Rinato per essere migliore. capitolo 3

2.1KReport
Rinato per essere migliore. capitolo 3

*** Attenzione, il seguente lavoro tratta argomenti di incesto, sesso non consensuale, schiavitù e condizionamento mentale. Tutti i partecipanti hanno più di 18 anni e questo lavoro è un'opera di finzione completa e non ha alcuna base nella realtà per nessuna persona. ***

Sua sorella sembrava che si fosse rotta ieri quando l'ultima palla le era caduta dalla figa, lui l'aveva presa ancora e ancora nelle successive 24 ore, ogni volta che si prendeva una pausa, la metteva direttamente davanti alla televisione a giocare neve e fissa le cuffie alle orecchie per riprodurre i brani più e più volte nella sua testa.

Una volta che le aveva anche concesso una pausa, l'aveva adagiata sul letto e l'aveva lasciata riposare per una breve mezz'ora, ma solo dopo averla fatta raccontare alcune cose.

"Dì che sei il mio schiavo."

"Io-io sono tu sei schiavo."

"No, voglio che tu dica: 'Sono lo schiavo di Jason.'"

"Sono lo schiavo di J-Jason."

"Ora di' quanto hai bisogno del mio cazzo"

"Non posso vivere senza il cazzo di Jason.."

Apparentemente avendo capito che volevo che parlasse in terza persona, ha ripetuto esattamente quello che volevo che lei facesse. Jason continuava a strofinarle il viso con uno straccio fresco, parlando piano, dolcemente, e mostrandole una tenerezza che contrastava con il suo comportamento precedente in un modo che era scioccante.

"Dì che ti fidi completamente di me.."

"Mi fido completamente di Jason.."

"Questa è una brava ragazza, ora un'ultima cosa. Voglio che tu dica 'Farò sempre quello che Jason chiede, non importa quello che chiede. Perchè lo amo. La sua felicità significa più della mia vita.'”

“Io-farò sempre quello che Jason chiede... Non importa cosa chieda... Perché io-io-lo amo... La sua felicità significa più della mia vita. Soffocò, una lacrima le scese lentamente lungo la guancia.

Guardando i suoi occhi che vibravano pericolosamente nella sua testa per la mancanza di sonno, Jason sapeva che non poteva spingerla oltre. Prendendo lo straccio e posandolo sulla sua fronte, si avvicinò e spense le luci, facendola addormentare velocemente.

Il cuore di Jason gli batteva nel petto mentre riavvolgeva il registratore che teneva in mano e ascoltava la voce di sua sorella. Ha ripetuto le sue frasi quasi perfettamente. Sapeva che questa sarebbe stata la sua fine o l'inizio del resto della sua vita.

Dopo questo momento, non solo la sua vita, ma anche la sua, sarebbe rinata per essere migliore.

**********23 ore rimaste**********

Jason Fremont si sedette sul divano picchiettandosi la gamba. Il cuore gli batteva nel petto.

Jason aveva passato gli ultimi due giorni e le ultime due notti a tormentare sua sorella. Scopandola, rompendola e cercando di trasformarla in ciò che pensava di volere. Ora non era così sicuro.

La loro madre sarebbe tornata a casa domani, i suoi piani di viaggio erano stati ritardati a causa del tempo, ma ora sapeva di essere fottuto... La loro madre si è sempre schierata dalla parte di sua sorella Adriana in ogni piccolo battibecco. Ora qui l'aveva legata, scopata e cercato di spezzarle la mente.

Non è stato un piccolo battibecco, è stato imperdonabile. La loro madre sarebbe tornata a casa in 24 ore e, quando l'ha fatto, sapeva che sarebbe andato in prigione, probabilmente per il resto della sua vita.

Jason si stava strofinando i polsi mentre questi pensieri gli tormentavano il cervello. Come poteva essere così stupido da credere di poter trasformare sua sorella in questo. Non poteva possederla, era solo una cagna subdola e connivente. Probabilmente stava al gioco sperando che lui si rilassasse, scivolasse o rallentasse. Doveva sapere che aveva solo un tempo limitato e che avrebbe potuto essere salvata se avesse resistito. Stava solo cercando di sopravvivere...

Alzandosi in piedi, Jason sapeva che era troppo in profondità. Avrebbe rifatto sua sorella o sarebbe andato in prigione.

Dirigendosi al suo computer, Jason ha passato circa un'ora a lavorare sulla registrazione che aveva fatto di sua sorella, abbassando il tono delle frasi, le ha nascoste in alcune colonne sonore rilassanti e ha ricostruito il suo mix musicale di lavaggio del cervello.

Dopo essere stato sicuro di aver impostato correttamente i segnali vocali, ha masterizzato la musica sul suo lettore mp3 e l'ha portata nella stanza in cui teneva sua sorella.

Guardandola, sapeva che non gli sarebbe rimasto molto tempo, quindi ha impostato la musica da riprodurre nella stanza e ha impostato l'altoparlante su un volume basso, attento a non svegliarla, si è assicurato che gli altoparlanti fossero il più vicino possibile possibile. Era immobile, ma sapeva che era almeno viva dal movimento ritmico del suo petto.

Fissando il suo petto per guardarla respirare, si sentì indurire, e mentre voleva prenderla adesso, sapeva che doveva aspettare. Aveva bisogno che lei fosse una partecipante attiva, non una vittima.

Dopo aver impostato la musica, è salito nella sua stanza e ha preso alcuni dei suoi farmaci dal cassetto, sapeva che un cliché come sua sorella l'avrebbe riposto.

Allestì un bruciaincenso, accese la sua erba e iniziò a riempire la stanza. Aveva bisogno che lei si rilassasse, non che la stanchezza non aiutasse, ma doveva assicurarsi che fosse in una trance il più profonda possibile, e le droghe avrebbero potuto spingerla oltre il limite e nell'oblio mentale.

Dopo aver sistemato il suo piccolo hot-box, Jason è andato a prendere una telecamera dal loro garage e l'ha impostata per guardare sua sorella, se si fosse trasferita nella stanza o avesse cercato di andarsene, lo avrebbe allarmato al telefono di sua sorella e glielo avrebbe fatto sapere . Aveva bisogno di più tempo, ma forse tutto questo avrebbe funzionato. Doveva convincersi che poteva farlo.

Se non riusciva a convincere se stesso, come poteva convincerla.

**********18 ore rimaste**********

Jason aveva osservato dalla sua telecamera di sicurezza mentre sua sorella non si muoveva mai.

Era sdraiata sul letto nelle ultime 6 ore e non ha mai mosso un muscolo. Diverse volte era sceso a trovarla e si era assicurato che fosse viva. Sapeva che la privazione del sonno era pericolosa, ma era disperato, e questo era l'unico modo a cui riusciva a pensare per risolvere quella situazione.

Dilaniato dal senso di colpa e dalla paura, Jason era andato nella sua stanza e aveva preparato una borsa. Non andrebbe in galera, preferirebbe scappare. Ma la paura si sgretolava sempre quando pensava al potere, era così vicino ad avere la meglio su sua sorella.

La musica suonava ancora e ancora.

6 ore di musica, intrecciate con la voce di sua sorella che le diceva che era sua, che lo desiderava e che la sua felicità era la più importante.

Alla fine, decidendo che 6 ore erano sufficienti, Jason scese le scale e capì che doveva svegliare sua sorella. Lui stesso correva sui fumi, a volte sonnecchiando, ma si svegliava sempre di soprassalto, pensando che sua sorella fosse scappata e avesse chiamato la polizia.

Entrando nella stanza, Jason si diresse verso sua sorella attraverso la leggera foschia del fumo di marijuana.

Infilandole un colletto intorno al collo e stringendolo, la scosse delicatamente per svegliarla.

"Adriana, svegliati, è ora di allenarti."

Borbottando qualcosa che Jason non poteva sentire, iniziò a provare a mettersi a sedere, ma era chiaramente molto dolorante. I lividi sul sedere e sulle gambe le rendevano difficile prendere una posizione seduta, quindi scivolò giù dal letto e sul pavimento.

Adriana sentì il pavimento freddo sul culo e provò un sollievo immediato, i suoi lividi erano gonfi e doloranti, ma sentiva di averli meritati. Il pavimento è dove sedevano i buoni schiavi.

**CAZZO!!! Devo uccidere questo perdente!!**

Qualcosa le diceva che doveva essere arrabbiata, ma quella parte sembrava così estranea, come un estraneo che grida nella nebbia.

Guardando suo fratello, no... il suo Maestro, Adriana era così felice di aver avuto così tanto tempo per riposare. Sapeva che doveva essersi sacrificato e sofferto così tanto per non aver avuto accesso a lei.

Fissandolo negli occhi, si rese conto che non era lì che avrebbe dovuto guardare e riorientò il suo sguardo sui suoi piedi.

**No!! Devo uccidere questo CAZZO**

Fissando la piastrella, Adriana sussurrò piano: "Sì, signore, cosa vorresti che facessi?"

Jason fissò sua sorella.. Era scivolata via dal pavimento e si era seduta ai suoi piedi. 'Cosa ha detto?' Pensò..

'No... No... Questo non è reale' la sua mente correva. 'Questo deve essere un trucco.'

"Voglio che tu venga qui con me, ti insegnerò, ti addestrerò, cara sorella-schiava."

Attaccando un guinzaglio al colletto di sua sorella, la tirò di nuovo sulla panca, appoggiandoci sopra la sua dolce corporatura. Assicurandole braccia e gambe fino alle estremità, liberò il suo cazzo e capì che doveva averla. Non poteva più aspettare e sapeva che l'avrebbe fottuta lentamente e avrebbe visto come reagiva.

Sentendosi fino alla sua figa, la trovò fradicia. La toccò delicatamente per un po' prima di tirarsi fuori e spingere le dita vicino alla sua bocca. Non aveva nemmeno bisogno di aspettare quando lei iniziò immediatamente a succhiargli le dita, assaporando i suoi succhi su di lui.

'Era così', pensò, 'l'ultima traccia della sua resistenza si è rotta.'

**********12 ore rimaste**********

"A chi appartieni?" Lui ha sussurrato? Facendo scivolare il suo cazzo su e giù per le sue pieghe, stuzzicando e bagnando tutta la sua lunghezza.

“Tu Maestro.. io appartengo a TE Maestro..”

**PERCHÉ NON POSSO MUOVERSI?? PERCHE' NON POSSO PARLARE??**

Facendo scivolare lentamente il suo cazzo dentro di lei, sentì la sua umidità e il suo calore inghiottirlo. Si crogiolava nel potere che aveva su di lei e nella forza con cui lei lo strinse.

"Che cosa siete?" Ha parlato più forte.

**Ti ucciderò, cazzo** Qualcosa risuonò nella sua testa, ma la voce si stava facendo più morbida.

"Sono il tuo SCHIAVO, sono qualunque cosa tu voglia che io sia.."

**NOOOOO!!! NON VOGLIO ESSERE LA SUA SCHIAVA!!**

Jason non ce la faceva più, afferrandole i capelli, la tirò indietro per guardarlo, vedendo che i suoi occhi sembravano genuini, la fotte forte. Il suo cazzo che sbatteva contro di lei ancora e ancora, ascoltò i suoi grugniti tesi e le sussurrò: "Non osare ancora sborrare puttana .. So che è quello che vuoi, ma non te lo sei guadagnato."

"YESS SIRRR.." riuscì a grugnire mentre lui la scopava brutalmente. Avvolgendole l'altra mano intorno al collo, iniziò a stringere lentamente. Sentendo il suo corpo che cominciava a rilassarsi, e guardando i suoi occhi che si gonfiavano e si giravano all'indietro, la lasciò andare.

Tirando fuori il suo cazzo da lei, tenne la sua mano aggrovigliata tra i suoi capelli e si avvicinò, facendo scivolare il suo cazzo scivoloso tra le sue labbra, aspettò.

Una volta che vide i suoi occhi iniziare a sbattere, capì che si stava svegliando e iniziò a far scivolare il suo cazzo nella sua bocca. “Esatto Cagna. Ti svegli con il mio cazzo, sei l'unica ragione per vivere. Servire il mio cazzo e servire i miei bisogni.

Mentre la scopava lentamente, la sentì iniziare a succhiare e capì che era sicuro di iniziare ad andare più forte.

Riaggiustando la presa sui suoi capelli, le trascinò la testa più in basso sul suo cazzo, ancora e ancora, tirandola via e ricacciandola giù.

Adriana iniziò a vomitare mentre Jason le entrava continuamente in gola e si godeva il fatto che veniva usata. Sapeva che Jason avrebbe mantenuto questo ritmo, l'avrebbe usata ancora e ancora, perché era quello per cui era destinata.

Sentendo che le sue palle cominciavano a ribollire, sbatté di nuovo sua sorella sul calzino un'ultima volta e le scese in gola. La sua vista era offuscata da quanto stava venendo forte, e la sensazione di sua sorella che ingoiava ancora e ancora, la sua gola che gli mungeva il cazzo gli fece desiderare di continuare a venire, e lo tenne duro come una roccia.

Dopo essersi esaurito, si tirò fuori dalla sua bocca e la guardò, vedendo il suo viso rigato dalle lacrime e lo sperma che le gocciolava leggermente lungo il mento, sapeva che doveva registrarlo.

Afferrandole il telefono, ha scattato alcune foto prima di liberarla dalla panca e sedersi di nuovo sul letto. "Vieni qui schiava", le disse. "Ho un altro compito prima di iniziare la tua prossima sessione di allenamento."

Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, sentiva che avrebbe potuto sapere cosa voleva, dopotutto, aveva fatto un bel pasticcio al suo padrone. "Puliscimi ora." Jason le ha comandato.

**Gli morderò il cazzo**

Adriana abbassò violentemente la voce nella sua mente, non avrebbe mai fatto del male al suo Maestro. Facendo scivolare lentamente il cazzo del suo padrone in bocca, fece scorrere la lingua per tutta la lunghezza, assicurandosi di non perdere nessuno dei suoi succhi su di lui, e per un'ultima misura facendolo scivolare in fondo alla gola e tenendolo lì per un momento .

Jason sentì il suo cazzo scivolare di nuovo nella gola di sua sorella e voleva metterla alla prova di nuovo, mettendo la mano sulla parte posteriore della sua testa e premendo verso il basso.

Avvolse le gambe intorno alle sue spalle e le bloccò la testa. Guardandola dritto negli occhi, le disse: "I miei desideri sono l'unica cosa a cui tieni. Rinuncerai alla tua vita per me, se lo voglio, vero?"

Fissandola negli occhi, la sentì provare a dire qualcosa intorno al suo cazzo, sentendo solo la vibrazione, ma sapendo dal suo sguardo devoto che gli aveva detto di sì.

Si tenne nella sua gola per quella che gli sembrò un'ora, ma sapeva che potevano essere solo pochi minuti, e la guardò soffocare sul suo cazzo, le sue mani appoggiate delicatamente sul letto mentre si rassegnava a morire di soffocamento sul cazzo di suo fratello.

Le sue mani si contraevano costantemente, e lui la osservò gli occhi ricominciare a gonfiarsi, il suo viso che diventava rosso e poi viola intenso. Jason la guardò soffocare lentamente, lasciando che ciò accadesse e rifiutandosi di reagire o provare a liberarsi, e capì che questo era il paradiso..

Si staccò da lei e la osservò mentre sussultava e quasi si lasciava cadere a terra, ma lo trattenne. Guardando di nuovo negli occhi del suo Maestro, aprì di nuovo la bocca, pronta ad accettare altri abusi. Qualunque cosa volesse da lei, lei gliela avrebbe data.

Jason si alzò e fece scivolare di nuovo la sua testa di cazzo nella bocca di sua sorella e guardandola, sussurrò "Un altro test. Ingoia tutto”.

Essendo scesa in gola contro la sua volontà, e l'aveva quasi soffocata a morte perché non aveva opposto resistenza, aveva bisogno di sapere cosa avrebbe fatto volentieri. Rilassandosi un po', iniziò a pisciare nella bocca di sua sorella.

Il ruscello era caldo ed usciva così in fretta, e all'inizio, lei si imbavagliava leggermente, ma ovviamente stava facendo del suo meglio per bere ogni goccia che le versò dentro. Bevendolo come se le stesse versando del miele in gola. La guardò inclinare la testa all'indietro per fare più spazio, prendendo respiri profondi attraverso il naso e ingoiando tremendi sorsi mentre le riempiva la bocca 2, 3, 4 volte prima di finire.

**********6 ore rimaste**********

"È tutta mia", pensò. 'Non lo dirà mai, e io l'ho per me.'

Tirandosi fuori dalla sua bocca, Jason prese una benda e se la mise di nuovo sugli occhi. Prendendo Paint-on Latex, ha iniziato a sigillare la benda in posizione sul suo viso, quindi ha lavorato per coprire anche la sua bocca dopo averle rimesso il bavaglio in bocca.

"Sono la fonte di tutto ciò che senti e ami." Le parlò, coprendo il suo corpo nudo colpo dopo colpo di Latex. Coprendo tutto il suo corpo, persino mettendo un berretto sui capelli per sigillarlo sul viso. Ha tolto i dildo dalle cinture e li ha messi sulla sua figa, sigillando anche l'area in Latex, sapendo che non avrebbe sentito nulla.

Togliendole il colletto, le sigillò il collo, il petto, lo stomaco e le gambe. Le coprì ogni centimetro tranne il naso, permettendole di respirare, ma sapendo che non avrebbe sentito nient'altro. Sostituendole il collare una volta finito, le legò il guinzaglio e la portò di sopra, portandola a spasso come un cane finché non fu in soggiorno.

Jason ha tirato fuori il telefono di sua sorella e ha scattato altre foto prima di notare che aveva perso una telefonata e aveva un messaggio vocale.

Sua madre aveva chiamato e lasciato un messaggio a sua sorella.

Non sarebbe tornata per un'altra settimana. Il suo lavoro l'aveva richiamata in un'altra area e avrebbe dovuto rimanere ancora più a lungo.

Jason guardò il suo schiavo. «Con così tanto tempo. Chissà quanto lontano possiamo andare, o quale dei tuoi amici potremmo trascinare nelle profondità con te.' Jason sapeva che le possibilità erano quasi infinite. Tutto ciò di cui aveva bisogno era più tempo.

Mettendosi le cuffie sulle orecchie, l'unica stimolazione che avrebbe sentito sarebbe stata la sua musica per il lavaggio del cervello. Non poteva sentire, né vedere, né assaporare. Solo ascoltando più e più volte i comandi ei suggerimenti.

Jason sapeva che queste avrebbero fatto marcire la sua mente. Sgretolando ogni parvenza di personalità che aveva lasciato, e l'avrebbe lasciata come la sua schiava perfetta una volta che l'avrebbe liberata dal suo nuovo bozzolo. Una volta tolto il lattice, sarebbe stata completa. Sarebbe stata sua e sarebbe rinata.

Il cazzo di Jason è cresciuto di nuovo, pensando a sua sorella che gli ha portato i suoi "amici" per allenarsi. E fu allora che i suoi pensieri si spostarono su sua madre... Le possibilità erano infinite...

**********168 ore rimaste**********

Storie simili

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

9 I più visti

Likes 0

Mentore di Brandon Capitolo 6

MENTORING BRANDON Di Bob Capitolo 6: Il grande gioco, parte 2 Questa era la pratica che poneva fine a tutte le pratiche, o almeno così ci è stato detto. Gli allenatori si sarebbero assicurati che fossimo tutti pronti per la partita con Oskie. Coach Kistner, l'allenatore della linea difensiva/linebacker, lavorava nel gruppo universitario, mentre Coach Marsh era con Jerry e Brandon, insegnando loro le loro responsabilità nel nuovo sistema. Dopo 45 minuti abbiamo fatto la nostra prima pausa. Brandon si avvicinò e ci inginocchiammo tutti cercando di riprendere fiato. Abbiamo iniziato a parlare con Tom e Jerry delle chiamate difensive che...

315 I più visti

Likes 1

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.7K I più visti

Likes 0

Osa in una relazione pt.3

Era sabato mattina e il sole splendeva nella nostra stanza. Ho guardato di lato e ho potuto vedere la mia bellissima ragazza che dormiva accanto a me, e i ricordi della scorsa notte hanno iniziato a riaffiorare, il che mi ha fatto arrapare. Questo mi ha fatto venire in mente un'idea, iniziare la giornata con una delle cose che voleva provare. Ho preso le lenzuola da sopra di lei e ho iniziato a baciarle i piedi. Hmm baby, bel modo di svegliarsi... mi sorrise con gli occhi semiaperti Pensavo di iniziare la tua giornata adorando i tuoi piedi come volevi, cosa...

1.1K I più visti

Likes 0

Tre volte parte 2 (Anche da Julius ovviamente & Copyright anche aprile 2008) Si sedettero e mangiarono il loro pranzo. Gli occhi di Paul si staccavano raramente i suoi seni e Marsha li mostravano deliberatamente lui. Si sedette con loro appoggiandosi sul tavolo con loro capezzoli molto in vista. Quando è andata a prenderli altro caffè, è stata premiata con una vista del suo cazzo, completamente eretto e sporgente dall'inguine. È stato pronto di nuovo e Marsha si meravigliò della resilienza di gioventù. Mentre gli versava il caffè, disse: “Penso che sia mio girati per essere soddisfatto; stai rimanendo indietro con...

706 I più visti

Likes 0

La richiesta di Sabrina_(1)

Le estati sono sempre state una seccatura per me. Non fraintendetemi, ho fatto delle cose divertenti con la mia famiglia crescendo, ma non sono mai uscito con i miei amici, la maggior parte delle volte o ero troppo occupato o loro erano occupati, quindi non mi sono allenato. Ora ho diciannove anni e ho finito il mio primo anno di college e un'altra estate si sta trascinando. Sono solo a casa mia a rilassarmi mentre la mia famiglia è fuori a fare le proprie cose. Guardando un episodio in replica di CSI avevo visto una cinquantina di volte che il mio...

772 I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

2.3K I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

2.2K I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.