Regina Yavara: capitolo 35

690Report
Regina Yavara: capitolo 35

Per coloro che non hanno letto Queen Yavara: Adrianna's Story, ne ho incluso una sinossi di seguito. La storia era un racconto che descriveva in dettaglio la trasformazione e l'evoluzione del personaggio di Adrianna e comprendeva i capitoli dal 28 al 34.

Sinossi della storia di Adrianna

Adrianna impiega le sue abilità di comandante per governare la popolazione selvaggia di tribù e immigrati Ardeni. Si guadagna il loro rispetto attraverso una brutale dimostrazione di forza e, a sua volta, dimostra agli altri ibridi di essere capace di essere governante, anche se è riluttante a farlo. Ci sono altri sette ibridi che Yavara ha cambiato. Le donne diventate ermafrodite sono: Eva Alecia, Furia Agustinia, Alexa Jenania e Kiera Lestria; gli uomini diventati donne sono: Faltia Dafian (ex Faltias), Soraya Poneria (ex Soren), Brianna Dedaclia (ex Brian) e, naturalmente, Arianna Alkandra (ex Thomas Adarian, il cui cognome è stato privato di lui da Yavara).

Dopo che Adrianna incontra la popolazione il primo giorno, gli ibridi si accoppiano ed esplorano i loro nuovi desideri e la loro sessualità. Soraya si rende conto di essere masochista e quindi fa coppia con Eva, la sadica. Alexa e Faltia sono sempre state attratte l'una dall'altra quando erano ranger, e così si accoppiano. Kiera e Brianna sono spiriti liberi che la pensano allo stesso modo e trovano la stessa identità l'una nell'altra. Adrianna trova in Furia una ragazza timida, a cui può dare conforto e da cui, a sua volta, essere confortata. Anche Furia ha un cazzo enorme e probabilmente passo troppo tempo a descriverlo.

Il giorno successivo Adrianna inizia a delegare il potere agli altri ibridi. Faltia diventa il comandante della guardia, poiché era comandante di compagnia quando era ranger. Brianna diventa la direttrice delle popolazioni, poiché ha eccellenti capacità interpersonali. Soraya diventa la prima scriba, poiché è una studiosa, ed era la sua posizione precedente quando era un ranger. Alexa diventa l'ingegnere capo e l'architetto, poiché ha un'astuta mente meccanica. Eva diventa direttrice delle attività di sensibilizzazione, perché è bravissima a mettere in scena uno spettacolo. Furia viene incaricata di aiutare Brianna, perché Adrianna non conosce ancora le sue capacità e pensa di dover essere più audace. Kiera viene messa in contatto agricolo con Arbor e le ninfe, che piantano i campi e coltivano i raccolti a velocità innaturali.

Arbor è preoccupata per la sua figlia preferita, Rose, che ha mostrato segni di corruzione, una malattia che trasforma le ninfe in succubi. Dice a Kiera che nessun ibrido può toccare Rose pena la morte. Nonostante questo, Kiera e Rose stringono un'amicizia. Nel frattempo, Alexa e Faltia vanno in città per reclutare nuovi membri per la guardia cittadina e le squadre di costruzione. Eva assiste nei loro sforzi di reclutamento offrendo Soraya come ricompensa sessuale a chiunque si iscriva. Soraya è pienamente d'accordo, ma Faltia ne è disgustata... all'inizio. Mentre Faltia lotta con la tentazione di prosciugare l’intera città, Furia lotta con l’idea che Adrianna non si fida di lei tanto quanto si fida degli altri ibridi. Volendo dimostrare che la sua nuova ragazza ha torto, Furia affronta Certiok Terdini, la principessa orca, e la nuora di Brock.

Certiok seduce Furia contro la sua stessa volontà, ma la situazione cambia quando la genetica dell'incubo di Furia prende il sopravvento sull'intraprendente orca. Adrianna si imbatte nella coppia e, attraverso esibizioni sessuali e combattimenti lascivi, Adrianna e Certiok formano una tenue collaborazione. Certiok dice che aiuterà Adrianna a governare le tribù ingovernabili solo se darà alla luce il figlio di Trenok, e Adrianna, non vedendo altra scelta, è d'accordo. Nel frattempo, Faltia e Alexa soccombono vergognosamente ai loro desideri da troie e aiutano con esuberanza Soraya ed Eva nel tentativo di far saltare l'intera città. Brianna e Kiera si uniscono presto al divertimento senza alcuna trepidazione. Quando Certiok parte per unirsi alla dissolutezza della città, Adrianna dice in segreto a Furia che Elena Straltaira è viva e che è innamorata di Leveria. Fa giurare a Furia che se Yavara mai invadesse le Highlands, Furia aiuterà Adrianna a ucciderla.

Dopo sei giorni, ciascuno degli ermafroditi ha messo incinta i rispettivi partner. Adrianna, che si sta risparmiando per Trenok quando arriva con i membri della tribù dei Dieci, è in uno stato di iperovulazione e non riesce a pensare lucidamente. Arbor le dice che il colpevole è la genetica succube di Adrianna, e lei impazzirà di desiderio se non rimarrà incinta. Gli ermafroditi avvertono dentro di sé gli effetti dell'iperovulazione, ma questa è temperata dai geni dell'incubo.

Faltia cerca di disciplinare i suoi nuovi soldati prima dell'arrivo delle dieci tribù, ma fatica a farsi ascoltare dagli orchi. Va da Eva per un consiglio ed Eva decide che la migliore linea d'azione è legare Faltia a una croce e far fare a turno tutto il suo plotone. Faltia inizialmente non è d’accordo, ma si lascia convincere facilmente. Brianna e Soraya utilizzano metodi simili per creare legami con i propri dipendenti. Mentre Kiera e Rose sono sole, Rose ci prova con Kiera. Kiera se ne va, temendo l'ira di Arbor, e Rose è gravemente delusa. Adrianna teme che Furia non mostri la stessa audacia degli altri ibridi. Dopo aver esaurito tutte le altre opzioni, porta Furia da Eva in modo che Eva possa insegnare a Furia come essere... "audace". Eva cerca di sedurre Furia, e Furia si oppone, credendo che il sesso tra altri ibridi sia un tradimento. Eva dice a Furia che gli ibridi sono diversi, che sono più veloci, più intelligenti e più saggi della maggior parte delle persone, e quindi sono al di sopra dei fetidi legami della monogamia. Per dimostrarlo, Eva violenta Furia nel culo. Ora, probabilmente non andrebbe d'accordo con la maggior parte delle persone, ma Furia lo adora dannatamente. Furia arriva alla consapevolezza di essere potente e controllante, e ribalta la situazione contro Eva. Eva si diverte mentre viene sodomizzata in modo orribile e ammette che Furia è l'alfa del gruppo.

Nel frattempo Adrianna soffre molto per la sua iperovulazione. Temendo di tentare di saziare il suo appetito e di rovinare il suo accordo con Certiok, si chiude nel castello. Certiok si rende conto che Adrianna non le sarà di alcuna utilità se è una sciocca maniaca e piagnucolosa, perché Adrianna dovrà essere al massimo della sua intelligenza quando incontrerà le matriarche dei Dieci. Chiede aiuto agli altri. Quando arriva alla tenda di Eva, scopre che tutti gli ermafroditi hanno infranto i loro voti di monogamia e si stanno scopando a vicenda. Furia è la più dominante sessualmente, poi Eva, poi Kiera, poi Alexa, che scopre che il suo lato omosessuale maschile è molto sottomesso e masochista quasi quanto Soraya. Brianna, Soraya e Faltia assistono all'orgia e si rendono conto di non provare gelosia. Sono tutti d'accordo nel tornare al castello e aiutare Adrianna. Poiché Adrianna non può portare il seme nel suo grembo, ne consegue un'orgia anale e le riempiono il retto con innumerevoli carichi prima di tapparlo.

Il giorno successivo, Trenok guida le tribù ad Alkandra. Gli abitanti della tribù sono meravigliati dalle meraviglie dell'architettura che Alexa ha creato in così poco tempo, ma Trenok si concentra solo sul suo odio per l'uomo (ora donna) che ha ucciso sua madre. È scioccato dalla bellezza di Adrianna e dal modo in cui riesce a superare con discrezione i tentativi delle matriarche di abbatterla. Lui la ammira e questo lo spaventa, quindi la sfida a duello. Adrianna è troppo veloce per lui e gioca con lui per tutta la battaglia prima di puntargli la lama alla gola. Invece di farlo arrendere umiliato o costringerlo ad accettare la morte, lo scopa davanti a tutti. Trenok soccombe a una lussuria mai provata prima e perdona Adrianna.

Più tardi quella notte, Certiok e Adrianna ingannano le matriarche facendole rinunciare a tutto il loro potere, rendendo Adrianna e gli altri ibridi i governanti ufficiali del paese. Trenok confida ad Adrianna che è felice che lei abbia dato alla luce suo figlio, perché ora sa che il tempo delle tribù degli orchi è finito. Arbor trova Rose in uno stato maniacale, quasi morta con i suoi desideri. Arbor fa l'amore con suo figlio, sapendo ora che Rose è stata infettata dalla corruzione. Giura di trovare un modo per salvarla.

Dopo due settimane, il principe Matthew Dreus delle Lowlands arriva nella Baia di Alkandran per diventare il primo ambasciatore di Alkandra. Dopo diversi giorni in mare, stabilisce un contatto con suo padre, il re Alberto Dreus, tramite il magico portale dello specchio. I relè a specchio funzionano in modo molto simile alle torri telefoniche, dove gli specchi “si vedono” a distanza per comunicare messaggi. Il Corno di Alkandran, un'enorme penisola che sporge dalla costa orientale di Tenvalia, impedisce la comunicazione speculare con Ardeni per quasi una settimana. Il padre di Matthew gli dice che il loro ambasciatore nelle Highlands, Fran Wentz, è stato assassinato, probabilmente dagli assassini di Leveria. Re Dreus esprime preoccupazione per il fatto che, se l'esercito di Yavara prevarrà nella Tundra, diventerà troppo potente. La sua più grande preoccupazione è che Elena Straltaira sia tornata a Bentius e agisca all'interno della Corte Nobile. La famiglia Straltaira è terza in linea di successione al trono dietro Tiadoa e Ternias; Ternias, che ha il provvisorio appoggio di re Dreus. Re Dreus dice a Matthew che invierà degli assassini a Bentius se Yavara vince la battaglia.

Adrianna nomina Furia capo magistrato, ragionando che Furia è giusto e giusto, e cerca sempre di fare ciò che è giusto. Furia nomina le figlie tribali delle matriarche come sue studentesse di giurisprudenza e, naturalmente, crea con loro un culto sessuale. Tutti gli ibridi si fanno tatuare il corpo durante le loro scappatelle, alcuni di loro coprono tutta la loro carne alla maniera degli orchi. Brianna sta mostrando il suo nuovo tatuaggio sull'ano ad Adrianna quando arriva il principe Matthew.

Il principe Matthew è naturalmente sorpreso da Alkandra, che è cresciuta in modo impressionante sotto la cura del nucleo ingegneristico di Alexa. Adrianna gli fa fare un giro della città e, dopo aver visto troppa dissolutezza, fugge in preda al panico. Si ritrova in compagnia di Alexa, che riconosce subito la sua omosessualità. Formano un legame e Alexa lo aiuta a uscire dal suo guscio. Alla fine, il principe Matthew si trasforma in un vero e proprio puttana, si fa scopare da tutti gli ermafroditi e accetta con tutto il cuore il suo ruolo di vero diplomatico di Alkandran. Mentre si sta collegando, Adrianna decide di uscire in città da sola e divertirsi. Poche ore dopo, si ritrova svenuta sul tavolo di un casinò, e Certiok è lì per prenderla in braccio e accompagnarla a letto. Lungo la strada, Certiok nota che Adrianna ha un nuovo tatuaggio sulla schiena. Adrianna le dice che il tatuaggio è di Sherok, la moglie di Brock, che Adrianna ha ucciso quando era Thomas Adarian. Quando Adrianna si sveglia la mattina dopo, Yavara sta dormendo nel suo letto.

Nel capitolo finale di Adrianna's Story, Adrianna e il resto degli ibridi camminano sui gusci d'uovo attorno all'emotivamente instabile Yavara. Yavara cerca di ignorare il loro allontanamento, ma la ferisce molto, poiché li vede come l'unica famiglia che ha ora che Elena è (per quanto ne sa) morta. Kiera va a cercare Rose e invece trova Arbor. Arbor confessa con rammarico che non può salvare sua figlia, e così invita Kiera a fare sesso con lei in modo che possa finalmente trasformarsi in una succube e porre fine al suo tormento. Il resto degli ibridi e Yavara vanno nell'arena cittadina, dove Yavara si mostra insensibile e facilmente manipolabile dalla volontà della folla. Adrianna teme che ciò sia di cattivo auspicio per la guerra con le Highlands.

Più tardi quella notte, Adrianna e gli altri ibridi si sposano tutti con una cerimonia alimentata dalla droga. Arbor funge da sacerdotessa. Una Yavara molto ubriaca interrompe il matrimonio e, nel suo dolore e gelosia, prende il controllo della mente di Adrianna e inizia a ucciderla lentamente. Arbor decide di lasciare che ciò accada, poiché teme cosa potrebbe fare Yavara ai suoi figli se lei intervenisse. Tutti gli altri ibridi cercano di strappare Yavara ad Adrianna, ma non serve. Yavara è l'essere più potente al mondo e i loro pugni e coltelli non significano nulla per lei. Adrianna e Yavara hanno una conversazione mentale e Yavara si rende conto quasi troppo tardi di quello che ha fatto. Si lascia picchiare quasi a morte dagli altri ibridi prima di sgattaiolare nell'oscurità. Adrianna va a consolarla e le confessa che Elena è ancora viva. Non dice a Yavara che Elena si è innamorata di Leveria. Yavara è così sollevata dalla rivelazione che perdona Adrianna per tutto quello che ha fatto, e Adrianna la perdona. Fanno l'amore e, così facendo, trovano il loro amore reciproco.

E così finisce la storia di Adrianna.

Parte undicesima: situazione di stallo

Capitolo trentacinque

MARESCIALLO DI CAMPO SHORDIAN

Ho guardato attraverso il mio telescopio sopra l'Highland Rift. Sebbene il confine del Regno delle Highlands fosse tecnicamente tracciato appena ad est delle paludi, geologicamente questo fu l'inizio delle Highlands; una scogliera lunga trecento miglia che segnò il sollevamento dell'altopiano delle Highland. La leggenda dice che sia stato creato da un dio pagano diecimila anni fa. Ho pensato che fosse più probabilmente il risultato dell'erosione dei sedimenti.

"Ha attraversato le paludi." disse accanto a me il generale Florence Krakis.

"Questo, lo ha fatto." Ho acconsentito, chiudendo il telescopio.

Il comandante della cavalleria osservò l'orda di Alkandran inondare le pianure sottostanti, con i suoi stendardi che si stendevano da un orizzonte all'altro. “È un’invasione.” Mormorò.

"Non ancora."

"Cosa intendi?"

Indicai ampiamente la linea nemica. “Vedi come si stanno allungando così sottilmente? Un braccio dell'orda si sta muovendo verso nord, un braccio si sta muovendo verso sud e la testa resta qui. Stanno abbinando le nostre forze a North Fort, South Fort e Mid Fort. Se avessero intenzione di invadere, si accalcherebbero tra i forti per ridurre al minimo l’efficacia del nostro contrattacco”.

"Stai dicendo che ci hanno seguito attraverso le paludi solo per formare una linea?" Krakis alzò un sopracciglio incredulo.

Ho annuito. «Un assalto a tutto campo mentre siamo al massimo delle nostre forze sarebbe, nella migliore delle ipotesi, una vittoria di Pirro, ma se lui assottiglia le nostre linee e ci riduce giorno dopo giorno, in pieno inverno, ci saranno sezioni del Rift lunghe un miglio che noi non sarà in grado di coprire." Valutai le file di motori che si estendevano lungo la sommità della cresta: “Questo esercito rappresenta l'intera forza delle Highlands, ma Alkandra è ancora agli inizi. Il loro numero aumenterà mentre il nostro diminuirà. Il tempo non è mai stato dalla nostra parte in questa guerra, ma ora è il nostro più grande nemico. Brock lo sa."

Krakis si spostò a disagio. “Allora è una situazione di stallo.”

"Per adesso." Ho grugnito, sputando oltre il limite: “Il nostro destino ora è nelle mani dei politici. Dio ci aiuti tutti”.

ELENA

Leveria aveva i nomi delle dieci case maggiori scritti su pergamena e disposti in tre pile sul tavolo. Nel suo mucchio c'erano Tiadoa, Xantian, Shordian, Droughtius e Straltaira. In Ternias c'erano Ternias, Huntiata e Jonias. Tra di loro c'erano solo due pezzi di pergamena: Feractiano e Feltiano. Una pila di fiches da poker rappresentava i punteggi dei nobili minori, ma nel grande schema significavano molto poco. Erano solo numeri e quindi non avevano nomi.

"Dopo la vergognosa sconfitta e il suicidio di suo figlio, Lord Droughtius ha abdicato alla sua posizione a favore di sua nipote, Sofia, e anche lei ha le sue ambizioni." mormorò Leveria, prendendo il nome di Droughtius e spostandolo nella pila centrale. "Xantian è stato un alleato affidabile, ma presto non potrò continuare a ignorare le sue richieste di aiutarlo con i suoi contratti nanici, e cercherà altre strade." Spostò il nome di Xantian nella pila centrale. "Questo mi lascia solo con tua madre e mio marito."

"La mamma mi ha abdicato stamattina." Ho detto.

Leveria sussultò sorpresa. "Che cosa?!"

"Lo ha fatto in una lettera, che è proprio da lei." Alzai gli occhi al cielo, aprendo la missiva che avevo in mano: “Ieri sera è partita per la tenuta senza salutare. Dato che non hai vinto la battaglia su cui hai scommesso l’intero paese, le casse di Straltaira sono vuote e i contadini si chiedono quale sarà la loro paga. Ha bisogno di proteggere il fronte interno, quindi devo rappresentare la mia famiglia in tribunale.

"Lo hai fatto comunque molto meglio di lei." Leveria sorrise: “Eri già il rappresentante in tutto tranne che nel nome. Ora che sei in grado di fare proclami ufficiali, possiamo davvero iniziare a reclutare alcuni di questi nobili”.

"Uh Huh." dissi, e con nonchalance mi chinai sul tavolo, con un solo dito, estrassi il mio nome dalla pila di Leveria, e lo feci scivolare davanti a me.

Mi guardò a bocca aperta, con un'espressione di totale tradimento sul viso. "Fottuta stronza."

"Pensavo che saresti stato orgoglioso di me che mi sono messo in proprio." Ho imbronciato le labbra.

"Ti ho creato, cazzo!"

"E hai creato un mostro." Ridacchiai, colpendo il naso di Leveria.

Il suo viso pallido diventò così rosso che pensai che potesse scoppiare. Era assolutamente adorabile per uno psicopatico omicida. "Elena", sibilò, "se non rimetti il ​​tuo nome nel mio fottuto mucchio..."

"Farai cosa?" Ho sorriso: "Minacciarmi con morti per torture selvaggiamente creative?"

“Ti scuoierò vivo nella piazza della città e ti farò indossare la tua pelle come un vestito! Ti taglierò il cazzo e te lo inchioderò alla fronte, poi ti cavalcherò come un unicorno! Ti infilerò coltelli roventi nella fica e ti strapperò il grembo, poi entrerò dentro e ti farò partorire me!"

«L'ultimo era nuovo.» Ho ridacchiato.

«Non tradirmi, cazzo, Elena!» Lei ringhiò: "Hai visto cosa faccio a coloro che non sono leali!"

"E sono sempre stato leale, verso Yavara, come ti ho detto fin dall'inizio."

Leveria fece due respiri profondi dal naso, e li lasciò uscire dalla bocca, calmandosi. La sua rabbia era sempre un po' ironica per mascherare la sua perdita di controllo. Sapevo che questo la spaventava più di ogni altra cosa. Era sempre stata così misurata e precisa con le sue emozioni, ma dal giorno in cui Yavara aveva vinto la sua battaglia, era stata incline a scoppi d'ira. Si appoggiò al bordo del tavolo e indossò la sua maschera analitica, studiando la nuova disposizione come una scacchiera.

"Chi hai in tasca?" Lei chiese.

Nessuno a cui ho pensato con amarezza, ma ho detto: "Sai che non te lo dirò".

Mi ha sorriso. “Quindi hai qualcuno. Buono a sapersi."

"Non confermerò né smentirò"

"Non importa, non hai nessuno."

«Sei così sicuro?» chiesi con un sopracciglio alzato.

Lei sbuffò. «Attenta, Elena. Conoscere le proprie debolezze è la più grande forza di uno statista, e tu sei diventato molto arrogante”.

"È la mia spavalderia che ha affascinato la Corte Nobile."

"È quello che fai dietro le quinte che conta." Leveria mormorò: “E ancora non conosciamo la portata della cospirazione di Ternias. Quanti di questi nomi in mezzo gli appartengono segretamente?»

"Gioca di petto, ma possiamo fare delle ipotesi". Ho detto: “Era un convinto sostenitore della guerra, e questo lo ha indebolito. Il suo sostegno da parte di Ardeni non è più forte come una volta, e non può garantire ai suoi fattori il denaro che sarebbe arrivato dopo la bonifica delle Midlands. Con le casse vuote, la guardia cittadina di Huntiata ha scioperato e Huntiata ha perso la fiducia in Ternias”. Ho preso il nome di Huntiata dalla pila di Ternias e l'ho messo al centro. “Se quello che ho raccolto dalle mie fonti è corretto, la lealtà di Jonias è più profonda. Aveva intenzione di sposare Ternias una volta che avesse ottenuto la corona.

"Stupida troia."

Ho ridacchiato. "Sì. Ternias potrebbe avere un asso nella manica, ma penso che sia più probabile che chiunque avesse prima della battaglia ora non c’è più. Proprio come il resto del paese, la Corte Nobile è stata gettata nel caos”.

"E ora che lavori come freelance, cercherai di allontanarmi i nobili." Leveria disse, poi alzò lo sguardo verso di me: "Allora, ci rivolgiamo all'elefante nella stanza, allora?"

“La linea di successione familiare”.

“Con te a capo della tua casa, questo ti mette al terzo posto. Come hai detto, il paese è stato gettato nel caos. Chi sa cosa potrebbe accadere?"

"Questo è qualcosa che posso garantire che non accadrà." Ho riso.

Leveria sorrise con le labbra, ma non con gli occhi. “Ci sono state delle voci da parte di alcuni nobili minori. Sussurri di vassallaggio. Mentre la guerra infuria e stressiamo i cittadini fino al punto di rottura, i sussurri potrebbero ricevere voce da qualcuno che conta. Sarai tu, Elena?»

"Vai a farti fottere."

"Non comportarti come se il pensiero non ti avesse attraversato la mente."

“La mia unica posizione sarà per la pace”. Ho detto: "Il vassallaggio non è un'opzione, né io sono seduto sul trono, per quanto assurdo sia". Ho girato il mio nome sul tavolo, puntandolo verso il nome di Leveria, poi quello di Ternias. “Chi di voi stronzi testardi alla fine deciderà di invocare la pace, avrà il mio sostegno. Non minaccerò il tuo trono, Leveria, ma lo metterò piuttosto a disagio.

Lei rise. “Non essere ingenuo. Non è mai avvenuto un voto di sfiducia unanime da parte di una parte che convincesse tutti i nobili a votare contro la corona. Succede ottenendo abbastanza nobili da poter uccidere gli altri senza conseguenze. A chiunque dai il tuo sostegno, l’altro morirà”.

Le ho sorriso storto: "Posso essere senza cuore".

"Non così spietato." Disse piano, e mi sfiorò il mignolo con il suo.

La guardai accigliato. "Abbiamo concordato di mantenere le cose separate."

“Sei un solista adesso. In questo gioco a cui stai per giocare non ci sono regole. Quanto più sporco combatti, maggiori saranno le tue possibilità di sopravvivere. E combatto molto, molto sporco. Sibilò. I suoi occhi attraversarono il mio corpo, posandosi sul rigonfiamento del mio vestito.

"L'udienza è stata aggiornata?" chiesi, inarcando la schiena per presentare il mio corpo.

I suoi occhi incontrarono i miei ancora una volta. “Mi hai tradito oggi. Se fossi qualcun altro, imploreresti la morte in questo momento. Penso che stasera mi sia dovuto qualcosa di speciale."

Fissai quello sguardo crudele color zaffiro, quel viso bellissimo e imperioso, e il mio cazzo si irrigidì contro il mio vestito di raso. Sapevo cosa voleva da me, ma anche se fossi stato per metà elfo scuro, mi spaventava. Eppure l'amavo e il suo sadismo perverso era parte di quell'amore. Da quando mi aveva inflitto i suoi orrori nelle catacombe del castello Thorum, aveva trattenuto i suoi peggiori desideri. Mi aveva lasciato dominare, mi aveva permesso di abusarla e devastarla, e lo aveva amato, eppure sapevo che negli angoli oscuri della sua mente c'erano ancora fantasie che voleva realizzare sulla mia carne. In verità, quelle orribili notti nelle catacombe avevano cambiato anche me in modi oscuri. Agonia, terrore, sangue. Piacere.

Ho fatto un respiro, poi un altro, e ho sussurrato: "Vai a prendere i tuoi coltelli".

YAVARA

Ho grattato la volpe dietro l'orecchio e lei mi ha strofinato la testa in grembo con un ringhio. L'ho accarezzata lungo la schiena e lei mi ha guardato speranzosa. Scossi la testa e lei piagnucolò e appoggiò la testa all'indietro. Da quando avevo lasciato Alkandra, avevo tenuto April con me, al sicuro da Brock e dai suoi desideri innaturali, quei desideri che avevo scolpito nella sua mente. Non sapevo se avrei potuto riparare il danno che avevo fatto, ma ci avrei provato. Lo dovevo ad April e lo dovevo ad Adrianna. Dovevo dimostrare a me stesso che non ero il mostro che temevo di diventare.

“Ecco, ecco”, le ho sussurrato, “va tutto bene”.

"Grande Froktora, grande mago, grande regina", disse Gorlok Hertaki, prostrandosi davanti a noi, "sono venuto per tuo volere".

"Sei venuto in catene, codardo." disse Brock in tono burbero accanto a me.

"Vigliacco?" Gorlok chiese da terra: “Sono un codardo per essere sopravvissuto? È questo il mio crimine?» Guardò Brock: "Mi sono lanciato a capofitto in quell'attacco, e quando abbiamo ingaggiato il fianco della cavalleria elfica, e mi sono voltato per chiedere rinforzi, perché i centauri sono rimasti lì a guardarci?" Sbuffò: "Non sono uno stupido, Froktora. In quel momento sapevo che il mio destino era segnato. Poi ho saputo in seguito che gli altri capi e i loro eredi erano tutti morti gloriosamente in battaglia, e tu mi chiami codardo.

"Ti strapperò le ossa!" Brock si alzò ruggendo. Misi una mano sulla sua coscia e lo guidai di nuovo giù.

Zander batté il bastone a terra. “Abbiamo perso decine di migliaia di persone sul campo di battaglia, Gorlok. Non cercare una cospirazione dove non ce n'è. I capi guidano i loro uomini, e quindi sono quelli che hanno maggiori probabilità di cadere. I centauri che hai chiamato in aiuto avevano ricevuto ordine di fungere da supporto, non da rinforzo; ti sei sbagliato. Quando hai interrotto il tuo attacco, hai rischiato che la cavalleria degli elfi raggiungesse la cima della collina e vedesse la forza nascosta lì. Se non avessero deciso di inseguire la tua codarda fuga, forse l’intera battaglia sarebbe andata perduta”. Zander si è rivolto a me: "Penso che dovresti farlo giustiziare immediatamente".

“Mandatelo in esilio”. Brock ringhiò.

Accarezzai April e considerai l'orco davanti a me. Gorlok aveva ragione, c'era stato un complotto. Zander e io avevamo pianificato meticolosamente la morte sul campo di battaglia di ogni capo dei Dieci e dei loro eredi per assicurarmi il potere sull'orda. Brock aveva odiato l'idea; era per questo che votava per la misericordia anche se disprezzava Gorlok.

"Gorlok Hertaki, ti ordino di alzarti." Ho detto. Lo fece, facendo tintinnare le sue catene. “Le tue azioni sul campo sono state codarde e hanno messo in pericolo l’intera orda. Per questo ti spoglio del tuo titolo, cancello il tuo cognome e sequestro tutte le terre che rivendichi. Adesso sei Gorlok di Alkandra e brucerai i tuoi tatuaggi tribali dalla tua carne.

"Preferirei che tu mi uccidessi e basta." Grugnì.

«Sarebbe un peccato.» Risposi: “Perché il mio esercito perderebbe il suo più grande cavaliere warg. Potresti non essere un capo, ma sarai comunque un generale, e quando la guerra sarà finita, potresti scoprire che i giusti sovrani di Alkandra trattano i loro eroici generali molto, molto bene.

Il suo labbro si arricciò al pensiero. Da quando Trenok era tornato da Alkandra e aveva raccontato la sua storia, intorno ai fuochi da campo erano state raccontate leggende sulla bellezza angelica e sulle gesta demoniache dell'ibrido, elevando Adrianna e i suoi compatrioti allo status di santità tra gli orchi.

È saggio lasciarlo vivere? mi chiese Zander.

Sei stato tu a dirmi di risparmiare Adarian e di trasformarlo in una risorsa.

Non c'è mai stato il rischio che Adrianna incitasse alla ribellione.

Gorlok non è uno stupido testardo. Giocherà a palla per andare avanti nel nuovo mondo. Trova un impiego per lui, Zander.

Gorlok grugnì e si alzò in piedi. "Se questo è il vostro verdetto, Vostra Altezza."

"È." dissi, e feci un cenno alle guardie. Liberarono l'orco e lo scortarono con dignità fuori dalla tenda. Mi sono rivolto a Zander. "È questo l'ultimo ordine del giorno per oggi?"

"Drake Titus vuole sapere quando sarà pronta la sua prossima consegna."

Mi sono accigliato. «Sta diventando impaziente.»

"Avete fatto una promessa, Vostra Altezza." Zander ha detto: "È meglio che tu non ti affezioni troppo".

Brock grugnì accanto a me. “Prima li tiri fuori, meglio è. Se l’orda venisse a sapere cosa stavi realmente facendo con quegli ufficiali delle Highland, scoppierebbero delle rivolte.”

"Ecco perché lo stiamo facendo in segreto, Brock." Ha detto Zander.

"Stiamo facendo un sacco di cose in segreto in questi giorni, Mago."

"Abbastanza." dissi alzando una mano. "Zander, sono pronti a intraprendere il viaggio?"

"Sono completamente sviluppati."

"E li butteremo semplicemente via a Drake Titus." Brock ringhiò: "Ci sono voluti solo otto di loro per costruire Alkandra dal nulla, e ora sei..."

"Se pensi che questa decisione sia facile per me, Brock, ti ​​sbagli." Dissi bruscamente: “Ogni ibrido che creo è come un bambino per me, e ne ho già dati cinquanta a Tito! Tutti dobbiamo fare sacrifici in guerra, come ben sai.

Brock strinse la mascella, ma non rispose.

"Zander, preparerai gli ibridi per il loro viaggio." Ho detto, poi mi sono rivolto a Brock: "E tu, la mia Froktora, verrai con me."

BROCCO

L'Highland Rift torreggiava su tutto. Era un grande muro che si estendeva da un orizzonte all'altro, ogni centimetro fortificato. Baliste, trabucchi e catapulte incombevano minacciosamente sulla sua cresta, e si poteva vedere il luccichio degli elmi dorati che ci osservavano dall'alto. Anche con la Regina Oscura e tutto il suo grande potere, non c'era modo di attaccare la spaccatura senza subire ingenti perdite. Eppure era fattibile. Morirebbero decine di migliaia, ma le Highlands sarebbero mie... o di Yavara. Gliel'avevo detto, ma lei ha insistito affinché allargassimo le fila e dissanguassimo gli Highlander per una stagione prima di pensare a un'invasione.

Pensa a un'invasione. Ho pensato amaramente tra me. Con Elena e Prestira morte, avevo sperato che Yavara non avesse scrupoli nel porre fine a questa guerra una volta per tutte, ma stava ritardando la decisione. Forse era meglio così. Dopo quello che Trenok mi aveva raccontato su Adrianna e gli altri ibridi, sapevo che il mio titolo di Froktora non avrebbe significato quasi nulla una volta finita la guerra. E poi cosa? Avrei trascorso il resto dei miei giorni nei bar e nei bordelli, grasso e pisciandomi addosso mentre mi vantavo di azioni di cui nessuno fregava più niente? Sarei nell'arena e proverei a riconquistare la vecchia gloria come gladiatore? Sarebbe stato molto attraente per un me più giovane, ma non ora. Non ero riuscito ad arrivare in cima a un regno solo per diventare una celebrità. Avevo in mente ambizioni più grandi.

Yavara osservò la strada rialzata che portava a Mid Fort, con le mani appoggiate con impazienza sui fianchi, il sedere perfetto dipinto con un'armatura di cuoio nero.

Chiediglielo, codardo. È arrivata la voce nella parte posteriore della mia testa. Fatti crescere un sacco e chiediglielo, cazzo!

Ma non potevo. C'era una certa freddezza in lei adesso, una lucidità che moderava la mia fiducia. Non era più la ragazza spensierata che prendeva decisioni avventate secondo il capriccio del momento. Era cambiata da quando era tornata da Alkandra. Aveva smesso di bere, aveva smesso di scopare in modo sfrenato e aveva smesso di festeggiare fino all'alba. Mi preoccupava. La Regina Oscura avrebbe dovuto essere caotica ed edonista, impegnata in baldorie autodistruttive perché era indistruttibile. Adesso era calcolatrice quanto Zander, e sapevo di non essere la risposta alle sue equazioni.

"Perché non hanno inviato un emissario?" Yavara chiese: "Sicuramente vorrebbero aprire le comunicazioni".

"Peter Shordian è un tattico della vecchia scuola." Ho detto: “Ha una posizione elevata e vuole che tu lo sappia. Arriverà un emissario, ma solo a suo tempo.

"Tutto questo atteggiamento militare è così dannatamente patetico." Yavara sospirò: "Perché tutto tra uomini deve essere una gara di misurazione del cazzo?"

“Se fosse così che si decidevano le guerre, le avremmo già vinte”.

Mi sorrise da sopra la spalla. «Ne sei così sicuro?»

"Allineami asta contro asta contro qualsiasi elfo."

"C'è una linea molto sottile tra machismo e flagrante omosessualità, e tu la percorri in modo precario, Brock."

Le ho afferrato il sedere rivestito di pelle e ho infilato il dito medio nella sua fessura. Ho sentito la carne elastica dove teneva la spalla mancante dell'armatura e sono penetrata nel suo buco preferito. Lei sospirò magnificamente e si appoggiò a me, inarcando leggermente la schiena in modo che il mio dito potesse scivolare più in profondità. All around us, the army mulled about, but none could see what I was doing to their queen in broad daylight, and I knew the idea turned her on, for I felt the wetness dripping down her taint.

“If you were a man, my queen, you’d be the most notorious faggot on Tenvalia. No woman should garner so much pleasure from where she shits.” I growled lowly in her ear.

She purred in response, wilting against me, my words arousing her almost as much as my exploratory finger did.

“Now,” I said lowly, “do you want to tell me what happened in Alkandra?”

“Nothing.” She moaned breathily.

“You were never a good liar.”

“I’ve never lied to you.”

“But you are now.” I pressed against her vaginal floor from the wrong side, and her knees buckled, “Why?”

“You’re awful inquisitive today, Brock.” Her breathing was becoming rapid, “And you have me at a bit of a disadvantage.”

“Are we sparring with words? What does advantage matter?”

“I have always been forthright with you.” She gasped, “Just because I have a secret, doesn’t mean I’m being deceptive!”

“What happened between you and that whore-governess that’s put you on edge?”

“That ‘whore-governess’ is the mother of your grandchild.”

“Whore-governess, whore-queen; what does it matter?” I growled, pushing and twisting my finger until her rectum was seizing around me with pleasure, “Your kind are all the same in the end. You’re as weak to my finger now as you were on that first night we met, only now you’re not pretending you don’t love it.”

With a whine of immeasurable stress, Yavara gritted her teeth, and thrusted her hips forward. My finger popped free from her ass, and she stumbled as though struck, her legs shaking. Never since I’d known her had Yavara willingly ended an act before orgasm, but she did now. Her face was flushed, her eyes were wild, and her breathing was heavy with desire, but she stayed her compulsions, and straightened.

“I love you, Brock, but if you ever try to coerce information from me again, that finger will be up your own ass, and it will be removed from your hand.”

“Of course, my queen.” I said, bowing my head, “I only wished to know the source of your anxiety so that you could share the burden with me.” I gave her a rueful look, “I don’t want you to think you can’t trust me. I’ve been with you since the beginning.”

Her expression softened. “You’ve been my most loyal man, and it’s not that I don’t trust you; it’s that I don’t know if I can trust myself.” She looked up at causeway that led to Mid Fort, “I know what you want me to do.”

“It doesn’t matter what I want.”

“It does. What you want is what the horde wants. Even in Alkandra, the people cheer for conquest, invasion and vengeance.” She tilted her head, studying the ramp, “You were right about me, I am weak to desire. Even before I became a dark-elf, I was weak to my compulsions. Before sex, it used to be killing that I loved. What does that say about me, I wonder? I’d killed scores of beasts before my seventeenth birthday, and yet I thought Leveria was a monster?”

I just grunted uncomfortably. When Yavara brought up her sister, it was almost always for a moment of introspection that I couldn’t help her with. I knew she feared being compared to Leveria, and I knew in those moments of fear, that she wished I were Elena, or maybe even Adrianna. There was a bond between dark-elves that no one but them could understand. She had hated Thomas Adarian as I had hated him, but she loved Adrianna in a way that she could never love me. It didn’t arise a jealousy within me, but set a cold sorrow in my gut. I glanced at the kitsune fox panting contentedly beside Yavara’s feet, and knew why she’d taken her gift back from me.

“You think it’s weakness to follow the will of your people?” Le ho chiesto.

“It’s weakness because I would do it to feel good, not because it is right.”

I pointed at the ridgeline. “The people on that side of the rift will never allow us peace. If you think orc hatred runs deep, then think on your own nation’s odium. A thousand years of occupation, of culling us like wild swine, of keeping us broken and stupid while the rest of the world moved on. They will never settle for peace, my queen. They will never negotiate. They will wait until you’re not watching, and then they’ll cut your throat. Alkandi negotiated a peace deal with the Highlands after her defeat at Castle Thorum. Five-hundred years later, they killed her in her bed.”

“So we should do the same to them?”

“You know I speak the truth. In the end, it’s not about vengeance or justice. It’s about survival.”

Yavara chewed on her lip, and muttered, “There might be a way, Brock, but I have to make sure it’s true.”

“What?”

She shook her head, and tapped her foot as she regarded the fortress. Then she let out an exasperated sigh, and growled, “Good Mother, I’ll just fucking do it myself.”

FIELD MARSHAL SHORDIAN

I had watched Princess Yavara Tiadoa grow up. The whole kingdom had, and she was the delight of a nation. From the adorable adventurous toddler, to the stunning bow-wielding warrior, we’d all marveled at the Highland’s prize jewel. It made the cut that much deeper when we found out who she really was. The last time I’d seen her, she was charming the Noble Court before her solo adventure to the east. Well, that was the last time I’d seen her as Princess Tiadoa. The last time I’d actually seen her was when she was a screaming angel of death hovering over the battlefield, raising her arms in victory as we fled for our lives.

As I watched her through my spyglass from atop the rift, she seemed less like the dark angel. She was in a discussion with Brock, an argument by the irritated tilt of her posture. Then she walked away from him, and meandered to the bottom of the causeway. She looked one way, then the other, then feigned a yawn, and with her cupping hand concealing her muzzle, she snuck her forefinger into her right nostril, and picked her nose. For about thirty seconds, she struggled to flick the booger from her finger. It was passed from her thumbnail to her index nail, refusing to fly off. She finally resigned herself to wiping her hand in the grass, then yelped and started upright when a bullfrog leapt from the spot. She stumbled back, fell on her ass, then hastily got to her feet, whipping her head around to see if anyone had been watching. I chuckled to myself. Her face slowly turned, and from across half a mile of distance, those orange eyes fell on me. I wasn’t chuckling anymore. There was a flash of black, and she was gone. I readjusted my focus on the spyglass, and my entire field of vision was filled with a blazing orange iris.

“Field Marshal Peter Shordian,” the Dark Queen said, “it is rude to spy on a woman.”

I slowly lowered my spyglass. I didn’t feel terror; I never did in the face of death. The terror would come later in the form of panic attacks that left me in a puddle of cold sweat. I suspected there wouldn’t be a later for me, so I just nodded curtly to my harbinger.

“My apologies, Your Highness. I was merely scouting the enemy.”

Yavara chuckled, “If I knew I had a secret admirer, I would’ve worn something more fun.”

I glanced down at the ample exposure of cleavage she had in her leather one-piece, then gave her a frank look. “I don’t know much about women’s armor, but this seems wholly impractical.”

“A woman’s greatest weapon is her beauty.” She looked to the side, “You can tell your mages to back off. I mean you no harm, and there’s not nearly enough of them to make a damn bit of difference if I did.”

I raised my hand, and the surrounding warlocks took a tentative step back. “What is it you want then?” Ho chiesto.

“It is custom for entrenched armies to open a line of communication with each other. Since you have not yet done it, I decided to extend the gesture.” She held out her hand, “I believe you have a hand mirror at your hip.” She pointed to the Jonian Spire behind me, its silhouette barely visible from so many miles away, “And I believe it connects to that tower, and that tower connects to another tower, and so on and so forth until we reach the last tower at the top of Castle Bentius, where my sister now resides.”

“You would be correct in believing that.”

“And I assume you have a mirror in your tent.”

“I do.”

“And so that makes this one an extra.” She smiled brightly.

“It does indeed.” I said, and handed it to her.

She took it graciously. “Thank you, Peter. When this war is over, I’ll make sure it’s returned to you.” And then she leapt off the side of the cliff, dove head-first into the ground, and landed on her feet ten stories below me.

General Krakis stepped cautiously beside me. “Did you see—”

“Yes.” I said, “I saw it very well.”

He shook his head, a bewildered expression on his face. “Someday, I’ll sit with my grandchildren on my knee, and recount the story of this war. And when they ask me about the Dark Queen, how will I tell them that the only thing I know about her, is that she bleaches her asshole?”

LEVERIA

“Torture me.” Elena whispered, her voice shaking.

She was spread out on the bed, her wrists and ankles bound to the posts, her magnificent body naked and vulnerable. I’d already placed the clamps on her nipples, and had roped her breasts until they were but purple bulging globes, now separated to display her sternum. Her delicate pussy lips were pulled outward into grotesque triangles of flesh by the clamps I’d placed there, the cold metal biting into her, opening her curtains to expose her moist ruby insides. Her cock was dark with pressure above the ring at her base, squeezing until delicious frosting bubbled from her tip.

“Hush, little bird.” I muttered back to her, laying a dollop of gel on my leather-gloved finger. The gelatinous succubus extract already shined from her tortured nipples and cock, heightening the sensations, suffusing pain and pleasure until she couldn’t tell which was which. “This will loosen you up,” I said, placing my index finger against her puckered pink anus, and pushing inside. She mewled pleasurably as I rotated my finger in her, found her prostate, and pressed against it until her cock was dancing sporadically. When I was sure she’d soaked-in all of the gel, I removed my finger, her anus greedily gripping its exit with a pop.

I hummed musically to myself, and opened my cutlery box. These were the knives I had used on Elena the first time we’d met as enemies, all of them honed to an exact sliver, but there were also other tools.

“This,” I said, pulling out a pear-shaped tool, “is a dilator used by physicians to extract babies stuck in their mother’s wombs.” I smiled in remembrance, “Funnily enough, it was last used on my own mother.” I looked up at Elena, and saw the beautiful harmony of fear and excitement on her face. I lowered the contraption to her anus, “I got it all the way to four turns with her, but you’re made differently. I am curious to see how much you will open for me.”

“Do it!” She moaned.

“Patience, little bird.” I chuckled, “We have all day to break you. No one is going to save you from me.” I pressed the dull metal point against her sphincter until she uncoiled and swallowed the pear. She hissed, her hips winding to take it deeper, her rim pulsating around its meal. I twisted the knob, and the petals of the pear began to open. Elena’s hiss turned to a gasp, yet she was still within the realm of just pleasure. I twisted the knob again, and her breath caught, but she wasn’t clenching. I twisted a third time, and she whimpered. I could see clearly into her smooth rectal channel, the tender bore of anal flesh wet and pulsing, the sweet stink of her wafting into my nose. I resisted the slutty compulsion to get on my knees and taste her decadent filth, and instead, twisted the knob a fourth time.

“Oh god!” She cried out, her legs flexing, her hands balling to fists.

“There is no god here; only me.” I said gently, and twisted the knob a fifth time.

She gritted her teeth, and whined a tortured plea from between them, but though her eyes swam with tears, they also sparkled with terrible ecstasy, beckoning me to turn the knob one more time. L'ho fatto. Her rim was stretched into a gruesome white ring, twitching with the miniscule clenches of her taut muscles. Her pelvic floor was more hole than flesh, and the hole was so large that I could’ve fit my hand inside it without touching her walls.

“Yesssss,” She hissed nearly silently, “yessssss, yesssss, yesssss.”

“Oh, you like this?” I smiled, and reached into my box once more. I pulled out a dildo, a rather innocuous looking tool were it not for its cartoonish size. Elena’s jaw dropped.

“I had it custom made.” I smiled, pleased by her reaction, “I based it off the de***********ion you gave me of Brock Terdini.” I pressed the button on the bottom of the toy, and dull grooves ribbed the entire length of it in a spiral pattern. I watched her eyes go wide, and my grin broadened. “Let’s see if you were exaggerating about him after all.”

Her fleshy curtains were saturated with arousal when I pressed the girthy tip to her slit. She watched in rapt silence as I angled it, and began to penetrate her. Her inner-lips stretched into a gripping cuff, the membranous flesh indenting every time a groove moved beneath it, and every time that happened, a little spasm shot into Elena’s belly. She mewled for the first four inches, whined for the next four, then sobbed for the last four, her legs quivering uncontrollably, her juices flooding from her to run down her squished taint and pool into her open anus. I couldn’t help but gawk at her pliability. The toy would’ve split my womb, but she took the entire thing deep inside her, her petals mouthing uselessly around the base. I pressed the button on the bottom once more, and the spell was triggered. The dildo began to rotate inside of her.

“No, no, no, no!” Elena wailed, though I knew she meant the opposite. I took a step back to admire the scene, the complete ruination of her femininity, her holes yawning grotesquely, mutilated for such vile pleasures. She thrashed in her binds, her cock pulsating and leaking, her pussy frothing around the thing inside her, her anus clenching in its reamed state, and her lush mouth screaming for mercy that she did not want.

“Mercy?” I chuckled, reaching into the box once more, “My dearest little bird, we have just begun.”

I had a bag of magical metal marbles, and I fed them into her ass until the bag was empty, and her ovoid anal receptacle was filled with them. They rolled on their own accord within her, churning against the flesh, always seeking to move deeper. Her cock began to spurt with ejaculate, but the flow was stymied by the ring, only allowing a little to run down her shaft while the rest was backed up within her. She began to cry out then, her watery eyes pleading with me, her face a portrait of hellish pleasure.

“Please, Leveria!”

“Please?” I giggled, “When I was cutting pieces off you in Castle Thorum, you never once begged me. Perhaps I should’ve used a different tactic then, hmm? I do love to hear you beg so much.” I reached into the box, and pulled out the scalpel, “I would hear you beg harder.”

Her eyes widened at the sight of the blade, and she swallowed. I waited for her to say the safe-word, but she bit down on her fear. I loved her for it. Since that day when we first uttered those three fateful words to each other, we had spoken candidly of our feelings and desires. Even with Father, I had never known an intimacy so great. Elena would whisper of her darkest thoughts and fantasies, and she would listen as I confessed mine. In truth, I was never ashamed of what I desired. I was a sadist, and not of the banal rope-and-leather brand, but of the true kind, the kind that society would institutionalize and lobotomize for everyone’s safety. I was in control of it, of course, but it did linger in the back of my mind. Only Elena had seen it and survived, and she accepted it as part of me—as part of the woman she loved. Oh, love, love, love; was there a more dangerous intoxication in the world? For as I stared into those beautiful blue eyes of hers, I knew I would die for her a thousand times just to know that she would hold me. It was pathetic, really.

I untwisted the knot that held her left breast, and the roped coil unraveled. Her tit deflated from its bulging globe, the purple hue becoming a pleasant flush. I let her enjoy the sensation of release, then I straddled her belly. I felt the pleasured convulsions of her sculpted abdomen against my slit, and my heart quickened as I lowered my face to within a few inches of her left nipple, and brought the scalpel forward. The nipple bounced with her heaving breaths.

“Relax,” I whispered softly, “if you don’t relax, it will only hurt. I want you to enjoy this pain.”

Her breathing eased, and the breast relaxed on her chest. I gently pinched the nipple, and placed the edge of the blade just outside her areola. I sliced. She gasped. The sliver of metal broke the flesh like butter, but I did not press deeply. I only drew a small line from the edge of her areola, then pulled away. The line became red, and then the red began to pool, and dribble. I watched it in fascination, then lowered my tongue to the drop, and cleaned the wound. She shuddered, her eyes closing, her teeth pressing into her bottom lip.

“Again.” She whispered, her voice so small, but so tense in her mouth.

I drew another line next to that one, and she inhaled sharply through her nose. The convulsions in her belly became more violent, and I felt the tension in her back as she suppressed the urge to thrust against the violation of her holes.

“Again.” She whispered.

And again, and again, I cut her. My blade sliced shallow lines all around her areola, each one dealt slowly and meticulously, drawn out to make her suffer such sweet pain. Blood dripped down upon her heaving bronze belly, ran through the lines of her abdomen, flowed between my legs, and wetted my blushing pussy. Though my body teemed with unspeakable arousal, I took my time with her, never rushing, making her feel the evolution of each cut until the circle was complete. She gasped and hissed the whole time, not sounding anything more than a whimper, yet the sensation coursing through her would’ve made almost anyone else scream. I stared transfixed at the design I’d made in her flesh, then I drew my eyes slowly to her face. It was a portrait of masochistic ecstasy, reflecting the precarious balance of her control. She was so tense that she would burst at even the slightest provocation.

“Beg, little bird.” I hissed upon her lips.

“Please, Leveria,” she croaked, “make me come!”

“More.”

Her bottom lip quivered, tears ran down her cheeks. Oh, it was so beautiful. “Please let this undeserving whore come! I’ve been good! I’ll always be good to my mistress!”

I hovered my lips over her nipple, and blew gently on the scored flesh. Her tongue came out of her mouth, mindlessly seeking my kiss, the tip curling to beckon me up to her face.

“Please!” She mouthed.

“Tell me you love me.”

“I love you!”

I never tired of hearing it. I wrapped my lips around her nipple, and sucked sensually from the circle of wounds. As I pulled with my lips, I reached back, wrapped my hand around her shaft, and slid her cock-ring halfway up. I was nearly launched from the bed. She shrieked, bucking and heaving in her binds, her hips twisting in a feminine samba as she thrusted in masculine ascension. I drew upon her nipple with a final slurp, and with the iron taste of her blood fresh in my mouth, I rotated on her belly, locked my lips around her shaft, and sucked the ring the rest of the way off. Her shrill tenor changed to a soprano note, and my throat was filled with an hour’s worth of tortured release, her cock pulsating as it vomited thick honey into my belly. I came like that, my arousal so great that I didn’t even need her touch to compel my climax, and my eyes rolled back as I writhed atop her, drinking from her loins without a thought in my mind. I swallowed each load, my back arching in ecstasy, our bellies touching, feeling the convulsing muscles beneath silken flesh and leather.

“Your Highness,” Sir Raftas’s voice came from the door, “you have a summons from the field marshal.”

And I was brought back to pitiful reality. With a muffled harrumph, I slurped the last of Elena’s seed, swallowed, and dismounted her. I donned my eveningwear over my leather zip-up, and headed for the office.

“Are you just going to leave me like this?!” Elena gasped, the metal balls still churning in her anus, the dildo still rotating in her pussy.

I grinned over my shoulder at her. “Did you think you were getting off that easy, little bird? We have all night.” I giggled, “I’ll be back in five minutes.”

I waited for her to scream the safe-word, but still, she kept her lips sealed. I gave her a loving smile, then walked into my office. I dismissed Sir Raftas and Sir Bortan, and sat before the mirror. Any news from the front was usually bad news, but at least Field Marshal Shordian had the decency to make sure I heard it first before his generals sent the info to their noble factors. I adjusted my hair in the mirror, cleaned off my smeared lipstick and reapplied a coat, then palmed the glass.

“Hello, Leveria.” Yavara said. I could still see my reflection in the mirror, and though I’d just peed myself a little, my face remained remarkably impassive. I tucked my chin to hide the fact that I had just swallowed bile, and smiled to hide the way my jaw was clenching.

“Field Marshal Shordian, you look different.” I said casually, “Whoever barbers your hair made you look like a stupid cunt today.”

Yavara smiled. “Not even an errant blink. Bravo, Leveria.”

“Should I have reacted differently?”

“Considering that I routed your army ten days ago, and am now holding your field marshal’s personal mirror, I’d hoped for more of a reaction. How do you keep such composure? Even when I sabotaged your wedding dress, I didn’t get so much as a gasp.”

“So that was you after all.” I inclined my head, “Where is the good Lord Peter Shordian? If you killed my uncle-in-law, Eric will be very upset.”

“Huh. You know, it didn’t even occur to me that he’s my uncle by marriage.”

“The only relative you have of that age since Father is dead.” I said coolly.

Yavara blinked, trying admirably to keep her face impassive. “Should I be sorry for your loss?” She finally asked.

“He was your father too.”

“But he wasn’t my lover.” She narrowed her eyes at me, “You killed him, didn’t you?”

“He died doing what he loved. Now, where is Shordian?”

“Up there, no doubt watching me from his spyglass.” Yavara said, and angled the mirror over her shoulder. The battlements along the rift were still there, and Mid Fort was still standing. I let out a long slow breath through my nostrils, and felt some of the terror leave me.

“So, to what do I owe the pleasure of this call?” Ho chiesto.

“Oh, I just wanted to catch up with my dearest sister, see how you’ve been doing.” She grinned, sitting on the grass, “It must be very stressful to be on the losing end of a war you started.”

I snorted, and began drawing patterns on the edge of the glass.

“What are you doing?” She asked.

“Disconnecting your mirror from the relay.”

"Che cosa?!"

“Did I stutter?” I smirked at her, “We have nothing to discuss.”

“We have nothing to discuss?!”

“Unless you’ve called to announce your unconditional surrender, the forfeiture of your lands, and to turn yourself in to face Highland justice.”

“I beat you, Leveria!” She snarled, “I’ve driven your army back to its border! I’m on the very footstep of your kingdom with the largest horde on Tenvalia! With just one word I could end you, and you think we have nothing to discuss?!”

“It sounds like you just want to gloat. Well, go on, little sister, now’s your moment.”

Her jaw twitched, the words locked in her mouth.

I smiled with faux sympathy. “This didn’t go quite as planned, did it? I’m sure you had a thousand lines carefully practiced in the mirror, but I just don’t care. It was nice talking to you. Now, goodbye.”

“Where’s Elena?”

My finger hovered over the final sigil. “Elena is many places. Some of her is in the furnace of Castle Thorum. Some of her is on the floor of the dog kennels. Some of her is probably in the Bentius Bay by now, but the rest of her is in the dungeon.” I sneered, “There will be a bit less of her there after tonight. I could send you some of her if you want.”

Yavara smiled back. “You’re lying, Leveria. Adrianna told me about the mirror call.”

“Adrianna saw Elena from the neck up. I was hoping you’d be there so that I could show you what she looked like from the neck down.”

“I confirmed the information with my Lowland ambassador. Elena is operating within your court. You used her to legitimize your invasion.”

“And now I’m disposing of her.”

“Well then, let me see her. Surely you’d take great pleasure in causing me such pain.”

I didn’t answer her. There was a part of me that wanted nothing more than to wheel the mirror into the next room and show Yavara what I’d done to her lover. But Elena would not forgive me for it, and in the end, I knew her love for Yavara was still greater than her love for me. That knowledge dealt me a very unique kind of pain, and I wished I could delude myself with my heart, but my rational mind was always at the forefront of my being. I was terrified of Elena seeing Yavara once again, but it would happen inevitably. My only chance at controlling the situation was to facilitate the reunion myself.

I stood up from the chair and walked away.

“Leveria!” Yavara snapped.

I looked over my shoulder at her, and said, “I will inform the ambassador that you are waiting for her.”

YAVARA

I waited for agonizing minutes. When ten minutes passed, I wondered if Leveria had left her mirror on just to torment me. When twenty minutes passed, I was certain of it. It was easy in that time span to fill my mind with terrible thoughts. Maybe Adrianna had been lying? Maybe Leveria had been telling me the truth, and what would come from that door at the back of the room would be a disfigured horror of torture. Would it break me to see that? Would the combination of Leveria’s smug smile and the monstrosity she’d made of Elena drive me to madness? What if she—the door opened. A figure wearing a red satin dress stood in the threshold, her platinum hair tied in a bun. I wondered for a moment if Leveria had simply changed her outfit, for I recognized the dress as one of hers. Then the figure stepped from the shadows, and her flesh did not lighten in the candlelight; it was bronze and rich, and canvased a face I’d loved all my life.

It was like I was in the room with her. We stared at each other from across it, not moving for an eternal moment. She took a tentative step forward, then another, then another. She eased herself slowly into the chair. She wore ruby lipstick, blush, and dark liner around her eyes. I’d never seen her in makeup before, and she was so beautiful that she almost didn’t seem real. She wore the dress like she’d been born in it, and it hugged her curves generously, the satin fabric moving like liquid across her toned shoulders.

“Yavara?” She asked. I never thought I’d hear that voice again. In my nightmares it was shrieking in the throes of agony, and somehow that horrific fabrication seemed more real than the soft query she’d uttered. Just a question after all this time, like she’d caught me daydreaming, and everything that had transpired since that fateful day had been but the transient machinations of my mind.

“Elena?” I asked back.

She reached out, and touched the mirror. “You’ve put on a few pounds.”

“I uh… I guess I haven’t had the best diet. Orcs don’t really eat vegetables. Not a lot of exercise either. When you can fly everywhere, walking seems kind of pointless, so my only workouts have been sex, and you know… I go to bed earlier than usual these days. I’ve uh… I’ve also been drinking a lot. Not recently, I quit, but I… I was drinking… quite a lot. They say stress leads to weight gain, but you know… I’ve been trying to, uh, keep everything chill. So… uh… yeah… Wait, did you just call me fat?”

She bit her lip. “Not fat, just… puffy.”

“Puffy.”

“Like someone stuck an air-hose up your ass and gave it a few pumps.”

I broke into a smile, and that smile turned into a laugh, and that laugh turned into a sob. Before I knew it, I was weeping, and so was she. The tension melted away from us, and the month of hell I’d gone through seemed to seep from me. I didn’t know how long we laughed and cried, but my voice was horse by the end of it.

“Oh…” I groaned, wiping a tear away, “you’re still such a cheeky bitch.”

“My mouth has gotten me into some trouble over here.” She grinned impishly.

“When P

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

879 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

387 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

727 I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Fantasia o curiosità

Fantasia, curiosità o verità Bene, da dove comincio………sono sicuro che troverò una soluzione…. Ho una relazione con un uomo meraviglioso da 3 anni e posso dire onestamente che è stata la migliore. Mi ha insegnato un bel po' di cose sul sesso che non sapevo nemmeno esistessero. Cibo, frutta e giocattoli, beh posso dire che giocano un ruolo importante nel divertimento quando si tratta di sesso. Per non parlare del fatto che una videocamera rende il tutto ancora più divertente. Quest'uomo, oh mio Dio, ha il cazzo più grande su cui abbia mai messo le labbra. Non mi ero mai appassionato...

408 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.