Going Nova cap. 8: Il concerto di modellismo

995Report
Going Nova cap. 8: Il concerto di modellismo

Le ragazze hanno attraversato i corridoi del centro commerciale e hanno trovato il chiosco Libertine chiuso. Un cartello diceva "Chiuso per sfilata di moda da Scarlet".

Elsie scrollò le spalle. "Immagino che abbiano già iniziato."

Si diressero verso la boutique e man mano che si avvicinavano, il trambusto circostante crebbe rapidamente. C'erano persone apparentemente ovunque. La maggior parte di loro sembrava essere fan o comunque ospiti dell'evento, ma mentre si avvicinavano all'ingresso c'era una raffica di attività da parte dei lavoratori che esercitavano il loro mestiere. I costruttori di set giravano chiavi inglesi sulle impalcature e le luci si accendevano e si spegnevano mentre uomini e donne andavano in giro esaminando ogni lampadina. Un DJ ha testato la sua playlist a singhiozzo, interrompendo di tanto in tanto una mini sessione di scratch, solo per compiacere i fan accaniti che circondavano il suo stand.

Brie guardò a bocca aperta le donne allampanate che si pavoneggiavano in abiti freschi. Anche il loro trucco sembrava perfetto. Non era sicura se si trattasse di modelle dello spettacolo o gente del posto che approfittava dell'evento come un'opportunità per sfoggiare un look della propria collezione.

Si rivolse a Elsie: "Dove dovremmo andare?"

Elsie girò la testa. "Hmm. Oh guarda. È quella strana donna di Heather. Heather, la donna che avevano incontrato al chiosco Libertine il giorno prima, era in piedi sulla passerella, dando bruscamente ordini a vari lavoratori.

Le ragazze si sono fatte strada tra la folla per raggiungere il palco. Chiamarono la donna dalla pelle di alabastro. Si voltò e annuì: “Ah, mi ricordo di te. Siete le ragazze amatoriali di Michael.

“Cosa dovremmo fare adesso? Dove dovremmo andare?" chiese Elsie. "Ci sentiamo come se fossimo letteralmente d'intralcio a tutti qui."

“In effetti, sei sulla mia strada in questo momento. Vai a cercare Michael. È nello spogliatoio". La donna più anziana indicò la strada.

Le ragazze andarono avanti ed Elsie guardò accigliata Brie: "Che donna orribile". Brie ridacchiò.

Mentre avanzavano nel trambusto verso i camerini, sentirono chiamare nomi familiari, anche se non erano i loro. “Zoey! Briley!»

Elsie ricordava a malapena gli alter ego che avevano scelto l'ultima volta che erano stati al centro commerciale, ma era sufficiente per attirare l'attenzione di Brie. Afferrò il braccio di Elsie, "Aspetta, qualcuno sta chiamando i nostri nomi." Si voltò verso il punto da cui proveniva il suono e vide Oliver e Hunter. "Sono i due ragazzi della mensa."

Elsie si voltò e sorrise brillantemente: "Ehi, sei venuto!"

"Beh, sì," intervenne Oliver. "Ci hai invitato."

Hunter fissò Brie attraverso la massa di capelli. Poteva percepire una goffa inesperienza in lui. Disse: “Non posso credere che voi due siate delle modelle… uh, beh, voglio dire, posso crederci, perché siete così carine. È solo, ehm, bello. Brie ridacchiò e si sistemò alcuni capelli dietro l'orecchio, esitando all'attenzione.

Elsie abbracciò la sua amica e si sporse verso i ragazzi. "Va bene, guarda, siamo così contenti che tu ti sia presentato a questo, ma ricorda che siamo professionisti e dobbiamo prepararci per salire sul palco."

"Destra!" Oliver annuì freddamente, "Ti abbiamo appena visto e volevamo salutarti."

Elsie sorrise maliziosa. "Vuoi che veda se riesco a portarti dietro le quinte?"

"Suona fantastico," rispose Oliver.

"Sì, fantastico", ha aggiunto Hunter.

"Va bene, vedremo cosa possiamo fare."

Le ragazze si separarono dai ragazzi e si diressero verso i camerini. Spinsero una porta e furono accolti da un grosso buttafuori dall'altra parte.

«Solo personale e talento», disse l'uomo in tono piatto.

"Siamo dipendenti", ha detto Elsie.

"Nomi?"

«Zoey e Briley.» Brie intervenne.

Il buttafuori ha scansionato la lista, “Va bene, sei sulla lista. E tu non sei uno staff, sei talento.

"È quello che ho detto", commentò Elsie a Brie.

"Ho bisogno di un documento d'identità."

Le ragazze si scambiarono uno sguardo in preda al panico. Elsie accarezzò le tasche troppo piccole dei suoi pantaloncini e Brie imitò la sua amica, anche se non c'erano tasche sulla sua gonna. Elsie guardò l'uomo alto e disse docilmente: "Uh, non abbiamo documenti d'identità?"

"Scusa, non posso farti entrare senza un documento."

In quel momento, Michael girò l'angolo e vide le due ragazze. Intervenne: "Fantastico, sei qui!"

"Conosci queste ragazze?" chiese il buttafuori.

Agitò selvaggiamente le mani: “Sì, sì, lasciali passare. Sono talento.

Elsie ha tentato di spingersi oltre, ma è stata accolta dalla mano carnosa del buttafuori sulla sua spalla. "Aspettate, voi ragazze avete almeno 18 anni?"

Di nuovo le ragazze si guardarono l'un l'altra, poi annuirono furtive.

“Avrei potuto ingannarmi. Tutte queste modelle bianche senza tette. Sto diventando così vecchio che non riesco nemmeno a dirlo. Mi sembrate tutti bambini.

Brie ha quasi parlato della sua piccola irritazione per essere stata chiamata ragazzina, ma Elsie ha prevenuto lo sforzo con un colpo di gomito a lato.

"Ma dato che è così", ha continuato l'uomo, "non avrai bisogno di un genitore o di un tutore per firmare queste liberatorie". Ha consegnato a ciascuno di loro un blocco appunti con un modulo di consenso per utilizzare la loro somiglianza nei materiali di marketing per i marchi Libertine e Scarlet.

Elsie diede una rapida occhiata al contratto e scarabocchiò la sua firma in fondo. Poi ha ballato con impazienza mentre Brie leggeva attentamente l'intero documento. Corrugò la fronte, poi guardò Elsie. “Dobbiamo stare attenti. Dice che possono addebitarci il prezzo intero dei vestiti se li danneggiamo.

"Beh, non faremo wrestling nel fango con loro", ha risposto Elsie, prima di guardare Michael. "Destra?"

Michael ridacchiò: “Certo che no. Indosserai i tuoi vestiti per la dimostrazione del trucco e potremmo farti sfilare sulla passerella una o due volte.

Brie masticò il cappuccio della penna mentre finiva di leggere, poi firmò.

Michael batté le mani: “Okay, fantastico. Li porterò all'ufficio legale. Puoi essere pronto per partire tra trenta minuti?"

"Sì, voglio dire, immagino che ora siamo pronti", ha risposto Elsie.

“Fantastico,” disse Michael con entusiasmo, poi alzò gli occhi al cielo, “sei migliore di alcuni dei professionisti che abbiamo stasera. Non perdere mai quella spinta. Voi due potete aspettare nella vostra stanza assegnata. Cerca i tuoi nomi sulla porta e qualcuno verrà a prenderti quando saremo pronti a partire.

Le ragazze vagavano per il backstage, ma riuscivano a malapena a concentrarsi sulla missione assegnata. Le loro teste giravano all'impazzata per la meraviglia mentre cercavano di ammirare tutto ciò che li circondava. Le modelle poco vestite passavano con nonchalance, senza nemmeno registrare la presenza delle ragazze. Alcuni sono stati seguiti da operatori con bottiglie d'acqua, asciugamani e spazzole. I coordinatori custodivano scaffali di vestiti, ordinandoli compulsivamente e riordinandoli secondo i loro capricci. I sarti masticavano spilli e tagliavano insieme pieghe di tessuto per modifiche dell'ultimo minuto. I truccatori sedevano in cabine luminose, mobili e luminose, organizzando le loro custodie per un facile accesso agli ultimi prodotti che necessitavano di spinta.

"Questo è incredibile", rifletté Brie. "Non posso credere che siamo davvero tornati qui."

Da lontano sentì Elsie gridare: "Ecco la nostra stanza!"

Entrarono e si chiusero la porta alle spalle, attutendo il rombo dell'attività.

"Che corsa!" esclamò Elsa.

"Hai visto quei modelli?" si chiese Brie.

“Uh huh, erano così belli. Così professionale. Entrambe le ragazze espirarono, apparentemente per la prima volta da quando erano arrivate nel backstage. Alcuni di loro volevano precipitarsi di nuovo nella mischia e assorbire tutto ciò che potevano, ma un altro sentimento più ansioso li prese e decisero di restare dove sapevano che non sarebbero stati d'intralcio o, peggio ancora, chiamato per essere gli impostori che credevano di essere.

Elsie si girò e si mise in posa davanti al grande specchio da trucco ben illuminato, che si affacciava su due lavandini circondati da prodotti per la pulizia. Nel frattempo Brie frugava per la stanza, agitandosi nervosamente. Ha scoperto un armadio con le tende vicino alla porta. Dentro c'erano due camici marrone chiaro dall'aspetto semplice e alcuni attaccapanni spogli. Si chiese pigramente se avrebbe dovuto prendere un po' della sua medicina ora, o aspettare fino a dopo che fossero saliti sul palco. Istintivamente, frugò nella borsetta e toccò il flacone della medicina che sua madre le aveva riempito. Invece di prenderlo, però, ha scelto un tubetto di lucidalabbra. Si voltò verso il suo riflesso e svitò il tappo, chiedendosi ad alta voce: "Pensi che riusciremo a vedere Ivy dal palco?"

"Ne dubito", rispose Elsie mentre i due si agghindavano allo specchio. "Le luci sono sempre troppo intense per vedere qualsiasi cosa quando sei sul palco." Si voltò verso la sua amica, gli occhi spalancati per l'eccitazione e la malizia. "Domanda più importante: come facciamo a riportare qui i ragazzi?"

Brie ridacchiò nervosamente, ma non ebbe una risposta. Strinse le labbra e si arricciò davanti allo specchio ed Elsie le tolse di dosso il lucidalabbra con un sorriso. "Ecco, guarda questo." Anche lei si passò la bacchetta sulle labbra e poi si sporse verso il suo riflesso, arricciando le labbra e piantando un bacio proprio sul vetro. Si staccò, lasciando dietro di sé una macchia lucida a forma di labbro.

Brie era solleticato. Poi Elsie si chinò verso di lei con una risatina, minacciando di abbracciarla e lasciare un segno di bacio anche su di lei. Brie strillò e allontanò la sua amica. I due risero forte.

Proprio mentre si staccavano dal loro abbraccio, la porta si spalancò e il trambusto dell'evento arrivò ruggendo nel loro camerino. Una donna corpulenta con una camicia elegante bianca e pantaloni neri entrò con un portablocco. "Zoey e, uh, Briley, immagino?"

"Siamo noi", disse Elsie con un sorrisetto.

«Lo spettacolo inizia tra cinque minuti. Siete tutti primi, quindi siate pronti.

Brie ha detto: "Siamo pronti".

La donna li guardò corrugando la fronte, poi sbirciò nell'armadio. "State facendo la dimostrazione del trucco, vero?"

"Credo di si?" Brie rispose, chiaramente insicura di se stessa.

La donna ha controllato gli appunti. "Sì, ti stai truccando, quindi voi due dovete spogliarvi e indossare questi camici", disse, indicando gli indumenti simili a sacchi nell'armadio. Guardò di nuovo le ragazze e disse: “E assicurati di lavarti la faccia. Non puoi truccarti quando esci. Non devi lavarti i capelli, però, fa parte della demo. Entrambe le ragazze annuirono. "Qualsiasi domanda?"

Elsie alzò istintivamente la mano, come se fosse in classe. "Ehm, sì, ci era stato promesso che i nostri fidanzati sarebbero stati con noi dietro le quinte..." La sua bugia si spense e il cuore di Brie perse un battito.

"Va bene, scrivi i loro nomi su questo foglio e li contatteremo."

Detto questo, la donna se ne andò e le due ragazze poterono solo sorridere e ridacchiare l'una con l'altra, avendo portato con successo le loro nuove infatuazioni dietro le quinte.

Mentre si strofinavano la faccia con i prodotti che erano stati messi nella stanza, hanno sentito il DJ chiamare Hunter e Oliver dall'altoparlante. Le orecchie di Elsie si rizzarono. “Oop, dobbiamo cambiarci prima che arrivino qui. Non c'è uno spogliatoio".

"Questo è il camerino, idiota", lo schernì Brie.

Elsie si alzò e, invece di tirarsi la camicia sopra la testa, slacciò i lacci delle spalline del suo top corto e lo tirò giù finché non le si raccolse intorno alla vita. Poi si sbottonò i pantaloncini e, con un movimento dei fianchi, fece scivolare via dal corpo tutto tranne le scarpe da ginnastica tutto in una volta. Mentre usciva nuda dalla pozza di tessuto, alzò lo sguardo e vide Brie che la fissava con gli occhi spalancati. Elsie arrossì in modo insolito all'attenzione della sua amica. "Che cosa?"

Brie ridacchiò piano: “Niente. È stato semplicemente... piuttosto impressionante. E dopo una pausa, "Inoltre, non posso credere che non indossi di nuovo le mutandine".

"Hee hee", Elsie ridacchiò e poi si diresse verso l'armadio. Tirò fuori uno dei camici e poi se lo gettò sopra la testa. Di nuovo, si guardò allo specchio. Gli abiti erano disadorni e piuttosto informi, arrivando a circa metà coscia. Lei si accigliò, "Beh, questo è brutto."

Brie si voltò e soppesò la sua amica, "Non è poi così male per te."

"Sembro una trovatella."

"Devi solo spaccarlo, Els", rispose sarcastico Brie. «Non è quello che mi hai detto stamattina?»

Elsie tirò fuori la lingua. "Moccioso". Gettò con noncuranza l'altro camice sopra la testa di Brie. “Dai, mettiti a nudo. I ragazzi saranno qui a momenti.»

Brie sospirò e gettò l'asciugamano nel lavandino. Si alzò e scivolò fuori dalla gonna e dalla camicia. Mentre li lasciava cadere a terra, Elsie andò alla porta del camerino e iniziò ad aprirla.

Brie strillò, tirandosi il camice davanti per coprirsi, "Els, cosa stai facendo?"

Elsie si voltò verso di lei. “Rilassati, sto solo aprendo una fessura. Farò la guardia e ti avvertirò quando arriveranno.

All'improvviso, la porta è stata spalancata quando la donna di prima è tornata. Elsie barcollò all'indietro per la forza improvvisa della porta. I due ragazzi erano al seguito.

«Elsie!» squittì Brie, infilandosi velocemente il camice sopra la testa e abbassandoselo sui fianchi. Fissò, rossa in viso, la sua amica, che riuscì solo a scrollare le spalle in segno di scusa. Briè arrossì. Si era mossa velocemente, ma i due ragazzi la fissavano, cercando di elaborare ciò che avevano o non avevano visto in quel breve momento.

“Va bene”, gridò la donna, ignara della tensione, “Voi ragazzi dovrete aspettare qui, anche se non riesco a immaginare che lo spettacolo sarà così interessante da questo punto di vista. Per voi ragazze, è tempo che colpiate nel segno, che siate pronte o meno. Li ha spinti fuori dalla porta.

I due ragazzi non sapevano cosa fare, quindi sono ricorsi rapidamente ai loro telefoni.

Percorsero uno stretto corridoio buio, verso un'apertura ben illuminata. Potevano sentire il DJ che radunava la folla in lontananza e faceva eccitare tutti per lo spettacolo. Applausi e fischi punteggiavano l'entusiasmo della sala.

Mentre si avvicinavano al segno, hanno sentito la loro presentazione: “Tutto il trucco stasera è fornito da Libertine, una nuova entrata nell'arena della bellezza, e lascia che te lo dica, tutti su questo palco sembrano giovani, elitari e sexy. Posso ottenere un SÌ a questo? La folla ha esultato in risposta. “Per prima cosa, ti daremo una demo dal vivo, Preparati con me che mostra come Libertine può trasformarti dal tuo aspetto medio e quotidiano alla versione più bella, più straordinaria e migliore possibile di te stesso. Portiamo qui i nostri due modelli. Zoeeey e Brileeeey!"

"È ora di andare", disse la donna grande, e accarezzò le ragazze sul sedere.

"Ma. Dove andiamo? Cosa facciamo?" implorò Brie, improvvisamente consapevole di quanto poco sapesse del concerto a cui si era iscritta.

“In fondo alla passerella fino alla fine del palco. Siediti sulle sedie e loro si occuperanno del resto.

Le due ragazze si scambiarono sguardi nervosi e uscirono timidamente alla luce. Gli applausi della folla riempivano le loro orecchie, combattendo con la musica martellante, ma mentre si avviavano lentamente, potevano sentire la donna gridare dietro di loro: "Cammina con fiducia!"

Entrambi si alzarono in piedi e camminarono a piedi nudi lungo la passerella. Brie guardò la folla di persone e sentì un'irresistibile urgenza di nascondersi. Nonostante coprisse ampiamente il suo corpo, il suo camice era così sottile che la faceva sentire esposta, e lei tirò l'orlo inferiore, cercando di farlo scendere più in basso. Lanciò un'occhiata a Elsie e notò che sembrava raggiante. La ragazza trasudava abbastanza sicurezza da sembrare una professionista. Stava divorando tutta l'attenzione. Questo ha fatto sentire Brie ancora più impacciata, ma ha guardato avanti e ha cercato di dargli la sua migliore faccia da gioco.

Nel frattempo, in mezzo alla folla vicino al palco, Ivy ha riconosciuto i due giovani volti davanti a lei. Era in piedi dietro una fila di posti riservati con un uomo che aveva portato con sé. "Porca miseria", esclamò.

"Che cosa?" il suo appuntamento è stato messo in dubbio.

“Conosco quei due. Non avevo idea che fossero modelli.

«Zoey e... cos'era? Riley?"

“Non so perché usino quei nomi, ma uno di loro è la figlia di Hazel, Brie. L'altro è il suo amico.

Sul palco, le due ragazze si sono avvicinate alla fine della passerella e hanno trovato due sedie da barbiere ruotate verso di loro. Si divisero e presero posto. All'improvviso apparvero due robusti assistenti maschi con mantelli taglienti e li gettarono con grazia intorno al collo delle modelle sedute. I mantelli drappeggiati sulle spalle e sulle braccia e sulle ginocchia. Quindi le sedie delle due ragazze sono state girate per affrontare la folla.

Brie era già sopraffatto dallo spettacolo. Era stordita dalla paura di essere giudicata dal pubblico. Lanciò un'occhiata alla sua amica che le ridacchiò e le disse con la bocca la parola "Rilassati". Brie fece un respiro profondo e chiuse gli occhi, cercando di ignorare la folla.

Sopra la musica martellante del DJ, la voce di Heather ha iniziato a parlare, descrivendo alla folla cosa sarebbe successo sul palco. “Oggi le nostre adorabili modelle andranno a un festival rave e vorranno apparire al meglio. Forse per volgere lo sguardo a un ragazzo, o forse solo per far emergere la sicurezza che provano dentro, così da poter ballare senza trattenersi. Libertine ha costruito solo le tavolozze per le occasioni del fine settimana come queste. Iniziamo." Il monologo è continuato, a metà tra una narrazione, un tutorial sul trucco e una pubblicità per il marchio Libertine. Mentre parlava, gli assistenti seguivano le sue indicazioni e si davano da fare a dipingere i volti delle modelle.

Il primo è stato un lavaggio dei capelli. Era un trattamento in stile termale romano, quindi gli assistenti hanno appoggiato le ragazze indietro e hanno versato bacinelle di acqua fumante sui loro capelli. Hanno massaggiato shampoo e balsami e li hanno risciacquati ancora una volta.

Elsie si è divertita in ogni momento del processo, entusiasta di ricevere il trattamento della regina. Sentiva una stoica pace e chiarezza nella situazione. Nonostante il brusio e il furore che si svolgevano intorno a lei, mantenne una compostezza fredda e professionale per tutto il tempo, sebbene i suoi occhi scrutassero selvaggiamente la folla, cercando di distinguere i volti oltre il bagliore dei riflettori.

Al contrario, Brie teneva gli occhi ben chiusi. Ha tentato di trovare il proprio tipo di pace dentro di sé, cercando di concentrarsi sul proprio respiro. E mentre riusciva a rivolgere la sua energia nervosa verso l'interno, ha scoperto che il processo risvegliava ancora una volta le sue terminazioni nervose. Dopo il lavaggio, Heather ha iniziato a narrare la sezione del trucco, e per tutto il tempo, zeppe, pennelli e dischetti hanno applicato freneticamente creme e trucco, che hanno attirato i pensieri della ragazza in un luogo più sordido.

Mentre gli applicatori spugnosi le danzavano sul viso, sentì le labbra formicolare. Anche se i riflettori brillavano caldi su di lei, il trucco era fresco al tatto e il contrasto accendeva le terminazioni nervose delle guance e della fronte. Le forti mani dell'assistente al trucco le afferrarono il mento e le girarono la testa da una parte e dall'altra, a seconda dell'angolo di luce necessario. Si ritrovò, tuttavia, a godersi la sensazione di essere manipolata così, e lentamente dimenticò la folla che la osservava.

Brie ha vissuto l'evento solo attraverso il tocco. Una matita le graffiò la fronte. Un tocco di fard le solleticò le guance. Un bastoncino di colore per le labbra spalmato sulle sue labbra morbide e formicolanti. Ogni tanto sentiva i puntini di un dischetto di cipria, portato dentro per fissare il trucco e proteggerlo dalle sbavature. Tutto ciò serviva a far scattare i suoi nervi sensibili, che crepitavano più luminosi sotto la superficie.

La giovane ragazza, riconoscendo gli impulsi di base che crescevano dentro di lei, lottò per tenersi insieme. Ma il suo cervello aveva altre idee. Le venne in mente che sebbene da qualche parte là fuori ci fosse una folla di osservatori, nessuno di loro aveva una visione a raggi X, e quindi nessuno di loro poteva vedere sotto il mantello che le era legato intorno al collo e drappeggiato sul suo corpo.

Non voleva nemmeno attirare l'attenzione della sua assistente, quindi spostò lentamente la mano tra le gambe e tirò su il leggero camice che indossava. Fece scivolare le dita lungo le cosce e tra le pieghe della sua vagina e sentì la sua umidità. Poteva già sentire che i suoi succhi stavano gocciolando fuori dalla fessura.

Alla fine, Heather ha iniziato a narrare il loro eyeliner e Brie ha sentito il suo assistente parlare per la prima volta: "Va bene tesoro, devo aprirli baby blues".

Brie prese fiato e spalancò gli occhi nel bagliore dei riflettori. Scoprì che era quasi impossibile vedere qualcosa al di là di loro, a parte alcune sagome dai lineamenti scuri in prima fila. Faceva sentire la ragazza più a suo agio, anche anonima, nonostante metà degli occhi nella stanza fossero puntati su di lei.

L'assistente al trucco si avvicinò a lei e le mise una mano forte sulla guancia. Con l'altra, portò una matita per eyeliner e sferzò le sue ali affilate sulle palpebre. A Brie piaceva essere gestita dall'uomo e ridacchiò nervosamente. Era forte e anche bello, e quando si avvicinò poteva sentire il suo respiro sussurrarle il viso. Lui, tuttavia, sembrava del tutto indifferente a lei e, rigorosamente professionale, dedicava tutta la sua attenzione al suo lavoro. A quel punto, ha anche ammirato la sua devota dedizione.

Sotto la cappa da barbiere, iniziò a far scivolare lentamente un dito su e giù per la fessura. Sapeva che nessuno sarebbe stato in grado di vedere cosa stava facendo fintanto che procedeva lentamente e seguiva il richiamo primordiale dei suoi impulsi sfrenati. Giocherellava con il fluido setoso che produceva, estraendolo da dentro di sé e spalmandolo sulle labbra della figa e lungo le cosce interne.

Si disse che era sotto il controllo totale della sua compulsione, ma seguì comunque l'esempio del suo corpo. Il suo respiro aumentava insieme al suo battito cardiaco, e sentì il mantello attaccarsi leggermente alle sue braccia mentre cominciavano a sudare leggermente. Avanti e indietro, ha trascinato le dita attraverso la sua mistura scivolosa e da ragazzina, da un labium gonfio all'altro, passando sopra e roteando attorno al suo clitoride formicolante lungo la strada. Ogni volta che si muoveva avanti e indietro, cedeva sempre di più alla sua crescente sensualità.

Brie decise presto che aveva bisogno di qualcosa di più, ma proprio mentre stava per affondare le dita nel suo tunnel, una parola tagliò nettamente la sua mente annebbiata: "Voilà!" Era Heather, e la sua narrazione era giunta al termine. E proprio così, gli assistenti hanno strappato senza tante cerimonie i mantelli dal collo delle modelle con un movimento rapido. Gli occhi di Brie si spalancarono con la stessa rapidità con cui le sue gambe si chiusero di scatto. È arrossita, ma gli applausi e i fischi della folla hanno segnalato che non era stata sorpresa a masturbarsi.

"Alzatevi, ragazze, e fateci un giro", ha chiamato il DJ dal suo microfono. Elsie si alzò all'istante, girando e aggredendo il pubblico. Brie abbassò lo sguardo e notò che i suoi capezzoli erano prominenti e che si era inzuppata attraverso la parte posteriore del camice e sul sedile della sedia da barbiere. Si alzò dalla sedia e si limitò a inchinarsi, tenendo l'abito lontano dai seni e il fondoschiena fuori dalla vista degli spettatori. Quando l'applauso si è spento, le due ragazze hanno iniziato la passeggiata dietro le quinte e Brie si è assicurata che Elsie la seguisse direttamente dietro di lei, in modo che la sua amica impedisse a qualsiasi telecamera di registrare il punto bagnato sul suo indumento.

Una volta che furono al sicuro fuori dalla vista, entrambi tirarono un enorme sospiro di sollievo. Elsie mise il braccio intorno al collo di Brie e rise: “Riesci a crederci? Dobbiamo essere modelli!

Anche Brie ridacchiò: “Sì, ma sono così felice che sia finita. Ero così nervoso. Ho tenuto gli occhi chiusi praticamente per tutto il tempo.

"Non io, ho solo guardato dritto davanti a me, come ho visto sui siti di moda." Questo era almeno in parte vero.

"L'ho visto. Eri così bravo là fuori. Sei un naturale.

"Aw, Brie, lo eri anche tu."

Tornarono di corsa attraverso la porta del loro camerino, ancora ridacchiando e parlando dell'esperienza, sorprendendo Hunter e Oliver che erano seduti, ancora attaccati ai loro telefoni. Oliver alzò lo sguardo dal suo dispositivo. "Oh ehi, allora, com'è andata?"

"E 'stato così divertente." Elsie ha risposto.

"Non posso credere che sia già finita", intervenne Brie. "Era tutto sfocato."

Oliver fissò un momento Elsie. "Sei così bella adesso."

"Adesso?" Elsie lo prese in giro.

“Beh, voglio dire, eri carina prima. Solo, il trucco sembra fantastico è tutto. Elsie poteva solo essere modesta. Oliver ha continuato, "Allora, cosa hai intenzione di fare adesso?"

"Non so. Potremmo andare a prendere una scossa, o potremmo andare al Trampoline World. Cosa senti?"

"Onestamente?" ha risposto, un sorriso furbo che dice più delle sue parole, "Mi sento un po 'deluso dal fatto che ci siamo persi la tua opportunità di modellare".

«Non capisco», disse Elsie, cogliendo un secondo fine.

"E se andassimo da qualche parte e tu potessi modellare questi per me?" Hunter tese la mano e tirò fuori le mutandine a tema geometrico che Elsie gli aveva regalato il giorno prima. Avevano ancora il suo numero di telefono stampato sopra. Questa volta le mascelle di entrambe le ragazze si allentarono, colte alla sprovvista dall'audacia di Oliver.

Lo shock di Elsie si trasformò lentamente in un sorriso sfacciato. "Sì, sembra che potrebbe anche essere divertente", disse docilmente.

Alla fine Hunter si staccò dal suo videogioco e scese dal mobile dove era seduto. «Potresti modellare qualcosa anche per me, Briley», disse, cercando timidamente le parole.

Brie fissò timidamente i suoi piedi e disse: "Io ... non ho davvero niente da modellare".

Elsie colpì Brie con il gomito e ridacchiò nervosamente: “Non è vero. Troveremo qualcosa per te da modellare per i ragazzi. Lanciò a Brie uno sguardo senza parole che diceva: "Non rovinare tutto".

Brie si illuminò e si arrese: “Oh, beh, okay, andiamo a farlo, allora. Ma prima devo... andare in bagno. Frugò nella borsetta e trovò il flacone della medicina.

"Giusto", disse Elsie e fece l'occhiolino, "Possiamo aspettare qui mentre te ne occupi tu."

Brie si diresse verso il bagno quando la porta del camerino si spalancò all'improvviso e quasi la colpì sul sedere. Entrò il grande cameriere di sala; sulle sue spalle erano appesi alcuni abiti. Disse allegramente: “Bene, bene, ragazze. Bel lavoro. Sembra che tu abbia avuto una buona accoglienza. La gente ti amava davvero là fuori. Specialmente tu», fece un cenno in direzione di Elsie. La ragazza era ovviamente gonfia di orgoglio. La donna ha continuato: “I ragazzi di Scarlet sono rimasti colpiti e vorrebbero vedervi sfilare sulla passerella in uno dei loro nuovi pezzi. Sei d'accordo?"

Brie era sbalordita, "Scarlet vuole che facciamo la modella per loro?"

"Questa è l'idea. Potrebbe essere un'opportunità divertente, giusto? Ma non c'è molto tempo, quindi devi decidere ora.

Elsie saltò su e giù, le mani sulle spalle di Brie, "Ovviamente, facciamolo!"

"Bene!" Briè acconsentì.

"Va bene, qui." Da una spalla porse a Brie una piccola tutina e dall'altra porse a Elsie una tuta senza maniche. “Vestiti qui. Ci saranno alcune persone che verranno momentaneamente con le scarpe. E cerca di non rovinare i capelli e il trucco. Sei in cinque.» Detto ciò, la donna fece la sua uscita.

Brie non poté fare a meno di sorridere: "Diventeremo modelli Scarlet?"

"Non posso credere che gli piacessimo!" Elsie si rivolse ai due ragazzi e aggiunse: "Questa è la nostra prima volta che facciamo la modella, in assoluto".

"Veramente?" disse Oliver, "Avresti potuto ingannarmi con il modo in cui hai tirato le fila per riportarci qui."

"Fondamentalmente ci siamo comportati come se sapessimo di cosa stavamo parlando e abbiamo semplicemente mentito loro", ha sorriso Elsie. Hunter ridacchiò.

Elsie tirò il collo del camice, pronta a toglierselo in quel momento, ma tornò in sé quando sentì Hunter grugnire di sorpresa. "Ops!" Elsie arrossì: "Sono quasi cambiata proprio di fronte a te." Un'espressione di delusione balenò sui volti dei ragazzi. Elsie sorrise timidamente. "Sono così abituato a cambiare dentro e fuori qualunque cosa quando siamo solo noi due ragazze."

Brie intervenne: "Potresti cambiarti in questo armadio". Indicò la piccola alcova da cui provenivano i camici. Una tenda sfilacciata pendeva da anelli su una barra, offrendo una ragionevole quantità di privacy.

"Buona idea." Elsie lanciò un'occhiata a Oliver, che le teneva ancora le mutande. "Prendo questi." Li strappò via, ma non perse la sua delusione. "Non preoccuparti, potresti vederli più tardi." Fece l'occhiolino timidamente e si infilò nell'armadio. Oltre la tenda gettò il camice e si mise al lavoro indossando la tuta.

Nel frattempo, Brie si è rivoltata tra le mani la bottiglia di medicina. Apprezzava la distrazione, ma notò che la vaporosità della sua condizione stava cominciando a insinuarsi di nuovo nella sua mente. "Els, uh, Zoey, non credo di avere abbastanza tempo per... prendermi cura di me stesso, ma mi chiedo se dovrei prendere questa medicina ora o dopo."

"Bene, pensi che sarà d'aiuto?" chiese Elsie da dietro la tenda.

"Non so. A volte rende le cose... peggiori, immagino.

Elsie rifletté per un momento. “Direi di prenderlo ora, in questo modo sei pronto per quando avremo finito. Comunque, non ci vorrà molto.

Brie rimuginava silenziosamente sull'idea. Guardò verso i due ragazzi che sembravano entrambi completamente perplessi dal dialogo criptico delle ragazze. Oliver si strinse nelle spalle. Briè sospirò. "Sì. Potresti avere ragione."

Svitò il tappo e rovesciò la bottiglia, bevendo la miscela viscosa. Si sentiva un po' oscena a berlo in bocca davanti ai ragazzi. Non poteva fare a meno di pensare che, come le aveva detto sua madre, la medicina fosse solo sperma. E anche se non aveva esattamente lo stesso sapore dello sperma di sua madre, c'erano delle note nel sapore. Strinse le gambe l'una contro l'altra, sentendosi le viscere schiacciarsi leggermente al pensiero del suo appuntamento carnale con sua madre, e ancora una volta si chiese dove sua madre avesse preso la medicina in più che era nella bottiglia.

Ha bevuto circa la metà di ciò che restava. Non era sicura di quanto avrebbe funzionato, ma almeno provò un'immediata soddisfazione mentre deglutiva.

Elsie ha tirato la tenda ed è uscita impettita con una tuta floreale senza maniche, rosa, canticchiando una melodia che ricorda vagamente "The Stripper". Ha calciato selvaggiamente una gamba in aria e ha gridato: "Pow!" Brie ei ragazzi ridacchiarono alla performance. La tuta intera di Elsie le aderiva strettamente al busto, proprio come un body, ma intorno alla linea della cintura era stretta e l'area intorno ai suoi fianchi, sedere e inguine era un po' più ampia, il che la rendeva un po' più ondoso e consentito per una certa flessibilità. Scendendo, le gambe della tuta si adattarono ancora una volta al suo corpo, come farebbero i collant. Ai suoi lati, tre prese d'aria erano tagliate all'altezza della vita, esponendo la sua pelle sottostante, e lungo la parte anteriore, una fila di bottoni che scendevano fino all'ombelico tenevano insieme il tutto. "Mi sento una ragazza spia degli anni '70 o qualcosa del genere", ridacchiò Elsie. Guardò Brie e annuì: "Mostraci cosa hai, Charlie's Angel".

Brie entrò nell'armadio e chiuse la tenda. Sollevò la tutina davanti a sé e la esaminò. Era un taglio semplice in blu intenso, con una stampa paisley per abbinare l'atmosfera anni '70 della tuta di Elsie. Sembrava piuttosto piccolo, anche per la sua taglia, e con i suoi ordini di non indossare biancheria intima attillata, era preoccupata per il cavallo del pezzo che si tirava contro la sua figa. Si chinò per sentirla bene e rabbrividì. Dopo il suo tempo sulla poltrona del trucco, era già traboccante di succhi. Her inner thighs were slick and her goo was slowly traveling down to her knees.

She pulled her smock over her head and shivered, fully naked behind the curtain. She balled up the flimsy clothing and spread her legs slightly, then unceremoniously wiped her sopping vagina with it, cleaning up as much moisture as possible. A groan escaped her mouth as the cheap fabric dragged across her pussy lips and into her crease, stoking the crackling fire smoldering in her nether region. The devil on her shoulder bid her to keep going, to finish off her orgasm right then and there behind the gossamer curtain, but Brie kept her eye on the goal. After all, it wasn’t every day that Scarlet asked her to model.

Hearing the moan, Elsie called to her, “You doing okay back there?”

“Yeah,” Brie sighed, “I’m fine.” She took a breath and climbed into the romper. She pulled the outfit’s straps up over her shoulder and felt the clothing pull up tightly against her crotch. She knew that her panties could complicate the sensations of her sensitive body, and she became starkly aware that this was not going to be doing her any favors. She adjusted the top of it, pulling it down a bit, to make room in the crotch, but in this way, the elastic band at the top sat very close to her nipples. Its coarse stitching strummed across her chest as she moved about, which caused her to shiver and hum. Goose bumps raised across her flesh, along with her nipples, and more of her fluids continued to spill from her loins.

It seemed that no matter which way she wore the romper, it was too small to wear comfortably with her super-orgasmic condition. Either it stimulated the nerves of her nipples and breasts, or it tugged up into her crack and rubbed against her clit. Brie’s only other option was to bow out of the show, which she was desperate not to do. She drew back the curtain and stepped out into the dressing room and blushed. Instinctively, she put her hands in front of her crotch, fearing that she was already soaking through the bottom.

Elsie hooted cheerily. “You look like a hippie! You just need a crown of daisies to complete the look.”

“It’s pretty tight!” Brie said skeptically.

Elsie frowned. “Hm, let me see.” She stood in front of Brie and looked her up and down, effectively blocking the view of the two boys. She thought for a bit and then leaned in to move Brie’s hands to her sides to get a better look. Brie fidgeted and sighed. Elsie could see a slightly dark strip at her crotch, where Brie’s moisture was soaking through. She could see that the crotch of the garment was pulled tightly up between Brie’s legs, showing off the contours of her puffy pussy lips and the dip between them. The contrast of the wet spot emphasized her camel toe all the more. “Yeah,” Elsie said, “That looks like it would fit me, but it’s a bit small on you.”

Elsie bent over and tugged at the legs of the romper, trying to get her friend some additional room. This pulled the elastic band at the top of the outfit down over Brie’s nipples, causing Brie to cry out in both surprise and pleasure.

Neither of the boys in the room quite understood what was going on, but both were picking up on a strange, sensual vibe emanating from Brie’s quaking figure.

Elsie, was taken aback by Brie’s cry. "Che cosa? What’s wrong?”

“You pulled the top down over my… boobs.”

“Oh, sorry.” Elsie reached up to pull the top back up again, and Brie cried out again and braced herself against the wall, legs wobbling as she felt both the elastic against her nipples and the the bottom of the romper tugging back up against her pussy. She whined, spreading her legs slightly and gently bucked her hips uncontrollably toward her friend.

“Mm, fuck, sorry, that just feels…” Brie drifted off.

“Why don’t we just leave this where it is?” Elsie suggested, “and we’ll take care of it after the catwalk, okay?”

Brie nodded, eyes staring off in the distance. She hobbled over toward a stool and perched her butt on the edge of it.

Oliver and Hunter looked a bit confused. Oliver spoke up, “Is she hurt?”

Elsie shook her head, “She’ll be fine. More than fine. She just has a condition that creeps up every so often. You kinda just gotta let her do what she needs to do.” Elsie nodded and they all sat in awkward silence, trying and failing to find a way to change the subject.

It wasn’t much longer before the handler returned with boots for the two girls. More specifically, they were roller skates. “You two know how to skate?”

Elsie nodded, “Well enough.”

“Great, you two are going to be roller girls. I guessed at your sizes. Hopefully these fit.”

“I think you guessed too small for Briley’s romper,” Elsie said, trying to be helpful.

The woman looked Brie up and down. She couldn’t see the moist strip in the crotch from her angle. “It might be a size too small, but it’ll work for now. You just gotta get down the runway and back and you’re done.” Brie swallowed hard and nodded.

Elsie sat on the ground and started lacing up her skates. She tipped her head at Hunter, “You wanna help her get these on?”

“Oh! Uh, sure,” he replied dopily. He knelt down in front of Brie and placed her foot into the skate. As he tightened up the laces, he followed her legs with his eyes. They were so fit and smooth and had clearly gotten a lot of sun that summer. His eyes picked up a subtle movement and he continued upward until he could see the girl timidly rocking her hips back and forth across the edge of the stool. From his angle, her crotch undulated in and out of view. He noticed a glossy patch of wetness between her legs, and at that point also noted a strong scent in the air. He was unsure just what the young girl was doing, or what condition she was in—as Zoey had mentioned—but for him to be so close to whatever it was she was doing, it was an erotic sight.

Brie noticed that Hunter was staring and she looked down and caught his eye. He snapped his head back down to focus on the work of tying her boots, and the two of them blushed together. Brie also shifted onto the stool and attempted to remain still.

Oliver also saw a chance to flirt with Elsie and he offered to help her get her skates on. She agreed and the two of them made eyes at one another, giggling as they worked together. Elsie, though happy to be modeling for Scarlet was becoming more and more eager for some one-on-one time with her new boy. She could feel herself getting wet with anticipation, though she knew her panties would soak it all up, unlike Brie.

The waiting assistant interrupted their reverie. “Alright, you love birds, let’s get you queued up. On your feet.”

Oliver helped Elsie up off the ground and she steadied herself against him. She pulled herself close and inhaled his scent. Brie was able to push off from the stool she sat on, though her wheels slipped and she staggered forward into Hunter. The sudden movement pulled the too-small romper up into her crack and she moaned aloud in his ear as a white-hot sensation, somewhere between pain and pleasure, coursed from between her legs throughout her body.

“Are— are you alright?” Hunter asked, bewildered.

Brie put a hand to her forehead, and groaned in frustration, “I’m fine, I’m fine. I just got a wedgie. This thing’s too small. Let’s go, Zoey.”

The woman assistant led the way and the two girls skated behind her. Brie panted with each stride as her movements caused her outfit to tantalize her most sensitive areas. Her whole body glowed with a sheen of sweat. She felt more than ready to cum, and couldn’t wait to get back to the dressing room.

Elsie could tell that Brie was having a hard time of it, but she didn’t know what she could do to help at that time. She smiled wryly at her friend and said, “Just down the runway and back, remember?”

Brie nodded silently, solemnly, in return. Just down the runway and back, she thought to herself.

They queued up behind a line of other Scarlet models just as the DJ began to announce the details of the new clothing line. Elsie stood behind Brie and rubbed her shoulders in an attempt to get her to relax.

“Does that help?” Elsie inquired closely in her friend’s ear.

Brie rocked her head back and sighed. “I dunno, but I do at least feel less tense right now.”

“Good. We’ll get through this. I’ll let you go first, so you can get in and get out.” Elsie leaned in and pecked Brie delicately on the cheek.

Brie shivered and whispered back, “And get off.”

One by one the other models filed out onto the catwalk to thumping neo-disco. Each girl was wearing a pair of skates to go with her ’70s inspired getup, just like Brie and Elsie.

The girl in front of Brie had just taken her first strides out the catwalk entrance when she came skidding back out of the crowd’s view. “There was a fall!” gridò.

A stagehand came rushing by and vanished out the entrance. A while later, he returned, assisting two models by their waists. They both leaned on either of his shoulders. “Out of the way,” he demanded.

Both Brie and Elsie stared at the two misfortunate girls. One was limping on her skates, and the other was bleeding from her face.

“Oh my god,” Elsie exclaimed.

The large assistant woman came rushing back, rolling an arm in the air, signaling them to continue, “They’ll be fine, let’s put this behind us and keep the show going.” The professional model in front of Brie and Elsie nodded once and snapped immediately into performance mode. She hit the catwalk and moments later, it was Brie’s turn to walk.

She made one last-ditch attempt to force her outfit to behave, but it was no use. As soon as she started moving, the fabric pulled up between her legs. She could do nothing but grimace and bear it, and so she rolled out into the spectacle once again. The thudding bass of the playlist hummed through the air. Massive speakers pulsed against the stage, thrumming through her body. As her wheels rolled along the surface of the catwalk, they, too, sent vibrations up from her tingling toes, straight to her inner thighs. Her nerves chained the sensation from one fiber of her being to another, and she trembled as each stride sawed the soaked crotch of her romper up into her cleft.

Her ecstasy was taking hold and the cacophony of the event began to fade around her and her vision began to darken. The music, too, deadened until she could only make out the four-count bass beat. Her orgasm boiled within her. Her chest heaved, and she felt as if she were drowning in a deep ocean. She knew that she was rapidly approaching an intense cum. Her nether region flared with pleasure, and she felt herself teetering on the edge of insanity, on display in front of hundreds, there on the catwalk.

But she fought back. Not to prevent embarrassing herself in front of the crowd she knew to be out beyond the hazy fog in her mind—that part of her consciousness had shut off—but to bask in the bliss of being brought all the way to the edge yet to delay and extend her mounting pleasure ever longer. In her reverie, however, she could still sense that she had come to another kind of edge: the physical edge of the stage. She paused a moment. Not long, but just enough to catch her breath and collect her wits. In this respite of clarity, she realized her hips were grinding the air. The action dragged her electrified clit and tender pussy lips along the tight fabric seams at her crotch. Much as she wanted to tear off the entire outfit and finish herself right then and there, she balled her fists and willed her body back under control. She spun herself around for the return journey back across the stage.

Elsie followed Brie out, a few feet back, and watched her friend the whole way. She saw Brie acting differently than their initial run down the catwalk. Then, Brie was mousey and nervous. Now, she was saucy, and slinky, almost liquid in form. If Elsie had not had a deeper understanding of Brie’s condition, she might have even mistaken it for confidence. She watched as Brie stopped at the edge of the stage and paused, swinging her hips out and back in a lurid, sexual simulation. She could even hear the crowd gasping under the music. Elsie was taken in by the performance. She understood more than anybody else there the maddening pleasure that was seeping from her friend’s every pore, every orifice. She had experienced Brie’s orgasmic torrents of rapture first hand just the day before in a dressing room at that very mall. Between Elsie’s memories, Brie’s growing sexual hunger and wanton displays, and Oliver’s flirting, Elsie, too, was ready for some action.

After a mere moment, Brie spun around and faced her friend. Her expression was disconnected, her eyes rolled up and her jaw hanging open. Elsie barely registered on her radar as she passed by. Brie’s only thought was ripping off her garment and claiming her deserved erotic relief. She skated toward the stage exit and, as she did, she shrugged the straps of the romper over each shoulder, one-by-one. She tugged at the legs and pulled the wedged fabric out from between her labia. This caused the elastic top of the outfit to pull down over her sensitive nipples. They emerged into view even while she was still on stage, but she didn’t care; she hoped that, with her back already to most of the audience, and their attention now on Elsie, nobody would notice. As she at last crossed though the stage exit, she yanked the top down off of her chest altogether and peeled it down over her torso. She had no care in the world that stagehands, models, and everybody else back stage could see her youthful chest bared. She was happy to have some relief from her torturous outfit, at last.

———

In the crowd, Ivy fanned herself. The venue was packed full and the temperature was heating up. She watched Elsie follow Brie off the catwalk and turned, wide-eyed, to her date. She was shocked by Brie’s flagrant grinding. “Did you see that?”

Her partner deflected, “Were those the two girls you know again?”

“Yeah, my girlfriend’s daughter and her friend.”

The man merely smirked, saying nothing.

“Well, I’ll tell you one thing,” Ivy muttered, “I think I know where she gets it.”

That piqued her date’s curiosity. "Cosa intendi?"

“Let’s just say I know her parents well. Her mother…” she trailed off.

“C’mon, you know you can’t just leave it at that,” the man pried.

“Down boy,” Ivy chuckled, patting his crotch. She then changed the subject. “I’m surprised they’re letting her model now. She’s so young.”

The man shrugged, “I hope she gets to come back for more.”

“You’re perverse,” Ivy jeered.

He shrugged, “What? She’s cute. She’s like a little doll.”

With warning eyes, Ivy shook her head at her date, but silently she agreed.

The man held up his hands. “Alright, I’ll say no more.”

———

Backstage, Brie skated over to a drinking fountain, pulling the romper ever lower, giving her pussy room to breathe and allowing the cool, backstage air to pass over her naked torso. She doused her face in the chilly water from the spigot and panted as the world slowly came back into focus. She had gotten a little too close to having another public orgasm, and a sense of shame began to grow about it.

Suddenly, Elsie came up from behind and goosed Brie’s bare sides, startling her. “You looked so sexy out there!”

“Oh, Elsie,” Brie whined, “I could barely control myself. I nearly creamed my brains out inside this fucking baby-sized romper!”

“I could tell you were barely holding it together,” Elsie snickered. “You looked so lusty. It was kinda hot, really.”

Brie blushed, “At least I didn’t embarrass myself in front of everybody this time.” She looked down at her outfit and felt the legs. They were saturated with her fluids. “Fuck, they’re going to make me pay for this.”

Elsie squeezed the crotch of the romper and wrung out a generous amount of liquid. “Wow, those things are practically a biohazard at this point,” she teased. “I wonder if that will show up in the photos.”

“Photos?”

“Yeah, they have photographers out there. Plus, you know, anybody with an iPhone. But I mean like pro photographers. You think we’ll be on Scarlet’s website?”

“Maybe you, Els. You’re so good at this. I’m— I’m a mess,” Brie despaired.

“Hey, don’t say that,” Elsie consoled her friend. “Maybe you couldn’t tell from your perspective, but you were really getting the hang of it out there. Chin up.” Elsie pulled Brie’s face up to hers, then kissed her softly on her lips.

Brie’s heart raced and her head got woozy. “Els,” she moaned into her friend’s mouth, “You can’t do that right now. I’m still so horny, I’m gonna start climbing the walls.”

Elsie sighed, “Sorry. You’re not the only one getting a little riled up. C’mon, let’s go say hi to the boys.”

They turned to go when they noticed Heather, the woman who helped run the Libertine kiosk, briskly approaching, her face emblematically stony. Elsie, fearing admonishment, attempted to steer them both away from her, but the woman clapped at them to get their attention. “Girls, you are needed.”

Elsie jumped and they both turned slowly. “Needed?” she inquired hesitantly.

“We are down two models for the final segment, and you are two extras. We need you to step in.”

Brie’s heart sank. “But I— I really can’t,” she stuttered.

Elsie was a little disappointed, but looked over at her trembling friend, “Yeah, I think we’re done for today.”

“That’s ridiculous,” Heather spat, “You are paid professionals.”

“Hey, we only signed on for makeup. Modeling clothes was just a bonus. We’re not getting paid for that,” Elsie retorted.

Just then, Michael stuck his head around a corner. He saw the girls with Heather and immediately rushed in to intercept. “Oh thank god, girls, we need your help.”

“We know,” Elsie said flatly, “but we’re done.”

“What’s—?” Michael started, but stopped himself as he met eyes with Heather. He forced a smile at her and pleaded, “Heather, if I may have a moment with the girls?”

Heather rolled her eyes and sighed, then turned and walked off in a huff.

After she left, Michael took a big breath before speaking, “I don’t think that woman is going to last long in retail. Listen, girls, we’re in a bit of a bind. Scarlet needs two models to finish out this show. Like immediately. I know Heather hasn’t been the best hostess, but I’d like to know what I can do to convince you to take the gig.”

“Convince?” Elsie asked.

“Yes,” Michael nodded. “How can we compensate you for the extra work?”

Elsie instantly recognized the value in the offer and pulled Brie away, saying to him, “One moment.” Once they were out of earshot, she turned to her friend, “Brie, baby, I’m ready to be done with this, too. And listen, I’m fucking soaking through my panties right now, too, waiting to get back to those boys so we can have some fun, so I know at least somewhat how you’re feeling right now. And I know it’s a risk, but just think of what we could get out of this. They need us.”

Brie held a thousand-yard stare. She knew she wouldn’t be able to get through another walk down the runway in her condition. She knew that, even if she had a chance to cum before they went out that she wouldn’t be in any condition to be seen in public. But still, for her friend, she nodded.

Elsie rubbed Brie’s bare shoulders. “What would make it worth your while to do one more run, down and back? They even said it’s the last segment for the day. No more after this.”

Brie shrugged and whined, “I… I just don’t want to pay for ruining this romper.”

Elsie nodded, “I bet we can make that happen, and more. We’ll make them give us the outfits we modeled today. In fact, I think we can swap them between us. Yours is a bit too small, but it would probably fit me. And, look,” Elsie tugged at the jumpsuit she wore. “Mine is baggy around the hips and crotch, so you can have mine.”

Brie blushed, “But mine is gross right now. You would wear my cum-soaked clothes?”

“Girl, I wore your actual cum yesterday, remember?”

Even Brie couldn’t help but snort at that, “True.”

“Great!” Elsie snapped, “We’re gonna get these clothes, or we’re gonna say that’s it.”

Brie nodded and they rolled back to Michael who was tenting his fingers nervously.

“In addition to the makeup you promised, we want to be able to keep our outfits today.”

Michael smiled and nodded, “I think we can make that happen. Now—”

“From both walks,” Elsie added.

Michael laughed, “Well okay. You will each keep both of your outfits. Now—”

“And $100 each,” Brie interjected, startling Elsie.

Michael paused, then started again slowly. “Is… that everything then?”

Both girls looked at one another, smirking, then nodded at Michael.

“Right then, let’s shake on it.” He took each girl’s hand one-by-one and then continued, “Great, let’s go get your new outfits right away. We don’t have much time.” He herded the two girls to the Scarlet rack and pulled a single swimming suit off the bar. “The last segment of our show is the bathing suit segment. Always a popular one for the crowds.” He looked Brie up and down, who was still stripped bare from the waist up. “I have a hunch that you’re a bit more of an exhibitionist, so you’ll be coming with me.” That was a word that neither girl was familiar with, but with that assessment, he handed the swimming suit he had pulled to Elsie and sent her back to their dressing room to get changed.

He then guided Brie by the shoulders to the makeup room, “Come with me. Your suit is going to take a bit more effort to put on.”

———

Elsie returned to her dressing room and found both boys still waiting inside. Once again, Oliver got up to meet her, while Hunter nodded in acknowledgement and then returned to his phone. Elsie, still in her skates, rolled slowly up to the older boy and crashed into him lightly. She craned her neck up and pecked him sweetly on the cheek. He blushed. “They want us to do one more walk down the runway.” Elsie held up the bikini in front of her. “The swimsuit edition!” The bikini was a red triangle top with a flower print pattern on it. The straps and accents were a blue micro-check pattern. The bottoms were a modest but trendy cut, and an exposed belt in a matching pattern ran along the waistband.

“Whoa, nice,” Oliver grinned. “You must have kicked some ass out there.”

Elsie giggled, “Sort of! Two of the models fell on their skates. C'era sangue dappertutto. We’re replacing them.”

Oliver chuckled. “That’s incredible! Man, I never thought a fashion show would be so action-packed. We’re missing everything back here, Hunter.”

Hunter looked up at his brother and just shrugged before returning his attention to the game he was playing.

“I feel kinda bad inviting you back here now,” Elsie said.

Oliver brightened up, “No, it’s cool. It’s worth it to hang out with you, Zoey. And Briley, too, of course.”

Elsie smiled warmly, but it morphed into a mischievous grin as an idea crept into her head. “You know, if you’re looking for action, I think I do owe you some. And, well, I’ve gotta change into this little thing.” She dangled the bikini hanger on the end of her finger.

A wide grin spread across Oliver’s face and he nodded enthusiastically. “You did promise me some underwear modeling.” He glanced back at his brother, who was absorbed in his game. “Uh, what about him?”

Elsie thought for a moment about Hunter, but she sincerely didn’t care if he saw her perform a little strip tease. She was feeling horny and sexy, and her mind was not placing much importance on modesty. She shrugged, “Oh, I guess it’s fine if he looks.” Then she said, with pointed emphasis in the younger brother’s direction, “I don’t think he’s paying any attention, anyway.”

“Huh?” Hunter glanced up at Elsie through his shaggy hair.

“Nevermind,” the girl said, rolling her eyes. Then quietly to Oliver, “Let’s see how long it takes him to figure it out. Go have a seat.”

She looked once more at the attractive older boy as he grabbed a chair and pulled it close to her. She took a deep breath and fingered the top button near her neck on her jumpsuit nervously. Her heart was thudding in her chest, and she suddenly felt too self-conscious to go through with it. “Hold on.” She coasted over to the door and said, “We need a bit of music.” She cracked the door open a small ways and the muffled bass echoing down the halls seeped into the room. She poked her head out into the hall to make sure nobody was around and then turned back to face Oliver.

She slowly started to shake her hips to the beat, eventually finding the rhythm. She closed her eyes and once again began to tug at the buttons of her jumpsuit.

Oliver stared as the nubile, young girl swayed in front of him, popping the buttons of her outfit apart, one-by-one. He found her inexperienced movements awkward but sensual, and since her eyes were meekly closed, he felt like a voyeur leering at forbidden goods. He glanced briefly at his brother, who was still oblivious.

Elsie navigated her hand down the line of buttons in front, undoing each catch, from the top of her chest down toward her belly button. When she reached the last one, she opened one eye to peer at her spectator. He was fixated on her, and she blushed. She pulled apart the two halves of the jumpsuit top, revealing her cleavage, and fanned herself with them. The action threatened to flash a glimpse of her breasts. She knew what Oliver wanted to see, but she wasn’t ready to give it to him quite yet. She wanted to tease him.

She spun around suddenly on her skates, and Oliver moaned, “Aw, c’mon,” but Elsie didn’t respond directly, only giggled. Instead, she slowly bent at her hips, pushing her ass out in his direction. All the while, she continued to wave it in the air to the muted techno beat coming from the DJ’s speakers. Inch by inch she descended, until she could touch her toes.

Much as Oliver wanted to see his catch topless, he couldn’t deny that staring at her small but round ass, covered as it was, was an equally good thing. He adjusted his pants to make room for his swelling manhood.

Elsie pulled at the laces of her skates, releasing the knots, and loosened them up. She turned around again and removed each boot, one after the other. As her body continued to groove sensually, her hands knotted the two sets of laces together and she hung the two skates around her neck.

Oliver groaned when he realized where the dance was going. Elsie, growing bolder, winked back at him. Then, with both hands, she pulled the top of the jumpsuit apart and shrugged it over her shoulders. Her chest was exposed, but Oliver’s view of her breasts and nipples was blocked by the skates hanging down.

“You really know how to tease a guy,” Oliver carped.

Elsie made a display of pulling off the top. One by one, she tugged at the sleeves and pulled her arms out. Now topless, she felt her bare skin prickle at the cool air in the dressing room. Her nipples stiffened against the leather skate boots, and her vagina released lubricious fluid into her panties. She stayed that way for a few moments, rocking to the music, smirking at Oliver, and building his excitement. She noticed his hand occasionally adjust the bulge in his pants, or perhaps he was doing something more to his stiff member.

At long last, she continued and stuck her thumbs into the cinched-in waist of the jumpsuit. Oliver sucked in a breath, and suddenly Hunter exclaimed, “Whoa!” Elsie froze.

Oliver looked back at his younger brother and sighed. “Don’t ruin this, man.”

Hunter, suddenly aware, quickly jammed his phone into his pocket and fixed his hair nervously. “Sorry, I just realized what was happening.” He sat and fixed his attention on the girl.

Oliver, too, returned his attention to Elsie. “My brother’s such a dork,” he said with an easy smile.

Elsie thawed quickly and resumed her strip show. She again felt an unexpected nervousness now that there were two boys staring at her. She found herself unable to make eye contact with either of them. Yet, with blushing cheeks, a nervous smile, and her eyes fixed on the ceiling above, she pushed the garment over her hips, revealing the blue and yellow panties she had drenched the day before. Already they were wet again.

She continued to push the jumpsuit over her ass and down her thighs, until it slid to the floor of its own volition. Then, stepping out of it, one foot at a time, Elsie made herself naked, all except for her panties. She stood there awkwardly, unsure what she had done, or what she should do next. She stopped moving to the music, and her teeth chattered lightly, her breath ragged. Having only been naked in front of Warrick, she was unused to being the object of a man’s gaze.

Oliver felt like he had been holding his breath for an hour. He exhaled slowly, smiling, and reached out to her. He wrapped his hand around her waist and pulled her close to him. She moved between his legs, and sat on one of his thighs and wrapped

Storie simili

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

9 I più visti

Likes 0

Mentore di Brandon Capitolo 6

MENTORING BRANDON Di Bob Capitolo 6: Il grande gioco, parte 2 Questa era la pratica che poneva fine a tutte le pratiche, o almeno così ci è stato detto. Gli allenatori si sarebbero assicurati che fossimo tutti pronti per la partita con Oskie. Coach Kistner, l'allenatore della linea difensiva/linebacker, lavorava nel gruppo universitario, mentre Coach Marsh era con Jerry e Brandon, insegnando loro le loro responsabilità nel nuovo sistema. Dopo 45 minuti abbiamo fatto la nostra prima pausa. Brandon si avvicinò e ci inginocchiammo tutti cercando di riprendere fiato. Abbiamo iniziato a parlare con Tom e Jerry delle chiamate difensive che...

315 I più visti

Likes 1

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.7K I più visti

Likes 0

Osa in una relazione pt.3

Era sabato mattina e il sole splendeva nella nostra stanza. Ho guardato di lato e ho potuto vedere la mia bellissima ragazza che dormiva accanto a me, e i ricordi della scorsa notte hanno iniziato a riaffiorare, il che mi ha fatto arrapare. Questo mi ha fatto venire in mente un'idea, iniziare la giornata con una delle cose che voleva provare. Ho preso le lenzuola da sopra di lei e ho iniziato a baciarle i piedi. Hmm baby, bel modo di svegliarsi... mi sorrise con gli occhi semiaperti Pensavo di iniziare la tua giornata adorando i tuoi piedi come volevi, cosa...

1.1K I più visti

Likes 0

Tre volte parte 2 (Anche da Julius ovviamente & Copyright anche aprile 2008) Si sedettero e mangiarono il loro pranzo. Gli occhi di Paul si staccavano raramente i suoi seni e Marsha li mostravano deliberatamente lui. Si sedette con loro appoggiandosi sul tavolo con loro capezzoli molto in vista. Quando è andata a prenderli altro caffè, è stata premiata con una vista del suo cazzo, completamente eretto e sporgente dall'inguine. È stato pronto di nuovo e Marsha si meravigliò della resilienza di gioventù. Mentre gli versava il caffè, disse: “Penso che sia mio girati per essere soddisfatto; stai rimanendo indietro con...

706 I più visti

Likes 0

La richiesta di Sabrina_(1)

Le estati sono sempre state una seccatura per me. Non fraintendetemi, ho fatto delle cose divertenti con la mia famiglia crescendo, ma non sono mai uscito con i miei amici, la maggior parte delle volte o ero troppo occupato o loro erano occupati, quindi non mi sono allenato. Ora ho diciannove anni e ho finito il mio primo anno di college e un'altra estate si sta trascinando. Sono solo a casa mia a rilassarmi mentre la mia famiglia è fuori a fare le proprie cose. Guardando un episodio in replica di CSI avevo visto una cinquantina di volte che il mio...

772 I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

2.3K I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

2.2K I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Jason capitolo finale

CAPITOLO VENTUNESIMO L'e-mail di Betty diceva: Sono appena uscita dall'ospedale dieci giorni fa e dovevo dire a qualcuno cosa mi è successo. Dal momento che sei sempre stato un buon ascoltatore e non hai mai dato giudizi. Ricordi che ti ho detto che io e mio marito abbiamo allevato alani puri? Bene, ora abbiamo una sessantina dei migliori danesi del mondo. Comunque circa tre settimane fa mio marito mi ha svegliato verso le sei del mattino scopandomi nel culo (amava scoparmi lì e lo faceva abbastanza spesso). Non facevamo sesso da circa cinque giorni e quando è venuto si è davvero...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.