi parlò dolcemente all'orecchio, "dovremmo vivere nel presente. Come siamo umani se non prosperiamo nel momento?"
Oh cazzo! "Portami in un posto veloce," gli dissi, "così posso fottermi... il tuo... cervello."

Ci siamo imbattuti in un ripostiglio poco illuminato e abbiamo iniziato a toglierci i vestiti a vicenda. In pochi secondi eravamo nudi, facendo scivolare le mani l'uno sull'altro. Il fatto che chiunque potesse irrompere in qualsiasi momento lo rendeva più caldo. Si è preso molta cura nel maneggiare il mio corpo. Ogni tocco del suo invio di brividi in tutto il mio corpo. Potevo letteralmente sentirmi inumidire.

Mi prese i seni a coppa calpestando delicatamente i miei capezzoli, facendoli diventare sempre più duri. Li succhiò, alternandosi tra loro per dare a entrambi le attenzioni. Mentre lo faceva, continuavo a giocare con il mio clitoride, allarmato dalla quantità di lubrificante secreta dalla mia figa. La lussuria liquida mi ha inumidito la coscia. Ho usato l'altra mano per massaggiare il suo cazzo, era così largo che le mie dita riuscivano a malapena ad avvolgerlo. Volevo questo cazzo duro e ho avuto abbastanza preliminari.

Mi sono girato e gli ho offerto la mia figa alla pecorina. Mi prese entrambe le mani e me le tenne dietro la schiena. Ha puntato il suo cazzo sulla mia figa e si è tuffato fino in fondo. Non c'era resistenza, dato che la mia figa era così bagnata che potevo ospitare un cavallo. Potevo sentirlo colpire il mio punto g facendomi venire sul suo cazzo ancora e ancora. In cinque minuti da quando è entrato, sono venuto tre volte.

L'ho tirato fuori da me desiderando un assaggio di me stesso. Mi sono inginocchiato davanti al suo cazzo e ho guardato ciò che stava di fronte a me. Era lungo sette pollici e largo tre. Era coperto dal mio sperma schiumoso che ho iniziato a leccare. Ho fatto rotolare la lingua su e giù e in giro assaggiando il mio succo di figa che aveva un sapore migliore di quanto non avesse mai fatto prima. Alzai lo sguardo per vederlo scuotere la testa all'indietro per puro piacere. Poi ho preso il suo cazzo nella sua interezza per pulirlo completamente e poi mi sono sdraiato con il culo fuori come una cagna si presenterebbe al suo padrone.

Si è inginocchiato e ha allineato il suo cazzo alla mia figa. Mi ha preso per i fianchi e mi ha preso come volevo. Non ci parlavamo, l'unico suono erano i nostri gemiti e gemiti animaleschi e delle sue palle pesanti che mi colpivano il culo. Il suo cazzo ora mi era noto, la sua forma e la sua curvatura si incastonavano per sempre nel rivestimento del muro della mia figa mentre mi scopava.

"Sto per venire!" Si è tirato fuori e si è masturbato sulle mie tette, "prendi il mio carico, Lissa!"

Lissa? Non ho mai scambiato nomi con lui. Ma prima che i miei pensieri finissero, il suo carico mi colpì dritto in un occhio accecandomi momentaneamente. Gli ultimi colpi sono atterrati saldamente sulle mie tette. Ho preso il suo cazzo e l'ho succhiato per assicurarmi che tutte le goccioline trovassero il bersaglio previsto, io. L'ho arrotolato sulla lingua, assaporandone il gusto e la sensazione.

"Allora come fai a sapere il mio nome?" Lo guardai, un occhio ancora chiuso per il peso del suo carico.

"So più di quanto pensi." Mi ringhiò abbandonando il suo io timido a qualcosa di più demoniaco, "La tua vita ora è mia".

Aprì la bocca per rivelare le zanne affilate dove avrebbero dovuto essere i suoi canini. Feci un passo indietro e corsi fuori dall'armadio. Ero nuda, stanca e la mia faccia e le mie tette coperte di sperma ma soprattutto avevo paura. Corsi urlando sperando di attirare l'attenzione, ma con mia sorpresa il supermercato era vuoto.

"Non c'è nessuno qui!" La sua voce tuonò, "nessuno che ti salvi, quindi come tutte le mie buone troie, muori!"

Ho raggiunto la porta del supermercato e l'ho trovata ora bloccata da un muro di cemento. Ero intrappolato e non c'era via di fuga. Potevo vederlo avvicinarsi lentamente a me, prendendo il suo tempo per assaporare eventualmente il momento. Forse avrei dovuto ascoltare Stuart e il suo amico. Improvvisamente un muro alla mia sinistra esplose e nella nebbia vidi due figure.

"Il nome è Nyssa, lo sai." Venne fuori Stuart con la ragazza del motel, "Com'è questo per un salvataggio?"

Stuart venne da me e mi avvolse in una coperta, lanciando un'occhiata a Nyssa con un'espressione severa: "Fallo!"

"Va bene già. È solo un vampiro di una settimana, sai." Si è girata attorno a un paletto e poi mi ha dato un bacio, "Hey Lissa, bella ragazza con le tette".

Detto ciò, corse lungo il corridoio per incontrarlo. Ho continuato ad entrare e uscire di coscienza. Ogni volta che aprivo gli occhi vedevo scorci di loro che litigavano. Battito di ciglia. Era sopra di lei gongolando. Battito di ciglia. Gli ha pugnalato il braccio. Battito di ciglia. Lo aveva inchiodato con il suo paletto sul suo cuore. Battito di ciglia. Adesso era accanto a me con un'aria trionfante.

"Ehi, hai fatto bene." Mi ha detto: "Anche se penso che sia giunto il momento che tu ascolti quello che avevamo da dire".

Siamo tornati fuori dal buco che hanno fatto, ma ci è voluto del tempo con me che inciampavo e armeggiavo per il posto. Siamo entrati nel camper di Stuart che era parcheggiato fuori e siamo partiti. Ero ancora ricoperta di sperma, quindi Nyssa mi ha portato in bagno per pulirmi. Mi ha portato sotto la doccia e in un momento audace ha leccato i resti dello sperma dalla mia faccia. Sono saltato indietro e lei ha riso uscendo. Rimasi scossa per un momento e poi abbracciai la doccia per pulirmi.

C'erano dei vestiti stesi all'esterno mentre uscivo che era un top rivelatore e una gonna molto corta. Era qualcosa che una ragazza del liceo avrebbe indossato a una festa, ma non avevo molte scelte, quindi li ho indossati e sono andata a incontrare Stuart. Lui era al posto di guida e Nyssa era sdraiata sul divano.

"Quei vestiti ti stanno bene?" urlò Stuart dall'abitacolo.

"Non è il mio stile, ma i mendicanti non possono scegliere, giusto?" gliel'ho detto

"Ci stiamo avvicinando alla nostra destinazione", ha detto, "Nyssa spiegherà tutto, quindi siediti".

Mi sono seduto goffamente accanto a Nyssa sperando che non facesse di nuovo quel tipo di manovra. L'ho guardata per parlare solo per trovarla a pochi centimetri dalla mia faccia. Era bella da vicino; i suoi occhi rossi mi guardarono attirandomi sempre più vicino. Era leggermente sudato a causa dell'umidità nel camper. Alcune ciocche dei suoi capelli bianchi e setosi le aderivano alla fronte da gocce di sudore. Tornai furtivamente in fondo al divano ma non riuscivo a smettere di fissarlo. Aveva una figura a clessidra simile ai modelli dei vecchi tempi. I suoi capezzoli sporgevano dalla maglietta mentre le sue grandi tette a coppa D riuscivano a malapena a entrarci.

"Puoi smetterla di ammirarmi ora", disse scaltramente, "so di essere favolosa."

"Come sapevi che ero..."

"Posso leggerti nella mente piccola," mi interruppe, "avresti dovuto capirlo ormai."

"Cosa sei? E poi che cazzo era quella cosa?" ho chiesto.

"Probabilmente dovrei iniziare dall'inizio," fece un respiro profondo e avvicinò a me le gambe snelle, "Ricordi la tua amica Nancy? Sì, è quella che chiamiamo una succube o almeno ne ha invitata una in se stessa. Se fosse uno normale non avremmo molto a che fare con questo, ma è speciale. Molto tempo fa, quando la magia era libera in questo mondo, una succube vagava così forte che il resto la venerava come una regina, vedi le succuba si nutrono dell'energia sessuale . Ma ha guadagnato così tanto potere che è diventata una bomba di energia contenuta così forte da poter piegare chiunque alla sua volontà. L'abbiamo chiamata Cum Sla'ut. Questo nella nostra lingua significa l'oscuro. "

"La tua lingua?" Ho chiesto sperando in una risposta diretta. "Sei come il russo o qualcosa del genere? Sono per metà norvegese e non ho visto nessuno con i capelli come i tuoi."

Rideva e mi fissava se mi lasciavo cadere in testa, "No sciocco, sono dei fae".

"Come nelle fate impazzite come Campanellino?"

"Sì. Ti mostrerò le mie ali più tardi," strizzò l'occhio, "Mentre stavo dicendo Cum Sla'ut divenne forte e il suo esercito di Orchi e succuba si gettò su un regno dopo l'altro, costringendo Re Artù a chiedere aiuto al mio popolo."

Sono rimasto sbalordito da tutto questo. Succuba? Fate? Erano tutte vere, le storie che mi raccontava mia madre da bambino erano vere. Sono stato ripreso ma avevo bisogno di saperne di più, avevo bisogno di sapere come sono collegato a questo. La guardai e le feci cenno di continuare.

"Il mio popolo con la potenza di tutti e sette i regni ha condotto una guerra contro lei e le sue forze oscure, alla fine ci sono volute le vite combinate di un'intera colonia di fate, comprese le mie nonne, per rinchiuderla in un medaglione di giada. i ragazzi sono andati avanti e l'hanno riportata indietro Il ragazzo sexy che ti ha attaccato era un vampiro mandato da lei per ucciderti.

"Va bene, ma ancora non capisco cosa ci faccio qui? O Stuart? O Bri...?" Mi sono fermato prima di poter pronunciare il suo nome. In queste ultime due settimane ho continuato ad andare avanti come se niente fosse, come se lui non volesse dire niente. Mi sono sentito orribile.

"Mi dispiace per Brian, davvero non lo so." Disse sinceramente: "D'altra parte piccolo, paffuto e intelligente laggiù c'è un goblin. Dal momento che la gente in città l'ha trovato! Avrebbe dovuto procurarsi il medaglione e riportarcelo. Ma di sicuro ha fatto un casino'' il!"

Stuart la fece girare e tornò a guidare. "Quindi, cosa facciamo ora?" Le ho chiesto.

"La fermerai, con l'aiuto di noi ovviamente." Disse mentre la fissavo sbalordita: "Devi guadagnare abbastanza potere per rivaleggiare con il suo e dovremmo iniziare quando arriviamo".

"Come lo facciamo?" Ho chiesto: "Ti piace l'allenamento di arti marziali?"

"Beh piccola," mi accarezzò la faccia, "ho bisogno di scoparti."

Prima che potessi dire qualcosa, Stuart urlò dal fronte: "Siamo qui".

Nyssa prese un pezzo di stoffa, mi bendò e mi portò fuori. Mi ha detto che era per il mio beneficio e che non ero nella posizione di discutere, quindi ho obbligato. Non riuscivo a vedere ma potevo sentire i gemiti delle donne in calore e il dolce aroma del seme riempiva l'aria. Qual era questo posto? Abbiamo continuato a camminare e camminare per circa cinque minuti finché non siamo arrivati ​​a quello che credo sia un ascensore. Qualche ammaccatura dopo sono stato portato in una stanza e la porta era chiusa a chiave.

"Siamo al sicuro ora." Ho sentito dire Nyssa. "Puoi toglierlo ora."

La stanza era nera come la notte senza fine come l'occhio può vedere. La stanza era fatta di materiale diverso da quelli che ho visto, era buio pesto fino al suo arrivo. Nyssa era in piedi in fondo nuda, una luce scintillante che si irradiava da lei. Piccole ali sporgevano dalla sua schiena come se provenissero da una farfalla ingrandita. Venne verso di me lentamente, i suoi enormi seni tremolavano come se la gravità non potesse influenzarli. Quando eravamo faccia a faccia si fermò e sorrise. Quando l'ha fatto, posso giurare che la stanza si è illuminata ulteriormente.

"Sai, sei davvero bella da vicino." Lei mi ha detto.

"Ma stai scherzando?" Sbottò: "Sei praticamente una dea".

Ha allungato la mano e l'ho presa e con una luce improvvisa e brillante i miei vestiti sono scomparsi. Istintivamente mi sono coperto le tette solo perché lei lo portasse via.

"Sei la vera dea qui." Lei disse.

Detto questo, si chinò e mi leccò la punta del capezzolo facendomi venire i brividi lungo la schiena. Mi afferrò dolcemente il viso e mi baciò. La sua lingua continuava a calpestare con precisione la mia sentendosi a vicenda. Ho avvolto i miei piedi intorno a lei per avvicinarla tenendola per il collo non volendo lasciarla andare. Nell'atto di cadere sul pavimento, il labbro si bloccò, ma il pavimento era morbido. Era diverso da qualsiasi struttura che abbia conosciuto, più morbido del cuscino più morbido.

L'ho baciata di nuovo prima di calpestarla baciandole il collo, la spalla, il seno e poi l'ombelico. Poi, mentre guardavo quegli occhi cremisi con un rapido movimento, mi sono aperto per vedere la sua fica. Mi sono chinato e con la lingua ho trovato il suo clitoride. L'ho succhiato scuotendolo con la lingua, usando le dita per toccarle la figa. Ho visto lo sguardo sfrenato sul suo viso mentre lo facevo; lei saltava leggermente in su ogni volta che le mie dita entravano. Poi ho tirato fuori le dita, ho leccato i suoi succhi e l'ho leccato.

Aveva un sapore fuori dal mondo. Era un sapore che non avrei mai potuto sognare. Volevo di più. Sono tornato a leccare tutti i succhi che stavano uscendo a questo punto. Sforbicio le mie gambe sulle sue, le nostre labbra della figa si toccano. Poi ho iniziato a strofinare la mia figa sulla sua, i nostri succhi si mescolavano. Ho iniziato a guadagnare slancio mentre anch'io mi stavo preparando a venire e sapevo che lo era anche lei. Continuava a succhiarmi il dito del piede che mi stava mandando oltre il limite. Abbiamo unito i nostri muscoli convulsioni allo stesso tempo. Caddi a terra e mi sdraiai lì per riprendere fiato.
"Oh!" Dissi senza fiato: "Non l'ho mai fatto con una ragazza prima, ma con te è così naturale".

"So cosa intendi," disse ridendo poi mi guardò seria, "Per acquisire potere c'è qualcosa che devi prima fare."

"Non era questo?" Le ho chiesto.

"Solo metà piccola," disse sorridendo, "Ora chiudi gli occhi e aprili tra circa cinque secondi."

Annuii e feci come aveva detto; Ho aperto gli occhi per vedere Nyssa accarezzare un grosso cazzo grasso che sporgeva sopra la sua figa. Era il cazzo più grande che avessi mai visto; le sue dimensioni sembravano sfidare la natura poiché era lungo circa 11 pollici e di dimensioni costanti. La stessa Nyssa stava usando le mani per accarezzare quel cazzo enorme.

"Spero di non averti scioccato", disse guardando in basso, "Tutte le fate e le succubae hanno cazzi, perché sono i vasi del loro potere. Siamo una razza tutta al femminile con i nostri cazzi che appaiono quando vogliamo. Io devo venire dentro di te per darti il ​​mio potere piccola."

"Stupiscimi?" Dissi afferrandole il cazzo con entrambe le mani, "Continui a mostrarmi cose del genere, potrei innamorarmi di te".

Ho usato entrambe le mani e l'ho tirato perché le mie mani sentissero tutto. Guardai Nyssa che era in pura estasi mordendosi il labbro inferiore.

"Ti piace che le mie mani scivolino sul tuo grosso cazzo grasso?"

"Lo adoro!" Lei gemette.

"Scommetto che vuoi fottermi la figa, vero Nyssa?" L'ho presa in giro, "Scommetto che vuoi fottermi il cervello".

Ho visto fuoriuscire gocce di pre-sborra e l'ho leccato. I miei occhi si illuminarono perché il sapore era persino migliore della figa di Nyssa. Mi chiedevo come sarebbe stato avere questo cazzo dentro di me. Non volevo più chiedermi niente, mi sono sdraiato e ho aperto la mia figa.

"Prendimi, Nissa!" Ho implorato: "Usami come la tua puttana speciale!"

"Ohhh, piccola!" Si leccò le labbra: "Penso di essere quella che potrebbe innamorarsi di te".

Ha schiaffeggiato il suo cazzo sulla mia figa, palpandolo e stuzzicandolo. Poi è venuta dentro di me, centimetro dopo centimetro potevo sentirla riempirsi lentamente dentro di me. Le mie viscere si allungarono per accoglierla. Scivolò lentamente fuori prima di tornare a guadagnare centimetri nel processo. Potevo sentirla nel mio grembo, il che era innaturale.

"Ehi piccola, ora ti scoperò." Disse baciandomi in un caldo abbraccio.

Poi ha iniziato a speronarmi. Potevo sentire il suo cazzo entrare e uscire, dentro e fuori. Ha iniziato ad andare più veloce, massaggiandomi la figa.

"Fottimi!" gemetti, la mia lingua penzolante.

Ho saltato su e giù sul suo cazzo, tutti i capelli del mio corpo in piedi. Il mio corpo era in fiamme per la costante simulazione che la mia figa stava ricevendo. Venivo ancora e ancora, orgasmi uno subito dopo l'altro.

"Sto per venire!" Lei gemette.

Potevo sentire il suo cazzo pulsare mentre svuotava tutto nella mia figa. Anche mentre veniva, continuava a scoparmi come per dipingere completamente le mie viscere con il suo sperma. Ha rallentato e poi si è tirata fuori inaugurando una marea di bianco appiccicoso dalla mia fica. Si è avvicinata alla mia figa e l'ha leccata, strofinandomi velocemente il clitoride che mi ha dato un ultimo orgasmo.

Mi ha afferrato la faccia e ci siamo baciati, scambiando il suo sperma nella mia bocca. La mia figa succhi ancora sulla sua lingua, l'ho assaporato. Ogni gusto, ogni sensazione è stato nostro da ricordare.

Caddi tra le sue braccia e vidi la stanza illuminarsi, la stanza un tempo buia ora piena di mobili esotici. Non eravamo più sul pavimento scuro ma su un letto comodo. La stanza era addobbata con ninnoli che non ho mai avuto il piacere di vedere.

"Questa era la stanza in cui siamo stati da sempre," mi disse accarezzandomi il petto, "Senza potere lo vedevi semplicemente come un vuoto vuoto. Ora hai il potere delle fate, quindi puoi vederlo per quello che è."

"Così possiamo liberare Nancy adesso?" Le ho chiesto.

"Non ancora piccola." Mi ha detto: "Il potere delle fate semplicemente non è abbastanza, devi diventare molto più forte per sconfiggere Qum Sla'ut"
"Va bene," dissi, "quindi mi farò crescere un cazzo anche io?"

"Puoi scegliere di evocarlo sì, ma sei troppo debole per l'improvvisa iniezione di potere." Ha detto: "Accadrà quando accadrà".

"Quindi se ho bisogno di più potere, significa che devo scopare anche Stuart?" chiesi spaventato dal pensiero.

Lei rise: "Forse, piccola. I goblin sono esseri potenti a tutti gli effetti. Ma ti lascerò pensare a quello".

Mi addormentai pensando a Stuart che cercava di innamorarmi. Che schifo!

CONTINUA!

Storie simili

Naked Day - parte 7

Allora, Sandy vuole un po' di cazzo. Ci sono stato, l'ho fatto, dissi con un sorriso. Sandy mi ha puntato il dito medio e ha riso. Beh, ho bisogno di una pausa, ho annunciato. Ho preso un asciugamano per Cindy per pulire il viso dal suo doppio viso, poi ho portato una sedia in fondo al letto. Penso che mi siederò qui e dirigerò. Dannazione, tutti e tre i fratelli Monroe nudi sul mio letto. Cominciamo. Johnny alzati sulla tua schiena e lascia che le tue sorelle lavorino per farti diventare duro di nuovo. Sandy, guarda quanto di questo puoi scendere...

278 I più visti

Likes 0

Wendy e Miss West iii

Il terzo di tre Wendy è stata condotta con gli occhi bendati dalla signorina West verso una porta sul retro dell'ufficio. La signorina West inserì una chiave e aprì la pesante porta di quercia di quello che dall'esterno sembrerebbe essere un magazzino vicino all'ufficio principale. Entrando, se Wendy avesse potuto vedere, avrebbe visto una piccola stanza, circa 6 piedi quadrati, dipinta di nero con anelli di metallo fissati a varie altezze lungo le pareti e in vari punti al soffitto. La stanza era illuminata con faretti orientati in tutte le direzioni. Wendy era in piedi al centro della stanza molto illuminata...

387 I più visti

Likes 0

Il club capannone (parte 4)

Prima di tutto, scuse enormi per il ritardo nella produzione della parte 4. Crisi inaspettata con influenza familiare dappertutto. Tutti meglio ora, così posso rispondere all'ultima serie di feedback..... Trainers nel Regno Unito si riferisce a calzature sportive.....Nike, Adidas, Puma ecc. Non credo che ci siano altre domande, così via con la parte 4. Questo coinvolge Finn, che vedo ancora di tanto in tanto. In effetti, ha riparato il mio PC l'anno scorso. Progetta siti web e altre cose tecniche che mi lasciano sconcertato. Non ha idea che sto scrivendo questo, e ovviamente ho cambiato il suo nome (in qualcosa di...

469 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

397 I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

514 I più visti

Likes 0

Vacanza tropicale_(1)

Vacanza tropicale È stata una notte tranquilla al resort, essendo fuori stagione ea metà settimana. Ma è per questo che eravamo lì: abbiamo risparmiato un sacco di soldi in questo modo. Dopo cena abbiamo deciso di prendere un paio di drink tropicali e dirigerci verso la vasca idromassaggio sul lato nudo del resort. Quando siamo arrivati ​​c'era già un'altra coppia lì, il che mi ha un po' deluso: speravo di fare sesso con mia moglie sotto le stelle. Ma li abbiamo riconosciuti come Tom e Nancy, che si erano conosciuti il ​​giorno prima alla piscina per nudisti, quindi ci siamo salutati...

595 I più visti

Likes 1

LA VENDETTA È DOLCE???

Ehi, Peg, vieni qui e aiutami per un minuto, per favore, gridò suo marito John dall'interno del garage!?! Peg Burton si alzò dalle ginocchia mentre stava piantando alcune giovani piante di pomodoro nel suo giardino , e dopo essersi alzata e aver lasciato cadere i guanti a terra, ha camminato per una decina di piedi fino al garage in cerca di suo marito!!! John, chiese piano, dove sei, perché le luci sono spente, vieni avanti adesso, smettila di scherzare!!! Si voltò con cautela, guardando in ogni angolo e fessura del grande edificio a due stalli, ma proprio quando stava per sgattaiolare...

579 I più visti

Likes 0

Un discorso di papà e figlia.. Parte 1

Un discorso di papà e figlia Di Sugar Daddy 8/03/15 Tutte le opere sono scritte in copia Non giudicarmi. So che dopo questa storia non diventerò il padre dell'anno, ma è così. Sono sempre stato attratto dalle ragazze più giovani. Non ho mai veramente assecondato i miei impulsi, tranne una volta con mio cugino più giovane. Ma questa è una storia per un'altra volta. Ma tornando a questa storia, sono un uomo divorziato con due figli. Entrambe sono ragazze una otto Julie e Brandy la più grande. Mia moglie ed io abbiamo divorziato circa un anno fa. Le ho lasciato la...

597 I più visti

Likes 0

Benedizione sotto mentite spoglie

L'indimenticabile avvenimento, che sto per raccontarvi, non è una storia di cazzi e tori, piuttosto è il mio primo tentativo sessuale che ho fatto quando studiavo al quarto anno di ingegneria. Per prima cosa mi presento: vivo con mio zio a Lahore. Essendo un contadino il mio fisico è robusto e la pelle è chiara. Molte donne del villaggio erano attratte da me ma non le ho notate in parte per l'inclinazione di mio padre alle attività religiose nel villaggio e in parte per il timore di essere colto in flagrante. Anche allora i miei occhi rimasero assetati di uno sguardo...

481 I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

407 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.