Il controllo mentale di Marie - 3

1.7KReport
Il controllo mentale di Marie - 3

La mia relazione con Marie si stava evolvendo rapidamente. Ho avuto uno strano, qualcuno potrebbe dire perverso, calcio fuori dal manipolare mia moglie per fare sesso con altri uomini e ora era incinta del figlio di suo fratello. Non mi ero reso conto che mi sarebbe piaciuta così tanto l'esperienza del cornuto fino a quando non è successo. In questi giorni, potevo fare sesso con Marie ogni volta che volevo, quindi ho scoperto che convincerla a fare sesso con altri ragazzi ha aggiunto un po' di entusiasmo alla nostra relazione. L'unico problema era che volevo di più e come per tante cose che desideri, una volta che le hai, finisci per annoiarti e vuoi provare qualcosa di nuovo, qualcosa che percepisci come migliore.

Mi chiedevo fino a che punto avrei potuto spingermi fino al punto di cercare di influenzare la vita sessuale di altre persone. Ho trovato l'idea piuttosto stimolante e c'erano molte persone che mi sarebbe piaciuto controllare; l'unico problema era che non avevo accesso a più di quel farmaco. Quello che dovevo fare era rivedere Paul, ma spesso non si avvicinava a dove vivevamo io e Marie. Sapevo decisamente che aveva ancora un debole per Marie e mi chiedevo se quello potesse essere un vantaggio che avrei potuto usare per convincerlo a lasciarmi ottenere una scorta di droga. Ci ho riflettuto per diversi giorni e ho deciso che forse il modo migliore per me e Marie era di andare a trovarlo, o anche di mandare Marie da sola. Probabilmente avrebbe colto al volo l'opportunità di trascorrere un fine settimana con lei come il suo sex toy vivente. Ciò lasciava ancora la sfida di come persuaderlo.

Ho deciso di mandare Marie da sola, ma sarebbe stato su suo invito, altrimenti avrebbe potuto sospettare qualcosa. Passando del tempo da solo con lei, potrebbe essere più aperto alla persuasione e abbassare un po' la guardia. Ho iniziato a piantare i semi e poiché Marie era già stata condizionata a godersi il sesso con lui, ho piantato nella sua testa l'idea che le fosse mancato fare sesso con lui e quindi avrebbe iniziato a scambiare messaggi ed e-mail con lui, inviandogli foto sexy di stessa. Lo avrebbe condotto fino al punto in cui avrebbe potuto invitare entrambi a farci visita.

Nel corso delle settimane successive, Marie ha seguito alla lettera i miei condizionamenti, iniziando con un paio di semplici e-mail e arrivando al punto in cui si scambiava messaggi con lui più volte al giorno. Alla fine ha scritto che era un peccato che non potesse andarsene e che vivessimo così lontano da lui. Perfetto.

Ho messo in atto la fase successiva del piano e ho chiesto a Marie di dirgli che avrei partecipato a una conferenza IT e che avrebbe pianificato di venire con me. Paul è stato catturato e sperava di avere la possibilità di trascorrere del tempo da solo con lei mentre partecipavo alla conferenza.

Era ancora all'inizio della sua gravidanza, quindi non dovevo preoccuparmi che Paul lo scoprisse, ma decisi di ravvivare un po' le cose. Durante il tempo in cui eravamo lì, dimenticava di essere mia moglie e credeva di essere in realtà la moglie di Paul, trascorrendo le notti con lui. Sapevo che le avrebbe fottuto il cervello, ma ormai non mi importava. Era il mio biglietto per una fornitura delle droghe top secret di Paul.

La messaggistica è continuata e un paio di settimane dopo abbiamo fatto le valigie e ci siamo diretti all'aeroporto. Avevamo deciso di incontrarci per una cena in un ristorante scelto da Paul. Ho mandato avanti Marie per incontrare Paul al ristorante e mi sono cambiata in albergo prima di andare da sola. Paul e Marie erano già lì ad aspettare mentre il direttore mi accompagnava al loro tavolo. È stato sorprendente il modo in cui Marie sembrava essere scivolata senza soluzione di continuità nel suo nuovo ruolo di moglie di Paul, salutandomi con un bacio sulla guancia prima di prendere posto accanto a lui.

"È così bello rivederti Pat, sembra che siano passati secoli dall'ultima volta che ti abbiamo visto"

Marie è stata così convincente, mi ha scioccato in un certo senso, ma speravo per il meglio.

Il pasto è stato piacevole, 3 amici hanno chiacchierato liberamente insieme, condividendo lo scherzo occasionale e tornando a sentirsi a proprio agio l'uno con l'altro. A un certo punto Marie è scomparsa in bagno, lasciando Paul e me soli.

"Sei sicuro che non ti dispiaccia se ho questa relazione con Marie?" chiese, cercando rassicurazione.

"Perché pensi che l'abbia programmata per pensare di essere tua moglie, Paul... divertiti a fartela scopare, nessun problema"

"Tieni solo a mente che è sempre arrapata, quindi assicurati di fotterle il cervello", dissi ridendo.

“quando è finita la conferenza?” chiese

“Tra 3 giorni, da domani” risposi

“Peccato” ha risposto, “darei qualsiasi cosa per tenerla più a lungo”.

Ho visto l'opportunità di ottenere un po' di leva e l'ho colto al volo. "Come vorresti tenerla fino alla fine della settimana?"

"Certo, coglierei al volo l'occasione, Marie è meravigliosa e ben fuori dalla mia portata"

"C'è una cosa che potresti fare per me però"

"Cos'è quel Pat?... se è in mio potere, ce l'hai"

"beh, sai che droga hai sviluppato, potrei usarne un po' di più", sussurrai, avvicinandomi a lui.

"Questa è una grande richiesta Pat, non sono sicuro di poterlo fare, potrei andare in prigione se qualcuno lo scoprisse"

"Che ne dici se ti dicessi che potresti tenerla per due settimane?", ho detto, alzando l'anti

"Per cosa diavolo lo useresti comunque, voglio dire, hai già Marie dove la volevi, e sai già che puoi farle fare qualsiasi cosa"

“Lo so, il problema è, Paul, che c'è questa puttana al lavoro, che ruba sempre le mie idee e innovazioni e le rivendica per sé. Ora è stata nominata manager e si lamenta sempre con la direzione del mio lavoro... mi rende sempre la vita difficile, e devo cambiarlo, e mi viene in mente un altro paio". L'intera storia era una finzione completa, ma sembrava plausibile.

"Allora a quante dosi stai pensando?"

"Non lo so... forse 3 o 4"

Paul deglutì.

"Mi faresti un enorme favore, Paul, sul serio" aggiunsi

Paul rifletté sulla mia richiesta per qualche istante, soppesando la possibilità di passare un paio di settimane a scopare mia moglie e il rischio di essere beccato.

"Guarda, ha detto, abbiamo un kit dimostrativo ufficiale, contiene 5 dosi... funzionano quasi altrettanto efficacemente, ma i risultati non durano neanche lontanamente quanto la dose che ho dato a Marie... è probabile che dimenticare il condizionamento e quello che hanno fatto in circa una settimana”

"Probabilmente potrei prenderne uno e capire che l'avevo spedito come campione per qualcuno"

“È anche molto più semplice, questa versione viene assunta per via orale, è insipida e non rintracciabile, quindi non c'è bisogno di rischiare complicazioni. La versione ad iniezione richiede un certo know-how, ma i tablet demo sono molto più semplici”.

“Affare fatto!”, gli ho sussurrato… certo che vorrei che durasse di più, ma lo accetterò”

“Ancora una cosa…” aggiunsi, “Marie ha con sé solo un numero limitato di abiti, quindi dovrai portarla a fare la spesa e comprare dei vestiti”

“Ok, vediamoci dopo la conferenza e ti darò un kit demo… e non preoccuparti, resetterò la sua programmazione quando la mando a casa”

A quel punto, Marie è tornata al tavolo e la nostra conversazione è ripresa normalmente, chiacchierando nel deserto.

Ci siamo salutati e Marie è partita con Paul. Ovviamente non c'era nessuna conferenza, quindi ho passato i 3 giorni in giro per l'hotel e facendo un po' di visite turistiche limitate. Al ritorno in hotel, la spia del telefono lampeggiava e io, dopo aver controllato i messaggi, ho appreso che era stato lasciato un pacco per me. L'ho raccolto e l'ho aperto nell'intimità della mia stanza. Dentro c'era una scatola oblunga, di dimensioni simili a una custodia che avevo un paio di occhiali. All'interno c'era una striscia di 5 singoli pacchetti di bolle trasparenti, ciascuno contenente solo una pillola insieme a una nota di istruzioni piegata su come usare, possibili effetti collaterali, ecc. Il tutto sembrava molto professionale.

Alla fine dell'ultimo giorno, sono tornato a casa. Il resto delle 2 settimane stava uccidendo e sembrava trascinarsi. Di tanto in tanto Paul mi mandava un messaggio, uno era una foto di Marie, chiaramente sdraiata sul suo letto, nuda, addormentata, con le gambe divaricate e la sborra che le colava dalla figa. Mi mancava e questo era più di quanto inizialmente previsto, ma il prezzo sembrava valerne la pena per ottenere le dosi extra. Ora tutto quello che dovevo fare era trovare un candidato adatto su cui testarlo.

C'era un vicino in particolare, che abitava dall'altra parte della strada, un paio di case più in basso rispetto alla mia. Era una bionda calda, ho notato spesso che lei e suo marito lavoravano spesso nel loro giardino, lui tagliava l'erba e lei si concentrava sulle aiuole. Era giovane, stimai che avesse circa 25 anni, uno di quei tipi atletici che, a giudicare dalla sua figura, avrebbero praticato l'aerobica e gli allenamenti in palestra da qualche parte. Indossava spesso una canotta e pantaloncini, che a volte rivelavano una scollatura decente quando si chinava in avanti.

Sicuramente mi sentivo attratto da lei, ma ogni volta che avevamo parlato brevemente in passato, era sempre sembrata inavvicinabile. Questo ha aggiunto alla mia voglia di provarlo su di lei. Era solo una giornata molto calda e ho notato che era impegnata a estirpare l'aiuola. Avevo già una brocca di tè freddo in frigo e ho visto l'opportunità di provare a invitarla.

Sono saltato in macchina e sono uscito come se andassi al negozio locale, tornando circa 15 minuti dopo. Mi sono accostato alla loro casa e ho abbassato il finestrino sul lato del passeggero. Era inginocchiata su un tappetino di gomma, pungolando il terreno con un piccolo attrezzo. I suoi capelli erano raccolti e c'erano gocce di sudore sulla sua fronte.

“Sembra un lavoro assetato” dissi in modo amichevole e gioviale.

Alzò lo sguardo, cercando di capire chi si stesse rivolgendo a lei

"Sono io, Pat, il tuo vicino dall'altra parte della strada"

"Oh ciao", "come stai oggi?" disse, limitando la sua risposta a un saluto frettoloso.

"Sto bene grazie. Tu come stai?" Ho risposto, "fa caldo oggi, ricordati di rimanere idratato"

"Lo farò, stavo per entrare a bere un po' d'acqua"

"Guarda,..." dissi, saggiando le acque. "Ho del tè freddo in frigo, ti va un bicchiere?"

Ha sbirciato in macchina, cercando di accertare se fossi solo un idiota che cercava di prenderla in braccio o se fossi davvero solo il vicino amichevole.

“Sto bene grazie”, ha risposto, “non voglio essere un inconveniente”

Ho insistito sul punto a casa

"Nessun problema, guarda, mi limiterò a parcheggiare, portare dentro la spesa e tornare tra qualche minuto... e non preoccuparti, puoi restituire il bicchiere quando ti fa comodo"

Lei annuì con apprezzamento

Entrai nel mio garage e mi diressi verso la cucina. Prendendo la caraffa del tè freddo, ne versai due bicchieri e li riempii di ghiaccio. Presi la scatola di pillole e ne tirai fuori una dal suo pacchetto di bolle, facendone cadere una in uno dei bicchieri. Frizzò e si disintegrò mentre fluttuava in cima. In pochi secondi era completamente svanito, una sola bolla tutto ciò che rimaneva come traccia. Ho aggiunto una fetta di limone al suo bicchiere, per assicurarmi di non confonderli e mi sono diretto.

Si stava appena vestendo, piuttosto sudata, con gocce di sudore che le colavano dalla fronte. Si asciugò il viso con il dorso della mano. La canottiera le aderiva all'addome, le spalline del reggiseno, un po' ingrigite dal sudore, le aderiscono alle spalle. Aveva le rotule leggermente sporche, la pelle incavata nel punto in cui era stata inginocchiata.

Le ho offerto il bicchiere e lei me lo ha preso, sorridendo mentre mi ringraziava educatamente.

"A proposito, sono Pat, Pat Templeton, che offro la mia mano ora libera"

"Piacere di conoscerti... sono Jacy, Jacy Hemmings"

"Guarda, perché non entriamo, lì fa più fresco, mi lavo prima se non ti dispiace", si offrì, sembrando essersi leggermente scaldata dalla sua solita natura inavvicinabile.

Siamo entrati in casa dal garage e lei mi ha offerto un posto al tavolo della cucina mentre si lavava le mani. Abbiamo continuato a conversare in modo educato e amichevole nei minuti successivi. Ho saputo che suo marito era un agente immobiliare e che lei era un'amministratore part-time in un hotel del centro. Mi sono preoccupato che il farmaco non sembrasse funzionare, avendo già trascorso 10 minuti da quando ha finito il bicchiere. Aveva decisamente sete.

"Senti, spero non ti dispiaccia, ma ora ti chiedo di andare, sono stanco e vado a fare un pisolino prima che Frank torni a casa".

Frank, avevo saputo che aveva circa 10 anni più di lei al suo secondo matrimonio. Avevo ragione sulla sua età, però, a 25 anni era decisamente nel fiore degli anni.



Mi sono alzato per andarmene, chiedendomi esattamente quanto tempo ci sarebbe voluto per dare il calcio d'inizio e poi ho notato che aveva chiuso gli occhi ed era seduta in silenzio al tavolo.

"Jacy, riesci a sentire la mia voce"

“Sì”, rispose lei, la sua voce calma, quasi un sussurro.

«Tuo marito si chiama Frank, vero?»

"Sì"

"chi sono io Jacy?"

"Sei Pat, il mio vicino"

"Ti piace Pat?"

"Sembra a posto, mi ha appena portato un tè, è stato gentile da parte sua"

"e dove sei adesso Jacy?"

"Sono a casa"

"La casa è un posto sicuro dove stare, non ti succede niente di male qui, vero Jacy?"

“Sì, la casa è un posto sicuro dove stare”

"Quindi sei in un posto sicuro, e quindi ti senti perfettamente al sicuro, vero Jacy?"

"Sì"

"Allora, non ti dispiace rispondere a qualche domanda, vero?"

"No, non mi dispiace"

"Come ti senti in questo momento Jacy?"

"Rilassato"

"Sì, rilassati è una bella sensazione quando hai lavorato così duramente al tuo giardino"

Jacy sembrava essere già sotto l'effetto della droga, quindi ho deciso di indagare un po' di più con le mie domande.

"Com'è la tua vita sessuale?"

"va bene"

"Ti piace il sesso?"

"Sì" ha risposto senza esitazione

"Sì, e dopo oggi inizierai a goderti ancora di più il sesso, infatti inizierai a sentirti sempre eccitato"

"Quante volte ti sentirai eccitato?"

"tutto il tempo"

"Esatto Jacy"

"Ami tuo marito?"

"Sì, molto"

"Buona"

"e sei mai stato infedele?"

“No, mai, non lo farei”

“Jacy, trovi quel reggiseno scomodo e caldo, senti il ​​bisogno di toglierlo”

Sorprendentemente, anche nel suo stato ricettivo semicosciente, si allungò dietro, si slacciò il reggiseno e fece scivolare le spalline lungo il braccio, prima di toglierselo dalla parte anteriore. Questo era nuovo, significava che anche se non l'avevo pianificato, sembrava che potessi farle fare delle cose anche senza che si svegliasse prima. I suoi seni cadevano liberi, la canotta aderiva a loro, delineando il loro profilo, i suoi capezzoli ora chiaramente visibili.

“Ora questo è importante, tutto quello che ti dico ti sembrerà vero, ricorderai quello che ti dico come se fosse un dato di fatto”

"Capisci?"

"Sì"

“In futuro troverai i reggiseni scomodi da indossare e preferirai sempre non indossarli”

"Cosa ne pensi dei reggiseni?"

“Sono scomodi”, ha risposto

“sì, bene”

“Adesso quando ti sveglierai non ci penserai due volte al reggiseno che hai in mano perché te lo sei tolto perché era scomodo”

"Perché ti sei tolto il reggiseno davanti a Pat?"

“Perché era scomodo” rispose lei

"Inizierai a goderti il ​​fatto che alle persone piaccia vederti senza reggiseno e ti sentirai eccitata ogni volta che qualcuno ti guarderà il seno"

"sì"

"Ricorderai che sei stato fortemente attratto dal tuo vicino, Pat per un bel po' di tempo"

"Come ti senti per Pat"

“Fortemente attratto da lui”

"Sì, è vero, e scoprirai che farai di tutto per fare sesso con lui"

"Vuoi scoparlo ogni volta che ne hai l'occasione"

"Cosa vuoi fare con Pat?"

"Fai sesso con lui ogni volta che posso"

"Brava ragazza"

“e scoprirai che il sesso con Pat è anche meglio che con tuo marito, infatti troverai tuo marito meno stimolante e riuscirai a venire solo quando Pat ti sta scopando”

"sì"

"E lo manterrai segreto a tuo marito perché non vuoi che ti lasci"

"Cosa farai?"

"Tienilo segreto a mio marito"

"Bene"

“Ora quando conto alla rovescia da 3 ti sveglierai, troverai il tè freddo che ti ha rinfrescato e non ti sentirai più stanco, invece ti sentirai davvero arrapato e vorrai fare sesso”

Ho fatto il conto alla rovescia da 3 e pochi istanti dopo, Jacy ha aperto gli occhi.

Mi girai per uscire dalla porta, non con l'intenzione di farlo, ma per testare la sua programmazione, mentre il farmaco era ancora attivo nel suo sistema.

Jacy lasciò cadere il reggiseno sul tavolo, si alzò e venne verso di me, la sua mano appoggiata sul mio braccio

“Non te ne vai ancora, vero?”, disse

"Stavo per farlo, pensavo che forse tuo marito sarebbe tornato a casa presto"

"Non per un paio d'ore... è solo..." non ha continuato, invece si è allungata, mi ha afferrato la testa e mi ha baciato. Ricambiai il bacio e le nostre lingue si cercarono a vicenda, il bacio divenne affamato, esigente.

"Ti voglio" mi sussurrò all'orecchio, un senso di urgenza nella voce, "Ti ho sempre voluto"

Mi prese per mano e mi guardò seducente, conducendomi silenziosamente fuori dalla cucina e su per le scale fino alla sua camera da letto.

L'ho tirata a me, tenendola e ho ricominciato a baciarla, la mia mano le ha palpato uno dei seni. Lei gemette sommessamente.

Le tolsi l'elastico dai capelli e lunghe ciocche di capelli biondi le ricadevano sulle spalle e lungo la schiena. Era squisito, morbido, setoso, una tonalità naturale di biondo sabbia. Ero duro come una roccia dentro i miei pantaloncini e la sua mano iniziò a slacciare il fermaglio e la cerniera, facendoli cadere a terra insieme ai miei boxer. Il mio cazzo rimbalzò immediatamente libero, in piedi duro e perpendicolare al mio corpo, sembrava disperata di essere scopata.

Ho tirato la sua piccola canotta con spalline sopra i suoi seni e fuori sopra la sua testa, esponendo le sue magnifiche tette. Non grande come quello di Marie, ma di forma perfetta, con i capezzoli scuri in piedi orgogliosi.

Mi ha tolto la maglietta, gettandola via, l'ho spinta con decisione e lei è ricaduta sul letto, le ho afferrato i pantaloncini e le mutandine e li ho trascinati sui suoi fianchi e sui suoi piedi lasciandola completamente nuda.

La sua figa era bellissima, una sottile fessura circondata da labbra gonfie, luccicava dei suoi succhi. Una piccola striscia di capelli biondi ben tagliati appena sopra, confermava che era una bionda naturale. Le divaricai le caviglie e mi tuffai tra le sue gambe, leccandola, la lingua che premeva sulle sue labbra e su fino al suo clitoride, circondandolo mentre contemporaneamente lo succhiavo. Il profumo della sua figa era leggermente sudato dal giardinaggio e dall'essere intrappolato nelle sue mutandine, ma era delizioso. Jacy ha iniziato a piagnucolare e gemere, profondi gemiti gutturali, il suo corpo rispondeva, i suoi fianchi ondeggiavano, il suo respiro accelerava, diventava più profondo, la sua figa grondava di succhi che cercavo di leccare. Ho continuato a tormentarle la figa, guardando i suoi seni sollevarsi con il suo respiro, i suoi occhi spalancati. La sua bocca era aperta mostrando strisce perfette di denti bianchi e lucenti.

Mantenemmo questa frenetica attività per diversi minuti, le sue mani che mi stringevano la testa, quando all'improvviso mi strinse le cosce contro la testa e gemette mentre un orgasmo rabbrividì attraverso ogni muscolo del suo corpo.

Mi sono arrampicato sul letto, sollevando le sue caviglie sopra le mie spalle e mi sono tuffato nella sua figa calda e sfrenata, non volendo perdere tempo con un approccio seducente più gentile. Le frustrazioni represse di Paul che aveva mia moglie da scopare mi avevano preparato a scoparla duramente e stavo per farlo. La sua figa era divina; stretto, caldo e setoso e così bagnato. Ha urlato di nuovo, mentre iniziavo a picchiarla, spingendo il mio cazzo dentro. Quando ho accelerato e ho iniziato a martellarla davvero, i suoi fianchi hanno iniziato a sollevarsi contro i miei, i suoi muscoli tonificati da palestra hanno fatto gli straordinari per tenere il passo mentre scopavamo freneticamente. Stavo portando il mio peso sulle braccia e sulle ginocchia, usando tutta la forza dei miei fianchi per spingermi dentro di lei. Stavamo entrambi ansimando, quasi senza fiato, ansimando rumorosamente per l'aria, i suoi gemiti erano più forti, più forti, più urgenti, quando all'improvviso lei gridò di nuovo e si schiantò in un grande orgasmo, le sue pareti si serrarono e munsero il mio cazzo e un forte spruzzo di i suoi succhi vomitarono inzuppandomi l'addome e le cosce. Non riuscivo a trattenermi e spingendo il più lontano possibile dentro di lei, ho scaricato innumerevoli impulsi di sperma dentro di lei. Sono andato stordito, sopraffatto dallo sforzo e dal potere del mio stesso orgasmo. Mi sono trattenuto dentro di lei il più a lungo possibile, il mio cazzo continuava a contrarsi ma alla fine è crollato su di lei prima di rotolare al suo fianco. Entrambi giacevamo lì senza fiato.

Lei girò la testa e mi guardò

"oh mio dio, Pat... è stato... è stato fantastico... non sono mai venuta così forte prima". Ad essere onesti, non riuscivo nemmeno a ricordare di venire così forte, senza dubbio l'avevo fatto, ma era incredibilmente potente.

Il tabù di aver appena scopato la splendida moglie del mio vicino ha aggiunto al mio senso di realizzazione, anche se era stato solo a causa della sua programmazione. In quell'istante, avrei voluto che fosse permanente. L'ho guardata, sdraiata lì nuda, e ho ammirato il suo corpo atletico.

Si girò verso di me e mi baciò appassionatamente. Ricambiai il bacio e la abbracciai, stringendola forte.

“Lo desideravo da tanto, ogni volta che ti vedevo, ma sei sposato, e non volevo crearti problemi” disse, guardandomi negli occhi… i suoi notai che erano un bel verde pallido.

"Anch'io, Jacy, ti ho visto fuori a volte e ho sempre pensato che fossi così sexy e desiderabile, ma anche tu sei sposato"

"Dovrei andare però", dissi con riluttanza, "sono abbastanza sicuro che tuo marito tornerà presto e probabilmente avrai bisogno di una doccia prima che arrivi qui."

La baciai teneramente e mi vestii, la mia lussuria placata per ora. Lei giaceva lì a letto, nuda ed esposta, e io me ne andai a casa mia.

Abbiamo scopato molte altre volte nei giorni successivi, a volte a casa sua, a volte a casa mia. Il sesso era incredibile, a volte mi cavalcava come una banshee, totalmente persa nel suo mondo di sogni orgasmici. Una notte ha persino bussato alla mia porta abbastanza tardi, a quanto pare suo marito ha fatto sesso con lei ma l'ha lasciata frustrata e ora "dormeva come un bambino" nelle sue parole. L'ho scopata, inchiodata contro il muro del corridoio, soddisfacendo la sua frustrazione alimentata dalla lussuria. Sapevo che era un rischio, ma l'ho fottuta lo stesso.

Poi un giorno l'ho vista lavorare in giardino e ho visto che indossava di nuovo il reggiseno. Immaginavo che gli effetti della droga stessero svanendo. Non mi importava troppo, era stato fantastico e inoltre, era quasi ora che Paul mi riportasse Marie.

Ho mandato un messaggio a Paul e gli ho chiesto come stava andando. Pochi minuti dopo, il mio telefono squillò con un suo messaggio di risposta. "Tempo incredibile, è insaziabile... la rimanderò indietro con qualcosa in più". Le mie speranze sono aumentate, non sono esattamente sicuro di cosa stesse inviando, ma ho sorriso perché sapevo che non poteva essere un bambino.

Tutto sembrava a posto quando finalmente è tornata, si sperava che la vita sarebbe tornata alla normalità; Non aveva un aspetto peggiore per tutte le scopate che senza dubbio aveva ricevuto. Si è scoperto che Paul l'aveva rimandata indietro con un pacco per me. Sono andato in bagno ad aprirlo e dentro c'erano una piccola fiala, un paio di siringhe e un biglietto scritto a mano non firmato. La nota diceva “Usalo con attenzione, è potente. 'spero di poterla "prendere in prestito" di nuovo presto. A proposito, aspettati un ospite inatteso”. Ero entusiasta di ricevere la versione iniettabile e mi chiedevo se la intendesse per il "manager" immaginario di cui gli avevo parlato. Ero più curioso di sapere chi si sarebbe presentato come ospite inatteso.

Abbiamo cenato come se nulla fosse cambiato e le ho chiesto se stessimo aspettando qualcuno, ma lei ha negato di sapere qualcosa. Senza dubbio Paul aveva organizzato qualcosa, ma l'aveva programmata per non ricordare. Come per uno scherzo del destino, circa una settimana dopo, io e Marie eravamo al supermercato quando ci siamo imbattuti in Jacy, o meglio lei si è imbattuta in me. Marie era impegnata a cercare qualcosa più avanti lungo il corridoio quando Jacy si avvicinò, mi afferrò il braccio e mi sussurrò all'orecchio "Mi manchi" prima di allontanarsi, guardando indietro con un'espressione timida e femminile, facendo del suo meglio per evitare di destare i sospetti di Marie. La guardai incredulo, ovviamente la versione demo aveva effetti più duraturi di quanto Paul o io ci aspettassimo.

La vita ha un modo straordinario di complicarsi all'improvviso e mi ha ricordato un verso che una volta ho imparato a scuola, diceva "oh che rete intricata tessiamo, quando prima ci esercitiamo a ingannare".

Storie simili

Le coppie si ritirano

Jon era il ragazzo di tutti i giorni, sposato con sua moglie Grace da sei anni, due figli, ha vissuto nella stessa città per tutta la vita. Amava sua moglie e avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei; e anche lui ha avuto un'ottima vita sessuale. Stavano insieme dal liceo e la scintilla era ancora lì. Hanno fatto alcune cose pazze insieme e lui era aperto a qualsiasi cosa Grace avesse tentato di provare. Così quando è venuta da lui una settimana prima del loro settimo anniversario e gli ha detto che aveva prenotato un viaggio per loro su un'isola tropicale per...

3.3K I più visti

Likes 0

La rosa spinosa Ch.04

Scarlett strinse le labbra carnose mentre si chinava verso la bassa scrivania accanto al suo letto, prendendo la piuma che aspettava lì, immergendola nell'inchiostro nero e picchiettando via l'eccesso prima di prendere nota sulla carta che aspettava accanto a lui, pronunciando le parole ad alta voce con voce sommessa come lui. “Ho scoperto che l'Orcesso, sebbene dominante nella sua natura, può essere sottomesso con la giusta leva. Mentre si sforzano di sembrare responsabili e potenti, un'affermazione certamente accresciuta dalla loro evidente forza e abilità fisica, loro, come la maggior parte che ho trovato, possono essere facilmente manipolati con la promessa del...

926 I più visti

Likes 0

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

912 I più visti

Likes 0

Mio cugino_(1)

Era un po' che non vedevo mio zio e la sua famiglia. L'ultima volta che ricordo che avevano 5 figli. 3 ragazzi 2 ragazze. Due dei ragazzi erano più grandi di me e gli altri erano più giovani di qualche anno. Ero noto per essere il cattivo di tutta la famiglia. Mia madre aveva detto che dovevo stare a casa dei suoi fratelli per l'estate. Sperando di stare lontano dalla vita di città. Mi andava bene che ho bisogno di una pausa dalla festa visto. Mia madre mi ha lasciato. Ecco qui. Spero davvero che tu ne tragga qualcosa, non so...

3.9K I più visti

Likes 3

La mia dolce causa dell'82

Titolo: “La mia dolce Sue nell'82” Nel 1982 ho vissuto con una donna più giovane di nome Karen e la stavo scopando oltre a incontri occasionali con la sua migliore amica Carla. Aveva diversi anni più di Karen ed entrambe le donne sapevano cosa stava succedendo ma non vedevano alcun problema. Sapevo anche che Karen di tanto in tanto scompariva per un giorno o due con la scusa di andare a sciare a Lake Tahoe quando in realtà era da qualche altra parte. Sapevo quando c'era la neve lassù e quando non c'era. Si stava ancora scopando un suo ex fidanzato...

2.4K I più visti

Likes 0

Il mio capo donna

Ciao, mi chiamo Gina, ho 26 anni, capelli neri, ho tette coppa B e sono alta 1,70. A volte ti senti in un certo modo nei confronti dei tuoi superiori. Di solito le ami o le odi, ma credo che il mio capo donna fosse qualcosa di speciale. Era gentile, ma non troppo carina. Lei è 5'9 con capelli e occhi castani. Anche lei aveva un corpo molto carino, con delle belle tette a coppa C, quindi è molto sexy per avere 37 anni. L'ho avuta come capo per circa 3 anni e mi sono masturbato pensando a noi che facevamo...

582 I più visti

Likes 0

Paolo il Vecchio

Di Gail Holmes Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare. Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa...

546 I più visti

Likes 0

Benedizione sotto mentite spoglie

L'indimenticabile avvenimento, che sto per raccontarvi, non è una storia di cazzi e tori, piuttosto è il mio primo tentativo sessuale che ho fatto quando studiavo al quarto anno di ingegneria. Per prima cosa mi presento: vivo con mio zio a Lahore. Essendo un contadino il mio fisico è robusto e la pelle è chiara. Molte donne del villaggio erano attratte da me ma non le ho notate in parte per l'inclinazione di mio padre alle attività religiose nel villaggio e in parte per il timore di essere colto in flagrante. Anche allora i miei occhi rimasero assetati di uno sguardo...

2.4K I più visti

Likes 0

Allenatore Kristen

Mia nipote gioca a softball in una piccola lega sponsorizzata dalla città in cui viviamo. Il suo allenatore, Kristen (non è il suo vero nome), è davvero l'unica cosa divertente delle partite. Kristen è sul lato grosso. Ha una specie di viso grosso su cui si trucca e labbra imbronciate dello stesso colore rosso scuro dei suoi lunghi capelli ricci. Non è quella che definirei una bellezza classica, ma è decisamente fattibile. E se dovessi indovinare, direi che probabilmente aveva tra i primi e i 30 anni. Kristen emana anche l'atmosfera che quando è fuori dal campo, è selvaggia come un...

2.9K I più visti

Likes 0

Mia sorella ed io a Natale - parte 2

Mia sorella ed io a Natale - parte 2 Il campanello suonò per tutta la casa, strofinando il sonno irrefrenabile dai miei occhi stanchi, sollevai la testa di Charlotte dal mio petto e la posai su un cuscino. Girai la chiave e aprii la porta. Mi porto il dito alle labbra, Charlotte sta dormendo, quanto pensi che sia presto? Ho detto. Uhhh, non così presto disse Leo, avvicinandomi alla faccia il suo hublot. Vieni di sopra dissi. Siamo andati in camera mia e ho fatto la doccia. Cos'è successo alla festa? chiese Leone Un ragazzo l'ha provato con mia sorella dissi...

2.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.