Fenice capitolo 01

824Report
Fenice capitolo 01

Tanya ha danzato sul palco e ha lanciato la sua giarrettiera azzurra sopra le teste della folla esultante. Era spogliata della sua lingerie blu abbinata: corsetto, mutandine e calze, ora, e il corsetto copriva solo la metà inferiore delle sue grandi areole, nascondendo a malapena i suoi capezzoli duri come la gomma.

"Questo è tutto, ragazzi", gridò allegramente Tanya ai suoi ospiti. “Nient'altro viene fuori! Non mi spoglierò nuda il giorno del mio matrimonio per nessuno tranne mio marito!

È scesa dal palco con un misto di "fischi", abbracci, baci e ripetute congratulazioni. Aveva aspettato prima di intrattenere personalmente i suoi ospiti fino a quando la maggior parte del personale dell'MI invitato non avesse già lasciato il ricevimento, nel caso in cui avesse voluto "non andare in pensione" e tornare in servizio attivo. C'era una parvenza di comportamento implicato nell'essere un ufficiale, dopotutto, anche se in pensione, quindi fu sorpresa di trovarsi faccia a faccia con il suo immediato superiore, il colonnello Brady.

"Signore!" balbettò riconoscendo il suo emblema ancor prima di ricordare che non doveva più seguire la procedura militare. Rise nervosamente mentre ricordava il suo nuovo status di civile. Era anche nervosa perché stava cercando di non stare sull'attenti con la maggior parte dei suoi vestiti di fronte al suo ex alto ufficiale.

«A suo agio, maggiore», rise. "Voglio dire, si rilassi, signorina Tanya, signora." Entrambi risero. "Puoi chiamarmi 'Jim', adesso."

"Sì, signore... voglio dire, okay, um, Jim", rispose Tanya, cercando di ridere del suo imbarazzo.

"Non avrei mai pensato che avresti voluto davvero 'diventare' il tuo personaggio sotto copertura", disse il colonnello Jim, alzando il bicchiere per bere un sorso di Cold Duck. "Ma, visto che l'hai fatto, ho un incarico per te."

"Pensavo di essere in pensione, signore... Jim", rispose Tanya, in tono di rimprovero. Sapeva che stava succedendo qualcosa, ma sapeva anche che quest'uomo non le avrebbe chiesto di fare qualcosa che non credeva fosse giusto.

«Sì, e questo si adatta perfettamente», disse il colonnello.

"Va bene", mormorò Tanya. “Sai che sono al tuo comando se hai bisogno di me. Quindi cosa vuoi che faccia?"

"Niente", rispose il colonnello Jim. “Vai, goditi la vita. Ma pensa a me se succede qualcosa di "insolito", ok?"

"Insolito?" Tanya ha chiarito. "Vuoi dire come - se 'lei' torna?"

"Qualcosa del genere, sì", rispose il colonnello Jim. “Non è rimasta alcuna traccia per dimostrare che sia mai esistita, tranne per il fatto che l'abbiamo vista tutti - nessun resto; nemmeno una traccia di DNA. Deve significare qualcosa, ma non so cosa.

“Signore”, disse Tanya, più fermamente ora che aveva deciso di non essere un'amica segreta per lui, “ho visto cosa è successo – l'abbiamo visto tutti! E so per certo che non avrò mai l'opportunità di riferire quello che vuoi sentire. Vorrei solo che fosse diversamente.

"Ehi, novella sposa", disse Frank, avvicinandosi a lei e abbracciandola. "Questo è un momento felice, giusto?" Guardò da Tanya al colonnello e viceversa, un'espressione interrogativa sul viso.

«Scusatemi», disse il colonnello, sorridendo ai due. «Congratulazioni, signor Tabor. È una cattura meravigliosa. Strinse la mano di Frank. «E ora, Tanya, devo andare. Grazie per avermi invitato."

"Che diavolo era tutto questo?" chiese Frank mentre guardava il colonnello Brady andarsene.

Sentì Tanya stringersi nelle sue braccia. "Vogliono ancora..." Sospirò.

"Beh, alcune persone non si arrendono mai", decise Frank. "Così diventano colonnelli nei servizi segreti."

Entrambi risero. Tanya vacillò per un momento, iniziando a sentire tutto lo champagne e l'anatra fredda che si era versata in gola.

"Whoa, là, festaiola", rise Frank mentre la afferrava per le spalle e l'aiutava a raddrizzarsi. "Hai iniziato troppo presto per me."

La maggior parte degli ospiti che erano ex membri del Target Club se ne stavano andando. Molti erano in giro per salutarli, quindi Frank e la sua damigella appena vestita di blu si strinsero la mano e/o li abbracciarono mentre se ne andavano.

"Ah!" Frank rise mentre guardava il bar vuoto ma molto disordinato. “Jessie e Rose erano intelligenti – se ne sono già andate da tempo!

"Bene", si strinse nelle spalle, ora guardando la sua nuova moglie poco vestita, "Io... ehm, pulirò domani!"

Con un guaito e una risata, Tanya fu issata in aria e portata su per le scale dal marito forte e muscoloso. Una volta nella sua stanza, Frank la depose saldamente sul letto e cadde in ginocchio sul pavimento, ansimando e ansimando. Tanya si voltò e lo baciò, ma lui era così senza fiato dalle scale che non riusciva a smettere di ansimare in cerca d'aria dalla bocca per ricambiare il suo bacio.

"Mi stai sbavando addosso!" esclamò Tanya ridendo. Poi si voltò e lasciò cadere le gambe, una su ciascun lato di lui. "Qui! Fai buon uso di tutta quell'aria fritta!"

Lei ricadde sul letto, ridacchiando follemente mentre Frank le infilava la faccia tra le gambe e cominciava a soffiarle addosso ea morderle le succinte mutandine blu.

“Hahahahaha Ah! EHI!" urlò quando i suoi denti cominciarono a diventare un po' ruvidi.

Alzandogli la testa con i pugni tra i capelli, Tanya lo tirò su, sopra il letto e sopra di lei. Era più come se fosse balzato dal pavimento sul letto, e sopra di lei, ovviamente. Lei grugnì sonoramente mentre lui si schiacciava su di lei.

"Dai, scendi!" si lamentò lei, facendolo rotolare. "Faresti meglio a non essere così stanco, ragazzo!"

Alzandosi a sedere, iniziò a sbottonargli la giacca dello smoking, poi gli tolse la lunga fusciacca rossa dalla vita. Se lo drappeggiò giocosamente sul corpetto, poi continuò a sbottonarsi e ad aprire la cerniera di tutto ciò che riusciva a trovare finché i vestiti di Frank non furono tutti sciolti.

Tanya fissò il suo nuovo marito, infastidita. Era ancora coperto! Scivolando giù dal letto, gli strappò via le scarpe, poi gli abbassò i pantaloni. Cominciò a lanciarli dall'altra parte della stanza, poi si ricordò che erano in affitto e li appese invece sullo schienale di una sedia.

Mentre gliela toglieva, Tanya gli raddrizzò la giacca e l'appese allo schienale della sedia insieme ai pantaloni.

"Hai ancora troppi vestiti addosso!" dichiarò, tornando a letto.

"Vuoi che mi spogli per te, piccola?" chiese Frank, i suoi occhi danzavano maliziosamente.

“Certo, Tigre! Fai un Jamie Lee per me!

Frank rotolò dall'altra parte del letto e si passò le mani lungo i fianchi come faceva Tanya quando era sul palco mostrando i suoi seni meravigliosi e la sua figura snella ai suoi clienti adoranti. Tanya balzò in piedi e si inginocchiò al centro del grande letto che Frank aveva costruito.

Lei lo fissò, entrambe le mani sulla bocca per impedirsi di ragliare dritto in faccia con ilarità mentre guardava Frank scrollarsi di dosso lentamente e in modo molto sensuale la camicia bianca inamidata ma stanca, ondeggiando le sue spalle mascoline e lasciando che le maniche scivolassero lungo le sue braccia.

"Sei così divertente!" Tanya squittì, perdendo quasi completamente la testa.

Incoraggiato dalla reazione della sua nuova moglie, Frank fece roteare la maglietta e la lanciò verso di lei dall'altra parte della stanza. Lo prese, ma cadde corto e atterrò sul bordo del letto. Ora stava ondeggiando i fianchi da sinistra a destra e viceversa mentre si tirava su la maglietta umida, esponendo la pancia, poi il petto.

Se lo tirò sopra la testa per il resto. Tanya ha colto l'occasione per avvicinarsi a lui mentre era cieco e aveva la testa coperta. Ridendo esuberante, gli strappò le estremità della maglietta dalle mani e gli avvolse la stoffa intorno al collo.

"EHI! Chi ha spento le luci?" chiese Frank, la sua voce suonava tutt'altro che preoccupata mentre sentiva Tanya che lo teneva in piedi in modo che non perdesse l'equilibrio e cadesse.

Le sue mani corsero veloci dalle sue spalle ai suoi pettorali, le sue dita pizzicarono un capezzolo e lo fecero urlare di sorpresa mentre si chinava e leccava scherzosamente l'altro.

"Whoa, piccola sgualdrina!" gridò Frank, afferrandola alla cieca per le braccia. “Quindi è così che ci si sente! Non c'è da stupirsi che ti piaccia! Si tolse completamente la canottiera.

Prendendola tra le sue braccia, improvvisamente divenne molto serio e la baciò profondamente, appassionatamente, completamente sulle labbra - nessuna stupida azione della lingua, nessun trucco, solo un bacio davvero, davvero fantastico.

“Wow…” mormorò Tanya quando riuscì di nuovo a respirare. Sentì, piuttosto che sentire, Frank ridacchiare profondamente nella sua gola mentre la baciava di nuovo.

"Sei un vero baciatore, signore", mormorò Tanya mentre riprendeva aria.

“Sì, probabilmente,” rifletté Frank, sorridendole in faccia, “ma mi sento ispirato. Forse è quello che sto baciando...» La baciò di nuovo.

"Oh, no, Shakespeare!" Tanya ha risposto, rifiutandolo questa volta. “Un altro bacio così e lo faremo in piedi proprio qui! Voglio che il mio primissimo marito mi prenda come si deve – sdraiata sulla schiena nel letto con le gambe divaricate! Almeno, la prima volta!

"Sembra delizioso!" Frank ridacchiò, lasciandola andare. "Vuoi essere legato anche tu?"

"Uh", disse Tanya, la bocca spalancata in modo intelligente. La domanda la colse di completa sorpresa.

«Come poteva saperlo? Non ho mai detto niente, ho pensato di lavorare su una sfumatura più ampia – facilitarlo…”

Frank rise e iniziò a slacciarle il corsetto. "Dannazione! Questa cosa è stretta!

Dopo un momento, l'ha liberato. Il materiale ben teso si è fasciato di gomma attorno alla vita di Tanya quando l'ultimo gancio è stato rilasciato. Tanya emise un sospiro di intenso sollievo. "Oh, Dio, è bello quasi quanto il sesso!"

Frank sorrise mentre le massaggiava i fianchi e la schiena dove il corsetto aveva impresso una copia di se stesso nella sua carne tenera e calda, sentendola ondeggiare lentamente avanti e indietro mentre si godeva le sue mani fresche che le accarezzavano il torso pruriginoso.

Le sue mani si spostarono inevitabilmente verso l'alto per afferrare i suoi ampi seni ei suoi pollici iniziarono a stuzzicarle i capezzoli induriti, facendole muovere le spalle in avanti in segno di protesta mentre cercava di sopportare l'intensa sensazione. Guidandola verso il letto, le baciò il collo e le spalle, poi iniziò a trascinare le labbra e la lingua verso i suoi capezzoli eccitati.

"Mi stavo chiedendo fino a che punto ti saresti spinta", mormorò Frank mentre accoccolava il viso nella sua scollatura.

"Cosa vuoi dire?" chiese Tanya, cercando di concentrarsi. Le è venuto in mente che potrebbe essere solo un po' alticcia e farfugliare le parole.

"Sul palco mentre ti stavi togliendo l'abito da sposa", rispose Frank, alzando la testa e sorridendole. "Non avevo idea che i pannelli frontali si staccassero in quel modo."

Tanya rise: "Oh, sì, quello." Le venne in mente che probabilmente non avrebbe mai dovuto dirgli che il suo abito da sposa era il costume che indossava per il concorso Miss Nude USA che aveva quasi vinto. Lei gemette mentre Frank girava la testa e cominciava a masticare e baciare il suo seno destro.

"Volevi che lo facessi?" chiese, ancora non capendo il suo precedente commento.

"Che cosa? Intendi spogliarti fino in fondo? chiese Frank. "Non mi sarebbe dispiaciuto - ti hanno visto tutti Starker."

"E la stanza del bersaglio?" chiese, ancora incerta. Tanto vale stabilire presto le regole di base, pensò tra sé, meno confusione e turbamento dopo. Posizione? Ah ah!'

"Che cosa?" chiese Frank, ponendo finalmente fine alla tortura del capezzolo. "Ah, ho capito. Vuoi sapere fino a che punto puoi spingerti ora che siamo sposati. La baciò dolcemente sulle labbra.

«Se ritieni di averne bisogno e io non ci sono», disse Frank, «suppongo che vada bene. Non c'è motivo per cui tu sia infelice o frustrato. Non sono un pudico e non ti condannerò per avere sentimenti fisici. Ma non ho bisogno che le mie donne vengano usate e maltrattate come Jake…”

“Sei dolce,” tubò Tanya, interrompendolo delicatamente, “e lo apprezzo. Ma non ho bisogno di nessuno tranne te. Almeno, non per i prossimi giorni…”

Frank rise e la spinse all'indietro per sdraiarsi sul letto.

“Ooh! Bello e forte!” rise mentre atterrava.

Frank le ha tirato giù le mutandine, quindi ha alzato le gambe per aiutarla. Non poté fare a meno di notare che lei si ritrasse leggermente quando raggiunse la parte superiore delle sue calze.

"Va tutto bene", disse, calmandola. "So come togliermi un paio di calze senza indossarle."

"Ho pensato di lasciarli", rispose Tanya distrattamente. "Alla maggior parte degli uomini piace il loro aspetto."

"Sono comode?" chiese Frank, guardandola. Nei suoi occhi c'era una domanda e Tanya era abbastanza sicura di quale fosse la domanda, ma sapeva che lui l'amava troppo per farsela.

"Le calze?" chiese Tanja. «No, non dopo che sono stato sdraiato per un po'. Mi vengono i crampi alle gambe se le lascio troppo a lungo a meno che non sia in piedi.

Frank sorrise e allungò di nuovo la parte superiore delle sue calze. Questa volta glielo ha lasciato togliere.

"Non sono la maggior parte degli uomini", disse piano mentre le tirava la seconda calza oltre il tallone e la punta delle dita dei piedi. Li adagiò entrambi con molta cura sopra la sua giacca da smoking.

"No, non sei come la maggior parte degli uomini", mormorò Tanya. "E solo per questo, potrei amarti."

"Potresti?" chiese Frank, la risata negli occhi, ora. "Cosa devo fare per conquistarti completamente?"

Tanya sorrise. Il suo amorevole nuovo sposo ha appena aperto la porta al suo pervertito memore delle fantasie. Se tutto avesse funzionato, al mattino non sarebbe stata in grado di camminare.

"Bene", rifletté, "potresti iniziare legandomi al letto..."

"Ah, ah!" Frank ridacchiò. “L'ho capito nell'istante in cui ho visto quel corsetto tagliarti a metà! Sei un maniaco della schiavitù!

"Colpevole", piagnucolò Tanya, riuscendo a malapena a trattenersi dal ridere per la sua reazione esuberante. “Allora, legatemi e punitemi…”

"Uh-huh, giusto", rispose Frank. "Cosa con?"

"OH!" disse Tanya, rendendosi improvvisamente conto che in realtà non aveva niente con cui legarla. “Beh, vediamo… Hai un armadio pieno di vestiti, tesoro. Usa la tua immaginazione."

Frank saltò su e riportò una mezza dozzina di magliette a maniche lunghe. “Va bene, tesoro,” disse, la sua voce piena di promesse mentre lasciava cadere il suo carico di vestiti sul letto. Tanya si mise in posizione e allungò il braccio destro, presentandosi per essere legata.

Frank le legò scherzosamente una manica intorno al polso. "E adesso?" chiese, non sicuro di cosa volesse.

"Legalo intorno alla testiera?" disse, guardandosi intorno speranzosa in un posto dove legare l'altra manica. "Hmm, immagino che tu debba usare la cornice."

Frank finì per grattarsi le braccia tra la testiera e il materasso e abbottonare il risvolto della manica rimanente attorno al telaio che reggeva le molle. Mentre era lì, fece lo stesso con un'altra maglietta, poi le legò il braccio libero intorno al polso sinistro. Ora, Tanya era distesa sul letto con entrambe le braccia legate sopra la testa.

Tanya aveva ancora abbastanza libertà di movimento per raggiungere il suo viso con le mani finché Frank non le afferrò le gambe e la tirò più giù sul materasso in modo da poterle legare anche i piedi.

"Dio, hai un bell'aspetto," ansimò Frank, indietreggiando e guardando la sua opera.

Tanya giaceva al centro del letto con le gambe larghe e legate, guardando impotente. Lo sguardo sul suo viso si tradusse in pura lussuria. Poteva fare tutto ciò che voleva e lei non poteva farci niente tranne forse urlare.

"Cosa mi farai, signore", tubava Tanya, interpretando il ruolo della vittima rapita.

"Non ho deciso", disse Frank pensieroso, cercando di far lavorare la sua mente in un'area in cui non era mai andato prima.

«Ah!» esclamò a bassa voce, ricordando alcuni oggetti di scena dal camerino della spogliarellista al piano di sotto. "Torno subito."

"Porta qualcosa da mangiare", suggerì Tanya, gridando al suo culo nudo mentre scompariva attraverso la porta.

Frank è praticamente volato giù per le scale e attraverso il bar fino alla porta del palcoscenico. Una volta nel camerino, ha tirato fuori un paio di piume da un costume, poi è entrato in cucina, sperando di trovare qualcosa di erotico da usare sul suo corpo nudo in attesa. Raccogliendo le cose man mano che le trovava, Frank si rese conto che avrebbe avuto bisogno di un cesto della biancheria per trasportare tutto, quindi tornò nello spogliatoio e ne trovò uno.

'Hmm, vediamo', pensò, attraversando di nuovo la cucina. 'Ciliegie al maraschino, bottiglia di vino, un secchio! Avrò bisogno di ghiaccio!' mise del ghiaccio nel secchiello attorno a una bottiglia di vino avanzata dal ricevimento. 'Sì! Sciroppo di cioccolato!'

Tornò verso le scale, poi si fermò. 'Cibo! Ha detto...' Quella parte era facile. Il bar non era ancora stato ripulito e c'era cibo dappertutto, soprattutto torte nuziali.

Un sorriso malizioso si allargò sul suo viso al pensiero di spalmarle una torta bianca umida e glassa su tutto il seno e la pancia, poi spruzzarle cioccolato e versarle addosso ciliegie al maraschino.

'Una vera delizia per la torta nuziale,' pensò eccitato mentre la sua immaginazione si scatenava con le immagini di riempire la sua dolce fica bionda di torta nuziale e poi scopare la sua torta e la figa piena di glassa.

Tagliò un grosso pezzo dalla torta nuziale e lo adagiò con cura sopra tutto il resto nel cesto della biancheria, poi lo portò di sopra.

Tanya si era tirata su un po' in modo che le sue gambe fossero strette contro le maniche della camicia legate intorno alle sue caviglie, ma le sue braccia erano abbastanza larghe da raggiungerle di nuovo il viso.

"Scusa, avevo un prurito", spiegò quando lui appoggiò il cesto della biancheria e la guardò dalla testa ai piedi.

"No, va bene", disse Frank, distratto. "Mi stavo solo chiedendo da dove cominciare."

'Ovunque, stupido,' pensò tra sé. 'Basta iniziare! Adorerà qualunque cosa tu faccia... Fai solo qualcosa!'

La guardò mentre giaceva lì, in attesa. I suoi fianchi si muovevano lentamente avanti e indietro, indicando che era più che pronta per iniziare. Ha iniziato con la piuma. Tanya sorrise quando lo vide, poi chiuse gli occhi per essere sorpresa quando lui l'avesse toccata.

Frank le accarezzò dolcemente la piuma lungo le costole e guardò Tanya tremare sensualmente al tocco gentile e solleticante. Cominciò a respirare un po' più pesantemente attraverso la bocca, ora, invece del naso, tutta la parte superiore del suo corpo si muoveva con il suo respiro erotico.

'Dio! Lei sa come accenderlo!' pensò mentre le sfiorava lentamente la punta della piuma contro la carne. Le circondò i seni con la piuma, disegnando cerchi sempre più stretti attorno ai suoi capezzoli. Mentre la piuma si avvicinava in cerchio, Frank trovò difficile non iniziare a ridacchiare di gioia mentre guardava i suoi capezzoli quasi triplicare per la sua eccitazione.

Sollevò la piuma e Tanya inarcò la schiena, cercando di trovare la piuma con i suoi seni. Schiaffeggiò l'estremità morbida della piuma su un capezzolo indurito, facendola sussultare per l'improvvisa sensazione. Quando la guardò in viso, vide che i suoi occhi erano ancora chiusi. Era davvero presa dalla sua schiavitù.

"La prossima volta benderò anche lei", pensò Frank. "Sembra che le piaccia non poter vedere cosa sto facendo."

Continuò a girare intorno, attraverso lo sterno e fino ad accarezzarle il collo con la piuma, poi si diresse attraverso il suo corpo verso l'altro seno. Tanya mosse le spalle e sospirò, incapace di contenere il piacere per il suo gioco gentile e sensibile. I suoi occhi erano ancora chiusi e Frank si chiese cosa stesse visualizzando, se non altro.

In un altro minuto, aveva il suo capezzolo sinistro eccitato e appuntito come lo era stato quello destro. Cominciò a schiaffeggiarli delicatamente uno alla volta con l'estremità della piuma. Poi, usando l'estremità acuminata, toccò delicatamente la punta contro uno dei suoi capezzoli.

Tanya sobbalzò, senza fiato. I suoi occhi si spalancarono, poi si rilassò quando si rese conto di cosa la stava toccando.

"Cosa pensavi che fosse?" chiese Frank, ridendo con lei alla sua risposta sorpresa.

Lei non ha risposto. Invece, Tanya chiuse di nuovo gli occhi e inarcò i seni, desiderando che ci giocasse ancora un po'. Ridendo dolcemente, Frank disegnò dei disegni circolari attorno ai suoi seni con l'estremità appuntita della piuma, lasciando delicati graffi bianchi sulla sua pelle morbida e cremosa. Continuò a scendere oltre la sua gabbia toracica e le tirò sullo stomaco per un minuto o due, facendola contrarre un paio di volte.

Raggiungendo il suo cesto di prelibatezze, afferrò un cubetto di ghiaccio dal secchiello del vino e lo infilò nell'ombelico di lei. Con un grido sorpreso, Tanya si alzò di nuovo con gli occhi spalancati per vedere cosa stesse facendo.

"Non ti fidi di me!" Frank l'ha accusata.

"Sì, lo voglio", rispose Tanya con ansia. "Voglio solo vedere cosa stai facendo, tutto qui."

Frank si alzò, lasciando il cubetto di ghiaccio in quella rientranza sexy nel mezzo della sua pancia.

"Dove stai andando?" Tanya voleva sapere.

"Ti benderò gli occhi", rispose Frank, cercando e poi trovando la sua fascia rossa.

Tanya alzò la testa senza protestare mentre lui le legava l'ampio panno attorno al viso.

"Com'è quello?" chiese. "Comodo?"

"Sì, fantastico", rispose Tanya, cercando di muovere la testa in modo da poterlo vedere attraverso il puntino di luce che le scendeva dal naso. Dopo pochi secondi, decise che non ne valeva la pena, e semplicemente si distese per lasciargli fare ciò che voleva con lei.

Poteva sentirlo muoversi sul letto. Ogni nervo del suo corpo si aspettava di essere toccato o punto da qualcosa. Ci fu un ronzio definito e molto piacevole che iniziò tra le sue gambe. Sperava che avrebbe fatto qualcosa al riguardo, presto, anche.

Qualcosa di molto dolce le toccò le labbra. Aprì goffamente la bocca e sollevò la testa in avanti per scoprire cosa fosse. Frank le stava sfiorando le labbra con un piccolo pezzo di torta. Chiuse le labbra attorno ad esso, gemendo di piacere al gusto, poi si accorse di avere anche un dito in bocca.

Ridacchiando, inghiottì il pezzetto di torta e glassa e iniziò a succhiargli il dito. Sentì il suo suono di approvazione, poi ritirò il dito. Sentì qualcosa di caldo e soffice che veniva applicato al suo capezzolo destro. Dall'odore e dalla sensazione, era più una torta nuziale. Sorrise e sospirò di piacere mentre Frank applicava altra torta nuziale all'altro suo capezzolo. Poi lo leccò delicatamente, prima un capezzolo, poi l'altro.

Qualcosa di umido le gocciolava sul viso. Aveva anche un odore forte e dolce, ma più fruttato, questa volta. Leccandosi l'umidità dalle labbra, riconobbe lo sciroppo di ciliegia e si rese conto che Frank stava probabilmente tenendo una ciliegia al maraschino vicino alle sue labbra. Aprendo la bocca e alzando la testa, cercò alla cieca il dolcetto. Dopo qualche secondo, lo lasciò sfiorare le sue labbra e lei lo succhiò avidamente in bocca e lo masticò, gemendo di piacere mentre ingoiava il suo piccolo premio.

Poi sentì qualcosa gocciolare su un seno. Era spessa e una parte le scorreva lungo il fianco. Dopo che l'intero seno sinistro sembrò coperto dalla sostanza, poté sentire Frank disegnare disegni, gocciolare il liquido fresco sulla sua pancia.

Le tracciò dei delicati cerchi sullo stomaco, poi ne fece gocciolare un po' proprio sulla sua clitoride eccitata, facendola ansimare alla sensazione.
Sentì il suo dito toccarla laggiù per un istante, poi qualcosa di umido le premette contro le labbra. Aprì la bocca e leccò. Era cioccolato!

"Yum!" gemette. "Dio! Sono ricoperto di cioccolato?

"Sì!" Frank ha risposto, "e ho intenzione di leccare via tutto!"

"Oh Dio!" Tanya mormorò mentre sentiva la sua bocca succhiare avidamente un capezzolo ricoperto di cioccolato.

La lingua bagnata e solleticante di Frank ha inseguito il cioccolato appiccicoso e umido attorno al suo seno e lungo il lato della gabbia toracica, fino al lenzuolo su cui era sdraiata. Tanya era così eccitata ora che non riusciva a stare ferma. Alla fine, Frank smise di stuzzicarle i punti di solletico sulla sua cassa toracica e iniziò a leccare le scie di cioccolato che aveva fatto sulla sua pancia, scendendo lentamente verso la sua figa ricoperta di cioccolato.

Mentre la sua lingua calda e liquida si spostava più in basso lungo la sua pancia, Tanya continuava a sollevarsi con il busto, sollevando il bacino in aria, disperatamente che lui la toccasse laggiù. Lei gemette per la frustrazione mentre lui le leccava tutto intorno il clitoride, mancandolo a ogni leccata sensuale mentre lei si contorceva avanti e indietro, cercando di introdurre il suo clitoride nella sua lingua calda e avvolgente. Poi, finalmente è successo!

“Aaa – Ah!” Tanya gridò quando la lingua di Frank atterrò esattamente, proprio sul suo piccolo clitoride duro! La sensazione era incredibile e lei si contorceva in modo incontrollabile mentre il suo primo orgasmo da sposata si riversava nel suo corpo, travolgendola completamente.

“Wow, baby,” sentì Frank esclamare con sorpresa. "Idrante!"

Dopo la sua prima grande sborrata, Frank tornò al suo clitoride, leccandolo delicatamente con la lingua, senza darle la possibilità di calmarsi. Tanya continuava a gridare ea dimenarsi, un momento schiacciandogli il bacino contro la faccia, un momento dopo cercando disperatamente di sfuggire alle sue spietate frustate con la lingua.

Dopo alcuni minuti di pura tortura della lingua, Frank lasciò che la sua nuova sposa si rilassasse, la sua lingua era troppo stanca per fare qualcosa di più in quel momento. Tanya giaceva senza fiato sul letto, le braccia e le gambe ancora legate, il corpo coperto da una sottile lucentezza luccicante e da un sacco di striature appiccicose sulla lingua di cioccolato.

Frank si chinò e leccò dal fondo delle sue labbra bagnate fradicie fino al clitoride, dandole un ultimo orgasmo da far tremare le orecchie. Tanya rimase sdraiata sul letto per diversi minuti, contorcendosi ogni pochi secondi mentre un altro minuscolo orgasmo sfuggiva attraverso il suo corpo ipersensibile.
Piagnucolando debolmente a ogni espirazione, Tanya si tastò intorno con una mano e alla fine riuscì a togliersi la benda rossa dagli occhi.
"Oh, Dio, sei così fottutamente incredibile..." mormorò, ancora senza fiato per i suoi orgasmi.

"Sono contento che ti sia piaciuto", ha scherzato Frank. Stava ancora sfoggiando una bella erezione, ma non sembrava avere ancora fretta di usarla. "Vuoi del vino?"

"Sì", Tanya sospirò debolmente.

Frank tirò fuori la bottiglia e abbassò con cautela il bordo della bottiglia sulle labbra di Tanya. Ne versò appena un po', poi si fermò. Dopo che lei ebbe deglutito, lui ne versò ancora un po', poi ne bevve un bel sorso e rimise a posto la bottiglia. Spiando diverse goccioline di umidità sui seni di Tanya, le strofinò delicatamente con la mano.

"C'è dell'altra torta", suggerì Frank, tirando fuori il grosso pezzo che aveva tagliato prima.

"Dio", ansimò Tanya, guardandolo. “Non possiamo mangiare tutto questo! Sarei incosciente per una settimana!

Frank sorrise e ne staccò un pezzo, offrendolo alle labbra di Tanya. Dopo averle dato un paio di piccoli bocconi, ne mangiò un po' lui stesso, poi si alzò in ginocchio.

Tanya strillò il suo piacere e la sua sorpresa mentre guardava Frank prendere il resto del pezzo di torta e iniziare a masturbarsi con esso, ricoprendo completamente il suo cazzo duro con torta e glassa bianca. Poi, mettendo la torta rimanente accanto a lei sul letto, Frank si alzò in ginocchio dove Tanya poteva raggiungerlo con la bocca. Mentre si avvicinava, Tanya provava ridendo ancora e ancora ad allungarsi verso di lui, aspirando rumorosamente l'aria attraverso quella deliziosa "O" della sua bocca sexy.

Alla fine la raggiunse. Non le è entrata in bocca gran parte della torta, ma si è divertita con entusiasmo a leccare e succhiare tutto il suo cazzo. C'era più torta e glassa intorno alla sua bocca e sulle sue guance di quanta ne riuscisse effettivamente a ingoiare.

Dopo alcuni istanti in cui Tanya gli succhiò il cazzo duro e le fottò dolcemente il viso, Frank si staccò e si riposizionò inginocchiandosi tra le sue gambe.

"Finalmente sarò fottuto da mio marito?" chiese speranzosa Tanya.

Frank non ha risposto. Sorridendo maliziosamente, si abbassò e raccolse la torta rimanente che giaceva accanto a lei.

"Oh no!" Tanya gridò. "Non hai intenzione di... Accidenti!"

Prendendo la torta, Frank gliela spalmò su tutta la pancia, spalmandole la torta e la glassa su tutto il busto. Prendendo un grosso pezzo di torta fracassata con entrambe le mani, lo frugò tra le sue gambe aperte. Tanya si girò selvaggiamente, cercando di stringere le labbra della figa in modo che nessuna torta le salisse dentro. Non ha funzionato. In pochi secondi, la sua figa era piena di torta bianca soffice e pastosa e glassa.

Tanya si strinse con rabbia il bacino, cercando di spingerlo indietro. Frank rise e tenne la mano stretta contro la sua fessura, spingendo dentro tutto ciò che usciva. Con un ringhio di frustrazione, Tanya lasciò cadere la testa all'indietro e rimase lì, irradiando con rabbia il suo turbamento con lui.

Strofinando le mani sul suo busto coperto di torta, Frank si posizionò contro le sue labbra e spinse il suo cazzo duro nella sua figa piena di torta.

"Oh Dio! È fantastico! Frank gridò mentre una soffice torta bianca e il calore umido della figa circondavano il suo cazzo. Ha iniziato a scoparla con serietà, senza aspettare che lei lo raggiungesse.

Allungandosi e trascinando più vicino il cesto della biancheria, tirò fuori lo sciroppo di cioccolato.

"NO!" Tanya urlò, cercando di allontanarsi da lui mentre si rendeva conto di cosa stava per fare.

"Oh, è carino," Frank le sorrise mentre lei si contorceva. "Fallo di nuovo!"

Tanya sobbalzò di nuovo, più volte mentre Frank le spruzzava lo sciroppo di cioccolato sulla pancia e sul seno. Rallentando, Frank si appoggiò allo schienale e tirò fuori quasi del tutto, poi coprì il suo cazzo esposto di cioccolato. Poteva sentire Tanya piagnucolare mentre il liquido fresco e denso scorreva sulla sua clitoride e giù per le labbra della sua figa.

Frank premette il coperchio per chiuderlo, poi spinse di nuovo dentro di lei il suo cazzo ricoperto di cioccolato. Rise sorpreso e Tanya guaì mentre una fontana di cioccolato appiccicoso eruttava e schizzava sulla sua pancia. Tirandosi fuori, Frank la speronò di nuovo. C'era meno di una spruzzata di cioccolato questa volta.

Facendo scorrere le mani lussuriosamente sul suo ventre e sui seni appiccicosi, Frank riportò rapidamente Tanya a uno stato di eccitazione. Nessuno poteva ignorare quella sensazione, anche se lei si sforzava davvero di non lasciarlo vincere.

Dopo un paio di minuti delle sue mani sul suo corpo, lei si stava contorcendo sotto di lui, gemendo e gridando, il suo corpo invaso ancora una volta dalla sensazione orgasmica. Era così piena di roba appiccicosa che non ha sentito il suo orgasmo. Ma sapeva che era venuto quando l'aveva sbattuta forte un paio di volte, esercitando un'intensa pressione contro il suo clitoride con il bacino mentre il suo intero busto si contraeva diverse volte.

Sdraiato accanto a lei, Frank fece scorrere le dita su e giù per il suo dolce ventre appiccicoso.

"Dio, sei un bel pasticcio", mormorò, poi si addormentò, il braccio appoggiato sul suo stomaco appiccicoso e ricoperto di cioccolato.

Tanya si liberò le mani dalle maniche della camicia, poi si girò per sdraiarsi su un fianco, le gambe ancora divaricate, ma ora in posizione di deambulazione. Spingendo i suoi seni appiccicosi contro il suo viso, si sdraiò, pensando di soffocarlo in tutto quel cioccolato appiccicoso che aveva promesso di mangiare. Si addormentò prima che potesse farcela, tuttavia, completamente esausta da tutti quei meravigliosi orgasmi.

Storie simili

Mentore di Brandon Capitolo 6

MENTORING BRANDON Di Bob Capitolo 6: Il grande gioco, parte 2 Questa era la pratica che poneva fine a tutte le pratiche, o almeno così ci è stato detto. Gli allenatori si sarebbero assicurati che fossimo tutti pronti per la partita con Oskie. Coach Kistner, l'allenatore della linea difensiva/linebacker, lavorava nel gruppo universitario, mentre Coach Marsh era con Jerry e Brandon, insegnando loro le loro responsabilità nel nuovo sistema. Dopo 45 minuti abbiamo fatto la nostra prima pausa. Brandon si avvicinò e ci inginocchiammo tutti cercando di riprendere fiato. Abbiamo iniziato a parlare con Tom e Jerry delle chiamate difensive che...

315 I più visti

Likes 1

Dominazione_(2)

I due guidarono in un silenzio a disagio finché Frank non offrì imbronciato: Non vedo perché continui a vedere questo ragazzo! Non ti rendi conto di quanto sia degradante per me? Mi dispiace, rispose Dana, ma sai che non c'è niente da fare e, a proposito, oggi Jack vuole che tu guardi. Che cosa!?! suo marito da quindici anni urlò indignato. “Certamente non lo farò!!!” Dipende da te, ovviamente, rispose lei in modo pacato, ma ha detto che se non ti fossi presentato sarebbe passato nel tuo ufficio e ti avrebbe picchiato a morte. Frank se ne accorse mentre parcheggiava l'auto...

10 I più visti

Likes 0

Osa in una relazione pt.3

Era sabato mattina e il sole splendeva nella nostra stanza. Ho guardato di lato e ho potuto vedere la mia bellissima ragazza che dormiva accanto a me, e i ricordi della scorsa notte hanno iniziato a riaffiorare, il che mi ha fatto arrapare. Questo mi ha fatto venire in mente un'idea, iniziare la giornata con una delle cose che voleva provare. Ho preso le lenzuola da sopra di lei e ho iniziato a baciarle i piedi. Hmm baby, bel modo di svegliarsi... mi sorrise con gli occhi semiaperti Pensavo di iniziare la tua giornata adorando i tuoi piedi come volevi, cosa...

1.1K I più visti

Likes 0

Tre volte parte 2 (Anche da Julius ovviamente & Copyright anche aprile 2008) Si sedettero e mangiarono il loro pranzo. Gli occhi di Paul si staccavano raramente i suoi seni e Marsha li mostravano deliberatamente lui. Si sedette con loro appoggiandosi sul tavolo con loro capezzoli molto in vista. Quando è andata a prenderli altro caffè, è stata premiata con una vista del suo cazzo, completamente eretto e sporgente dall'inguine. È stato pronto di nuovo e Marsha si meravigliò della resilienza di gioventù. Mentre gli versava il caffè, disse: “Penso che sia mio girati per essere soddisfatto; stai rimanendo indietro con...

706 I più visti

Likes 0

La richiesta di Sabrina_(1)

Le estati sono sempre state una seccatura per me. Non fraintendetemi, ho fatto delle cose divertenti con la mia famiglia crescendo, ma non sono mai uscito con i miei amici, la maggior parte delle volte o ero troppo occupato o loro erano occupati, quindi non mi sono allenato. Ora ho diciannove anni e ho finito il mio primo anno di college e un'altra estate si sta trascinando. Sono solo a casa mia a rilassarmi mentre la mia famiglia è fuori a fare le proprie cose. Guardando un episodio in replica di CSI avevo visto una cinquantina di volte che il mio...

772 I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

2.3K I più visti

Likes 0

Un sabato di piacere da cheerleader Ch. 08

La luce del sole si riversava dalle mie finestre e nella mia camera da letto mentre mi svegliavo in un tipico sabato mattina. Ho tolto la coperta dal mio corpo nudo e ho tolto i pantaloni blu di Becca dall'inguine mentre mi alzavo dal letto. Gli slip erano ancora ricoperti dal mio sperma della notte precedente. Gettai da parte le mutandine umide e mi avvicinai alla mia scrivania. Mi sono seduto sulla sedia, ho preso il mio laptop e ho acceso il computer. Ho aperto la mia e-mail e ho guardato la nuova posta che era arrivata. Avevo solo una nuova...

2.2K I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Jason capitolo finale

CAPITOLO VENTUNESIMO L'e-mail di Betty diceva: Sono appena uscita dall'ospedale dieci giorni fa e dovevo dire a qualcuno cosa mi è successo. Dal momento che sei sempre stato un buon ascoltatore e non hai mai dato giudizi. Ricordi che ti ho detto che io e mio marito abbiamo allevato alani puri? Bene, ora abbiamo una sessantina dei migliori danesi del mondo. Comunque circa tre settimane fa mio marito mi ha svegliato verso le sei del mattino scopandomi nel culo (amava scoparmi lì e lo faceva abbastanza spesso). Non facevamo sesso da circa cinque giorni e quando è venuto si è davvero...

2.3K I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.