La mamma asiatica Jenny e suo figlio Chris Serie 3: Parte 4

255Report
La mamma asiatica Jenny e suo figlio Chris Serie 3: Parte 4

"Chris, tesoro" sussurrai, aprendo lentamente la porta della sua camera da letto.

Le luci erano spente, qualcosa che non mi aspettavo. Era un po' sorprendente vederlo addormentato nel tardo pomeriggio di venerdì. Poi di nuovo, data quanta energia ha speso solo poche ore prima con me, forse non lo è!

"Tesoro" dissi un po' più forte questa volta, avvicinandomi al suo letto.

Sapendo che comunque non avremmo avuto il tempo o la privacy per divertirci, ho deciso di non svegliarlo; Scegliendo invece di ritirare il suo carico di biancheria sporca e maglione da lavare. Ma mentre lo facevo, non potei fare a meno di ridacchiare per il travolgente profumo di sesso nella sua stanza. Mentre altre madri temevano che la stanza del loro figlio adolescente si riempisse dell'aroma di alcol o droghe, io non avevo tali preoccupazioni. Dopotutto, Chris trascorreva la maggior parte del suo tempo libero soddisfacendo i miei impulsi, spingendo il suo cazzo dentro e fuori dalla mia figa bagnata ogni volta che glielo chiedevo o glielo chiedevo.

Il pensiero mi fece immediatamente scorrere di nuovo i succhi. Anche adesso, con mio marito che sta per tornare a casa, stavo aspettando con impazienza che Chris scendesse quei gradini per cena... e mi desse un bacio davanti a suo padre.

Era qualcosa a cui Charles si era abituato con riluttanza. Subito dopo che mi ha parlato della sua imminente cena, ho iniziato a sfruttarla spudoratamente, sapendo che mio marito non poteva permettersi di farmi incazzare prima della sua promozione e rischiare che provocassi una scenata davanti al suo capo e ai suoi colleghi, rovinando il immagine della nostra famiglia “perfetta”. Quindi, nella settimana successiva, ho aggiornato il modo in cui ho salutato suo figlio. Nei primi giorni, quando chiamavo Chris a cena, lo baciavo sensualmente ogni volta; almeno 3 o 4 secondi con Charles in piedi vicino, senza poter fare nulla al riguardo. È stato abbastanza breve da non trasformarsi in una sessione di pomiciatura, ma anche abbastanza lungo da garantire che mio marito sapesse che era specificamente per i suoi occhi.

Con lui che non rispondeva, ho anche aggiunto un leggero flirt con Chris ogni volta che era solo mio marito in giro. Scherzavo con lui come faccio di solito, e ogni volta che io e Chris ridevamo delle nostre battute scherzose, lo seguivo con brevi baci; assicurandomi di ridacchiare rumorosamente ogni volta.

Il processo è stato abbastanza graduale, quasi come quando ho sedotto Chris per la prima volta mesi fa. Spostando ulteriormente i confini solo di un piccolo passo ogni giorno, non ho mai spinto Charles al suo punto di rottura, optando invece per arrostirlo lentamente. Sembrava riprendere il suo solito approccio di nascondersi, affermando il mercoledì e il giovedì sera che doveva rimanere fino a tardi in ufficio per "lavoro".

Non sono sicuro se non gli importasse più abbastanza da provare a nascondere la sua relazione o se fosse davvero così distratto, ma ogni sera che tornava a casa tardi, veniva ricoperto dall'aroma del profumo di una donna. Indipendentemente dal motivo, neanche a me importava. Semmai, ogni volta che è successo, mi ha solo incoraggiato a flirtare di più con suo figlio.

A parte dormire ancora con riluttanza sullo stesso letto king size, lui dalla sua parte e io dalla mia, non passavo più tempo da solo con Charles. Non è che lo ignorassi completamente, ma non c'era motivo per farlo; non c'è bisogno di fingere che il nostro matrimonio andasse ancora bene. La maggior parte delle mie notti era ora divisa tra la lettura da sola e il passare del tempo con mio figlio. A volte eravamo a porte chiuse, a fare l'amore dolcemente nella sua stanza mentre il mio ignaro marito era a una porta di distanza, nel suo ufficio. Altre volte tornava a casa tardi da noi due rannicchiati sul divano del soggiorno a guardare la tv. Se Jessie fosse con noi, sarebbe tutto, solo coccole. Ma in caso contrario, sarei molto più permaloso con Chris, continuando a sorridere a mio marito; quasi a dire “Non ti stai chiedendo cosa stessimo facendo prima che tu entrassi?!”

Sapevo che mi stavo comportando come una troia completa; baciare e toccare deliberatamente mio figlio davanti a mio marito, ma non mi importava. L'eccitazione sessuale che mi dava era che stavo cercando. E ogni rimorso o senso di colpa che provavo per Charles era sparito da tempo dopo aver finalmente visto quanto fosse diventato egoista nel corso degli anni. Anche adesso, la maggior parte della sua gelosia e rabbia nei miei confronti non era dovuta al fatto che era stato ferito dalle mie azioni o dal "tradimento" del nostro matrimonio, ma perché aveva paura che la notizia uscisse. Aveva paura di ciò che la sua azienda avrebbe pensato, di come la famiglia e gli amici lo avrebbero etichettato. Aveva paura che la sua immagine di una "famiglia perfetta" avrebbe rovinato la sua carriera. Una carriera che aveva, nel corso degli anni, lentamente iniziato ad anteporre a tutto il resto. A casa, ha fatto il minimo indispensabile, raschiando a malapena così il mio io più timido e sottomesso non l'ha mai chiamato fuori. Ma ora così vicino al raggiungimento del suo obiettivo, il gatto era fuori dal sacco. E con la mia ritrovata sicurezza, non avevo più motivo di sopportare le sue stronzate.

Quindi, se voleva realizzare il lavoro dei suoi sogni, era meglio che potesse accettare le mie condizioni. E il primo in assoluto è stato che questa "cosa" tra me e suo figlio non era una fase. Non era qualcosa che ho permesso perché volevo vendicarmi di lui. No, no, no. È stato qualcosa che ho fatto perché lo volevo.

"Mamma!"

"Mamma!" Jessie urlò di nuovo.

Ero così perso nei miei pensieri arrabbiati e vendicativi che non l'ho nemmeno sentita, andando sul pilota automatico mentre finivo di impostare le impostazioni della lavatrice.

“Tina ha una festa di compleanno domani ed è un pigiama party! Posso andare?! Posso andare?! Per favore!" implorò, facendomi oscillare il braccio.

"Whoa, whoa lento tesoro!" Sorrisi, distogliendo la mia attenzione su di lei.

“Un pigiama party di compleanno? Le hai già ricevuto il regalo?"

"Oh! Dobbiamo prendere anche quello! Si inizia domani alle 5! Per favore mamma, posso andare?! implorò sinceramente.

"Uhm, immagino" sbottai.

"Sì! Grazie mamma! Grazie molte!" strillò, scappando.

Potevo sentire la sua voce in lontananza, senza dubbio parlare al cellulare per dare la buona notizia alla sua amica.

“Hmm, un'intera notte domani senza mia figlia; potrebbe essere divertente” sorrisi, pensando a tutte le cose sporche che avrei voluto fare a suo fratello.

Mi aspettavo quasi un altro messaggio da mio marito, che mi facesse sapere che non avrebbe più mangiato a casa, ma non è mai arrivato. E mentre continuavo a preparare la cena, qualsiasi domanda avessi ancora trovò risposta con l'apertura della porta del garage.

Anche Chris deve averlo sentito perché non erano trascorsi 30 secondi quando i suoi passi scendevano di corsa le scale per la cena.

"Mamma! Ho appena controllato i miei voti per il test di chimica. 92!” esclamò abbracciandomi in un abbraccio.

"Oh congratulazioni!" Sorrisi, asciugandomi velocemente le mani sullo strofinaccio per ricambiare il suo affetto.

Aveva parlato della difficoltà del test negli ultimi due giorni, sottolineando come questo insegnante fosse molto più duro di quello del suo primo semestre.

"L'hai appena scoperto?"

La sua risposta è stata interrotta da mio marito che è entrato nella stanza dal garage. I suoi occhi erano incollati al suo telefono, le dita che digitavano, per tutto il tempo sfoggiando uno stupido sorrisetto sul viso. La mia mente è andata immediatamente ai miei pensieri vendicativi di prima.

Chris guardò suo padre, ma non disse nulla, riportando la sua attenzione sulla nostra conversazione.

"Sì, ho appena controllato online un minuto fa!" rispose eccitato.

“È fantastico tesoro! Hai lavorato così duramente per questo! Sorrido, avvicinandomi a lui.

Avvolsi delicatamente le mie mani intorno a lui per un abbraccio, baciandolo dolcemente sulla guancia. Chris diede una rapida occhiata a suo padre, vide che era impegnato a fissare il telefono e premette le sue labbra sulle mie.

Ho mantenuto un enorme sorriso sul mio viso, ricambiando il bacio con passione, le nostre labbra e la nostra lingua danzavano dolcemente insieme. Immaginavo Chris che mi spingeva contro il lavandino, le sue mani che mi palpavano le tette mentre mi toglievo i pantaloni. Da lì mi sedevo sul bancone della cucina, tiravo di lato le mutandine, mostravo un sorriso a mio marito sconvolto e poi invitavo il cazzo di suo figlio nella mia figa. Cazzo, lo volevo così tanto.

Ma in realtà, Charles ha perso la maggior parte dei baci. E anche quando ha alzato lo sguardo per vederci, è subito andato in bagno. C'è stata una piccola delusione, ma non ho lasciato che mi prendesse. Invece, ho immediatamente afferrato la mano destra di Chris, spostandola sul mio sedere.

"mamma!" esclamò, cercando di mantenerlo in un sussurro. «Papà torna subito!»

“Allora muoviti, tesoro. Oppure no" ridacchiai.

Nonostante abbia ridacchiato alla mia battuta, ha comunque cercato di togliere la mano, costringendomi ad agire. Sottilmente, ho preso in carico la nostra sessione di pomiciatura, spingendolo all'indietro fino a quando non è stato contro il bancone della cucina. E mentre continuava a cercare di riposizionare la mano, io gli tenevo fermo il polso, tenendo fermo il suo palmo destro sul mio sedere.

Come sempre, Chris ha iniziato a baciarsi sempre di più, perdendo la voglia di litigare con me. Aggiungi il fatto che si stava ancora godendo i miei nuovi riccioli, passandomi la mano sinistra tra i capelli, e presto perse ogni ricordo del fatto che stava molestando il culo di sua madre in cucina.

Ho aspettato pazientemente il ritorno del mio pubblico, continuando a pomiciare teneramente con mio figlio, cercando di non spaventarlo. Alla fine, mio ​​marito è ricomparso dal bagno. E aveva fatto abbastanza rumore che Chris ha cercato di scappare subito, ma ovviamente era proprio per questo che l'avevo immobilizzato. E più si sforzava di agitarsi, più lo stringevo forte, le mie tette premute saldamente contro il suo petto. Sotto, potevo sentire il suo grosso cazzo sulla mia coscia, il suo palmo destro ancora con una manciata del mio culo.

Charles e io abbiamo incrociato gli occhi all'istante. Fissò nel vuoto, osservando mentre suo figlio cercava di allontanarsi, ma non ci riusciva a causa mia. Ho risposto con un sorrisetto, spingendo fermamente Chris al suo posto e continuando a baciarlo ancora per qualche secondo. Volevo che Charles vedesse esattamente chi aveva il controllo, che non era sua moglie che si lasciava baciare dal figlio. No, era sua moglie che era al posto di guida, volendo questo atto illecito di incesto.

“La mamma è così orgogliosa di te tesoro! Sapevo solo che avresti fatto bene! Ora potresti andare a cena da tua sorella? Ho sorriso brillantemente.

"Sì" balbettò, uscendo velocemente dalla stanza.

"Hai già mangiato?" chiesi severamente, sparando pugnali a mio marito con il mio sguardo.

“Eh, no. Non ancora” rispose Charles, incerto su come reagire.

Potevo vedere le domande che gli passavano per la testa; la sua confusione.

"Si sono baciati per tutto il tempo?"

"Per quanto tempo sarebbe andato avanti se non fossi entrato?"

"Cosa cazzo succede quando non sono qui?"

Non sono nemmeno sicuro che abbia visto la mano di suo figlio sul mio sedere. Charles era così sbalordito da quanto fossi aggressivo che avrebbe potuto perderlo. Oh beh, sarà solo qualcos'altro che devo correggere per il futuro. Dopotutto, se non aveva intenzione di dire nulla sui progressi che stavo facendo con suo figlio, allora perché avrei dovuto smettere?

"Allora vai a preparare la tavola" gli ordinai.

Charles seguì le mie parole senza sbirciare e la cena fu normale, o normale come lo sarebbe mai stata.

"Mamma, potremmo avere il regalo di Tina stasera?"

"Stasera?" Ho chiesto.

“Sì, mamma. Per favore! So già cosa regalarle, quindi potremmo andare al centro commerciale!

"A cosa serve questo?" mio marito ha chiesto confuso.

“Ha una festa di compleanno domani. Ma come sempre, ha aspettato fino all'ultimo per dirmelo” risposi, fissando mia figlia con disappunto.

Lei ridacchiò di gioia. “Per favore mamma! O papà, potresti portarmi?!

"Uhm..." fece una pausa.

Potevo vedere Charles che si affannava a trovare una scusa.

"Io... ho ancora del lavoro da fare... tua madre potrebbe portarti" disse, guardandomi.

Non ero sicuro di cosa avesse pianificato, ma non mi importava davvero.

“Ok tesoro, possiamo andare dopo cena” sospirai, fingendo riluttanza.

"Sì!"

“Vuoi venire con il miele? Mi farebbe piacere la compagnia” sorrisi, voltandomi verso Chris.

I suoi occhi istintivamente si posarono su suo padre per controllare la sua reazione, ma subito dopo si voltarono verso di me.

“Certo mamma”

"Sì?! Grande! Avrò qualcuno che mi mantenga sano di mente da tua sorella! Scherzai, chinandomi per baciargli la guancia.

Mio marito non ha fatto caso alla mia dimostrazione di affetto, completamente inconsapevole che insieme al mio bacio innocente, sotto il tavolo, la mia mano stava afferrando il cazzo di suo figlio, stringendolo forte. È servito come una piccola anteprima di ciò che volevo in seguito.

“Oh, mi dispiace tesoro! Non volevo spaventarti!

La mia mano sinistra aveva decisamente colto Chris di sorpresa, facendolo sobbalzare un po' sulla sedia, facendo cadere il bicchiere mezzo pieno d'acqua. Quasi tutto si è rovesciato sul tavolo, ma mentre si diffondeva, il liquido ha iniziato a gocciolare sul grembo di Chris.

"Oh, lascia che ti aiuti!"

Ho afferrato frettolosamente il mio tovagliolo di lino, raggiungendo direttamente l'inguine di Chris.

"Auggh" Chris gemette piano.

La sua reazione mi fece subito sorridere in faccia. E non ho cercato di nasconderlo.

“Va tutto bene tesoro! La mamma ce l'ha!

Mi sono presa il mio tempo, prendendo colpi lunghi e lunghi sul cazzo indurito di Chris, mettendo alla prova sia la sua pazienza che quella di mio marito. Ho fatto attenzione a non renderlo troppo ovvio, facendo ancora del mio meglio per assorbire e pulire le zone umide, mentre davo a mio figlio una sega di turno. Charles mi stava guardando piuttosto intensamente, ma sapevo che dal suo posto non poteva vedere la mia mano sul grembo di suo figlio.

“Io... io... ho capito! Ho capito, mamma! esclamò Chris, tenendomi il polso e spingendolo via.

Afferrò rapidamente il suo stesso tovagliolo e gli diede un ultimo paio di salviette, per lo più solo per spettacolo.

"Devi cambiare tesoro?"

“Eh?! Oh no. Penso di stare bene” rispose arrossendo un po'.

"Sei sicuro?" ho preso in giro; ben sapendo che con la furiosa erezione che aveva adesso, non c'era modo che si alzasse.

"Yeah Yeah. Sto... sto bene, solo acqua"

“Bene, sbrigati e finisci. Sono sicuro che tua sorella vorrà andarsene il prima possibile” la incoraggiai.

La bocca di Jessie era troppo piena per rispondere verbalmente, accontentandosi invece di annuire con veemenza con la testa.

Inaspettatamente, il resto della cena è passato in un lampo. In poco tempo, noi tre eravamo in macchina, diretti al centro commerciale.

"Allora, cosa regali al tuo amico tesoro?"

"È davvero una brava artista, quindi voglio comprarle un bel set di matite colorate", ha risposto Jessie.

"È davvero premuroso!" dissi in completa sorpresa.

"mhm" rispose piano.

"C'è qualcosa di cui hai bisogno per ottenere il miele?" dissi, rivolgendomi a Chris sul sedile del passeggero.

“Forse una felpa o una felpa con cappuccio. Il mio... uh... l'altro mio ha delle macchie che potrebbero essere difficili da togliere” sorrise.

Sorrisi a Chris, ricordando qualche giorno prima quando aveva versato un po' di senape e ketchup sulla sua felpa nera, incapace di sopportare il piacere del mio pompino. All'epoca si stava godendo lo spuntino pomeridiano e stava giocando a un videogioco con i suoi amici online quando mi sono intrufolato nella sua stanza per un po' di azione. Normalmente, volevo che Chris fosse un partecipante molto attivo, ma c'era qualcosa di intrinsecamente caldo e da troia nel succhiare mio figlio quando era troppo occupato per rispondere correttamente. E vederlo dimenarsi e incapace di concentrarsi sul suo gioco mi ha davvero fatto andare avanti. Ma sfortunatamente ebbe vita troppo breve; non un minuto dopo Chris ha abbandonato i suoi amici ed è stato fino alle palle nella mia figa bagnata!

"Bene. Possiamo andare a dare un'occhiata dopo aver preso il regalo di tua sorella. Suona bene?"

“Sì, mamma. Va bene così” sorrise.

Con mio marito a casa molto meno di prima, questo, solo noi tre, sembrava molto più una famiglia. Tutti noi eravamo molto più a nostro agio, capaci di ridere e prenderci in giro liberamente, sapendo che era solo per divertimento. Charles non ha mai avuto quel senso dell'umorismo. Era molto più secco e quasi noioso. Con quanto ci stavamo divertendo non passò molto tempo prima che avessi parcheggiato la macchina e noi tre stavamo passeggiando per il centro commerciale.

"È lì che la mamma si fa la pedicure" sussurrai, indicando il mio salone di bellezza mentre passavamo.

"Veramente?"

"Mhm"

"Ti sei fatto fare i capelli anche lì?"

"Uh-huh" sorrisi.

"Oh! Dovrei andare personalmente a ringraziarli allora! ha scherzato.

"Sì?!" ridacchiai.

"Certo! I tuoi capelli sono così sexy così! E sai quanto amo i tuoi piedi”

“Bene, allora la persona che vuoi davvero ringraziare è Linda. È l'estetista che mi ha aiutato di più. E ha avuto suggerimenti fantastici, molti dei quali ti sono piaciuti molto!

“Suggerimenti?! Vuoi dire che le hai detto...»

"Rilassati tesoro!" Risi, vedendo la sua faccia contorta. "Lei pensa che io stia facendo tutto questo per tuo padre"

"oh. Va bene” espirò, tirando un sospiro di sollievo.

"Ma forse dovrei dirle la verità la prossima volta!" suggerii scherzosamente.

"Come pensi che reagirebbe se durante la nostra prossima seduta accennassi casualmente al fatto che non è mio marito che sto seducendo, ma mio figlio?" lo stuzzicai ulteriormente.

"Mamma!" esclamò Chris, indicando il fatto che Jessie era solo pochi passi davanti a noi.

La osservai cautamente, per vedere se si sarebbe girata o no. Ma dato quanto fosse concentrata sulla sua agenda, ogni piccolo sussurro tra me e Chris veniva completamente ignorato.

"La mamma sta solo scherzando!" ridacchiai. «Inoltre, sembra piuttosto liberale. Chissà, forse lo troverà eccitante invece di giudicarmi!

Prima ancora che Chris potesse rispondere, Jessie ci sorprese entrambi correndo in avanti, informandoci che aveva trovato il suo negozio.

"Ok dolcezza! Non - Ah dimenticalo ”sospirai, vedendola correre nel negozio di arti e mestieri.

"Ero così energico alla sua età?" Chris ridacchiò.

"Voi?! No” ridacchiai. "Sei sempre stato così facile da crescere, molto più disposto ad ascoltarmi" risposi, seguendo Jessie nel negozio.

"Immagino che qualcosa non sia mai cambiato" gli sussurrai all'orecchio, allungando una mano davanti ai jeans per sentire il suo cazzo.

Mamma!" strillò, distogliendo il suo corpo da me.

"Sei pazzo! C'è gente dappertutto!

"Beh, tutti gli altri stanno prendendo un approccio pratico con le cose che vogliono, ho pensato che la mamma avrebbe fatto lo stesso" ho scherzato.

Feci un'altra mossa verso di lui, ma questa volta Chris era preparato, indietreggiando all'istante, lontano dalla sua portata.

"Ok ok! Smetterò di prenderti in giro... per ora. Diamo solo un'occhiata in giro mentre tua sorella è fuori a cercare il suo regalo"

Non ho dato a Chris molta scelta, afferrandogli il braccio e tirandolo come la sua ragazza del liceo, accompagnandolo lungo uno dei corridoi.

Il negozio poteva essere piccolo, ma era pieno di cose interessanti. Da alcuni degli strumenti artistici, a piccoli pacchetti di hobby o campioni d'arte, ha dato a me e Chris molto di cui chiacchierare e flirtare.

"Qualcosa ha attirato la tua attenzione?"

“Oh, stavo solo guardando questo kit di modellini di auto. Sembra piuttosto figo"

"Volevi prenderlo?"

“Ehm... forse. Potremmo costruirlo insieme. Vuoi mamma? egli suggerì.

"Un modello di macchina?" ridacchiai.

"Che cosa?"

"Niente. Sto solo immaginando quanto sembrerò fuori posto per aiutarti. Un po' come sembreresti aiutarmi in cucina?"

"Che cosa?! Psshhh- sono un maestro in cucina” si vantò sarcasticamente.

"Oh tesoro, potresti essere un sacco di cose, ma uno chef di certo non è una di queste!" ridacchiai.

“Allora insegnami”

"Veramente?!" esclamai.

"Sì. Ti insegnerò a costruire questo modellino di auto e tu mi insegni a cucinare. Che ne dici mamma?"

"Come un appuntamento?" chiesi con un enorme sorriso.

"Come un appuntamento" ridacchiò di rimando.

"Bene. Domani allora. E penso che possiamo iniziare con un po' di dolci, la mamma ha voglia di qualcosa di dolce"

“Quello che vuoi, mamma” rispose.

So che sembra così giovanile da dire, ma il mio cuore batteva assolutamente per l'eccitazione! Abbiamo trascorso praticamente ogni giorno insieme per alcuni mesi, ma sentire Chris suggerire un appuntamento così interessante è stato così romantico per me!

Abbiamo chiacchierato ancora un po' prima di trovare mia figlia in uno dei corridoi.

"Hai trovato quello per cui sei venuta tesoro?"

"Sì! Questo set di matite colorate. Sembra così professionale!” disse eccitata.

Ho afferrato il pacchetto e ho guardato oltre, concordando con mia figlia che questo era decisamente destinato agli adulti e non ai bambini.

“Ok tesoro, sembra buono. Pronto a partire allora? Dobbiamo ancora andare a cercare dei vestiti per tuo fratello"

"Ugghh" si accigliò, facendo una smorfia a Chris.

“Devo andare anch'io mamma? Posso restare qui finché non hai finito? Per favore!!"

"Hai intenzione di comportarti bene?"

"Sì! Promettere! Quindi posso?

"Hai il telefono?"

Jessie affondò immediatamente le mani in tasca, tirando fuori il cellulare per rispondere alla mia domanda.

“Va bene allora. Ma non lasciare il negozio. Potrebbe volerci un po' quindi se ti annoi chiama mamma e verremo a prenderti. Bene?"

"Sì!! Oh, anche... ehm... Posso avere un set anch'io?" chiese sfacciata.

Sapevo che ci sarebbe stata una fregatura. Perché c'è sempre un problema?

“Va bene” risposi. Ho pensato che se fosse stato in grado di tenerla occupata e tranquilla per almeno qualche ora, sarebbe stato abbastanza buono. Inoltre, non ero esattamente dell'umore giusto per litigare ora.

"Veramente?! Sì! E nessuna ripresa, mamma!

"Nessun ritiro" ridacchiai. “Adesso comportati bene. Se sento delle lamentele quando io e tuo fratello torniamo, puoi scordarti delle matite colorate. Affare?"

"Affare!" esclamò.

E con questo, Chris e io abbiamo lasciato il negozio in silenzio. Volevo solo vagare liberamente per il centro commerciale con lui, godendomi un'altra serata fuori con mio figlio/amante. Tuttavia, non mi sentivo a mio agio a lasciare Jessie da sola troppo a lungo, quindi ci siamo subito diretti al grande negozio di abbigliamento.

"Questo sembra a posto"

“Hai già scelto? Sicuramente non ci è voluto molto" ridacchiai.

“Eh” scrollò le spalle. “Mi piace il colore e sembra piuttosto caldo. Abbastanza buono per me.

"Non vuoi prenderti il ​​tuo tempo tesoro?"

"Voglio dire, per me è più o meno lo stesso" borbottò. "Perché, cosa c'è di così divertente mamma?"

"Niente" ho riso. “È solo che quando stavi scegliendo i vestiti della mamma prima, ti sei sicuramente preso il tuo tempo. Ricordo che hai esaminato almeno alcuni scaffali prima di dare un suggerimento "

"È completamente diverso!" ha difeso.

"Come mai?"

"Perché un bel vestito su di te, mamma, sembra fantastico!" ha risposto.

"Sì?" Ridacchiai, amando la sua attenzione.

“Mhm. Ricordo ancora di averti visto con quel vestito rosso. Cazzo, sembravi così sexy, mamma!

"Ricordi ancora?!"

"Come potrei dimenticare! Ricorderò quel giorno qualunque cosa accada"

"Come mai?" chiesi incoraggiante.

"Perché quello era il nostro primo appuntamento e... la prima... la prima volta che mi hai fatto un pompino" disse piano.

"Mmm... anche la mamma ricorda di più quella parte!" lo stuzzicai, afferrando di nuovo il suo cazzo.

Questa volta Chris non ha tentato di respingermi, anche con i pochi altri clienti in vista. Prendendolo come un segno positivo, lo tirai verso di me, baciandolo dolcemente sulle labbra.

"Avanti!"

"Cosa... dove stiamo andando?"

"Rivivere i ricordi del passato, ovviamente!" Sorrisi, trascinando la sua mano con me verso il camerino.

C'erano 6 stanze, tre per lato, con un'area di attesa abbastanza grande. E quando siamo arrivati, solo il primo box a destra era occupato, lasciando il resto vacante. Una parte di me voleva andare alla bancarella proprio accanto, solo così sarebbe stato più eccitante, ma sapevo che Chris non sarebbe mai stato d'accordo.

Quindi, anche se ha scosso abbondantemente la testa no, non mi importava davvero, afferrandogli la mano e spingendolo nell'ultimo box a sinistra, il più lontano da quello utilizzato.

"Mamma!" lui ha sussurrato. "C'è qualcuno dall'altra parte!"

"Così?" ridacchiai. “Non è una tua fantasia quella di fottere la bocca della mamma nell'armadio di un bidello con la gente fuori? Penso che questo ci vada molto vicino!

“Ora togliti quei jeans! La mamma ha fame di cazzo!

Chris mi ha combattuto per qualche secondo in più, ma come sempre, alla fine ho ottenuto quello che volevo. È stato facile farsi scendere i pantaloni e i boxer fino alle caviglie, e per un uomo che affermava di non volerlo; sicuramente aveva un sacco di pre-cum!

Non persi molto tempo, cadendo in ginocchio e serrando le labbra intorno alla testa, facendo roteare la lingua per assaggiare il suo sperma.

"Uuugghhh... santo..." Chris sospirò, il suo respiro diventava sempre più irregolare.

Cercò di tenere le mani accanto a sé, aggrappandosi al muro. Ma non appena mi sono mosso in avanti di un centimetro, ho sentito immediatamente i suoi palmi sulla parte posteriore della mia testa.

Sorrisi, aprendo le mie vie respiratorie per far scivolare più della sua asta dentro. Questo sarebbe stato un pompino molto diverso da quello che gli avevo fatto per la prima volta!

"Cazzo!" Chris gemette, la sua voce più di un sussurro.

Presi il suono come un complimento, allungando la mano per mettere la mia mano sulla sua, facendogli segno di iniziare a fottermi in faccia. Anche se sapeva cosa volevo, Chris era ancora riluttante a parlare troppo, non era disposto a rendere il mio pompino ancora migliore. Sfortunatamente per lui, finché il suo cazzo era nella mia bocca, avevo il controllo.

Quindi, se non avesse intenzione di aiutare, avrei dovuto farlo da solo; spingendo tutta la sua asta nella mia bocca, al punto che la mia lingua poteva raggiungere le sue palle. E poi, in un atto ancora più tortuoso, ho iniziato a stringere ritmicamente la mia gola sul suo membro, proprio come farebbe la mia figa.

"Oh Dio! AUuughh! Sto- Uuuggh! Fuuuck!» Chris gemette, la sua voce completamente attutita.

Lo guardai, rendendomi conto che si stava mordendo il colletto del maglione; cercando di fare tutto il possibile per impedirsi di urlare. È stata anche una buona cosa, perché allo stesso tempo ho sentito una giovane coppia che si faceva strada nell'area di prova.

“Ok, prima provo la camicetta e poi mi dici cosa ne pensi. Bene?" disse una voce femminile acuta.

“Certo” rispose il suo ragazzo.

Ho capito subito che erano entrambi giovani, molto probabilmente studenti delle superiori per un appuntamento venerdì sera.

E come previsto, la ragazza è entrata in uno dei box davanti a noi, lasciando solo il fidanzato nell'area di attesa.

Non mentirò, nonostante l'aspetto nervoso di Chris, ero così eccitato! Solo sapere che c'era qualcuno fuori, a meno di 10 piedi di distanza, mentre facevo un pompino a mio figlio era così caldo!

Immediatamente, il mio lato vizioso ed esibizionista ha preso il sopravvento. Invece di fare un deepthroat a Chris, mi sono trattenuto, usando sempre più lingua intorno alla sua asta, bevendo rumorosamente nella speranza di attirare l'attenzione del mio nuovo pubblico.

Chris mi ha guardato con occhi pietrificati, come per chiedere "sei pazza mamma ?!"

Eppure, nonostante la sua espressione, non fece alcun tentativo per fermarlo. In effetti, la sua mano era ancora dietro la mia testa, accarezzandomi i capelli mentre riceveva il suo pompino extra sciatto. Un bel miscuglio di sperma e saliva cominciava a schiumarmi in bocca, gocciolando sul mio mento e sul mio maglione di cachemire. I miei stessi occhi si stavano riempiendo di lacrime per quanto mi ero fottuto la gola sul cazzo di Chris, facendomi sembrare incredibilmente troia nello specchio a figura intera alla mia destra.

“Ma che…” sussurrò tra sé il ragazzo.

"Oh fu -" esclamò, interrompendosi.

"Infine! Ora potrebbe iniziare il vero divertimento!” Ho pensato.

Insieme alla sua consapevolezza, potevo sentire suonare una musica molto morbida, rendendomi conto che il motivo per cui doveva aver impiegato così tanto tempo per ascoltarci era perché aveva le cuffie. Deve averli rimossi ora, ascoltando invece nella nostra stalla.

E anche se la porta della stalla gli impediva di vedere cosa stava succedendo, non raggiungeva nemmeno completamente il suolo, lasciando un buon varco al di sotto che non era ostruito. Da esso, potevo guardare un po' fuori, vedendo l'ombra di dove si trovava. Non era schiacciato contro la nostra bancarella, ma non era nemmeno lontano, allontanandosi dalla bancarella della sua ragazza e avvicinandosi alla nostra.

“Mmm. Ti piace quel bambino? sussurrai in modo sensuale, sapendo che era abbastanza forte da essere sentito dal ragazzo fuori.

Deglutì, decisamente stordito dal mio dialogo.

Chris era altrettanto sorpreso, incapace di dire altro se non annuire.

Volendo metterlo più a suo agio in modo che potessi godermelo appieno, ho deciso di fare un piccolo gioco di ruolo.

"Bene!" ridacchiai. «E teniamolo segreto tra te e me. Non c'è bisogno di dirlo al resto della nostra classe di terza ora” dissi, strizzando l'occhio a Chris.

I suoi occhi si spalancarono. E allo stesso tempo, ho sentito distintamente il suo cazzo pulsare nella mia bocca, reagendo alle mie parole.

Ah, sapevo di poter contare sul vecchio cliché dello scenario "lo studente si scopa la sua bella insegnante". E se Chris stava reagendo in quel modo, non c'era dubbio che lo fosse anche il ragazzo là fuori.

"Perfetto" ho pensato.

"Ti piace la mia lingua da troia Milf attorno al tuo cazzo?" lo stuzzicai di nuovo.

"Mhm" Chris borbottò in modo udibile, il suo primo segno di partecipazione.

Proprio mentre volevo andare oltre, sono stato bruscamente interrotto.

"Allora, cosa ne pensate?" chiese la ragazza fuori.

“Eh? Oh... Uhm... hai un bell'aspetto- Bene - Fantastico! Tu... hai un bell'aspetto! balbettò.

"Veramente? Perché non credo corrisponda a...»

“Stai benissimo! Veramente! Forse... forse provare il vestito?

"Sì, ti piace?!" esclamò.

“Mhm. Basta provare il vestito. Io... voglio davvero dirlo” disse in fretta, cercando di spingerla di nuovo in uno stallo che si cambia.

"Bene!"

"Prenditi il ​​​​tuo tempo!" Egli ha detto.

Ho aspettato qualche secondo, assicurandomi che la sua porta si chiudesse di nuovo prima di continuare da dove avevo interrotto.

"Uggh, il tuo cazzo ha un sapore così buono" gemetti. "Ed è molto più grande di quello di mio marito!" aggiunsi, volendo sembrare allo stesso tempo troia per il nostro guardone e incoraggiante per Chris.

L'ho seguito riportando la mia bocca sul cazzo di Chris, andando molto più lentamente questa volta, sapendo che era una responsabilità per scoppiare da un momento all'altro. Leccai lentamente su e giù la sua asta, alternandola a schioccare la sua testa dentro e fuori dalla mia bocca, solo per creare quel suono sporco.

Per tutto il tempo che stavo dando piacere a Chris, ho iniziato lentamente a far scivolare i leggings lungo la vita e oltre il culo, ammucchiando la vita dalla parte inferiore delle cosce. Successivamente, ho asciugato una manciata della miscela di sputo e sperma dal cazzo di Chris e ho allungato la mano, usandola come lubrificante per immergere due dita nella mia figa.

Chris, ovviamente, ha visto tutto quello che stava succedendo. E come avevo sperato, si stava facendo sedurre al punto che il suo lato razionale aveva perso quasi ogni influenza. Era completamente sotto il mio controllo, disposto a seguire ogni mia pista.

“Mmm, cazzo! Non posso credere di aver aspettato fino ad ora per metterti le mani addosso! Soprattutto da quando ti ho tenuto d'occhio tutto l'anno! Ho sorriso, continuando ad invogliare Chris al gioco di ruolo. “Oh beh, possiamo sempre recuperare il tempo perduto”

«E anche presto. Domani va bene? La casa sarà vuota domattina, quindi possiamo essere solo noi due. Mi vuoi scopare? Non vedo l'ora di avere il tuo giovane e grosso cazzo nella mia figa gocciolante!

“Si... si... si. Domani sono libero” balbettò piano Chris.

Annuii in segno di approvazione, un enorme sorriso sulla mia faccia che stava giocando adesso.

"Perfetto" dissi, tra un forte sorso del cazzo di Chris. “Troverò una scusa e salterò la chiesa domani e verrò a prenderti. Possiamo fottere me e il letto di mio marito” dissi, fissando diabolicamente Chris.

“Mhm. Bene. Solo... mandami un messaggio quando” riuscì a balbettare Chris.

Ho adorato il fatto che ci stesse entrando, perdendosi completamente nel momento. Stava, proprio come me, lasciando che il suo appetito sessuale prendesse il sopravvento, dettando cosa fare.

"Certo. Inoltre, ti manderò un messaggio anche stasera" lo stuzzicai.

"Desideri?"

"Uh huh" risposi afosa. “Mio marito ha in programma una serata così noiosa. Quindi stasera parlerai con me, ok? I want to hear all the dirty things you want to do to me tomorrow” I smiled, giving his cock a good lick again.

I gently stuffed Chris’ entire length in my mouth, forcing myself to choke audibly on his cock, ensuring that the boyfriend outside could hear me deepthroating. I then spat loudly on the head, adding even more lubrication so that it would slide up and down my throat easier.

“UUugghh” I moaned sensually. “I’m going to enjoy playing with this cock! And just so you know, I’m very kinky. I especially love anal” I whispered seductively.

Just as the words left my mouth, I heard a loud thud outside; the sound of a dropped purse.

“Shit!” he exclaimed.

And to make matters even more comically bad for him, a single tube of cheap teenage lipstick rolled into our fitting room, striking me softly on my calf. Immediately, I saw the shadow outside inch forward a step, as if approaching our stall before abruptly stopping, and backing away again.

I looked up at Chris with a wide smile, both happy to see the effect I was having as well as how funny the situation was.

His face looked like a tomato, completely red; a combination of how equally embarrassed and turned on he was.

I waited to see if the boyfriend would do anything, but there was just silence. So accordingly, I turned my attention back on my son, giving his cock a few more tugs before stuffing it back into my mouth.

I started slurping loudly again, letting the boyfriend know why he wasn’t getting his girlfriend’s lipstick back anytime soon.

“Oh fuck!” Chris murmured.

“Are you close baby?”

“Mhm” Chris grunted.

“Good! I want you to shoot your hot jizz all over my face!” I commanded.

My lips were now just on the head of his cock, twirling in circles as my hand jerked off his shaft, doubling the sensation.

Chris lasted maybe another two seconds, unloading rope after rope of cum. The first shot went way over my head, with just the tail end landing on my hair and forehead. But the next two got me clean on the face, covering my cheeks. Knowing there was still more to come, I grabbed hold of his cock, directing the last few loads onto my lips and mouth, so I can get at least a sample of the taste.

When he finally finished, Chris barely had any energy left, forced to step to the side and take a seat on the bench. He sat mostly motionless, trying to catch his breath as he watched his slutty mom scrape the cum on her face and forehead into her waiting mouth.

I kept a bright and sexy smile the entire time, making sure he imprinted this scenario into his memory. I wanted him to never forget just how hot this was so that the next time I wanted it, there wouldn’t be a fight at all.

I stood up calmly to take a look in the mirror, making sure I was at least presentable when I exited. My hand instinctively went to grab a small glob of cum that had landed in my hair, but I stopped, realizing how dirty it would be to walk out with it still there!

“I’m gonna leave first okay, baby” I said to Chris. “just wait a few minutes before you do so as well. We wouldn’t want of your classmates seeing now, would we?!”

Chris had no idea what to do, just nodding his head “yes”.

I flashed him one last smile and picked up the cheap roll of lipstick on the ground, carefully opened the stall door just halfway so as not to show Chris’ face as I exited.

“I think you dropped this” I grinned wickedly, holding up the lipstick.

I stared right into the teenage boy’s eyes, showing no sign of surprise or shame; letting him know that I was fully aware of him eavesdropping in on me and had no issue with it at all.

His face, more or less, had the same expression as Chris; completely dumbfounded and speechless.

I actually had to wag the lipstick a few times to snap him awake from his daze.

He couldn’t hold his eye contact anymore, quickly looking away as he reached out to grab his girlfriend’s belonging.

It was barely two seconds later when her stall swung open and she walked out.

“Cute dress” I smiled innocently.

“Thanks!” she answered, completely oblivious to what just happened.

I continued forward, leaving the fitting area as I pulled my phone out, texting Chris to meet me by the register in 5 minutes.

“Had some trouble leaving?” I teased, when he arrived a few minutes late.

“I uh…I stayed a little longer just to make sure they were gone” he answered.

“Afraid it was someone from your school?” I giggled.

“mhm” he nodded, still looking around in paranoia.

“did you get a look at th-“

“uh-uh, too scared”

The way he responded only made me giggle louder.

“Mom” he sighed, smiling while also shaking his head in disbelief at me.

“Oh please, you loved it!” I smiled back wickedly, leaning towards him to give his cock another playful grab.

He backed away instantly, face still slightly mortified at what just happened.

I decided to drop the teasing and paid for his sweater and quickly left to go find Jessie. Surprisingly, she had kept up her end of the bargain and didn’t cause any trouble when we arrived back. I guess the threat of losing her colored pencils was enough to tame even her for half an hour. Again, we quickly paid for everything and left.

When we got back home, I was half expecting my husband’s car to be gone, but it wasn’t. The house lights were still on as well, indicating that he was most definitely still home.

Jessie barely got her shoes and winter jacket off before taking her present and scrambling upstairs, not willing to wait another minute. I took my time cleaning up after her (again) before taking off my own winter coat.

“Did you want to watch a movie honey?”

“yeah, sure. That sounds good” Chris answered.

“Great! I’m just gonna go wash up and change real quick!” I announced.

“Okay” Chris said.

There was no surprise at all to see my husband’s office door closed, light emitting out from underneath. But as I passed it, I noticed that it was ajar by a little, not completely shut. I pushed it open slightly more and peered inside, seeing that he wasn’t there. Not thinking much of it, I went to get changed in my bedroom, but my attention was immediately drawn to the position of my ipad. It was still in its same spot, but face down, screen on my bed; which was something I never did. At the same time, I could hear the sound of the shower water in my master bathroom, indicating Charles was inside.

The two observations collided together, as a mix between a smirk and gasp appeared across my mouth, realizing that my husband must’ve been checking up on me. Normally, I wouldn’t care, but because he had never touched my stuff before, I was fairly confident that the reason he did so now was definitely because of me flirting with Chris.

I flipped it over, seeing that he had done a good job wiping away any fingerprint smudges; the screen was completely clean, much too clean to be honest. Despite how much I loved order and cleanliness, even I didn’t wipe my screen after every use, giving me further proof that he had definitely tampered with it.

But as I unlocked my password and looked around my apps, emails, and pictures, I noticed nothing out of the ordinary. Charles was never exactly the most tech savvy person in the world, so him not being able to guess or break my password didn’t exactly come as a surprise. Besides, there really was nothing too incriminating between Chris and I in there anyways; all of the dirty and naughty photos Chris had of me were on his own phone. And it was something that he guarded with his life, so I knew it was safe.

Still, the fact that my husband was now snooping around was clearly evident. And I guess I shouldn’t be shocked; almost anyone in his situation would do at least that much (although Charles was probably the only man in the world cowardly enough to stand there unresponsive, watching as his wife French kissed his own son). Yet, I felt conflicted by this newfound knowledge. Part of me felt a little anxious and scared, as this was something I had foolishly overlooked when I began openly flirting with Chris. But the other part, the kinky side, immediately looked for how to exploit the situation.

I found myself almost wishing and hoping that Charles did see pictures of my mouth wrapped around his son’s cock, cum splattered across my face as I smiled brightly for the camera. My heart was beating faster just imagining the look of disgust and shock on his face. I desperately wanted to watch his reaction as he swiped his finger across the screen, witnessing the pictures get more and more vulgar; from a blowjob and facial, to Chris fucking my pussy, then to my asshole, and then finally to the selfie I took next to his passed out face with my hand held proudly up, wedding ring covered in his son’s cum.

But obviously that wasn’t something I could do. Despite how big of a pussy Charles is, even he wouldn’t just stand by if all that information came flooding to him at once.

Before my fantasy got too out of hands, I was interrupted by the changing sound of the shower. The water was still clearly flowing, but I could tell from the change in pitch that it was now directly hitting the fiberglass bathtub floor and not the body of someone showering.

I quickly turned my back towards the bathroom door, using my full length mirror by the side to look behind so as not to give anything away. And as I suspected, the door opened just a crack. I began slowly changing, all the while keeping an eye on it, until I clearly saw Charles’ figure looking at me through the slit!

I couldn’t believe that he was actually spying on his own wife!

My mind instantly went towards ways to punish him.

“If you really are that curious, then don’t regret it if you see something you didn’t want to!” I thought mischievously, still horny from the escapade at the mall.

I calmly walked over and turned the bright lights of the bedroom on, ensuring that he gets a good view of what was to come.

“Ugh! Of all the times to hog the shower!” I said loudly to myself, making my husband feel like he was getting away with spying on me.

Next, I very hastily put on a bathrobe.

“Oh…you too!” I sighed, acting as if my dresser lamp wasn’t working.

“Chris, honey! Could you come and help mommy for a second!” I yelled at my doorway.

I watched as he passed the hallway, taking a glancing look at the office door, fully believing that’s where his dad was.

“What’s up, mom?”

“Honey, I was just about to take a shower but when I went to put away my hairpin I noticed this lamp won’t turn on” I said.

“Oh” Chris answered, moving into place.

He tried the switch and very quickly went to tighten the bulb, seeing that didn’t work either. Next he walked over to the group of switches for the room, hitting the first one until the lamp lit brightly again.

“Ah there!” he smiled. ‘I guess you must’ve accidentally switched that outlet off”

“Oh how silly of me!” I exclaimed.

“Thanks honey!” I smiled, approaching him for a hug.

Very subtly, I positioned us so that Chris’ back was towards the bathroom door, with me facing it so that my husband could get a good view.

At the same time, I continued to act oblivious to Charles’ actions, as if I fully believed he was still in the shower and not peeping in on his wife. So accordingly, I pulled Chris in for a deep, passionate kiss.

Chris returned the affection immediately, thinking I turned on the running water and that his dad was still in the other room, making us very safe now. I smirked, knowing everything was falling into plan, that my husband fully believed he was “spying” on us.

And because of if, unlike when he was present, I didn’t break it off with Chris. I made out with him like we were alone, tongue sliding in and out of his mouth as I moaned loudly. And just to surprise and piss Charles off more, I aggressively grabbed his son’s wrist, turning and pushing his back against the wall.

I grinned at Chris, pulling his head down towards my neck.

“Mmm that feels good honey!” I moaned, throwing my head back in ecstasy as Chris licked and sucked on my neck.

I let him continue for a few seconds more before tilting his head up, returning my lips on his again. The entire act lasted close to a minute, and was blatantly more lewd than anything Charles had witnessed before. But that was the whole point; to make him believe that this was how I acted when he wasn’t present.

I debated going further, and as much as my sex drive edged me on, I resisted. It would be so much better to slowly drag this out in the future!

“Ok honey, why don’t you go wait for mommy downstairs. I’ll be there in a minute!” I smiled.

“sure, mom” he smiled, leaving the room.

After he left, I went over to the mirror, taking my time as I pretended to fix my hair; acting as if I was trying to hide any evidence that I just made out with my son.

“Are you done in there?! I need to use the shower!” I yelled.

My question was immediately met with the sound of Charles scrambling from his position, probably slipping and sliding all over the floor. It took a few seconds, but he eventually answered.

“Uh….almost!”

Another minute passed until he came out, face embarrassingly red, full of both shock and fear. I could see how truly surprised he was seeing me act this aggressive, nearly forcing myself onto his son.

I waited patiently for his response, intrigued to see if he would say anything.

He didn’t say a word though, just continually looking at me with the same expression. And when the awkward silence got dragged out too long, he chickened out yet again.

“It…it’s all yours” he blurted.

I instantly grinned, knowing that he wouldn’t have the balls to confront me. But more than that, it meant he wouldn’t do so in the future too. I now had the freedom to make out with Chris more and more in front of him, until eventually, what he just saw became the norm.

My shower was very quick as I was desperate to get back to Chris, ready for another night together. I had planned on just changing into a normal t-shirt and sweats, but not after that rush of excitement. A very sexy nightie was my next thought, but figured it was too over the top. I didn’t exactly want Charles to know that me and Chris’ relationship had already developed to that point. Not yet at least. It had been so much fun upping the ante slowly that there was no reason to stop now. So instead, I went for a pair of my pink summer shorts. It hugged my ass beautifully, and showed off a ton of my upper thigh. As for my top, I decided to go for a light grey tanktop; And of course, a matching set of black, silk panties and bra. I wanted to give Chris as easy access as he wanted while we watched the movie.

As I walked out into upstairs hallway, I poked my head into Charles’ room, mostly just so he would get a good look at what outfit I had on.

“How many times have I told you to dry yourself before you get out of the shower; you left wet footprints everywhere” I scolded.

But instead of looking up at my face, Charles’ gaze was mostly on my attire. His eyes widened as he scanned me and down, seeing how I dressed more like a teenage girl in the heat of summer instead of a mother of two in the middle of winter.

“Well, did you hear me?” I asked firmly again.

“yeah” he nodded.

“You’re wearing that? Aren’t you cold?” chiese.

“No” I smiled. “I’m watching a movie with Chris downstairs. I know you’re working, so if it gets a little loud…I apologize” I smirked.

And just to make sure he got a full view of just how “unmotherly” my outfit was, I walked over to his desk and reached forward to pick up the two empty bottles of beer. He was sitting just in line with my cleavage as I leaned over, getting a good view of just how revealing my tank top was. And as I turned around to leave the room, I made sure to accidentally drop one of the bottles.

“Oops!” I giggled, bending down slowly to pick it up.

I knew the shorts were just long enough to cover my ass in a normal position, but here, bent over, my husband was definitely seeing how the bottom of my ass cheeks were easily visible. I wanted him to know exactly what I was wearing as I enjoyed my night with his son.
As I shut his door behind me, I couldn’t help but smirk to myself.

“Did you pick one out honey?” I asked, entering the living room.

“Uh, not really. There’s nothing I want to see that badly” Chris answered with a shrug upon seeing me.

“Then how about a rom-com?”

“Okay”

“Really?!” I asked surprisingly, expecting him to put up a fight.

“Yeah, I think it’ll be fun with you mom. Besides, you always let me pick” he smiled.

“Okay then! Let’s see what we can order from the TV!” I exclaimed,

Chris and I got into usual position on the sofa. He sat by the right armrest, while I cuddled next to him In the middle seat with my legs up on the couch and spread out behind me. Because I was glued so tightly to Chris, I was actually sitting mostly on my hip, leaving most of my ass open to play with.

With no one around, it took very little time before he went for a handful.

“I think this one’s fine” I said, picking one out.

It took a few seconds for Chris to respond, still busy exploring with his hands in the meantime.

“What are we watching?”

“Does it matter, honey? I don’t think either one of us will be paying much attention!” I giggled, leaning in to kiss him.

As I did so, I scooched forward, freeing up space to slide my shorts down my thighs, exposing my ass. Chris responded by grabbing a palm full, his fingers tickling the opening of my pussy.

“What a naughty boy! Teasing your mommy like that!”

“I wasn’t the one whole slid your shorts down!” he bantered back between kisses.

“And not the one who suggested watching a movie in the living room dressed like that!”

“Shy all of a sudden? Even if your dad does come down, he’s seen us kissing before” I said coyly.

“Yeah, but this time my hand’s half-way down your shorts! You still don’t care?” he teased.

“Of course not. I wouldn’t care if your dad walked in on us fucking” I said seductively.

He looked a bit surprised, but a slight grin was present too.

“Would you like that, honey? Would you like seeing your dad standing helplessly by the side as you thrust your cock deep in mommy’s pussy?!” I teased.

“Not particularly. But, I have a feeling you would mom” he chuckled.

“So wanna try?” I smirked, only half joking.

I don’t deny that a huge part of me wanted to rip my shorts off, push my son firmly back on the couch and ride him reverse cowgirl, screaming at the top of my lungs. In fact, it wasn’t the fact that my husband was home that stopped me, it was the fact that my daughter was. If it was just Charles, I’m not sure I wouldn’t have already acted on the impulse.

“I think we should just stick with making out” he chuckled.

“that’s okay with mommy…for now” I smirked, thinking it would buy me time; I was still hoping my husband would come down to get a drink or food and see the two of us on the couch.

We spent the next half hour alternating between watching the movie and making out, just like any other high school couple would. But as time continued to pass without so much as a peep from upstairs, our kissing got more and more intense. I, of course had no complaints, more than happy to just enjoy the night with my son.

Soon enough, instead of just snuggling against Chris, I was straddled on his lap, my knees by his sides. I continued to encourage his hands to explore my ass.

“Finger mommy’s asshole” I whispered.

Chris obeyed promptly, wiping his fingers on my pussy for lubrication before I felt his index and middle finger circling my sphincter. After teasing it a little, Chris pushed in both fingers to the first knuckle, loosening up my anal cavity.

“Mom, maybe we should go up to my room” he squeaked out.

“uh-uh honey” I answered, kissing his neck lightly. “Mommy can’t wait that long”

“But –“

“Shhh!” I said, brushing my index finger on his lips. “No more talking. I need you to fingerfuck mommy’s asshole!”

I encouraged him with my kissing, along with grinding against his cock, forcing him to abandon any rational thought. Slowly, I felt my efforts come to fruition, feeling Chris’ fingers sliding in and out of my ass.

I could tell he was getting really turned on too, pushing his cock up against my pussy. I knew it wouldn’t be long until he’d want more, I’d just have to be patient.

“Mom can we please go to my room” he mumbled. “I really want to fuck you”

“I’m not stopping you honey!” I smiled.

Chris sighed, understanding that it was useless to argue with me about this.

“What do we do if dad starts coming down?”

“That’s up to you big boy” I teased, snaking my hand to his zipper. “You can cover us quickly with that blanket, or –“ I said, leaning in to whisper “you can keep pounding that thick hard cock in mommy like he’s not even there”

“Auuugh!” he moaned, feeling my fingers wrapping around his cock.

“Don’t worry, honey. Mommy will make sure it looks like I’m in charge!” I giggled, pumping his shaft slowly.

I lifted my body slightly up, leaving just enough space so I could slide my pink shorts completely off, dropping it softly onto the carpeted floor, leaving my bottom in nothing but a pair of tiny silk panties with my son in the living room.

As I sat back down on his lap, I slid the underwear to the side and moved myself higher up than last time, teasing his cockhead against the opening of my pussy.

“Do you want it honey? Tell mommy how badly you want to be inside her pussy?!” I said seductively.

“Uuuggh, fuck” he exasperated.

I watched as his eyes scanned the kitchen and hallway leading from the stairs, getting ready to abandon any type of safety.

“Well, hon – Ohhh!” I moaned, with a wicked grin. “That’s my boy!” I exclaimed, feeling his entire cock slide deep in my drenched womanhood.

He nodded his head, trying to focus his attention on his breathing and controlling how fast he finished.

Gently, I rode him cowgirl, with Chris helping by holding onto my hips, guiding me up and down his cock.

“Go back to fingering mommy’s asshole too!” I encouraged, moving his right hand to my mouth. I licked and sucked his index and middle finger like if it were his cock, coating it liberally in my spit.

“Mmm, fuck!” I moaned, loving the feeling of Chris satisfying both my holes as he plunged the two fingers back in my ass.

The intensity of the feeling was getting me going more, causing me to bounce much faster on Chris’ cock, trying to increase the sensation.

“Oohhh! Mom! Slow down! Slow down a bit!” he pleaded.

“Why honey?! Are you about to fill mommy’s pussy up?!” I teased, stopping so I could grind fully on his cock, rotating in circles.

I kept my eyes on his face the entire time, gauging how close he was. Whenever his expression became too close to climax, I slowed down a bit, letting it subside.

Only when I felt it was safe again, did I start riding, this time much rougher though; my thighs loudly slapping against his legs every time I came down on his cock. It started at the same volume as the movie, but in less than half a minute, had easily overtaken it.

I knew that it was probably audible upstairs, but my mind was too encompassed by the euphoric feeling coursing through my body to do anything to stop it. Chris was at the same state, completely lost in lust. He had roughly pulled aside my tank top, ripping my right shoulder strap, to get to my tits.

“Let mommy help, honey!” I exclaimed, quickly ripping the fabric over my head and loosening the back of my bra.

I teasingly balled it together, stuffing it against Chris’ nose and forcing him to inhale.

“Ohh! I wish those were your socks!” he panted, still taking a huge whiff.

“Awww! I’m sorry honey! Next time!” I smiled, removing the bra and stuffing his face into my breasts.

While Chris was pretty much completely dressed, I was on top of him, in literally nothing but my skimpy black panties. And even that wasn’t actually covering anything, pulled aside to my right thigh to grant access to my son’s cock.

Oh, how I wish my husband would walk down now!

I honestly had no idea how I would react, whether I would even attempt to cover myself or not.

The fantasy quickly became too much as I felt my orgasm building.

“Uuugh! Fuck mommy faster!” I commanded.

Chris grunted an answer of yes, and held my body tightly against his, allowing him to fully control how hard he entered me. I, on the other hand, covered my mouth with both palms, trying to stifle the volume of moans.

“Yes! Sì! Ye-Auuuggghh! Fuuuuuuck!!!” I yelled, the last bit escaping my muffled mouth.

Chris came a few seconds later, deep inside me.

I remained motionless on his lap, partly because I was still recovering from my climax and partly because my twisted mind was still hoping to see Charles walk into the room. But like always, my reasonable son was the one to pull me awake.

“Mom. Mom” he chuckled. “Maybe you should get dressed”

“I’m not sure it would help!” I giggled, showing him what he had done to my tank top strap.

“Oh, I’m sorry mom! I didn’t even realize!”

“That’s okay honey. Mommy has plenty more” I smiled, kissing his forehead and slowly sliding myself off him.

It was only then that I realized that even my shorts hadn’t escaped our fucking; with a very apparent circular stain on the front, from either Chris’ cum or my own juices. Still, I put it back on, walked over to grab the blanket on the other couch and covered us both in it.

“Ooh! Looks like we missed a good movie!” I teased, seeing a cute 20 something year old blond on stream taking off her skirt.

Chris chuckled.

“Or is she too young for you? Maybe if she was a decade older?” I teased.

“Definitely” Chris jokingly nodded. “And it’d help if she wasn’t as tanned, a little thinner and curly shoulder length black hair of course!” he added, describing my physical features.

I responded with a deep, loving kiss; my tongue flicking gently across his lips as my hand massaged his chest.

“I hope you’re not just saying that to get out of helping me in the kitchen tomorrow!” I giggled. “A date’s a date!”

“Of course not!” he responded. “It’ll be fun! Besides, you have to keep up your end of the deal too!”

“Really, honey?” I said, pouting. “How about instead of mommy helping you build a model car, we just fuck in the backseat of our real car!” I suggested teasingly.

“Oooh! That’s…not fair” he mumbled.

His facial expression made me burst out laughing. I loved his sense of humor so much!

“Ok fine! I’ll hold up the end of my deal too” I said, faking a groan.

“Awesome! So we’re on for tomorrow?”

“Yeah!” I smiled back, snuggling back into his chest as we began to actually the watch the movie.


Author’s Note:

I wanted to take this opportunity and answer some of the question from the comments sections.

-I will be continuing the Lily series. The next chapter (5), will be coming out when the next chapter of this series does as well. Both series will wrap in chapter 6 before rejoining in a cross-over series when Lily rejoins Jenny and Chris. I haven’t decided on the length yet. Let me know of things you want to see or ideas you have.

-The foot fetish scenes always seemed to be very hit or miss with the readers. It is no

Storie simili

The Switch (modificato e ripubblicato)

INTRODUZIONE: Mi scuso per tutti gli errori. In realtà non avevo intenzione di pubblicarlo quando l'ho fatto. Stavo ancora modificando quando l'ho postato per sbaglio. Ho avuto alcune difficoltà con il computer. Ringrazio quasi tutti per i loro commenti (l'eccezione sono le persone che usano le storie per pubblicare commenti in cerca di ragazze? Davvero! Funziona anche così??) Ho quasi finito con il capitolo 2 (che ha dei bei colpi di scena che spero tu mi piacerà) ma mi sono fermato a ripulire un po' il capitolo 1 e a ripubblicarlo. Spero che questo sia più facile da leggere. Grazie ancora...

101 I più visti

Likes 0

Wendy e Miss West iii

Il terzo di tre Wendy è stata condotta con gli occhi bendati dalla signorina West verso una porta sul retro dell'ufficio. La signorina West inserì una chiave e aprì la pesante porta di quercia di quello che dall'esterno sembrerebbe essere un magazzino vicino all'ufficio principale. Entrando, se Wendy avesse potuto vedere, avrebbe visto una piccola stanza, circa 6 piedi quadrati, dipinta di nero con anelli di metallo fissati a varie altezze lungo le pareti e in vari punti al soffitto. La stanza era illuminata con faretti orientati in tutte le direzioni. Wendy era in piedi al centro della stanza molto illuminata...

1.1K I più visti

Likes 2

Vacanza tropicale_(1)

Vacanza tropicale È stata una notte tranquilla al resort, essendo fuori stagione ea metà settimana. Ma è per questo che eravamo lì: abbiamo risparmiato un sacco di soldi in questo modo. Dopo cena abbiamo deciso di prendere un paio di drink tropicali e dirigerci verso la vasca idromassaggio sul lato nudo del resort. Quando siamo arrivati ​​c'era già un'altra coppia lì, il che mi ha un po' deluso: speravo di fare sesso con mia moglie sotto le stelle. Ma li abbiamo riconosciuti come Tom e Nancy, che si erano conosciuti il ​​giorno prima alla piscina per nudisti, quindi ci siamo salutati...

1.6K I più visti

Likes 2

Naked Day - parte 7

Allora, Sandy vuole un po' di cazzo. Ci sono stato, l'ho fatto, dissi con un sorriso. Sandy mi ha puntato il dito medio e ha riso. Beh, ho bisogno di una pausa, ho annunciato. Ho preso un asciugamano per Cindy per pulire il viso dal suo doppio viso, poi ho portato una sedia in fondo al letto. Penso che mi siederò qui e dirigerò. Dannazione, tutti e tre i fratelli Monroe nudi sul mio letto. Cominciamo. Johnny alzati sulla tua schiena e lascia che le tue sorelle lavorino per farti diventare duro di nuovo. Sandy, guarda quanto di questo puoi scendere...

1.1K I più visti

Likes 1

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

1.5K I più visti

Likes 0

LA VENDETTA È DOLCE???

Ehi, Peg, vieni qui e aiutami per un minuto, per favore, gridò suo marito John dall'interno del garage!?! Peg Burton si alzò dalle ginocchia mentre stava piantando alcune giovani piante di pomodoro nel suo giardino , e dopo essersi alzata e aver lasciato cadere i guanti a terra, ha camminato per una decina di piedi fino al garage in cerca di suo marito!!! John, chiese piano, dove sei, perché le luci sono spente, vieni avanti adesso, smettila di scherzare!!! Si voltò con cautela, guardando in ogni angolo e fessura del grande edificio a due stalli, ma proprio quando stava per sgattaiolare...

1.5K I più visti

Likes 1

Impegnando Alpha Kappa Betta Sorority

Finalmente ho finito di trasferirmi nella mia stanza del dormitorio! Sono così entusiasta di ricominciare finalmente da capo e di lasciarmi alle spalle il liceo e tutte le persone che mi hanno maltrattato. Il mio migliore amico Casey è uno dei miei coinquilini, siamo stati accoppiati con altre due persone a caso. Spero che non siano cretini. Comunque, io e Casey siamo migliori amici da quando ho memoria. Ha già finito di fare le valigie e stiamo per andare a esplorare l'università una volta uscito dalla doccia. Sono così eccitato, non vedo l'ora! Lo sento finalmente finire in bagno e ne...

1.4K I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

256 I più visti

Likes 0

Un'avventura inaspettata con Robin e Olivia - Capitolo 6

Capitolo sei: La luce rossa La colazione era proprio quello di cui avevo bisogno. Toast, pancetta e uova. Tutto fatto con i giusti condimenti. La pancetta croccante e con un pizzico di zucchero di canna è deliziosa. È facile da rivestire e mettere in forno per un gusto ricco. Il toast è stato realizzato utilizzando un pane francese tagliato di sbieco. È stato tostato leggermente su entrambi i lati e poi il burro è stato spalmato su un lato e sciolto. Le uova devono essere cotte lentamente e soffici. E con un pizzico di formaggio aggiunge un bel sapore. Certo, potrei...

1.4K I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.