Mia sorella ed io a Natale - parte 2

1.3KReport
Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Il campanello suonò per tutta la casa, strofinando il sonno irrefrenabile dai miei occhi stanchi, sollevai la testa di Charlotte dal mio petto e la posai su un cuscino.

Girai la chiave e aprii la porta. Mi porto il dito alle labbra, "Charlotte sta dormendo, quanto pensi che sia presto?" Ho detto.

"Uhhh, non così presto" disse Leo, avvicinandomi alla faccia il suo hublot.

"Vieni di sopra" dissi. Siamo andati in camera mia e ho fatto la doccia. "Cos'è successo alla festa?" chiese Leone

"Un ragazzo l'ha provato con mia sorella" dissi.

"Dopo che ho finito con Ariana, tutto ciò di cui tutti parlavano eri tu", ha detto.

Sono entrato nella doccia, l'acqua scorreva sul mio corpo livido. Sono uscito ad asciugarmi e ad infilarmi delle mutande. "Quelle scale mi hanno fatto davvero un gran numero" dissi.

"Cazzo, immagino che sia sfuggito di mano" disse.

"Non so perché mi ha fatto arrabbiare così tanto, l'ho perso. E la cosa peggiore è che mi sono divertito", ho confessato.

"Non preoccuparti, devi solo rilassarti. In realtà sono venuto a chiederti se saresti venuta a una festa con me. La compagnia di papà sta organizzando un ballo di beneficenza e ho davvero bisogno di qualcuno che conosco per essere lì", ha detto .

"Sì certo, quando?" Ho chiesto.

"Vieni da me verso le 20:00 e puoi seguirmi lì." Egli ha detto.

Ho indossato una costosa camicia bianca, pantaloni eleganti, blazer e un paio di mocassini. Sono arrivate le 20:00 e sono arrivato a casa di Leo. Scesi dalla macchina e suonai il campanello. "Sei pronto?" Ho chiesto a Leo.

"Sì, seguimi. Non è molto lontano. Forse dieci minuti", ha detto.

Sono salito in macchina e ho seguito Leo alla Walton consolidata, l'azienda di suo padre. Ho parcheggiato e l'ho seguito all'interno. "Oliver, piacere di vederti figlio" disse il papà di Leo, allungando il braccio. "Grazie, signor walton. Aveva senso sostenere i miei migliori amici affari futuri" dissi stringendogli la mano e urtando Leo.

"Purtroppo Leonard non condivide il tuo entusiasmo. Preferisce di gran lunga fare festa e distruggere il caos. Oh e per favore, chiamami Derrick." Egli ha detto.

"Buonanotte signor... Voglio dire Derrick" dissi.

"Non mi sembra giusto chiamare tuo padre Derrick" dissi a Leo.

Siamo entrati nella sala principale, piena di tavoli, sedie e un'orchestra. Ci siamo seduti a tavola circondati dalla sua famiglia. Passò circa un'ora quando il signor Walton salì sul palco. "Grazie a tutti per essere venuti. Come molti di voi sanno, questo è il mio ultimo anno come CEO di Walton consolidato. Sarà tramandato al mio CFO, James Simons. Spero che abbiate una fantastica serata ed ecco un altro grande anno!" Egli ha detto.

Si sedette al tavolo, molte persone si avvicinavano e si congratulavano.

"Mi scusi, dovrei prendere questo" dissi. Ho lasciato l'atrio e sono uscito. Ho risposto al mio telefono.

"Ciao" ho detto.

"Oliver, puoi tornare a casa per favore. Devo dirti una cosa" disse mia madre, ovviamente sconvolta. "Sì certo, cosa c'è che non va?" Ho chiesto.

"Per favore, torna a casa" disse. Ho messo giù il telefono ed sono entrato nell'atrio principale. "Mi dispiace partire così, ma devo tornare a casa, buona notte" dissi.

Tornai a casa e aprii la porta, correndo in soggiorno. "Mamma, cosa c'è che non va?" dissi, la mia mano sulla sua spalla.

"Siediti" disse.

Mi sono seduto sul divano di fronte. Il suo labbro inferiore tremava mentre lottava per trattenere le lacrime prima che le gocciolassero sulle guance. "Tuo padre se n'è andato" disse.

"Cosa dove?" Ho chiesto.

"No... è morto" disse, abbassando la testa tra le mani, le spalle tremanti mentre combatteva il dolore.

La mia faccia si abbassò, la stanza silenziosa. Mi sono alzato e sono andato in camera mia. Ma mi sono fermato e ho aperto la porta di Charlotte. Si lamentò nel cuscino, afferrando manciate di fodera. Mi sdraiai e la tenni stretta a me.

"Shhh, va bene. Sono qui" dissi. Pianse incontrollabilmente, affondando il viso nella mia spalla. "Sono qui" ripetei, più e più volte.

Siamo rimasti rannicchiati insieme per quelle che sembravano ore. Cercò di schiarirsi la gola, ma il nodo contorto rimase, stringendo la voce su ogni sillaba. "Ti amo Oliver, più di chiunque altro" disse.

"Ti amo anche più di chiunque altro" dissi. Le tolsi delicatamente i lunghi capelli castani dal viso, infilandoli dietro l'orecchio. Le ho baciato la spalla e il collo. La sua mano scivolò dietro la mia testa, guardandomi negli occhi attirò il mio viso verso di sé. Le nostre labbra si sfiorarono, una, due, tre volte.

Ci siamo baciati di nuovo, ha preso il controllo con la lingua sfiorandomi le labbra. Lo spinse ulteriormente nella mia bocca, le mie labbra lasciarono le sue e le succhiai leggermente la lingua. Mi sono messo tra le sue gambe e mi sono tolto i pantaloni. Si tolse il giubbotto mentre mi infilavo la maglietta sopra la testa.

Le presi il viso e le strofinai la coscia liscia mentre ci baciavamo appassionatamente. Era diverso da qualsiasi cosa avessi mai sentito prima, il sapore che la sua saliva mi lasciava in bocca, il calore che si irradiava dal suo corpo, allora sapevo che volevo lei e nessun altro.

Fine della parte 2

Scusa se è ancora un po' corto, penso che sia un po' più lungo della parte 1 ma non quanto vorrei. Mi dispiace che questa parte abbia richiesto molto tempo, ero piuttosto impegnato e ho scritto molti tentativi, ma alla fine ho optato per questa trama. Sento che questo è molto meglio.

Una grande citazione che ho preso in considerazione è..... "Quando stai andando bene, smetti di scrivere". E questo significa che se tutto sta andando bene e sai esattamente dove andrà la fine del capitolo e sai esattamente cosa faranno le persone, non continuerai a scrivere e a scrivere finché non arrivi alla fine , perché quando lo fai, allora dici, beh, dove andrò dopo? E ti alzi e te ne vai e non vuoi tornare perché non sai dove vuoi andare- Ernest Hemingway.

Questo è quello che mi è successo al primo, ero bloccato ma ora so dove sto andando e questo penso e spero mi renda uno scrittore molto migliore.

Buon anno a tutti! E la parte 3 è saldamente bloccata nella mia testa e uscirà tra forse 2 o 3 giorni, perché non vedo l'ora di tornare.

Addio 2012. Spero che tu abbia un fantastico 2013 e ricontrolla per la prossima puntata, parte 3.

Storie simili

Naked Day - parte 7

Allora, Sandy vuole un po' di cazzo. Ci sono stato, l'ho fatto, dissi con un sorriso. Sandy mi ha puntato il dito medio e ha riso. Beh, ho bisogno di una pausa, ho annunciato. Ho preso un asciugamano per Cindy per pulire il viso dal suo doppio viso, poi ho portato una sedia in fondo al letto. Penso che mi siederò qui e dirigerò. Dannazione, tutti e tre i fratelli Monroe nudi sul mio letto. Cominciamo. Johnny alzati sulla tua schiena e lascia che le tue sorelle lavorino per farti diventare duro di nuovo. Sandy, guarda quanto di questo puoi scendere...

769 I più visti

Likes 1

Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei...

1.1K I più visti

Likes 0

Benedizione sotto mentite spoglie

L'indimenticabile avvenimento, che sto per raccontarvi, non è una storia di cazzi e tori, piuttosto è il mio primo tentativo sessuale che ho fatto quando studiavo al quarto anno di ingegneria. Per prima cosa mi presento: vivo con mio zio a Lahore. Essendo un contadino il mio fisico è robusto e la pelle è chiara. Molte donne del villaggio erano attratte da me ma non le ho notate in parte per l'inclinazione di mio padre alle attività religiose nel villaggio e in parte per il timore di essere colto in flagrante. Anche allora i miei occhi rimasero assetati di uno sguardo...

1K I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

1.1K I più visti

Likes 0

L'esattore - Parte 3

Pt 3 Mentre mi sedevo sull'autobus per riprendermi dall'orgasmo intenso che avevo appena avuto, ho sentito il mio cazzo scivolare fuori dalla figa molto bagnata di Mandy. Gemette di disapprovazione e si rannicchiò contro il mio collo. Che trasformazione ha attraversato, pensai mentre la strofinavo culo. Immagino che ora stesse pensando a me come al suo protettore. Di sicuro non voleva Tyrese si avvicina a lei con quel suo cazzo mostruoso! Beh, lei era circa per vedere in prima persona cosa stava per fare a sua madre! La vista e il suono della tredicenne che provava il suo primo orgasmo fecero...

1.7K I più visti

Likes 1

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

976 I più visti

Likes 0

Allenatore Kristen

Mia nipote gioca a softball in una piccola lega sponsorizzata dalla città in cui viviamo. Il suo allenatore, Kristen (non è il suo vero nome), è davvero l'unica cosa divertente delle partite. Kristen è sul lato grosso. Ha una specie di viso grosso su cui si trucca e labbra imbronciate dello stesso colore rosso scuro dei suoi lunghi capelli ricci. Non è quella che definirei una bellezza classica, ma è decisamente fattibile. E se dovessi indovinare, direi che probabilmente aveva tra i primi e i 30 anni. Kristen emana anche l'atmosfera che quando è fuori dal campo, è selvaggia come un...

1.2K I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

1.1K I più visti

Likes 0

Balla con una concubina, parte seconda

Sono passate due settimane dal mio incidente nelle caverne. Si pensava che Nancy fosse scomparsa dalla sua famiglia, ma non potevo dire loro la verità. Conoscete quella su lei che ha accettato un patto da qualche gingillo magico e poi ha ordinato ai suoi scagnozzi di violentarmi. È ancora stupro se mi sono divertito fino in fondo? Forse ero uno di quei tipi sottomessi? Chissà? Ad ogni modo, appena sono riuscito a guadagnare abbastanza forze per lasciare il motel, sono scappato. Stuart e la sua amica con il fisico perfetto hanno cercato di fermarmi, mi hanno detto che c'erano molte cose...

885 I più visti

Likes 0

Un inaspettato scherzo del destino

Kaden James- Spostò il peso per guardare suo padre, la mano ancora sulla maniglia della porta. Sapeva già cosa stava per dire. Prima che suo padre potesse parlare con suo fratello Kael e sua sorella Kayla entrarono dalla porta del patio. Sebbene Kayla cercasse spesso di nasconderlo, era chiaramente presa da sua madre. Quando aveva 13 anni si è tinta i capelli di un bel colore ramato che ha quasi fatto venire un infarto a suo padre. Indossava anche un pesante trucco per gli occhi che la faceva sembrare più vecchia e sexy. Il modo più semplice per farla incazzare era...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.