Una brama di cugini...

1.6KReport
Una brama di cugini...

Accidenti... un'altra notte a fare da babysitter a casa di mia zia e dei miei zii. Sono trascinato avanti e indietro quasi ogni fine settimana. Non che mi dispiaccia davvero tanto, cibo, bevande ed erba gratuiti lo rendono un'esperienza molto più piacevole. È iniziato come un normale venerdì sera, ma è finito per essere uno dei momenti più strani e memorabili della mia vita.

Mi chiamo Cody e all'epoca avevo diciassette anni. Una diciassettenne... fare da babysitter stai pensando vero? Beh, all'epoca mi mancavano gli amici perché mi ero appena trasferito in zona e andiamo... erba libera! Comunque mi sono fermato a casa di mia zia e degli zii e già loro erano sulla soglia pronti per uscire. "Proprio su Cody, tutto è a posto e hai il nostro numero di cellulare se hai bisogno di qualcosa." Scossi la testa, facendo sapere a mio zio che avevo capito mentre si avvicinava alla sua macchina. Mia zia mi diede un rapido bacio sulla guancia prima di ripetere più o meno la stessa cosa e poi dirigersi verso la macchina. Ho salutato con la mano mentre uscivano dal vialetto e si avviavano frettolosamente in cucina. Dopo aver frugato per alcuni minuti ho trovato la pipa, la borsa e l'accendino strategicamente nascosti che erano stati riposti per me. Amico, era bello sballarsi dopo una lunga settimana di scuola. Quando ho acceso la ciotola e ho preso i miei primi tiri dalla pipa, è scoppiato l'inferno.

Amber, Tyler e Christian... mia zia e i miei zii, i bambini sono venuti ruggendo giù per le scale. Ho avuto solo pochi secondi per riporre la pipa ancora accesa nel cassetto. "Ehi ragazzi, che succede?!" Ho sorriso e sputacchiato soffocando il mio ultimo grande successo e già dannatamente acceso. Tyler e Christian, rispettivamente di otto e tre anni, mi hanno abbracciato enormemente e hanno iniziato subito a chiedermi quali giochi per PS2 avevo portato con me e quando avremmo iniziato a giocare, la normale routine. Tuttavia, Amber, che aveva appena compiuto tredici anni, mi ha appena lanciato un'occhiata buffa. Inutile dire che ero nervoso. In tutto il tempo in cui ho fatto da babysitter non ero mai stato sorpreso a fumare erba davanti a loro. Gli altri due che conoscevo non avevano idea di quale fosse l'odore di erba, ma Amber avrebbe potuto essere abbastanza intelligente da capirlo. "Sì ragazzi, ho portato un nuovo gioco DBZ e un gioco di wrestling, prendeteli dalla mia schiena e iniziate a giocare... Sarò, uh, sarò di sopra tra un minuto." Non dovevo dire nient'altro, sono usciti dalla cucina, hanno afferrato il mio zaino ed erano al piano di sopra prima che potessi dire un'altra parola. Questo ha lasciato me e Amber.

Lei è uno storditore. Lunghi capelli biondo fragola a metà schiena, un corpo minuto 5'4, occhi azzurri incredibilmente belli e un portabicchieri borderline a C. Ora, non è davvero mia cugina di sangue, solo di nome e ad essere sincero non ho iniziato ad avere fantasie su di lei fino a circa una settimana fa. Sono entrato nel suo cambiamento e ho avuto una visione completa dei suoi splendidi seni. Vivace, con una piccola areola accompagnata da capezzoli di media grandezza e pelle bianco crema. In quel momento ero davvero fottutamente sballato, quindi non mi è venuto in mente che stavo fissando mio cugino tredicenne in topless. Ciò che è stato ancora più eccitante e ha davvero segnato il mio destino è stato che non ha cercato di coprire o dirmi di andarmene, ho semplicemente sbattuto le palpebre un paio di volte, ho detto qualcosa del tipo: "Mi dispiace ..." e sinistra. Da allora però non sono riuscita a togliermi le sue tette dalla mente. Anche mentre era lì di fronte a me, continuavo a immaginare il suo rack, più specificamente, me che li accarezzavo e mordicchiavo i suoi capezzoli mentre gemeva dal suo corpo distrutto dal piacere. Una voce però spezzò l'illusione.

"Allora... ti stavi sballando?" Ha posto la domanda in modo davvero casuale, quasi troppo casuale per essere onesti. Sono rimasto sbalordito a dir poco. Quindi lei lo sapeva. "...sì, voglio dire... non è che lo faccio sempre o altro." Stavo inventando scuse per qualche motivo e non potevo guardarla in faccia. "Va bene, l'ho provato un paio di volte... mi fa sentire divertente. Cornea, immagino." Ancora una volta, le sue parole erano molto casuali. "Anche a me... ehm, anche a me fa arrapare." Balbettai nervosamente, guardandomi i piedi come un ragazzo di quinta elementare con una cotta. Con mio orrore, in tutte le mie fantasticherie non mi ero accorto che stavo piantando una tenda feroce nei miei pantaloni. Porca puttana, come cazzo lo spiego? Prima che potessi anche solo tentare di ottenere una parola, ho sentito una risatina. Alzando gli occhi per incontrare quelli di Amber, ho notato che i suoi occhi non erano sui miei ma piuttosto sul rigonfiamento dei miei pantaloni. "Che cos'è?" chiese piuttosto lussuriosamente accompagnata dalla sua lingua umida e rosa che sfrecciava fuori dall'angolo della bocca. "Cosa è cosa?" Ho stupidamente cercato di coprirmi l'inguine con le mani, comportandomi come se stessi casualmente tenendo le mani abbassate. Amber si avvicinò e premette il petto contro il mio, schiacciando la sua cremagliera su cui potevo facilmente sentire i suoi capezzoli eretti prima di baciarmi delicatamente il labbro inferiore e tirarmi indietro con un sorriso bizzarro. "Grazie..." Un cipiglio si insinuò sulle mie labbra mentre un'espressione perplessa corrugava la mia fronte. "Grazie di cosa?" Le ho chiesto. Non rispose però, invece si portò la pipa alle labbra e inspirò profondamente. Troppo stordito per muovermi, ho semplicemente guardato mentre aspettavo qualche istante prima che esalasse un denso pennacchio di fumo bianco e lo inalasse di nuovo attraverso il naso. "Dannazione, è dannatamente abile... da quanto tempo fumi?" le ho chiesto sbalordito. "Oh, circa un anno ormai..."

Sperando che le chiacchiere avrebbero placato il mio cazzo infuriato, ho intrufolato un picco e ho sospirato per la frustrazione mentre ero ancora duro come una roccia. "Cosa devo fare qualcosa al riguardo? Amber ha chiesto con lo stesso sorriso bizzarro di prima. Ormai il mio sballo stava infuriando forte come il mio cazzo, quindi prima che la ragione potesse prendere piede ho appena scosso la testa. Senza esitazione si è avvicinata e si è lasciata cadere le sue ginocchia mentre slacciava il bottone e la cerniera dei miei pantaloni. Poi li ha fatti scivolare fino alle mie caviglie seguita dai miei boxer e non un secondo dopo, la sua mano calda era avvolta intorno al mio cazzo. Ora, non sono io l'unico per vantarmi, ma io sono un ragazzo di taglia moderata in basso con poco più di sei pollici di lunghezza e poco più di due pollici di circonferenza. La sua mano iniziò rapidamente a muoversi su e giù per la mia asta, tutto il sangue nel mio corpo apparentemente prosciugato proprio al mio membro che ora era saldamente afferrato tra le sue mani.Ho guardato in basso e ho incontrato i suoi occhi azzurri prima che la mia testa scomparisse nella sua bocca, seguita poco dopo da tutta la mia lunghezza fino alle palle.

Potevo sentire i miei occhi roteare all'indietro nella mia testa mentre ero già sull'orlo dell'orgasmo. Mio cugino mi ha appena fatto gola profonda e dannazione se non si sentiva bene. Non ho avuto il tempo di pensare però mentre ha iniziato a lavorare furiosamente sul mio cazzo. I suoni sottili di mormorii e gemiti sfuggirono nell'aria mentre mi appoggiavo di nuovo al bancone per darle più accesso. Sentendo la sua lingua girare intorno alla testa del mio pene fino alle vene rimpinzate di sangue della mia asta e poi quando il suo naso ha toccato il mio stomaco può essere spiegato solo come pura beatitudine. Ogni tanto Amber lasciava la presa della sua bocca con un forte rumore di 'schiocco' solo per essere seguita dal gorgoglio della sua saliva mentre sbatteva il mio cazzo in gola. Non potevo più trattenerlo. Con un forte gemito, le feci scorrere le dita tra i capelli e la spinsi di nuovo su tutta la mia lunghezza. Le sue unghie mi affondarono nelle cosce mentre rilasciai il mio primo grosso carico appiccicoso in gola. Lasciando andare la testa, si tirò indietro e sussultò quando un secondo, altrettanto grande colpo di sperma le esplose sulla guancia e gocciolava sui suoi seni vivaci. Ho avuto uno spasmo violento quando una terza e ultima esplosione appiccicosa di sperma le è schizzata sul naso, gocciolando lentamente nella sua bocca mentre lo ingoiava avidamente e si puliva i lati della bocca con la sua lingua rosa umida.

Ci siamo seduti in un comodo silenzio per un minuto o giù di lì mentre lei si puliva e ho iniziato a rimettermi i boxer e i pantaloni. "Ehi... cosa stai facendo... tocca a me." Ridacchiò.




La parte 2 arriverà presto e sarà caratterizzata dall'hardcore

Storie simili

Il club capannone (parte 4)

Prima di tutto, scuse enormi per il ritardo nella produzione della parte 4. Crisi inaspettata con influenza familiare dappertutto. Tutti meglio ora, così posso rispondere all'ultima serie di feedback..... Trainers nel Regno Unito si riferisce a calzature sportive.....Nike, Adidas, Puma ecc. Non credo che ci siano altre domande, così via con la parte 4. Questo coinvolge Finn, che vedo ancora di tanto in tanto. In effetti, ha riparato il mio PC l'anno scorso. Progetta siti web e altre cose tecniche che mi lasciano sconcertato. Non ha idea che sto scrivendo questo, e ovviamente ho cambiato il suo nome (in qualcosa di...

2.2K I più visti

Likes 0

Pookies prima volta con papà

Ciao la storia che stai per leggere è una storia vera su di me e mio papà che amo con tutto il cuore. questa è la mia prima storia quindi i commenti sono ben accetti. Era una settimana prima del mio 21esimo compleanno e papà mi ha detto che aveva in programma qualcosa di speciale per me (adoro quando papà lo fa). Ma prima lascia che ti parli di me e di mio padre, mia madre è nera e mio padre è bianco, quindi questo mi rende birazziale. Sono 5'9 con capelli neri corti un po 'come Keyshia Cole con occhi...

1.3K I più visti

Likes 1

Io e i miei fratelli Capitolo IX

IX. Spettacoli di sesso Non appena tornai in cucina, arrivarono Marty e Donny, poco dopo che Louise e Bobby si presentarono. Quasi subito stavamo mangiando e ridendo perché sembrava che tutti avessimo qualcosa di stupido da dire. Louise ha detto qualcosa su Bobby che si è aggrovigliato nel lenzuolo e le è sembrato così divertente che riusciva a malapena a spiegarlo. Marty disse: Mi sarebbe piaciuto averlo visto? Da lì siamo entrati in una discussione sulla visione del porno. Quello che voglio vedere, disse Louise, è un vero spettacolo di sesso, non uno di quegli spettacoli porno. Louise, guardi molto porno?...

1.2K I più visti

Likes 0

DOMENICA SEXY>

“È davvero alto nove pollici e spesso? Pensi che gli piacerebbe un pompino da una donna sulla cinquantina? Ero molto bravo a farlo nel fiore degli anni, anche se non ho mai avuto un uomo con un'erezione di nove pollici. Ti piacerebbe vedermi soffiare la sua erezione di nove pollici, ha chiesto percependo il mio interesse. Glielo chiederò e ti risponderò, le ho detto eccitato al pensiero di guardare una donna di dieci anni più grande, ancora sessualmente attraente, portare all'orgasmo la spessa erezione di nove pollici del mio uomo mentre guardavo. Più tardi, lo stesso giorno, Sarah si è emozionata...

1.3K I più visti

Likes 0

Notte silenziosa...

Nicole era sdraiata sul letto quando suo marito, Rick, è tornato a casa dal lavoro venerdì sera. L'unica cosa che indossava era un reggiseno nero, perizoma nero e calze a rete abbinate. Quando entrò in camera da letto, la vide sdraiata lì profondamente addormentata. Mentre stava lì e guardava quanto fosse bella, iniziò ad eccitarsi. Si spogliò e salì sul letto accanto a lei. Il suo movimento nel letto la fece semplicemente allontanare da lui. Si sentiva in colpa per aver impiegato così tanto tempo in ufficio, ma c'era un incontro importante a cui doveva partecipare. Cominciò a farle scorrere le...

1K I più visti

Likes 0

Lana vuole condividere

PRIMA PARTE: Signore, è una specie di scherzo malato? Oh merda. Jake si era svegliato e si era ritrovato legato a braccia aperte sul letto nella sua stanza del dormitorio. Erano le vacanze di primavera, il suo compagno di stanza non c'era più, il campus era vuoto... il che poteva essere una cosa molto positiva o molto CATTIVA. Si leccò le labbra mentre la sua ragazza Lana e la migliore amica della sua ragazza, Jessica, incombevano su di lui. Perché sono nudo? Lana? Alzò lo sguardo sulla sua ragazza. Era bellissima, una mora alta e dalla pelle pallida con seni di...

669 I più visti

Likes 0

Realizzare la sua fantasia

L'ho osservata dalla finestra. Era appena arrivata a casa e stava scendendo dalla macchina. Percorse il vialetto e in pochi secondi sarebbe stata davanti alla porta. Pochi secondi dopo era in casa. Conoscevo la sua routine: uscire di casa alle 6, tornare a casa alle 17,30, doccia, cena, tv, letto. Immancabilmente, ogni notte. Non aveva un marito, né un fidanzato, né animali domestici, questa signora era chiusa in se stessa... il che era perfetto per me. Vedi, avevo dei progetti per lei. Ho sentito la porta d'ingresso chiudersi dalla sua camera da letto al piano di sopra. Mi diressi dolcemente verso...

629 I più visti

Likes 0

Mia figlia Miriam cap06

Capitolo 6 Jen era più che pronta a mettere in atto il piano di Dave. La volta successiva che i suoi genitori Barry e Cathy uscirono e la lasciarono sola, lei si precipitò dritta verso la scatola nascosta dei film sporchi. Ha scelto il film tra ragazze e ha iniziato a guardarlo. La settimana scorsa, quando l'ha visto per la prima volta, non era molto interessata a guardarlo. Ora non vedeva l'ora di vedere l'azione. Stava per organizzare uno spettacolo per i suoi genitori che li avrebbe fatti eccitare moltissimo. Mentre guardava quel film, l'azione la stava davvero facendo eccitare. Stava...

560 I più visti

Likes 0

Il giorno più grande

Questa mattina è iniziata alla grande. Meglio allora che avrei mai potuto immaginarlo. Avevo fatto un patto con mia moglie. Se avesse voluto che usassi i soldi che avevo vinto alla partita di poker di questa settimana per andare a Columbus e vedere la nuova discoteca che avevano costruito, avrebbe dovuto darmi un'intera giornata di piacere sessuale ogni volta che ne avesse avuto la possibilità. Questa mattina è iniziata svegliandomi con la sua figa scintillante che si librava a pochi centimetri dal mio viso. Lei sa quanto mi piace mangiare la sua figa. Deve essersi svegliata molto prima perché la sua...

2.4K I più visti

Likes 1

L'emicrania di mio figlio (cap. 3)

Questa storia è un'opera di fantasia. Nulla di ciò è vero. Non usarlo per l'ispirazione. Non ferire le persone che ami. [Leggi i capitoli 1 e 2 prima di procedere] Capitolo 1: sexstories.com/story/104332/ Capitolo 2: sexstories.com/story/104363/ Alex e io ci siamo stabiliti in una nuova normalità nelle settimane e nei mesi successivi. Sarebbe stato privo di sintomi per un po' e poi sarebbe stato colpito da un'altra emicrania. Una pillola dopo e si sarebbe addormentato pacificamente mentre gli succhiavo il cazzo dolce e alla fine ingoiavo il suo sperma mentre mi masturbavo con una gamma crescente di giocattoli sessuali. Se avessi...

3.7K I più visti

Likes 6

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.