Imbrogli sessuali dei sostenitori di Trump: Nicole Arbour, Kaitlin Bennett, Ashton Whitty e Lauren Southern

875Report
Imbrogli sessuali dei sostenitori di Trump: Nicole Arbour, Kaitlin Bennett, Ashton Whitty e Lauren Southern

"Sto diventando troppo vecchio per questa merda" pensava Dustin Heard mentre l'auto viaggiava verso le colline di Hollywood. Era diretto verso la villa di Nicole sopra Los Angeles. Nicole Arbour abbronzata e tettona. Quella grossa cagna bionda americana. Stava andando giù. Permanentemente. Lei e tutte le sue adorabili amiche bionde.

Nicole Arbor. Signora lesbica. 40 anni, alto 5' 10", con le gambe lunghe, atletico, forte. E impilati. Come una casa di mattoni. 50E-24-38. Capelli biondi folti lunghi fino alle spalle. Rossetto rosso brillante, unghie dei piedi e delle mani. Abbronzatura dorata dall'abbronzatura nuda. Figa ben rifinita. Una vera regina amazzone viva.

Nicole aveva fornito bellissime bionde americane al servizio di scorta di Kayleigh McEnany. Una partnership molto redditizia. Kayleigh aveva tradito Donald Jr ed Eric. L'appropriazione indebita da Trump è stato un grosso errore. Kayleigh era morta adesso. Ordini di Donald Jr ed Eric. Ora era il turno di Nicole. Nicole grande, bella e bionda. Avrebbe dovuto continuare a prostituirsi da sola. Unirsi a Kayleigh ha fatto davvero arrabbiare Donald Jr ed Eric. Presto anche Nicole sarebbe stata carne morta. E tutte quelle belle bionde americane. Peccato.

Mentre l'auto si muoveva attraverso le colline, girando e girando intorno ad ogni curva della strada, Dustin avrebbe voluto essere al volante piuttosto che nascondersi sul pavimento nella parte posteriore. Era un ragazzo grosso, e sicuramente era angusto, ma sapeva che la sinuosa ragazza alla guida dell'auto, Ashton Whitty, sarebbe presto arrivata a casa di Nicole. Conosceva la strada. Era uno dei tanti amanti di Nicole. E Ashton aveva il suo mazzo di chiavi di casa. Dustin le avrebbe preso le chiavi quando fossero arrivati. E avrebbe preso anche Ashton. A suo modo speciale.

Poi farebbe una bella visita lunga con Nicole.

Dustin era bravo a tacere. E, in molti modi, si era goduto questo viaggio in macchina attraverso le colline. Era quasi dispiaciuto che stesse per finire. È stato divertente irrompere nell'auto di Ashton e nascondersi sul sedile posteriore. E poi aspetta. Aspetta che Ashton esca dal parcheggio ed entri. Dustin l'aveva vista lasciare il suo edificio. Era bionda e con le gambe lunghe. Proprio come il suo capo. Solo più giovane. Circa 25 anni. 5' 9 "di altezza. Splendido viso. Labbra carnose. Occhi azzurri scintillanti. Capelli biondo dorato che le scendono fino alla vita. Corpo stretto. 34DD-24-36. Bel seno. Culo seducente. Vestito per uccidere. Minigonna in pelle nera attillata. Top senza spalline in pelle nera abbinato. Stivali al ginocchio in pelle nera con tacco a spillo da 4”. Ha fatto una passeggiata molto sexy. Davvero lento. Con un sacco di bella azione dell'anca. E le sue tette stavano bene con quel top in pelle. Rimbalzare e jiggling. È stata costruita. Costruito davvero bello.

L'odore del suo profumo esotico aveva riempito l'auto quando era salita. E lasciò che le sue lunghe ciocche bionde cadessero sul poggiatesta e nella parte posteriore. Avvolgendo Dustin mentre giaceva lì nell'oscurità. Ha giocato un po' con i suoi capelli lussureggianti mentre guidava, passandoci le mani tra di loro, tenendoli contro il suo viso, ma lei sembrava non accorgersene. Aveva un buon profumo. Veramente buono. E poteva vedere tra i sedili. Guarda la sua lunga gamba destra distesa sotto il cruscotto. Muoversi avanti e indietro tra il pedale dell'acceleratore e i freni. Pompare l'acceleratore. E il pedale del freno. Minigonna di pelle che monta alta sulle cosce. Esponendo un bel paio di gambe lunghe e ben fatte. Racchiusi in stivali di pelle con tacco a spillo molto costosi. Ed era arrapata. Quindi molto eccitato. Potrebbe dirlo. A proposito, continuava a toccarsi con la mano libera. Spremendo le sue tette attraverso il top in pelle nera. Passando la mano su e giù per la coscia. Infilare le dita sotto la gonna corta per darsi piacere mentre guidava. sospirando. Lamenti. Carino. Molto bello.

Improvvisamente, l'auto rallentò. E trasformato in un lungo viale. Muovendosi lentamente, su per una ripida collina, verso la facciata di una grande casa. Era più come una villa. Fantasia. Molto stravagante. Circondato da alberi. Nel profondo delle colline di Hollywood. Era ora di prendere le chiavi da Ashton.

Ma, prima che potesse fare la sua mossa, due figure si avvicinarono dalla parte anteriore della villa. Camminando verso l'auto. Due donne. Tanto bionda quanto bella. Proprio come Ashton. Dustin li guardò dal suo nascondiglio sul sedile posteriore. Li conosceva già. Due delle guardie del corpo di Nicole... e amanti.

Quello a destra. Kaitlin Bennet. Grande. Era una ragazza grande. Ma in un modo carino. Un modo molto carino. Aveva poco più di vent'anni. Fronte affascinante della bambola. Ampio sorriso. Occhi azzurri profondi. Labbra carnose e carnose dipinte di rosso ciliegia brillante. Corpo spettacolare. Tettona. leggiadramente. 5'10 "di altezza. 38DD-24-38. Grandi seni senza reggiseno che oscillano e rimbalzano mentre cammina. Capelli folti, mossi, biondo platino. Come Marilyn Monroe. Indossa un miniabito in lycra elasticizzata rosso vivo, un micro miniabito con profondo scollo a V, spalline sottili e una profonda scollatura sulla schiena. Così corto che copriva a malapena i suoi panini stretti dietro e il suo perizoma rosso davanti. Così stretto che si estendeva intorno ai suoi fianchi pieni e al culo rotondo come una pellicola termoretraibile. Calze di seta cucite all'altezza della coscia le accarezzavano le lunghe gambe tornite. Tacchi a spillo con plateau rossi circondavano i suoi bei piedi. Una pesante collana QAnon d'oro arancione e nero era appesa al collo, cadendo tra le sue grandi tette. Kaitlin. Una bomba bionda platino. Mostrando un sacco di scollatura profonda. Un sacco di gamba lunga e sinuosa. E quel culo rotondo perfetto. Grande. Stretto. E caldo.

E l'altra ragazza. Quello sulla sinistra. Lauren meridionale. Circa 5' 6". 110 libbre. Tardi anni Venti. Carini e formosi. Fronte seducente del bambino. Sorriso sexy. Guance increspate. Grandi occhi verdi. Capelli biondi lunghi color miele. Rossetto rosa lucido. Lunghi orecchini d'oro e scintillanti bracciali d'oro. Un ciondolo QAnon d'oro che pende dal suo ombelico trafitto. Indossa una micro minigonna blu metallizzata lucida, un top a tubino blu metallizzato abbinato e costose décolleté nere con tacco a spillo. Le sue tette alte e sode da 36 gradi rimbalzavano e sussultavano mentre apriva con uno strattone la portiera del passeggero anteriore, saltava dentro e iniziava a parlare.

“Ashton. Ascolta Ashton. Abbiamo un problema. Nicola. Si è fatta, lo sai, trascinata di nuovo. Con un'altra ragazza nera. Qual era il suo nome? Sai. "Stacey Dash". Quello che abbiamo preso l'altra sera al club e portato qui. Ricorda? Bene, Nicole. Ha subito odiato Stacey. Perché Stacey era nera. E a causa del suo corpo. Stacey stava così bene in quella tuta di pelle bianca con la cerniera abbassata, e le sue grandi tette che cadevano, e il suo culo grosso e rotondo che si estendeva sulla schiena, e quei tacchi a spillo della piattaforma che indossava. E, beh, lo sai. Stacey era una vera bomba. Con quel corpo E quei capelli neri lunghi, spessi e ricci che le scendevano lungo la schiena. E io e Kaitlin volevamo davvero scoparla prima. Sai. Prima che la uccidessimo. Era così alta e sexy. E tutti la volevano.

A Nicole non piaceva. Era così gelosa. E, beh, Stacey è diventata ficcanaso, sai, su tutte le cose di QAnon ovunque nella villa. E ha iniziato a fare battute su "bionde ariane" e "Stupid QAnons" e cose del genere. E Nicole si è davvero arrabbiata come al solito. Stacey si è spaventata e ha cercato di andarsene, ma non glielo abbiamo permesso. Abbiamo avuto un grosso litigio. Sai. Poi l'abbiamo tenuta ferma, ci siamo tolti quel vestito di pelle sexy e l'abbiamo legata. Bene, poi Nicole ha iniziato a farle molte domande e Stacey non ha risposto. E, beh, sai, poi Nicole ha iniziato a lavorarci sopra. Intendo davvero lavorarci sopra. Soprattutto quelle grandi tette color cioccolato. E, beh, ci siamo tutti lasciati trasportare.

Ho afferrato Stacey per la gola, e Kaitlin le ha tenuto i piedi a terra, e aveva le mani legate, e stava urlando molto forte e scalciando, e tutte le altre ragazze stavano solo guardando e ridendo. E Nicole, beh, sai, Nicole aveva un coltello e lei continuava, sai, a lavorarla ancora, sai, con il coltello, ancora e ancora. Affettatela. E nessuno voleva che ci fermassimo. E le abbiamo fatto delle cose cattive. Sai. Davvero brutto. Abbiamo tagliato tutti i suoi lunghi, folti capelli neri. Nicole lo terrà come souvenir. E le abbiamo infilato il perizoma di pelle bianca in gola. Avresti dovuto vederlo. I suoi occhi erano come grossi piattini! E abbiamo messo un sacco di cose diverse nella sua figa solo per divertimento! Kaitlin è impazzita. Ha davvero fatto un numero sul culo di Stacey con quello, sai, cosa strap-on. E Nicole ha usato il suo grande ferro da stiro QAnon sulle tette di Stacey. E l'ho strangolata con le mie mani. E sembrava durare all'infinito. E noi, sai, l'abbiamo uccisa. Ora dobbiamo liberarci del corpo perché è piuttosto incasinato. E, beh, Nicole vuole che usiamo la tua macchina. E, beh, dobbiamo farlo ora perché Nicole darà una grande festa stasera. Ci sono già un sacco di ragazze americane davvero carine qui. Sono tutte bionde e sexy! E Nicole dice che possiamo averne quelle che vogliamo!

Nicole dice che farà qualcosa di speciale per te se ci aiuti. Lei sa quanto sei arrapato e quanto ti piacciono i baci alla francese! Dai, dì "sì", lo farai? Ti bacerò a lungo e lentamente, con molta lingua, proprio come piace a te. E ti lascerò fare la mia figa se vuoi. Sai quanto lo amo davvero duro nella mia figa! E hai visto Kaitlin? È così pronta per un po' di azione calda stasera. Guardala con quel vestito rosso brillante con tutti quei bei capelli color platino. Dio, è così sexy! Assomiglia proprio a Marilyn Monroe! E sai che le piace quando indossi la tua minigonna di pelle perché ti fa sembrare caldo il sedere! Ti vuole davvero tanto stasera. Me l'ha detto lei. Ma faresti meglio a stare attento. Ti farà ubriacare e proverà a farti il ​​culo con il suo strap-on quando sei troppo ubriaco per dire di no! Proprio come ha fatto con Stacey. È una vera bandita da culo! Solo un'altra pazza puttana di QAnon, come Nicole. E tutto il resto di noi! Allora, Ashton, dai. Devi aiutarci. Dobbiamo liberarci della puttana nera ora. Allora possiamo tornare tutti alla villa per divertirci un po'. Bene?"

“Certo, Lauren. Ti aiuterò. Nessun problema. Sarà un piacere. Ho sempre odiato quelle troie nere comunque. Non sono forti, bionde e belle come noi. Fanculo! Ma prima devi darmi un bacio. Un po' come un "acconto". Avanti, Lauren, dammi un po' di lingua. Baciami bene, piccola. Poi scaricheremo quella puttana nera e troveremo delle nuove troie dalla pelle scura con cui scopare. Qualcuno di diverso questa volta. Non un'altra cagna nera. Che ne dici di una graziosa ragazza filippina, o forse di una ragazza messicana con delle belle tettone! Li riporteremo qui e infliggeremo una seria punizione e dolore. Adoro quando urlano e urlano! Poi li uccideremo proprio come Stacey. Piacevole e lento. Se lo meritano. Comunque ce ne sono troppi da queste parti. Sono ovunque! Uccidiamo una coppia stasera. Anche questa volta Nicole sento la fretta! Dai, piccola. Tutto questo parlare di uccidere più femmine color cannella mi sta facendo diventare così caldo e arrapato. Baciami. Baciami davvero bene! Faremo ingelosire Kaitlin!"

Ashton e Lauren si sono chinate insieme per un profondo bacio alla francese, rossetto rosso mescolato con gloss rosa mentre le loro labbra bagnate si sono unite e le loro lingue hanno iniziato un'esplorazione profonda e soddisfacente.

Il cuore di Dustin iniziò a battere forte. Si dimenò sul sedile posteriore. Si sentiva pronto ad esplodere. Il compito di quella sera era improvvisamente cambiato. Una volta erano "affari". Ora era "personale". Stacey. Avevano ucciso Stacey. Queste pazze stronze bionde americane avevano ucciso Stacey. "Stacey" di Donald Jr ed Eric. "Stacey" di Dustin. Erano giorni che cercava di contattarla. Ora sapeva perché lei non lo aveva richiamato. Nicola. Nicole aveva ucciso la sua Stacey. Nicole pagherebbe per questo. E queste tre troie bionde americane, Ashton, Lauren e Kaitlin. Pagherebbero anche loro. Chi l'avrebbe mai detto? Erano tutti QAnon! Ognuno di loro!

Improvvisamente, Kaitlin apparve accanto alla macchina. In quel miniabito rosso. E quei tacchi alti della piattaforma. Con tutto quel biondo platino che le cade sul viso e sulle spalle. E il suo grande petto che si solleva e si abbassa. Era frenetica. Agitando le braccia. indicando. Indicando il sedile posteriore. Urlando. Gridare qualcosa. Che cosa? Cosa stava dicendo? Ashton e Lauren non riuscivano a capirlo. “Qualcosa”, “Qualcuno”, “dietro”. Che cosa?

“Di che cazzo sta parlando? Ashton, abbassa i finestrini”.

Ashton premette il pulsante e tutti e quattro i finestrini si abbassarono. Kaitlin stava urlando.

“C'è qualcuno nel retro della tua macchina! Sul sedile posteriore! C'è un ragazzo sul sedile posteriore del tuo caaaaarrrrrr! Ahhhhhhhh! Noooooo! Lasciami andare! Nooounnngggghhh!”

Dustin aveva già fatto la sua mossa. E colpì come un fulmine. Alzandosi verso la finestra, si allungò all'esterno, immergendo la mano sul davanti del vestito rosso scollato di Kaitlin, fino alla profonda scollatura. Ha afferrato una delle sue deliziose tette senza reggiseno 38DD con la sua forte mano destra, stringendola forte, spingendola in avanti, tirandole la testa attraverso la finestra aperta, prima di premere di nuovo il pulsante. Prima che Kaitlin potesse tirarsi indietro, il finestrino si sollevò, chiudendosi sul suo collo snello, bloccando il suo viso stupendo e i riccioli biondo platino all'interno dell'auto mentre il suo corpo voluttuoso e le lunghe gambe ricoperte di calze si contorcevano fuori. Scalciando e dimenandosi. Soffocamento e gorgoglio. Torcere e girare. strillando. E strillando. E strillando. I sandali rossi con tacco a spillo di Kaitlin raschiavano sul vialetto di ghiaia mentre inciampava contro la fiancata dell'auto. Grida e urla. Spingendo sulla finestra oscurata. Sbattere i pugni sul vetro. Afferrando la finestra con le dita, spinse freneticamente contro il vetro immobile con le mani, cercando di spezzare la morsa di ferro che la finestra aveva sulla testa e sul collo. Le grandi tette di Kaitlin fuoriuscirono dallo scollo a V del suo miniabito rosso, appiattendosi contro il freddo vetro della finestra. Il suo culo tondo e sodo si tese all'interno del vestito corto e attillato, i grossi panini si dimenano selvaggiamente mentre la sua lotta e i suoi strilli si intensificavano. La sua lingua sporgeva sensualmente tra le sue labbra rosso rubino, ei suoi grandi occhi azzurri si allargavano e si gonfiavano mentre iniziava a strangolare lentamente, la testa intrappolata nella finestra che si chiudeva.

"Uno giù, due per andare" pensava Dustin, mentre rivolgeva la sua attenzione ad Ashton e Lauren. Ma le due bionde stavano già facendo la loro mossa. Poteva vederli entrambi. Raggiungere qualcosa. La mano di Ashton era nel vano portaoggetti dell'auto. Quella di Lauren era nella sua borsa. Stavano tirando fuori le pistole. E voltandosi verso il sedile posteriore. La mente di Dustin iniziò a correre.

"Merda, un'ora fa pensavo che queste ragazze americane fossero solo un mucchio di prostitute di alta classe. Che succede con tutte quelle fottute pistole? E tutta questa merda di QAnon?"

Quando ebbe finito di pensare, Dustin afferrò una manciata dei lunghi capelli biondi di Ashton e tirò con forza, tirando fuori la bionda urlante dalla sua posizione seduta, e per metà all'indietro sul sedile del guidatore. Con la testa e le spalle ora appese al sedile posteriore, la voluttuosa puttana continuava a urlare. E urlando. E urlando. Agitando la pistola in aria, cercando di sparare. Grandi tette che esplodono dalla sua parte superiore. Mini in pelle che cavalca in alto sulle cosce sode. Stivali con i tacchi a spillo che sbattevano contro il volante e il parabrezza mentre le sue lunghe gambe pompavano e scalciavano.

Dustin ha aperto il suo coltello a spillo italiano e ha guidato la lama da 13 pollici attraverso la parte posteriore del sedile del conducente e nella schiena di Ashton, impalando la bionda urlante sulla lunga lama del coltello in acciaio inossidabile. La lama ha tagliato il tessuto del sedile, la pelle lucida, la pelle morbida, i muscoli tonici e le ossa dure prima di esplodere nel grosso seno destro di Ashton, tagliando verso l'alto la sua succulenta carne di cincia, perforando il suo capezzolo e la parte anteriore della sua cavezza senza spalline, lasciando un buco frastagliato nel tessuto stretto della parte superiore di pelle nera, con la punta del coltello insanguinata che spunta fuori e fuori. I grandi occhi azzurri di Ashton si spalancarono per l'incredulità, il suo sguardo fisso sulla lama affilata che sporgeva dal suo seno un tempo perfetto. La sua bocca si aprì in un urlo silenzioso mentre il sangue cominciò a gocciolare dagli angoli delle sue grandi labbra rosse. Poi è iniziato. La lotta selvaggia. Il furioso agitarsi delle armi. Il violento calcio di lunghe gambe con gli stivali. E i rumori. I rumori stridenti. Un crescendo crescente di percosse e urla mentre la bionda impalata cercava invano di liberarsi dalla lama da 13 pollici che la teneva attaccata al sedile.

Proprio in quel momento, Lauren si voltò, puntando la pistola verso il sedile posteriore. Dustin strappò la pistola dalla mano destra tremante di Ashton e infilò la canna tra i sedili. Il ruggito simultaneo di due pistole riempì l'aria di un rumore assordante. Dustin sentì l'alito caldo dei proiettili di Lauren che gli sfrecciavano all'orecchio, e sentì la frantumazione del vetro dietro di lui mentre la finestra esplodeva.

Un incidente mancato per Dustin, ma nessuna fortuna per Lauren.

Due proiettili bollenti hanno perforato il seno destro tremolante di Lauren, mentre un altro ha squarciato il centro della sua grande tetta sinistra, cancellando il suo grande capezzolo eretto. Un quarto proiettile squarciò il suo grazioso ombelico, frantumando il piercing all'ombelico di QAnon d'oro, seppellendosi profondamente nel suo intestino teso. Ansimò e grugnì mentre il suo corpo volava indietro, sbattendo forte contro la porta, forzandola ad aprirsi. Mentre il sangue schizzava dai tre buchi neri bruciati nella sua parte superiore blu lucida, gocciolava sulla sua pancia stretta e gocciolava fuori dalla sua bella bocca rosa, iniziò a cadere all'indietro fuori dalla portiera del passeggero che si apriva. Le lunghe gambe di Lauren si sono allargate, costringendo la sua minigonna metallica blu su per le cosce ed esponendo il suo perizoma di raso nero ricamato con strass. E un piccolo tatuaggio. All'interno della sua coscia destra. A QAnon. Un piccolo tatuaggio QAnon. Carino. Molto carino.

Cercando di tirarsi su, artigliava disperatamente il sedile del passeggero con la mano sinistra mentre agitava freneticamente la pistola con la destra. Cercando di raddrizzarsi. Doveva sparare un altro colpo. Lei doveva. Ma stava cadendo dall'auto. E non riusciva a tirarsi indietro. Più si sforzava, più la testa e le spalle scivolavano fuori dalla porta. Le gambe lunghe ora sono divaricate, il piede destro di Lauren è rimasto impigliato sotto il cruscotto, mentre il suo piede sinistro era drappeggiato tra i sedili, le scarpe con tacco a spillo appese dietro. Mentre cadeva ancora più lontano dalla portiera, la sua mano destra sbatté forte contro il bordo del cruscotto. Lauren perse la presa sulla pistola, che cadde sull'asfalto, a pochi centimetri dalla sua mano tesa.

Dustin si appoggiò allo schienale, prendendosi un secondo per riprendere fiato. Ma le sue orecchie cominciarono a fischiare. Da tutto il rumore. L'urlo di Ashton combinato con i gemiti di Lauren e il gorgoglio di Kaitlin stavano iniziando a dargli un grosso mal di testa. È ora di prendere una decisione. Vediamo.

"Eenie, Meanie, Minie, Moe, prendi una cagna QAnon per la punta, se urla... uccidila prima."

Ashton. Sì, avrebbe affrontato prima Ashton. Aveva senso. Sicuramente stava facendo più rumore. Lauren stava solo gemendo. E Lauren non era più una minaccia. Aveva perso la sua pistola. E lei stava uscendo dalla porta. Colpo allo stomaco. Colpo di tetta. E sanguina su tutto quel lucido top a tubino blu. E nemmeno Kaitlin sarebbe andata da nessuna parte con la testa incastrata nella finestra. E inoltre, stava solo soffocando e gorgogliando. Ashton. Sì, Ashton sarebbe il primo.

Dustin la osservò lottare disperatamente. I suoi lunghi capelli biondi le ricadevano dietro, drappeggiati sul sedile posteriore, oscillando avanti e indietro mentre si contorceva e si contorceva. Gli piaceva il modo in cui appariva con quel vestito sexy di pelle nera. Tutto era così breve e stretto. I suoi alti stivali neri con i tacchi a spillo sbattevano e si schiantavano contro il volante e il soffitto dell'auto mentre scalciava e scalciava e scalciava e scalciava quelle gambe lunghe e ben fatte. La sua minigonna di pelle attillata si allungava intorno al suo culo sodo, scivolando su e giù per le sue lunghe cosce toniche mentre si girava e si girava. Le sue splendide tette si gonfiarono e uscirono dal suo top in pelle, la lunga punta del coltello che si alzava come una punta d'argento dal centro del suo enorme seno destro.

Poi lo vide. Il tatuaggio. Un po' QAnon. Proprio come quello di Lauren. In alto all'interno della coscia sinistra. Proprio accanto al perizoma di pelle nera che copriva a malapena la sua figa ben rifinita. Si chiese se anche Kaitlin ne avesse uno. Un tatuaggio... e un perizoma... e una figa carina. Lo avrebbe scoperto abbastanza presto.

Dustin si avvicinò, sussurrando all'orecchio di Ashton mentre le accarezzava i lunghi capelli biondi con la mano sinistra, le palpava il perizoma di pelle con la destra e usava la lingua per leccare lentamente il sangue che gocciolava dalla lama affilata del coltello che le usciva dal seno .

"Ho sentito la tua amica Lauren dire che ti piace il "bacio alla francese, lungo e lento". Ne vuoi un po' adesso? Lascia che ti mostri la mia tecnica speciale. Ti piacerà. Ogni tanto lo uso su una bella ragazza come te. Sarà un'esperienza irripetibile per te. È un vero assassino. te lo garantisco».

Dustin iniziò a leccare lentamente le labbra rosse di Ashton, poi le pizzicò le narici appena prima di mettere la sua bocca sulla sua. Il talentuoso sicario italiano chiuse le sue labbra intorno alle sue, costringendo la sua lingua nella gola mentre il suo selvaggio contorcersi e strillare si intensificava. La baciò alla francese profondamente, immergendo la lingua dentro e fuori dalla sua bocca, facendola rotolare in tondo mentre lei lottava freneticamente per prendere aria. I suoi lunghi capelli oscillavano avanti e indietro dietro di lei mentre si sgroppava e si rotolava sul sedile, artigliando Dustin con le sue unghie dipinte di rosso mentre lui la baciava profondamente... e le impediva di respirare.

Dustin continuò il suo bacio della morte, tenendo la bocca chiusa sulle labbra rosso rubino di Ashton, chiudendole il naso con la mano sinistra, mentre usava la destra per esplorare il suo corpo voluttuoso e contorto. Facendo scivolare la punta delle dita avanti e indietro sulla sua pancia piatta. Accarezzando la parte anteriore della sua mini in pelle. Raggiungendo sotto per accarezzare e stringere la parte anteriore del suo perizoma di pelle lucida. Esplorando la dolcezza che giaceva sotto. Accarezzando i suoi grandi battenti tremolanti. Spremere e spremere e spremere i suoi magnifici seni attraverso la morbida pelle sexy del suo top senza spalline. Ancora una volta, le sussurrò all'orecchio.

“Va bene, piccola. Preparati. Ecco che arriva. Questo è per Stacey”.

Dustin afferrò il manico del coltello che sporgeva dal sedile, fece scivolare lentamente fuori la lama e poi la spinse indietro con forza. Ancora e ancora e ancora, tirò fuori il coltello e lo rimise nel sedile. E ad Ashton. Con ogni spinta profonda, più della punta del coltello insanguinato esplodeva su e fuori dal suo seno ondeggiante e oscillante. Ashton rabbrividì e fremette, alzandosi dal sedile ogni volta che la lama affilata squarciava un nuovo buco frastagliato nella sua stretta capestro di pelle. Si alzò un'ultima volta, inarcando la schiena, le tette spinte verso l'alto, gli occhi spalancati, le gambe che si contraevano, gemendo forte, poi cadde all'indietro. Silenzioso. Immobile. Morto.

Uno giù, due per andare.

Dustin si sporse in avanti. Stava sudando. Baciò di nuovo Ashton, spingendo la lingua in profondità nella sua bocca bagnata mentre passava le mani attraverso la lunga criniera di folti capelli biondi appesi al pavimento del sedile posteriore. Questo è stato sicuramente un duro lavoro. Ma comunque molto soddisfacente. E almeno adesso era un po' più tranquillo. Solo una ragazza geme e un'altra gorgoglia. Avrebbe avuto a che fare con Lauren dopo. Avrebbe tenuto Kaitlin per ultima. Assomigliava davvero a Marilyn Monroe. Gli piaceva. Inoltre, Kaitlin era quella che aveva ferito di più Stacey. L'avrebbe fatta per ultima. E lui l'avrebbe goduta di più. Kaitlin bella e sensuale. Kaitlin biondo platino. Con quel vestito rosso attillato. E quelle gambe lunghe e muscolose. E quelle grandi tette sode. E quel culo rotondo e invitante.

Dustin raccolse di nuovo la pistola di Ashton e guardò Lauren, ancora sdraiata sulla schiena, che cadeva in parte fuori dalla portiera del passeggero. Una gamba sotto il cruscotto sotto il volante, l'altra gamba spinta tra i sedili, la sua pompa con i tacchi a spillo quasi posata in grembo a Dustin. Gambe divaricate. La micro minigonna blu le arrivava ai fianchi. Contorcendosi. Dimenarsi. Lamenti. Colpo allo stomaco. Proiettili sepolti in grandi tette sode. Top in tubo blu brillante macchiato di rosso. Ma era ancora viva. E sta ancora cercando disperatamente di recuperare la propria pistola. La pistola che giaceva a terra fuori dall'auto. A pochi centimetri dalla sua mano tesa.

Dustin si sporse tra i sedili, guardando attentamente Lauren. Ammirando il suo bel viso e il corpo stretto e atletico. Guardando la sua minigonna blu salire e scendere sulle sue cosce sensuali. Grandi tette spinte verso l'alto. Capelli biondi appesi fuori dalla porta. Fece scivolare la canna della pistola su e giù per la sua lunga gamba destra, tracciando il contorno del suo tacco appuntito a punta, e la curva del suo polpaccio ben fatto e della coscia tonica. Accarezzandole la gamba su e giù dalla caviglia all'inguine, facendo rotolare la canna avanti e indietro sul suo tatuaggio QAnon, toccando e sondando la parte anteriore del suo perizoma di raso nero con la canna ancora fumante. Spingendo lentamente la pistola su e sotto la sua gonna metallica blu lucida, facendola scorrere di nuovo fuori, e poi di nuovo lungo la sua coscia. Scivola di nuovo sotto la gonna, poi torna fuori. Ancora ed ancora. Su e giù. Dentro e fuori. Frugare, sondare, esplorare. Mentre si contorceva e si contorceva. Allungando il braccio sopra la testa. Cercando di raccogliere la sua arma. Era vicina. Così vicino. Dita che si dimenano a pochi centimetri di distanza. Si è allungata. Ha teso.

Dustin stava davvero cominciando ad ammirare il suo sforzo.

“Ci sei quasi, piccola. Prova solo un po' di più. Ci sei quasi. Avanti. Allungalo. Ci sei quasi. Avanti. Solo un'altro po. Là. Questo è tutto. Ce l'hai!"

Dustin la guardò impugnare la pistola con la mano destra. Cercando di rialzarsi. Cercando di puntare la pistola.

“Ti ho sentito dire ad Ashton che lo ami davvero tanto nella tua figa. Beh, Ashton non può aiutarti in questo ora, piccola, ma io posso. Ho qualcosa per te. Qualcosa di duro per la tua figa. Sì, qualcosa di difficile. E caldo. Veramente caldo. Qualcosa che ti riempirà. Bello e profondo. Sai. Cerco sempre di compiacere, piccola. miro a compiacere. Scusate dolcezza, ma il vostro tempo è scaduto. Questo è per Stacey.»

Dustin si chinò tra le gambe di Lauren, facendo scivolare la sua pistola su per la sua coscia finché non scomparve sotto la sua gonna corta, facendo rotolare la canna in lenti cerchi sugli strass che adornavano il suo lucido perizoma di raso nero. Poi ha premuto il grilletto.

Per un istante, un ruggito assordante echeggiò all'interno dell'auto. Lauren grugnì rumorosamente mentre la lumaca calda le faceva un grosso buco al centro del perizoma, perforandola, sollevando il suo corpo in aria, gettandola indietro. Con le braccia che si agitano, le gambe che scalciano e i seni che tremano, salpò all'indietro fuori dalla portiera, sbattendo a terra fuori dall'auto con solo le sue lunghe gambe ancora dentro. Sdraiata sulla schiena, con le tette in su, si contorse e si contorse, rotolando, torcendosi, girandosi. La sua micro minigonna attillata scivolò lungo le cosce, arricciandosi sui fianchi, esponendo il perizoma intriso di sangue e la figa perforata. Gambe tornite si alzarono in aria, scalciando e scalciando e scalciando e scalciando. selvaggiamente. Le sue décolleté nere con tacco a spillo volavano via dai suoi piedi tremanti, esponendo unghie dei piedi dipinte di rosso e anelli dorati lucidi.

Lauren inarcò la schiena, gemendo, gemendo, ruotando i fianchi da un lato all'altro. Le sue lotte si sono indebolite. Esalò un'ultima volta. Bocca aperta. Occhi spalancati. Era finito. Due in meno, uno in partenza. signorina Kaitlin.

Dustin scivolò sul sedile. Faccia a faccia con Kaitlin. Ora con gli occhi sbarrati e diventata blu, stava perdendo la sua epica battaglia con la finestra che le intrappolava il collo snello. Aveva bisogno di aria. Bocca a bocca. Sì, questa era la risposta. Un po' di bocca a bocca. Le accarezzò entrambe le mani tra i folti capelli color platino. Leccò la punta della sua lingua sporgente e assaggiò il sapore di ciliegia del suo rossetto rosso. L'ha baciata. Profondamente. Scrutandole la bocca con la lingua. E ha abbassato il finestrino. Mai così leggermente. Ha tossito. Lei sussultò. Inspirando boccate d'aria mentre la finestra le cadeva dal collo. Dandole un po' di spazio per respirare. Il colore stava cominciando a tornare sul suo bel viso. Buono. Non vorrei che morisse troppo presto. C'era molto di più da fare.

Kaitlin iniziò a gridare. Holler a Dustin. Un minuto stava strangolando alla finestra, ora non voleva stare zitta.

“Stupido bastardo! Chi sei? Chi cazzo sei? Hai ucciso Ashton e Lauren! Tutto a causa di quella stupida puttana nera, Stacey? Sei pazzo? Sei fottutamente pazzo? Mein Gott! Lei non era niente! Niente! Era una puttana nera senza valore! Figlio di puttana! Non te la caverai mai con questo! Non uscirai mai vivo da qui! Siamo più di noi! Dentro! Siamo più di noi! Siamo tutti ariani e forti! Non come quella piagnucolona troia nera, Stacey! Siamo tutti biondi e belli! Abbiamo pistole e ti fermeremo! verremo a cercarti! E uccidi te! Nicole ti ucciderà per questo! Quando mi libererò, ti ucciderò! ti ammazzo io stesso! Lasciami andare! Lasciami andare ora! porco! Lasciami andare! Ora!"

Dustin le afferrò di nuovo la testa, accarezzandole le dita tra i folti capelli color platino. Si avvicinò per un altro profondo bacio alla francese. Lei strillò e si divincolò per un momento, ma poi si rilassò mentre lui le tastava le grandi labbra rosse e la bocca calda e bagnata con la lingua ancora una volta. Poi si tirò indietro.

“Ssshhh! Ssshhh! Stai tranquillo, lo farai. Devi imparare a calmarti e rilassarti un po', piccola. Non ti lascio andare. Ti ucciderò. Allora ucciderò tutte le tue amiche bionde QAnon quando usciranno per vedere cosa sta succedendo. Allora ucciderò Nicole Arbour. E non puoi fermarmi. Ho sentito che la tua amica morta Lauren ti chiamava "un vero bandito dal culo". Ha detto che "hai fatto davvero una bella figura nel culo di Stacey". Stacey era la mia amante. Lo sapevi? Non credo. Cosa le hai fatto? Mi chiedo. lo scoprirò. Proverò alcune cose su di te. Un piccolo esperimento. Dovrai farmi sapere se sono sulla strada giusta. Aspettare. Mi scusi un minuto. Penso di sentire qualcuno alla porta sul retro. La tua porta sul retro. Ed è una dolce porta sul retro. Ci vediamo lì tra un minuto!”

Dustin scese dall'auto e si diresse verso il lato in cui Kaitlin stava lottando, con la testa attraverso il finestrino. Accarezzò il suo cazzo fino alla massima durezza mentre la guardava divincolarsi, contorcersi, urlare e imprecare. Le grandi tette di Kaitlin tremavano e oscillavano all'interno dello stretto scollo a V del suo vestito scollato mentre spingeva e tirava freneticamente la finestra, battendo i pugni sul vetro inflessibile. Il micro miniabito in lycra rosso lucido aderiva al suo corpo sinuoso come una seconda pelle, spalline sottili che drappeggiavano sulle sue spalle, schiena aperta che scendeva fino alla fessura del suo culo, tessuto in lycra rosso attillato che si estendeva intorno ai suoi fianchi pieni, coprendola a malapena intorno, panini sodi. Le sue gambe lunghe, magre e muscolose si riversavano dall'orlo altissimo degli abiti e in un paio di tacchi a spillo rossi con cinturino, i tacchi a spillo da 5 pollici che scattavano e sferragliavano sull'asfalto mentre inciampava e barcollava. Le calze di seta accarezzavano ogni centimetro delle sue gambe lisce ed elastiche, la cucitura posteriore lunga e scura che risaliva la parte posteriore dei polpacci e delle cosce come un'autostrada erotica, conducendo al paradiso.

Dustin entrò dietro di lei, premendo contro di lei, premendosi contro di lei, facendo scorrere le mani lungo la sua schiena nuda e sul suo miniabito in lycra elasticizzata lucida, seguendo la curva dei suoi fianchi, sopra la sua pancia piatta, su per il suo petto, strizzandola e strizzandola grande rack 38DD, di nuovo giù attraverso la sua vita ordinata, sotto il suo vestito, al suo perizoma rosso, accarezzando e accarezzando e accarezzando con le sue mani, accarezzandole le calze lucide, facendo scorrere la punta delle dita su e giù per le sue gambe sinuose, stringendola polpacci, poi si sposta in alto sulle sue cosce, verso la sua destinazione finale, il suo splendido culo, accarezzando, accarezzando, stringendo, sentendo la tensione dei suoi grandi panini rotondi attraverso il tessuto lucido di lycra del suo vestito rosso attillato. Dustin whispered softly in her ear as he slowly lifted the back of her tight mini…and saw the little QAnon tattoos on her beautiful big butt cheeks.

“Nice tattoos, fraulein. Just like your sexy, dead, QAnon bitch girlfriends. Sorry, they can’t help you. Nicole can’t help you either. You’re ass is mine now. Your ass is mine. Get ready, you big, beautiful, bootylicious, blonde bitch. Here it comes. This one’s for Stacey.”

“No! Noooooo! You fucking bastard! You can’t do this! You can’t do this to me! Attesa! Attesa! You’ll never get away with this! What are you doing? Don’t! Don’t touch me! Get your dirty hands off me! Get away! Get away from me! Bastardo! Don’t you dare! Don’t you dare touch me! I’ll kill you! I’ll kill you! Nicole will kill you! She would never let anything happen to me! I’m her lover! Her lover! You can’t do this! Nicole! Nicole! Help! Aiutami! Nicole! Nicole! No! Noooooooo! Nooooooooooooo! Nicole! Nicoleaaauuuuuhhhhhh! Annnnaaaaauuuuuuhhhhhhh! Oh mein gaauuuggghhhhtt! Annnnnnaaaaaaauuuuuuuuhhhhhhhhh! Annnnnnaaaaaaauuuuuuuuhhhhhhhhhhhhhhhhh!

Kaitlin shrieked like a banshee, howling Nicole’s name as Dustin mounted her big, round booty from behind, plunging his huge cock deep into her hot, juicy ass, up to the hilt. Kaitlin’s high-pitched squeals echoed inside the car as Dustin thrust hard and deep, plowing her creamy Aryan ass for the very first time. He picked up the pace. Stroking and stroking. In and out. In and out. Faster and faster. Deeper and deeper. Pumping her ample and curvaceous buttocks hard from behind as he pulled back on the thick gold chain of her gleaming QAnon necklace, using it like reins, gripping and pulling back as he thrust hard, deep into her warm and appetizing ass, riding her like a kinky cowboy, pounding her sweet cheeks as she bucked and rolled, her head twisting and neck stretching, trapped by the closed window and strangled by her own heavy QAnon necklace. Writhing. Squirming. Thrashing. Gurgling. Squealing. And squealing. And squealing. And squealing. And squealing. And squealing. And squealing.

Dustin slid his hands to Kaitlin’s curvy hips and pulled her back. Putting his full weight behind each thrust, he pounded her beautiful round buns with long full strokes, drilling deeper and deeper with his big, thick shaft. Her gorgeous bubble butt wiggled and jiggled, bouncing against his crotch as he continued his steady, deep stroking. Kaitlin’s spectacular tits rolled and wobbled, swinging from side to side as Dustin continued his erotic onslaught, grinding his 10” cock in and out of her tight ass like a red hot piston. The once proud and arrogant platinum blonde QAnon bombshell wailed and squealed with each powerful thrust, rising up on the tiptoes of her red stiletto-heeled platform sandals, curvy leg muscles tensing and tightening as Dustin rhythmically buried his huge cock up to the hilt in her delicious ass. Harder and harder. Faster and faster. Deeper and deeper. Stroke after stroke after stroke after stroke after stroke after stroke after stroke.

Dustin was almost there. He could feel it. Rising up like a volcano. Ready to erupt. He pumped her hard. Harder. Harder. Harder. Harder. Sì. Sì. O si. As he exploded into Kaitlin’s exquisite ass, Dustin heard her neck crack. She shuddered and jerked, twitching wildly, groaning loudly one last time, then went limp. Still hanging from the window. Arms at her sides. Huge 38DDs pressed flat against the side of the car. Platinum blonde hair spilling around her gorgeous face. Eyes bulging. Tongue poking out between her glossy red lips. Stocking-clad legs splayed out across the cold asphalt. Red lycra minidress hiked above her ass. Tiny red G-string wrapped around her ankles.

Dustin had to move fast now. He needed to find Nicole. But it wouldn’t be easy. There were more of these crazy blonde QAnon bitches inside the mansion. He would probably have to kill them all to get to Nicole. Might as well start now.

Dustin rolled the car window down once more, gripped Kaitlin by her luscious thighs, and hoisted her voluptuous body through the opening, part way into the back. She hung there with her upper body inside the car, neck stretched, head bent awkwardly, platinum blonde hair spreading in waves across the backseat, her upturned ass, long legs, and red spike heels still dangling out the window, rivulets of hot cum dripping down the backs of her shapely thighs and calves, staining her silk stockings. Dustin pulled off the sexy G-string dangling from Kaitlin’s ankles, rubbed the red panties slowly up and down the backs of her cum-stained legs, then held the G-string to his face, savoring the erotic aroma of his own cum mixed together with her hot sweat and the expensive body lotion she’d applied only an hour before her death. He pushed the sticky G-string past Kaitlin’s big, red lips and into her sensuous mouth, using his fingertips to push the sexy red panties deep down her throat.

Dustin moved over to Lauren. He slid his hands around her slender ankles, pulling her into the car, and laying her pretty feet and red-painted toes across Ashton’s naked thighs, leaving only her big tits, beautiful staring face, and long blonde hair dangling out the door. He slid Lauren’s black satin thong past her toned thighs, curvy calves, and pretty manicured toenails, then held it to his face, inhaling the erotic aroma of her warm blood mixed with the expensive perfume she’d sprayed on her pussy just 30 minutes before. Kneeling down, Dustin shoved the blood-and-perfume-drenched panties past Lauren’s pink lips and into her gaping mouth, using his fingers to force the black satin thong deep down her throat.

Ashton was fine where she was. Bent back over the driver’s seat. Impaled on Dustin’s switchblade knife. Tits up. Long hair hanging into the back. Booted legs draped over the steering wheel. Leather miniskirt bunched around her hips. Dustin pulled the switchblade from the seat back, using Ashton’s long mane of thick, golden hair to wipe the blade clean. He pulled the knife down across her chest, slicing her halter top in half to expose her two magnificent 34DD tits, then carved down through soft leather and toned thigh to sever the side strings of her sexy black leather thong. Gripping the shiny black triangle covering her pussy, he pulled up, tearing the panties off her cooling body. Dustin held it high, like a trophy, admiring the glossy black leather, and breathing in the erotic aroma of soft leather soaked and stained with the urine of a true Aryan bitch. Dustin wouldn’t stuff these panties down Ashton’s throat. He would keep them for himself.

Dustin could hear noises now. They were coming. The other blondes from the mansion. Coming outside. He would be waiting for them. And he would deal with them all. One after another. Then he would find their leader. Madam Nicole.

And the real fun would begin.

Storie simili

Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei...

723 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

577 I più visti

Likes 0

Balla con una concubina, parte seconda

Sono passate due settimane dal mio incidente nelle caverne. Si pensava che Nancy fosse scomparsa dalla sua famiglia, ma non potevo dire loro la verità. Conoscete quella su lei che ha accettato un patto da qualche gingillo magico e poi ha ordinato ai suoi scagnozzi di violentarmi. È ancora stupro se mi sono divertito fino in fondo? Forse ero uno di quei tipi sottomessi? Chissà? Ad ogni modo, appena sono riuscito a guadagnare abbastanza forze per lasciare il motel, sono scappato. Stuart e la sua amica con il fisico perfetto hanno cercato di fermarmi, mi hanno detto che c'erano molte cose...

469 I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

602 I più visti

Likes 0

Rigorosamente di testa

QUESTA E' FANTASIA QUESTO NON E' SUCCESSO DAVVERO. QUESTA E' LA MIA PRIMA STORIA!!! era una calda giornata estiva, stavo appena uscendo dal lavoro e vedo un vecchio amico. era in piedi vicino alla sua macchina. il suo nome è volontà. ora sarà molto facile per gli occhi. è alto circa 6 piedi 2, molto muscoloso, di carnagione scura e carino. ha un sorriso molto caloroso e dà abbracci incredibili. sono alto circa 5 piedi e 5, un po' spesse, tette di taglia 38f, pelle bianca e cremosa molto pallida e ho una personalità straordinaria. Corro da Will e gli do...

526 I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

699 I più visti

Likes 0

Il mio progetto scolastico, MAMMA 2

Il mio progetto scolastico, MAMMA 2 Questa è la seconda parte di questa storia per capirla meglio ti consiglio di leggere la prima parte. I commenti sono i benvenuti. Sabato mattina Sherry si è svegliata alle 7:30. Si sentiva meravigliosa, ma poi si rese conto che aveva lo sperma secco su tutto il sedere. Mio Dio, ho fatto un sogno bagnato la scorsa notte e non mi sono ricordato che le è passato per la mente. La sua figa era dolorante e tesa, e il buco del culo le bruciava un po'. Rimase in piedi a guardare tutto lo sperma secco...

808 I più visti

Likes 0

Wendy e Miss West iii

Il terzo di tre Wendy è stata condotta con gli occhi bendati dalla signorina West verso una porta sul retro dell'ufficio. La signorina West inserì una chiave e aprì la pesante porta di quercia di quello che dall'esterno sembrerebbe essere un magazzino vicino all'ufficio principale. Entrando, se Wendy avesse potuto vedere, avrebbe visto una piccola stanza, circa 6 piedi quadrati, dipinta di nero con anelli di metallo fissati a varie altezze lungo le pareti e in vari punti al soffitto. La stanza era illuminata con faretti orientati in tutte le direzioni. Wendy era in piedi al centro della stanza molto illuminata...

564 I più visti

Likes 1

Maturo per la raccolta - Parte 4

Maturo per la raccolta - Parte 4 Di Kevin Moore Bryan mi ha legato al letto in un tempo doppio, e poi ha recuperato una fotocamera Pentax Spotmatic dall'armadio - in seguito ho scoperto che quell'uomo era un fotografo professionista e che i bum-boy e la pornografia erano le sue due principali passioni nella vita. Mentre armeggiava con la telecamera, un uomo di colore nudo è entrato nella stanza. «Piacere da parte tua a presentarti finalmente, Lloyd», disse Bryan. Kevin avrebbe potuto essere sdraiato qui per ore, in attesa di un vero furto reale da parte del mamba nero. «Culo con...

576 I più visti

Likes 0

Migliori amiche moglie incinta Pt 1

Avevo sempre sentito dire che le donne si arrapavano di più durante la gravidanza, ma non mi rendevo conto di quanto fosse brutto fino a quando il mio migliore amico e sua moglie non rimasero incinta. Da quando sono stato licenziato l'estate scorsa, pago i conti facendo lavori saltuari in giro per la città; tinteggiatura di case, tettoie e falciatura dei prati. Michael, il mio amico, lavora in una fabbrica molto ben pagata, e immagino che abbia deciso di aiutarmi assumendomi per dipingere la sua cucina e il suo bagno, anche se non c'era niente di sbagliato nella vernice. Ero felice...

755 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.