Una fredda serata nel campus

648Report
Una fredda serata nel campus

Era metà dicembre, tre giorni prima dell'apertura del college per Natale. Le giornate erano diventate davvero brevi e, se vivevi nel mezzo di una foresta di cemento come me, faceva davvero freddo. Allora ero al secondo anno, avevo dato gli esami di fine semestre e cercavo di godermi i pochi giorni che rimanevano prima di tornare tutti a casa. Ma non ci si può divertire altrettanto con un ostello vuoto, la maggior parte dei miei compagni se n'erano già andati nonostante il fatto che il college fosse ancora aperto. Non è così per me, i miei genitori mi spedirebbero il biglietto elettronico proprio il giorno della chiusura del college.

Maledicendo la mia fortuna, mi sono seduto nella grande sala, tutta mia adesso, l'unico ragazzo rimasto a passare il tempo con la sua ragazza in qualche luogo segreto. Allora non avevo una ragazza e, seduto nell'ingresso vuoto, mi chiedevo se avrei dovuto sforzarmi di più per averne una. E, unito al freddo, mi faceva sentire arrapato da morire. Come per prendersi gioco della mia situazione, un branco di ragazze (sono oche, lo so, comunque) è passato sulla strada fuori dall'ostello, verso il college. Non li riconoscevo e li avrei ignorati se non fosse stato per il fatto che il mio naso aveva scelto di farsi valere proprio in quel momento. L'esplosione risultante attirò la loro attenzione e, dopo aver chiesto informazioni, mi trovarono ad asciugarmi frettolosamente il naso. Questo li fece scoppiare in nuove risate e se ne andarono per la loro strada. "Puttane" ho pensato tra me e me, mentre la mia mente evocava immagini di ragazze nude sulla schiena, scopate duramente dal mio...

L'orologio mi diceva che un'altra ora era stata cancellata dalla mia esistenza solitaria. Ero ancora seduto con il naso che colava, solo come prima. A peggiorare le cose, ho scoperto che ora starnutivo a brevi intervalli e sono andato all'armadietto dei medicinali per prendere qualcosa. Fatto questo, sono tornato nella mia stanza per rinfrescarmi, affrontare l'abbondante catarro e decidere cosa avrei fatto per il resto della giornata. Mi ci è voluta un'altra ora, perché gli starnuti si sono rivelati troppo resistenti perché una compressa funzionasse. Quando finalmente ebbi finito, decisi, contro ogni buon senso, di andare al college e vedere se c'era qualcuno in giro.

Dopo aver informato il direttore, mi avviai verso il college quasi desolato, con un aspetto noioso e un po' tormentato nella luce del giorno che tramontava. Ad aumentare questa dimensione misteriosa c'era la presenza di un'unica bicicletta nel parcheggio, la distesa di cemento che non mostrava altri segni di uso recente. Ancora più sorprendente, era una bicicletta da ragazza, tutta rosa e lavanda, con un cestino davanti. Chiedendomi quale ragazza potesse trascorrere il suo tempo in modo così infruttuoso (ormai anche la biblioteca era chiusa), entrai, oltrepassando il cancello inquietante e lo sguardo altrettanto sospettoso del guardiano, nell'edificio principale.

Ora il nostro college è stato costruito negli anni '50, quando l'architettura coloniale era passata di moda ma il senso artistico non aveva ancora preso posto nella mente degli architetti. Il risultato fu un blocco di cemento in stile sovietico con strette fessure per le finestre, più da utilizzare come luoghi di nidificazione per gli uccelli che come ingressi per la luce, per non parlare del calore. Nei miei due anni qui. Conoscevo a memoria la struttura e il suo interno, anche se ogni passaggio era noioso come il precedente e il successivo, ogni scala buia e ripida come quella dell'ala successiva, e così via. Sapevo anche che a quest'ora il personale sarebbe andato a casa o alla mensa del personale, lasciando il colosso a rimuginare da solo.

Passando per la parte bassa dell'edificio, ho deciso di dirigermi verso il campo, sperando di trovare qualcuno, o almeno qualcosa da fare. Nel momento in cui ho messo piede sull’erba, però, il mio corpo mi ha detto che era la scelta sbagliata. Non solo indossavo semplici sandali che lasciavano i miei piedi alla fredda mercé dell'erba alta e rugiadosa, ma la vasta distesa creava una sorta di deserto del Gobi dove il vento ti colpiva liberamente, come se ti chiedessi perché avevi osato venire a quest'ora. . Aggiungete a ciò il campo completamente vuoto e il college cominciava a sembrare decisamente inquietante.

Ho attraversato il campo a doppia andatura, con i piedi completamente inzuppati e il naso che ricominciava a protestare. Quindi fui molto sollevato di sostituire il freddo del vento con il freddo pietroso dei passaggi che si aprivano sul campo. Tirando fuori il telefono, ho scoperto che erano circa le quattro, eppure il posto sembrava uscito da un castello medievale infestato. Trovando che il freddo pietroso fosse leggermente migliore quando si trattava di tirarti su il morale, ho accelerato il passo, decidendo di tornare a casa piuttosto che assecondare gli spiriti che sicuramente si stavano chiedendo cosa stesse facendo questo umano.

I pilastri accanto a me cominciarono a sfrecciare mentre percorrevo il lungo passaggio. Giunto alla fine, ho deciso di non prendere una scorciatoia attraverso l'edificio, ma di fare un giro, prendendo una curva stretta mentre continuavo il mio soggiorno solitario. Camminavo così velocemente che i miei sandali protestavano, il mio respiro si faceva ansimante, tutto per mantenere il corpo caldo. Stavo camminando così velocemente che quasi la mancavo.

Ho decelerato a ritmo sostenuto, arrivando a fermarmi due pilastri davanti a dove lei era seduta per metà contro il pilastro. Tornando sui miei passi fino a trovarmi a un metro di distanza, mi resi conto che doveva essere una delle matricole, perché non potevo riconoscerla. E se il libro di chimica che aveva in grembo era indicativo, neanche lei era del mio dipartimento (ero nel commercio).

Per un po' rimasi lì, chiedendomi se la ragazza fosse viva, essendo inconcepibile che qualcuno potesse dormire con il vento così com'era. Evidentemente era viva, perché il suo petto si alzava e si abbassava dolcemente. Chiedendomi se dovessi svegliarla o no, mi resi conto che mancava circa mezz'ora alla chiusura del cancello e che probabilmente avrebbe dovuto passare la notte qui. Chinandomi accanto a lei, mi schiarii delicatamente la gola, emettendo uno strano suono perché il freddo mi aveva raggiunto la gola. Lei non rispose, i suoi lineamenti erano gli stessi di prima, i suoi capelli svolazzavano dolcemente nel vento. Ho aperto la bocca per parlare, ma mi sono fermata quando mi è venuta in mente un'opportunità.

Non avevo una ragazza, ed era da molto tempo che non sentivo il tocco di una ragazza, o per essere più precisi, non sentivo le tette. Questa aveva un bel paio, i contorni, nonostante fossero offuscati da tripli strati di reggiseno, camicetta e maglione, mi dicevano che doveva essere almeno una coppa C. Dimenticando completamente la scadenza, osservavo ipnotizzato il rigonfiamento sul suo petto che si alzava e si abbassava con il suo respiro, risaltando in ogni momento contro il suo stomaco piatto e la vita stretta, parzialmente oscurati dal libro.

Questa vista, prima ancora che me ne rendessi conto, mi stava facendo venire un'erezione, e non potevo fare a meno di avvicinarmi, abbastanza vicino da sentire il suo respiro caldo sfiorarmi il viso, i suoi capelli neri che mi accarezzavano il viso, anche mentre dormiva. nella beata ignoranza. Nonostante questa vicinanza al suo viso, tuttavia, non trovavo nulla di molto attraente nel suo viso occhialuto e leggermente lentigginoso, la mia attenzione si spostò nuovamente sulle sue tette, che ora erano a pochi centimetri dalle mie mani affamate. Per un momento mi trattenei, il mio buon senso mi impediva di affondare le dita nel morbido rigonfiamento davanti a me. Se si svegliasse, probabilmente i miei studi qui finirebbero. D'altra parte, se il vento non la svegliasse....

Il mio indice si posò presto sul suo stomaco, toccandola delicatamente. Nessuna risposta. Ho messo lo stesso dito sulle sue tette, facendo attenzione a tenermi in equilibrio per non scivolare e cadere su di lei. In questa posizione non correvo quasi alcun rischio, ma non sentivo nemmeno nulla. Tenendo d'occhio le sue palpebre chiuse e assicurandomi che respirasse tranquillamente come prima, ho gradualmente posizionato due, tre e poi cinque dita sul lato sinistro del suo seno, senza osare esercitare alcuna pressione. Eppure la sola immagine della mia mano appoggiata esattamente sul suo petto mi rendeva duro, facendomi gettare al vento la prudenza mentre cercavo di più.

Spostandomi di nuovo facendo attenzione a non premere verso il basso, presto fui sopra le sue gambe, entrambe le mani appoggiate sulle tette, appoggiate leggermente ma fermamente sulle collinette pesantemente vestite. Cominciai ad allargare le dita fino a circondarle il petto, toccandosi l'una con l'altra, come due ragni che si preparano ad avvolgere la loro preda. Tuttavia non dava segno di svegliarsi, e io presi coraggio, aiutato da un naso che minacciava di prendere la strada dell'alta moralità se avessi perso troppo tempo. Assicurandomi che i miei palmi fossero alla base delle sue tette, cominciai a stringerla.

Le tette sembravano ferme sotto la mia presa, come pesanti globi gommosi destinati solo a essere sbranati. La mia virilità premeva contro i miei jeans, strinsi più forte, spingendo le dita più in profondità nel suo petto, desideroso di assorbire quanta più carne morbida possibile nel mio palmo. Anche se il maglione si è rivelato un ostacolo, presto mi sono ritrovato a stringerli il più possibile, ad amare il modo in cui le tette rimbalzanti si riempivano le mani e resistevano alle mie dita mentre lo invadevano. All'improvviso mi resi conto di due occhi che mi fissavano, poi di un grido acuto.

Le mani premevano contro di me, mi graffiavano, nel disperato tentativo di staccarmi da lei. Le sue gambe prendevano a calci le mie. spingendomi fuori equilibrio e sopra di lei. Atterrai dolcemente su di lei, lasciandola temporaneamente senza fiato. Per ironia della sorte, il mio atterraggio fu ammorbidito proprio dalle tette che lei stava cercando di difendere, intrappolando lei e le mie mani sotto di noi. Per prima ho liberato la mia, premendo la mia mano contro la sua bocca mentre l'altra cercava di respingere le sue braccia ora libere. Ciò mi costrinse a premere ulteriormente, permettendole di mordermi le dita. In quella posizione, non avevo altra scelta che permettere alle sue mani di graffiarmi e prendermi a pugni, mentre il mio braccio libero cercava di liberare l'altro.

Tuttavia, quando liberai la mano, lei urlò di nuovo, facendomi capire che aveva bisogno di essere messa a tacere per sempre. Arrampicandomi su di lei in qualche modo (cosa che tra l'altro premette il mio ginocchio contro la sua gabbia toracica) sferrai un duro pugno sulla parte del suo busto disponibile, seguito da due sulle sue tette ansanti. Non ho avuto il tempo di ammirarli, però, perché ha urlato per la terza volta. Due schiaffi e un altro pugno dopo, però, trovò sensato chiudere le labbra imbronciate. Nel campus è sceso nuovamente il silenzio, ancora nessuna traccia del guardiano. Le ho stretto di nuovo la mano sul viso. Questa volta non poteva mordermi, né era disposta a prendere altri pugni, invece mi guardò con l'espressione più arrabbiata che riuscì a raccogliere.

Ma appena passava il pericolo, ne appariva un altro: si udivano in lontananza i colpi del bastone del guardiano. Mi sono reso conto che non c'era tempo per ragionare con lei. e deve essere nascosta rapidamente. Lasciando andare il suo viso, afferrai i suoi lunghi capelli con il braccio sinistro, tenendoli mentre mi alzavo con l'altro. Si ritrovò trascinata per i capelli, a guaire e piangere ma non a urlare. Sollevato dal fatto che non avesse ancora sentito i passi, le feci prendere il libro, poi la trascinai nell'aula più vicina. Bloccato. Maledizione, i passi si stavano avvicinando e anche lei li sentiva. L'ho vista prepararsi a urlare e le ho dato di nuovo un pugno. Trascinandola nella stanza successiva prima che potesse riprendersi, la trovai aperta e, ringraziando la Provvidenza, la gettai dentro, chiudendo la porta proprio mentre il guardiano entrava nel corridoio dove eravamo stati.

Avevo il cuore in gola, mentre spingevo la ragazza contro il muro della stanza buia, sostituendo la presa sui suoi capelli con una presa sulla sua bocca, mentre l'altra mano teneva a bada le sue mani. I suoni si fecero più vicini, e tutto ciò che potevo fare per impedirle di spingermi via e scappare. Sempre più vicino, mentre pregavo che non entrasse nella stanza. Mi ha dato un calcio e ha quasi perso l'equilibrio. Le ho dato di nuovo un pugno, mentre l'uomo passava fuori dalla porta e proseguiva. Un altro pugno la calmò e tirai un sospiro di sollievo quando i suoni diventarono più deboli. Sollevato, crollai contro di lei, avvicinando naturalmente la mia bocca alla sua. Prima che potesse urlare, le mie labbra erano sulle sue.

Scioccata, aprì la bocca, permettendo alla mia lingua di saettare dentro, esplorando la sua lingua riluttante nel calore della sua bocca. Le sue mani cercarono di spingermi via, mentre i suoi denti si stringevano, facendomi urlare di dolore. Indovinando la posizione, ho oscillato la mano, scontrandomi con qualcosa di morbido, sentendo la mia lingua sussultare nella sua bocca, persino qualcosa di caldo mi ha toccato la guancia e è colato giù. La mia lingua fu liberata e intrappolava la sua, costringendola a suonare, il suo organo del gusto incapace di impedirmi di scorrerci sopra, poi assaporarle le guance e i denti, mentre lei permetteva passivamente l'invasione della sua bocca.

Nel frattempo le mie mani, quasi da sole, avevano cercato le sue tette, e presto si posizionarono sul rigonfiamento, cosa aiutata dai suoi sforzi per togliermi dal petto. Lei rispose a questo nuovo oltraggio intensificando la sua spinta sulle mie mani, tirandole e grattandole mentre le tenevano prigioniere le tette. Trovavo difficile trattenerle la bocca mentre cercava di dire qualcosa, scuotendo la testa. Poiché il guardiano se n'era andato da tempo, mi sono preso il lusso di lasciarle andare la bocca, e sono stato sollevato nel vedere che dalla sua cavità orale escono solo deboli proteste.

Eppure l'attenzione era ora concentrata sulle sue tette, con una mano che faceva a pezzi i tumuli, stringendoli quanto più profondamente la posizione lo permetteva, mentre l'altra iniziava a sollevarle il maglione. Il secondo compito si è rivelato più difficile e ci ho messo la mano. Sono stato accolto da carne calda, che ho pizzicato e raschiato intenzionalmente, facendola gemere e dimenarsi tra me e il muro. Poco dopo giunsi a una distesa di cotone e la mia mano colpì un ostacolo mentre saliva. Riaggiustando la mano, ho infilato il reggiseno e la camicetta/maglione, e sono stata ricompensata con un grosso monticello che ho stretto a coppa nella mia mano impaziente. Mentre cominciava a grattare la mano che aveva penetrato le sue difese di cotone, ho usato la mano libera per tenerla contro il muro, dandomi più spazio per sbranarle il seno.

Usando questo spazio in più per colpirle le costole con le nocche, ho proceduto ad abbassare la tazza di cotone, sostituendo il cotone morbido con la carne più morbida. In modo ancora più eccitante, qualcosa di duro e gommoso mi ha colpito le dita, facendomelo imprigionare tra il pollice e l'indice e dandogli una forte torsione. Emise un grido, le sue gambe tremarono sotto di me mentre i suoi sforzi si fermavano e si rinnovavano con maggiore vigore, Una svolta più dura, e ora passò dal supplicarmi di lasciarla andare al lasciare andare il suo capezzolo.

Usando l'opportunità data dalla sua indebolita resistenza, ho afferrato il suo maglione e l'ho tirato su, sollevando insieme ad esso anche la sua camicetta. Quando fu trattenuto dalle sue ascelle, spostai la mano libera verso l'altra tetta, abbassando il reggiseno ed esponendo (anche se non potevo vederle) le tette in tutto il loro splendore. Prima che potesse protestare, i suoi capezzoli registrarono i loro diventando duri, ciascuno lungo mezzo pollice e, da quello che potevo sentire, piuttosto gonfi. L'ho accolto con favore afferrandoli entrambi con le dita, tirandoli e ruotandoli mentre lei spingeva contro di me. Questo è stato seguito tirando i capezzoli verso l'alto, costringendoli a sopportare il peso delle pesanti tette. Rilasciandone una, presi delicatamente a coppa la parte inferiore dell'altra tetta ancora imprigionata, stringendola dolcemente, amando la morbida parte inferiore della sua tetta.

Rischiando di grattarmi ulteriormente, lasciai andare il suo capezzolo, chinandomi invece. Usando il naso per trovare la sua tetta, presi un capezzolo, succhiandone la morbida protuberanza, quasi desiderando che producesse latte. Invece provocò in lei singhiozzi e piagnucolii, anche se la mano tra i miei capelli non tirava troppo forte. Avvolgendo le mie braccia attorno al suo addome nudo, continuai a succhiarla, alternandolo a colpi di lingua. Le cure più deboli cominciarono a cambiare il tenore della sua voce, rendendola più pesante e sostituendo i guaiti con i gemiti. La mano tra i miei capelli adesso li stava effettivamente accarezzando, premendo la mia testa contro il suo petto, volendo che continuassi a succhiarla come una bambina.

Ho obbedito, passando da una tetta all'altra, ora succhiando, ora mordendo la tetta morbida, ora forzandomi la sua tetta in bocca con la mano. Adesso lei stava premendo contro di me, ogni forma di resistenza era scomparsa. Le sue tette erano bagnate della mia saliva, ma non voleva che mi fermassi, protestando quando lo facevo. Incurante delle sue proteste, la baciai di nuovo, con pienezza sulle labbra, e fui sorpreso di trovare la sua risposta al bacio, le sue braccia che mi tenevano le spalle, il suo torso bagnato che premeva contro il mio petto, il suo corpo, invisibile nell'oscurità, che tuttavia esprimeva la sua desiderio di essere preso.

Le mie mani si spostarono sui suoi jeans, tirando la cintura finché non fu fuori mano, prima di slacciare il bottone e trascinarle giù i jeans. Si rese conto dei progressi che avevo fatto solo quando l'aria fredda le sfiorò le cosce, mentre le mie dita massaggiavano la morbida distesa di carne. Si staccò dalle mie labbra, implorandomi di non scoparla. "Perché no? Mi vuoi, vero?" chiesi, ottenendo in risposta solo silenzio. Eppure, quando ho ripreso a tirare, lei ha detto con voce dolce: "Sono vergine". Veramente ? mi sono chiesto nella mia mente. Oggi è stato il mio giorno fortunato!

Evidentemente non condivideva i miei sentimenti, perché cominciò a implorare più forte mentre continuavo a tirarli giù, raggiungendo presto le sue caviglie. Adesso aveva addosso solo le mutandine. "Per favore, non togliermi la verginità."

"Come mi fermerai?" L'ho provocata, spingendole un dito nell'inguine, sentendo la calda umidità della sua vagina. Ricoprendo il mio dito di morbida umidità, usando il liquido che ricopre il mio dito come prova della sua volontà, spingendolo contro il suo naso. Lei rimase in silenzio. Gliel'ho messo in bocca e lei lo ha leccato con riluttanza, mentre la lingua leccava i suoi stessi succhi. Ma ancora una volta ha detto "Per favore...." Potevo dire che mi stava guardando implorante, ma il vantaggio di non poterli guardare dentro mi ha permesso di ignorare le sue promesse di non dirlo a nessuno se l'avessi lasciata andare adesso. Ho riposizionato il mio dito sul cavallo caldo e bagnato, stuzzicandolo, amando la morbidezza della sua vulva.

In un lampo, le sue mutandine furono raccolte attorno alle sue cosce e il suo cespuglio, con la vagina nascosta all'interno, fu esposto. Ho sondato più a fondo, ignorando le sue suppliche e le sue spinte occasionali, finché non ho trovato il suo buco bagnato, che apriva le labbra esterne mentre mi immergevo nell'umidità. Stava singhiozzando piano adesso, ma sapevo che si sarebbe eccitata di nuovo se avessi cominciato a scoparla. Eppure la posizione era troppo difficile ed eravamo troppo vicini alla porta, così ho deciso di spostarla.

Probabilmente l'ha letto come un segno della mia rinuncia, perché l'ho sentita tirare un sospiro di sollievo. Prendendole la mano, ho usato l'altra per tastare lungo il muro finché non ho trovato il quadro elettrico, e accendendo gli interruttori a caso, ho aspettato che la luce del tubo si illuminasse, mostrandomi la mia vittima per la prima volta nella stanza. Era in disordine, pezzi di vernice intrappolati tra i capelli, la maglietta tirata su in disordine e la sua pelle chiara esposta dalle tette alla figa e oltre. I suoi occhi erano rossi e le sue guance luccicavano, ma potevo anche distinguere la macchia umida nelle sue mutandine, cosa che la metteva in imbarazzo.

Il mio cazzo stava diventando duro come l'ossidiana nei pantaloni, quindi ho deciso di liberarlo. La sua bocca si aprì in una O quando ne vide le dimensioni: 9 pollici e molto spesso. A dire il vero non avevo mai fatto sesso con una ragazza prima, essendo stato succhiato solo una volta. Adesso volevo da lei una performance simile, se non migliore. Avanzando verso di lei, l'afferrai per i capelli e, invece della spinta verso di me che si aspettava, la spinsi in ginocchio, facendo cadere le sue povere ossa sul pavimento con un tonfo. Ora posizionato davanti a me con i suoi occhi che mi fissavano con un misto di sconcerto e paura, mi sono assicurato che stesse guardando il mio cazzo tenendolo direttamente sopra la sua testa. Andando oltre, ho posizionato il cazzo direttamente sopra la sua testa, ho tirato fuori il telefono e ho cliccato su un'immagine prima che potesse obiettare. Poi ho abbassato un po' il cazzo, usando la lunga asta per colpirla in faccia, facendo scattare il suo intenso disagio.

Ma ormai i miei ormoni erano troppo alti per continuare a cliccarla e ho continuato a scoparla. Scostandole le mani, le ho fatto capire chiaramente che sarebbe stata scopata in faccia, che le piacesse o no, cosa che, se fatta bene, potrei considerare sufficiente per la notte. Quella stupida fica mi ha creduto, permettendomi di mettere la punta del mio cazzo nella sua bocca in attesa. Avevo amato la sua lingua sulla mia, ma la lingua sul cazzo la portava a un livello completamente diverso. Mentre il suo organo carnoso cominciava a leccare la punta del mio cazzo, ho avvertito una sensazione di formicolio umido che si diffondeva dalla punta a tutto il mio organo, aumentando il mio piacere. Una maggiore pressione sui suoi capelli l'ha incoraggiata a innovarsi, e ha iniziato a leccarmi su e giù l'asta, tirando delicatamente la pelle delle mie sacche in bocca, prima di leccarmi le palle e tornare al mio cazzo. Se avessi avuto solo la vista di lei che mi dava piacere, sarebbe bastato, ma la sensazione della sua lingua e delle sue labbra sul mio cazzo era fantastica oltre ogni descrizione.

Ora si spostò di nuovo sulla punta, le sue labbra si avvolgevano come una fascia rossa attorno alla punta, soffiando un alito caldo sul mio cazzo a brevi intervalli. A poco a poco ne prese sempre più nel suo buco orale, inghiottendo il mio cazzo in un orifizio caldo e umido. Eppure si è fermata a metà del mio cazzo, ritenendo impossibile andare oltre. Frustrato, l'ho afferrato per i suoi capelli, infilandole la testa tra i miei peli pubici, facendole spalancare per l'orrore gli occhi macchiati di lacrime, depositando le lacrime che avevo versato dai suoi occhi, nel mio inguine. L'ho trattenuta lì per qualche secondo ma deve esserle sembrata un'eternità. Se non fosse stato per il fatto che stava soffocando, l'avrei tenuta nella posizione molto più a lungo. Alla fine, mi sono tirato fuori quanto bastava per permetterle di inspirare, prima di spingerla di nuovo e scoparla forte in faccia. Dalla tenuta del suo orifizio, potevo dire che stavo penetrando in profondità nella sua gola, il suo conato di vomito non faceva altro che aumentare il mio piacere.

Mi resi conto che se avessi continuato a scoparla in quel modo le avrei venuto in gola. Sfortunatamente per lei, volevo prenderla come una ciliegina sulla torta, venendo nel buco che contava. Così mi sono tirato fuori con grande riluttanza, permettendole di inspirare mentre io indietreggiavo leggermente, continuando ad ammirare la saliva sul mio cazzo.
Eppure, quando non ho mostrato alcun segno di lasciarla andare, ha cominciato a supplicare di nuovo.

Controllando per assicurarmi che la porta fosse chiusa a chiave, avanzai verso di lei, troppo lontano per preoccuparmi delle sue suppliche borbottate, che si trasformarono in urla quando la afferrai per la vita, spingendola sulla panchina più vicina. Si mise subito a sedere, cercando di alzarsi dal legno freddo, cercando di cacciarmi via. Sfortunatamente per lei, uno dei calci finì sulle mie palle, dandole un momentaneo vantaggio, ma procurandole due forti schiaffi che la scaraventarono sulla panchina. Afferrandole le gambe, ho fatto a pezzi le sue mutandine (i suoi jeans erano caduti) e le ho allargato le gambe, costringendola ad affrontare la realtà che sarebbe stata violentata. "Potresti anche godertelo." le sussurrai. premendo nel punto.

Com'era prevedibile, questo provocò un'altra raffica di suppliche e calci, questi ultimi non più efficaci poiché mi trovavo a pochi centimetri dal suo vaso di miele esposto. Per quanto riguarda le sue suppliche, sono diventate più forti e stridule mentre le colpivo la figa con il mio cazzo, il mio cazzo completamente duro grazie al suo sforzo. Se mi avesse chiesto di essere gentile con lei, avrei potuto obbedire, ma lei mantenne le sue battute "vergini", intervallate da singhiozzi che fungevano da afrodisiaco visivo per il mio cazzo.

Stava cercando di alzarsi di nuovo, e questa volta non l'ho fermata. Invece, l'ho afferrata per le braccia, attirandola verso di me, finché non si è seduta sulla scrivania, con il suo viso rigato di lacrime che riempiva la mia vista. Tenendola con una mano, ho spinto l'altra tra le pieghe della sua figa, cercando il clitoride. Questo la fece implorare ancora, ma potevo dire che si stava eccitando di nuovo, le sue suppliche diventavano più brevi e più roche. Incoraggiato, ho cambiato l'angolazione della mia mano, mentre l'altra ha posizionato le gambe intorno alla mia vita. Scoprendo il suo clitoride, l'ho toccato delicatamente, facendola sobbalzare, ma diventando ancora più bagnata. I suoi occhi erano chiusi ora, permettendomi di concentrarmi sullo strofinare il suo buco con la massima fantasia possibile, spingendo fino a quattro dita nelle labbra fradicie, ma facendo attenzione a stare lontano dalla sua verginità.

Lo sforzo diede presto i suoi frutti, la sua bocca ora si apriva solo per emettere gemiti di crescente intensità, le sue braccia si aggrappavano alle mie spalle per sostenersi mentre si ritrovava di nuovo in balia della sua natura sessuale. Eppure non potevo andare avanti così per sempre, soprattutto quando il mio cazzo le ha toccato improvvisamente le cosce, facendomi quasi venire per l'eccitazione. Togliendo la mano, la rimpiazzai con la mia, toccando delicatamente il suo buco. Eppure adesso non si lamentava più, con gli occhi ancora chiusi. Non potevo più aspettare, reazione o non reazione. Ho applicato più pressione, forzando il mio cazzo appena dentro le sue pieghe, poi ancora più in profondità, finché non ho raggiunto un blocco. La sua ciliegia.

I suoi occhi si aprirono di scatto, il suo viso mostrò confusione mentre la sua mente lottava tra continuare l'esperienza piacevole e proteggere la sua verginità. Mi è piaciuto, la sua bocca esprimeva parole confuse anche se la sua figa era completamente pronta ad accogliermi. Alla fine ho visto chiaramente la confusione. Con un filo di voce, disse: "Per favore, non farlo". Ho sbattuto dentro.

È difficile descrivere la sensazione di sbattere contro una vergine, una vergine eccitata e allo stesso tempo spaventata. Mentre la riempivo completamente, il suo buco mi avvolse come un guanto stretto, quasi stringendomi mentre cercava di accogliere un uomo per la prima volta. I suoi occhi, spalancati per lo shock, non fecero altro che incitarmi mentre spingevo fino alle palle, sostituendo l'aria fredda con il calore di una donna scioccata.

Rimasi lì per quella che sembrava un'eternità, con il corpo e la mente in pura beatitudine, assaporando le sensazioni che si muovevano dal mio inguine per riempire i miei sensi, anche se i suoi occhi distoglievano lo sguardo, una lacrima che scorreva lungo la bella guancia per entrare nella sua bocca. Quando il secondo strappo cominciò a scendere, lo tirai fuori, tenendolo fuori per un momento. C'era sangue sul mio uccello, il suo sangue verginale attestava la mia conquista della sua fica. Adorando la sensazione, sono tornato dentro, facendola sobbalzare, facendo rimbalzare le sue tette contro il mio petto.

Fuori e dentro di nuovo. Ho accelerato il passo, baciando con forza la ragazza, schiacciando le sue labbra contro le mie mentre le sue tette erano contro il mio petto, le pareti della sua figa contro il mio cazzo. Non aveva altra scelta che trattenermi, mentre le mie spinte violente diventavano sempre più veloci, finché non la stavo scopando freneticamente, i nostri corpi che si schiaffeggiavano l'uno contro l'altro, la sua bocca emetteva grugniti di dolore e piacere. Ma per me era solo un piacere beato e incomparabile, la mia mente amava la duplice sensazione di aver tolto la verginità a una ragazza e quella più attuale di scoparla a sangue,

Afferrandola per le cosce, la avvicinai e la sua calda presenza divenne quasi una cosa sola con me mentre ci accoppiavamo nella stanza vuota. Stava sopportando il peso di tutto, dal freddo del bosco alla forza delle mie spinte, eppure potevo dire che si stava eccitando sempre di più. Le lacrime avevano continuato a scorrere, ma lo sguardo avvilito aveva lasciato il posto a uno lussurioso, i suoi occhi tradivano un desiderio che aveva tenuto rinchiuso come una brava ragazza, finché non le fu strappato via, Ora si arrendeva completamente ad esso, le gambe intorno alla mia vita mi afferravano con una forza più del necessario, le sue labbra mi baciavano con una fame tutta loro, i suoi occhi mi imploravano di continuare la mia violazione. Mentre mi avvicinavo all'orgasmo, lei cominciò effettivamente a rispondere alle mie spinte con alcune delle sue braccia, che ora sostenevano il suo corpo, aiutandomi in questa espressione di desiderio.

Adesso mi stavo avvicinando rapidamente al mio orgasmo. Le sue dita dei piedi erano premute contro il mio sedere, spingendomi verso di lei; la sua bella testa si inclinava all'indietro emettendo forti gemiti, prima di incontrare di nuovo le mie labbra. Mentre tenevo il suo torso snello, lei si premeva più forte contro di me, spingendola con le braccia verso il mio palo invasore. Le mie labbra si stavano muovendo su tutta la parte superiore del suo busto ora, baciando, succhiando, leccando e mordendo il collo, il petto e il seno mentre lei gemeva più frequentemente, i suoi suoni di piacere eclissavano i suoni dei nostri corpi che schiaffeggiavano.

Eppure non potevo più resistere. Premendola forte contro di me, ho spinto fino in fondo il mio cazzo, seppellendo la faccia nel suo collo mentre venivo forte, svuotando carico su carico di sperma caldo nella sua fica un tempo vergine. Lei non resistette, ma assorbì tutto, cercando di raggiungere l'orgasmo. Notai vagamente che emetteva un gemito che era quasi un urlo, i suoi fianchi che sbattevano forte contro i miei, i suoi succhi che traboccavano dalla sua figa, perso com'ero nel caldo bagliore del mio stesso orgasmo, ad amare il calore stretto come il velluto del suo tesoro più prezioso. posto. Esausto, ho premuto il mio corpo contro di lei, mentre le sue braccia cominciavano a cedere e poi a crollare. Siamo atterrati duramente sulla panchina, le mie braccia ancora sotto di lei, le sue gambe ancora avvolte attorno alle mie, i nostri corpi stanchi che si rilassavano dopo un'esperienza esaltante. Incapace di resistere, chiusi gli occhi, addormentandomi sopra di lei.

Mi sono svegliato con un gentile colpetto della mia vittima e amante, i suoi occhi che mi guardavano con un allarme che mi ha fatto capire che non ero nel mio letto nuziale, ma su una panchina fredda nel college deserto. A peggiorare le cose, i suoni del guardiano tornavano verso la porta, segnando il secondo dei suoi tre giri notturni del college. E sembrava che avesse notato la luce. Alzandomi in fretta, con il cuore in gola, scappai in un angolo, nascondendomi dietro alcuni banchi inutilizzati ammucchiati insieme. Lei non fu così veloce e, dopo essersi vestita velocemente, toccò lo spiacevole compito di aprire la porta. Ho trascorso un momento di tensione quando l'ho vista parlare con il guardiano invisibile, la sua voce così bassa da essere incomprensibile dal mio angolo. Per qualche ragione, lei non è riuscita a convincerlo a non entrare, e lui l'ha spinta oltre, spingendola nel processo contro un muro.

Il mio cervello lento ha impiegato un altro minuto per rendersi conto che stava supplicando, e un altro ancora prima di realizzare che avrebbe dovuto fare il secondo pompino della notte. Trattenni il respiro finché non lo vidi abbassarsi i pantaloni, il viso di lei apparire tra le sue gambe. Uscendo silenziosamente, presi il mazzo di chiavi, meravigliandomi della lussuria del guardiano, che gli impediva di accertarsi dove fossi, e che ora gli impediva di accorgersi che passavo a pochi centimetri da lui. Sono riuscito a scappare dalla porta laterale, lasciando lì le chiavi. Mentre me ne andavo, ho sentito un debole grido femminile. Povera ragazza, sarebbe davvero una lunga notte per lei.

scritto da Pandorius999
([email protected])

Questa storia è scritta come una fantasia. L'autore non perdona tale comportamento nella vita reale.
Le critiche costruttive sono sempre benvenute.

Storie simili

Il club capannone (parte 4)

Prima di tutto, scuse enormi per il ritardo nella produzione della parte 4. Crisi inaspettata con influenza familiare dappertutto. Tutti meglio ora, così posso rispondere all'ultima serie di feedback..... Trainers nel Regno Unito si riferisce a calzature sportive.....Nike, Adidas, Puma ecc. Non credo che ci siano altre domande, così via con la parte 4. Questo coinvolge Finn, che vedo ancora di tanto in tanto. In effetti, ha riparato il mio PC l'anno scorso. Progetta siti web e altre cose tecniche che mi lasciano sconcertato. Non ha idea che sto scrivendo questo, e ovviamente ho cambiato il suo nome (in qualcosa di...

2.2K I più visti

Likes 0

Pookies prima volta con papà

Ciao la storia che stai per leggere è una storia vera su di me e mio papà che amo con tutto il cuore. questa è la mia prima storia quindi i commenti sono ben accetti. Era una settimana prima del mio 21esimo compleanno e papà mi ha detto che aveva in programma qualcosa di speciale per me (adoro quando papà lo fa). Ma prima lascia che ti parli di me e di mio padre, mia madre è nera e mio padre è bianco, quindi questo mi rende birazziale. Sono 5'9 con capelli neri corti un po 'come Keyshia Cole con occhi...

1.3K I più visti

Likes 1

The Switch (modificato e ripubblicato)

INTRODUZIONE: Mi scuso per tutti gli errori. In realtà non avevo intenzione di pubblicarlo quando l'ho fatto. Stavo ancora modificando quando l'ho postato per sbaglio. Ho avuto alcune difficoltà con il computer. Ringrazio quasi tutti per i loro commenti (l'eccezione sono le persone che usano le storie per pubblicare commenti in cerca di ragazze? Davvero! Funziona anche così??) Ho quasi finito con il capitolo 2 (che ha dei bei colpi di scena che spero tu mi piacerà) ma mi sono fermato a ripulire un po' il capitolo 1 e a ripubblicarlo. Spero che questo sia più facile da leggere. Grazie ancora...

1.4K I più visti

Likes 0

Io e i miei fratelli Capitolo IX

IX. Spettacoli di sesso Non appena tornai in cucina, arrivarono Marty e Donny, poco dopo che Louise e Bobby si presentarono. Quasi subito stavamo mangiando e ridendo perché sembrava che tutti avessimo qualcosa di stupido da dire. Louise ha detto qualcosa su Bobby che si è aggrovigliato nel lenzuolo e le è sembrato così divertente che riusciva a malapena a spiegarlo. Marty disse: Mi sarebbe piaciuto averlo visto? Da lì siamo entrati in una discussione sulla visione del porno. Quello che voglio vedere, disse Louise, è un vero spettacolo di sesso, non uno di quegli spettacoli porno. Louise, guardi molto porno?...

1.2K I più visti

Likes 0

DOMENICA SEXY>

“È davvero alto nove pollici e spesso? Pensi che gli piacerebbe un pompino da una donna sulla cinquantina? Ero molto bravo a farlo nel fiore degli anni, anche se non ho mai avuto un uomo con un'erezione di nove pollici. Ti piacerebbe vedermi soffiare la sua erezione di nove pollici, ha chiesto percependo il mio interesse. Glielo chiederò e ti risponderò, le ho detto eccitato al pensiero di guardare una donna di dieci anni più grande, ancora sessualmente attraente, portare all'orgasmo la spessa erezione di nove pollici del mio uomo mentre guardavo. Più tardi, lo stesso giorno, Sarah si è emozionata...

1.3K I più visti

Likes 0

Notte silenziosa...

Nicole era sdraiata sul letto quando suo marito, Rick, è tornato a casa dal lavoro venerdì sera. L'unica cosa che indossava era un reggiseno nero, perizoma nero e calze a rete abbinate. Quando entrò in camera da letto, la vide sdraiata lì profondamente addormentata. Mentre stava lì e guardava quanto fosse bella, iniziò ad eccitarsi. Si spogliò e salì sul letto accanto a lei. Il suo movimento nel letto la fece semplicemente allontanare da lui. Si sentiva in colpa per aver impiegato così tanto tempo in ufficio, ma c'era un incontro importante a cui doveva partecipare. Cominciò a farle scorrere le...

1K I più visti

Likes 0

Lana vuole condividere

PRIMA PARTE: Signore, è una specie di scherzo malato? Oh merda. Jake si era svegliato e si era ritrovato legato a braccia aperte sul letto nella sua stanza del dormitorio. Erano le vacanze di primavera, il suo compagno di stanza non c'era più, il campus era vuoto... il che poteva essere una cosa molto positiva o molto CATTIVA. Si leccò le labbra mentre la sua ragazza Lana e la migliore amica della sua ragazza, Jessica, incombevano su di lui. Perché sono nudo? Lana? Alzò lo sguardo sulla sua ragazza. Era bellissima, una mora alta e dalla pelle pallida con seni di...

669 I più visti

Likes 0

Realizzare la sua fantasia

L'ho osservata dalla finestra. Era appena arrivata a casa e stava scendendo dalla macchina. Percorse il vialetto e in pochi secondi sarebbe stata davanti alla porta. Pochi secondi dopo era in casa. Conoscevo la sua routine: uscire di casa alle 6, tornare a casa alle 17,30, doccia, cena, tv, letto. Immancabilmente, ogni notte. Non aveva un marito, né un fidanzato, né animali domestici, questa signora era chiusa in se stessa... il che era perfetto per me. Vedi, avevo dei progetti per lei. Ho sentito la porta d'ingresso chiudersi dalla sua camera da letto al piano di sopra. Mi diressi dolcemente verso...

629 I più visti

Likes 0

Mia figlia Miriam cap06

Capitolo 6 Jen era più che pronta a mettere in atto il piano di Dave. La volta successiva che i suoi genitori Barry e Cathy uscirono e la lasciarono sola, lei si precipitò dritta verso la scatola nascosta dei film sporchi. Ha scelto il film tra ragazze e ha iniziato a guardarlo. La settimana scorsa, quando l'ha visto per la prima volta, non era molto interessata a guardarlo. Ora non vedeva l'ora di vedere l'azione. Stava per organizzare uno spettacolo per i suoi genitori che li avrebbe fatti eccitare moltissimo. Mentre guardava quel film, l'azione la stava davvero facendo eccitare. Stava...

560 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

399 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.