Iron Man 2: Vedova Nera Bukkake

745Report
Iron Man 2: Vedova Nera Bukkake

L'Audi argentata di Tony Stark stride dietro un angolo mentre si dirige verso Hammer Industries.

"Quando arriviamo ho bisogno che tu guardi il perimetro" dice Natasha mentre si toglie i fermagli per capelli. "Entrerò nella struttura e abbatterò il bersaglio." Si apre la cerniera della camicia rivelando il reggiseno. Il suono dello scatto attira l'attenzione dell'autista, Happy Hogan. Guarda nello specchietto retrovisore. Distratto, inizia a deviare nel traffico in arrivo. Ritorna nella sua corsia.

“Guarda la strada”

"Capito. Capito."

Natasha si sgancia il reggiseno e se lo toglie. Si sdraia sul sedile posteriore alzando i piedi in aria. Spinge la gonna giù per le gambe e via, poi le calze e infine il perizoma. È nuda. L'auto si ferma.

Felice guarda indietro, osservando la vista prima di annunciare "Siamo qui".

Natasha e Happy scendono dall'auto. Happy si avvicina alla porta della struttura, si gira e vede Natasha chinata che aggiusta lo specchietto laterale in modo che possa vedersi. Si applica una nuova passata di rossetto SHIELD Standard Issue Sweet Dreams sulle labbra. Happy la fissa mentre si applica il rossetto. Prende una mano libera e tira di lato la guancia di un culo. Happy dà una buona occhiata alla sua figa perfettamente rasata e al suo buco del culo.

"Ti piace quello che vedi?"

"Stavo, uh, controllando il perimetro."

"Certo che lo eri." Lei alza gli occhi al cielo. Si rende conto che si metterà solo in mezzo. Si appoggia all'indietro in macchina e mette via il rossetto. Prende due cose, una tessera di bypass di sicurezza e un pulsante Tesla. Lancia il pulsante Tesla a Happy.

"Tieni questo." Happy lo prende e lo gira. Ha le dimensioni di un biscotto.

"Cos'è il tizzzz?" Il pulsante Tesla si scarica, scioccando Happy. Ha perso i sensi e cade. Natasha trascina Happy dall'altra parte dell'auto fuori dal sito da chiunque sia alla porta. Natasha fa scorrere la tessera magnetica, la serratura elettronica lampeggia in verde. Getta la tessera magnetica di lato e apre la porta. Gli allarmi suonano. Viene immediatamente accolta da una grande guardia latina.

“Stop right...” Non finisce mai la frase, vede Natasha in tutta la sua gloriosa nudità.

Dando alla guardia la sua migliore confraternita ubriaca, Natasha, dice "Sono infastidito dalla mia confraternita, ho bisogno di un passaggio a casa"

"Che cosa?"

"La mia confraternita mi ha spogliato e mi ha lasciato qui per tornare a casa nudo in autostop"

"Aspetta, come sei arrivato qui?"

"La porta era aperta". La guardia la guarda dubbiosa.

“Senti signora, questa è un'area riservata. Dovrai venire con me.

"Sono nei guai?" mette uno sguardo in preda al panico sul suo viso.

"SÌ."

"Aspettare. Per favore, signore, non voglio mettermi nei guai. Lei gli fa gli occhi da cerbiatta. La sua radio gracchia.

"Che diavolo sta succedendo là fuori?" Probabilmente pensa il suo capo Natasha.

“Beh, ehm…”

“Per favore, signore. Farò qualsiasi cosa." Alza un dito per zittirla. Lei si avvicina a lui. Lei prende la sua mano zitta e la guida verso la sua figa. Con la mano libera, mima il succhiare il cazzo mentre usa la lingua per sporgere la guancia.

“Puoi portare i tuoi amici mister. È solo che non voglio mettermi nei guai". Gli sussurra all'orecchio.

“Beh, uh, dovrai solo vedere di persona. Porta i ragazzi. Natasha entra nel bagno degli uomini, usando per tutto il tempo i suoi fianchi più sexy lungo la strada. 'Uomini, tutti così fottutamente facili. Natasha pensò tra sé.

"Nel bagno degli uomini." Dice la guardia alla radio. La guardia segue Natasha nel bagno degli uomini. È inginocchiata sul pavimento. La guardia gli apre la cerniera dei pantaloni e gli tira fuori il cazzo. Natasha bacia la punta, poi lo prende in bocca.

"Usa la lingua". Lui comanda. Lei obbedisce. Lui geme. Il suo cazzo si irrigidisce nella sua bocca, le mette la mano sulla testa e inizia a scoparla lentamente. Cinque guardie entrano in bagno.

“Unisciti ai ragazzi della festa. Questa piccola puta si è persa e non vuole mettersi nei guai per essere entrata qui.»

"E le hai appena creduto?" chiese incredulo il Capitano della Guardia.

"Sta" mantenendo "la sua parte dell'accordo." Ha enfatizzato la tenuta agitando il suo cazzo nella bocca di Natasha. Le altre quattro guardie, escluso il capitano di guardia, sorrisero e tirarono fuori i loro cazzi. La circondano. Natasha è calma, si era già trovata in questa situazione, parte del suo addestramento alla Red Room. Uno per uno si voltò e baciò ciascuno dei loro cazzi dando loro un sorriso brillante in seguito. La guardia nera si inginocchia dietro di lei e le tocca il buco del culo. Guarda la guardia latina e chiede.

"Arrosto allo spiedo?"

“Arrosto allo spiedo”. La guardia latina sorride.

La guardia nera si alza e solleva anche i fianchi di Natasha. Lui è alto, lei è in punta di piedi. Le mette il cazzo nel buco del culo, la guardia latina torna nella sua bocca. Le due guardie sprofondano, mentre la guardia nera spinge, la guardia latina arretra e viceversa. Natasha ha due guardie che la fiancheggiano, prende i loro cazzi. Una guardia, sola, sta in disparte ad accarezzarsi. La guardia nera se ne accorge.

"Bruh, non stare fermo lì." Afferra l'interno coscia di Natasha e le solleva la gamba, ruotando i fianchi di novanta gradi e offrendo la figa alla guardia di lato. La guardia mette il suo cazzo nella sua figa.

"Dannazione, questa cagna è asciutta." Egli afferma. Questa non era la prima DP di Natasha.

Nonostante fosse molto brava a scopare, Natasha non sentiva niente mentre scopava. È morta dentro a causa del suo addestramento alla Red Room. Al suo compleanno, ogni anno, per otto anni. È stata stuprata di gruppo alla Red Room. Era una procedura standard. Ogni ragazza lì per il suo compleanno è stata stuprata in gruppo dalle guardie fuori servizio. Le ragazze meno attraenti se la sono cavata relativamente facilmente, con solo poche ore di stupro. Le belle ragazze, come Natasha, sono state stuprate per 24 ore intere, molte sono finite in infermeria. Il sesso era un'intera divisione della loro educazione. Dopo che tutte le ragazze di una classe hanno subito il loro primo stupro, la loro formazione è iniziata formalmente. Primo in classe essendo mostrato su dildo e manichini, poi attraverso l'esperienza pratica essendo sfruttato dai più ricchi del mondo. The Red Room, così chiamata per dare l'idea a chiunque ascolti di nascosto la gente che ne parla che non fosse altro che un bordello di lusso. La Red Room è sopravvissuta alla caduta dell'Unione Sovietica perché era un progetto illegale, finanziato interamente da ricchi clienti che pagavano per scoparsi le ragazze. Natasha ha ricevuto il titolo di "Vedova Nera" perché ha ucciso uno dei suoi clienti. Non l'ha ferita o minacciata, era un amante premuroso, anche se Natasha non poteva raggiungere l'orgasmo. Il suo unico crimine era pagare la direttrice per potersi scopare Natasha ogni tanto. Mentre la palla è imbavagliata, ammanettata a un letto e con Natasha che lo cavalca come cowgirl, lei gli ha schiacciato la trachea e lo ha soffocato con la sua figa per buona misura. La direttrice le ha chiesto perché. Natasha rispose con un'alzata di spalle.

Adesso tutti e cinque gli uomini stavano ansimando. Poteva sentire i due cazzi nelle sue mani cominciare a pulsare. Il latino le venne in bocca, lei deglutì.

Tira fuori, chiude la cerniera e lascia il bagno. Si gira verso gli altri uomini e dice "Vieni sulla mia faccia, dammi il tuo sperma".

La guardia nera e la guardia nella sua figa si tirano fuori. Si accarezzano aspettando che Natasha finisca gli altri due. Natasha si inginocchia ancora una volta. Le quattro guardie la circondano. Le due guardie che sta prendendo in giro le vengono in faccia. Uno di loro le inchioda l'occhio destro, l'altro le lascia una striscia di sperma dall'attaccatura dei capelli al mento. Si gira verso la guardia nera, mentre i due che ha appena finito se ne vanno, e raggiunge il suo cazzo. Le afferra la testa con una mano e con l'altra le tiene aperta la palpebra sinistra.

"Fammi venire su quei begli occhi."

Natasha prende il suo cazzo e lo porta in linea con il suo occhio aperto appoggiato. La guardia nera geme e spinge, il suo cazzo quasi le colpisce l'occhio, ma si ferma di poco e le esplosioni direttamente sull'occhio. L'ultima guardia finalmente si fa avanti.

"Dopo che sarò arrivato, non smettere di farmi una sega." Lo prende con entrambe le mani e lo accarezza furiosamente. Lui geme e le scarica il suo carico sul viso, lasciandole una macchia sulla fronte. Lei continua ad accarezzarlo proprio come lui le chiede mentre gli tocca la punta del cazzo con la lingua. Lui geme e rilascia un secondo carico, raddoppiando sulla macchia sulla sua fronte. Tira fuori il suo cazzo dalla sua presa, chiude la cerniera e se ne va. Rimane solo il Capitano della Guardia. Natasha si alza e si avvicina al lavandino e si lava via lo sperma dalla faccia. Il suo lavaggio pulisce anche la sostanza chimica Sweet Dreams. 'Dovrò uccidere il Capitano della Guardia' pensa. Il Capitano della Guardia si avvicina a lei e le tira i capelli con una mano e con l'altra le palpa i seni.

"Non so quale sia il tuo giochetto, ma con me non funzionerà." Ringhiò. "Potresti essere venuto qui aspettandoti un po' di divertimento, ma dopo che avrò finito con te, te ne pentirai." Le spalanca le gambe con le sue e apre la zip. Internamente Natasha sbadigliò. Quest'uomo patetico non era niente di nuovo, ma lei aveva la sua parte da recitare.

"No, per favore signore, non farmi del male." Lei sa esattamente che tipo di uomo è.

“Pregami. Supplica ‘papà’ di perdonare la sua bambina”

"Papà mi dispiace, per favore non punirmi."

"Sei stata una cattiva ragazza e hai bisogno di essere punita." La sculaccia forte.

"No, per favore papà." Natasha inizia a piangere lacrime di coccodrillo. Tutto parte della fantasia. Alla Red Room ha imparato che il modo migliore per porre fine a uno stupro era stancare lo stupratore, diventando la sua fantasia.

La fa piegare bruscamente sul lavandino, le tira i capelli, facendole alzare di scatto la testa.

"Guardami quando ti punisco." Natasha lo guarda negli occhi attraverso il riflesso nello specchio. Spinge il suo cazzo nel buco del culo di Natasha. Si tira indietro, poi torna a sbattere contro. Mentre le altre guardie mantenevano un ritmo gentile, l'intento di questa guardia era di danneggiare sessualmente Natasha.

“No papà, per favore. Mi fai male." Natasha dovette trattenersi dal roteare gli occhi mentre lo diceva. Era stata fottuta da uomini più grossi e rozzi di questo poliziotto in affitto. Natasha continuava a gemere ad ogni spinta per guidare il suo ego. Con la sua spinta finale le lasciò andare i capelli e l'afferrò per i fianchi con entrambe le mani e la attirò a sé mentre spingeva. Le è venuto nel culo. Respirando affannosamente, fa un passo indietro e ride.

"Devo lavare via il tuo profumo prima di tornare a casa e la signora mi annusa." Si chiude la cerniera ed esce.

“Cosa dia..” ansima, le altre cinque guardie giacciono accasciate nel corridoio prive di sensi. Si gira e vede la mano di Natasha, come una vipera, colpirgli e schiacciargli la gola. Cade all'indietro soffocando e ansimando, stringendosi la gola.

"Avresti dovuto ricevere il tuo bacio." dice Natasha in piedi sopra il Capitano delle Guardie. Normalmente, il rossetto Sweet Dreams, se applicato sulle labbra di una persona, fa effetto in pochi secondi, ma se applicato su altre parti del corpo, ci vorranno alcuni minuti. «Adesso hai reso vedova tua moglie.»

Si gira e trasuda lo sperma del Capitano di Guardia morente sul suo viso dal suo culo. Corre più in profondità nelle Hammer Industries alla ricerca di Vanko.

Storie simili

Lower Greenville Avenue

Kim 28 è una donna attraente alta 5 piedi e 7 pollici con lunghi capelli biondi e un bel sorriso. Se non fosse contro le regole avrebbe indossato i tappi per le orecchie tutta la notte. A volte Kim si preoccupava per il suo udito, mentre la musica martellante si riversava dagli altoparlanti tutt'intorno alla discoteca. Tuttavia, era un ottimo lavoro, con buoni consigli, e ne aveva bisogno se doveva tornare al college in autunno. Era qui solo da un paio di settimane, ma era già abile nel farsi strada nell'affollata pista da ballo e tavoli ancora più affollati nella semioscurità...

627 I più visti

Likes 0

Lezioni da Allison parte 1

Mia sorella Alison ha sei anni più di me ed è una volpe totale. Ogni estate ricordo che i ragazzi di tutto il nostro quartiere si riunivano a bordo piscina per adulare il suo splendido corpo in bikini. So che molte persone pensano che sia strano pensare alla loro sorella in quel modo, ma non me ne sono mai vergognato. Per quanto mi riguardava, era proprio come qualsiasi altra ragazza, anche se molto più sexy della maggior parte delle altre. Ancora oggi ricordo il sogno più grande che abbia mai fatto come se fosse la scorsa notte. Avevo circa undici anni...

542 I più visti

Likes 1

Divertimento pigiama party parte 1 - la sera prima_(0)

Nota dell'autore: per favore vacci piano con me; questa è la prima volta che scrivo una storia di sesso di qualsiasi tipo. Sto scrivendo della prima volta che il mio fidanzato (che allora era solo il mio ragazzo) ed io abbiamo scopato. Sarà separato in 2 parti, questa è la prima parte Nome: Kate (io) Età: 14 Colore dei capelli e degli occhi: colore artificiale, capelli rossi lunghi fino alle spalle e occhi castani color miele Altezza: 51 Descrizione del corpo: basso per la mia età, leggermente paffuto intorno alla metà, petto di dimensioni medie (36B) Nome: Seth (il mio ragazzo)...

550 I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.3K I più visti

Likes 1

Io i miei cani e adolescenti rapiti

Il cuore batteva forte, più per l'eccitazione che per la paura di essere scoperto. Ero al sicuro! Nessuno avrebbe potuto vederla salire sul mio furgone. Non potevo credere che la mia fortuna fosse ancora in piedi ed è stato così fottutamente facile! stato facile ma lei era stupida, deliziosa ma stupida. Il lampo del nodo di Bruno seppellì nella figa infiammata di Chandre il suo seme mescolandosi con il mio all'interno di quella fica non più vergine. Mi fece sanguinare il sangue e il mio cazzo si contrasse. Come Chandre aveva supplicato e supplicato. Quando si fermò dopo 2 settimane e...

3.4K I più visti

Likes 0

Mia nipote Sally, abbiamo avuto giorni migliori

Mi sono svegliato la mattina dopo, una tazza di caffè sul comodino e il giornale ai piedi del letto. Strano. Ho pensato. Leesha si era già alzato e di solito la domenica ero il mattiniero. Erano appena passate le otto. Non troppo presto, ma nemmeno troppo tardi. Mi alzai, mi infilai l'accappatoio, mi misi il giornale sotto il braccio e scesi le scale sorseggiando il mio caffè. Buongiorno testa assonnata. disse Leesha con un'aria un po' imbarazzata per tutte le cose. Mi dispiace per ieri sera piccola. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Non so se...

2K I più visti

Likes 0

Busto in bocca

Storia di Fbailey numero 168 Busto in bocca Quando ero un bambino mia zia Betty mi dava sempre grandi abbracci e mi stringeva forte dentro di lei e mi stringeva per molto tempo finché non mi dimenavo per scappare. Aveva delle tette davvero grandi e io ero troppo giovane per godermela. La zia Betty aveva o ha quindici anni più di me, quindi quando ho compiuto dieci anni aveva venticinque anni ed io ero abbastanza alta da far entrare la mia testa nella sua enorme scollatura. Anche a lei piaceva. Dopo ogni possibilità che zia Betty aveva, mi premeva la testa...

2.8K I più visti

Likes 0

Capo cheerleader

Era il calcio di venerdì sera e la nostra squadra del liceo ha appena perso una partita molto combattuta. Vedi, io sono la capo delle cheerleader e il mio ragazzo Jim è il quarterback e il capitano della squadra. Sembra stereotipato ma questo è il liceo. Beh, era decisamente deluso perché ha lanciato il passaggio sbagliato che avrebbe potuto vincere la partita ma l'ha messo a terra 5 piedi davanti al suo migliore amico e in coda alla squadra in end zone. Volevo tirarlo su di morale davvero tanto. Usciamo da più di un anno ormai, da quando eravamo junior. Mi...

1.2K I più visti

Likes 0

Cugina Jenna

Era il fine settimana del Memorial Day e mia nonna, zia, zio, cugino Jenna, mio ​​padre e io siamo andati al nord per lavorare. Metti dentro le barche, pulisci la casa per l'estate, falcia il prato, ecc. Negli ultimi sette anni sono cresciuto sessualmente attratto da mio cugino. Forse è perché non sono mai uscito, non ho ancora fatto sesso. Jenna ha 22 anni e io quasi 22, quindi volevo vederla nuda e scoparla da quando avevo quasi 15 anni. Qualunque sia il caso, voglio scoparmela. Ovviamente ci sono anche altre ragazze che voglio scopare, ma qualcosa in Jenna mi spinge...

1.1K I più visti

Likes 1

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

746 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.