"Tre volte" (parte 2)

451Report

"Tre volte" parte 2

(Anche da Julius ovviamente
& Copyright anche aprile 2008)




Si sedettero e mangiarono il loro pranzo. Gli occhi di Paul si staccavano raramente
i suoi seni e Marsha li mostravano deliberatamente
lui. Si sedette con loro appoggiandosi sul tavolo con loro
capezzoli molto in vista. Quando è andata a prenderli
altro caffè, è stata premiata con una vista del suo cazzo,
completamente eretto e sporgente dall'inguine. È stato
pronto di nuovo e Marsha si meravigliò della resilienza di
gioventù.

Mentre gli versava il caffè, disse: “Penso che sia mio
girati per essere soddisfatto; stai rimanendo indietro con il tuo
pagamenti”.

Il suo seno destro era a pochi centimetri dalla sua faccia. "Mi piacerebbe
per farti piacere ancora un po'", fece una pausa, poi aggiunse,
con un sorriso, “Ms. Sim.»




Lo fece inginocchiare davanti a lei. Ha preso l'orlo
della sua gonna e lentamente la tirò su. Era
tutto ciò che aveva sperato e altro ancora.

Le sue calze si rivelarono autoreggenti, con pizzo nero
top, le sue mutandine erano semplici, di cotone bianco. IL
questi ultimi erano brevi, ma non le cose nere con fronzoli
aveva immaginato. Si avvicinò e lasciò cadere la gonna
sopra la sua testa.

Era sotto la sua gonna! Il suo cazzo era duro fino al punto
di ferire. Fu quasi istinto scivolargli le mani
dietro di lei e su per le morbide parti posteriori delle sue cosce
finché non le tenne il culo, le dita aperte
premendo nella sua morbidezza. Le sue mani andarono dietro le sue
testa e lo attirò contro di sé, contro quelli
mutandine.

Era così bagnata. Lei profumava di miele sul pane tostato caldo lui
pensato, sì, miele su pane tostato caldo. L'ha accarezzata, la sua
naso e bocca contro il cotone imbevuto. Lei gemette
mentre le stringeva il culo e lei si contorceva come un animale.
Era qualcosa che Paul non aveva mai fatto prima.

C'era una deliziosa cattiveria in quel momento. Il suo
la testa era sotto la gonna di una donna, il suo viso più contro di lei
zona intima. «A quest'ora ieri non l'avrei mai fatto
anche...' Paul perse traccia dei suoi pensieri.

Marsha si premette contro di lui, le sentì le natiche
tesa mentre spingeva. Poi stava lottando per ottenere
lontano. Paul emerse da sotto la sua gonna guardando
confuso, chiedendosi se avesse fatto qualcosa di sbagliato.

La guardò mentre spingeva piatti e tazze all'altro
fine del tavolo.

Si voltò per affrontarlo. “Tirami giù le mutandine
Paolo."

Si avvicinò di più sulle ginocchia e si allungò sotto di lei
gonna, frugai per un attimo e poi li tirò lentamente
dai fianchi, giù per le cosce. È uscita da loro
e indietreggiò un po' e si appollaiò sul sedere
bordo del tavolo.

"Mi vuoi per dessert?" Lei non ha aspettato
una risposta ma disse: “Avvicina la sedia così puoi
siediti tra le mie ginocchia e posso appoggiare i piedi sul
braccia."



Con la gonna sollevata e le ginocchia divaricate, Paul
poteva vedere tutto. Era come se non avesse avuto lezioni di educazione sessuale
mai stato a. E ora lei voleva che andasse avanti
suo. Aveva visto tutto nei film porno, sapeva cos'era
dovrebbe fare. Ma questa era una vera figa; era
leggermente aperto e luccicante bagnato. Non era rasata,
anche se immaginava che si mantenesse tagliata.

L'eccitazione nervosa e l'incertezza avevano derubato Paul
la sua erezione e si sedette fissando, prima il viso di lei e
poi tra le sue gambe. Gambe rivestite di nylon, cosce bianche
e quell'apertura frangiata di pelliccia in questa donna straordinaria.

"Vuoi darmi piacere Paul?"

Il suo cenno del capo e un "Sì" mormorato mostravano il suo nervosismo.

"Hai sentito cose brutte sulle fighe?"

"NO!" ha risposto troppo in fretta.

"Mordono e hanno un cattivo odore e ti danno malattie?"

Scosse la testa, deglutì e disse: “Penso che sia tuo
profuma di miele sul pane tostato.

Lei ridacchiò piano: “È terribilmente dolce Paul. BENE
Prometto che non morde e non ha niente
brutto da darti.

Paul si spostò a disagio sulla sedia, molto consapevole di
le sue ginocchia rivestite di nylon su entrambi i lati di lui.

"Vuoi toccare?" Quando lui annuì lei aggiunse.
“Tocca e guarda. Esplorami. Forse mi lascerai guardare
a te più tardi. Mi piacerebbe farlo; hai un
bel cazzo.

Rassicurato un po', si avvicinò e allungò una
mano, toccandole i peli pubici con la punta delle dita.
Sorpreso dalla morbida elasticità, la accarezzò
attentamente e la guardò.

Lei lo guardò tra i suoi seni e sorrise.
"È bello."

Marsha allungò entrambe le mani e la sbucciò delicatamente
stessa aperta. Paul fissò lo spettacolo di luccichii
sfumature di rosa.

"Vuoi davvero darmi piacere Paul?"

Deglutì e disse: "Sì, lo voglio".

"Una cosa Paolo?"

"SÌ?"

“Per favore, fallo presto, probabilmente sono altrettanto eccitato quanto
Voi."

Immaginò che la conoscenza di Paul potesse essere limitata a
lezioni di educazione sessuale a scuola e porno sul web. Forse
anche qualche goffo scherzetto con qualche ragazza.
Smontarsi era stato un affare semplice, ma
di fronte a quello che offriva doveva essere un po'
scoraggiante.

Marsha sapeva fin troppo bene cosa stava succedendo nel suo
Testa. Non era la sua prima giovane seduzione. Guaio
era, aveva bisogno di ciò di cui lui aveva così tanto e, aveva bisogno
va male.

“Baciami in avanti e baciami Paul. Fai le cose tu
pensa che mi piacerebbe e ti dirò…”

Non ha finito la frase. Aveva baciato la parte superiore di
la sua fessura. Aveva sentito il suo viso tra le dita. Suo
le gambe sulla difensiva cercarono di chiudersi ma le sue spalle lo erano
fra loro. Marsha si sdraiò sul tavolo e aspettò.




Paul non sapeva davvero cosa fare. Sapeva di esserlo
dovrebbe scendere su di lei. Questo era cunnilingus lui
Sapevo, quella strana parola per il sesso orale con una figa. Era
doveva leccare o baciare o cosa? Aveva i denti e
lingua e labbra. Ha cercato di ricordare il porno che aveva
guardato, sembrava abbastanza facile nei film. L'avrebbe fatto
ascoltato gli altri raccontare tutto sui loro talenti quando
mangiare la torta per capelli. Alzò la testa e guardò. Tutto
quell'umidità rosa, i capelli tagliati. Ha ancora tenuto
si aprì e Paul poté vedere il buco dove c'era il suo
il cazzo doveva andare e soprattutto quello che era sicuro
era il suo clitoride. La cosa che avrebbe dovuto fare
le donne impazziscono.

Si sentì dire: "Non lo so..." La sua voce
stroncato.

“Baciami Paul, ovunque e poi torna indietro e
lecca ogni punto che hai baciato. Ascolta quello che dico e
che rumori faccio mentre lo fai. Mordimi qui e
lì, piccoli bocconcini. Salva il mio clitoride per ultimo. Sai
riguardo ai clitoridi vero?"

Paul ha detto che l'ha fatto e l'ha guardata mentre muoveva un dito e
disse: “Questo piccoletto qui”.

"Capisco", gracchiò. Aveva ragione.

"Risparmialo per l'ultimo Paul."



Dio, era meraviglioso, pensò Marsha. Goffo e
irrimediabilmente inesperto. Ma ci ha provato e lo è stato
paziente e imparato in fretta. Lo ha incoraggiato, guidato
lui. Le sue grida e gemiti di gioia erano genuini e
Paul ha risposto proprio come aveva sperato.

Ci è voluto un po' e non c'è stato un rapido orgasmo per lei.
Ma ha imparato, e la sua lingua e le sue labbra erano presto
facendo esattamente quello che voleva. La sua figa ha avuto il suo
baciare e leccare. Le sue mani sostituirono le sue.




La sua eccitazione aumentò lentamente. È diventata più vocale. Suo
fianchi e culo non erano mai fermi sul tavolo. Paolo appena
perso nei suoi sforzi. La sua faccia era bagnata, bagnata
dai suoi succhi, bagnati dalla sua saliva. In qualche modo, il suo
i bisogni urgenti sembravano passare da parte e l'eccitazione
di compiacerla acquistò importanza.

Sapeva che lei aveva bisogno di lui. Si rese conto che poteva fornire
quel bisogno. Mi sentivo bene, una specie di potere forse,
ma più di questo.

La sua umidità si diffuse. Sembrava aprirsi come un fiore.
Poteva, e seppellì la faccia tra le sue cosce.
Erano cosce bagnate e scivolose, così bagnate che le sue
le orecchie scivolavano facilmente contro di loro. Il suo pube tagliato
i capelli erano bagnati. Aveva la faccia bagnata. Questo era come niente
aveva immaginato.

Alzò un attimo il viso e guardò quello di Marsha
figa. Ogni sfumatura di rosa sicuramente? Brillava. Lei
gemeva e si contorceva sul tavolo, le gambe aperte,
più ampio, poteva vedere dentro di lei.

Paul fece scivolare la mano lungo la parte posteriore delle sue cosce, per
inizio curve delle sue natiche. Ha preso un profondo
respiro e premette la sua faccia in tutto ciò
rosa, spingendo la sua lingua dentro di lei.

Gli afferrò la testa con le cosce e la fece gobba
figa con urgenza contro la sua bocca. Le sue mani si strinsero
il suo culo e ha combattuto i suoi fianchi in controtendenza come ha iniziato
il suo orgasmo.

Ha urlato che stava arrivando ed è arrivata come ha fatto
lui la fottò con la lingua con una fame ardente tutta sua.



Marsha giaceva esausta. Non ricordava niente, eppure lei
ricordava tutto. Da quanto tempo non veniva
Quello? Sembrava uscire dalla sua stessa fica, a
fiume che rompe gli argini. Questo ragazzo, diventato uomo, l'aveva
fatto. La sua goffaggine, la sua dolce ignoranza e la sua
meravigliosa persistenza.

Con un gemito alzò la testa e guardò in basso. Lui
la stava guardando, un'espressione preoccupata sulla sua
viso.

"Stai bene? Chiese.

"Non mi sono mai sentita meglio, mai, mai", ha detto con
totale sincerità.

"Sei venuto, vero?"

"Oh sì, sono venuto, sono venuto in modo strabiliante."

“Ti ho fatto questo? Ti ha fatto venire?

"Sì Paul, mi hai fatto venire."

Si è seduto. "Ancora?"

“Ancora Paolo? No, non ancora."

Le sollevò la gamba destra sulla sua spalla. Lei
cercava di resistere ma si sentiva debole come un gattino. Lui
fece lo stesso con l'altra gamba e gli avvolse le braccia
intorno a loro.

«Hai detto tre dei tuoi per uno dei miei.»

Detto questo, la sua testa scivolò tra le sue cosce bagnate
e lui era di nuovo alla sua figa.

“Paolo no! Non ancora. Devo fare pipì. Nooooo!”

La sua lingua scivolò sulla sua clitoride e sulle proteste di Marsha
fermato.

In pochi secondi, sembrò, stesse arrivando di nuovo, arrivando
contro quella meravigliosa bocca da leccafighe.

E non si fermò, quelle labbra, quella lingua trattenute
baciare e tormentare. Ha leccato e succhiato fino a lei
rovesciato. Fino a quando non ha saputo che sarebbe morta per essere venuta.
Marsha è diventata tutta fica.

In qualche modo lei si allontanò da lui, dall'altra parte del tavolo.
Ha combattuto e lottato e ha portato una gamba sopra la sua
testa e rannicchiata, avvolgendosi attorno a lei
spasmi, stringendo la figa. Se qualcosa l'ha toccata
clitoride di nuovo sarebbe morta. Le lacrime le inondarono gli occhi. Lei ha sentito
lei stessa scivola nell'oscurità.



Si è svegliata. Dio doveva fare pipì! Paul è molto
il viso dall'aria preoccupata era a pochi centimetri dal suo. Era seduto
con i gomiti sul tavolo, il mento appoggiato al suo
mani.

"Sì ok?"

"Penso di sì. Ho pensato che sarei morto.

"Mi dispiace."

"Scusa! Non essere dispiaciuto. È stato meraviglioso. Io ho
mai venire così Paul.

“Sei stato fantastico,” disse, con soggezione nella voce, “Tu
appena arrivato e venuto. Non sapevo che fosse successo
Quello."

Lei rise. «Paul no, non molto spesso.» Lei
allungò una mano e gli toccò le labbra. Il suo volto era immobile
Bagnato. "Grazie, dolce, meraviglioso Paul."

Lei si sollevò su un gomito. “Adesso devo fare pipì
prima che scoppi. Aiutami ad alzarmi.

Appoggiò la mano sul tavolo, china come il
il bisogno l'ha quasi sopraffatta. Lei strinse una mano
tra le sue gambe e ha detto "Ooooh!" attraverso serrato
denti.

"Posso guardare?" chiese Paolo.

"Se lo desidera." Che dolcezza, pensò. Torna a
essere un ragazzo, con la curiosità di un ragazzo. Alzò lo sguardo
lui e sorrise. “Se lascerai che ti abbracci quando tu
andare."

"Mi piacerebbe."





Ce l'ha fatta, senza incidenti, in bagno. Non richiesto
si inginocchiò davanti a lei.

"Dammi la mano." Lo guidò tra le sue aperture
gambe. "Prendimi la figa, stringimi forte." Il ritardo è stato
costandole caro; aveva davvero bisogno di lasciarsi andare.
"Pronto?"

Annuì. Non è successo niente, ovviamente in quel momento
non poteva lasciarsi andare. Quanto è pazzo il corpo umano?

Era così strano, pensò. Seduto qui cercando di
pipì, curvo sul dolore, bisognoso di andare così tanto e
la mano di questo giovane sulla sua figa.

Finalmente ha iniziato.

"Dio mio!" Le sue parole sorprese la fecero aprire
occhi. Guardò indietro un ampio sorriso sul viso. "Esso
solletico. Questo è molto sexy.

Sentì le sue dita giocare nel suo ruscello, stuzzicarle,
esplorando.

“Riesco a sentire dove sta venendo fuori. Fa anche così caldo.
La sua mano si strinse come per fermare il suo flusso. Ora lei
lo sentì riscaldare mentre tutta la sua figa era allagata. All'improvviso
l'intera faccenda è diventata molto sexy anche per lei, per
la sua grande sorpresa. Abbassò lo sguardo, lui non lo era stato
eretto in cucina ma adesso lo era adesso, completamente eretto.

"Questo ti sta eccitando, vero?" Gli chiese.

"Sì. Ti dispiace?" sembrava imbarazzato. "IO
non avrei mai dovuto chiedere, penserai che sono strano.

“No Paul, non sei strano. Non c'è niente di strano
sul godersi il proprio corpo o quello di qualcun altro. Suo
il flusso rallentò fino a diventare un rivolo. “Alzati e fammi divertire
tu per un momento.

La sua mano lasciò la sua figa e si alzò in piedi. Lui
guardò la sua mano bagnata incerto e mezzo girato e
sciacquato sotto il rubinetto del lavabo. Marsha rispose
il distributore di crema per le mani, le ha spruzzato dentro un po' di crema
palmo della mano e raggiunse il suo cazzo.

"Il tuo povero cazzo è stato abbastanza trascurato, vero?"

Sembrava enorme nella sua piccola mano. È stato così difficile, così
meravigliosamente duro. Cominciò a pomparlo lentamente. Marsha
osservò i muscoli delle sue cosce muoversi mentre muoveva il suo corpo
teso e doveva concentrarsi sul mantenere l'equilibrio.

“Oh sì, è così bello. Marsha che si sente
perfetto."

Sorrise al suo primo utilizzo del suo nome. Ora, con due
orgasmi dietro di lui, il suo grilletto per capelli giovanile era
andato e lei poteva goderselo.

Quanto amava il suo cazzo, la sua lunghezza, la sua forza. Lei
voleva pomparlo in questo modo e poi l'avrebbe fatto entrare
la sua bocca. Mantienilo desiderante, tienilo vicino al limite.
Adoro il suo cazzo finché non ha implorato di farlo entrare
suo. Lo voleva dentro di lei adesso. Oh, come voleva
dentro di lei, su, in profondità, in profondità dentro di lei.

Ha pompato, alternando lentamente con rapidamente, stretto
con sciolto. Quanto lo amava, quanto lei amava il suo
reazione. Se si fermava, cercava di fotterle la mano.
E per tutto il tempo, quel gioco dei suoi muscoli nei suoi
gambe forti mentre cercava di stare in piedi.

Alla fine si è fermata. Paul protestò: “No, per favore non farlo
fermati, non fermarti ora.

Delicatamente lo spinse via. Ha afferrato una manciata di
tessuto e si asciugò e si alzò e tirò lo sciacquone
toilette.

“Non preoccuparti, non abbiamo ancora finito. Comunque, non lo è
è bello andare al limite in quel modo e poi fermarsi?
Ci sono tutti i tipi di giochi da fare con i cazzi e
fighe. Le piacerebbe stuzzicare lui e il suo cazzo
per sempre, ma era davvero ora che se la scopassero
deciso.

Abbassò lo sguardo sul suo cazzo, ancora deliziosamente eretto.
“Vuoi lavare via quella crema o devo farlo io? IO
immagina che abbia un sapore terribile.

"Gusti?" chiese, sembrando perplesso, poi sorrise,
"Oh, giusto, sì, ho capito?"

Fece scorrere il rubinetto freddo nel lavandino e raccolse
il fazzoletto. “Dai, lasciami lavare il tuo adorabile
cazzo."

Si avvicinò alla vanità e Marsha la prese
lui e cominciò a lavarlo.

Aspirò l'aria attraverso i denti. "Fa freddo", lui
protestato.

Mise una spruzzata di sapone per le mani sul panno e
lo lavò con cura. Acqua fredda o meno il suo cazzo
rimasto fermo.

"Non hai ancora una ragazza fissa?" gli chiese. Lei era
divertendosi.

«No, non mi sembra mai di poterli tenere. Immagino di esserlo anch'io
timido e noioso”.

«Oggi non sei stato timido e noioso con me, Paul. Con
quella tua lingua e quel bel cazzo che non avrei mai avuto
lasciarti andare." Chiuse il rubinetto e si asciugò delicatamente
lui con un asciugamano.



"Bene, allora", disse Marsha con un tono che sembrava dire
che era giunto il momento.

Paul la guardò in attesa. Ha aperto la cerniera
lungo il lato della sua gonna, slacciato il bottone a pressione sul
cintura e lasciare cadere la gonna. Si voltò e
uscì dal bagno chiaramente aspettandosi che lo facesse
seguire.

Lui la seguì, gli occhi fissi sulle sue natiche. Tutto
indossava ora erano le calze. Supponeva che fosse un
bel culo. Tendeva a guardare i culi delle ragazze
erano strette, piccole cose. Quello di Marsha era largo e
girare. Se Paul avesse avuto la parola Rubenesque l'avrebbe fatto
senza dubbio l'ho usato.

"Come il culo grasso di questa vecchia signora, Paul?"

"Vorrei che non continuassi a dire che sei vecchio."

«Molto diplomatico», disse. Raggiungere il centro di
il soggiorno si fermò e si voltò. «Forse lo farò
insegnarti ad apprezzare il mio culo qualche volta.

Gli occhi di Paul si spostarono sui suoi seni pesanti e grossi
capezzoli.

Indicò il divano: “Siediti e lasciami
piacere per un po'.

Paul si sedette e lei si inginocchiò davanti a lui. “Sarebbe Paolo
come se il suo cazzo fosse succhiato?

Paul deglutì e annuì.

"Bene, chiedi gentilmente." Si mosse in avanti e gli diede una gomitata
ginocchia divaricate e attese.

Entrambi guardarono il suo cazzo mezzo eretto. "BENE." Lei
disse.

"Che cosa?"

"Chiedimi gentilmente se vuoi che lo faccia."

Deglutì rumorosamente e la sua faccia divenne rossa. "Per favore
succhiami il cazzo.

"Ancora."

"Per favore, succhiami il cazzo Marsha." Il suo cazzo era completamente
eretta, Marsha sorrise e abbassò lo sguardo sul suo volo
erezione.

"Penso che forse lo farò."

Lei chinò la testa e gli baciò la punta del cazzo
poi schiuse le labbra e lo accolse.

Questo non era il primo pompino di Paul. Era il suo terzo.
I primi due erano stati strani affari, entrambi da parte del
stessa ragazza. Entrambi erano stati segnati dal nervosismo, dalla paura
di scoperta e di inesperienza senza speranza. Era stato dentro
il buio, il freddo e il disagio. La prima volta
non sarebbe venuto. La seconda volta che aveva e la ragazza aveva
vomitato sopra le sue scarpe.

Questa volta? Caldo e molto confortevole e poteva vedere
l'azione. Soprattutto, Marsha sembrava sapere molto
bene quello che stava facendo. Paul si rilassò e lasciò tutto
accadere.

Lei lo guardò, i suoi occhi molto rotondi e molto
grande. Parlava muovendo le labbra contro la testa
del suo cazzo, "Qualcuno l'ha già fatto per te?"

Annuì: "È stato un disastro". Paul quasi rise
la memoria.

“Non sarà così, te lo prometto. Hai un bel cazzo e
adorerai quello che ci faccio.

La sua mano sinistra teneva la radice del suo cazzo e la sua destra
giacere sulla sua coscia. Era molto consapevole della sua grande morbidezza
seni che si muovono dolcemente tra le sue cosce.

La sua bocca cominciò a lavorare su di lui. Il suo calore avvolgeva
lui. Le sue labbra erano una "O" aderente che scivolava verso l'alto e
mentre la sua lingua turbinava e lo accarezzava
dentro la sua bocca. I suoi occhi sembravano non fermarsi mai
fissandolo, osservandolo, sembrando controllare se
si stava godendo i suoi sforzi.

I suoi commenti erano composti da "sì" e "Oh Dio" e
suoni incoerenti; tutto molto positivo.

Marsha non disse nulla naturalmente, la sua bocca era molto
pieno di cazzo. Ma lei bevve e succhiò e deglutì,
proprio come nei film porno che guardava. Ma
questo era il suo cazzo e il suo stesso succhiacazzi. Paolo
era in un paradiso molto speciale.

L'ha presa con calma e con calma. Dopo due venute Paul era
più facile da controllare. Prima sarebbe sgorgato come un
fontana pochi secondi dopo che la sua bocca lo aveva inghiottito.
Adesso era arrapato come sempre ma in grado di assaporare
Gli sforzi di Marsha.

È stato meraviglioso. Ha succhiato, guance scavate, il
lunghezza di lui finché non è quasi scivolato fuori. Dopo un
pausa stuzzicante lei scivolò giù di nuovo, sempre più giù
finché le sue labbra non raggiunsero le sue dita arricciate. Non profondo
gola, nessun bavaglio, solo un lento e costante, succhiare
e scivolare. Quasi impercettibilmente la sua eccitazione cresceva, la sua
le palle sembravano ronzare di energia e lui sapeva di poterlo fare
Vieni di nuovo. Si sdraiò sui cuscini e guardò
questa splendida donna sembra divorarlo. Il suo cazzo
luccicava della sua saliva, il disegno delle vene, blu
e la porpora risaltava sulla sua asta.

Lo avrebbe lasciato entrare nella sua bocca? Avrebbe deglutito
il suo venire? In qualche modo sapeva che avrebbe fatto qualsiasi cosa e
tutto per e con il suo cazzo se le piaceva.

Voleva afferrarle i capelli e scoparle la faccia. Lui
voleva schiacciare la testa su di lui, costringersi a scendere
la sua gola. Non l'ha fatto, non poteva. Non sapeva perché
ma in qualche modo lo sminuirebbe e la disgusterebbe. Così lui
basta lasciarla succhiare a lui e lavorare la sua magia su di lui
cazzo gonfio e disperato.

Poi, con una terribile subitaneità, il suo culmine prese il sopravvento
proprio alla bocca del suo inguine e sapeva che doveva venire.

Anche Marsha lo sapeva, a quanto pareva. La sua bocca era sparita e
il suo pugno gli strinse il cazzo alla base con un gesto doloroso
ferocia. I suoi muscoli si contrassero e si contrassero, i suoi
sembra che stia per uscire da lui. Ma non è successo,
in qualche modo l'aveva soffocato. Quando finalmente si è calmata
la sua presa, una sua bava uscì dolcemente
la punta del suo cazzo. Marsha l'ha leccato con un rosa delicato
lingua. Lo guardò negli occhi e deglutì.

Il sudore scese sulla fronte di Paul e lui fissò
la sua mano e il cazzo che circondava.

«Quasi», disse. "A proposito, hai un buon sapore."

Ha giocato delicatamente con il suo cazzo e ha chiesto: “Vorrei
riprovare?"

Ci hanno riprovato. Altre due volte e ogni volta lei
gestito lo stesso trucco; attirando lui e il suo cazzo
sull'orlo e in qualche modo impedendogli di accadere.
Il doppio del rivolo. Altre due volte la sua lingua assaggiò
lui.

Paul si sentiva impotente nella bocca e nelle mani di questa donna.
Stava giocando con lui. Lo amava, ma il
il tormento era incredibile.




Si alzò a sedere, si spostò alla sua destra e si sporse in avanti
appoggiare i gomiti sul divano. Il suo culo era alto e
fuori, due bellissimi emisferi.

“Ora fottimi Paul, vieni dietro di me e fottimi
me come hai voluto per tutto il pomeriggio. Fottimi
alla pecorina.

Sbalordito tanto dalla crudezza delle sue parole quanto dal
arrivo improvviso di ciò che desiderava di più, ha lottato per farlo
alzarsi. È praticamente caduto quando si è alzato, le sue gambe
erano traballanti e si sentiva instabile. Lo aveva prosciugato
energia sembrava.

L'idea di fotterla a morte adesso sembrava qualcosa di più
proposta difficile.

“Sbrigati Paul,” disse con voce urgente, “ne ho bisogno
bel cazzo.

Paul si inginocchiò dietro di lei. Era di nuovo insicuro
di sé ormai il momento era arrivato.

Era così esposta. Il suo culo sporgente così nudo. Suo
ano lo guardò da tra l'aspetto tenero
gonfiori delle sue natiche. C'era anche la sua figa, lui
ho sempre pensato che la vagina fosse nella parte anteriore ma
ora sembrava di essere nella parte posteriore, dove i suoi riccioli pubici
tutto tranne che nasconderla.

"Paolo!"

Si piegò in avanti sulle ginocchia e piegò la sua erezione
verso il basso, cercando di mirarlo.

La sua mano apparve tra le sue cosce e afferrò la sua
gallo e guidò lui e lui in avanti. Si sentiva
essere posizionato. Lei si spinse contro di lui.

La verginità di Paul era sparita; andato in un caldo, quasi
momento di suzione. D'istinto spinse anche lui e il suo cazzo
infilzato nel profondo di Marsha.

"Oh Dio! SÌ! Dolce Gesù, sì», le sue parole si precipitarono fuori
di lei tutto d'un fiato.

Entrambi sembravano congelarsi in quell'istante con Paul
sepolto profondamente, profondamente in lei.

“Ho desiderato il tuo cazzo da quando ti ho visto nel
negozio oggi", gli disse Marsha.

"È così bello, così caldo, così, così..." non aveva parole.

"Non è vero?" disse Marsha.

"Oh Dio!" esclamò mentre lei stringeva le pareti di
la sua vagina sembrava succhiarlo.

«No, Paul, ora scopami, duro quanto vuoi, duro quanto vuoi
Potere."

Fottila, l'ha fatto. Duro come poteva, duro come voleva.
Forse quasi quanto voleva. Quando il suo climax
avvicinatosi si fermò e aspettò; Paul lo aveva imparato
pomeriggio.

Lei venne prima di lui, violentemente e rumorosamente. Paolo
si accovacciò su di lei mentre lei veniva, stringendo le mani
i suoi adorabili seni, i pollici e gli indici che pizzicano
e tirandole i capezzoli. Il suo orgasmo sembrava rotolare
ancora e ancora, la sua figa continuava a cercare di tirare dentro il suo cazzo
suo.

Dopo ha pianto nel cuscino del divano. Chiese
se stesse bene e avesse detto che non si era mai sentita
Meglio. "Adesso fammi ancora un po'."

Paul si alzò di nuovo e la afferrò per la vita, la sua
dita che scavano nella sua morbidezza, trovandola
ossa dell'anca. Cominciò a fotterla di nuovo, guardando in basso
guardando il suo cazzo entrare e uscire da lei. Guardando
la grinza marrone del suo ano. Vedendo il biondo bianco,
peli lanuginosi nella valle della sua spina dorsale. Volere
fottila per sempre.

Il suo petto si sollevò; sentiva il suo respiro, sentiva il
martello del suo cuore e gli sbatté contro senza pietà
la morbidezza del suo culo. Sbattere, sbattere, scopare,
cazzo, deciso a farla supplicare di smetterla.

Ma Marsha non ha implorato pietà, lo ha solo sollecitato.
Chiesto di più, più cazzo, cazzo più duro.

Alla fine il suo corpo si arrese, le sue palle si strinsero, un
una terribile contrazione è avvenuta nel profondo di lui e lo era
in arrivo. Andare e venire, un tentativo disperato di farlo
svuotare tutto il suo sé nella sua fica.

Alla fine si sdraiò su di lei. Le sue mani tremanti
trovò e prese a coppa i suoi seni penduli. L'ha sentita
piangere di nuovo e sapeva che andava tutto bene. Avrebbe potuto
gridò lui stesso che si sentiva così felice.

«Sono ancora viva» mormorò.

"Che cosa?"

"Non mi hai fottuto a morte, vero?" C'era
risata nella sua voce.

"Non credo." I polmoni e il cuore di Paul erano di nuovo vicini
alla normalità ma sapeva di essere cambiato.




Rimasero davanti alla sua porta. Paul era vestito ma
Marsha indossava ancora solo le calze. Era consapevole
di un lento rivolo lungo l'interno della sua coscia sinistra.
Si alzò in punta di piedi e lo baciò.

"Domani?"

"Domani", l'incredulità era nella sua voce. Lei voleva
Di più? Forse dopo che aveva dormito. Aveva bisogno di dormire adesso.
"Mi piacerebbe." Sapeva che gli sarebbe piaciuto, ma in questo momento lui
aveva bisogno di riposare un po'.

"Potremmo fare altre cose", ha detto.

Si chiese quali altre cose ci fossero; sarebbero lontani
superato l'arco delle sue conoscenze quel pomeriggio.

“Intendiamoci, la regola del tre per uno non sarebbe più valida
fare domanda a."

"Non sarebbe?" L'aveva pensato troppo per lei.


"No, ora hai superato il corso per principianti." Lei
le sollevò il seno destro con la mano e diede il
capezzoli un lento bacio succhiante. Il cazzo di Paul si mosse
la vista.

Ha rilasciato il capezzolo. “Ho sempre pensato cinque per
uno più o meno giusto.

Storie simili

Benedizione sotto mentite spoglie

L'indimenticabile avvenimento, che sto per raccontarvi, non è una storia di cazzi e tori, piuttosto è il mio primo tentativo sessuale che ho fatto quando studiavo al quarto anno di ingegneria. Per prima cosa mi presento: vivo con mio zio a Lahore. Essendo un contadino il mio fisico è robusto e la pelle è chiara. Molte donne del villaggio erano attratte da me ma non le ho notate in parte per l'inclinazione di mio padre alle attività religiose nel villaggio e in parte per il timore di essere colto in flagrante. Anche allora i miei occhi rimasero assetati di uno sguardo...

1.9K I più visti

Likes 0

LA VENDETTA È DOLCE???

Ehi, Peg, vieni qui e aiutami per un minuto, per favore, gridò suo marito John dall'interno del garage!?! Peg Burton si alzò dalle ginocchia mentre stava piantando alcune giovani piante di pomodoro nel suo giardino , e dopo essersi alzata e aver lasciato cadere i guanti a terra, ha camminato per una decina di piedi fino al garage in cerca di suo marito!!! John, chiese piano, dove sei, perché le luci sono spente, vieni avanti adesso, smettila di scherzare!!! Si voltò con cautela, guardando in ogni angolo e fessura del grande edificio a due stalli, ma proprio quando stava per sgattaiolare...

1.9K I più visti

Likes 1

Totali sconosciuti

Le ferrovie in Gran Bretagna erano gestite negli anni '70 dalla British Rail, con due sindacati principali ASLEF (macchinisti) e NUR (ferrovieri). L'ASLEF ha chiesto uno sciopero ma non tutti i macchinisti erano affiliati e i treni erano ancora in grado di funzionare anche se un servizio ridotto. La città di Londra attira la maggior parte dei suoi lavoratori dalle cinture dei pendolari servite dalle ferrovie, essendo una città vecchia l'infrastruttura stradale rende quasi impossibile spostarsi in auto. Ciò significava che i treni che normalmente trasportavano da 800 a 1000 passeggeri stavano schiacciando fino a 2000 persone in uno spazio non...

894 I più visti

Likes 0

Migliori amiche moglie incinta Pt 1

Avevo sempre sentito dire che le donne si arrapavano di più durante la gravidanza, ma non mi rendevo conto di quanto fosse brutto fino a quando il mio migliore amico e sua moglie non rimasero incinta. Da quando sono stato licenziato l'estate scorsa, pago i conti facendo lavori saltuari in giro per la città; tinteggiatura di case, tettoie e falciatura dei prati. Michael, il mio amico, lavora in una fabbrica molto ben pagata, e immagino che abbia deciso di aiutarmi assumendomi per dipingere la sua cucina e il suo bagno, anche se non c'era niente di sbagliato nella vernice. Ero felice...

1.9K I più visti

Likes 1

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.4K I più visti

Likes 0

Stepson Matt... Baby Daddy?

Era circa una settimana dopo Capodanno. John, mio ​​marito degli ultimi anni, era già partito per lavoro. Il mio figliastro di 18 anni Matt era sopra di me spingendo costantemente il suo enorme cazzo dentro e fuori dalla mia figa bagnata gocciolante. Anche se la mia mente è andata alla deriva al pensiero di andare dal dottore per sapere con certezza se fossi incinta - mi sono tirata indietro l'altro giorno e ho inventato una scusa per una situazione familiare di emergenza e ho detto che avrei riprogrammato - non ho potuto fare a meno di urlare il nome di Matt...

2.5K I più visti

Likes 0

Capo cheerleader

Era il calcio di venerdì sera e la nostra squadra del liceo ha appena perso una partita molto combattuta. Vedi, io sono la capo delle cheerleader e il mio ragazzo Jim è il quarterback e il capitano della squadra. Sembra stereotipato ma questo è il liceo. Beh, era decisamente deluso perché ha lanciato il passaggio sbagliato che avrebbe potuto vincere la partita ma l'ha messo a terra 5 piedi davanti al suo migliore amico e in coda alla squadra in end zone. Volevo tirarlo su di morale davvero tanto. Usciamo da più di un anno ormai, da quando eravamo junior. Mi...

931 I più visti

Likes 0

Devastato_(1)

Io e la mia ex moglie manteniamo ancora tutti gli ornamenti di una vita coniugale insieme, tranne per il fatto che viviamo separatamente e lei lavora spesso fuori città. Abbiamo sviluppato una catena di corrispondenza e-mail piuttosto fumosa mentre siamo lontani. Adoriamo scriverci reciprocamente storie piccanti in cui recitiamo parti oa volte le piace raccontare le sue vere avventure sessuali che ha vissuto da quando ci siamo separati e ha abbassato le sue inibizioni. Le storie inventate potrebbero essere considerate storie vere, perché sono sempre profondamente radicate in un evento reale che abbiamo condiviso o in una fantasia su cui uno...

685 I più visti

Likes 0

Sesso fedele

I suoi baci le scesero lungo il collo, non terminando finché non raggiunse i suoi seni. Tiene tra le mani uno dei grossi seni, massaggiandolo delicatamente. Le sue labbra si spostano sul suo capezzolo sinistro, succhiandolo nel momento in cui le sue labbra lo avvolgono. La sua mano libera le scende lungo lo stomaco, fino ai pantaloni. Spinge bruscamente la mano all'interno mentre la sua mano raggiunge la sua destinazione. Le sue mani vanno sotto il tessuto conosciuto come le sue mutandine, toccandola in quel momento. Libera la mano dal suo seno, togliendole lentamente i pantaloni. Una volta che sono fuori...

256 I più visti

Likes 0

Il primo trio di mia moglie

Questa storia è successa esattamente 2 anni fa. Io e mia moglie siamo entrambi molto entusiasti del sesso e delle avventure sessuali. Sono fortunato ad avere una moglie così arrapata. Per prima cosa ti spiegherò mia moglie. Il suo nome è vidya (nome cambiato) e ha 28 anni. Veniamo da Cochin in Kerala. Vidya è alta circa 5 piedi e 2 pollici, un corpo snello con tette medie e un fantastico culo rotondo. È bionda e assomiglia leggermente a Aiswarya rai. Sono rahul e ora ho 35 anni e come nelle mie storie precedenti sono alto 5 piedi e 8 pollici...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.