Mia sorella ed io a Natale - parte 2

2.8KReport
Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Il campanello suonò per tutta la casa, strofinando il sonno irrefrenabile dai miei occhi stanchi, sollevai la testa di Charlotte dal mio petto e la posai su un cuscino.

Girai la chiave e aprii la porta. Mi porto il dito alle labbra, "Charlotte sta dormendo, quanto pensi che sia presto?" Ho detto.

"Uhhh, non così presto" disse Leo, avvicinandomi alla faccia il suo hublot.

"Vieni di sopra" dissi. Siamo andati in camera mia e ho fatto la doccia. "Cos'è successo alla festa?" chiese Leone

"Un ragazzo l'ha provato con mia sorella" dissi.

"Dopo che ho finito con Ariana, tutto ciò di cui tutti parlavano eri tu", ha detto.

Sono entrato nella doccia, l'acqua scorreva sul mio corpo livido. Sono uscito ad asciugarmi e ad infilarmi delle mutande. "Quelle scale mi hanno fatto davvero un gran numero" dissi.

"Cazzo, immagino che sia sfuggito di mano" disse.

"Non so perché mi ha fatto arrabbiare così tanto, l'ho perso. E la cosa peggiore è che mi sono divertito", ho confessato.

"Non preoccuparti, devi solo rilassarti. In realtà sono venuto a chiederti se saresti venuta a una festa con me. La compagnia di papà sta organizzando un ballo di beneficenza e ho davvero bisogno di qualcuno che conosco per essere lì", ha detto .

"Sì certo, quando?" Ho chiesto.

"Vieni da me verso le 20:00 e puoi seguirmi lì." Egli ha detto.

Ho indossato una costosa camicia bianca, pantaloni eleganti, blazer e un paio di mocassini. Sono arrivate le 20:00 e sono arrivato a casa di Leo. Scesi dalla macchina e suonai il campanello. "Sei pronto?" Ho chiesto a Leo.

"Sì, seguimi. Non è molto lontano. Forse dieci minuti", ha detto.

Sono salito in macchina e ho seguito Leo alla Walton consolidata, l'azienda di suo padre. Ho parcheggiato e l'ho seguito all'interno. "Oliver, piacere di vederti figlio" disse il papà di Leo, allungando il braccio. "Grazie, signor walton. Aveva senso sostenere i miei migliori amici affari futuri" dissi stringendogli la mano e urtando Leo.

"Purtroppo Leonard non condivide il tuo entusiasmo. Preferisce di gran lunga fare festa e distruggere il caos. Oh e per favore, chiamami Derrick." Egli ha detto.

"Buonanotte signor... Voglio dire Derrick" dissi.

"Non mi sembra giusto chiamare tuo padre Derrick" dissi a Leo.

Siamo entrati nella sala principale, piena di tavoli, sedie e un'orchestra. Ci siamo seduti a tavola circondati dalla sua famiglia. Passò circa un'ora quando il signor Walton salì sul palco. "Grazie a tutti per essere venuti. Come molti di voi sanno, questo è il mio ultimo anno come CEO di Walton consolidato. Sarà tramandato al mio CFO, James Simons. Spero che abbiate una fantastica serata ed ecco un altro grande anno!" Egli ha detto.

Si sedette al tavolo, molte persone si avvicinavano e si congratulavano.

"Mi scusi, dovrei prendere questo" dissi. Ho lasciato l'atrio e sono uscito. Ho risposto al mio telefono.

"Ciao" ho detto.

"Oliver, puoi tornare a casa per favore. Devo dirti una cosa" disse mia madre, ovviamente sconvolta. "Sì certo, cosa c'è che non va?" Ho chiesto.

"Per favore, torna a casa" disse. Ho messo giù il telefono ed sono entrato nell'atrio principale. "Mi dispiace partire così, ma devo tornare a casa, buona notte" dissi.

Tornai a casa e aprii la porta, correndo in soggiorno. "Mamma, cosa c'è che non va?" dissi, la mia mano sulla sua spalla.

"Siediti" disse.

Mi sono seduto sul divano di fronte. Il suo labbro inferiore tremava mentre lottava per trattenere le lacrime prima che le gocciolassero sulle guance. "Tuo padre se n'è andato" disse.

"Cosa dove?" Ho chiesto.

"No... è morto" disse, abbassando la testa tra le mani, le spalle tremanti mentre combatteva il dolore.

La mia faccia si abbassò, la stanza silenziosa. Mi sono alzato e sono andato in camera mia. Ma mi sono fermato e ho aperto la porta di Charlotte. Si lamentò nel cuscino, afferrando manciate di fodera. Mi sdraiai e la tenni stretta a me.

"Shhh, va bene. Sono qui" dissi. Pianse incontrollabilmente, affondando il viso nella mia spalla. "Sono qui" ripetei, più e più volte.

Siamo rimasti rannicchiati insieme per quelle che sembravano ore. Cercò di schiarirsi la gola, ma il nodo contorto rimase, stringendo la voce su ogni sillaba. "Ti amo Oliver, più di chiunque altro" disse.

"Ti amo anche più di chiunque altro" dissi. Le tolsi delicatamente i lunghi capelli castani dal viso, infilandoli dietro l'orecchio. Le ho baciato la spalla e il collo. La sua mano scivolò dietro la mia testa, guardandomi negli occhi attirò il mio viso verso di sé. Le nostre labbra si sfiorarono, una, due, tre volte.

Ci siamo baciati di nuovo, ha preso il controllo con la lingua sfiorandomi le labbra. Lo spinse ulteriormente nella mia bocca, le mie labbra lasciarono le sue e le succhiai leggermente la lingua. Mi sono messo tra le sue gambe e mi sono tolto i pantaloni. Si tolse il giubbotto mentre mi infilavo la maglietta sopra la testa.

Le presi il viso e le strofinai la coscia liscia mentre ci baciavamo appassionatamente. Era diverso da qualsiasi cosa avessi mai sentito prima, il sapore che la sua saliva mi lasciava in bocca, il calore che si irradiava dal suo corpo, allora sapevo che volevo lei e nessun altro.

Fine della parte 2

Scusa se è ancora un po' corto, penso che sia un po' più lungo della parte 1 ma non quanto vorrei. Mi dispiace che questa parte abbia richiesto molto tempo, ero piuttosto impegnato e ho scritto molti tentativi, ma alla fine ho optato per questa trama. Sento che questo è molto meglio.

Una grande citazione che ho preso in considerazione è..... "Quando stai andando bene, smetti di scrivere". E questo significa che se tutto sta andando bene e sai esattamente dove andrà la fine del capitolo e sai esattamente cosa faranno le persone, non continuerai a scrivere e a scrivere finché non arrivi alla fine , perché quando lo fai, allora dici, beh, dove andrò dopo? E ti alzi e te ne vai e non vuoi tornare perché non sai dove vuoi andare- Ernest Hemingway.

Questo è quello che mi è successo al primo, ero bloccato ma ora so dove sto andando e questo penso e spero mi renda uno scrittore molto migliore.

Buon anno a tutti! E la parte 3 è saldamente bloccata nella mia testa e uscirà tra forse 2 o 3 giorni, perché non vedo l'ora di tornare.

Addio 2012. Spero che tu abbia un fantastico 2013 e ricontrolla per la prossima puntata, parte 3.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

879 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

421 I più visti

Likes 0

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

387 I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Domare il culo di michelle

“Oh Danny, ho aspettato così tanto questo momento – finalmente sei qui – non posso credere che tu sia qui – stasera – voglio donarmi a te. Voglio che tu mi prenda e mi renda tutto tuo – baciami e fammi sapere che questo è reale. Guardandola profondamente negli occhi dissi: Sei stata rinchiusa nei miei sogni per così tanti mesi ormai - ho aspettato così tanto anche questo momento - per poter finalmente abbracciarti, guardarti negli occhi, baciarti e fare ti voglio bene – Michelle voglio farti mia e solo mia!!!.” “Baciami, voglio assaggiare le tue labbra sulle mie” Mi...

727 I più visti

Likes 0

Innamorarsi di Kyle - Capitolo 6

Va bene, ecco la parte successiva. Evvai perché non ci vorranno mille anni! Sono piuttosto orgoglioso di questo capitolo, soprattutto considerando lo stato d'animo da scoreggia cerebrale in cui sono stato... Grazie a tutti coloro che mi hanno dato qualche idea. Sto ancora decidendo come continuare questa storia. Molto probabilmente lo farò, ma probabilmente ci saranno solo un capitolo o due in più. Ma sarete tutti felici di sapere che inizierò un'altra storia non appena questa sarà finita. Sono davvero entusiasta di pubblicarlo; Penso davvero che vi piacerà. Ho ricevuto un'infinità di stesse domande dai PM, quindi ne risponderò ad alcune...

596 I più visti

Likes 0

Gli assassini senza mira, capitolo 1

Il barista era un uomo pesante. Aveva un viso rotondo e carnoso con occhi piccoli e un naso grosso. In quel momento era continuamente infastidito da una mosca, che evidentemente era molto affezionata al suo naso. Apparentemente il bar era vuoto con alcuni ballerini che dondolavano in giro aspettando l'inizio della serata. Alcuni avevano già clienti ed erano impegnati a soddisfare le loro esigenze. La mia testa ha smesso di girare quando ho visto una ballerina in un angolo. Indossava un reggiseno di seta blu scuro con pantaloncini abbinati. La sua pelle d'avorio brillava alla luce delle luci. Aveva un'espressione nervosa...

488 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.