Rinato per essere migliore. capitolo 3

1.1KReport
Rinato per essere migliore. capitolo 3

*** Attenzione, il seguente lavoro tratta argomenti di incesto, sesso non consensuale, schiavitù e condizionamento mentale. Tutti i partecipanti hanno più di 18 anni e questo lavoro è un'opera di finzione completa e non ha alcuna base nella realtà per nessuna persona. ***

Sua sorella sembrava che si fosse rotta ieri quando l'ultima palla le era caduta dalla figa, lui l'aveva presa ancora e ancora nelle successive 24 ore, ogni volta che si prendeva una pausa, la metteva direttamente davanti alla televisione a giocare neve e fissa le cuffie alle orecchie per riprodurre i brani più e più volte nella sua testa.

Una volta che le aveva anche concesso una pausa, l'aveva adagiata sul letto e l'aveva lasciata riposare per una breve mezz'ora, ma solo dopo averla fatta raccontare alcune cose.

"Dì che sei il mio schiavo."

"Io-io sono tu sei schiavo."

"No, voglio che tu dica: 'Sono lo schiavo di Jason.'"

"Sono lo schiavo di J-Jason."

"Ora di' quanto hai bisogno del mio cazzo"

"Non posso vivere senza il cazzo di Jason.."

Apparentemente avendo capito che volevo che parlasse in terza persona, ha ripetuto esattamente quello che volevo che lei facesse. Jason continuava a strofinarle il viso con uno straccio fresco, parlando piano, dolcemente, e mostrandole una tenerezza che contrastava con il suo comportamento precedente in un modo che era scioccante.

"Dì che ti fidi completamente di me.."

"Mi fido completamente di Jason.."

"Questa è una brava ragazza, ora un'ultima cosa. Voglio che tu dica 'Farò sempre quello che Jason chiede, non importa quello che chiede. Perchè lo amo. La sua felicità significa più della mia vita.'”

“Io-farò sempre quello che Jason chiede... Non importa cosa chieda... Perché io-io-lo amo... La sua felicità significa più della mia vita. Soffocò, una lacrima le scese lentamente lungo la guancia.

Guardando i suoi occhi che vibravano pericolosamente nella sua testa per la mancanza di sonno, Jason sapeva che non poteva spingerla oltre. Prendendo lo straccio e posandolo sulla sua fronte, si avvicinò e spense le luci, facendola addormentare velocemente.

Il cuore di Jason gli batteva nel petto mentre riavvolgeva il registratore che teneva in mano e ascoltava la voce di sua sorella. Ha ripetuto le sue frasi quasi perfettamente. Sapeva che questa sarebbe stata la sua fine o l'inizio del resto della sua vita.

Dopo questo momento, non solo la sua vita, ma anche la sua, sarebbe rinata per essere migliore.

**********23 ore rimaste**********

Jason Fremont si sedette sul divano picchiettandosi la gamba. Il cuore gli batteva nel petto.

Jason aveva passato gli ultimi due giorni e le ultime due notti a tormentare sua sorella. Scopandola, rompendola e cercando di trasformarla in ciò che pensava di volere. Ora non era così sicuro.

La loro madre sarebbe tornata a casa domani, i suoi piani di viaggio erano stati ritardati a causa del tempo, ma ora sapeva di essere fottuto... La loro madre si è sempre schierata dalla parte di sua sorella Adriana in ogni piccolo battibecco. Ora qui l'aveva legata, scopata e cercato di spezzarle la mente.

Non è stato un piccolo battibecco, è stato imperdonabile. La loro madre sarebbe tornata a casa in 24 ore e, quando l'ha fatto, sapeva che sarebbe andato in prigione, probabilmente per il resto della sua vita.

Jason si stava strofinando i polsi mentre questi pensieri gli tormentavano il cervello. Come poteva essere così stupido da credere di poter trasformare sua sorella in questo. Non poteva possederla, era solo una cagna subdola e connivente. Probabilmente stava al gioco sperando che lui si rilassasse, scivolasse o rallentasse. Doveva sapere che aveva solo un tempo limitato e che avrebbe potuto essere salvata se avesse resistito. Stava solo cercando di sopravvivere...

Alzandosi in piedi, Jason sapeva che era troppo in profondità. Avrebbe rifatto sua sorella o sarebbe andato in prigione.

Dirigendosi al suo computer, Jason ha passato circa un'ora a lavorare sulla registrazione che aveva fatto di sua sorella, abbassando il tono delle frasi, le ha nascoste in alcune colonne sonore rilassanti e ha ricostruito il suo mix musicale di lavaggio del cervello.

Dopo essere stato sicuro di aver impostato correttamente i segnali vocali, ha masterizzato la musica sul suo lettore mp3 e l'ha portata nella stanza in cui teneva sua sorella.

Guardandola, sapeva che non gli sarebbe rimasto molto tempo, quindi ha impostato la musica da riprodurre nella stanza e ha impostato l'altoparlante su un volume basso, attento a non svegliarla, si è assicurato che gli altoparlanti fossero il più vicino possibile possibile. Era immobile, ma sapeva che era almeno viva dal movimento ritmico del suo petto.

Fissando il suo petto per guardarla respirare, si sentì indurire, e mentre voleva prenderla adesso, sapeva che doveva aspettare. Aveva bisogno che lei fosse una partecipante attiva, non una vittima.

Dopo aver impostato la musica, è salito nella sua stanza e ha preso alcuni dei suoi farmaci dal cassetto, sapeva che un cliché come sua sorella l'avrebbe riposto.

Allestì un bruciaincenso, accese la sua erba e iniziò a riempire la stanza. Aveva bisogno che lei si rilassasse, non che la stanchezza non aiutasse, ma doveva assicurarsi che fosse in una trance il più profonda possibile, e le droghe avrebbero potuto spingerla oltre il limite e nell'oblio mentale.

Dopo aver sistemato il suo piccolo hot-box, Jason è andato a prendere una telecamera dal loro garage e l'ha impostata per guardare sua sorella, se si fosse trasferita nella stanza o avesse cercato di andarsene, lo avrebbe allarmato al telefono di sua sorella e glielo avrebbe fatto sapere . Aveva bisogno di più tempo, ma forse tutto questo avrebbe funzionato. Doveva convincersi che poteva farlo.

Se non riusciva a convincere se stesso, come poteva convincerla.

**********18 ore rimaste**********

Jason aveva osservato dalla sua telecamera di sicurezza mentre sua sorella non si muoveva mai.

Era sdraiata sul letto nelle ultime 6 ore e non ha mai mosso un muscolo. Diverse volte era sceso a trovarla e si era assicurato che fosse viva. Sapeva che la privazione del sonno era pericolosa, ma era disperato, e questo era l'unico modo a cui riusciva a pensare per risolvere quella situazione.

Dilaniato dal senso di colpa e dalla paura, Jason era andato nella sua stanza e aveva preparato una borsa. Non andrebbe in galera, preferirebbe scappare. Ma la paura si sgretolava sempre quando pensava al potere, era così vicino ad avere la meglio su sua sorella.

La musica suonava ancora e ancora.

6 ore di musica, intrecciate con la voce di sua sorella che le diceva che era sua, che lo desiderava e che la sua felicità era la più importante.

Alla fine, decidendo che 6 ore erano sufficienti, Jason scese le scale e capì che doveva svegliare sua sorella. Lui stesso correva sui fumi, a volte sonnecchiando, ma si svegliava sempre di soprassalto, pensando che sua sorella fosse scappata e avesse chiamato la polizia.

Entrando nella stanza, Jason si diresse verso sua sorella attraverso la leggera foschia del fumo di marijuana.

Infilandole un colletto intorno al collo e stringendolo, la scosse delicatamente per svegliarla.

"Adriana, svegliati, è ora di allenarti."

Borbottando qualcosa che Jason non poteva sentire, iniziò a provare a mettersi a sedere, ma era chiaramente molto dolorante. I lividi sul sedere e sulle gambe le rendevano difficile prendere una posizione seduta, quindi scivolò giù dal letto e sul pavimento.

Adriana sentì il pavimento freddo sul culo e provò un sollievo immediato, i suoi lividi erano gonfi e doloranti, ma sentiva di averli meritati. Il pavimento è dove sedevano i buoni schiavi.

**CAZZO!!! Devo uccidere questo perdente!!**

Qualcosa le diceva che doveva essere arrabbiata, ma quella parte sembrava così estranea, come un estraneo che grida nella nebbia.

Guardando suo fratello, no... il suo Maestro, Adriana era così felice di aver avuto così tanto tempo per riposare. Sapeva che doveva essersi sacrificato e sofferto così tanto per non aver avuto accesso a lei.

Fissandolo negli occhi, si rese conto che non era lì che avrebbe dovuto guardare e riorientò il suo sguardo sui suoi piedi.

**No!! Devo uccidere questo CAZZO**

Fissando la piastrella, Adriana sussurrò piano: "Sì, signore, cosa vorresti che facessi?"

Jason fissò sua sorella.. Era scivolata via dal pavimento e si era seduta ai suoi piedi. 'Cosa ha detto?' Pensò..

'No... No... Questo non è reale' la sua mente correva. 'Questo deve essere un trucco.'

"Voglio che tu venga qui con me, ti insegnerò, ti addestrerò, cara sorella-schiava."

Attaccando un guinzaglio al colletto di sua sorella, la tirò di nuovo sulla panca, appoggiandoci sopra la sua dolce corporatura. Assicurandole braccia e gambe fino alle estremità, liberò il suo cazzo e capì che doveva averla. Non poteva più aspettare e sapeva che l'avrebbe fottuta lentamente e avrebbe visto come reagiva.

Sentendosi fino alla sua figa, la trovò fradicia. La toccò delicatamente per un po' prima di tirarsi fuori e spingere le dita vicino alla sua bocca. Non aveva nemmeno bisogno di aspettare quando lei iniziò immediatamente a succhiargli le dita, assaporando i suoi succhi su di lui.

'Era così', pensò, 'l'ultima traccia della sua resistenza si è rotta.'

**********12 ore rimaste**********

"A chi appartieni?" Lui ha sussurrato? Facendo scivolare il suo cazzo su e giù per le sue pieghe, stuzzicando e bagnando tutta la sua lunghezza.

“Tu Maestro.. io appartengo a TE Maestro..”

**PERCHÉ NON POSSO MUOVERSI?? PERCHE' NON POSSO PARLARE??**

Facendo scivolare lentamente il suo cazzo dentro di lei, sentì la sua umidità e il suo calore inghiottirlo. Si crogiolava nel potere che aveva su di lei e nella forza con cui lei lo strinse.

"Che cosa siete?" Ha parlato più forte.

**Ti ucciderò, cazzo** Qualcosa risuonò nella sua testa, ma la voce si stava facendo più morbida.

"Sono il tuo SCHIAVO, sono qualunque cosa tu voglia che io sia.."

**NOOOOO!!! NON VOGLIO ESSERE LA SUA SCHIAVA!!**

Jason non ce la faceva più, afferrandole i capelli, la tirò indietro per guardarlo, vedendo che i suoi occhi sembravano genuini, la fotte forte. Il suo cazzo che sbatteva contro di lei ancora e ancora, ascoltò i suoi grugniti tesi e le sussurrò: "Non osare ancora sborrare puttana .. So che è quello che vuoi, ma non te lo sei guadagnato."

"YESS SIRRR.." riuscì a grugnire mentre lui la scopava brutalmente. Avvolgendole l'altra mano intorno al collo, iniziò a stringere lentamente. Sentendo il suo corpo che cominciava a rilassarsi, e guardando i suoi occhi che si gonfiavano e si giravano all'indietro, la lasciò andare.

Tirando fuori il suo cazzo da lei, tenne la sua mano aggrovigliata tra i suoi capelli e si avvicinò, facendo scivolare il suo cazzo scivoloso tra le sue labbra, aspettò.

Una volta che vide i suoi occhi iniziare a sbattere, capì che si stava svegliando e iniziò a far scivolare il suo cazzo nella sua bocca. “Esatto Cagna. Ti svegli con il mio cazzo, sei l'unica ragione per vivere. Servire il mio cazzo e servire i miei bisogni.

Mentre la scopava lentamente, la sentì iniziare a succhiare e capì che era sicuro di iniziare ad andare più forte.

Riaggiustando la presa sui suoi capelli, le trascinò la testa più in basso sul suo cazzo, ancora e ancora, tirandola via e ricacciandola giù.

Adriana iniziò a vomitare mentre Jason le entrava continuamente in gola e si godeva il fatto che veniva usata. Sapeva che Jason avrebbe mantenuto questo ritmo, l'avrebbe usata ancora e ancora, perché era quello per cui era destinata.

Sentendo che le sue palle cominciavano a ribollire, sbatté di nuovo sua sorella sul calzino un'ultima volta e le scese in gola. La sua vista era offuscata da quanto stava venendo forte, e la sensazione di sua sorella che ingoiava ancora e ancora, la sua gola che gli mungeva il cazzo gli fece desiderare di continuare a venire, e lo tenne duro come una roccia.

Dopo essersi esaurito, si tirò fuori dalla sua bocca e la guardò, vedendo il suo viso rigato dalle lacrime e lo sperma che le gocciolava leggermente lungo il mento, sapeva che doveva registrarlo.

Afferrandole il telefono, ha scattato alcune foto prima di liberarla dalla panca e sedersi di nuovo sul letto. "Vieni qui schiava", le disse. "Ho un altro compito prima di iniziare la tua prossima sessione di allenamento."

Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, sentiva che avrebbe potuto sapere cosa voleva, dopotutto, aveva fatto un bel pasticcio al suo padrone. "Puliscimi ora." Jason le ha comandato.

**Gli morderò il cazzo**

Adriana abbassò violentemente la voce nella sua mente, non avrebbe mai fatto del male al suo Maestro. Facendo scivolare lentamente il cazzo del suo padrone in bocca, fece scorrere la lingua per tutta la lunghezza, assicurandosi di non perdere nessuno dei suoi succhi su di lui, e per un'ultima misura facendolo scivolare in fondo alla gola e tenendolo lì per un momento .

Jason sentì il suo cazzo scivolare di nuovo nella gola di sua sorella e voleva metterla alla prova di nuovo, mettendo la mano sulla parte posteriore della sua testa e premendo verso il basso.

Avvolse le gambe intorno alle sue spalle e le bloccò la testa. Guardandola dritto negli occhi, le disse: "I miei desideri sono l'unica cosa a cui tieni. Rinuncerai alla tua vita per me, se lo voglio, vero?"

Fissandola negli occhi, la sentì provare a dire qualcosa intorno al suo cazzo, sentendo solo la vibrazione, ma sapendo dal suo sguardo devoto che gli aveva detto di sì.

Si tenne nella sua gola per quella che gli sembrò un'ora, ma sapeva che potevano essere solo pochi minuti, e la guardò soffocare sul suo cazzo, le sue mani appoggiate delicatamente sul letto mentre si rassegnava a morire di soffocamento sul cazzo di suo fratello.

Le sue mani si contraevano costantemente, e lui la osservò gli occhi ricominciare a gonfiarsi, il suo viso che diventava rosso e poi viola intenso. Jason la guardò soffocare lentamente, lasciando che ciò accadesse e rifiutandosi di reagire o provare a liberarsi, e capì che questo era il paradiso..

Si staccò da lei e la osservò mentre sussultava e quasi si lasciava cadere a terra, ma lo trattenne. Guardando di nuovo negli occhi del suo Maestro, aprì di nuovo la bocca, pronta ad accettare altri abusi. Qualunque cosa volesse da lei, lei gliela avrebbe data.

Jason si alzò e fece scivolare di nuovo la sua testa di cazzo nella bocca di sua sorella e guardandola, sussurrò "Un altro test. Ingoia tutto”.

Essendo scesa in gola contro la sua volontà, e l'aveva quasi soffocata a morte perché non aveva opposto resistenza, aveva bisogno di sapere cosa avrebbe fatto volentieri. Rilassandosi un po', iniziò a pisciare nella bocca di sua sorella.

Il ruscello era caldo ed usciva così in fretta, e all'inizio, lei si imbavagliava leggermente, ma ovviamente stava facendo del suo meglio per bere ogni goccia che le versò dentro. Bevendolo come se le stesse versando del miele in gola. La guardò inclinare la testa all'indietro per fare più spazio, prendendo respiri profondi attraverso il naso e ingoiando tremendi sorsi mentre le riempiva la bocca 2, 3, 4 volte prima di finire.

**********6 ore rimaste**********

"È tutta mia", pensò. 'Non lo dirà mai, e io l'ho per me.'

Tirandosi fuori dalla sua bocca, Jason prese una benda e se la mise di nuovo sugli occhi. Prendendo Paint-on Latex, ha iniziato a sigillare la benda in posizione sul suo viso, quindi ha lavorato per coprire anche la sua bocca dopo averle rimesso il bavaglio in bocca.

"Sono la fonte di tutto ciò che senti e ami." Le parlò, coprendo il suo corpo nudo colpo dopo colpo di Latex. Coprendo tutto il suo corpo, persino mettendo un berretto sui capelli per sigillarlo sul viso. Ha tolto i dildo dalle cinture e li ha messi sulla sua figa, sigillando anche l'area in Latex, sapendo che non avrebbe sentito nulla.

Togliendole il colletto, le sigillò il collo, il petto, lo stomaco e le gambe. Le coprì ogni centimetro tranne il naso, permettendole di respirare, ma sapendo che non avrebbe sentito nient'altro. Sostituendole il collare una volta finito, le legò il guinzaglio e la portò di sopra, portandola a spasso come un cane finché non fu in soggiorno.

Jason ha tirato fuori il telefono di sua sorella e ha scattato altre foto prima di notare che aveva perso una telefonata e aveva un messaggio vocale.

Sua madre aveva chiamato e lasciato un messaggio a sua sorella.

Non sarebbe tornata per un'altra settimana. Il suo lavoro l'aveva richiamata in un'altra area e avrebbe dovuto rimanere ancora più a lungo.

Jason guardò il suo schiavo. «Con così tanto tempo. Chissà quanto lontano possiamo andare, o quale dei tuoi amici potremmo trascinare nelle profondità con te.' Jason sapeva che le possibilità erano quasi infinite. Tutto ciò di cui aveva bisogno era più tempo.

Mettendosi le cuffie sulle orecchie, l'unica stimolazione che avrebbe sentito sarebbe stata la sua musica per il lavaggio del cervello. Non poteva sentire, né vedere, né assaporare. Solo ascoltando più e più volte i comandi ei suggerimenti.

Jason sapeva che queste avrebbero fatto marcire la sua mente. Sgretolando ogni parvenza di personalità che aveva lasciato, e l'avrebbe lasciata come la sua schiava perfetta una volta che l'avrebbe liberata dal suo nuovo bozzolo. Una volta tolto il lattice, sarebbe stata completa. Sarebbe stata sua e sarebbe rinata.

Il cazzo di Jason è cresciuto di nuovo, pensando a sua sorella che gli ha portato i suoi "amici" per allenarsi. E fu allora che i suoi pensieri si spostarono su sua madre... Le possibilità erano infinite...

**********168 ore rimaste**********

Storie simili

Wendy e Miss West iii

Il terzo di tre Wendy è stata condotta con gli occhi bendati dalla signorina West verso una porta sul retro dell'ufficio. La signorina West inserì una chiave e aprì la pesante porta di quercia di quello che dall'esterno sembrerebbe essere un magazzino vicino all'ufficio principale. Entrando, se Wendy avesse potuto vedere, avrebbe visto una piccola stanza, circa 6 piedi quadrati, dipinta di nero con anelli di metallo fissati a varie altezze lungo le pareti e in vari punti al soffitto. La stanza era illuminata con faretti orientati in tutte le direzioni. Wendy era in piedi al centro della stanza molto illuminata...

1K I più visti

Likes 2

Naked Day - parte 7

Allora, Sandy vuole un po' di cazzo. Ci sono stato, l'ho fatto, dissi con un sorriso. Sandy mi ha puntato il dito medio e ha riso. Beh, ho bisogno di una pausa, ho annunciato. Ho preso un asciugamano per Cindy per pulire il viso dal suo doppio viso, poi ho portato una sedia in fondo al letto. Penso che mi siederò qui e dirigerò. Dannazione, tutti e tre i fratelli Monroe nudi sul mio letto. Cominciamo. Johnny alzati sulla tua schiena e lascia che le tue sorelle lavorino per farti diventare duro di nuovo. Sandy, guarda quanto di questo puoi scendere...

968 I più visti

Likes 1

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

1.1K I più visti

Likes 0

Il club capannone (parte 4)

Prima di tutto, scuse enormi per il ritardo nella produzione della parte 4. Crisi inaspettata con influenza familiare dappertutto. Tutti meglio ora, così posso rispondere all'ultima serie di feedback..... Trainers nel Regno Unito si riferisce a calzature sportive.....Nike, Adidas, Puma ecc. Non credo che ci siano altre domande, così via con la parte 4. Questo coinvolge Finn, che vedo ancora di tanto in tanto. In effetti, ha riparato il mio PC l'anno scorso. Progetta siti web e altre cose tecniche che mi lasciano sconcertato. Non ha idea che sto scrivendo questo, e ovviamente ho cambiato il suo nome (in qualcosa di...

1.2K I più visti

Likes 0

Nuovo in città_(1)

L'ultimo anno se la mia vita è stata un disastro. Nel giro di dodici mesi ho perso la mia ragazza da tre anni, sono stato licenziato dal mio lavoro, sono stato cacciato dal college della comunità locale a causa del mancato pagamento delle tasse scolastiche, e ora in un coraggioso tentativo di prendere il controllo della mia vita apparentemente drammatica mi sono trasferito quasi a mille miglia di distanza dalla mia famiglia a Chicago e mi sono stabilito a Dallas, in Texas. Si potrebbe dire che è stata una decisione molto drammatica, probabilmente impulsiva da parte mia, ma in mia difesa...

1.5K I più visti

Likes 0

Al servizio dell'Orda

Mi sono svegliato nudo, era strano. Ero andato a letto in pigiama; quando vivi con i tuoi genitori e due fratelli più piccoli devi farlo. Sembrava che non ci fosse niente sopra di me, niente piumino o coperte, solo una leggera brezza che tracciava il mio giovane corpo sodo. Il letto sotto di me era setoso e piacevole, ma questo non compensava la stranezza generale della situazione. Mi misi a sedere e aprii gli occhi per essere accolto da una vista ancora più strana. Di certo non ero nella mia camera da letto a nord di Londra; invece mi sembrava di...

1.5K I più visti

Likes 0

Balla con una concubina, parte seconda

Sono passate due settimane dal mio incidente nelle caverne. Si pensava che Nancy fosse scomparsa dalla sua famiglia, ma non potevo dire loro la verità. Conoscete quella su lei che ha accettato un patto da qualche gingillo magico e poi ha ordinato ai suoi scagnozzi di violentarmi. È ancora stupro se mi sono divertito fino in fondo? Forse ero uno di quei tipi sottomessi? Chissà? Ad ogni modo, appena sono riuscito a guadagnare abbastanza forze per lasciare il motel, sono scappato. Stuart e la sua amica con il fisico perfetto hanno cercato di fermarmi, mi hanno detto che c'erano molte cose...

1.1K I più visti

Likes 0

Creatura della notte_(1)

La prima volta che mi sono inginocchiato per lui è stato come se fosse un nuovo giorno, ho sentito la libertà che stavo cercando. Ho sempre saputo che dovevo servire ho sempre saputo che il mio posto sarebbe stato qui a guardare un uomo così meraviglioso come potrebbe essere altrove? Ho 16 anni così giovane Ricordo che è stata la prima cosa che ha detto quando ha guardato il mio corpo valutandomi. Sono pallido così pallido che la mia pelle è più bianca di come sarebbe il normale colore della pelle. Mi sento come se fossi il disegno di un bambino...

220 I più visti

Likes 0

La mia nuova sposa

Capitolo primo L'inizio Ecco alcuni fatti che dovrei menzionare prima di iniziare. Sono 6'3 190 libbre ho i capelli castani corti e gli occhi azzurri. Sono un fisico atletico, non sono strappato ma sono ancora in forma. Vengo da una famiglia della classe medio-alta, siamo ricchi ma non ricchi di Bill Gates. Sono io mia madre e le mie due sorelle a 17 anni e l'altra a 19. Io sono la figlia di mezzo. Ed ero la preferita delle mamme perché conosci il bambino della mamma. Nostro padre è stato investito da un guidatore ubriaco mentre stava pranzando al bar all'angolo...

121 I più visti

Likes 0

Totali sconosciuti

Le ferrovie in Gran Bretagna erano gestite negli anni '70 dalla British Rail, con due sindacati principali ASLEF (macchinisti) e NUR (ferrovieri). L'ASLEF ha chiesto uno sciopero ma non tutti i macchinisti erano affiliati e i treni erano ancora in grado di funzionare anche se un servizio ridotto. La città di Londra attira la maggior parte dei suoi lavoratori dalle cinture dei pendolari servite dalle ferrovie, essendo una città vecchia l'infrastruttura stradale rende quasi impossibile spostarsi in auto. Ciò significava che i treni che normalmente trasportavano da 800 a 1000 passeggeri stavano schiacciando fino a 2000 persone in uno spazio non...

161 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.