Paolo il Vecchio

425Report
Paolo il Vecchio

Di
Gail Holmes

Paul era il maggiore della famiglia, aveva un fratello e una sorella minore, anche se, prossimo ai venticinque anni, non aveva mai perso la verginità. David, non potresti incontrare un ragazzo più arrapato; bastava guardare una ragazza e lei si bagnava al pensiero. Ma Kerrie ora c'era una ragazza che sapeva come accontentare.

Il problema di Paul era che era timido, okay, comprava tutte le riviste per ragazze, e aveva anche portato dei film da vedere, il problema era che sarebbe stato nervoso ogni volta che li guardava nel caso in cui qualcuno della famiglia tornasse a casa, perché a causa della sua continua masturbazione, il suo cazzo aveva una piega prominente verso destra, come accade spesso solo con la masturbazione prolungata. Per una ragazza questa curvatura può essere piuttosto dolorosa, a seconda di quanto fosse acuta, poiché avrebbe la tendenza a strofinare un lato della sua figa interna. Aveva cercato di presentarsi come disinteressato al sesso. Il resto della famiglia, tranne Kerrie, sapeva del suo dilemma, era dispiaciuto per lui, lei lo aveva scoperto un venerdì sera quando aveva portato a casa un tizio, era nero come l'asso di picche, e presumibilmente un diavolo di una scopata secondo le sue amiche. Kerrie pensava di essere a casa da sola; i suoi genitori erano ospiti da amici. David sarebbe rimasto in discoteca fino alle prime ore del mattino, Paul era andato a una riunione da qualche parte al nord. Non si era accorta che Paul era fuori dalla porta del salotto mentre lei e Omar sedevano sul divano.

Kerrie era stata presa in giro nel suo ufficio al lavoro, quasi tutti le avevano detto che doveva provare con Omar, almeno cinque di loro l'avevano già fatto. Raccontandole del suo modo di fare l'amore e di come si erano divertiti con lui, è stato solo quando uno di loro le ha organizzato un appuntamento al buio che lei ha accettato la loro raccomandazione sulla sua sessualità. Sarebbe la prima ad ammetterlo con il suo fisico e il suo aspetto; si è imbattuto in un'estrema comodità.

Omar era più che pronto ad approfittare della situazione, Kerrie era di bell'aspetto, l'aveva vista spesso fuori, l'appuntamento al buio era andato bene, l'aveva portata fuori a mangiare, le aveva offerto vino e cenato, lei non avesse esagerato di molto, Omar non l'avrebbe fatto, l'avrebbe presa solo se lei lo avesse desiderato. Erano in casa da circa mezz'ora, Kerrie sapeva che avrebbe dovuto suscitare i suoi sentimenti se voleva ottenere ciò che voleva, era troppo da gentiluomo per prenderla con la forza. Il film in televisione era spazzatura e nessuno dei due prestava alcuna attenzione al riguardo.

I suoi amici in ufficio l'avevano davvero sottomessa a lui, infatti non vedeva l'ora di vederlo, sperando che fosse all'altezza dei loro standard. Lei si sporse sopra di lui accoccolandosi al suo petto; Omar le mise un braccio intorno alle spalle. Kerrie gli posò la mano sulla gamba e iniziò lentamente a tirarla verso l'alto, quando arrivò nelle sue regioni intime rimase un po' sorpresa, non poteva credere che ciò che sentiva fosse reale? Voltando la testa lo guardò, lui sorrise e poi le diede un bacio sulla guancia.

"È vero?" Lei sorrise, stringendogli dolcemente il cazzo nella mano.

"Mi è stato detto così?" Omar sorrise senza abbassare lo sguardo.

Kerrie iniziò a slacciargli i pantaloni, non indossava nessun tipo di biancheria intima quindi la sua mano andò dritta su di esso, mentre faceva scivolare le dita attorno all'asta, iniziò ad ispessirsi rapidamente, era appena riuscita a liberarla prima che diventasse duro come la roccia. Per alcuni istanti riuscì solo a sedersi e guardare, era più simile a quello di un asino che di un semplice uomo, se fosse così setoso mentre lo accarezzava.

Omar si sedette dritto quando lei gli cadde addosso, le femmine normalmente non erano così veloci, percepì una forma di urgenza con il suo movimento improvviso; era tutto quello che poteva fare per mettere le labbra sull'enorme campana. Mentre si chinava su di lui sentì la sua mano che le mordicchiava il corpo e poi sotto il vestito.

Le sue dita indagatrici trovarono presto il loro bersaglio; Kerrie sollevò una gamba permettendogli più sovranità, il suo dito stabilì presto il contatto con la sua figa, scivolò dentro come un coltello nel burro, sapeva che sarebbe stata bagnata prima che lui iniziasse, la vista dell'enorme organo le aveva fatto questo non appena ci avesse messo gli occhi sopra.

Paul osservava dalla fessura della porta, il problema era che ciò che aveva visto non era come avrebbe dovuto essere; è raro che una ragazza inizi con un uomo, di solito è il contrario. La sua mente non era concentrata su tali formalità, il suo occhio era sotto il vestito di Kerrie, ma la sua mano era sul suo cazzo. Questa era la sua prima visione completa della figa, i suoi occhi incollati tra le sue gambe, non aveva davvero notato le dimensioni del maestoso cazzo di Omar, anche adesso la maggior parte del quale era sepolto nella bocca di Kerrie.

Questa era la prima volta che sua sorella portava un ragazzo a casa, si chiedeva se questo sarebbe successo più spesso, avrebbe potuto sopportare questo tipo di esibizione. Non aveva mai conosciuto il suo cazzo così duro, voleva tirarlo fuori e fare il lavoro come si deve, e il problema era che se lei si fosse alzata avrebbe dovuto tuffarsi di scatto nella sua camera da letto, cosa che non voleva.

Omar la stava trascinando per farla sdraiare sul divano, fu allora che Paul intravide il suo cazzo, Omar era in bilico sopra sua sorella in questa fase, la testa abbassata baciandola sulle labbra, il suo cazzo, non solo era lungo ma inoltre era molto paffuto. Omar non sembrava avere fretta, non appena ebbe finito di baciarla si spostò più in basso sul suo corpo, poi sui suoi seni tenendoli ciascuno tra le mani, mentre le sue labbra li toccavano uno dopo l'altro. Adesso si era accovacciato tra le sue gambe aperte, una mano tra loro e l'altra che le manipolava il seno, il suo cazzo ora appoggiato lungo le sue cosce come non poteva essere visto. Paul decise che ora era sicuro tirare fuori il proprio cazzo, non era prima pensato che fatto; lo guardò dall'alto, Omar lo aveva sicuramente fatto vergognare, non riusciva a capirlo. Omar non era più vecchio di lui anzi poteva essere anche più giovane.

Omar indietreggiò e poi si abbatté su Kerrie, le narici di Paul si contrassero mentre immaginava l'aroma che Omar stava godendo, che fosse sua sorella o no, avrebbe dato il suo dente per essere nella posizione di Omar in questo momento, lei era certamente una sbalorditivo, anche se non aveva mai visto così tanto del suo corpo da anni. Sembrava che le piacesse la lingua di Omar, perché si dimenava e sospirava mentre lui la leccava. Dalla sua posizione dietro la porta Paul poteva vedere tutto, anche se la vista del fondoschiena di Omar non gli piaceva molto, Kerrie ora aveva tirato le gambe fino al seno, così facendo Omar si sollevò allargando le ginocchia, Paul aveva una vista a volo d'uccello non solo della sua figa ma anche di quella del suo albero, che ondeggiava avanti e indietro finché non si poteva vedere la mano di Omar che la stringeva.


Questo era più di quanto Paul avesse mai sognato, la figa di sua sorella sembrava leggermente gonfia, avrebbe desiderato avere sua madre un binocolo da teatro, allora avrebbe potuto vederla da vicino. Omar stava sollevando il cazzo verso la sua figa, massaggiandola nei suoi succhi. Paul ne vide la testa svanire e poi si fermò senza muoversi.

"Cristo, che sensazione pesante!" ha affermato Kerrie mentre Omar manteneva la sua posizione. Paul poteva vedere le sue mani afferrargli i polsi, mentre Omar sembrava appoggiarsi pesantemente sul suo cazzo.

“Per te va bene! Non è vero?" Omar le sorrise, chiedendosi se fosse il suo primo, anche se Kerrie non era vergine, non lo faceva per la maggior parte del tempo come le sue amiche, quindi gli sarebbe sembrata legata.

"Sto bene, solo un po' scioccata, tutto qui." Lei gli sorrise. I suoi amici non l'avevano informata della sua taglia, e lei non ci ha pensato niente quando l'ha colpito, solo ora si è accorta della tensione.

A poco a poco Omar si insinuò in lei, vide che Kerrie stringeva i denti, si ritirò leggermente per poi rientrare poco a poco.

La mano di Paul stava andando dieci su dozzina, sapeva che avrebbe dovuto fermarsi presto o avrebbe fatto esplodere il suo carico, avrebbe voluto guardare quando Omar lo avrebbe fatto prima di venire lui stesso. Adesso poteva dire che sua sorella si stava divertendo per lui, le pareti interne della sua figa venivano tirate fuori ogni volta che ritirava la pelle che afferrava i lati dell'enorme asta, per poi piegarsi all'indietro mentre lui tornava dentro di lei. I rumori che faceva sua sorella lo avrebbero sicuramente svegliato e avrebbero dovuto dormire nella sua camera da letto. Non poteva credere al ritmo con cui Omar stava scopando sua sorella, sicuramente avrebbe dovuto sballarsi presto, pensò. Tuttavia, Omar aveva una buona resistenza, questo era uno dei vantaggi di farsi scopare da lui, gli amici di Kerrie lo sapevano, e senza dubbio Kerrie si stava divertendo moltissimo, gli stava dando tutto l'aiuto necessario sollevando i fianchi per incontrare il suo, le sue grida sbalordito Paul, era quasi come se Omar le stesse facendo del male, ma lei non si sarebbe aggrappata a lui come avrebbe fatto se le avesse fatto del male, vero, presumeva.

Paul si stava arrabbiando adesso, aveva bisogno di soffiare, non comprendendo la capacità di resistenza di Omar, e se fosse stato lui avrebbe soffiato molto tempo fa. Gli dolevano le palle per la voglia di liberarsi, tolse la mano, usando la forza di volontà per trattenersi, e i suoi occhi tornarono alla fessura della porta. Omar ora era in punta di piedi e sbatteva davvero contro di lei, la testa di Kerrie andava da una parte all'altra per il puro divertimento. Le sue mani raggiunsero il suo viso attirandolo a sé, le loro labbra si incontrarono; anche allora non ha mai vacillato il passo.

Paul guardò la propria virilità, non era niente in confronto a quella di Omar, si sentiva umiliato, era dovuto all'uso, o nel suo caso al cattivo uso, perché era inclinato da un lato, quello di Omar sembrava essere completamente dritto, era così lo spessore dovuto al suo colore, era il colore della pelle di un uomo a determinare quanto fosse grande la sua virilità.

Paul si voltò rapidamente verso la porta; Kerrie aveva emesso un forte strillo mentre Omar aveva emesso un gemito basso. Paul guardò verso la sua figa. Omar aveva ritirato il suo cazzo, una densa sostanza appiccicosa filtrava dalla sua figa, le sue labbra ora erano abbastanza aperte. Man mano che lo sperma avanzava dall'interno sembrava che si formassero grandi bolle e veniva espulsa anche l'aria. Paul si spostò in-gioco dirigendosi verso il bagno, ora poteva finire in tutta tranquillità, sedendosi sul bordo della vasca e continuando a tirarsi il cazzo.

Kerrie rimase stupita quando entrò nel bagno; Paul stava semplicemente scaricando il suo carico in un pezzo di carta igienica. Non aveva nemmeno sentito la porta aprirsi, si era semplicemente seduto con gli occhi chiusi, assicurandosi di aver pompato fino all'ultima goccia nel fazzoletto. Kerrie chiuse la porta e vi si appoggiò con la schiena.

"Non avevo capito che fossi a casa!" suggerì lei quando finalmente aprì gli occhi. "Quanto tempo sei stato qui?"

"Non per molto!" Paul rispose velocemente rimettendo il cazzo nei pantaloni.

«Suppongo che tu abbia osservato dalla porta del salotto? Non avrei mai pensato che avresti avuto il coraggio. Non ti spierei mai, se portassi qualcuno a casa!”

“Mi dispiace, stavo solo passando davanti alla porta, non ho potuto trattenermi” dichiarò Paul tirando la cerniera.

"Posso solo supporre che tu abbia visto tutto?"

Paul guardò sua sorella, sapeva di non poter mentire, sapendo che avrebbe dovuto andarsene e tornare di sopra una volta che avesse visto che stava intrattenendo qualcuno.

"Temo di sì, non sono riuscito a trattenermi, ho scoperto che era una vera eccitazione!"

"Quindi posso supporre che tutto quello che c'era nel fazzoletto fosse destinato a me?"

"Suppongo che potresti dirlo!" disse Paul guardandola.

Kerrie si chinò per prendergli il fazzoletto di carta e poi lo gettò in un cestino accanto al water. "Ti dispiacerebbe andartene così posso usare il bagno?"

Gli sarebbe piaciuto moltissimo mettere la mano sotto il vestito di sua sorella sapendo che era senza mutandine. Kerrie sapeva che non sarebbe durata molto, altrimenti si sarebbe sentita tutta scorrere lungo le gambe.

"Puoi andare adesso, ne parliamo più tardi!" Rifletté stando in piedi con le gambe quasi incrociate.

Una volta che Paul se ne fu andato, si sedette immediatamente sul water, spingendo i muscoli della pancia per spremere lo sperma denso da dentro di lei, sentì le bolle mentre scoppiavano mentre la sostanza appiccicosa usciva. Avvicinandosi al cestino recuperò il fazzoletto di carta, dipanandolo delicatamente tra le dita; a quanto pare, se avesse pensato a lei avrebbe sicuramente ricevuto secchiate di sperma, anche se il tessuto ne aveva assorbito la maggior parte. |Lasciò cadere il fazzoletto nella tazza mentre tirava lo sciacquone.

Quando Kerrie lasciò il bagno per raggiungere Omar, Paul era nel salotto a parlare con lui, la colse di completa sorpresa, poteva solo sperare o presumere che Omar non si fosse reso conto di essere stato osservato.

Stavo andando in bagno quando ho incontrato tuo fratello! Omar le sorrise.

"Vorreste bere qualcosa tutti e due?" Paul pensò di non avere la sensazione che sua sorella lo volesse nella stanza.

"Questa è un'idea, mio ​​fratello è sempre stato il perfetto gentiluomo quando abbiamo compagnia" Kerrie si voltò e sorrise a Omar. "Omar prenderà una birra e io prenderò uno degli alcopop!" Lei fece intendere di voltarsi di nuovo verso di lui con un ghigno sul viso.

Paul fu felice di uscire dalla stanza; l'ultima cosa a cui aveva pensato era di imbattersi in Omar mentre usciva dal bagno. Dovette riportarlo in soggiorno per paura che si fosse accorto di essere stato anche lui in bagno.

“Vado a dargli una mano!” Kerrie fece intendere di voltarsi verso la porta. Omar si limitò ad annuire in segno di comprensione.

"Che diavolo stai facendo in salotto!" Kerrie fece una domanda. "Dovrebbe pensare che in casa non ci sia nessuno tranne noi!"

“Come ha detto, stava uscendo dalla porta mentre io camminavo lungo il corridoio! Cos’altro potevo fare se non parlargli?”

“Che cosa stavi facendo guardandoci comunque? cosa sei, una specie di essere depravato?"

“Non è stato così, mi è capitato di passare davanti alla porta, ho sentito un rumore quindi ho guardato dentro. Posso solo supporre che la mia presenza non abbia eliminato il tuo divertimento. A giudicare dai suoni che stavi producendo, era sufficiente per eccitare qualsiasi uomo!

"Non c'era bisogno che fossi rimasto lì così a lungo per eccitarti, cosa penserebbe una tua ragazza se fossi stato io a guardare?"

"Questo è il punto! Non ne ho uno e non l’ho mai avuto!”

Scherzi?" Kerrie sorrise. Mi stai prendendo in giro?"

"Perché dovrei farlo, è la verità!"

«Non hai mai avuto una donna! Mi stai dicendo che sei ancora vergine alla tua età?"

"Mi hai mai visto con una ragazza?"

“Detto in chiaro, no, non l'ho fatto, ma intendo a 25 anni. Cristo, Paul, ci sono un sacco di ragazze là fuori che aspettano solo qualcuno come te. Posso capirlo in una ragazza, ma in un ragazzo; beh, questo prende il sopravvento. Se non fossi tua sorella potrei considerarti anch'io?"

“Vorrei che fossi sincero, dopo quello che ho appena visto, beh! Farei qualsiasi cosa per avere questa possibilità?"

"Dici davvero, vero?"

«Solo noi lo sapremmo?»

“Ci penserò; come dici tu saremmo gli unici a saperlo. Non ho mai avuto una vergine!” Kerrie ridacchiò.

"Non c'è bisogno di prendermi in giro!"

“Credimi, non lo sono, lo dico davvero! Sarebbe il nostro piccolo paradiso, Cristo, non avrei bisogno di fissare un appuntamento solo perché un ragazzo abbia la meglio. Mi sembra divertente?"

"Ora chi sta scherzando?"

“Sono mortalmente serio; Voglio dire che!"

Era come musica per le sue orecchie. "Quando poi?"

“Beh, stasera sarebbe inutile; non proveresti nulla dopo Omar. Dovremo fissare una data, una notte o un giorno in cui tutti saranno fuori casa!

"Hai un accordo!" Paul sorrise baciando Kerrie sulla guancia.

"Puoi portare dentro queste bevande, devo andare a cambiarmi queste mutandine o farò un pasticcio ovunque?"

In quel momento Paul non si rendeva conto di cosa stesse parlando. “Sì, vai avanti, ci vediamo in salotto!” Rispose, prendendo il vassoio e tornando in salotto.

Paul era contento come un pugno, lei glielo avrebbe lasciato mangiare e sarebbero stati altri a seguirlo, non avrebbe più tirato il budino, sarebbe stato fantastico.

"Tutto bene?" Omar interrogò mentre Paul entrava nella stanza con i drink.

“Sì, scusa se ci è voluto così tanto tempo, abbiamo iniziato a chiacchierare. Kerrie non ci metterà un minuto a fare un salto di sopra!" rispose Paul posando il vassoio sul tavolino.

Si chinò per prendere la lattina di birra e offrirne un bicchiere a Omar.

"No, il barattolo andrà bene: immagino che sia il fratello di tua Kerrie, allora?" osservò Omar con un sorriso.

“Sì, siamo in due, io sono il maggiore”

"Non ti ho visto in giro?"

“No, lavoro fuori casa, quindi non sono qui così spesso!” Paul ha mentito, sapendo che non usciva mai così tanto.


“Mi dispiace lasciarti così, dovevo fare un salto di sopra. Paul si prende cura di te?»

“Sì, abbiamo appena parlato, gli ho detto che non lo vedevo in giro per la città. Mi ha informato che è molto via per lavoro.

Kerrie si è resa conto delle implicazioni che si è rivolto a Omar, ma non ha chiesto cosa.



Lunedì mattina le ragazze erano dappertutto in ufficio per Kerrie, chiedendo i dettagli della data.

“Beh che dire, sì è andata bene, però pensavo che almeno uno di voi mi avrebbe illuminato sulla sua taglia?”

Nessuno sembrava voler rivelare queste informazioni, anche se molti avevano sperimentato il dilemma, ma solo a loro vantaggio, perché conosciamo la gratificazione che avevano ottenuto dal suo fare l'amore, alcuni più di altri. E per quanto riguarda le dimensioni della sua virilità, tutti pensavano di averne avuto di più grandi, ma non avevano voglia di dirlo!

"Tuttavia, d'altra parte, ho un vantaggio su tutti voi!" Kerrie sorrise nella nebbia.

«E allora cosa potrebbe essere?» Interrogata una delle ragazze più grandi.

"Quanti di voi hanno avuto una vergine?" Per qualche istante nessuno diede un accenno di risposta. "Beh, sto per avere il mio molto presto!" Ha continuato.

“Se è vergine; allora avrà ancora il pannolino!” La ragazza che aveva parlato prima ridacchiò.

«Al contrario, ha venticinque anni!»

“Venticinque ed ancora vergine! È molto difficile da credere. Voglio dire, dov'è stato per tutta la vita, sei fortunato di questi tempi se riesci a trovarne uno con più di quattordici anni?

Le ragazze hanno interrogato Kerrie per il resto della giornata per scoprire chi fosse questo suo nuovo ragazzo, senza alcun risultato.



Fu il venerdì sera successivo che Kerrie decise di cogliere l'occasione con Paul, i suoi genitori sarebbero stati fuori, così come David, lui era sempre in giro i venerdì sera erano le sette prima che lei lo avesse avuto tutto per sé, la prima cosa da fare era farsi una bella doccia, poi si sarebbe vestita per l'occasione con il suo completo da compleanno.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta per sfuggire ai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve le afferrò le braccia e vide sul viso un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane, avevo solo 23 anni, ancora un bambino da parte degli Elfstander, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stata risparmiata a causa della mia bellezza naturale e venduta come schiava anni dopo sono finita nei terreni di mezzo dove un ricco uomo della tribù...

880 I più visti

Likes 0

Foto di Laura

Vedevo Laura di tanto in tanto da un paio d'anni, nel migliore dei casi eravamo amici del cazzo, e nel peggiore dei casi passavamo settimane senza parlarci. Eravamo di nuovo insieme da un po' quando Laura chiamò e si autoinvitò quella sera. Laura era eccezionalmente calda, lunghi capelli biondi, occhi azzurri, corpo sodo, abbronzatura tutto l'anno, bel seno coppa B e una figa rasata che adoravo mangiare. Di solito quando Laura veniva dopo il lavoro portava con sé un vestito sexy e si vestiva per me, occasionalmente le facevamo delle foto in vari stati di vestizione e svestizione che salvavamo e...

667 I più visti

Likes 0

La vendetta di Daniel, parte 2

La vendetta di Daniel, parte 2 Karen era immobile mentre si riprendeva dall'orgasmo. La voce che la prendeva in giro sulla vulnerabilità del suo corpo alla stimolazione e sul fatto che avrebbe avuto più orgasmi. Che la disprezzava a non finire. Questo mostro!! Approfittando di lei in quel modo! Sapeva che era naturale che il suo corpo reagisse in quel modo al vibratore. Sapeva di essere stata violentata. Ma come può essere che questo demone possa desiderare che sia piacevole per lei. Vigliacco! pensò tra sé. Ancora una volta sentì dei movimenti alle sue spalle. Cosa potrebbe succedere dopo? Daniel tornò...

1.4K I più visti

Likes 0

Gli assassini senza mira, capitolo 1

Il barista era un uomo pesante. Aveva un viso rotondo e carnoso con occhi piccoli e un naso grosso. In quel momento era continuamente infastidito da una mosca, che evidentemente era molto affezionata al suo naso. Apparentemente il bar era vuoto con alcuni ballerini che dondolavano in giro aspettando l'inizio della serata. Alcuni avevano già clienti ed erano impegnati a soddisfare le loro esigenze. La mia testa ha smesso di girare quando ho visto una ballerina in un angolo. Indossava un reggiseno di seta blu scuro con pantaloncini abbinati. La sua pelle d'avorio brillava alla luce delle luci. Aveva un'espressione nervosa...

488 I più visti

Likes 0

Nato di nuovo parte 2

Alle tre abbiamo ricominciato e Marie ha portato fuori il brandy. Roy disse: Un barilotto di whisky e un buon drink sarebbero più adatti a questo pantano. Va bene, ragazzi, avete il vostro brandy, lasciatemi pensare, e mentre pensavo, mamma e Mary risero vedendo uscire il blocco stenotico e le palline di carta cadere sul pavimento come pioggia. Marie e Mary raccolsero le palle e si guardarono scuotendo la testa e dissero: Non può, non lo farebbe. Ho finito e sono tornato al tavolo Mary ha detto: Mio marito, non puoi, saremo famosi ma non in senso positivo. Ho detto: Sono...

2.1K I più visti

Likes 0

Le feste della porta accanto

Storia di Fbailey numero 777 Le feste della porta accanto Crescendo, la mia famiglia viveva proprio accanto a una taverna selvaggia. La mamma ha cercato di classificarlo chiamandolo bar, ma il cartello diceva Taverna. La nostra vecchia recinzione stava cadendo a pezzi, quindi una primavera ho aiutato papà a installarne una nuova. Il miglior prezzo per la recinzione della privacy era per sezioni alte un metro e mezzo. Non sarebbe servito a mio padre, ma finanziariamente ha ceduto. Quello che ha deciso è stato di alzarlo a diciotto pollici da terra. In questo modo solo persone alte sette piedi potevano guardarci...

2.8K I più visti

Likes 0

Capo cheerleader

Era il calcio di venerdì sera e la nostra squadra del liceo ha appena perso una partita molto combattuta. Vedi, io sono la capo delle cheerleader e il mio ragazzo Jim è il quarterback e il capitano della squadra. Sembra stereotipato ma questo è il liceo. Beh, era decisamente deluso perché ha lanciato il passaggio sbagliato che avrebbe potuto vincere la partita ma l'ha messo a terra 5 piedi davanti al suo migliore amico e in coda alla squadra in end zone. Volevo tirarlo su di morale davvero tanto. Usciamo da più di un anno ormai, da quando eravamo junior. Mi...

1.4K I più visti

Likes 0

Voyeur Madre

Mio fratello Josh ed io eravamo sul pavimento a giocare a Scarabeo con Luis e Isabella Gomez a casa loro. La signora Gomez era strana. A volte si sedeva sul divano e ci guardava con un bicchiere di succo d'arancia, in cui tutti sentivamo l'odore della vodka. I suoi vestiti erano sempre notevoli. A volte indossava pantaloni attillati e una camicetta fluttuante, a volte indossava un vestito con una gonna a ruota - del tutto inappropriato per bussare alla casa. E i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere neri, erano biondi ma più tendenti all'arancione. Portava sempre un rossetto sgargiante. Izzy...

1K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: capitolo 35

Per coloro che non hanno letto Queen Yavara: Adrianna's Story, ne ho incluso una sinossi di seguito. La storia era un racconto che descriveva in dettaglio la trasformazione e l'evoluzione del personaggio di Adrianna e comprendeva i capitoli dal 28 al 34. Sinossi della storia di Adrianna Adrianna impiega le sue abilità di comandante per governare la popolazione selvaggia di tribù e immigrati Ardeni. Si guadagna il loro rispetto attraverso una brutale dimostrazione di forza e, a sua volta, dimostra agli altri ibridi di essere capace di essere governante, anche se è riluttante a farlo. Ci sono altri sette ibridi che...

691 I più visti

Likes 0

Katie e Giovanni

Kathy sapeva che doveva sbrigarsi, Craig, l'amico di suo marito, la stava aspettando di sotto in cucina. Si voltò e guardò ancora una volta nello specchio a figura intera il costume che indossava alla festa di lavoro quella sera. Suo marito da dieci anni, John, ultimamente aveva lasciato cadere accenni poco sottili sulla sua vecchia uniforme scolastica, chiedendosi ad alta voce se sarebbe riuscita ancora ad indossarla dopo due figli. Con sua grande gioia, Kathy poteva ancora infilarsi nella gonnellino pieghettato, anche se i suoi fianchi e le sue cosce erano appena un po' aperti. Per completare l'effetto della scolaretta cattiva...

532 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.