Il mio piccolo compagno di giochi

214Report
Il mio piccolo compagno di giochi

Il mio piccolo compagno di giochi

Di Berkshire Ray

Capitolo 1

Ci fantasticavo da anni e ora avevo deciso che era il momento giusto.

Avevo comprato una casa a Hereford, un paio di miglia fuori da un piccolo villaggio e mezzo miglio dal vicino più vicino. Ho passato un mese a prepararmi per il mio compagno di giochi scelto. Avevo messo in sicurezza la cantina con una porta blindata e robuste serrature e l'avevo arredata con un letto matrimoniale che avevo scelto per la sua robusta struttura in metallo, adatto per agganciare le cinture e un tavolo imbottito con staffe e lacci in pelle per piedi e mani . Avevo installato una nuova illuminazione che avrebbe reso orgogliosa una sala operatoria e avevo acquistato attrezzature fotografiche di buona qualità. Avevo anche montato una serie di strumenti di tortura sul muro in piena vista del tavolo.

Avevo scelto la mia vittima dopo aver visitato Hereford stessa due mesi dopo il mio primo trasferimento nella zona. Avevo visto una ragazza ferma a una fermata dell'autobus, da sola, su una delle linee di autobus rurali che collegavano i paesi periferici al capoluogo. Indossava la sua uniforme scolastica, ovviamente in attesa di prendere l'autobus per andare a scuola. Era una piccola bionda con i capelli lunghi; aveva circa tredici o quattordici anni, aveva un bel viso e una simpatica figura. La sua uniforme scolastica consisteva in una camicetta bianca con un maglione verde, una giacca verde, una gonna verde portata con l'orlo un po' sopra il ginocchio, calzini bianchi alti fino al ginocchio e scarpe nere con tacco basso. Era una piccola creatura deliziosa e mi dolevano i lombi al pensiero di cosa avrei voluto farle. Dato che ora vivevo da solo, senza attaccamenti, ho deciso lì per lì che invece di semplicemente immaginare cosa avrei voluto farle, l'avrei fatto davvero.

Ero molto nervoso per il rapimento in sé, tuttavia avevo osservato più volte la fermata dell'autobus da un luogo nascosto su una collina che domina la strada e sapevo che era sempre sola ad aspettare lo scuolabus dalle 08:20 del mattino e che l'autobus è arrivato alle 08:30, o forse un paio di minuti dopo, mai prima. La strada era poco frequentata e il traffico era praticamente inesistente. Ho deciso che l'avrei semplicemente rapita alla fermata dell'autobus.
Ho comprato un'auto usata affidabile e l'ho tenuta parcheggiata nel mio garage fino a quando non ne ho avuto bisogno. Non volevo usare la mia solita macchina nel caso qualcosa fosse andato storto. Ho scelto un lunedì come giorno in cui l'avrei portata. L'inizio di una nuova settimana sembrava appropriato e la domenica ho preparato tutto.

Il giorno del rapimento ero molto nervoso e guidavo con cautela, perché non volevo attirare l'attenzione su di me. Una volta imboccata la strada rurale che passava per il paese dove la ragazza aspettava alla fermata dell'autobus, non ho visto altro traffico. Ho guidato fino alla fermata dell'autobus dove era in piedi, mi sono chinato e ho aperto la portiera del passeggero e le ho parlato.

“Ciao amore, mi aggiro se puoi aiutarmi, sono un po' perso. Sto cercando di trovare Willow Tree Farm" dissi con la mia voce più amichevole.

"Mi dispiace di non averne mai sentito parlare" disse accigliandosi.

"È qui sulla mappa ma non riesco a orientarmi, se ti mostro dove si trova sulla mappa, potresti mostrarmi dove siamo ora"?

“Ci proverò” disse “ma non sono molto brava con le mappe”.

Avevo la mappa disposta sul sedile del passeggero di fronte a lei e lei si è avvicinata e si è accucciata per guardare la mappa. Avevo già slacciato la cintura di sicurezza per darmi più libertà di movimento e appena è salita in macchina per studiare la mappa l'ho presa per i capelli con entrambe le mani e l'ho tirata rudemente il più possibile in macchina, l'ho Ho tenuto una presa sui suoi capelli con una mano e con l'altra ho preso un grosso coltello dall'aspetto spaventoso da dove l'avevo nascosto sotto il mio sedile e l'ho tenuto davanti al suo viso.

"Non muovere la tua puttana cazzo o ti taglio la faccia del cazzo, capisci"

Non ha risposto, ha semplicemente fissato con gli occhi sbarrati il ​​coltello davanti al suo viso e ha piagnucolato in silenzio.

"Ti ho fatto una fottuta domanda puttana, capisci."

“Sì, sì, per favore non farmi del male, per favore non farmi del male”.

"Fai come hai detto e starai bene, ma mi dai qualche problema e ti ucciderò e ti scaricherò in un fosso, capito."

“Sì, per favore non farmi del male; Non ti darò nessun problema".

"In quel momento, entra e accovacciati bene nel piede"

Entrò e fece come ho detto senza discutere; era accovacciata nel pozzo del piede con la parte superiore del corpo appoggiata in avanti sul sedile del passeggero. Tenevo ancora bene i suoi capelli con una mano.

"Metti le mani dietro la schiena ora" ringhiai.

Lei immediatamente obbedì e io mi chinai in avanti prendendo un paio di manette dalla tasca della mia giacca e le strinsi i polsi. Cominciò a singhiozzare e le lacrime le rigarono le guance. Mi sono chinato e l'ho presa per il mento costringendola a guardarmi.

“Ora stai più in basso che puoi finché non ti dico che puoi alzarti. Se ti alzi senza che me lo dica, ti taglio la gola del cazzo, capisci?

Le ho mostrato di nuovo il coltello per ricordarle cosa sarebbe successo se avesse disobbedito.

“Sissignore” ha detto “non farò niente, per favore non farmi del male”.

"Rimani dove sei e starai bene" dissi.

Scesi velocemente dall'auto, andai alla fermata dell'autobus e recuperai la sua borsa di scuola. Non volevo lasciarlo lì per suscitare la curiosità di nessuno.
Ho sbattuto la portiera del passeggero e sono risalito in macchina. Mi sono girato e ho scaricato bene la sua borsa nel piede posteriore e sono partito perché non volevo rimanere sulla scena del rapimento più a lungo del dovuto.
Il tutto non aveva richiesto più di due minuti, il che era quanto avrei potuto sperare. Dopo aver guidato per un paio di miglia ho accostato e ho detto

"Dov'è il tuo cellulare" sapendo che, come la maggior parte delle ragazze, ne avrebbe uno.

"È nella mia borsa", ha risposto.

Ho preso la sua borsa e l'ho frugata finché non ho trovato il suo telefono; Ho tolto la batteria e poi ho abbassato il finestrino dell'auto e ho gettato il telefono e la batteria nel fosso pieno d'acqua sul ciglio della strada. Non volevo rischiare la possibilità che la polizia potesse rintracciarla dal suo telefono. Non sai mai cosa possono fare in questi giorni.
Poi mi sono messo sul sedile posteriore dell'auto e ho preso una federa e una coperta che avevo portato con me. Ho detto alla ragazza di alzare la testa e poi ho tirato la federa sopra la sua testa prima di spingere la testa indietro sul sedile anteriore. Poi ho coperto la parte superiore del corpo della ragazza con la coperta drappeggiandola su di lei. Chiunque guardasse il sedile anteriore vedrebbe solo la coperta e non avrebbe idea di cosa ci fosse sotto di essa.

Poi sono ripartito e ho fatto un giro fino a casa mia, guidando con prudenza e rispettando i limiti di velocità. Il viaggio mi ha richiesto poco più di un'ora. All'arrivo a casa mia sono sceso dall'auto e ho aperto la porta del garage, poi ho guidato la macchina nel garage e ho chiuso la porta del garage con me, il mio nuovo compagno di giochi e l'auto dentro. Ho tirato un enorme sospiro di sollievo. L'avevo fatto senza incidenti.
Ora il divertimento potrebbe iniziare.

Ho aperto la porta che collegava il garage con l'interno della casa e poi sono andato alla porta del passeggero anteriore e l'ho aperta.
Ho tolto la coperta alla ragazza e ho detto:

"Esci dalla macchina"

Uscì meglio che poteva con le mani ammanettate dietro la schiena; i suoi movimenti erano goffi e sembrava che i suoi muscoli fossero un po' rigidi dopo essere stata accucciata nel pozzo del piede per un'ora.

Una volta fuori, l'ho guidata in avanti e le ho detto "Continua a camminare"

“Dove mi stai portando?” disse.

"Vedrai abbastanza presto, fai come ti è stato detto, o te ne pentirai"

Detto questo la presi saldamente per un braccio e la condussi in casa. L'ho portata alla porta che conduce alla cantina che avevo lasciato aperta e le ho detto: "Ci sono delle scale ora, quindi fai attenzione, prendile lentamente e una alla volta.

Scese con cautela e presto fummo in fondo. L'ho portata dentro la porta in fondo alle scale, ho acceso la luce e ho chiuso e chiuso a chiave la porta dietro di noi.
Adesso era tutta mia.

capitolo 2

Le ho tolto la federa dalla testa e le ho detto: “Eccoci qua, puttana; qui starai per un po'”.

"Dove sono" ha detto "Perché mi hai portato qui"?

“Non importa dove sei fica, sei dove voglio che tu sia e questo è abbastanza buono. Se vuoi sapere perché mi sono preso la briga di portarti qui, te lo dirò. Sei qui per intrattenermi, è così semplice”.

"Cosa vuoi dire" disse, la voce che cominciava a spezzarsi.

«Quello che voglio dire, puttana senza valore, è che ti userò per il mio stesso divertimento. Sarai il mio porcellino di merda di me stesso. Sto per scopare la tua piccola fica, ho intenzione di infilare il mio cazzo puzzolente nella tua dolce piccola bocca e sto per violentare il tuo dolce buco del culo. Lo farò tutte le volte che voglio, con tutta la forza e la durezza che voglio e c'è tutto quello che puoi fare per fermarmi. E faresti meglio a fare del tuo meglio per vedere che mi diverto a scoparti, perché se mi stanco di farlo, potrei semplicemente decidere di fotterti e diventare davvero cattivo. Potrei decidere di legarti e torturare il tuo dolce corpicino, solo per vedere per quanto tempo posso tenerti in vita mentre sei in agonia urlante. Cosa ne pensi di quella puttana”?

Cadde in ginocchio singhiozzando con un'espressione di terrore sul viso; cominciò a pregarmi di lasciarla andare,

“Per favore, per favore, non farmi questo, per favore, per favore non farlo. Lasciami andare per favore. Voglio solo andare a casa, voglio mia madre. Per favore non farmi del male, ho solo tredici anni, non capisco perché vuoi farmi del male”.

L'ho presa per la testa e l'ho costretta a guardarmi,

“Ascoltami e stai zitto. L'unico modo per rivedere tua madre è se mi fai piacere. Ciò significa essere una brava ragazza e fare tutto ciò che ti dico di fare. Allora potrei decidere di lasciarti andare, ma questa è la tua unica possibilità. Se mi fai incazzare, sarai legato e urlerai in agonia mentre ti ferisco il più possibile, il più a lungo possibile. Adesso alzati in ginocchio e smettila con tutto quel rumore, altrimenti”.

Lentamente e goffamente si alzò in piedi e fece del suo meglio per smettere di piagnucolare, ma tremava per la paura che amavo. Ho tirato fuori dalla tasca la chiave delle manette, mi sono avvicinato a lei e le ho sbloccate. Sembrava molto nervosa e potevo vedere che aveva paura di vedermi stare così vicino a lei. Ho deciso di divertirmi un po' adesso. Ho acceso le luci intense che avevo impostato per dare alle telecamere abbastanza luce e poi sono andato a far girare le telecamere. C'erano diversi allestimenti per scattare foto della stanza da varie angolazioni.

Sono tornato da lei.
“Togliti la giacca e il maglione” dissi “svelto ora, o lo farò per te e vorrai che mi avresti obbedito”.

Si tolse lentamente la giacca e si guardò intorno, non sapendo dove metterla,

"Per ora lascialo cadere per terra" dissi.

Lo lasciò cadere e poi si tirò il maglione sopra la testa e lo lasciò cadere sul pavimento sopra la giacca. Incrociò le braccia davanti a sé e rimase lì tremante, con aria spaventata.

Mi sono avvicinato e mi sono messo di fronte a lei. Ho allungato una mano e le ho costretto le braccia lungo i fianchi e ho iniziato a sbottonarle la camicetta. Cominciò a piangere piano ma non fece alcun tentativo di fermarmi.

"Hai mai lasciato che qualcuno dei tuoi fidanzati vedesse le tue tette o le toccasse?"
“No” singhiozzò. “Non ho mai avuto un ragazzo. Mia madre dice che sono troppo giovane”.

Slacciai l'ultimo bottone e tirai fuori la parte inferiore della camicetta dalla parte superiore della gonna. Poi le ho fatto scivolare lentamente le maniche lungo le braccia e le ho tolte prima di far cadere la camicetta sul pavimento.

Indossava un delizioso reggiseno di pizzo, così femminile e carino.
Mi sono messo di fronte a lei e le ho detto "toglilo" con voce severa.

Potevo vedere il tumulto sul suo viso, non voleva obbedire ma aveva paura di cosa avrei fatto se non lo avesse fatto.

Lentamente si allungò dietro la schiena e slacciò il fermaglio. Fece scivolare le cinghie lungo le braccia e lasciò cadere il reggiseno a terra. Non ha cercato di coprirsi; si limitò a guardare il pavimento e singhiozzò piano.

Per un po' sono rimasta in piedi e ho guardato i suoi piccoli seni perfetti. Erano piccoli, per niente cresciuti ma comunque perfetti. Ho allungato entrambe le mani e le ho accarezzate, strizzandole delicatamente, sentendo quanto fosse morbida la pelle, quanto fosse soda la carne. ero in paradiso; Ho fatto rotolare i suoi capezzoli tra le mie dita e i pollici e li ho sentiti iniziare a indurirsi. Sembravano quasi troppo grandi per i piccoli seni che coronavano. Mi sono chinato in avanti e ho preso uno dei capezzoli in bocca, succhiandolo delicatamente, giocandoci, facendo scorrere la lingua sul morbido e gustoso nodulo. Ho continuato ad accarezzare un seno mentre succhiavo furiosamente il capezzolo dell'altro. Ho spalancato la bocca e ho preso quanto più possibile del suo seno nella mia bocca e la saliva mi gocciolava lungo il mento mentre succhiavo rumorosamente.

Alzai gli occhi guardandola in faccia; aveva la testa girata di lato e guardava verso il muro come per separarsi da ciò che stava accadendo. Coinvolto ma non partecipante. Il suo sguardo era di disgusto e repulsione, odiava quello che le veniva fatto e quella realizzazione rendeva il mio cazzo duro come il ferro. Volevo che si ribellasse. Volevo che odiasse quello che le stavo facendo, ma che dovesse sopportarlo, perché non aveva scelta.

Ho deciso di provare a rivoltarla ulteriormente. Ho lasciato andare il suo capezzolo e mi sono alzato.
Girò la testa verso di me ma non riuscì a incontrare i miei occhi; guardò il pavimento.

“Togliti le mutande” dissi con la mia voce più minacciosa.
Poi mi ha guardato e ha iniziato a piangere di nuovo, "per favore non farlo" ha detto "per favore non farlo" singhiozzava per la vera emozione, rabbrividendo a ogni respiro, terrorizzata da quello che stavo per fare.

“O te li togli, o vado a lavorare sulle tue tette con un paio di pinze, a tua scelta” ringhiai.

Avrei potuto facilmente sovraccaricarla e strapparle le mutande da solo, ma volevo che si sottomettesse alla sua stessa umiliazione, che partecipasse ai suoi stessi abusi.

Si chinò lentamente e mise le mani sotto la gonna facendo attenzione a non alzare la gonna abbastanza in alto da farmi vedere qualcosa, cercando modestamente di tenersi la figa coperta.
Mi sono divertito e ho sorriso per l'assurdità di tutto ciò.
Si è infilata le mutandine sul culo, sulle cosce e le ha lasciate cadere dalle ginocchia al pavimento.

“Dammelo” dissi.

Si tolse le mutande, poi si chinò, le raccolse e me le diede. Erano bianche e morbide, con sopra dei cuoricini rosa. Li ho avvicinati al viso, ci ho affondato il naso e ho inspirato profondamente. Mi guardò con un misto di imbarazzo e disgusto.

"Qual è il problema cagna" ho detto "Non c'è niente come l'odore e il sapore della figa di una ragazza".

Poi, deliberatamente, esageratamente, ho aperto le mutande e leccato il tassello. Mi ha guardato con totale disgusto, quindi ho preso le mutande in bocca e le ho succhiate ad alta voce.

"Come hai potuto" ha detto "è così disgustoso".

"Beh, non ti piacerà quello che farò dopo, puttana"

L'ho presa per un braccio e l'ho trascinata sul letto facendola sedere sul bordo,

"Sdraiati e non ti muovere, cazzo finché non te lo dico io" ho urlato "Se lo fai ti farò davvero del male"

"Per favore, non fare nulla per farmi del male signore, per favore non farlo"

"Sdraiati e fai come ti è stato detto" dissi minaccioso.

Si sdraiò ma mi guardò nervosamente.

“Fai come ti è stato detto e tutto andrà bene. Fammi fare quello che voglio e ce la farai, dammi problemi e non lo farai”.

Ho preso un cuscino dal letto e l'ho messo sul pavimento, poi mi sono inginocchiato su di esso di fronte a lei, era distesa ma aveva la testa sollevata che guardava in basso verso di me per vedere cosa stavo per fare.
Ho preso l'orlo della sua gonna e l'ho spinto intorno alla sua vita, poi l'ho presa per le gambe e l'ho tirata in modo che il suo culo fosse proprio sul bordo del letto e la sua figa fosse vicina e accessibile.
Teneva le cosce il più strettamente unite possibile e si coprì con le mani, ovviamente imbarazzata dal fatto che potessi vedere il suo tumulo pubico.

“Ascolta ora e fai quello che ti dico. Sii una brava ragazza e non ti farò del male. Disobbediscimi e ti farò a pezzi. Non prendermi in giro adesso. Voglio che ti metta le mani sulla testa e le tenga lì. Se non lo fai, ti ammanetterò di nuovo. Poi voglio che metti i piedi sul bordo del letto e allarghi le gambe così posso dare un'occhiata alla tua figa, capito"

“Non ha risposto, ha appena iniziato a singhiozzare rumorosamente, ma ha tolto le mani e se le è messa in testa come le avevo detto, poi ha alzato i piedi sul bordo del letto e lentamente allargò le gambe” .
“Brava ragazza, continua a fare quello che ti dico e starai bene. Ora allontana un po' i piedi e sarai perfetto"

Con riluttanza ha fatto come le avevo chiesto e per la prima volta ho potuto vedere la fica perfetta di questa bellissima bambina. Il suo tumulo era la forma più bella con una sottile peluria dorata. Mi sono chinato in avanti per dare un'occhiata più da vicino e lei ha continuato ad alzare la testa per cercare di vedere cosa le avrei fatto.

L'ho guardata negli occhi e lentamente, dolcemente, ho fatto scorrere la mia lingua su per tutta la lunghezza della sua fessura.
L'ho ripetuto più volte prima di allungare la mano e allargare le sue pieghe rivelando le sue parti più intime al mio sguardo. Ho messo il naso il più vicino possibile alla sua figa e ho inalato profondamente il suo profumo femminile.

"Hai una bella piccola fica ragazza" ho detto "In effetti da ora in poi è così che ti chiami, fica"

Lei mi stava ancora guardando e io sorrisi al suo sguardo di imbarazzo e umiliazione, lei voltò il viso dall'altra parte e fissava il muro.

“È ora di colazione” dissi. Poi ho spalancato e ho preso in bocca quanto più di lei potevo succhiandole i lembi e il clitoride, infilando la lingua nel suo buco il più lontano possibile, bevendo e succhiando rumorosamente, perso nel puro piacere del gusto , l'odore, la consistenza, il paradiso puro della figa di una ragazza.

Ero perso nel momento, non ho notato la sua reazione, mi sono concentrato solo sul mio piacere, continuando a esplorarla con le mie labbra, la mia lingua e persino i miei denti, mordicchiandola dolcemente, volendo possedere ogni parte di lei . Mentre continuavo il mio assalto, la sua figa diventava sempre più bagnata, non perché si stesse godendo quello che le stavo facendo, ma semplicemente perché quella era la risposta naturale del suo corpo. Ho ficcato la faccia nella sua fica il più possibile e sono ancora in grado di respirare, la mia faccia era coperta dai suoi succhi e li ho accarezzati avidamente. Mi sono aggrappata alle sue natiche per aiutarla a tirarla sul mio viso il più saldamente possibile. Il mio cazzo era duro come non l'avevo mai saputo e stava spingendo contro i miei vestiti, alla disperata ricerca di liberazione.

Ho perso la cognizione del tempo ma alla fine mi sono fermato e ho spostato la testa lontano dalla sua fica fradicia e sciatta, inondata dai suoi stessi succhi e dalla mia saliva, brillava con la miscela di secrezioni che la ricopreva. Mi sono chinato in avanti e gli ho dato un ultimo bacio inserendo la lingua il più lontano possibile.

Mi alzai e la guardai; lei girò la testa e mi guardò, gli occhi rossi per il suo pianto che ora era cessato. Il suo sguardo era di incertezza; non era sicura di cosa avrei fatto adesso, ma aveva paura che l'avrei scopata. Tirò giù la gonna per coprirsi e lasciò cadere i piedi dal bordo del letto mentre chiudeva le gambe.

Ti è piaciuto tanto quanto me, fica?
"Era disgustoso. Come hai potuto farlo", ha detto.
"Non bussare finché non l'hai provato Figa, potrebbe piacerti, chissà"
“Non potrei mai fare una cosa del genere, semplicemente non potrei”
"Potrebbe anche piacerti il ​​gusto, vediamo se" dissi mentre mi arrampicavo sul letto e mi sdraiavo su di lei.

Le presi i polsi e li tenni entrambi in una mano sopra la sua testa; Le presi il mento con l'altra mano e la tenni in modo che il suo viso fosse sotto il mio. La mia faccia era lucida dei suoi succhi e il mio respiro puzzava dell'odore opprimente della fica.
Ho forzato le mie labbra sulle sue e le ho sondate con la lingua, ha cercato disperatamente di tenere le labbra unite ma non poteva competere con me. Ho forzato la mia lingua nella sua bocca e ho saccheggiato la sua seconda cavità umida e calda, esplorando ogni centimetro quadrato di essa, la sua lingua, le sue gengive, i suoi denti, le sue guance. Aveva gli occhi sbarrati mentre cercava di distogliere la testa dal mio assalto, inutilmente. Ho preso il mio tempo finché alla fine ho ritirato la mia lingua dalla sua bocca.

Poi le ho tenuto la testa con entrambe le mani e mi sono chinato su di lei e ho iniziato a leccarle il viso dalla linea della mascella alla fronte, le ho leccato ogni parte del viso ed esplorato deliberatamente ogni fessura. Ho leccato l'esterno delle sue labbra, le sue palpebre, ho persino infilato la punta della lingua nelle sue narici il più lontano possibile e le ho preso le orecchie in bocca e le ho succhiate.

Quando ebbi finito le sussurrai all'orecchio "Anche la tua faccia puzza di fica adesso, è il miglior profumo che tu abbia mai indossato. Se potessi imbottigliarlo faresti una fortuna”

Ho riso forte alla sua espressione disgustata.

"Ora sai che sapore ha la tua fica, cosa ne pensi, potresti sviluppare un gusto per la figa o pensi che preferiresti il ​​gusto del cazzo"

Non mi ha risposto.

"Ora è il momento di scoprire Fica, figa o cazzo"

capitolo 3

Sono rotolato via da lei e l'ho presa per i capelli "Alzati" ho urlato.

L'ho tirata in piedi e l'ho trascinata in fondo al letto. Avevo una mano strettamente intrecciata tra i suoi capelli e lei aveva entrambe le mani aggrappate alle mie, cercando di evitare che i suoi capelli venissero strappati dalle radici.

L'ho costretta a inginocchiarsi in fondo al letto e mi sono seduto sul letto di fronte a lei.

“Ora è il momento in cui decidiamo se mi farai del male o se sarai una brava ragazza e farai quello che voglio. È una tua scelta fica, o fai quello che dico, qualunque esso sia. Oppure ti lego a quel tavolo laggiù e inizio a tagliare. Quale sarà, la tua scelta”.

Guardò il tavolo con le cinghie e le staffe e poi il suo sguardo si soffermò sugli arnesi e sugli strumenti di tortura appesi al muro sopra di esso.

"Per favore" disse, "Farò quello che vuoi, solo per favore non farmi del male, per favore, non voglio morire"

"Allora devi fare tutto quello che ti chiedo di fare, essere una brava ragazza e non dovrò farti del male"

Mi sporsi in avanti e accarezzai delicatamente i suoi piccoli seni carini. Lei sussultò ma non fece alcun tentativo di allontanarsi.

Mi sono alzato bruscamente e ho detto: "Fai attenzione. Voglio che tu sleghi le mie scarpe e me le tolga, poi mi slaccia la cintura, slanci il bottone dei miei pantaloni e mi apra la cerniera. Una volta fatto, puoi tirarmi giù i pantaloni e toglierli.
Capisci?"

"Sì" disse lei a bassa voce.

“Vai avanti allora, vai avanti.

Si è seduta sui fianchi e si è chinata in avanti per slacciare i lacci delle mie scarpe, io mi sono seduta sul bordo del letto per permetterle di togliermeli dai piedi. Ha messo le scarpe sul pavimento dietro di sé.
Mi sono rialzato e lei si è alzata in ginocchio, ha allungato la mano con entrambe le mani e ha armeggiato con la fibbia della mia cintura. Riuscì a sganciare la fibbia e a poco a poco infilò la cintura attraverso i passanti dei miei pantaloni. Appoggiò la cintura vicino alle mie scarpe. Ho tirato dentro lo stomaco per renderle più facile slacciare il bottone dei miei pantaloni. Quando ha afferrato la cerniera e ha iniziato a tirarla giù, ho sentito la sua piccola mano sfiorare il rigonfiamento del mio cazzo gonfio, che era facilmente visibile mentre spingeva contro il tessuto dei miei pantaloni. Anche lei lo notò e si sforzò di non toccarlo.
Una volta che la cerniera è stata completamente slacciata, ha tirato giù delicatamente i miei pantaloni, facendo attenzione a non tirarci giù le mutande. Una volta che mi ha messo i pantaloni ai piedi, mi sono seduto di nuovo sul letto e le ho permesso di infilarmeli sopra i piedi e di togliermeli.

Mi sono rialzato e l'ho guardata. "Ora voglio che mi tiri giù le mutande"

Potevo dire dalla sua espressione che sapeva dove stava portando questo, ma sapeva l'alternativa se avesse rifiutato. Si alzò e afferrò la cintura della mia biancheria intima con entrambe le mani e tirò delicatamente verso il basso. Mentre tirava, il mio cazzo balzò in vista, si fermò con orgoglio sull'attenti, finalmente libero dal suo vincolo e lei lo fissò con inorridita fascinazione. Non è enorme, lungo circa 7 pollici ma è spesso e solido e ne è rimasta trafitta.

"Hai mai visto un cazzo prima di Cunt" ho chiesto.

“No, mai” ha risposto

“Beh, non limitarti a guardarlo, afferralo, sentilo e giocaci. Lo conoscerai molto bene"

Sapendo che non aveva altra scelta che obbedire, lasciò lentamente le mie mutande raccolte ai miei piedi e si allungò con entrambe le mani e prese il mio cazzo. Le sue mani si sentivano fresche contro il calore del mio membro rampante mentre le faceva scorrere delicatamente su e giù per la sua lunghezza, dalle mie palle alla punta, dove le sue dita diventavano appiccicose dal pre cum che fuoriusciva da esso, a testimonianza di quanto fossi eccitato.

"È tutto appiccicoso" disse guardando il liquido sulle sue mani.

"Si chiama pre cum Cunt, aiuta a lubrificare un cazzo, rendendo più facile la penetrazione nella fica"

Mi guardava con la paura negli occhi, potevo leggere la domanda non posta sul suo viso, stavo per scoparla adesso.

"Non preoccuparti fica, non ho intenzione di fotterti, comunque non ancora"

Espirò pesantemente, sollevata dal fatto che non avrei forzato il mio grosso cazzo nella sua piccola fica stretta.

"Ti piace l'odore del cazzo" ho chiesto "Annusa bene e vedi cosa ne pensi"

Mi guardò con disgusto, ma si chinò lentamente in avanti e annusò delicatamente il mio cazzo.

"Ha un odore terribile" disse con vero disgusto.

“Beh, può avere un odore terribile, ma voglio che lo lecchi. Immagina che sia un lecca-lecca e leccalo dal basso a destra verso l'alto"

Lo guardò con repulsione e scosse delicatamente la testa da una parte all'altra.

“Non potevo, proprio non potevo, il solo pensiero mi fa stare male, è rivoltante. Puzza ed è ricoperta di quella roba appiccicosa”

Le ho afferrato una manciata di capelli e l'ho costretta a guardarmi,

“Sto cominciando a perdere la pazienza con te, cagna che prende in giro il cazzo, o fai come ti è stato detto o ti legherò a quel tavolo e speronerò il mio cazzo nel tuo piccolo buco del culo stretto e ti fotto finché non puoi In piedi. Cosa accadrà, decidi in fretta?”

Stava sussultando per il dolore perché i suoi capelli erano così stretti nel mio pugno, mentre mi guardava e diceva "va bene, farò quello che vuoi, per favore lasciami andare i capelli, lo farò".

Le ho sciolto i capelli e lei ci ha passato una mano e si è strofinata il cuoio capelluto per alleviare il dolore.

"Prendilo allora, prima che violenti il ​​tuo piccolo buco del culo stretto, solo per darti una lezione"

Ha spostato lentamente la mano sul mio cazzo per tenerlo fermo e poi ha spostato la testa in avanti. Ha tirato fuori la sua piccola lingua delicata ed è entrata in contatto con la pelle alla base del mio cazzo. Il suo naso si arricciò per l'evidente disgusto per ciò che era stata costretta a fare. Fece scivolare la lingua lungo il mio albero verso l'alto, fermandosi prima di raggiungere la punta stessa, che era ricoperta di pre-sborra, e poi si spostò di nuovo alla base, per ricominciare. Lo ha ripetuto una mezza dozzina di volte, e sapevo che stava cercando di evitare la grossa goccia di pre-sborra che era sulla punta del mio cazzo.

"Aspetta" dissi mentre avvicinava la lingua alla base del mio cazzo per il suo prossimo viaggio.

Mi guardò con aria interrogativa.

Ho allungato una mano e ho tirato indietro il mio prepuzio rivelando la testa viola del mio cazzo, gonfio e lucido per il pre cum.

“Ora voglio che tu prenda tutta la testa del mio cazzo nella tua bocca e voglio che tu lo succhi. Assicurati di usare la lingua, soprattutto sulla fessura sulla punta del mio cazzo, la fessura da cui esce il piscio”

Stavo deliberatamente cercando di disgustare e degradare questa piccola puttana.

"E se sento dei denti, li rimuoverò uno per uno con un paio di pinze, quindi attenzione"

Ha guardato il mio cazzo con repulsione; sembrava così diverso con il prepuzio tirato indietro. Prima, si era appena leccata la pelle normale, cosa che non le era piaciuta, ma questo sembrava così estraneo a qualsiasi cosa avesse visto prima e ne era così ovviamente disgustata.

"O ti sta entrando in bocca o nel tuo culo, fica" dissi ricordandole le sue alternative.

Le lacrime iniziarono a scorrerle lungo le guance, mentre muoveva lentamente la testa in avanti e apriva le sue labbra rosse meravigliosamente morbide per inghiottire la mia testa di cazzo viola nella sua bocca umida e calda.

Ha iniziato a succhiare la testa come un vitello che allatta la tettarella di sua madre, succhiava forte e velocemente e io ero in paradiso, sapevo che non sarei durato a lungo se avesse continuato così”

"Non dimenticare la lingua sulla punta" dissi

Ha tolto la bocca dal mio cazzo e ha tirato fuori la lingua e ha spinto la punta nella fessura all'estremità del mio cazzo. Poi inghiottì di nuovo la testa con le labbra e riprese a succhiare.

Guardando il suo visino piccolo e carino, con il mio cazzo in bocca e le lacrime sulle guance ero in estasi, la vita non è andata meglio di così. Dominare e degradare una giovane ragazza, mostrandole che era un giocattolo con cui giocare, una puttana da usare, nient'altro che una collezione di buchi umidi da scopare per il piacere di un uomo.

Il bisogno di dominare è cresciuto dentro di me. Avevo bisogno di mostrarle quanto fosse inutile, quanto poco importasse.

Ho tirato fuori il mio cazzo dalla sua bocca e mi sono avvicinato al tavolo, raccogliendo un paio di manette che erano appese lì.

"Metti le mani dietro la schiena" urlai, mentre tornavo da lei.

"Perché" disse, disorientata dal mio improvviso cambiamento di umore.

"Fai solo come ti è stato detto, cagna", ho urlato.
Si mise subito le mani dietro la schiena, spaventata da cosa avrei potuto fare se non avesse obbedito. Ho chiuso i polsini intorno ai suoi polsi e poi mi sono messo di fronte a lei.

“Resta in ginocchio, ma resta in piedi, altrimenti” dissi.

Le presi i capelli con entrambe le mani, una su ciascun lato della sua testa, e le tirai la faccia verso il mio cazzo.

"Aperta cagna" ho detto. Ha aperto la bocca e io ho spinto il mio cazzo dentro e l'ho tirata su di me, seppellendo il mio cazzo fino all'elsa in faccia, costringendo il suo viso contro di me, il suo naso sepolto nei miei peli pubici. La tenni lì, sentendo tutta la mia lunghezza racchiusa nella sua cavità calda e umida.
Non poteva fare nulla per proteggersi con le mani ammanettate dietro di sé e ho iniziato a conficcarle violentemente il mio cazzo, sbattendolo ancora e ancora nella sua bocca, spingendolo in profondità nella sua gola. Ha soffocato e soffocato e la saliva gocciolava dalla sua bocca, lungo il suo mento e sui suoi seni, le lacrime scorrevano lungo le sue guance e il muco ha iniziato a colare dal suo naso, mentre il suo corpo produceva disperatamente fluido per proteggere i suoi tessuti molli dall'invasore che si faceva strada nella sua bocca, sulla sua lingua e nella sua gola. Fino a questo punto, per quanto con riluttanza, aveva avuto il controllo, eseguendo i miei ordini ma succhiandomi lei stessa il cazzo. Ora non aveva alcun controllo, veniva maltrattata e contaminata, non un partecipante, veniva usato solo un pezzo di carne. I was in total control, forcing myself onto her, into her, her master, her lord, she was nothing and I was everything. I pulled her hair as hard and tightly as I could, determined to cause her as much physical pain as possible, while she fought hard just to breathe, as I filled her throat with my cock, blocking her airway. She gagged and desperately tried to breathe through her nose but the mucus running from it was making it difficult for her and she blew bubbles out of her nostrils, as her face got redder and redder. I didn’t care, I was only concerned with the feelings I was experiencing, my cock was so pumped full of blood, it was almost painful to me; I had never seen it bigger. I continued to ram it in and out of her as she gagged and struggled to breathe, saliva dribbling down her chin and snot running from her nose, as I abused her mercilessly. I rammed into her face over and over again with all my strength, oblivious to her pain and distress, wanting to hurt her. She was nothing, I wanted to fuck her face forever if I could, fuck her face until she suffocated, until she choked and died, fuck her face as she died. I wanted to kill her, I was lost in hate and lust, nothing mattered but torturing this little cunt, this worthless little cunt. I was pounding into her with all the force I could muster, trying to force my cock as far into her as I could, trying to break this little cunts face, rupture her throat, fill her lungs with cum, take her life. Then at last I felt my balls begin to contract, as spurt after spurt of my cum, erupted into her throat. She gagged and choked and swallowed as fast as she could, desperately trying to keep her airway clear. I continued to force myself into her, until the spurts began to slow and finally stop. I held my cock as far into her throat as I could, until I felt the last spurt come pulsing out of the tip.

I pulled out of her and released her hair. She gasped for breathe and collapsed onto the floor, her chest heaving as her body took in the oxygen it craved, in huge breaths. She coughed and cum and saliva ran out of her mouth and nose and onto the floor, her face was covered in snot, cum and saliva. As her breathing slowed down, she started to cry quietly to herself, as she curled up into the foetal position.

I sat on the edge of the bed getting my breath back and appreciating the afterglow of the most intense orgasm I had ever had. I sat looking down at the young cunt laying there crying, and I knew that the chances of her surviving the next few days, were not good. I wanted to hurt her and make her suffer. I wanted to make her experience pain she couldn’t imagine. I wanted to watch the spark of life leave her and I knew that it would be the most intense experience of my life. And hers, but for her it would be her last ever experience.

I got up and walked over and turned the cameras and the theatre lights off, just leaving the regular lights on. I went out, relocking the door and leaving the little whore lying on the floor where she had fallen. I went upstairs and showered and dressed in fresh clothes, then had some food.

capitolo 4

It was only mid morning and I decided to make the most of the day. I went back downstairs refreshed and ready for more. As I unlocked the door and went inside I saw that the bitch had moved and was now lying curled up on the bed.

I went over to her and spoke. “Get up” I said, “its time for a shower and something to eat”

She slowly sat up and looked at me, saying nothing. I could see the dried cum and snot still on her face, her hair messed up and out of shape, where I had held onto it.

“Come on” I said and led her over to the door and up the stairs. I took her into the bathroom and unlocked the handcuffs.

“Get your skirt and shoes and socks off” I said and stood leaning against the wall watching her. She reluctantly slipped her shoes and socks off and slowly pushed her skirt down to the floor.

“I need to pee, badly” she said.

“Go on then, I’m not stopping you”.

“I can’t go in front of you” she said.

“You’ll have to, because I want to watch”

“I can’t, it’s private” she said

Anger flashed across my face, “nothing about you is private, get that into your stupid little head, nothing, and you need to learn that”.

I took my knife from my pocket and pointed it at her. “Climb into the bath” I said, “Now”

She looked warily at the blade, not sure what I intended.

“Now sit on the edge of the bath, with your back against the wall, so you are facing me”

She slowly did as she was told, climbing into the bath and sitting on the edge, with her feet inside it. She winced as her bare buttocks touched the cold enamel of the lip of the bath.

“Now spread your legs so I can see that little cunt”

She looked at the knife, not sure if I was going to use it on her. I realised that she thought I may have got her into the bath so that her blood wouldn’t get on the floor if I cut her. Clever girl I thought.

She slowly spread her legs.

“Now I want to see you piss in the bath for me, so that I can get a good view and don’t hold back. I want you to drain every drop. It’s either going to be your piss or your blood in the bath. Your choice” I said holding the knife up.

She thought for a moment and then closed her eyes in concentration; she was obviously suffering from stage fright and was struggling to pee with me watching her.

A small trickle started from between her legs which soon become a flood. She still had her eyes closed.

“Look at me” I yelled. She opened her eyes and I put my empty hand forward and caressed her cunt, as the pee squirted between my fingers, I pulled my hand back and licked the pee off of it, sucking it from my fingers, much to her disgust. I laughed out loud and lent right over into the bath, forcing my face into her pussy and sticking my tongue into her, as her pee squirted around it, over my face and down my chin, soaking my clean shirt. The flow ceased as she pushed my head away roughly and yelled at me, “you filthy beast, how could you do something so gross and disgusting”.

Her manner changed as she saw the expression on my face, “who the fuck do you think you’re talking to, cunt” I yelled back, dropping the knife on the floor and grabbing her by her hair.
I forced her down onto her knees in the bath and pushed her head forward until her forehead was touching the bottom. I roughly pulled her wrists behind her and held them in place with one hand. Taking the hand cuffs from my back pocket, I secured her hands behind her once again. I quickly removed my belt and fastened it around her lower legs, binding them together. She was now totally helpless.
I roughly turned her over onto her back and she lay in the bottom of the bath looking up at me, terrified, not sure what I intended.
I picked my knife up from the floor, panting from the sudden exertion.
“So I’m a beast am I, cunt. Well, I may be, but you don’t have the right to say so”.
I undid the zip on my trousers and pulled my cock out. She watched me fearfully as I stood looking down into the bath at her. “Beasts use piss to mark their territory, so I will be a beast and use my piss to mark mine” I said coldly.
I aimed my cock and a stream of piss spurted out into the bath as I adjusted my aim onto her face. She screwed her face up and tightly shut her eyes as she turned her face away from me. I stopped the flow immediately and let go of my cock; I grabbed her by the chin and forced her to face me. “Listen to me cunt, your life depends on it” She opened her eyes, blinking repeatedly, trying to remove any pee and to stop it getting into her eyes.
I held the knife to her face and gently pushed the point into her nearest nostril. I then lent forward and placed the plug into the hole in the bottom of the bath.
“You listen good and do as I say, or else you are going to die now. I am going to piss on you and you are going to take it. If you disobey me, I will turn the hot tap on and hold your legs up and watch as the water covers your face and you drown. That waters fucking hot too, but that will be the least of your worries, unless you can breathe under water”. I put my knife on the edge of the bath and grabbed the belt around her legs and lifted it so that her legs were raised. I reached out to the hot tap with my other hand and turned it on so that just a trickle of water flowed from it.
“I want you to keep your eyes open and to open your mouth wide. When I piss on your face, you will not turn your head away, you will take whatever I give you. If you disobey me, I will turn on the tap and watch you die. Capisci?"

“Yes” she said quietly.

I let go of her legs and shut off the tap. I stood up looking down at her.
I took hold of my cock and said “Open wide cunt”.
She opened her mouth wide and kept her eyes open looking at the ceiling.
“Keep your eyes on my cock, cunt” I said, “I want you to see what a man pissing looks like. And remember, your mouth and eyes stay open, if you want to live”.

I took aim and a stream of piss jetted onto her face splashing in all directions, as she desperately tried to keep her eyes open, blinking repeatedly. I aimed the stream into her mouth and kept it there as her mouth filled up and the piss overflowed and ran out over the sides and into the bath. “Don’t you spit it out, or you’ll be sorry” I yelled.
I moved my aim to her nostrils, knowing she was breathing through them alone, forcing her to hold her breath for a few seconds. Then I aimed directly into her eyes. She tried to keep them open but they kept closing involuntarily, as her body automatically worked to protect the delicate membranes. I moved the flow back over her face, topping up her mouth and down onto her tits. I aimed for each nipple in turn and then moved further down, briefly pausing on her belly button, filling the little cavity and then down onto her mound. As her legs were tied together, I could not get right between them but I did my best and sprayed her cunt area as best as I could.

I could feel my flow slowing down, so I quickly returned to her face and sprayed her once again, as the flow gradually stopped.

I quickly picked up my knife from the edge of the bath and held it to her throat. She kept her head completely still, with her mouth full of piss and her face soaking wet, blinking repeatedly to try and clear her vision. She looked directly at me, keeping completely still, not wanting to provoke me again.
“Now I want you to swallow the piss in your mouth. Take it slowly, or you will choke, swallow it a little at a time, but swallow it all”.
She knew she had no choice, with deep concentration, she opened her gullet quickly, briefly and swallowed a small amount of my piss.
“Good girl” I said “That’s the way”
She repeated the action again and the level of piss in her mouth went down a bit further. As she continued, all the piss slowly disappeared and when the last drops had been swallowed, she turned her head to one side and coughed and retched, her face a mask of disgust and revulsion.

“In future, you’d better be very careful what you say to me cunt. Disrespect me and you will pay the price”. I lent into the bath and undid the belt around her calves; I then pulled her upright by her shoulders and unlocked the handcuffs.
“Get showered” I said “you smell like a urinal”
I went out shutting the door behind me.

Capitolo 5

I went into my bedroom and changed my damp shirt. I could still smell the sweet odour of the young girls piss. I thought about what I had done to here so far. I’d had a great time seeing her strip and caressing her tits and eating her lovely sweet cunt. Fucking her face had been sublime, the best orgasm ever. Pissing on her hadn’t been part of the plan but she’d deserved it. Maybe now she’d watch what she said and show some respect.

I went downstairs and got some sandwiches ready, I wasn’t worried about her trying to escape. All the doors and windows were securely locked and couldn’t be seen from the road, thanks to the trees surrounding the property.

I went back upstairs to my bedroom and picked up the clothes I’d picked out for her. I walked up to the bathroom door, and went in. There was no lock; She was drying herself on the towel I’d left for her.

“Put these on” I said and handed her the clothes. They consisted of a set of very pretty, feminine white lingerie, the bra low cut and lacy and the knickers very small and sexy, covering her pubic mound and not much else. There was also a very short skirt of red plaid, a pair of red hold up stockings and a pair of high heeled red shoes.

She slowly dressed in the clothes I had given her while I stood and watched. I was happy to see, that despite all I had done to her, she was still self conscious and tried to dress discretely, turning away from me so that I couldn’t see her cunt and tits. I let it go without comment, I just feasted my eyes on her ass, which was beautiful to behold. I realised that I hadn’t given this beautiful piece of her flesh any attention yet and I decided there and then, to put this omission right.

When she had finished dressing, she turned towards me. I let out a whistle and said “Very nice outfit. You’re making my dick twitch cunt. Let’s get downstairs and see what the rest of the day brings shall we”.

I led her out of the bathroom onto the landing and down the stairs. She hung onto the hand rail, taking the steps carefully in her high heels. Once we reached the ground floor she hesitated, not wanting to go back down to the cellar and what awaited her down there.

“Get your ass downstairs cunt, or I may not carry on treating you as well as I have up to now”.

She looked at me and her expression was one of disbelief. She obviously didn’t think I had been treating her well. She would learn.

I collected the sandwiches I had made from the kitchen and followed her. She climbed down the cellar stairs carefully and entered the door, I closed and locked it. I went and turned the theatre lights on and set the cameras rolling. I then turned the CD player on and the sounds of some slow dance music came over the speakers.

“Now then Cunt, I want you to do some sexy dancing for me. I want to see some sexy slow dancing and I want to see you wiggle and gyrate that ass at me and don’t forget to thrust that little pussy at me too. Now get to it”.

She looked at me for just a second or two before starting to move in time to the music. She was a natural dancer and she started to move her hips and wiggle her ass from side to side. She really knew how to move her little body about and the little skirt and hold up stockings, added to the sexiness of the whole performance. My cock grew inside my trousers and my face could not hide the lust that I was feeling.

“Lose the bra” I said, as I wanted to see her tits move as she danced.

She reached up behind her and undid the clasp of her bra without comment, then drew the straps down her arms and dropped it onto the floor.
Even though they were small, her breasts bounced about as she gyrated her hips and my cock grew uncomfortable, enclosed inside my trousers. I pulled down my zip and freed my cock from its confines. I didn’t touch it, as I didn’t want to risk cumming and wasting my seed.

“Lose the knickers too” I said. She stopped dancing and looked at me, noticing for the first time that my cock was out and hard. She slowly pulled her knickers down and stepped out of them.

“Give them to me” I said

She handed them to me and stood there looking at me. I exaggeratedly held them to my nose and inhaled deeply, knowing she would hate it.

“Carry on dancing for a little while longer Cunt” I said “My cock is almost ready for you”

Realising what I meant, she started to cry gently as she resumed her dancing.

As soon as the track finished I stood up. “It’s time” I said and took hold of her arm and led her over to the table. I pushed her towards the end of it and said “bend over it as far as you can and then stretch your arms out”.
She knew better than to argue and she bent forward over the table, her tiny skirt riding up and giving me a great view of her firm little ass. I walked to the other end of the table, reached for one of her wrists and pulled it so that she was stretched forward over the table, barely able to keep her feet on the floor. I tightly buckled one of the many leather straps that were attached to the edge of the table, to her wrist tightly.
I then reached out and pulled her other wrist and buckled it to the opposite table edge.
I now walked back round behind her and crouched down. I grabbed her around the left ankle and pulled her foot towards the table leg. I fastened her to the table leg with another leather strap around her ankle. I repeated the process with her right leg.
I stood up and surveyed my handiwork.
She was bent forward over the table from the waist, with her arms stretched forwards and slightly out to the sides. Her legs were fastened widely spread, giving me access to both her ass and her cunt.
I went over to the camera controls and focused the cameras on the table, taking care to cover her head from all angles. I wanted to be able to watch her anguished expressions later, at my leisure. I walked round to the side of the table she was facing, her head turned to one side, lying on the table.
“I haven’t told you yet what a great ass you have. A girl’s ass is a beautiful thing, made for sex and abuse. I am going to make use of yours now. Enjoy”.

I walked back round behind her and she tried to turn her head and see what I was going to do, but the angle was uncomfortable for her and she was soon forced to lay her head back down.

I knelt down behind her and reached out with both hands and spread her ass cheeks. I then started to furiously lick her little brown starfish, and to push my tongue as far into the little sphincter as I could. Saliva ran down my chin as I forced my mouth as tightly into her ass crack as I could and sucked her little ass opening. I repeatedly licked and sucked and delved with my tongue, while squeezing her firm ass cheeks as hard and painfully as I could with my hands, while at the same time, spreading her cheeks to give my mouth access to her hole. Her legs shook and twitched as the unusual sensations of pleasure and pain, fought for notice in her brain.
I wanted to open her up a bit, so I used the forefinger and thumb on my left hand to spread her cheeks and then, after sucking the forefinger of my right hand to lubricate it a little, I shoved it hard into her asshole. I furiously pumped it in and out of her ass hole and I was rewarded with continuous grunts of discomfort from the bitch. I didn’t need any further prompting and I forced a second finger into her and resumed my pounding of her little ass opening. She screamed out loud as I continued to roughly abuse her asshole. If she hated it, then I loved it. As I forced a third finger inside her, I lent forward and bit her ass cheek, hard, leaving bright red teeth marks behind. She let out a high pitched girlie scream and I nearly came there and then. I then took my fingers out of her asshole and started to bite her repeatedly, all over her ass cheeks, again and again and again. She continuously screamed in agony. I stood up then and unbuckled my belt and slid it out of the loops on my trousers. I bent it double and then, taking a huge swing, I let it slam into her ass cheeks, leaving a bright red weal. I swung again and again, criss-crossing her ass with bright red marks, her screams a continuous delightful song to my ears. I couldn’t wait any longer, I finished with one powerful swing to the backs of her thighs and then I dropped the belt. I moved up behind her and grabbed my cock, aiming it at her ass hole.

The feel of her little sphincter against the head of my cock as I probed between her ass cheeks, was electric. I pushed it into her opening, and then, gripping her hips, I forced my full length into her, grunting with the effort as she cried out once more.

“Oh god” she yelled as I started to batter her sore little ass hole, pulling almost all the way out, before hammering back in, as violently as I could. Her pain, my pleasure; my pleasure, her pain. Each time I rammed into her, she grunted in discomfort, her muscle, sore and bleeding from my assault. I loved to hear her grunting and I forced myself into her harder and harder, determined to keep her vocalising her pain. I could feel my balls begin to tighten and I came into her ass, spurting semen deep inside her, my orgasm so strong, that my vision wavered and I saw stars before my eyes.
I pushed into her as hard as I could and enjoyed the feeling of my seed pulsing out of my cock and into her ass. Once the flow of semen had stopped, I stayed inside her and lent forward, resting my head on her back, as my cock slowly deflated. From my position, resting my head on her back, I could hear her sobbing quietly to herself.
She realised the assault had stopped as I pulled my softening cock from inside her.
Blood and spunk ran out of her asshole and down her legs, her ass cheeks were covered in bite marks and red welts from the belt I had used on her.

I left her tied to the table and went to get cleaned up and to get my breath back.
I went back down a few minutes later with a bowl of salt water and used it to wash the wounds on her buttocks and the single red weal across her thighs.
It wasn’t out of kindness; I just didn’t want her wounds to get infected and endanger her. If she was going to experience anything life threatening, I wanted it to be me administering it, not some nameless bacteria.
She winced as the salt water washed over her wounds.
“Why are doing all these horrible things to me” she asked.
“I don’t know you, I’ve never even seen you before, so why do you want to hurt me?”

I finished washing her buttocks and stood up, looking down at her.
“I don’t have to answer to you or anybody else Cunt, but I will tell you why, just to amuse myself. Women these days are far too full of themselves. They think they are equal to men and have the right to self determination, just like men. That is an illusion. The only reason western women can safely walk the streets without protection, is because men have made their world a safer place for them. And what gratitude do they show to men. They strut around and spout off about equality and equal rights. They parade around scantily clad and scowl at any man who dares to look at what they display. They scold men with their foul tongues, the natural weapon of the weak, while feigning horror if a man puts his hands on them, using his natural weapon, his greater strength, to put them in their place. A man should never hit a woman, they cry, trying to castrate a man and give themselves the power they have no natural right to wield. In other parts of the world, it is not so. Women know their place and are punished if they try to usurp a man’s position. I guarantee, that women’s so called equality, will not survive the first natural disaster that washes away this veneer of civilisation. Then, once again, she will turn to a strong man for protection. Now how does this apply to you? Well, I have decided that if I see a woman that I want, then I will have her. She will have no say in the matter. If I can overpower her, she will be mine to do with as I will. I have overpowered you, therefore you are mine. If I want to fuck you, beat you or kill you, that’s up to me.

“You aren’t going to kill me are you?” she said her voice full of fear.

“It’s up to you to give me a reason to keep you alive. I told you when you arrived that you were here for my enjoyment. You’d better make sure I continue to enjoy you”.

I undid the leather straps holding her down and helped her stand up.
I pointed to the sandwiches.

“You have something to eat and then lay down and rest. I have a few things to do this afternoon. I will be back this evening and I will see what else you have to offer then”.

I went out, locking her in and leaving her to think that over.




Capitolo 6

When I went back down to the cellar that evening I brought a Chinese take away and a large bottle of sweet sparkling wine with me. She was pathetically pleased to see what I had brought her and I couldn’t help but be amazed at how resilient she was. She had replaced her bra and knickers and was still wearing the short skirt and hold up stockings. I locked the door and began serving the food out between us; I had brought plastic plates, cups and cutlery. We both sat down on the bed and ate in silence. She seemed very hungry and ate every last scrap of the food I gave her. She drank two full cups of wine with her meal and I poured her a third, once she had finished eating.

I cleared the plates and empty cartons into a corner and went back and sat next to her on the bed.
I gently put my hands on her shoulders and pushed her backwards.
She looked frightened and I said “Don’t worry; I will be gentle with you tonight, as long as you behave yourself. You respond to me and be nice and I will be gentle with you. Fight me, or resist in any way and I will hurt you badly tonight. I will introduce you to some of the torture tools hanging on the wall. It will be worse than anything you’ve had so far. Capisci?"

“Yes” she said quietly.

I had decided that tonight I would like to have her willingly; I wanted to take her without fighting her if I could, just this once. If not, so be it.
I stood in front of her and stripped completely naked, before lying down next to her and repeatedly kissing her face. Next I kissed her on the mouth and pushed my tongue between her lips. She responded, gently rubbing my tongue with hers as I carried on kissing her, quite content to sample this young girl’s mouth with her compliance. After a while I reached up cupped her breast with my hand whilst continuing to kiss her. I reached under her and undid the clasp of her bra, pulling the flimsy garment off her so that I could suckle her wonderful breasts once more. She lay quite still as I fondled and sucked each of her breasts in turn. I returned to kissing her on the mouth and slowly moved my hand down to rub her pussy, rubbing it gently over her knickers. She opened her legs slightly, not wanting to annoy me, but not wanting my hand on her pussy either.
I ran my fingers up and down her slit several times, before moving my hand up to the waist band of her knickers and sliding it down into her soft pubic hair and down onto her pussy itself. I gently rubbed her, toying with her lips, barely touching her moist opening and then her clitoris. She breathed in quickly as I concentrated on her little bud. I withdrew my hand and sat up before moving down the bed and gently reaching out to pull her knickers down, over her hips and thighs, all the way down to her feet and off. I put my hands under each of her knees and opened her legs wide before lying down with my head right in front of her pussy. I leant forward and licked her from the bottom of her slit to the top. I pushed my face into her cunt and lapped furiously at her, I sucked her soft parts into my mouth and ran my tongue over them, she raised herself up, pushing herself onto me as she responded to the pleasurable feelings between her legs. I sucked her clitoris directly, lapping at it with my tongue over and over again and she murmured softly as the warm feeling overcame her. I knew she was enjoying the direct sucking of her clitoris and I could tell she was close to orgasm. I kept at it until I felt her start to cum and then at that point I quickly lifted myself up on my arms and crawled forwards on top of her. I moved my rock hard cock up to her entrance and started to push inside of her. She looked startled that I had moved so quickly, but my weight on her prevented her from moving as I forced my cock into her tight little opening. I felt the slight resistance of her hymen before forcing my cock through it and into her pussy. She let out a high pitched girlie scream as I forced my way into her and her face was contorted with pain. She was so tight. I drew back slightly and then rammed my hips forward again, this time fully penetrating her velvety, vice like sheath. She screamed out once more. I reached my arms back and under her knees pulling her legs up so that her knees were almost touching her chest and I held them there. In this position she was bent almost in two and I could penetrate her even more deeply. I now started driving myself into her virgin cunt. I was her first and her cunt was not used to the feel of an invader driving into its sensitive tissue. I rammed into her harder and faster, again and again. She let out a constant stream of inarticulate sounds, argh, argh, argh, arrrrrrrggghhhhh, as I pummelled her insides. I loved to hear suffering,I started licking her face and then biting her cheeks and neck and ears as she screamed louder and louder. I pummelled her pussy, smashing myself into her over and over until I gushed forth wave after wave of semen deep inside her. I carried on ramming into her long after I had finished my orgasm, until my cock was too soft to carry on.
I lay on top of her as she sobbed and sobbed.

Eventually I raised my head and looked down at her face, her cheeks covered with red marks from my biting and wet from my saliva and her tears.

“I trusted you she said” accusingly. “You said you would be gentle if I let you”

“Bigger fool you” I said “Anyway, I was gentle, I had thought about strangling you as I took your virginity”

Her eyes opened wide as she realised that I had actually thought about killing her.

I got up and picked up my clothes and walked to the door.

“I’m off to bed” I said “if you want to clean your teeth and have a piss before I lock you in for the night, you had better come now”.

After she had finished I took her back downstairs.

“I enjoyed myself today Cunt. I always wanted to take a young girl’s cherry, and I wasn’t disappointed. Tomorrow we’ll have some more fun and then you can take your leave”.

“What, I can go home?” she said i

Storie simili

Naked Day - parte 7

Allora, Sandy vuole un po' di cazzo. Ci sono stato, l'ho fatto, dissi con un sorriso. Sandy mi ha puntato il dito medio e ha riso. Beh, ho bisogno di una pausa, ho annunciato. Ho preso un asciugamano per Cindy per pulire il viso dal suo doppio viso, poi ho portato una sedia in fondo al letto. Penso che mi siederò qui e dirigerò. Dannazione, tutti e tre i fratelli Monroe nudi sul mio letto. Cominciamo. Johnny alzati sulla tua schiena e lascia che le tue sorelle lavorino per farti diventare duro di nuovo. Sandy, guarda quanto di questo puoi scendere...

278 I più visti

Likes 0

Wendy e Miss West iii

Il terzo di tre Wendy è stata condotta con gli occhi bendati dalla signorina West verso una porta sul retro dell'ufficio. La signorina West inserì una chiave e aprì la pesante porta di quercia di quello che dall'esterno sembrerebbe essere un magazzino vicino all'ufficio principale. Entrando, se Wendy avesse potuto vedere, avrebbe visto una piccola stanza, circa 6 piedi quadrati, dipinta di nero con anelli di metallo fissati a varie altezze lungo le pareti e in vari punti al soffitto. La stanza era illuminata con faretti orientati in tutte le direzioni. Wendy era in piedi al centro della stanza molto illuminata...

387 I più visti

Likes 0

Il club capannone (parte 4)

Prima di tutto, scuse enormi per il ritardo nella produzione della parte 4. Crisi inaspettata con influenza familiare dappertutto. Tutti meglio ora, così posso rispondere all'ultima serie di feedback..... Trainers nel Regno Unito si riferisce a calzature sportive.....Nike, Adidas, Puma ecc. Non credo che ci siano altre domande, così via con la parte 4. Questo coinvolge Finn, che vedo ancora di tanto in tanto. In effetti, ha riparato il mio PC l'anno scorso. Progetta siti web e altre cose tecniche che mi lasciano sconcertato. Non ha idea che sto scrivendo questo, e ovviamente ho cambiato il suo nome (in qualcosa di...

469 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

397 I più visti

Likes 0

Balla con una concubina, parte seconda

Sono passate due settimane dal mio incidente nelle caverne. Si pensava che Nancy fosse scomparsa dalla sua famiglia, ma non potevo dire loro la verità. Conoscete quella su lei che ha accettato un patto da qualche gingillo magico e poi ha ordinato ai suoi scagnozzi di violentarmi. È ancora stupro se mi sono divertito fino in fondo? Forse ero uno di quei tipi sottomessi? Chissà? Ad ogni modo, appena sono riuscito a guadagnare abbastanza forze per lasciare il motel, sono scappato. Stuart e la sua amica con il fisico perfetto hanno cercato di fermarmi, mi hanno detto che c'erano molte cose...

290 I più visti

Likes 0

Racconti di campagna: il cambiamento

Switch fece scattare una seconda lama con un clic e io tornai al mio camion. Non sembravano nemmeno notarmi molto. Avevano tutti tra i diciassette ei ventisei anni. Condividevano tutti una figura massiccia e forte, occhi e capelli scuri e morti e un carattere meschino. Che cazzo ci fate qui ragazzi? Disse Reed Hardy, il maggiore. Switch sbuffò rumorosamente. Ha picchiato a sangue tuo fratello. Quello era Switch. Jim si fece avanti. Non sono affari tuoi, Reed, lascia perdere. Disse con calma. Ho aperto la portiera del mio furgone. Ancora nessuno mi ha notato. Davvero? La vedo diversa. Ho sentito che...

514 I più visti

Likes 0

Vacanza tropicale_(1)

Vacanza tropicale È stata una notte tranquilla al resort, essendo fuori stagione ea metà settimana. Ma è per questo che eravamo lì: abbiamo risparmiato un sacco di soldi in questo modo. Dopo cena abbiamo deciso di prendere un paio di drink tropicali e dirigerci verso la vasca idromassaggio sul lato nudo del resort. Quando siamo arrivati ​​c'era già un'altra coppia lì, il che mi ha un po' deluso: speravo di fare sesso con mia moglie sotto le stelle. Ma li abbiamo riconosciuti come Tom e Nancy, che si erano conosciuti il ​​giorno prima alla piscina per nudisti, quindi ci siamo salutati...

595 I più visti

Likes 1

LA VENDETTA È DOLCE???

Ehi, Peg, vieni qui e aiutami per un minuto, per favore, gridò suo marito John dall'interno del garage!?! Peg Burton si alzò dalle ginocchia mentre stava piantando alcune giovani piante di pomodoro nel suo giardino , e dopo essersi alzata e aver lasciato cadere i guanti a terra, ha camminato per una decina di piedi fino al garage in cerca di suo marito!!! John, chiese piano, dove sei, perché le luci sono spente, vieni avanti adesso, smettila di scherzare!!! Si voltò con cautela, guardando in ogni angolo e fessura del grande edificio a due stalli, ma proprio quando stava per sgattaiolare...

579 I più visti

Likes 0

Un discorso di papà e figlia.. Parte 1

Un discorso di papà e figlia Di Sugar Daddy 8/03/15 Tutte le opere sono scritte in copia Non giudicarmi. So che dopo questa storia non diventerò il padre dell'anno, ma è così. Sono sempre stato attratto dalle ragazze più giovani. Non ho mai veramente assecondato i miei impulsi, tranne una volta con mio cugino più giovane. Ma questa è una storia per un'altra volta. Ma tornando a questa storia, sono un uomo divorziato con due figli. Entrambe sono ragazze una otto Julie e Brandy la più grande. Mia moglie ed io abbiamo divorziato circa un anno fa. Le ho lasciato la...

597 I più visti

Likes 0

Benedizione sotto mentite spoglie

L'indimenticabile avvenimento, che sto per raccontarvi, non è una storia di cazzi e tori, piuttosto è il mio primo tentativo sessuale che ho fatto quando studiavo al quarto anno di ingegneria. Per prima cosa mi presento: vivo con mio zio a Lahore. Essendo un contadino il mio fisico è robusto e la pelle è chiara. Molte donne del villaggio erano attratte da me ma non le ho notate in parte per l'inclinazione di mio padre alle attività religiose nel villaggio e in parte per il timore di essere colto in flagrante. Anche allora i miei occhi rimasero assetati di uno sguardo...

481 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.