Osa in una relazione pt.3

1.4KReport
Osa in una relazione pt.3

Era sabato mattina e il sole splendeva nella nostra stanza. Ho guardato di lato e ho potuto vedere la mia bellissima ragazza che dormiva accanto a me, e i ricordi della scorsa notte hanno iniziato a riaffiorare, il che mi ha fatto arrapare. Questo mi ha fatto venire in mente un'idea, iniziare la giornata con una delle cose che voleva provare.

Ho preso le lenzuola da sopra di lei e ho iniziato a baciarle i piedi.

"Hmm baby, bel modo di svegliarsi..." mi sorrise con gli occhi semiaperti

"Pensavo di iniziare la tua giornata adorando i tuoi piedi come volevi, cosa ne pensi?"

"Lo adoro piccola, mi divertirò mentre fai le tue cose"

Chiuse gli occhi e iniziò a gemere mentre le leccavo un centimetro dei suoi piedi, dai talloni, alle dita dei piedi e in mezzo. Sara ha iniziato a toccarsi mentre io continuavo a leccarle i piedi, fino all'orgasmo.

“Che bel modo di iniziare la giornata, grazie” mi baciò e si alzò per andare in bagno. "Dobbiamo farlo più volte, mi piace che tu mi lecchi i piedi onestamente."

Le ho fatto compagnia mentre faceva pipì e ho iniziato a prepararmi per la giornata.

"Sono giù, non ho un feticcio ma i tuoi piedi sono super carini... Allora, cosa vuoi fare questo sabato?" Le ho chiesto.

“Stavo pensando che potremmo uscire a pranzo e passare una giornata tranquilla? Ma domani voglio fare un'altra cosa sulla nostra lista. Lei mi sorrise.

"Oh sì, quale?"

“Voglio fare quello Master/slave…”

"Questo è quello che voglio davvero fare anch'io... sono già abbastanza dominante nella nostra normale vita sessuale, come vuoi che sia diverso?" Le chiesi sinceramente curioso cosa avesse in mente.

“Non si tratterà di dominarmi, si tratterà di possedermi. Ti amo davvero e mi affido a te per la mia vita e, per qualche ragione, il pensiero di donarmi senza limiti a te suona incredibilmente intimo, eccentrico e romantico allo stesso tempo.

"Wow, il modo in cui metti i suoni è davvero intenso... adoro quella Sara." Le ho sorriso

"Ok, allora discutiamo più tardi dopo cena di come vogliamo farlo", mi ha detto

Il resto della giornata trascorse molto tranquillo. Abbiamo pranzato fuori, giocato ai videogiochi nel pomeriggio e guardato un film. Ora eravamo in soggiorno dopo cena, a leggere i nostri libri.

Ho deciso di introdurre l'argomento. “Ok, quindi qual è la tua visione per la cosa di domani. Come vuoi che suoni questa fantasia?

“Ok, quindi domani da quando ci svegliamo fino a quando andiamo a dormire, sarò la tua schiava del sesso per tutto il giorno senza interruzioni. Semplice come quella…"

"Dovremmo parlare di cose che vuoi fare, limiti...?"

“Nessun limite da parte mia, ecco di cosa si tratta. È un giorno in cui ti darò il mio corpo e la mia mente. Non voglio segni per tutta la vita, ma so che non lo farai” disse ridendo. “Avrò due parole di sicurezza, 'giallo' se voglio che rallenti, e 'rosso' se voglio che tu interrompa quello che stai facendo perché non posso andare avanti, ma non le userò a meno che non sia davvero al mio limite”

"Sembra intenso piccola... di tanto in tanto ho delle fantasie intense e incasinate, sei sicuro che posso farle?" Avevo in mente alcune cose che avevo visto in alcuni porno hardcore a cui stavo pensando, e volevo assicurarmi che questo non mi si ritorcesse contro.

“Qualsiasi cosa piccola, questo è il punto di questa esperienza. Rendimi la tua puttana, ma non dimenticare che mi ami attraverso di essa "

"Non potrei mai dimenticarlo" dissi onestamente.

Abbiamo trascorso il resto della serata coccolandoci e guardando insieme il nostro programma televisivo.

(Domenica)

Mi sono svegliato sentendo una sensazione di calore nel mio pene. Abbassò lo sguardo e vide Sara che mi svegliava con un pompino

“Buongiorno Maestro, ho pensato che fosse una buona idea svegliarti correttamente”

"È una brava ragazza, continua finché non vengo, quella sarà la tua colazione" Stavo cercando di mantenermi composto, ma dentro ero incredibilmente eccitato per questo. Sara stava davvero entrando nel personaggio e adoravo l'idea di un giorno in cui avrei potuto vivere tutte le mie fantasie depravate.

Ho finito per venirle in bocca dopo pochi minuti, lei mi ha mostrato la sua bocca piena di sperma e poi l'ha ingoiata.

“Ho delle regole per te oggi, stronza. Per prima cosa devi restare nudo tutto il giorno. Secondo, vieni solo quando te lo permetto. Dovrai anche chiedermi l'autorizzazione per usare il bagno. Lei fece un cenno di assenso con la testa. “Inoltre, non mi sfiderai su nulla che ti chiedo, non importa quanto sia depravato. Hai detto che questo è un giorno per superare i limiti e abbiamo concordato che gli unici sarebbero stati il ​​dolore eccessivo e i segni fisici. Se ti viene in mente qualcosa che pensi di non poter fare, puoi usare la tua parola di sicurezza, ma ti chiederei di provare a spingerti, ok?

“Ok Maestro” rispose lei sorridendo emozionata. L'ho baciata e abbracciata per dimostrarle che l'amavo.

“Ok iniziamo con una doccia, mettiti a quattro zampe e seguimi”

Sara mi ha seguito in bagno sulle ginocchia e sulle mani, cosa molto sottomessa e umiliante da fare, che ci ha eccitato immensamente.

Sono sceso sotto l'acqua calda e le ho detto di lavarmi il corpo, cosa che ha fatto diligentemente, usando le sue mani insaponate per lavare ogni fessura del mio corpo, dai miei piedi, al mio buco del culo, prepuzio, petto e tutto il resto.

“Bel lavoro schiavo, puoi lavarti ora, e non dimenticare di fare un clistere perché userò il tuo culo. Sarò di sotto ad aspettarti"

Ho deciso che avrei utilizzato questa domenica per giocare ai videogiochi con i miei amici, quindi ho iniziato una chiamata e abbiamo potuto giocare tutti insieme online. Dopo 30 minuti Sara è scesa al piano di sotto, nuda ea quattro zampe.

Ho silenziato la mia chiamata “Schiavo, vai a prendermi una birra e succhiami le dita dei piedi mentre gioco con i ragazzi. Non fare rumori in modo che non ti sentano.

Sono tornato alla mia chiamata con loro e Sara si è affrettata a portarmi una birra e prendere una sedia dove potevo riposare entrambi i piedi e lei poteva svolgere il suo compito. Stava diventando abbastanza brava ad adorare i miei piedi, ormai lo aveva fatto in situazioni normali una manciata di volte, soprattutto perché sapeva quanto mi piacesse, ma anche perché si divertiva a farlo. La prima volta che l'ha fatto ha usato a malapena la lingua, invece mi ha baciato le piante dei piedi, cosa che dopo avermelo detto è stato perché era un po' disgustata dall'idea di avere i piedi in bocca. Sono stato in grado di persuaderla e dirle quanto mi ha eccitato, e alla fine ha perso il disgusto e lo ha fatto felicemente per me in occasioni speciali. Oggi è stata fantastica, è stata molto sciatta sui miei piedi, assicurandosi di leccarmi tra le dita dei piedi, succhiandomi il tallone e dando colpi lunghi e lenti con la lingua sulle mie piante dei piedi.

Dopo mezz'ora di questo, ho deciso di uscire dalla chiamata con i miei amici “Schiavo, vai nella nostra stanza e mettiti a quattro zampe con le gambe ben divaricate. Quando arrivo nella tua stanza voglio assicurarmi di vedere i tuoi buchi aperti per me”

Sara è andata in camera e io sono andato a prendere un paio di cose che mi servivano per la mia prossima idea. È stata una brava schiava fino ad ora e volevo ricompensarla per questo.

"Quei buchi mi sembrano belli e bagnati, vero?"

"Sì Maestro, sono così eccitata dall'essere il tuo piccolo fottuto" rispose con la sua voce femminile

Ho preso una maschera per gli occhi e gliel'ho messa, oltre a un bavaglio per la bocca e manette per le mani.

"Ora puttana, userò anche i tappi per le orecchie così non puoi sentire, dire o vedere niente che capisci?" Lei annuì d'accordo.

"Ti darò il tuo miglior orgasmo di sempre, ma devi comportarti bene per ottenerlo."

Ho messo i tappi per le orecchie accanto e l'ho guardata. La sua figa gocciolante, la bocca imbavagliata con una palla, bocca che solo pochi minuti fa aveva tutte le dita dei piedi dentro. Sapevo che stavo guardando una donna che amavo e una razza rara, ed ero così fortunato ad averla.

Ho iniziato leccandole la figa e assaggiando tutti i suoi succhi mentre giocavo con i suoi capezzoli. Potevo sentire i suoi gemiti dalla bocca imbavagliata e il suo corpo che si contorceva ma senza potersi muovere molto. Una volta che era vicina all'orgasmo, mi sono fermato e l'ho lasciato calmare. Una volta sistemato, ho iniziato a toccarla, portandola di nuovo vicino all'orgasmo un paio di minuti dopo, il che significava che era incredibilmente eccitata e vicina a venire. Mi sono fermato di nuovo proprio sul bordo e potevo sentirla gemere e cercare di parlare dal suo bavaglio, anche se era abbastanza comprensibile. Dopo averlo lasciato raffreddare, le ho afferrato il capezzolo e l'ho attorcigliato, provocandole una fitta di dolore al petto. Ho continuato a torcerli, alternandoli tra i due, mentre usavo due dita per strofinarle il punto G e farla finalmente venire. Ha schizzato su tutto il letto ed è venuta per quello che doveva essere vicino a 20 secondi.

Potevo vedere che il suo corpo era completamente morto, sudato e schizzato dappertutto. Le ho tolto gli attacchi e le ho portato la mia mano bagnata alla bocca per farle succhiare i succhi.

"Tesoro, è stato così bello, uno dei migliori orgasmi che abbia mai avuto", ha detto con una faccia stanca ma sorridente.

"Sono davvero contento che ti sia piaciuto, ma rivolgiti a me come dovresti o sarà l'ultimo orgasmo che avrai per i prossimi giorni." L'ho detto sorridendole, ma volevo che continuassimo con la nostra dinamica di potere.

"Mi dispiace Maestro, ero davvero grato per il piacere che mi hai dato" mi ha sorriso mentre lo diceva, cosa che ho ricambiato.

"Vado a ordinare del tailandese, mi faccio una doccia ma sii veloce troia"

Alla fine Sara è scesa al piano di sotto dove stavo già iniziando un film da guardare a pranzo, e il campanello ha suonato.

"Schiavo, voglio che tu apra la porta nudo come sei, e ricevi l'ordine dal tizio"

I suoi occhi si aprirono, increduli e spaventati, ma sapevo che sebbene fosse spaventoso, una parte di lei ne sarebbe stata eccitata.

"Dai, mostra il tuo corpo nudo al fattorino"

Sara l'ha attraversato e ha aperto la porta. Era un uomo più anziano, probabilmente di circa 60 anni e dall'aspetto un po' disgustoso in un certo modo. All'inizio sembrò sorpreso, ma poi iniziò a sorridere, guardando una ragazza molto sexy che era abbastanza giovane da essere sua figlia.

Ero proprio dietro di lei e l'ho vista come un'opportunità per umiliarla: "Se vuoi puoi toccarle le tette".

Lei mi guardò con occhi imploranti, ma lui non perse tempo e iniziò ad afferrarli e a strizzarli. Il viso di Sara era più rosso di quanto avessi mai visto, ma potrei giurare di aver sentito un gemito provenire da lì.

"Posso fare altro con lei?" chiese l'uomo

"No, temo di no, questo è stato il tuo consiglio per il passaggio, grazie e buona giornata"

"Temevo davvero che avresti permesso a quell'uomo di andare oltre, Maestro..."

"Eri davvero pensato?" con quello ho messo un dito nella sua figa che era di nuovo estremamente bagnata. "Non sembra che non ti sia piaciuto che quel vecchio sporco toccasse il tuo corpo..."

"Non è colpa mia se mi hai fatto così eccitare oggi Maestro!" disse mentre le sue gambe cedevano e si appoggiava a me.

"Andiamo a pranzare e assecondiamo i tuoi impulsi"

Abbiamo pranzato tranquillamente sul nostro divano mentre guardavamo un film. Ho deciso di unirmi a lei e spogliarmi dopo aver finito il mio cibo, e ho messo la sua testa proprio sopra il mio cazzo, il che le ha fatto arrivare il messaggio e lei ha iniziato a succhiarmi il pene mentre continuavamo a guardare il film.

Dopo un po' mi stavo arrapando e le ho detto di mettersi tra le mie gambe e di alzarle, mettendo il mio culo aperto all'altezza della sua faccia. Ha ricevuto il messaggio e ha iniziato a mangiarlo, alternando tra leccare, pomiciare e spingere la lingua cercando di farlo entrare. Ha passato un bel po' di minuti a mangiarmi il culo, e io di tanto in tanto mi masturbavo il cazzo, ma non volevo venire presto e sapevo che sarebbe successo se mi fossi masturbato mentre lei usava la sua lingua sul mio buco del culo.

"Metti il ​​dito nel mio culo e massaggia la mia prostata mentre mi succhi." le ho ordinato.

Non era la prima volta che mi toccava, quindi sapeva cosa fare e poco tempo dopo trovò la mia prostata, il che mi mandò scosse di piacere attraverso il mio corpo. Alla fine non riuscii a resistere e le venni in bocca, in un incredibile orgasmo.

Volevo spingere un po' di più la busta e ho deciso di richiedere qualcosa che sapevo sarebbe stato stravagante ma che mi ha davvero eccitato.

"Ok schiavo, ora voglio che togli quel dito dal mio culo e lo porti al tuo naso e lo annusi."

Sara mi guardò in modo strano ma lentamente tolse il dito dal mio culo, lo guardò (che fortunatamente per lei sembrava pulito), se lo portò sotto il naso e ne prese qualche boccata.

"Che odore ha?"

"Puzza un po' di culo..."

"Voglio che ti metti quel dito in bocca, lo succhi e usi la lingua"

"No Maestro per favore, questo dito è stato solo dentro il tuo culo per molto tempo, è davvero sporco!"

“Esattamente, e tu sei la mia sporca troia che ama ogni parte di me. Quel dito sembra pulito quindi non è che io chieda così tanto. Adesso usa la tua lingua e puliscimi il culo dal tuo dito"

Potevo vedere Sara pensare per un paio di secondi, probabilmente cercando di decidere se avrebbe detto la sua parola di sicurezza o assaggiato l'interno del mio culo. Decise per il primo e si portò lentamente il dito alla bocca e usò la lingua per pulirlo, assicurandosi di succhiarlo mentre lo faceva.

"È una brava ragazza, non era poi così male, vero?" le dissi tenendola tra le braccia e baciandola.

Mi ha sorriso e mi ha ringraziato.

Stava diventando più buio fuori e ho deciso di andare a correre

“Adesso vado a correre troia, mentre sono via voglio che tu vada nel nostro letto e ti spigoli senza lasciarti venire. Devi filmare tutto, così posso vedere più tardi e sapere che non sei venuto. Comprendere?"

“Sì Maestro, mi mancherai…”

“Non me ne andrò molto” risposi e le diedi un bacio sulla fronte.

Ho fatto una corsa di 45 minuti e mi sono assicurato di renderlo intenso per la prossima sottomissione di Sara. Una volta tornato a casa, sono andato nella nostra stanza e ho visto la mia bellissima ragazza nuda, con il suo vibratore sul clitoride e il sudore sul suo corpo per aver avvicinato il suo corpo per rilasciarlo così tante volte.

"Finalmente, sono così fottutamente arrapato signore!"

Ha immediatamente lasciato andare il suo vibratore e si è avvicinata per afferrarmi.

"Aspettare! Mettiti in ginocchio davanti a me, otterrai la tua liberazione, ma prima devi leccarmi le palle dopo questa corsa.

Lo stavo facendo pensando che l'avrebbe umiliata, dovendo succhiare le mie palle estremamente sudate, ma con mia sorpresa Sara mi ha appena tolto i pantaloncini ed è impazzita per le mie palle come se fossero l'ultima leccornia sulla terra.

"Ti piace leccare il mio sudore?"

"Sono così eccitato per te che potrei fare qualsiasi cosa, voglio solo il tuo corpo su di me!"

Questo mi ha eccitato come un matto e non ho potuto fare altro che prendere le redini e iniziare a scoparla come sapevo che meritava. Ho iniziato a scoparla brutalmente, ma dopo la mia corsa ero piuttosto stanco e alla fine abbiamo finito per fare l'amore, corpo sudato su corpo sudato, baciandoci dappertutto, e per un momento abbiamo dimenticato la nostra dinamica e siamo tornati alla nostra relazione amorosa. , godendoci l'un l'altro e condividendo il folle amore che provavamo l'uno per l'altro.

"È stato così bello..." disse Sara mentre ci coccolavamo dopo il sesso

"Sto amando ogni parte di questa giornata piccola, grazie" la baciai. "Come ti senti a riguardo fino ad ora?"

“Mi sto davvero divertendo anche io. Adoro la nostra normale vita sessuale, ma è sicuramente un diverso tipo di divertimento avere i tuoi comandi e farmi fare cose umilianti e sporche, ma che mi diverto a fare perché è con te.

"Allora, che ne dici di fare qualcosa di nuovo e sporco, sgualdrina?" dissi sorridendole, assicurandomi di enfatizzare la parola sgualdrina.

“Sì Maestro, sono pronta a servire” rispose rianimandosi e sorridendo anche lei.

L'ho costretta a seguirmi nella vasca da bagno ea mettersi in ginocchio davanti a me.

"Penso che tu possa indovinare cosa succederà troia."

"Ho un'idea Maestro..."

"Dimmi cosa ho intenzione di fare."

"Mi farai pipì addosso"

"Esatto troia, vado a pisciare su tutto il tuo corpo, un'ultima frontiera per contrassegnare il tuo corpo come mio e per mostrare la tua devozione."

In realtà non sembrava spaventata o ansiosa per questo, probabilmente dal momento ravvicinato che avevamo condiviso poco prima, e ancora eccitata dal nostro amore.

Ho iniziato facendo pipì sulle sue tette, schizzandole il mio ruscello dorato su tutto il petto e sulle braccia, un po' sul suo mento. Poi le ho detto di aprire le gambe e ho iniziato a pisciare sul suo clitoride, che sembrava amare dalla sua reazione, il liquido caldo le trasmetteva molto piacere attraverso il suo corpo.

Ho interrotto il flusso dopo un po' e l'ho guardata.

“Ora piccola, voglio che tu apra la bocca, mi assaggi e mi beva. Pensi di poterlo fare?"

Ora sembrava un po' ansiosa, ma la sua determinazione verso la sua sottomissione per me era più grande.

“Proverò Maestro, ma non sono sicuro di berlo…”

“Fai questo per mostrarmi il tuo amore e la tua devozione. Se mi ami tanto quanto dici, puoi prendere qualsiasi parte di me, giusto?

"Hai ragione. Ma voglio farlo non come tua schiava ma come tua ragazza. Se sto bevendo la tua pipì, voglio che sia come due persone che si amano, non come un Padrone che costringe il suo schiavo a farlo, ok?

“Adoro il suono di quel bambino” risposi sorridendole.

Sorrise anche lei e aprì la bocca per me. Subito dopo alcune gocce hanno iniziato a uscire e poi la mia pipì ha iniziato a scorrere dal mio cazzo alla sua bocca. Ho interrotto il flusso quando la sua bocca era piena per metà e ho guardato mentre l'amore della mia vita le chiudeva la bocca e ingoiava la mia pipì dorata. Capii che non era facile per lei, ma riuscì a sorridermi con gli occhi umidi e subito dopo aprì la bocca, chiedendo più piscio. Ingoiò altri due bocconi di me, uno più facilmente dell'altro.

"Era così fottutamente eccitante, lo giuro... cosa ne pensi?"

“Aveva un sapore terribile, ma mi è piaciuto farlo per te. Mi sento come se fossimo più vicini che mai, sapendo che ho bevuto la pipì dall'uomo che amo ", ha detto ridendo e baciandomi il cazzo.

"È stata una grande svolta per la principessa, lo giuro, grazie per averlo fatto."

"Vuoi farmi qualcos'altro oggi?" lei chiese

"Non oggi, puliamoci a vicenda e godiamoci il resto della notte coccolandoci l'un l'altro"

“Suona alla grande! Conclusione perfetta per una giornata fantastica!”

Abbiamo passato il resto della notte a goderci la reciproca compagnia, ogni volta che pensavo alle cose che avevamo fatto quel giorno mi veniva l'erezione all'istante, e alla fine Sara si è assicurata di farmi addormentare con un fantastico pompino e rimjob. Ero sicuro che in futuro sarebbero dovuti arrivare altri giorni come questo.

Storie simili

Le coppie si ritirano

Jon era il ragazzo di tutti i giorni, sposato con sua moglie Grace da sei anni, due figli, ha vissuto nella stessa città per tutta la vita. Amava sua moglie e avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei; e anche lui ha avuto un'ottima vita sessuale. Stavano insieme dal liceo e la scintilla era ancora lì. Hanno fatto alcune cose pazze insieme e lui era aperto a qualsiasi cosa Grace avesse tentato di provare. Così quando è venuta da lui una settimana prima del loro settimo anniversario e gli ha detto che aveva prenotato un viaggio per loro su un'isola tropicale per...

3.3K I più visti

Likes 0

La rosa spinosa Ch.04

Scarlett strinse le labbra carnose mentre si chinava verso la bassa scrivania accanto al suo letto, prendendo la piuma che aspettava lì, immergendola nell'inchiostro nero e picchiettando via l'eccesso prima di prendere nota sulla carta che aspettava accanto a lui, pronunciando le parole ad alta voce con voce sommessa come lui. “Ho scoperto che l'Orcesso, sebbene dominante nella sua natura, può essere sottomesso con la giusta leva. Mentre si sforzano di sembrare responsabili e potenti, un'affermazione certamente accresciuta dalla loro evidente forza e abilità fisica, loro, come la maggior parte che ho trovato, possono essere facilmente manipolati con la promessa del...

926 I più visti

Likes 0

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

912 I più visti

Likes 0

Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Mia sorella ed io a Natale - parte 2 Il campanello suonò per tutta la casa, strofinando il sonno irrefrenabile dai miei occhi stanchi, sollevai la testa di Charlotte dal mio petto e la posai su un cuscino. Girai la chiave e aprii la porta. Mi porto il dito alle labbra, Charlotte sta dormendo, quanto pensi che sia presto? Ho detto. Uhhh, non così presto disse Leo, avvicinandomi alla faccia il suo hublot. Vieni di sopra dissi. Siamo andati in camera mia e ho fatto la doccia. Cos'è successo alla festa? chiese Leone Un ragazzo l'ha provato con mia sorella dissi...

2.9K I più visti

Likes 0

Mio cugino_(1)

Era un po' che non vedevo mio zio e la sua famiglia. L'ultima volta che ricordo che avevano 5 figli. 3 ragazzi 2 ragazze. Due dei ragazzi erano più grandi di me e gli altri erano più giovani di qualche anno. Ero noto per essere il cattivo di tutta la famiglia. Mia madre aveva detto che dovevo stare a casa dei suoi fratelli per l'estate. Sperando di stare lontano dalla vita di città. Mi andava bene che ho bisogno di una pausa dalla festa visto. Mia madre mi ha lasciato. Ecco qui. Spero davvero che tu ne tragga qualcosa, non so...

3.9K I più visti

Likes 3

La mia dolce causa dell'82

Titolo: “La mia dolce Sue nell'82” Nel 1982 ho vissuto con una donna più giovane di nome Karen e la stavo scopando oltre a incontri occasionali con la sua migliore amica Carla. Aveva diversi anni più di Karen ed entrambe le donne sapevano cosa stava succedendo ma non vedevano alcun problema. Sapevo anche che Karen di tanto in tanto scompariva per un giorno o due con la scusa di andare a sciare a Lake Tahoe quando in realtà era da qualche altra parte. Sapevo quando c'era la neve lassù e quando non c'era. Si stava ancora scopando un suo ex fidanzato...

2.4K I più visti

Likes 0

Il mio capo donna

Ciao, mi chiamo Gina, ho 26 anni, capelli neri, ho tette coppa B e sono alta 1,70. A volte ti senti in un certo modo nei confronti dei tuoi superiori. Di solito le ami o le odi, ma credo che il mio capo donna fosse qualcosa di speciale. Era gentile, ma non troppo carina. Lei è 5'9 con capelli e occhi castani. Anche lei aveva un corpo molto carino, con delle belle tette a coppa C, quindi è molto sexy per avere 37 anni. L'ho avuta come capo per circa 3 anni e mi sono masturbato pensando a noi che facevamo...

582 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

546 I più visti

Likes 0

Benedizione sotto mentite spoglie

L'indimenticabile avvenimento, che sto per raccontarvi, non è una storia di cazzi e tori, piuttosto è il mio primo tentativo sessuale che ho fatto quando studiavo al quarto anno di ingegneria. Per prima cosa mi presento: vivo con mio zio a Lahore. Essendo un contadino il mio fisico è robusto e la pelle è chiara. Molte donne del villaggio erano attratte da me ma non le ho notate in parte per l'inclinazione di mio padre alle attività religiose nel villaggio e in parte per il timore di essere colto in flagrante. Anche allora i miei occhi rimasero assetati di uno sguardo...

2.4K I più visti

Likes 0

Allenatore Kristen

Mia nipote gioca a softball in una piccola lega sponsorizzata dalla città in cui viviamo. Il suo allenatore, Kristen (non è il suo vero nome), è davvero l'unica cosa divertente delle partite. Kristen è sul lato grosso. Ha una specie di viso grosso su cui si trucca e labbra imbronciate dello stesso colore rosso scuro dei suoi lunghi capelli ricci. Non è quella che definirei una bellezza classica, ma è decisamente fattibile. E se dovessi indovinare, direi che probabilmente aveva tra i primi e i 30 anni. Kristen emana anche l'atmosfera che quando è fuori dal campo, è selvaggia come un...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.